Navigation – Plan du site
Varia

Ville e vici della valle del Carapelle (Puglia settentrionale)

Approcci integrati allo studio dei paesaggi di età romana
Roberto Goffredo, Vincenzo Ficco et Chiara Costantino

Résumés

Nell’ambito del progetto di ricerche sistematiche sui paesaggi archeologici della valle del Carapelle tra Ausculum (Ascoli Satriano – FG) e Herdonia (Ordona – FG), si inserisce l’analisi di due importanti siti campione di età romana : la villa individuata in località Sedia d’Orlando e il vicus di località Fontana di Rano. Lo studio di entrambi gli insediamenti si caratterizza per l’integrazione tra le informazioni d’archivio e quelle raccolte a seguito delle indagini di superficie, i dati derivanti dalle prospezioni geomagnetiche e quanto emerso dall’analisi della documentazione aerofotografica verticale ed obliqua disponibile per l’area in esame. Nello specifico, la villa di età imperiale e tardoantica di località Sedia d’Orlando è assegnabile al tipo architettonico ed organizzativo della villa urbano-rustica di medio-grandi dimensioni, con impianto quadrangolare a struttura compatta, serrata successione di vani residenziali (settore orientale) e spazi destinati alle attività produttive ed artigianali strettamente connessi ai primi (settore occidentale). Quanto al vicus di età imperiale e tardoantica di località Fontana di Rano, si tratta di un insediamento di significativa estensione (circa 12 ha) e dalla complessa articolazione, poco distante dal corso del torrente Carapelle, a ridosso di un bosco e di una sorgente naturale, e attraversato da un tratto di un percorso di collegamento secondario tra i centri di Ausculum e Herdonia. I dati sinora acquisiti si riferiscono esclusivamente ad una porzione limitata dell’intera area interessata dall’abitato. Le tracce aerofotografiche ed il magnetogramma restituiscono, tuttavia, l’immagine di un agglomerato insediativo strutturatosi a ridosso dell’asse viario la cui presenza avrebbe condizionato la distribuzione e gli orientamenti dei singoli edifici.

Haut de page

Notes de la rédaction

Alcune parti di questo articolo sono state riprese e ampliate in un articolo riguardante il sito di Fontana di Rano pubblicato su Siris, 12, 2012, p. 23-52.

Notes de l’auteur

Gli Autori ringraziano il prof. Giuliano Volpe, la prof.ssa Marina Silvestrini, la dott.ssa Maria Turchiano e la dott.ssa Elisabetta Todisco per l’interesse e le preziose indicazioni con cui hanno accolto i risultati del lavoro qui presentato.

Texte intégral

  • 1 La direzione del progetto è di G. Volpe, che ringrazio per l’attenzione ed il supporto con cui segu (...)
  • 2 Per gli scavi di Faragola si vedano Volpe – De Felice – Turchiano 2005a, 2005b, 2005c, 2006; Volpe (...)
  • 3 Sul progetto « Valle del Carapelle » si vedano Goffredo – Volpe 2006; Goffredo – Ficco 2010.

1Le ricerche sistematiche nella valle del Carapelle, condotte dall’Area di archeologia del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia1, si sono avviate nel 2006 a seguito dei primi scavi dell’importante complesso rurale di Faragola2, nei pressi dell’abitato di Ascoli Satriano (Foggia) ; il progetto di studio diacronico dei paesaggi archeologici della valle è stato innanzitutto espressione della necessità di contestualizzare il rinvenimento rispetto agli assetti ed alle forme del popolamento antico del comprensorio circostante, alle modalità di gestione della terra, ai sistemi di relazione tra siti, infrastrutture ed ambiente3.

2In questo senso le ricognizioni sistematiche effettuate, tra il 2006 ed il 2011, all’interno di unità territoriali campione con estensione complessiva di circa 40,4 km² (fig. 1), hanno fornito dati di estremo interesse per la ricostruzione delle dinamiche insediative che, tra l’Età Arcaica e l’Altomedioevo, caratterizzarono il settore della valle disteso tra Ascoli Satriano (antica Ausculum) e Ordona (antica Herdonia).

Fig. 1 - La valle del Carapelle tra Ausculum e Herdonia : le aree indagate.

Fig. 1 - La valle del Carapelle tra Ausculum e Herdonia : le aree indagate.
  • 4 Goffredo 2010-11.

3Ulteriori apporti conoscitivi sono quindi derivati dall’integrazione tra le informazioni raccolte a seguito delle indagini di superficie e quanto emerso dall’analisi della documentazione aerofotografica verticale ed obliqua disponibile per l’area in esame : a tale riguardo, i percorsi di ricerca sinora intrapresi hanno consentito soprattutto di verificare e puntualizzare le ricostruzioni dei tre reticoli centuriati individuati sulla sponda sinistra del Carapelle, con particolare riferimento ai moduli adottati, gli orientamenti, le estensioni e le reciproche attribuzioni4.

  • 5 Goffredo 2006.

4Anche lo studio delle morfologie dell’insediamento rurale ha sinora tratto notevoli vantaggi dalla possibilità di affiancare, all’analisi dell’evidenza di superficie, la ricchezza di dettagli visivi offerta dalle riprese aeree oblique : ampia è infatti la documentazione relativa alle unità abitativo-produttive di medie e grandi dimensioni (fattorie e ville) presenti nella valle, per le quali, non di rado, si dispone di dettagliate rappresentazioni planimetriche derivate dalla mappatura delle tracce riscontrate5.

5La caratterizzazione tipologica dei siti necessita tuttavia di approfondimenti al fine di approdare ad una lettura più completa delle strutture sepolte e, laddove possibile, ad una definizione funzionale degli spazi. Per queste ragioni, il progetto ha recentemente previsto l’avvio di un programma sistematico di prospezioni geomagnetiche da effettuare su siti campione per i quali già si disponga di un inquadramento crono-tipologico elaborato sulla base delle caratteristiche delle aree di dispersione dei manufatti o delle anomalie aerofotografiche rilevate.

6È questo il caso dei due insediamenti considerati in questo contributo : l’uno, una villa di età imperiale e tardoantica, in località Sedia d’Orlando ; l’altro, un vicus di età tardoantica, in località Fontana di Rano. Entrambi i siti sono stati individuati tramite ricognizione aerea, quindi verificati sul campo, infine, nell’autunno 2010, sottoposti ad indagini geomagnetiche.
(R.G.)

Il contesto della ricerca

Il contesto topografico

7Il torrente Carapelle scorre tra il Subappennino Daunio ed il Mare Adriatico solcando un’ampia e fertile valle che è testimonianza di antiche e ben più cospicue portate.

  • 6 De Felice 2000, p. 215-230.

8È tuttavia difficile stabilire, in assenza di ricerche mirate ed approfondite, quale siano state le variazioni subite dal corso del torrente attraverso i secoli, sino al conseguimento della fisionomia attuale : i numerosi paleoalvei ed i meandri abbandonati visibili in fotografia aerea attestano, per il tratto disteso tra i centri di Ascoli Satriano ed Ordona, un’articolazione della rete idrografica antica sensibilmente diversa da quella odierna. Non meno significative risultano, inoltre, le indicazioni fornite dallo studio delle strutture superstiti del ponte che consentiva alla via Traiana di superare il Carapelle e procedere verso Herdonia6. Il lungo viadotto scandito da arcate, i cui ruderi distano ormai più di un chilometro dall’alveo del fiume, poteva infatti garantire un sicuro attraversamento delle acque fluviali anche a fronte di rapidi cambiamenti di corso, esondazioni o impaludamenti : eventi evidentemente assai frequenti per fiumi, come quelli della Daunia, caratterizzati da un regime con forti alternanze stagionali.

9Le indagini condotte, i cui risultati sono presentati in questa sede, hanno riguardato una porzione circoscritta del ben più ampio comprensorio territoriale definito dalla valle fluviale. Si tratta, infatti, delle contrade di Sedia d’Orlando e Fontana di Rano, site ad E dell’attuale corso del Carapelle, quasi ai limiti nord-orientali del territorio comunale di Ascoli Satriano, di fatto equidistanti (circa 6 km) dai due centri di Ausculum e Herdonia : dal punto di vista morfologico, l’area si configura come un’ampia fascia pedecollinare che digrada dolcemente verso il fiume.

  • 7 Rosario 1899. In riferimento a Sedia d’Orlando si veda, in particolare, quanto riportato a p. 11 : (...)
  • 8 P. Rosario 1899, p. 174: « da un lato ancor resta la così detta Sedia d’Orlando di fattura reticola (...)

10È singolare constatare come, nella percezione contadina locale, proprio questo settore della valle sia considerato come il più ricco di « cose antiche », testimonianze di un passato solitamente non capito, di fatto indecifrabile ma pronto a riemergere ad ogni nuova aratura ; sarebbe tuttavia superficiale considerare tale percezione del tutto priva di fondamento. Già alla fine dell’Ottocento, ad esempio, il medico e storico ascolano Pasquale Rosario aveva segnalato come frequenti fossero i rinvenimenti, effettuati a Sedia d’Orlando (fig. 2), di « rottami, pietre ammonticchiate e tombe antichissime »7, avvenuti in zona a seguito dei lavori agricoli ; non meno interessanti appaiono, inoltre, i riferimenti alla cosiddetta Sedia, il misterioso rudere in opera reticolata che Rosario erroneamente considerava come l’unica evidenza strutturale superstite della stazione di posta di Ad Pirum8.

Fig. 2 - Sedia d’Orlando : inquadramento topografico.

Fig. 2 - Sedia d’Orlando : inquadramento topografico.
  • 9 Mazzei – Mertens 1990.

11In effetti, il monumento noto come « la Sedia d’Orlando » è l’unica evidenza archeologica tuttora visibile nell’area considerata : si tratta di un mausoleo funerario a tamburo cilindrico, con paramento murario in opera reticolata, poggiante su basamento quadrangolare in opera incerta9, a soli 600 m a SE dal sito della villa indagata.

12Anche la località Fontana di Rano (fig. 3), sita a meno di un chilometro di distanza da Sedia d’Orlando, si estende sulla sponda destra del Carapelle. In questo luogo la carta topografica IGM segnala la presenza di una sorgente naturale, con annesso pozzo, denominata Fontana di Rano ; allo stesso modo, Rane è il toponimo con cui, ancora oggi, si designa il complesso dei fondi ubicati nelle vicinanze della medesima sorgente.

Fig. 3 - Fontana di Rano : inquadramento topografico.

Fig. 3 - Fontana di Rano : inquadramento topografico.
  • 10 Caracuta-Fiorentino 2009, p. 717-723.

13L’area in esame, posta a raccordo tra il versante settentrionale delle colline di Mezzana la Terra e quello occidentale delle colline di Pozzo Zingaro, si presenta pianeggiante, con una sensibile pendenza verso NO ovvero verso la piana fluviale. Quale ulteriore elemento di caratterizzazione topografica di questa porzione della valle, occorre infine menzionare la presenza, a circa 400 m a S della sorgente, nelle immediate vicinanze della masseria Selva San Giacomo, di un ristretto residuo di querceto caducifoglie, comunemente noto con il nome di Boschetto10.

  • 11 Rosario 1899, p. 147 : « ma non solo due ve ne erano (i.e. Ausculum e Herdonia) : una terza fuvvi e (...)

14È ancora una volta l’opera erudita di Pasquale Rosario a fornire interessanti notizie su questa contrada del territorio comunale di Ascoli Satriano. Qui, secondo lo storico locale, sarebbe sorta un’antica città, le cui vestigia evidentemente risultavano ancora ben visibili alla fine del XIX secolo11 ; nonostante la fantasiosa ipotesi sulla localizzazione nell’area in esame della misteriosa città di Rane, le annotazioni dello studioso ascolano costituiscono comunque un’attestazione importante sulla presenza, l’estensione, la ricchezza delle testimonianze archeologiche restituite dal settore della valle compreso tra il Boschetto, Fontana di Rano e Sedia d’Orlando.
(R.G.)

Il contesto archeologico

  • 12 Per la bibliografia sul sito di Faragola si veda supra.

15Le potenzialità storiche e archeologiche della valle del Carapelle, palesatesi pienamente in conseguenza del più recente sviluppo di indagini sia stratigrafiche che di superficie, legate soprattutto alle esigenze dettate dalla tutela preventiva del suo patrimonio, trovano una loro eccezionale conferma nella scoperta del sito individuato in località Faragola12 (fig. 4).

Fig. 4 - Ascoli Satriano, loc. Faragola : veduta aerea della villa.

Fig. 4 - Ascoli Satriano, loc. Faragola : veduta aerea della villa.

16Le campagne di scavo qui condotte dall’Università di Foggia a partire dal 2003 hanno portato alla scoperta di una ricca ed estesa residenza di età romana e tardoantica, sorta nella stessa area di un preesistente nucleo insediativo di età daunia (V-III sec. a.C.) e rioccupata in età altomedievale da un articolato abitato (VII-IX sec. d.C.). Nello specifico, limitatamente alle fasi di età romana e tardoantica, all’impianto di una fattoria o di una villa della prima-media età imperiale, su cui si dispone di ridotte informazioni, fece seguito l’istallazione di una villa di grandi dimensioni databile tra il III e il IV secolo, dotata di un atrio associato ad un ampio peristilio, oltre che di un nucleo termale. Tale villa fu parzialmente abbandonata per lasciare il posto ad una successiva residenza rurale vissuta tra V e VI secolo, la cui realizzazione previde l’edificazione di una cenatio lussuosamente decorata, con stibadium in muratura, e la ristrutturazione e l’ampliamento del precedente balneum, anch’esso caratterizzato da decorazioni di particolare pregio.

  • 13 Bonora Mazzoli – Rezzonico 1990; Morizio 2007.
  • 14 Volpe 2000; Volpe – Strazzulla – Leone 2008.

17Lo studio dei due insediamenti di Sedia d’Orlando e di Fontana di Rano si inserisce nell’ambito di una più ampia analisi sull’evoluzione dei paesaggi pluristratificati della valle del Carapelle tra età romana e tardoantica (fig. 5), un lungo periodo in cui il comprensorio conobbe intense e complesse vicende insediative scandite da quelle delle contermini civitates di Ausculum13 e di Herdonia14.

Fig. 5 - Evoluzione del popolamento nella valle del Carapelle tra Romanizzazione e Altomedioevo.

Fig. 5 - Evoluzione del popolamento nella valle del Carapelle tra Romanizzazione e Altomedioevo.
  • 15 Marchi 2008; Grelle 2008. In riferimento alla battaglia del 279 a.C. tra Pirro e l’esercito romano, (...)

18Sulla scorta dei dati editi e inediti al momento disponibili, la prima età della romanizzazione fu segnata da un forte processo di riorganizzazione e di contrazione dei centri indigeni di Ascoli Satriano e di Ordona, con l’abbandono di parte dei vasti e diffusi agglomerati preesistenti, cui si affiancarono, già dal V sec. a.C., case isolate a carattere sparso : la loro sensibile esplosione tra la fine del IV e il III sec. a.C. fu capillare, dai rilievi e terrazzi sub-collinari sino a raggiungere il fertile fondovalle, forse indotta dalla crescita demografica e dalla nascita delle realtà protourbane ascolana ed erdonitana15.

  • 16 Le fonti tacciono sul coinvolgimento di Ausculum nella guerra annibalica, che resta ipotizzabile, b (...)
  • 17 Sulle centuriazioni ascolane si veda Lib. col. 1.210.10-13, L; 2.260.18-22, L; sui complessi proble (...)

19Le forme di occupazione pregresse si dissolsero progressivamente solo nel corso del II-metà I sec. a.C. con la fine insediativa di tutti i villaggi di IV-III sec. a.C. e con la comparsa di numerose unità abitativo-produttive di medie e piccole dimensioni, lasciando spazio ad una visione verosimilmente poco destrutturante del comprensorio a seguito del conflitto annibalico16. È questa una fase in cui anche nella valle, a prevalente vocazione cerealicola, si assiste alla diffusione delle colture arboree ed arbustive specializzate e, forse, dell’allevamento ad ampio raggio. Senza dubbio, la rilevante presenza di fattorie è in parte da imputare all’impulso all’istallazione di nuovi siti generato dall’esistenza nell’ager Ausculinus e nell’ager Herdonitanus di sistemi di centuriazioni, entro le cui maglie non di rado risultano essere coerentemente inseriti ; realizzate successivamente alle riforme agrarie graccane, le limitationes occuparono porzioni di ager publicus populi Romani ampliatosi a seguito delle confische punitive di settori dei territori dei due centri della valle in età post-annibalica17.

  • 18 App., B.c. 1.52 attesta le devastazioni del territorio di Ausculum dell’89 a.C. ad opera del pretor (...)
  • 19 Sul municipio ascolano : Silvestrini 2005, p. 49 e p. 185-186, n. 2. Sul municipio erdonitano: Silv (...)

20All’indomani della guerra sociale18 e del processo di municipalizzazione che investì le civitates di Ascoli Satriano e di Ordona19, tra la fine dell’età repubblicana e la prima età imperiale (fine I sec. a.C.-inizi I sec. d.C.) si manifestano radicali trasformazioni negli assetti del popolamento della valle. Tali cambiamenti risultano essere intimamente collegati alla nascita di ville di significativa ampiezza e articolazione, accompagnata dalla formazione di estese tenute terriere e dallo sviluppo di una solida ed evoluta economia di scambio ; nel comprensorio, tuttavia, non sembrano scomparire gli insediamenti di più modeste entità, forse in parte connessi ai più grandi complessi gestionali-residenziali e, al contempo, probabili indicatori della persistenza della piccola proprietà contadina.

  • 20 Morizio 2007; Silvestrini 2005, p. 50-51 e p. 182-185, n. 1; p. 44-46.
  • 21 Alvisi 1970; Ceraudo 2008.

21La media età imperiale (II-III sec. d.C.) non fa registrare sostanziali cambiamenti del modello insediativo precedente. Importanti dati si ricavano dall’analisi della documentazione epigrafica ascolana ed erdonitana, da cui si evince il consolidamento degli interessi fondiari nella valle di grandi famiglie dell’aristocrazia romana quali quelle dei Babullii, degli Scipiones Orfiti, degli Eggi Marulli, dei Graecidii, dei Nummii Attidii Seneciones, dei Betitii, dei Publilii Patruini, dei Metilii e dei Brutii20. È questo il periodo in cui l’intero comprensorio, inoltre, fu oggetto di interventi volti ad una profonda risistemazione della viabilità terrestre : si pensi, a riguardo, alla via Traiana e alla via Herdonitana, assi stradali che diedero nuova linfa ai rapporti tra i centri urbani della valle e le campagne circostanti e che garantirono la possibilità di inserimento del comprensorio nelle direttrici proiettate verso i grandi traffici transmarini21.

  • 22 Goffredo – Ficco 2010, p. 49-52.

22La quasi totalità dei siti occupati durante la prima e media età imperiale sopravvisse nel corso dell’età tardoantica (IV-VI sec. d.C.), periodo a cui si attribuiscono processi economico-produttivi e fenomeni insediativi che accomunano il comprensorio ad altri contesti territoriali coevi dell’Apulia : larga diffusione della cerealicoltura ; monumentalizzazione e ampliamento di alcune delle ville preesistenti, che assunsero il ruolo di centri direzionali delle massae fundorum ; continuità di vita delle unità abitativo-produttive di medio-piccole dimensioni ; riemersione delle forme di abitato aggregato, i vici, con funzioni di centri di raccolta della popolazione contadina locale e di luoghi di mercato e di immagazzinamento della produzione agricola, spesso dotati di quartieri deputati alle attività artigianali22.

  • 23 Ficco 2012; sull’abitato altomedievale di Faragola si veda Volpe et alii 2009.

23Il quadro così evidenziato entrò definitivamente in crisi alla fine del VI secolo. Tuttavia, i dati archeologici mostrano come la lenta, debole ma progressiva ripresa del popolamento rurale della valle a seguito della cesura ascrivibile alla fine dell’età tardoantica possa aver preso le mosse già a partire dal VII secolo, anticipando il limite cronologico dedotto dalle fonti documentarie, fissato a non prima del secolo successivo. Tale ipotesi troverebbe una solida conferma nello scavo dell’articolato abitato altomedievale di Faragola che, sorto alla fine del VI secolo rioccupando la precedente villa tardoantica, dispose sia di vani residenziali che di unità abitative, magazzini e strutture artigianali. L’immagine del paesaggio della valle delineabile tra i decenni conclusivi del VI e l’VIII secolo sembra ridimensionare, dunque, quella consolidata dagli studi storici, in cui dominano scenari di abbandoni generalizzati delle campagne nel corso della prima età longobarda23.

24Il IX secolo marca l’inizio di una nuova pagina nella storia del comprensorio, segnata dalle incursioni saracene e dalla successiva riorganizzazione politica, amministrativa e insediativa bizantina : una storia ad oggi lacunosa, su cui solo gli sviluppi delle ricerche future potranno fare maggiore chiarezza.
(V.F.)

Analisi della documentazione aerofotografica ed interpretazione delle tracce

25Lo studio delle fotografie aeree disponibili per i siti presi in esame ha costituito un mezzo assai efficace ai fini dell’inquadramento tipologico di entrambi i complessi rurali e di una più dettagliata comprensione delle rispettive articolazioni planimetriche. In particolare, sono stati analizzati i fotogrammi storici IGM del 1954-1955, le ortofoto del 2000, 2004 e 2005, le fotografie oblique realizzate durante le annuali campagne di ricognizione aerea della Puglia settentrionale dal Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi del Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Foggia.

26Occorre senza dubbio precisare, preliminarmente all’esposizione dei risultati dello studio aerotopografico, che le riprese verticali e le ortofoto, in virtù dell’elevato fattore di scala della rappresentazione, si sono rivelate utili soprattutto per la contestualizzazione degli insediamenti indagati e per la valutazione della progressiva trasformazione dei paesaggi rurali ed antropici locali ; al contrario, l’esame delle fotografie aeree oblique, realizzate sorvolando il territorio a bassa quota, ha consentito di acquisire dati determinanti per la caratterizzazione tipologica dei due siti.

Il sito di Sedia d’Orlando

27A circa 900 m a NE della masseria Sedia d’Orlando, nella parte centrale del pianoro, le riprese aeree oblique documentano, con sufficiente chiarezza, tracce (cropmarks di tipo negativo, fig. 6) riferibili ad un edificio a pianta rettangolare, orientato in senso SO-NE, dalla struttura chiusa e compatta, con ambienti distribuiti intorno a spazi verosimilmente aperti (A, 89 x 56 m circa).

Fig. 6 - Sedia d’Orlando : restituzione grafica delle anomalie visibili nelle fotografie aeree oblique.

Fig. 6 - Sedia d’Orlando : restituzione grafica delle anomalie visibili nelle fotografie aeree oblique.

28Il settore nord-occidentale del complesso (A1) sembrerebbe essere qualificato dalla presenza di un peristilio di cui, tuttavia, non è possibile cogliere lo sviluppo complessivo (circa 29 x 44 m) ; evidenti, invece, sono le tracce dei cubicula, di superficie media compresa tra circa 23 e 35 m², aperti verso l’ala settentrionale del probabile porticato, di cui meglio si colgono il braccio occidentale e quello meridionale (circa 5 m di larghezza). Il peristilio è affiancato a E-NE da un comparto ben riconoscibile del corpo di fabbrica principale, a pianta rettangolare (A2, circa 27,5 x 30 m), i cui lati nord-occidentale e meridionale sono occupati da nuclei di ambienti contigui e anch’essi di forma rettangolare ; tali ambienti sembrerebbero circoscrivere uno spazio di superficie equivalente a circa 285 m², di cui resta imprecisabile l’interpretazione. Le anomalie che connotano il settore meridionale dell’edificio risultano essere meno visibili e rendono poco definito il quadro dell’articolazione interna degli spazi (A3). Si distinguono, in particolare, una coppia di vani rettangolari e paralleli localizzati nell’angolo sud-occidentale, e un ambiente di dimensioni pari a circa 11,5 x 15 m, posto immediatamente a S del peristilio ; tra la prima e il secondo, due modesti vani si affacciano a N su un’ipotetica corte di circa 11 x 8,5 m. Lungo il lato esterno del muro perimetrale occidentale del complesso si riconoscono due modeste strutture quadrangolari, la cui fisionomia suggerirebbe l’identificazione con torrette. A S e a SE dell’edificio descritto, sono inoltre leggibili almeno due ulteriori corpi di fabbrica, a pianta approssimativamente rettangolare, con orientamenti divergenti e caratterizzati da tracce di ripartizioni interne (B, di circa 185 m² ; C, di circa 225 m²), cui forse si aggiunge un solo ipotizzabile terzo fabbricato, mal ricostruibile (D).

29A circa 200 m a S ed a circa 315 m a SE dell’edificio denominato A, cropmarks di tipo positivo determinano tracce lineari parallele (distanza media compresa tra 2 e 4 m), orientate secondo direttrici differenti, che potrebbero documentare pratiche colturali pregresse. Un nucleo di tracce puntiformi riferibili a coltivazioni arboricole, allineate lungo assi orientati in senso SO-NE e reciprocamente distanti circa 12 m, è localizzato a circa 100 m a NE dell’estrema porzione settentrionale del complesso rurale ; tali tracce sembrerebbero in parte intercettare fossati circolari, uno di circa 28 m e l’altro di circa 15 m di diametro, forse afferenti ad un’area insediativa di tipologia e cronologia non precisabili.

30Infine, immediatamente a NO dell’angolo nord-occidentale dell’edificio A, cropmarks di tipo positivo individuano, su una superficie complessiva di circa 500 m², un probabile sepolcreto con tombe a fossa, orientate prevalentemente in senso SO-NE (necropoli 1) ; una seconda area ad uso cimiteriale potrebbe essere riconosciuta, sebbene in maniera dubbia a causa della minore leggibilità delle anomalie ad essa relative, a circa 180 m a E-SE del sito.

Il sito di Fontana di Rano

31Un articolato complesso di cropmarks di tipo negativo (fig. 7), posto a circa 450 m a NE della masseria Selva San Giacomo e a circa 85 m a S-SO della sorgente nota come Fontana di Rano, definisce, seppur in modo non complessivamente chiaro, la planimetria di un edificio compatto e a pianta quadrangolare (A), orientato in senso NNE-SSO (circa 24 x 43 m), con ripartizioni interne relative ad una sequenza di ambienti attigui e rettangolari.

Fig. 7 - Fontana di Rano : restituzione grafica delle anomalie visibili nelle fotografie aeree oblique.

Fig. 7 - Fontana di Rano : restituzione grafica delle anomalie visibili nelle fotografie aeree oblique.

32A circa 16 m a E di tale edificio, sono visibili anomalie riconducibili ad una struttura rettilinea e caratterizzata dal medesimo orientamento (25 m di lunghezza), su cui parrebbero innestarsi perpendicolarmente setti murari ; a O del complesso denominato A sono invece leggibili tracce relative ad almeno tre corpi di fabbrica forse indipendenti, non integralmente ricostruibili (B). Un ulteriore edificio (C), apparentemente isolato, occupa un’area localizzata a circa 35 m a O del complesso A : si tratta di una struttura a pianta rettangolare allungata in senso E-O, al cui interno, in posizione centrale, si distingue un vano quadrato di circa 7 m di lato.

33Anomalie da vegetazione di tipo negativo individuano, inoltre, un quarto nucleo di ambienti (D), posto a circa 110 m a S dell’edificio A ; tali ambienti, lievemente divergenti rispetto all’orientamento di quelli settentrionali e dalla fisionomia solo in parte riconoscibile, risultano essere distribuiti su una superficie pari a circa 1970 m².

34Due anomalie positive, rettilinee e parallele, orientate in senso N-S e sviluppate per una lunghezza complessiva di circa 190 m, sono probabilmente identificabili con i limiti di una strada di larghezza media di 6,5 m, localizzata a circa 35 m a O delle estreme porzioni occidentali dei nuclei di strutture C e D ; di più difficile lettura restano, infine, cropmarks lineari negativi e positivi, visibili a E del nucleo A, la cui interpretazione è al momento non meglio precisabile.
(V.F.)

La ricognizione intensiva

35All’individuazione ed all’analisi delle tracce aerofotografiche relative ai due siti presi in esame ha fatto seguito la verifica delle stesse anomalie mediante ricognizione sistematica di superficie, al fine di individuare eventuali ulteriori nuclei insediativi non leggibili attraverso l’aerofotointerpretazione e, più in generale, di scandire in senso diacronico la sequenza crono-tipologica di entrambi i complessi.

36Il sito di località Sedia d’Orlando è stato oggetto di un’attenta raccolta di un campione del materiale archeologico emergente sul campo : i ricognitori hanno attraversato gli affioramenti di reperti rinvenuti percorrendo strisciate parallele, ad una distanza di circa 3 m l’uno dall’altro. Pertanto, si è deciso di non avvalersi della griglia georeferenziata, orientata in senso SSO-NNE e costituita da quadrati di 20 m di lato (superficie complessiva equivalente a 12 400 m²) ricadenti nella zona in cui sono stati individuati i nuclei di anomalie aerofotografiche denominati A, D e necropoli 1, cui si è fatto ricorso per la sola realizzazione delle indagini geofisiche del complesso.

37Diversamente, per ciò che concerne il sito di località Fontana di Rano, in considerazione dell’impossibilità di un’indagine integrale sia per le sue vaste dimensioni che per la limitata disponibilità di risorse e di tempo, si è optato per una campionatura della superficie dell’insediamento impostando, anche in questo caso, una griglia georeferenziata a maglie quadrate di 20 m di lato (33 600 m² di estensione) ; a tale reticolo, predisposto con un’inclinazione di circa 40° rispetto all’orientamento prevalente delle anomalie leggibili in fotografia aerea, si è quindi fatto riferimento per effettuare sia le prospezioni geomagnetiche che la raccolta del materiale all’interno delle unità di quadrettatura.

Il sito di Sedia d’Orlando

  • 24 La visibilità dei reperti è stata condizionata dal non ottimale grado di leggibilità dei terreni in (...)

38Il sito di Sedia d’Orlando occupa un’area localizzata a circa 625 m a E del Carapelle, caratterizzata dalla presenza di un gruppo di campi contigui e destinati a seminativo, con una lieve pendenza in senso E-O (150 m s.l.m.), ai piedi di un modesto rilievo subcollinare (226 m s.l.m.) che scende a O verso la valle del torrente e sul cui pianoro sommitale è situata la masseria Valle Scodella. Nonostante le non ottimali condizioni di visibilità registrate al momento dell’indagine sul campo24, è stato comunque possibile sia stimare l’estensione complessiva della villa, pari a quasi 4 ha, sia riconoscere la presenza di tre distinte aree di materiale di superficie (fig. 8).

Fig. 8 - Sedia d’Orlando : localizzazione delle aree di reperti affioranti in superficie.

Fig. 8 - Sedia d’Orlando : localizzazione delle aree di reperti affioranti in superficie.

39L’affioramento in corrispondenza del quale sono stati identificati, mediante aerofotointerpretazione, gli edifici denominati A, B, C e D e la necropoli 1 (a, circa 2,1 ha), ha restituito laterizi (non di rado con difetti di cottura), dolia e macine frammisti a frammenti fittili ascrivibili a produzioni ceramiche databili tra la prima età imperiale e l’età tardoantica ; si segnala, tuttavia, la totale assenza di reperti attribuibili al settore residenziale del complesso rurale quali frammenti di marmo, tessere lapidee e in pasta vitrea, intonaco dipinto. A circa 100 m a O della concentrazione di manufatti descritta è stato individuato materiale sporadico (sia laterizi che ceramica) distribuito omogeneamente lungo l’intera superficie (b, circa 1,3 ha) ; un terzo nucleo di reperti è stato riconosciuto, infine, a circa 110 m a E del primo, caratterizzato dalla quasi esclusiva presenza di laterizi, da ricondurre verosimilmente alla presenza di una necropoli (c, circa 0,4 ha).

Il sito di Fontana di Rano

40La ricognizione di superficie dell’insediamento individuato in località Fontana di Rano ha previsto due diverse fasi di indagine. Una prima ispezione è stata condotta preliminarmente all’analisi infra-sito, con l’obiettivo di saggiare le potenzialità archeologiche del complesso rurale, di verificare l’affidabilità delle informazioni ad esso relative desunte dai dati bibliografici disponibili, di documentare e localizzare eventuali strutture antiche sopravvissute e di definire la massima estensione del sito.

  • 25 Il medesimo strumento è stato impiegato per la delimitazione degli affioramenti di reperti relativi (...)

41Le indagini hanno consentito di riconoscere un’area di reperti affioranti sul campo assai estesa, pari complessivamente a circa 12 ha (fig. 9), i cui limiti sono stati puntualmente rilevati in campagna mediante l’uso di un ricevitore satellitare portatile Leika GS2025.

Fig. 9 - Fontana di Rano : localizzazione delle aree di reperti affioranti in superficie.

Fig. 9 - Fontana di Rano : localizzazione delle aree di reperti affioranti in superficie.

42L’insediamento si sviluppa su una superficie a carattere prevalentemente pianeggiante, connotata da un dislivello poco accentuato in senso S-N (da 250 a 225 m s.l.m.), occupando un nucleo di terreni che gravita nell’area circostante la sorgente naturale denominata Fontana di Rano, fino a comprendere il declivio occidentale delle colline di Pozzo Zingaro-la Ventolosa (265 m s.l.m.) prossimo al limitrofo querceto.

  • 26 Per la valutazione della densità del materiale di superficie è stata adottata una scala graduata di (...)

43Entro tale vasta superficie, nel corso delle indagini sono state identificate e localizzate più aree di concentrazione di manufatti che, seppure con difficoltà legate all’elevata quantità di reperti, sono risultate distinguibili sulla base di una valutazione empirica e soggettiva della densità del materiale26.

  • 27 L’insediamento si estende a S e a SO fino al limite N del bosco, occupando l’area centro-orientale (...)
  • 28 Quadrati F2, F3, F4, F5, G2, G3, G4, G5, H2, H3, H4, H5, H6, I2.
  • 29 Quadrati A9, A10, A11, B9, B10, B11.

44Dei diversi affioramenti di reperti riconosciuti, l’analisi di superficie infra-sito ha tuttavia riguardato esclusivamente quelli rilevati in corrispondenza delle anomalie aerofotografiche27. Alla prima fase di lavoro ha dunque fatto seguito la raccolta dei manufatti entro 20 degli 84 quadrati complessivamente impostati (8 000 m², equivalenti a circa il 6,7 % della superficie totale del sito), a ciascuno dei quali è stato assegnato un codice alfanumerico identificativo, analogamente adottato anche per le prospezioni geofisiche ; nello specifico, sono stati ispezionati 14 quadrati localizzati in corrispondenza dei nuclei di cropmarks di tipo negativo A e B e della zona immediatamente a E del complesso A28, e 6 quadrati coincidenti con il nucleo meridionale di tracce visibili nelle fotografie aeree, denominato D29 (fig. 10).

Fig. 10 - Fontana di Rano : localizzazione dell’area dell’insediamento sottoposta a raccolta per quadrati dei materiali di superficie e alle prospezioni geofisiche.

Fig. 10 - Fontana di Rano : localizzazione dell’area dell’insediamento sottoposta a raccolta per quadrati dei materiali di superficie e alle prospezioni geofisiche.
  • 30 Mušič et alii 2000; Pasquinucci – Trément 2000; Campana – Francovich 2005; Campana – Piro 2009.

45La scelta di condurre le indagini in tali settori del sito è maturata al fine di rispondere alle esigenze dettate dall’analisi integrata dei dati desunti dallo studio delle anomalie aerofotografiche, dei risultati ricavabili dalla magnetometria e di quelli delle ricognizioni intensive di superficie, allo scopo di chiarire meglio l’organizzazione spaziale del campione indagato, di dettagliare la destinazione funzionale dei diversi comparti di cui esso si compone e di fissarne fasi di contrazione e di espansione insediativa30.

  • 31 Mattingly 2000; Millett 2000b.

46Al momento delle indagini, il campo investigato si presentava arato, offrendo condizioni di visibilità uniformemente ottimali. Sono stati raccolti tutti i reperti ceramici, i frammenti di vetro, di marmo, di metallo, di intonaco e le tessere musive ; sono invece stati lasciati sul campo gli spezzoni di laterizi, solo pesati, e i dolia, le macine, gli scarti e le scorie di produzione, per la cui quantificazione si è proceduto sia alla pesatura che al conteggio dei frammenti31.

47Per la documentazione in campagna è stata elaborata, inoltre, un’apposita scheda analitica, suddivisa in più voci e compilata per ogni quadrato investigato (fig. 11).

Fig. 11 - Scheda di documentazione per quadrato.

Fig. 11 - Scheda di documentazione per quadrato.

48La gestione informatica dei dati georeferenziati relativi alle ricognizioni effettuate è stata resa possibile mediante l’elaborazione di un progetto GIS in cui sono confluite le informazioni archeologiche acquisite, consentendo, inoltre, di integrarle e di confrontarle agevolmente con i risultati provenienti dall’aerofotointerpretazione e dalle prospezioni geofisiche.

49Nel corso delle indagini sul campo sono stati complessivamente raccolti 5 905 frammenti ceramici, con una densità media di 0,73 reperti per m² (0,010 kg/m²), che suggerisce un livello di concentrazione dei manufatti piuttosto elevato ; il dato va letto parallelamente a quello altrettanto significativo pertinente ai laterizi, con una densità media pari a 0,320 kg/m², indice di un sensibile livello di frammentarietà da porre verosimilmente in stretta connessione con una pesante attività di distruzione delle stratigrafie verticali.

  • 32 CCA = ceramica comune acroma; CF = ceramica da fuoco + ceramica da fuoco steccata; VN = ceramica a (...)

50La ceramica è stata suddivisa in classi, per ciascuna delle quali è stato contato il numero dei frammenti e calcolato il peso, i cui relativi dati quantitativi mostrano, in percentuale, una sostanziale coincidenza, con oscillazioni mediamente limitate32 (fig. 12).

Fig. 12 - Tabella dei frammenti ceramici raccolti all’interno dei quadrati.

Fig. 12 - Tabella dei frammenti ceramici raccolti all’interno dei quadrati.
  • 33 Millett 2000a.

51L’affidabilità dei dati su indicati e dei risultati che qui di seguito si espongono, tuttavia, va considerata con estrema cautela dovendo tener conto degli effetti post-deposizionali legati a fattori meccanici e climatici cui i reperti rinvenuti sono stati sottoposti nel tempo ; tali fattori, infatti, oltre a determinare assemblaggi di materiali eterogenei sia per tipologia che per cronologia, devono aver verosimilmente agito tanto sul grado di conservazione dei manufatti quanto sulla coerenza spaziale tra gli affioramenti di superficie e i depositi archeologici ancora sepolti33.

52I laterizi (fig. 13), frequentemente associati ad elementi lapidei non lavorati e a conci prevalentemente sbozzati e squadrati, coprono l’intera superficie in cui l’aerofotografia e la magnetometria hanno rivelato la presenza di strutture : la stretta aderenza tra i picchi di densità di tegole, coppi e mattoni ed evidenze conservate nel sottosuolo è ben leggibile, in particolare, in corrispondenza dell’angolo SE del nucleo d’indagini meridionale (quadrato A9) e nell’estrema fascia centro-orientale di quello settentrionale (quadrati G2, G3, H2, H3, I2).

Fig. 13 - Carta di distribuzione dei laterizi sulla base dei valori di densità.

Fig. 13 - Carta di distribuzione dei laterizi sulla base dei valori di densità.
  • 34 I risultati preliminari dello studio sui frammenti ceramici rinvenuti sono presentati in Goffredo – (...)

53Lo studio dei reperti ceramici raccolti ha consentito di documentare, per l’insediamento di Fontana di Rano, un’occupazione di lungo periodo, cronologicamente inquadrabile tra l’età repubblicana e gli inizi dell’VIII secolo (figg. 14, 15, 16, 17)34.

Fig. 14 - Tabella riassuntiva delle classi ceramiche raccolte entro i quadrati sottoposti a raccolta intensiva.

Fig. 14 - Tabella riassuntiva delle classi ceramiche raccolte entro i quadrati sottoposti a raccolta intensiva.

54Nella tabella sono stati esclusi i frammenti delle classi ceramiche comprese nella voce ALTRO della fig. 12, pari a 25 frr.

Fig. 15 - Carta di distribuzione dei frammenti di ceramica da fuoco e comune (acroma e dipinta).

Fig. 15 - Carta di distribuzione dei frammenti di ceramica da fuoco e comune (acroma e dipinta).

Fig. 16 - Carta di distribuzione dei frammenti di ceramica a vernice nera, sigillata italica, sigillata africana e LRCW.

Fig. 16 - Carta di distribuzione dei frammenti di ceramica a vernice nera, sigillata italica, sigillata africana e LRCW.

Fig. 17 - Carta di distribuzione di dolia, anfore, macine, scarti di argilla, scorie metalliche.

Fig. 17 - Carta di distribuzione di dolia, anfore, macine, scarti di argilla, scorie metalliche.
  • 35 Tale interpretazione va tuttavia letta non senza considerare la possibilità di una sovra-rappresent (...)
  • 36 Sulla circolazione delle merci in Apulia si veda Annese 2006; De Stefano 2006; Volpe et alii 2007; (...)

55Esigui frammenti assegnabili a produzioni databili tra la fine del IV secolo a.C. ed il I sec. d.C., il cui numero ridotto non è escluso si debba imputare ad una meno invasiva distruzione delle stratigrafie più antiche, sono stati rinvenuti in corrispondenza del settore settentrionale e di quello meridionale dell’area indagata (ceramica a vernice nera nei quadrati A10, B9, F4, H2 ; sigillata italica nei quadrati F3, F4, G2, G4) : sebbene non sia possibile avanzare interpretazioni sufficientemente verosimili, è tuttavia probabile che tali evidenze possano essere riferite alla presenza di distinte aree insediative non meglio precisabili, di cui solo quella nord sembrerebbe aver conosciuto una fase di frequentazione sino alla prima età imperiale. Al contrario, l’analisi congiunta dei dati quantitativi e delle carte di distribuzione dei frammenti ceramici riconducibili a classi attestate tra la media età imperiale e la Tarda Antichità, documenta con estrema chiarezza come proprio in questa fase, in particolare tra IV/V e il VI secolo d.C.35, il sito avesse conosciuto la sua massima espansione ed articolazione nella forma riconducibile a quella di un vicus : gli indicatori utilizzati per la definizione della cronologia relativa a tali fasi di frequentazione dell’insediamento sono rappresentati dalle ceramiche fini da mensa d’importazione africana con le produzioni C e soprattutto D, dalle anfore, dalle sigillate orientali LRCW e dalle ceramiche comuni di probabile produzione locale36.

  • 37 Cfr. Goffredo – Ficco – Casoli 2012, p. 42-43.

56Inoltre, l’accurato esame delle ceramiche da mensa e da dispensa, acrome o dipinte, e di quelle da fuoco, ha consentito il riconoscimento di tipi e forme attribuibili al periodo compreso tra la fine del VI e gli inizi dell’VIII secolo, da porre in connessione con il più tardo episodio insediativo del sito37 ; al momento resta ignota la natura tipologica che contraddistinse l’insediamento in età altomedievale, alla cui comprensione potranno concorrere soltanto future e più approfondite indagini archeologiche.

57Per quanto concerne la caratterizzazione funzionale dell’abitato, interessanti considerazioni possono essere formulate sulla base della valutazione di alcune tipologie di reperti individuati sul campo. Il rinvenimento di frammenti di marmo, di elementi architettonici modanati, di intonaco dipinto e di mattoni circolari da colonna, documentati esclusivamente in corrispondenza dei quadrati localizzati nell’estrema porzione orientale del settore N della griglia (quadrati I2, H2, G2, F2), potrebbe segnalare la presenza di spazi residenziali qualificati da un modesto apparato decorativo.

58Bene attestati risultano essere, invece, gli indicatori di attività artigianali e di trasformazione-stoccaggio delle derrate alimentari. A tal proposito, è senza dubbio significativo notare come sia stato possibile registrare una puntuale corrispondenza topografica tra i punti di fuoco rilevati dalle prospezioni geofisiche nel comparto meridionale della quadrettatura di riferimento e alle estremità nord-orientale e sud-occidentale di quello settentrionale della griglia stessa, e le numerose concentrazioni di scorie di riduzione del ferro rinvenute sul campo (quadrati A9, B10, H2 e F5) : è possibile pertanto supporre l’esistenza, nei settori dell’insediamento indicati, di officine dedite allo svolgimento di attività metallurgiche. Tale correlazione non si manifesta, invece, nelle aree in cui sono stati individuati gli scarti d’argilla, maggiormente concentrati nell’angolo sud-orientale del reticolo di celle indagato a N (quadrati F2, G3), lasciando qui ipotizzare la presenza di fornaci per la cottura di prodotti ceramici o di laterizi.

59Il rilevante numero di anfore, diffuse su tutta la superficie sottoposta a ricognizione, insieme ai frammenti di dolia che, in misura minore, risultano essere localizzati in particolar modo lungo la fascia meridionale del nucleo di quadrati settentrionale (quadrati F2, F3, F5), documentano l’esistenza di ambienti deputati alla conservazione di prodotti agricoli quali vino e olio ; le attività di lavorazione delle derrate sembrano invece concentrate, oltre che nel settore di indagini investigato a S (quadrati A10, B9, B10, B11), anche nella fascia meridionale di quello posto a settentrione (quadrati F2, F3, F4, F5), come si evincerebbe dalla dislocazione dei frammenti di macine in pietra lavica rinvenuti.
(V.F.)

Le prospezioni geofisiche

  • 38 Sulle prospezione geofisiche in archeologia e sull’importanza dell’integrazione con altre tecniche (...)

60La necessità di approfondire la conoscenza dei due contesti in esame attraverso l’integrazione dei risultati derivanti dall’applicazione di diagnostiche non distruttive diversificate, ha reso indispensabile il ricorso alle prospezioni geomagnetiche, estremamente efficaci ai fini della puntualizzazione delle informazioni sulla natura, sull’articolazione planimetrica, sullo spessore dei depositi sepolti38.

61Per lo svolgimento dell’indagine è stato utilizzato un magnetometro fluxgate (modello FM 256 della Geoscan Research) con configurazione gradiometrica mentre la rilevazione dei dati sul campo è stata effettuata entro griglie di quadrati con lato pari a 20 x 20 m ed orientamento SSO-NNE.

  • 39 Come per il caso del sito di Sedia d’Orlando, anche per quello dell’insediamento di Fontana di Rano (...)
  • 40 Le procedure di processamento standard utilizzate sono state, a seconda dei vari casi: clip, Zero M (...)

62L’acquisizione è stata effettuata per profili paralleli, posti ad una distanza reciproca di 1 m, con intervallo di misurazione di 0,5 m e sensitività dello strumento impostata a 0,1 nT ; con questo assetto sono stati pertanto percorsi, per ogni quadrato, 20 profili, su ognuno dei quali sono state effettuate 40 misurazioni per un totale di 800 letture39. I dati raccolti sono stati quindi processati mediante il software Geoplot 3.040 ed implementati, sotto forma di magnetogrammi, all’interno della piattaforma GIS predisposta per la gestione, la visualizzazione e l’interpretazione di tutte le informazioni acquisite nel corso dello svolgimento delle indagini.

Il sito di Sedia d’Orlando

63L’indagine magnetometrica sul sito di Sedia d’Orlando ha riguardato un’area complessiva di 1,24 ha ovvero 31 quadrati contigui di 20 x 20 m, per un totale di 24 800 misurazioni : si tratta, di fatto, di una porzione corrispondente a poco più di un quarto dell’estensione generale del sito, al cui interno ricadono interamente il corpo di fabbrica principale dell’insediamento (edificio A) e l’area sepolcrale estesa immediatamente a O-NO di tale edificio (necropoli 1), identificati a seguito dell’analisi delle riprese aeree oblique.

64Ad una preliminare valutazione del magnetogramma è possibile innanzitutto evidenziare come le strutture archeologiche sepolte risultino segnalate da un complesso coerente di anomalie caratterizzate da trends, spessori e polarità omogenei.

65In particolare, anomalie lineari negative definiscono l’articolazione delle mura perimetrali dell’intero edificio mentre valori negativi più contenuti caratterizzano le anomalie riferibili ai muri divisori degli ambienti interni : in entrambi i casi, valutata anche la composizione del pattern di superficie, è possibile ipotizzare che tali strutture fossero realizzate impiegando prevalentemente materiale lapideo. Al contrario, numerose anomalie puntuali qualificate da alti gradienti positivi, isolate o ravvicinate all’interno dell’edificio, potrebbero segnalare la presenza di punti di fuoco o, più genericamente, aree sottoposte a stress termici.

66L’integrazione delle informazioni prodotte dall’analisi delle fotografie aeree con i risultati restituiti dall’ispezione magnetometrica mostra con chiarezza come essa abbia portato ad un notevole incremento della quantità e della qualità dei dati a disposizione per un’interpretazione più organica del contesto in esame.

67Le anomalie rilevate, dunque, se da un lato sembrano confermare quanto già evinto dallo studio foto interpretativo in merito ai parametri dimensionali ed all’articolazione planimetrica complessiva dell’edificio A, dall’altro forniscono maggiori dettagli sull’organizzazione e la suddivisione interna dei vani e sulla possibile destinazione funzionale degli stessi. È stato possibile, pertanto, elaborare un’ipotesi ricostruttiva del corpo di fabbrica che è approdata al riconoscimento di tre settori ben distinti (figg. 18, 19, 20).

Fig. 18 - Sedia d’Orlando : magnetogramma dei dati elaborati.

Fig. 18 - Sedia d’Orlando : magnetogramma dei dati elaborati.

Fig. 19 - Sedia d’Orlando : interpretazione e mappatura delle anomalie magnetiche di interesse archeologico.

Fig. 19 - Sedia d’Orlando : interpretazione e mappatura delle anomalie magnetiche di interesse archeologico.

Fig. 20 - Sedia d’Orlando : restituzione grafica complessiva delle tracce di interesse archeologico rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica.

Fig. 20 - Sedia d’Orlando : restituzione grafica complessiva delle tracce di interesse archeologico rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica.
  • 41 La labilità delle anomalie non consente di ipotizzare con più certezza la presenza di absidi per al (...)

68L’indagine geofisica condotta nell’area denominata A1 ha consentito una lettura più precisa di alcuni cubicula dislocati nell’angolo NO del peristilio porticato del complesso : si tratta di tre vani affiancati41 seguiti, procedendo verso E, da un piccolo ambiente quadrangolare, sporgente rispetto al perimetro definito dai muri perimetrali dell’edificio ed interessato da una forte anomalia magnetica interna. È forse plausibile ipotizzare, per la particolare ubicazione del vano ed il dato magnetico, che esso ospitasse una fornace impiegata per il riscaldamento degli ambienti adiacenti, verosimilmente parte di un piccolo impianto termale.

69Un altro vano quadrangolare (6 x 5,7 m), non visibile in fotografia aerea e dalla funzione incerta, risulta invece localizzato nell’angolo tra il portico meridionale e occidentale del peristilio ; di difficile interpretazione risulta inoltre il piccolo ambiente individuato all’esterno del muro perimetrale occidentale dell’edificio A, con accesso diretto dal portico.

70Nel settore denominato A2 sarebbe forse da riconoscere la pars urbana della villa : la lettura del magnetogramma di tale area appare, tuttavia, compromessa dalle anomalie dipolari registrate in corrispondenza del tracciato di una moderna condotta idrica metallica interrata che, come visibile anche nelle fotografie aeree, attraversa interamente il contesto indagato con orientamento SO-NE.

71Per quanto concerne infine l’area denominata A3, la porzione occidentale appare come un nucleo quadrangolare caratterizzato dalla presenza di numerosi ambienti in serrata successione, forse funzionali alle attività produttive ed artigianali della pars rustica della villa.

72Due vani a pianta rettangolare con significativo sviluppo longitudinale, localizzati nell’angolo sud-occidentale del settore e visibili anche in fotografia aerea, potrebbero essere stati utilizzati come depositi di derrate, al pari di altri due ambienti, analoghi per forma e dimensioni, individuati immediatamente a N dei precedenti e di un probabile piccolo cortile quadrangolare interno.

73Allo stesso modo, nella porzione orientale del settore A3, un piccolo spazio non coperto potrebbe aver consentito il raccordo tra due grandi ambienti rettangolari, al cui interno sono state rilevate forti anomalie da stress termico riconducibili forse alla presenza di fornaci.

74Dati interessanti derivano anche dalle indagini condotte nell’area esterna all’edificio A, estesa a NO ed a SO dei muri perimetrali del corpo di fabbrica.

75Un’anomalia lineare negativa, orientata in senso SE-NO e affiancata a S da un’area con valori positivi, risulta localizzata in corrispondenza dell’angolo nord-occidentale del complesso A e potrebbe segnalare la presenza di un tracciato stradale di accesso alla struttura. A NO dell’edificio, infine, anomalie negative puntuali, concentrate ed estremamente ravvicinate individuano l’area di necropoli (necropoli 1) già localizzata tramite fotointerpretazione delle riprese aeree oblique.

Il sito di Fontana di Rano

  • 42 Pur avendo impostato la quadrettatura sull’intero campo in cui ricade il sito, per motivi di tempo, (...)

76L’indagine magnetometrica dell’insediamento di Fontana di Rano ha interessato un’area suddivisa in 48 griglie per una superficie totale di quasi 2 ha (19 200 m²), al cui interno sono state effettuate 38 400 misurazioni42.

77L’analisi del magnetogramma prodotto a seguito delle prospezioni è risultata, tuttavia, poco agevole a causa della scarsa leggibilità delle anomalie rilevate ; tale disturbo è certamente da imputare alle condizioni del terreno, registrate durante il periodo di realizzazione delle indagini (arato in profondità), e alla sua superficie non perfettamente pianeggiante.

78Le prospezioni (figg. 21, 22, 23) hanno rilevato, nel settore settentrionale della porzione indagata, un’area con valori positivi caratterizzata da un significativo sviluppo longitudinale (lunghezza pari a circa 73 m, larghezza di circa 4 m) ed orientata in senso SO a NE ; lungo i suoi margini, assecondandone l’orientamento, sembrano coerentemente disporsi numerose tracce pertinenti a edifici distinti, in parte già individuati con maggiore chiarezza sulle riprese aeree del sito.

Fig. 21 - Fontana di Rano : magnetogramma dei dati elaborati.

Fig. 21 - Fontana di Rano : magnetogramma dei dati elaborati.

Fig. 22 - Fontana di Rano : interpretazione e mappatura delle anomalie magnetiche di interesse archeologico.

Fig. 22 - Fontana di Rano : interpretazione e mappatura delle anomalie magnetiche di interesse archeologico.

Fig. 23 - Fontana di Rano : restituzione grafica complessiva delle tracce di interesse archeologico rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica.

Fig. 23 - Fontana di Rano : restituzione grafica complessiva delle tracce di interesse archeologico rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica.

79È verosimile riconoscere, in tale area longitudinale, un asse viario il cui tracciato non appare più leggibile a S dell’edificio denominato A, mentre a N sembrerebbe articolarsi in due diverticoli distinti : uno diretto verso NO, l’altro verso NE. Non è, inoltre, da escludere la possibilità che anche le strutture localizzate a S dell’area indagata (D) fiancheggiassero la medesima strada, come si evincerebbe dalla loro distribuzione topografica e dalla coerenza di orientamenti.

80Rispetto a quanto già emerso dall’analisi fotointerpretativa, alle prospezioni magnetiche si deve l’individuazione di tre corpi di fabbrica non visibili in termini di cropmarks. Il primo di essi emerge per intensità del segnale e particolarità della pianta : si tratta di una struttura quadrata con lati di quasi 9 m e labili tracce di ripartizioni interne, affacciato, ad O, sull’asse stradale descritto. All’interno dell’edificio, così come lungo i suoi limiti perimetrali, si dispongono, in maniera regolare, anomalie fortemente positive pertinenti a punti di fuoco : la prossimità della struttura ad aree che hanno restituito scorie metalliche e scarti di fornace lascia presupporre una sua identificazione con un impianto artigianale.

81A N di tale evidenza è localizzato un corpo di fabbrica a pianta pressoché quadrata, con i lati di poco più di 10 m e suddiviso all’interno in due ambienti rettangolari affiancati e orientati in senso O-E ; dall’angolo NO dell’edificio si diparte, inoltre, per circa 9 m in direzione della strada un’anomalia identificabile con una struttura muraria.

82Il terzo edificio, scarsamente definibile nella sua planimetria complessiva, è ubicato a N del probabile punto di snodo dell’asse viario ; le anomalie più evidenti si riferiscono al muro perimetrale settentrionale, di lunghezza valutabile pari a circa 13 m, in relazione al quale sembrano disporsi, perpendicolarmente, piccoli setti divisori. Anche in questo caso, i numerosi punti di fuoco rilevati all’interno della struttura inducono a ritenere che essa fosse funzionale allo svolgimento di attività artigianali.
(C.C.)

Il paesaggio delle ville e dei vici nella valle del Carapelle

83L’adozione di approcci diversificati ma integrati allo studio dei paesaggi archeologici della Daunia ha accresciuto la possibilità di penetrare, anche attraverso l’impiego di procedure d’indagine non distruttive, nella complessità delle articolazioni degli insediamenti, delle reciproche relazioni, delle dinamiche di interazione tra spazio vissuto e spazio utilizzato.

84Per quanto concerne i due contesti presi in esame, le ricerche sinora condotte hanno consentito di acquisire informazioni utili per l’ampliamento e l’arricchimento dei quadri sintetici preliminari su dinamiche e modalità del popolamento rurale di età romana e tardoantica della valle del Carapelle ; al contempo, esse offrono un valido supporto alla formulazione di valutazioni tipologiche delle forme insediative rurali che trovano ampi confronti con contesti-modello di riferimento, documentati all’interno ed al di fuori del comprensorio territoriale oggetto di studio.

  • 43 Sulla definizione di villa urbano-rustica si veda Sfameni 2006, p. 11-12, in particolare la nota 19 (...)
  • 44 Varro. Rust. 1, 2, 10; 1, 4, 1; 1, 13, 6; 3, 3; 3, 4, 1; 13, 6-7.
  • 45 Colum. 1, 6, 1-20.

85A questo proposito, l’insediamento indagato in località Sedia d’Orlando sembrerebbe potersi ascrivere al tipo architettonico ed organizzativo della villa urbano-rustica43 con impianto quadrangolare, serrata successione di vani residenziali e spazi destinati alle attività produttive ed artigianali strettamente connessi ai primi. Un organismo complesso nella planimetria e nelle funzioni : tanto distante dalla fattoria produttiva con pars urbana modesta nell’impianto e negli arredi, quanto prossimo al modello della residenza rurale descritta da Varrone44 e da Columella45.

86Dal punto di vista dell’articolazione topografica e funzionale (fig. 20), è possibile ritenere che la parte orientale dell’edificio (A1 e A2) costituisse il settore residenziale e d’otium della villa, qualificato dalla presenza di un peristilio rettangolare dalle ragguardevoli dimensioni (44 x 29 m), che di fatto fungeva da raccordo tra gli spazi di vita ed il paesaggio circostante : è, infatti, suggestiva l’ipotesi che l’ala settentrionale del deambulatorio porticato, per la peculiare ubicazione rispetto al sistema dei percorsi e degli accessi ai vani, fosse aperta verso la valle.

87Appare plausibile, al contrario, individuare la pars rustica e fructuaria della villa nella serie di ampi vani rettangolari e spazi verosimilmente privi di coperture localizzati ad O del peristilio (A3) : è, d’altra parte, questa l’area in cui le prospezioni magnetiche hanno registrato molteplici anomalie prodotte da stress termici pregressi, forse riconducibili a punti di fuoco o piccole fornaci.

  • 46 Le recenti indagini archeologiche condotte nel suburbium di Roma ed in Etruria, a partire dallo sca (...)
  • 47 Le evidenze archeologiche relative ad insediamenti rurali interpretabili come ville di fine III-II (...)

88Risulta problematico stabilire, allo stato attuale delle conoscenze46, se il modello della villa di medie-grandi dimensioni, a struttura compatta, con pars rustica e lussuosa pars urbana, probabilmente documentato in altri contesti territoriali dell’Italia centro-meridionale già a partire dal II secolo a.C.47, non risultasse del tutto estraneo ai coevi paesaggi rurali della Daunia (fig. 24).

Fig. 24 - Le ville romane di San Vito di Salpi (Trinitapoli), Barvagnone (Cerignola) e Torre degli Embrici (Rionero in Vulture).

Fig. 24 - Le ville romane di San Vito di Salpi (Trinitapoli), Barvagnone (Cerignola) e Torre degli Embrici (Rionero in Vulture).
  • 48 Volpe 1990, p. 53-54, p. 174-182, n. 390.

89Si pensi, ad esempio, al complesso di San Vito di Salpi, oggetto di scavi ascientifici condotti negli anni Cinquanta dello scorso secolo, che sacrificarono irrimediabilmente molte informazioni e determinarono la dispersione dei reperti rinvenuti48. La villa presentava un’articolazione planimetrica complessa, con atrio, peristilio, viridarium porticato e settore residenziale caratterizzato da una ricca decorazione architettonica e parietale ; la pars rustica, separata dagli ambienti destinati al dominus, era dotata di impianti funzionali all’olivicoltura specializzata. La residenza rurale risulta tradizionalmente attribuita ad un periodo compreso tra la metà del II secolo a.C. ed il I secolo a.C., con ben poche certezze soprattutto sul primo riferimento cronologico.

  • 49 Pacilio 2006.

90Più recente è il fortuito rinvenimento, in località Barvagnone, a circa 15 km a NE di Cerignola, delle strutture riferibili ad un’altra villa costruita nel corso della seconda metà del II secolo a.C. e abbandonata alla fine del I secolo d.C.49 Sebbene lo scavo abbia riguardato solo un settore estremamente limitato della ben più ampia area interessata dal complesso, è stato comunque possibile ricostruire l’organizzazione planimetrica della villa di cui si segnala la parte residenziale, qualificata dalla presenza di un impianto termale con frigidarium, tepidarium e caldarium. Purtroppo le poche note pubblicate sullo scavo non consentono di verificare la puntualità delle attribuzioni cronologiche.

  • 50 Nava – Cracolici – Fletcher 2005.
  • 51 La realizzazione del settore termale della villa si ascriverebbe al periodo compreso tra la fine de (...)

91Anche della coeva villa indagata in località Torre degli Embrici50, nei pressi di Rionero in Vulture, è noto esclusivamente il balneum, articolato in tepidarium e caldarium pavimentato in cocciopesto ornato da un mosaico policromo ; il complesso avrebbe quindi conosciuto una significativa continuità di occupazione sino al IV secolo d.C.51.

92Il complesso di Sedia d’Orlando sarebbe più tardo : l’analisi dei reperti ceramici rinvenuti in loco induce, infatti, a datare l’edificazione della villa al periodo compreso tra la fine del I secolo a.C. e il I secolo d.C.

  • 52 A partire dalla seconda metà del I secolo a.C., il sistema delle ville di medie e grandi dimensioni (...)

93È questa, d’altra parte, la fase storica a cui è possibile ascrivere la capillare diffusione in Daunia delle ville, quale esito concreto del lento processo evolutivo degli assetti e delle strutture insediative rurali che raggiunse la sua piena esplicazione tra il II secolo d.C. e la Tarda Antichità, in analogia con quanto riscontrato in altri contesti territoriali della Puglia e dell’Italia meridionale52.

94Nonostante le gravi lacune ravvisabili negli apporti conoscitivi forniti da indagini raramente sistematiche ed estensive, i dati disponibili per una valutazione storico-archeologica di tale trend insediativo evidenziano con estrema chiarezza l’entità e la portata regionale del fenomeno.

  • 53 Per la media valle dell’Ofanto si segnalano le ville di Leonessa e San Nicola nei pressi di Melfi ( (...)
  • 54 Romano – Volpe 2005; Romano 2006.
  • 55 Ceraudo – Ferrari 2010.

95Alla prima età imperiale si data la fondazione di gran parte delle ville dislocate lungo il medio ed il basso corso del fiume Ofanto : i risultati prodotti da limitati e ristretti interventi di scavo non consentono, purtroppo, di comprendere le peculiarità planimetriche ed architettoniche dei complessi edilizi indagati che, tuttavia, risultano accomunati dalla presenza di una pars urbana in cui l’emergere della luxuria trova riscontro negli ambienti residenziali dotati di pavimentazioni musive e nei vani delle terme private53. Fasi di occupazione databili a partire dalla fine del I secolo a.C. risultano, quindi, documentate anche per le numerose ville individuate, tramite ricognizione di superficie o survey aereo con successiva verifica sul campo, nell’ampio settore del Tavoliere disteso tra i centri di Aecae, Luceria ed Arpi54 : tra queste si segnala il complesso recentemente scavato in località Muro Rotto, a circa 8 km ad E dall’abitato di Troia, e caratterizzato dalla tipica articolazione a peristilio ed atrio quadrato, con cubicula di piccole dimensioni e belvedere panoramico di forma circolare con due absidi opposte lungo la circonferenza55.

  • 56 Della villa di Piano di Carpino-Avicenna è noto, in parte, il quartiere termale, organizzato verosi (...)

96Non meno significativa l’attestazione di residenze urbano-rustiche lungo le coste del promontorio garganico, dal Lago di Lesina sino a Santa Maria di Merino e di qui verso la piana costiera di Sipontum56 (fig. 25).

Fig. 25 - Ville urbano-rustiche lungo le coste del promontorio garganico.

Fig. 25 - Ville urbano-rustiche lungo le coste del promontorio garganico.
  • 57 Goffredo – Ficco 2010, p. 43-46.

97È sempre la villa, infine, l’unità insediativa caratterizzante i paesaggi rurali della valle del Carapelle tra il I secolo d.C. ed il IV-V secolo d.C.57 : anche in questo caso, la lacuna conoscitiva prodotta dall’assenza di un adeguato supporto all’interpretazione delle evidenze di superficie, è stata in parte colmata dal ricorso all’analisi delle riprese aeree disponibili (fig. 26 e 27).

Fig. 26 - Carta di distribuzione delle ville di età romana della valle del Carapelle.

Fig. 26 - Carta di distribuzione delle ville di età romana della valle del Carapelle.

Fig. 27 - Le ville romane della valle del Carapelle : restituzione grafica delle tracce aerofotografiche.

Fig. 27 - Le ville romane della valle del Carapelle : restituzione grafica delle tracce aerofotografiche.

Elab. di V. Ficco.

  • 58 Goffredo – Volpe 2006, p. 239-242.
  • 59 L’analisi dei reperti ceramici rinvenuti durante la ricognizione del sito, ha consentito di ipotizz (...)

98Per articolazione degli spazi ed estensione merita di essere menzionata la villa sita in località Posta Carrera58, sui pianori collinari che delimitano a NO la valle. Afferente verosimilmente all’ager Herdonitanus, inserito con coerenza di orientamenti entro la maglia della centuriazione distesa a NO di Herdonia, il complesso sorse nel corso dell’età augustea con un impianto a corpo centrale di pianta rettangolare e dimensioni di circa 70 x 30 m59 ; la planimetria della residenza padronale non sembra discostarsi da quella tipica ad atrium circondato da cubicula, peraltro condivisa dalle coeva villa sita in località Palazzo d’Ascoli, a NO di Ausculum.

  • 60 Per le ricerche condotte a Faragola si vedano i contributi raccolti nel recente volume Volpe – Turc (...)

99Un monumentale peristilio di forma quadrangolare, pavimentato verosimilmente con un mosaico policromo a decorazione geometrica e scandito da pilastri in muratura, dall’estensione complessiva di circa 1 200 m2, qualificava la nota residenza rurale di Faragola60 (fig. 28), a circa 5 km a NE dell’antico abitato di Ausculum.

Fig. 28 - Pianta preliminare della villa di Faragola tra il III ed il IV secolo d.C.

Fig. 28 - Pianta preliminare della villa di Faragola tra il III ed il IV secolo d.C.

Elab. di F. Monaco.

  • 61 Le dimensioni del peristilio della villa di Faragola consentono di collocare la residenza ascolana (...)
  • 62 Nel corso del V secolo il complesso residenziale conobbe radicali trasformazioni planimetriche e fu (...)

100Si tratta dell’unica villa, nel comprensorio in esame, oggetto di scavi sistematici ed estensivi che hanno consentito di ricostruire la storia insediativa del complesso dal primo impianto, ascrivibile alla piena età imperiale, alle profonde ristrutturazioni di età tardoantica, sino all’abbandono alla fine del VI secolo. In particolare, l’ampio cortile porticato61 avrebbe caratterizzato l’articolazione planimetrica del complesso nel corso del IV secolo d.C., prima che imponenti interventi edilizi, ascrivibili al V secolo, ne determinassero la quasi completa obliterazione62.

  • 63 La difficoltà deriva dalla complessa e rapida successione di interventi edilizi pertinenti a fasi c (...)
  • 64 Al settore residenziale della villa di IV secolo d.C. si potrebbero riferire alcuni ambienti solo i (...)

101Al contrario risulta più arduo stabilire quale fosse l’organizzazione topografica dei vani e degli spazi circostanti il peristilio63. È probabile che una funzione di rappresentanza connotasse i grandi ambienti rettangolari, di cui uno absidato, aperti verso l’ala porticata occidentale ; più evanescente appare la planimetria dei vani disposti lungo il braccio settentrionale, attraverso cui era possibile accedere ad un piccolo atrio di forma quadrata, già in uso nella precedente fase di vita della villa. Si può inoltre ipotizzare che ad E del peristilio fosse localizzato il settore residenziale64 e che l’ala meridionale del portico fungesse da raccordo con il complesso del balneum, preesistente agli interventi edilizi tardoantichi ma, in questa fase, ulteriormente ampliato e monumentalizzato.

102In assenza di puntuali indagini di scavo è, dunque, difficile stabilire se la fisionomia della villa di Sedia d’Orlando, messa in luce dalle anomalie rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica, possa essere attribuita al primo impianto della residenza o, come appare più convincente, sia il risultato finale di tutti gli interventi costruttivi di cui il complesso edilizio fu oggetto nel lungo periodo della sua occupazione, dalla prima età imperiale sino alla Tarda Antichità.

103Allo stesso modo i dati attualmente disponibili non consentono di precisare l’estensione e le cronologie di occupazione della piccola necropoli (necropoli 1) individuata a circa 13 m a N della villa : sebbene, infatti, siano ormai molteplici le attestazioni di aree cimiteriali rurali, sviluppatesi all’interno di fundi privati, nei pressi di ville o vici, assai ridotta risulta, nel caso in esame, la distanza tra lo spazio dei morti e le strutture dei vivi.

104A tale riguardo appare, infine, suggestiva l’ipotesi che anche il già citato mausoleo funerario a tamburo cilindrico di età primo imperiale e noto come La Sedia, i cui ruderi sono localizzati a soli 600 m a SE dalla residenza di Sedia d’Orlando, fosse ubicato entro i limiti del fundus di pertinenza della villa e dunque qualificasse, in forme monumentali, uno spazio funerario coevo alla prima fase di occupazione dell’insediamento (fig. 29).

Fig. 29 - Localizzazione della villa di Sedia d’Orlando rispetto al mausoleo funerario noto come « La sedia ».

Fig. 29 - Localizzazione della villa di Sedia d’Orlando rispetto al mausoleo funerario noto come « La sedia ».

105Le dimensioni e la dislocazione topografica delle evidenze di superficie rinvenute durante il survey, le caratteristiche delle tracce visibili in fotografia aerea e, soprattutto, la fisionomia delle strutture rilevate tramite prospezione geofisica inducono, invece, a riconoscere, nell’insediamento individuato in località Fontana di Rano, un vicus dalla significativa estensione (circa 12 ha) e dalla complessa articolazione, sviluppatosi in posizione evidentemente strategica tra gli abitati di Ausculum e di Herdonia (fig. 23).

  • 65 Leveau 2002, p. 272-276.
  • 66 Rorison 2001.
  • 67 Come recentemente ribadito da E. Todisco (Todisco 2012, p. 220), il sostantivo vicus è primariament (...)
  • 68 Cfr. Capogrossi Colognesi 2002, p. 110.

106A fronte dell’ampia varietà di soluzioni e sfumature con cui il termine latino risulta, di volta in volta, tradotto (dal più immediato « villaggio » ad espressioni articolate quali « agglomerato demico », « agglomerato secondario »65, « aggregazione abitativa », « insediamenti raggruppati secondari »66), tutte le locuzioni convergono nel caratterizzare il vicus come luogo di addensamento della popolazione rurale, forma insediativa più articolata e composita della singola unità abitativo-produttiva rurale (fattoria o villa) nella topografia e nelle funzioni67, priva tuttavia dell’articolazione strutturale, sociale nonchè giuridica della città68.

  • 69 In realtà le fonti letterarie non di rado si caratterizzano per una significativa ambiguità semanti (...)
  • 70 Liv. 39, 2, 7; Svet. Nero 5, 1; Varro LL 5, 16.
  • 71 Liv. 2, 62, 3-4.
  • 72 Fest., s.v. vici (L, 502-8).
  • 73 Liv. 22, 49, 13.
  • 74 Varro Rust. 1, 16.
  • 75 Capogrossi Colognesi 2002, p. 229-231.

107In questo senso preziosi si rivelano alcuni riferimenti presenti nelle fonti letterarie che offrono spunti di estremo interesse per una caratterizzazione, pur sempre parziale, delle specifiche forme e fisionomie dei vici69. Ubicati nelle valli, nei campi o lungo le strade70, i vici sono frequentemente descritti come abitati molto popolati71, luoghi d’incontro e di mercato72, privi di fortificazioni73, dotati di strutture residenziali addossate l’una all’altra e di impianti artigianali funzionali alla presenza di professionalità diverse74. Connotati da un’intrinseca ed originaria natura comunitaria, essi si presentavano quale elemento di forte discontinuità all’interno di un paesaggio rurale italico oggetto, al contrario, di una sempre più rapida evoluzione verso forme di popolamento isolato o disperso per aedificia, tecta, casae o villae quale conseguenza indotta dal progressivo diffondersi della proprietà individuale e del modello « urbanocentrico » sviluppato e promosso da Roma75.

  • 76 Tarpin 2002; Todisco 2012.
  • 77 Su questo tema si veda soprattutto il recente volume Todisco 2012.
  • 78 Si vedano le considerazioni espresse in Cantino Wataghin – Fiocchi Nicolai – Volpe 2007, p. 88.
  • 79 Volpe 2004, p. 309-313.

108Nonostante alcuni recenti studi76, condotti sulla base di una rigorosa analisi sistematica della documentazione letteraria ed epigrafica, abbiano notevolmente contribuito ad accrescere le conoscenze sui vici dell’Occidente romano (in merito alla percezione che di essi avevano i contemporanei, al ruolo svolto come forma organizzativa rurale, agli specifici assetti giuridico-amministrativi, al rapporto con i pagi e con i fora e conciliabula77), è tuttavia evidente come il vicus si configuri ancora quale tipologia insediativa dai molteplici aspetti di problematicità78. Poco note appaiono, infatti, le morfologie degli spazi e degli edifici79, le specifiche caratterizzazioni economiche e sociali delle comunità insediate, le dinamiche di interazione con il sistema delle ville e delle civitates : in questo senso, la ricerca archeologica ancora fatica tanto nell’individuazione di contesti-modello da esaminare, quanto nella sistematizzazione dei dati, già disponibili, provenienti dalle ricognizioni o dagli scavi, peraltro ben pochi, di tali insediamenti.

  • 80 Cfr. Volpe 1996, p. 147-156.
  • 81 Si pensi, ad esempio, ai numerosi agglomerati vicani noti a seguito delle indagini sistematiche con (...)

109Emblematico appare proprio il caso dell’Apulia et Calabria dove, a fronte dell’elevato numero di vici noti in quanto segnalati da antichi itinerari80 o individuati tramite prospezioni di superficie, aeree e geofisiche81, solo poche unità sono state oggetto di indagini stratigrafiche, non di rado condotte su aree dall’estensione troppo ristretta per poter produrre risultati significativi.

  • 82 Small 2011.

110Tra queste, senza dubbio, si segnalano le ricerche sistematiche che, in tempi recenti, hanno interessato l’abitato di Vagnari, sito nella valle del Basentello, lungo il tracciato della via Appia, a pochi chilometri da Gravina-Silvium82. Il vicus, sorto nel corso del I secolo d.C. verosimilmente all’interno di un’estesa proprietà fondiaria appartenente al patrimonium principis, conobbe forme articolate e complesse di frequentazione di tipo residenziale ed artigianale sino al tardo V secolo d.C. ; a partire dagli inizi del secolo successivo, il complesso insediativo si avviò verso la progressiva destrutturazione e l’abbandono. Attraverso interventi mirati sulle strutture abitative, su quelle produttive e sull’ampia necropoli adiacente l’abitato, gli scavi di Vagnari hanno consentito di acquisire dati utili non solo per la ricostruzione diacronica della vicenda insediativa del villaggio, ma anche per l’elaborazione di riflessioni sulle soluzioni adottate per l’edilizia residenziale ed artigianale, sulle principali vocazioni produttive dell’insediamento, sulla compagine sociale insediata (status, condizioni di vita, forme del lavoro svolto, dieta alimentare).

  • 83 Rorison 2001.

111Aldilà di illuminanti contributi, occorre tuttavia constatare come, al fine della definizione di quadri conoscitivi più ampi, manchi ancora una puntuale procedura di analisi contestuale e di dettaglio dell’evidenza archeologica riferibile al vicus, che, appositamente strutturata per cogliere le specificità di tale tipologia insediativa, possa consentire di approdare all’elaborazione di classificazioni a supporto dell’interpretazione dei dati ; ed in questa direzione sembrerebbe essersi già mossa la ricerca e la riflessione archeologica sui vici attestati in contesti territoriali extra italici83.

  • 84 L’analisi è stata effettuata nella consapevolezza dei limiti informativi insiti in una documentazio (...)

112Per tali ragioni, si è ritenuto opportuno approdare ad una più puntuale caratterizzazione del sito di Fontana di Rano84 attraverso la valutazione di alcuni macro-parametri di riferimento : ubicazione rispetto alla morfologia del territorio (coste, laghi-lagune, fiumi), alle infrastrutture viarie primarie e secondarie, alla presenza di luoghi aggreganti (siti preesistenti, santuari, aree sacre) ; organizzazione topografica dell’abitato ; caratteristiche, tipologia, ubicazione degli edifici presenti all’interno dell’abitato ; funzione dell’abitato (centro di produzione, centro di distribuzione, centro di mercato, luogo di culto, altro) ; compagine sociale locale.

113Per quanto concerne l’ubicazione, l’abitato può essere senza dubbio annoverato tra i vici sorti nei pressi di un corso fluviale, il torrente Carapelle, in stretta relazione con un tracciato viario che, come rilevato dalle prospezioni geofisiche, attraversava l’abitato in senso N-S.

  • 85 Si tratta della necropoli della prima età imperiale recentemente scavata dalla Soprintendenza per i (...)
  • 86 Gli scavi condotti nei pressi del mausoleo di Sedia d’Orlando consentirono di portare alla luce, im (...)

114È forse verosimile l’ipotesi di riconoscere, nel tratto stradale individuato, parte di un percorso di collegamento tra i centri di Ausculum e Herdonia, alternativo al più diretto tracciato di fondovalle. Se così fosse, dopo aver lambito la necropoli articolatasi a SE dell’antico abitato di Ascoli85, la via avrebbe seguito il tracciato, più collinare, ricalcato dall’odierna strada comunale diretta ad Ordona sino alla località nota come Boschetto per poi piegare, assecondando la naturale conformazione del territorio, verso la piana valliva ; potrebbe, dunque, non essere casuale la disposizione, lungo questa direttrice, dell’abitato di Fontana di Rano, di due fattorie di età romana segnalate in località Cappello Tosto, della villa e del mausoleo funerario di Sedia d’Orlando86 (fig. 30).

Fig. 30 - Ipotesi ricostruttiva del tracciato collinare della via Ausculum-Herdonia.

Fig. 30 - Ipotesi ricostruttiva del tracciato collinare della via Ausculum-Herdonia.

115Appare, al contrario, più arduo stabilire quale fosse l’organizzazione planimetrica complessiva del vicus : i dati sinora acquisiti sono, infatti, parziali e, soprattutto, si riferiscono esclusivamente ad una porzione limitata dell’intera area interessata dall’abitato. Le tracce aerofotografiche ed il magnetogramma restituiscono, tuttavia, l’immagine di un agglomerato insediativo strutturatosi a ridosso dell’asse viario la cui presenza avrebbe condizionato la distribuzione e gli orientamenti dei singoli edifici.

116In relazione a questi ultimi, l’evidenza considerata, costituita da anomalie lineari in gran parte non riconducibili a planimetrie complete, non consente di proporre confronti stringenti. È però possibile richiamare alcuni modelli di riferimento, affini per morfologia ed orizzonte cronologico di pertinenza, cui guardare per una ricostruzione necessariamente ipotetica e perfettibile.

  • 87 Favia – Giuliani 2011, p. 166-171.

117Interessanti analogie inducono, ad esempio, ad accostare i fabbricati di piccole dimensioni a pianta rettangolare, con una o più ripartizioni interne, rilevati a Fontana di Rano, all’edificio A del vicus di Vagnari87, il cui impianto è datato alla metà-fine del IV secolo d.C. La struttura presenta, infatti, una pianta rettangolare compatta ed allungata, scandita in due spazi, con verosimile affaccio verso una strada ; essenziali e rustiche risultano anche le caratteristiche costruttive del fabbricato, con zoccolo in blocchi lapidei privi di finiture, elevato in argilla, tetto ligneo rivestito da materiale fittile, pavimento in terra battuta. Dal punto di vista funzionale, la costruzione si prestava sia ad una frequentazione di tipo abitativo che ad un uso come supporto logistico al ciclo produttivo metallurgico, ben documentato all’esterno dell’edificio.

  • 88 R. Giuliani, nel contributo dedicato all’edificio A di Vagnari, opportunamente richiama, come confr (...)

118Dimensioni contenute, planimetrie quadrangolari semplici, compatte, solitamente a sviluppo longitudinale, con una o più ripartizioni interne sembrerebbero, d’altra parte, configurarsi come cifre distintive di un’edilizia rustica e, in particolare, vicana, ormai ben documentata in molteplici contesti territoriali italici ed extra italici, le cui morfologie vanno ricondotte a specifiche esigenze funzionali piuttosto che alla riproposizione di modelli consolidati88.

  • 89 Favia – Giuliani 2011, p. 216-226.

119Anche per le strutture individuate a NO della strada che attraverserebbe l’abitato di Fontana di Rano, riferibili ad un complesso architettonico (A) unitario, di significativa estensione (1032 m²) e dall’articolata organizzazione dei vani, può rivelarsi utile richiamare quanto documentato a Vagnari in relazione ad cosiddetto edificio B89 ; in questo caso, le affinità non riguardano l’articolazione morfologica dei due fabbricati, quanto la possibilità di riconoscere anche all’interno del vicus di Fontana, la presenza di complesso architettonico, ambizioso per dimensioni e organizzazione spaziale, utilizzato dalla collettività sia come luogo di deposito di beni e derrate, sia come luogo di scambi e transazioni.

  • 90 Frequenti risultano le attestazioni relative alla presenza, all’interno di agglomerati insediativi (...)

120In assenza di indagini di scavo e di indicatori forti, quanto sinora detto sul diverso utilizzo a scopo residenziale, artigianale, funzionale delle evidenze strutturali individuate, è da considerarsi solo come ipotesi di lavoro per futuri approfondimenti delle ricerche. Appare tuttavia molto probabile la dislocazione, nel settore orientale dell’abitato, di impianti dediti alla lavorazione del metallo90 : in questo caso, infatti, l’interpretazione dell’evidenza archeologica trova supporto nella presenza di molteplici anomalie magnetiche riconducibili a punti di fuoco o piccole fornaci, rilevate all’interno di alcuni corpi di fabbrica, nonché nell’elevata densità di scorie ferrose registrata in situ.

121L’abitato di Fontana di Rano si sviluppò, dunque, tra età imperiale e Tarda Antichità, entro le fitte maglie di un paesaggio rurale denso e complesso, in cui grandi proprietà fondiarie e lussuose ville aristocratiche coesistevano al fianco di più contenute forme di appoderamento contadino che trovano chiara traduzione insediativa nelle strutture delle unità abitativo-produttive di piccole dimensioni (le « fattorie »).

122Appare senza dubbio rilevante considerare come la sua scoperta segua, a qualche anno di distanza, quella dell’agglomerato individuato in località Cifre-Sedia d’Orlando, sito a circa 2 km da Fontana di Rano e, soprattutto, a pochi metri dall’alveo del torrente Carapelle (fig. 31).

Fig. 31 - Il vicus di Cifre-Sedia d’Orlando.

Fig. 31 - Il vicus di Cifre-Sedia d’Orlando.

123Anche in questo caso, l’integrazione tra survey autoptico, ricognizioni aeree e prospezioni geofisiche ha consentito di riconoscere, su una superficie complessiva di circa 2 ettari, la presenza di quattro edifici con funzioni ben distinte : due fabbricati risultano gravitare immediatamente a ridosso del fiume e sono caratterizzati dalla presenza di almeno due fornaci ; con estrema chiarezza è, quindi, ben riconoscibile un grande deposito per dolia ; il quarto edificio, infine, per la serrata successione di piccoli vani quadrangolari interni, potrebbe configurarsi quale magazzino.

124Centri di produzione ma anche di consumo, aree per lo stoccaggio e la redistribuzione di derrate e merci, i due vici sinora individuati nel comprensorio in esame costituirono, senza dubbio, elementi portanti nella strutturazione dei locali paesaggi rurali, qualificandosi come punti di riferimento per gli insediamenti limitrofi e per quanti fossero, a vario titolo, impegnati direttamente nella vita agricola : coloni, liberi contadini, mercanti e artigiani del ferro, dell’argilla o del legno.

125Suggestiva appare, inoltre, l’ipotesi che alla diversa dislocazione topografica dei due abitati sinora attestati nella valle, corrispondesse una più o meno accentuata differenziazione nelle attività produttive ed artigianali praticate, maturata anche in relazione alle risorse ambientali immediatamente disponibili.

126Nell’attività metallurgica, verosimilmente nella presenza di maestranze impegnate nella lavorazione a caldo e nella forgiatura del ferro, sarebbe, allora, ravvisabile il peculiare fattore di specializzazione del vicus di Fontana di Rano : in questo senso, determinanti dovettero risultare la disponibilità idrica garantita dalla sorgente naturale, la vicinanza della risorsa boschiva cui attingere per il fabbisogno di combustibile, lo stretto rapporto con la viabilità locale per la circolazione delle merci. Al contrario, dall’analisi delle evidenze riferibili all’abitato di Cifre-Sedia d’Orlando si evincerebbe una caratterizzazione produttiva dell’abitato più strettamente legata alle esigenze di raccolta, gestione e trasformazione delle risorse della terra e del fiume.

Conclusioni

127L’ormai quasi decennale stagione di ricerche archeologiche condotte nella valle del Carapelle, dall’avvio degli scavi della monumentale villa di Faragola sino ai più recenti interventi di diagnostica effettuati a Sedia d’Orlando, ha contribuito notevolmente a far luce sulle morfologie, sulle forme architettoniche e quelle decorative delle grandi residenze rurali di matrice aristocratica e, più in generale, sui variegati caratteri della cultura materiale propri del « vivere in villa ».

  • 91 Il testo riportato è tratto dall’edizione teubneriana del De verborum significatu edita da M.W. Lin (...)

128Dall’altro lato, è opportuno considerare come le analisi di contesto, su più ampia scala, stiano restituendo immagini sempre più dettagliate del paesaggio agrario vissuto e sfruttato, dei luoghi di mercato e dei luoghi di « servizio », delle forme e modalità di popolamento di coloro « qui…villas non habent »91 ovvero di quel tessuto connettivo in cui le vicende delle città, Ausculum e Herdonia, dell’aristocrazia fondiaria e della peasant society si ricongiungono e si intrecciano.
(R.G.)

Haut de page

Bibliographie

Alvisi 1970 = G. Alvisi, La viabilità romana della Daunia, Bari, 1970.

Annese 2006 = C. Annese, Ceramiche fini da mensa e circolazione delle merci nell’Apulia tardoantica, in A. Gravina (a cura di), 26° Convegno nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia [Atti del Convegno (S. Severo 2005)], San Severo, 2006, p. 469-494.

Aprosio 2008 = M. Aprosio, Archeologia dei paesaggi a Brindisi. Dalla romanizzazione al medioevo, Bari, 2008 (Insulae Diomedeae, 9).

Bonora Mazzoli – Rezzonico 1990 = G. Bonora Mazzoli, A. Rezzonico, Ausculum : topografia del territorio, in Taras, X, 1, 1990, p. 108-140.

Cambi 2001 = F. Cambi, Calabria romana. Paesaggi tardo repubblicani nel territorio brindisino, in Lo Cascio-Storchi Marino 2001, p. 363-390.

Caminneci 2010 = V. Caminneci, Tra il mare e il fiume. Dinamiche insediative nella Sicilia occidentale in età tardoantica : il villaggio in contrada Carabollace (Sciacca, Agrigento, Sicilia, Italia), in The Journal of Fasti Online, f. 213, 2010, p. 1-16.

Campana – Forte 2001 = S. Campana, M. Forte (a cura di), Remote Sensing in Archaeology [XI Ciclo di lezioni sulla ricerca applicata in archeologia (Certosa di Pontignano, Siena 1999)], Firenze, 2001 (Quaderni del Dipartimento di archeologia e storia delle arti-sezione archeologia, 51-52).

Campana – Francovich 2005 = S. Campana, R. Francovich, Linking remote sensing and infra-site analysis to the reconstruction of rural settlement and landscape patterns, in M. Forte (a cura di), Archaeological Landscapes through Digital Technologies [Proceedings of the 2nd Italy-United States Workshop (Roma 2003)], Oxford, 2005 (BAR Int. Series 1379), p. 61-73.

Campana – Piro 2009 = S. Campana, S. Piro (a cura di), Seeing the unseen. Geophysics and Landscape Archaeology, Londra, 2009.

Cantino Wataghin – Fiocchi Nicolai – Volpe 2007 = G. Cantino Wataghin, V. Fiocchi Nicolai, G. Volpe, Aspetti della cristianizzazione degli agglomerati secondari, in R. Bonacasa Carra e E. Vitale (a cura di), La cristianizzazione in Italia tra Tardoantico e Altomedioevo [Atti del IX Congresso nazionale di archeologia cristiana], I, Palermo, 2007, p. 85-134.

Capogrossi Colognesi 2002 = L. Capogrossi Colognesi, Persistenza e innovazione nelle strutture territoriali dell’Italia romana, Napoli, 2002.

Caracuta-Fiorentino 2009 = V. Caracuta e G. Fiorentino, L’analisi archeobotanica nell’insediamento di Faragola (FG) : il paesaggio vegetale tra spinte antropiche e caratteristiche ambientali tra tardoantico e alto medioevo, in G. Volpe e P. Favia (a cura di), Atti del V Congresso nazionale di archeologia medievale, Firenze, 2009, p. 717-723.

Carandini 2006 = A. Carandini, La villa dell’Auditorium interpretata, in Carandini – D’Alessio – Di Giuseppe 2006, p. 559-610.

Carandini – Cambi 2002 = A. Carandini, F. Cambi (a cura di), Paesaggi d’Etruria. Valle dell’Albegna, Valle dell’Oro, Valle del Chiarone, Valle del Tafone, Roma, 2002.

Carandini – D’Alessio – Di Giuseppe 2006 = A. Carandini, M. T. D’Alessio, H. Di Giuseppe (a cura di), La fattoria e la villa dell’Auditorium nel quartiere Flaminio di Roma, Roma, 2006.

Carra Bonacasa 1995 = R. M. Carra Bonacasa, Insediamenti e spazio cristiano in Sicilia, in Materiali per una topografia urbana. Status quaestionis e nuove acquisizioni [Atti del V Convegno sull’archeologia tardoromana e medievale in Sardegna], Oristano, 1995, p. 241-269.

Ceraudo 2008 = G. Ceraudo, Sulle tracce della via Traiana. Indagini aerotopografiche da Aecae a Herdonia, Foggia, 2008.

Ceraudo – Ferrari 2010 = G. Ceraudo, V. Ferrari, La villa romana di Muro Rotto. Paesaggi archeologici nel territorio di Aecae, Foggia, 2010.

Ciancio 2002 = A. Ciancio, La Peucezia in età romana, Cassano Murge, 2002.

Cifani 1998 = G. Cifani, Caratteri degli insediamenti rurali nell’Ager Romanus tra VI e III secolo a.C., in M. Pearce e M. Tosi (a cura di), Papers from EAA Third Annual Meeting at Ravenna, II, Oxford, 1998 (Bar. Int. Series, 718), p. 53-64.

Coarelli – Keay – Patterson 2008 = F. Coarelli, S. Keay, H. Patterson, Investigations at Falacrinae, the birthplace of Vespasian, in PBSR, LXXVI, 2008, p. 47-73.

Colecchia 2004 = A. Colecchia, Villae e vici, piccole e grandi proprietà, in A. Colecchia (a cura di), L’alto Garda occidentale dalla preistoria al postmedioevo. Archeologia, storia del popolamento e trasformazione del paesaggio, Mantova, 2002, p. 49-63.

Colivicchi 2011 = F. Colivicchi (a cura di), Local Cultures of South Italy and Sicily in the Late republican Period : between Hellenism and Rome, Portsmouth [RI], 2011 (JRA Supplementary Series, 83).

De Felice 2000 = G. De Felice, Il ponte romano sul Carapelle (scavi 1996), in G. Volpe (a cura di), Ordona X, Bari, 2000, p. 215-230.

De Mitri 2010 = C. De Mitri, Inanissima pars Italiae. Dinamiche insediative nella penisola salentina in età romana, Oxford, 2010 (Bar. Int. Series, 2161).

De Siena – Giardino 2001 = A. De Siena, L. Giardino, Trasformazioni delle aree urbane e del paesaggio agrario in età romana nella Basilicata sudorientale, in Lo Cascio – Storchi Marino 2001, p. 129-167.

De Stefano 2006 = A. De Stefano, Alcune considerazioni sulla circolazione delle merci nella Daunia romana (III a.C. – II d.C.), in A. Gravina (a cura di), 26° Convegno nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia [Atti del Convegno (S. Severo 2005)], San Severo, 2006, p. 397-424.

De Venuto – De Stefano – Maruotti 2012 = G. De Venuto, A. De Stefano, M. Maruotti, Nuovi rituali nella Ascoli romana. La necropoli di via San Giuseppe Ciotta, in M. Corrente (ed.), Lo spreco necessario, Foggia, 2012, p. 154-159.

Delussu 2007 = F. Delussu, L’insediamento romano di Sant’Efis a Orune. Scavi 2004-2007, in Aidu Entos. Archeologia e beni culturali, 2, 2007, p. 43-44.

Delussu 2008 = F. Delussu, L’insediamento romano di Sant’Efis (Orune, Nuoro). Scavi 2004-2006. Nota preliminare, in J. Gonzalez (a cura di), L’Africa romana XVII [Atti del Convegno di studio], Roma, 2008, p. 2665-2680.

Di Lieto 2011 = M. Di Lieto, The North Lucanian Area in the Roman Republican Period, in Colivicchi 2011, p. 44-56.

Donati 1990 = P.A. Donati, Un vicus in capo al Verbano, in Milano capitale dell’impero 286-402 d.C. [catalogo della mostra], Milano,1990, p. 243.

Egidi 2005 = R. Egidi, Viabilità, paesaggio agrario, insediamenti, necropoli nel settore orientale del suburbio lungo l’asse della via Latina, in V. Jolivet et alii (a cura di), Suburbium II : il suburbio di Roma dalla fine dell'età monarchica alla nascita del sistema delle ville (V-II secolo a.C.), Roma, 2009.

Favia et alii 2005 = P. Favia, R. Giuliani, A.M. Small e C. Small, La valle del Basentello e l’insediamento rurale di Vagnari in età tardoantica, in Volpe – Turchiano 2005, p. 193-222.

Favia – Giuliani 2011 = P. Favia, R. Giuliani, Gli edifici nella parte meridionale del sito, in Small 2011, p. 143-229.

Ficco 2012 = V. Ficco, La valle del Carapelle in età altomedievale : fonti documentarie e dati archeologici, in Ricerche di Archeologia post-classica in Puglia, Atti del I Seminario, c.s.

Fracchia-Gualtieri 2011 = H. Fracchia e M. Gualtieri, The countryside of Regio II and Regio III (c. 300 B.C. – A.D. 14), in Colivicchi 2011, p. 11-29.

Francovich – Patterson 2000 = R. Francovich, H. Patterson (a cura di), Extracting meaning from ploughsoil assemblages, Oxford, 2000 (The archaeology of Mediterranean Landscapes, 5).

Gaffney – Gater 2003 = C. Gaffney, J. Gater, Revealing the Buried Past : Geophysics for Archaeologists, Stroud, 2003.

Gioia – Volpe 2004 = P. Gioia, R. Volpe (a cura di), Centocelle : Centocelle I Roma S.D.O. le indagini archeologiche, Rubettino, 2004.

Goffredo 2006 = R. Goffredo, Archeologia aerea nelle valli dell’Ofanto e del Carapelle, in A. Gravina (a cura di), Atti del 26° Convegno nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia, Foggia, 2006, p. 359-396.

Goffredo 2010-11 = R. Goffredo, Archeologia delle tracce nella valle del Carapelle (Puglia Settentrionale). Metodologie di ricerca integrate per lo studio dei paesaggi di età romana e tardoantica, in Archeologia Aerea, 4.2010-5.2011, p. 191-198.

Goffredo 2011 = R. Goffredo, Aufidus. Storia, archeologia e paesaggi della valle dell’Ofanto, Bari, 2011 (Insulae Diomedeae,16).

Goffredo – Ficco 2010 = R. Goffredo, V. Ficco, Tra Herdonia e Ausculum : i paesaggi di età daunia e romana della valle del Carapelle, in Volpe – Turchiano 2010, p. 25-56.

Goffredo – Ficco – Casoli 2012 = R. Goffredo, V. Ficco, M. F. Casoli, Un vicus lungo la via Herdonitana ? L’abitato tardoantico di Fontana di Rano nella valle del Carapelle (Ascoli Satriano, Foggia), in SIRIS, 12, 2012, p. 23-52.

Goffredo – Volpe 2006 = R. Goffredo, G. Volpe, Fotografia aerea, archeologia globale e paesaggi antichi della Daunia. Esempi dalle valli dell’Ofanto e del Carapelle, in Archeologia Aerea, 2, 2006, p. 219-246.

Grelle 2008 = F. Grelle, Le colonie latine e la romanizzazione della Puglia, in Volpe – Strazzulla – Leone 2008, p. 365-388.

Gualtieri 2001 = M. Gualtieri, Insediamenti e proprietà nella Lucania nord-orientale, in Lo Cascio – Storchi Marino 2001, p. 75-105.

Johnson – Keay – Millett 2004 = P. Johnson, S. Keay, M. Millett, Lesser urban sites in the Tiber valley : Baccanae, Forum Cassii and Castellum Amiternum, in PBSR, LXXII, 2004, p. 69-99.

La Torre 1999 = G.F. La Torre, Blanda, Lavinium, Cerillae, Clampetia, Tempsa, Roma, 1999 (Forma Italiae, 38).

La Torre 2011 = G.F. La Torre, Reflections on the Lucanians and Bruttians in Calabria between Hannibal and the Principate, in Colivicchi 2011, p. 139-159.

Leveau 2002 = Ph. Leveau, Du site au réseau : archéologie, géographie spatiale ou géographie historique, in Leveau et alii 2002, p. 272-276.

Leveau et alii 2002 = Ph. Leveau, F. Trément, K. Walsh, G. Barker (a cura di), Environmental Reconstruction in Mediterranean Landscape Archaeology, Oxford, 2002.

Lindsay 1913 = M.W. Lindsay, Sexti Pompei Festi. De verbo rum significatu quae supersunt cum Pauli Epitome, Leipzig, 1913, XXI-XXVIII.

Lippolis 2006 = E. Lippolis, Aristocrazia romana e italica nelle ville della Regio II (Puglia e Irpinia), in J. Ortalli (a cura di), Vivere in villa. Le qualità delle residenze agresti in età romana [Atti del Convegno (Ferrara, gennaio 2003)], Firenze, 2006, p. 43-83.

Lo Cascio – Storchi Marino 2001 = E. Lo Cascio, A. Storchi Marino (a cura di), Modalità insediative e strutture agrarie nell’Italia meridionale in età romana, Bari, 2001.

Mancassola – Saggioro 2006 = N. Mancassola, F. Saggioro (a cura di), Medioevo, Paesaggi e Metodi : problemi e prospettive della ricerca archeologica di superficie, Mantova, 2006.

Mangiatordi 2011 = A. Mangiatordi, Insediamenti rurali e strutture agrarie nella Puglia centrale in età romana, Bari, 2011.

Marchi 2004 = M. L. Marchi, Fondi, latifondi e proprietà imperiali nell’Ager Venusinus, in Agri Centuriati, 1, 2004, p. 129-156.

Marchi 2005 = M. L. Marchi, Ager Venusinus. Ville e villaggi : il paesaggio rurale in età tardoantica, in Volpe – Turchiano 2005, p. 173-191.

Marchi 2008 = M. L. Marchi, Dall’abitato alla città. La romanizzazione della Daunia attraverso l’evoluzione dei sistemi insediativi, in Volpe – Strazzulla – Leone 2008, p. 267-286.

Mattingly 2000 = D. Mattingly, Methods of collection, recording and quantification, in Francovich – Patterson 2000, p. 6-15.

Mazzei – Mertens 1990 = M. Mazzei, J. Mertens, Ascoli Satriano. Sedia di Orlando, in Taras, X, 2, 1990, p. 311-314.

Millett 2000a = M. Millett, The comparison of surface and stratified artifact assemblages, in Francovich-Patterson 2000, p. 217-222.

Millett 2000b = M. Millett, Dating, quantifying and utilizing pottery assemblages from surface survey, in Francovich – Patterson 2000, p. 53-59.

Modalità insediative = E. Lo Cascio, A. Storchi Marino (a cura di), Modalità insediative e strutture agrarie nell’Italia meridionale in età romana [Atti del Convegno internazionale], Bari, 2001.

Morizio 2007 = V. Morizio, Ausculum. La città romana e le sue iscrizioni, Foggia, 2007.

Mušič et alii 2000 = B. Mušič, B. Slapšak, V. Perko, On-site distribution and geophysics : the site of Rodik-Ajdovščina, in Francovich – Patterson 2000, p. 132-146.

Nava – Cracolici – Fletcher 2005 = M. L. Nava, V. Cracolici, R. Fletcher, La romanizzazione della Basilicata nord-orientale tra Repubblica e Impero, in A. Gravina (a cura di), Atti del 25° Convegno nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia, Foggia, 2005, p. 209-232.

Pacilio 2006 = G. Pacilio, Civiltà lungo un tracciato nel basso Tavoliere, in A. Gravina (a cura di), Atti del 26° Convegno nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia, Foggia, 2006, p. 333-344.

Panella – Pompilio 2003 = S. Panella, F. Pompilio, Pratica di Mare : rinvenimento di un impianto di tipo rustico, in J. Rasmus Brandt, X. Dupré Raventòs, G. Ghini (a cura di), Lazio e Sabina, 1 [Atti del convegno], Roma 2003, p. 197-200.

Panella – Pompilio 2004 = S. Panella, F. Pompilio, Colli di Enea (RM). La Villa e la manifattura tessile, in www.fastionline.org/docs/2004-2.pdf.

Pasquinucci – Trément 2000 = M. Pasquinucci, F. Trément (a cura di), Non-destructive techniques applied to Landscape Archaeology, Oxford, 2000 (The archaeology of Mediterranean Landscapes, 4).

Romano 2006 = A.V. Romano, La ricognizione nella Valle del Celone : metodi, problemi e prospettive nello studio dei paesaggi fra Tardoantico e Medioevo, in Mancassola – Saggioro 2006, p. 199-214.

Romano – Volpe 2005 = A.V. Romano, G. Volpe, Paesaggi e insediamenti rurali nel comprensorio del Celone tra Tardoantico e Altomedioevo, in Volpe – Turchiano 2005, p. 241-264.

Rorison 2001 = M. Rorison, Vici in Roman Gaul, Oxford, 2001 (Bar. Int. Series, 933)

Rosario 1899 = P. Rosario, Dall’Ofanto al Carapelle. Storia di Puglia dai tempi più vetusti alla costituzione italica, Ascoli Satriano, 1899.

Sangineto 2001 = A.B. Sangineto, Trasformazioni o crisi nei Bruttii fra il II a.C. ed il VII d.C. ?, in Lo Cascio – Storchi Marino 2001, p. 203-246.

Sfameni 2006 = C. Sfameni, Ville residenziali nell’Italia tardo antica, Bari, 2006.

Silvestrini 1995 = M. Silvestrini, Dalla civitas daunia al municipio romano : un profilo storico, in J. Mertens (a cura di), Herdonia. Scoperta di una città, Bari, 1995, p. 235-244.

Silvestrini 2005 = M. Silvestrini, Le città della Puglia romana. Un profilo sociale, Bari, 2005.

Small 2001 = A. Small, Changes in the pattern of settlement and land use around Gravina and Monte Irsi (4th century B.C. – 6th century AD), in Lo Cascio – Storchi Marino 2001, p. 35-53.

Small 2011 = A. Small (a cura di), Vagnari. Il villaggio, l’artigianato, la proprietà imperiale (The village, the industries, the imperial property), Bari, 2011 (Insulae Diomedeae, 17).

Small – Mc Laren – Heald 2011 = A.M. Small, D. McLaren, A. Heald, Iron-working at Vagnari, in Small 2011, p. 279-285.

SRPS I 1981 = A. Giardina, A. Schiavone (a cura di), Società romana e produzione schiavistica. I. L’Italia ; insediamenti e strutture economiche, Roma-Bari, 1981.

Tarpin 2002 = M. Tarpin, Vici et Pagi dans l’Occident Romain, Roma, 2002 (Collection de l’École française de Rome, 299).

Terrenato 2001 = N. Terrenato, The Auditorium site and the origins of the roman villa, in Journal of Roman Archaeology, 14, 2001, p. 5-32.

Terrenato 2012 = N. Terrenato, The Enigma of « Catonian » Villas : the De Agri Cultura in the Context of Second-Century B.C. Italian Architecture, in J. A. Becker, N. Terrenato (a cura di), Roman Republican Villas. Architecture, Context and Ideology, Ann Arbor, 2012, p. 69-93.

Todisco 2004 = E. Todisco, La percezione delle realtà rurali nell’Italia romana : i vici e i pagi, in M. Pani (a cura di), Epigrafia e territorio. Politica e società, Bari, 2004 (Temi di antichità romane, VII), p. 161-184.

Todisco 2006 = E. Todisco, Sulla glossa vici nel De verborum significatu di festo. La struttura del testo, in L. Capogrossi Colognesi, E. Gabba (a cura di), Gli statuti municipali, Pavia, 2006, p. 605-614.

Todisco 2012 = E. Todisco, I vici rurali nel paesaggio dell’Italia romana, Bari, 2012.

Torelli 1990 = M. Torelli, I rapporti tra Italici e Romani, in M. Tagliente (a cura di), Italici in Magna Grecia. Lingua, insediamenti e strutture, Venosa, 1990, p. 93-103.

Turchiano 2010 = M. Turchiano, Le ceramiche comuni dell’Apulia tardoantica e altomedievale : luoghi della produzione, del commercio e del consumo, in S. Menchelli, S. Santoro, M. Pasquinucci, C. Guiducci (a cura di), LRCW3, Late Roman Coarse Wares, Cooking Wares, and Amphorae in the Mediterranean : Archaeology and archaeometry. Comparison between western and eastern Mediterranean. Volume II, Oxford, 2010 (BAR Int. Series, 2185), p. 657-668.

Volpe 1990 = G. Volpe, La Daunia nell’età della romanizzazione, Bari, 1990.

Volpe 1994 = G. Volpe, Aspetti insediativi del territorio in età romana, in M. Mazzei (a cura di), Bovino. Studi per la storia della città antica. La collezione museale, Taranto, 1994, p. 113-134.

Volpe 1996 = G. Volpe, Contadini, pastori e mercanti nell’Apulia tardoantica, Bari, 1996.

Volpe 2000 = G. Volpe, Herdonia romana, tardontica e medievale alla luce dei recenti scavi, in G. Volpe (a cura di), Ordona X, Bari, 2000, p. 507-554.

Volpe 2004 = G. Volpe, A proposito di L. Capogrossi Colognesi : Persistenza e innovazione nelle strutture territoriali dell’Italia romana, in M. Pani (a cura di), Epigrafia e Territorio. Politica e Società. Temi di antichità romane, VII, Bari, 2004, p. 309-313.

Volpe 2005 = G. Volpe, Paesaggi e insediamenti rurali dell’Apulia tardoantica e altomedievale, in Volpe – Turchiano 2005, p. 299-315.

Volpe 2006 = G. Volpe, Stibadium e convivium in una villa tardoantica (Faragola – Ascoli Satriano), in M. Silvestrini, T. Spagnuolo Vigorita, G. Volpe (a cura di), Scritti in onore di Francesco Grelle, Bari, 2006 (Insulae Diomedeae, 5), p. 319-349.

Volpe et alii 2009 = G. Volpe, G. De Venuto, R. Goffredo, M. Turchiano, L’abitato altomedievale di Faragola (Ascoli Satriano), in P. Favia, G. Volpe (a cura di), Atti del V Congresso nazionale di archeologia medievale, Firenze, 2009, p. 283-290.

Volpe et alii 2007 = G. Volpe, C. Annese, G. Disantarosa, D. Leone, Ceramiche e circolazione delle merci in Apulia fra Tardoantico e Altomedioevo, in S. Gelichi, C. Negrelli (a cura di), La circolazione delle ceramiche nell’Adriatico tra Tarda Antichità e Altomedioevo [Atti del III Incontro di studio CER.AM.IS], Mantova, 2007, p. 353-374.

Volpe et alii 2008 = G. Volpe, M. Turchiano, G. Baldasarre, A. Buglione, A. De Stefano, G. De Venuto, R. Goffredo, M. Pierno, M. G. Sibilano, La villa di Faragola (Ascoli Satriano) alla luce delle recenti indagini archeologiche, in A. Gravina (a cura di), Atti del 28° Convegno nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia, Foggia, 2008, p. 405-454. 

Volpe – De Felice – Turchiano 2005a = G. Volpe, G. De Felice e M. Turchiano, I rivestimenti marmorei, i mosaici e i pannelli in opus sectile della villa tardoantica di Faragola (Ascoli Satriano, Foggia), in Atti del X Colloquio AISCOM, Tivoli, 2005, p. 61-78.

Volpe – De Felice – Turchiano 2005b = G. Volpe, G. De Felice, M. Turchiano, Faragola (Ascoli Satriano). Una residenza aristocratica tardoantica e un villaggio altomedievale nella Valle del Carapelle : primi dati, in Volpe – Turchiano 2005, p. 265-297. 

Volpe – De Felice – Turchiano 2005c = G. Volpe, G. De Felice, M. Turchiano, Musiva e sectilia in una lussuosa residenza rurale dell’Apulia tardoantica : la villa di Faragola (Ascoli Satriano), in Musiva&Sectilia, 1, 2005, p. 127-158.

Volpe – De Felice – Turchiano 2006 = G. Volpe, G. De Felice, M. Turchiano, La villa tardoantica di Faragola (Ascoli Satriano) in Apulia, in A. Chavarria, J. Arce, G.P. Brogiolo (a cura di), Villas Tardoantiguas en el Mediterraneo Occidental, in Anejos de AEspA, 39, 2006, p. 221-251.

Volpe – Strazzulla – Leone 2008 = G. Volpe, M. J. Strazzulla, D. Leone (a cura di), Storia e archeologia della Daunia. In ricordo di Marina Mazzei [Atti delle Giornate di studio (Foggia 2005)], Bari, 2008.

Volpe – Turchiano 2005 = G. Volpe, M. Turchiano (a cura di), Paesaggi e insediamenti rurali in Italia meridionale fra Tardoantico e Altomedioevo [Atti del I Seminario sul Tardoantico e l’Altomedioevo in Italia Meridionale], Bari, 2005 (Insulae Diomedeae, 4).

Volpe – Turchiano 2010 = G. Volpe, M. Turchiano (ed.), Faragola 1. Un insediamento rurale nella valle del Carapelle, Bari, 2010 (Insulae Diomedeae, 12).

Volpe – Turchiano 2012 = G. Volpe, M. Turchiano (ed.), La villa tardoantica e l'abitato altomedievale di Faragola (Ascoli Satriano), in RM, 118, 2012, p. 455-491.

Wilson 1984-1985 = R. J. A. Wilson, Eraclea Minoa. Gli scavi eseguiti nel territorio negli anni 1980-1983, in Kokalos, XXX-XXXI, 1984-1985, p. 489-500.

Wilson 2000 = R.J.A. Wilson, Rural settlement in Hellenistic and Roman Sicily : excavations at Campanaio (AG), 1994-1998, in PBSR, LXVIII, 2000, p. 337-369.

Haut de page

Notes

1 La direzione del progetto è di G. Volpe, che ringrazio per l’attenzione ed il supporto con cui segue queste ricerche.

2 Per gli scavi di Faragola si vedano Volpe – De Felice – Turchiano 2005a, 2005b, 2005c, 2006; Volpe 2006; Volpe et alii 2008; Volpe et alii 2009; Volpe – Turchiano 2010 e 2012; si veda infra la sintesi sul contesto archeologico a cura di V. Ficco.

3 Sul progetto « Valle del Carapelle » si vedano Goffredo – Volpe 2006; Goffredo – Ficco 2010.

4 Goffredo 2010-11.

5 Goffredo 2006.

6 De Felice 2000, p. 215-230.

7 Rosario 1899. In riferimento a Sedia d’Orlando si veda, in particolare, quanto riportato a p. 11 : « Lungo la riva destra del Carapelle, dal ponte Parrozzi a Sedia d’Orlando, il terreno per ogni dove presenta avanzi di vecchie fabbriche, di vere e proprie officine da vasellai ed innumerevoli sepolture, sparse o a gruppi, delle vere necropoli: in taluni siti anzi il sottosuolo e la superficie sono talmente ricchi di rottami e di pietre ammonticchiate e di tombe antichissime che riesce difficile, lavorando il terreno, non scoprire per caso, sotto l’aratro o la zappa, qualche cosa ».

8 P. Rosario 1899, p. 174: « da un lato ancor resta la così detta Sedia d’Orlando di fattura reticolata che potrebbe facilmente essere l’Ad Pirum della via Traiana ». In realtà la statio di Ad Pirum è da localizzarsi altrove, in località Perazzone, a pochi chilometri a E di Troia, lungo il tracciato della via Traiana : si veda Romano – Volpe 2005.

9 Mazzei – Mertens 1990.

10 Caracuta-Fiorentino 2009, p. 717-723.

11 Rosario 1899, p. 147 : « ma non solo due ve ne erano (i.e. Ausculum e Herdonia) : una terza fuvvi eziando, più in là, nella contrada denominata Rane »; p. 174 : « in questo luogo molti ruderi, a fior di terra, ancor ne avanzano »; p. 313 : « a mille appariscono le conterie e gli oggetti serviti al lusso ed agli agi della vita quali, in qualche appezzamento contiguo io scoprii in gran copia, e quali ritrovaronsi quando, circa quattro anni addietro, i materiali ivi scavati si usarono per i restauri dei fabbricati rurali e per la costruzione di un ovile della venerabile Congrega del Soccorso ». I fabbricati rurali e l’ovile menzionati da Rosario, la cui ristrutturazione sarebbe avvenuta reimpiegando materiale da costruzione proveniente dall’area archeologica di Fontana di Rano, sono verosimilmente da considerare pertinenze della vicina masseria Selva San Giacomo, edificio di proprietà della Congrega Maria Santissima del Soccorso di Ascoli Satriano.

12 Per la bibliografia sul sito di Faragola si veda supra.

13 Bonora Mazzoli – Rezzonico 1990; Morizio 2007.

14 Volpe 2000; Volpe – Strazzulla – Leone 2008.

15 Marchi 2008; Grelle 2008. In riferimento alla battaglia del 279 a.C. tra Pirro e l’esercito romano, combattuta non lontano da Ausculum (Dionys., 20.3.7; Zon., 8.5; Front., Strat. 2.3.21; Flor., 1.13.9) il centro daunio è definito da Plutarco una πόλις (Plut., Pyrrh., 21).

16 Le fonti tacciono sul coinvolgimento di Ausculum nella guerra annibalica, che resta ipotizzabile, ben documentato invece per Herdonia da Liv., 24.20.8; 25.21.1-10; 27.1.3-15.

17 Sulle centuriazioni ascolane si veda Lib. col. 1.210.10-13, L; 2.260.18-22, L; sui complessi problemi di ricostruzione, datazione e attribuzione delle limitationes note nel territorio di Ascoli Satriano si veda Volpe 1994, con bibliografia relativa e Goffredo 2010-11; in particolare, sulla problematica identificazione della colonia di Firmum Apulum, attestata da un’epigrafe rinvenuta tra Ascoli Satriano e Candela e solo in via ipotetica da porre in connessione con uno dei due reticoli centuriali ascolani, si veda Silvestrini 2005, p. 49, nota 8. Sulle centuriazioni erdonitane si veda Lib. col. 1.210.10-13, L; 2.260.23-24, L; Goffredo 2010-2011.

18 App., B.c. 1.52 attesta le devastazioni del territorio di Ausculum dell’89 a.C. ad opera del pretore C. Cosconio.

19 Sul municipio ascolano : Silvestrini 2005, p. 49 e p. 185-186, n. 2. Sul municipio erdonitano: Silvestrini 1995, p. 238-244; Ead. 2005, p. 43-44. Entrambe le civitates, inoltre, sono annoverate negli elenchi pliniani (Pl., N.H. 3.11.105).

20 Morizio 2007; Silvestrini 2005, p. 50-51 e p. 182-185, n. 1; p. 44-46.

21 Alvisi 1970; Ceraudo 2008.

22 Goffredo – Ficco 2010, p. 49-52.

23 Ficco 2012; sull’abitato altomedievale di Faragola si veda Volpe et alii 2009.

24 La visibilità dei reperti è stata condizionata dal non ottimale grado di leggibilità dei terreni indagati, legato sia alla copertura vegetazionale (prevalentemente stoppie) che al tipo di lavorazione degli stessi (campi in gran parte con piani battuti).

25 Il medesimo strumento è stato impiegato per la delimitazione degli affioramenti di reperti relativi al sito di Sedia d’Orlando. Per la riduzione e la correzione differenziale dell’errore medio di posizionamento, compreso tra 5 e 1 metro, si è adottato il software Leica GIS Data Pro.

26 Per la valutazione della densità del materiale di superficie è stata adottata una scala graduata di giudizi (alta, media, bassa densità di reperti e area dispersione di materiale).

27 L’insediamento si estende a S e a SO fino al limite N del bosco, occupando l’area centro-orientale (circa 4,8 ha) di una particella la cui delimitazione orientale coincide con la strada che dalla periferia SE di Ascoli Satriano raggiunge la Masseria Sedia d’Orlando; la continuità topografica del complesso rurale è interrotta dal passaggio di un tratturo che lo attraversa in senso SO-NE, immediatamente a N del quale l’insediamento investe da un lato un campo pseudo-rettangolare (circa 2,4 ha) e dall’altro la sola porzione meridionale di un terreno trapezoidale (circa 1,2 ha). A E dell’asse stradale che conduce a valle è stato individuato un ulteriore settore insediativo caratterizzato da una sporadica concentrazione di materiale (circa 4 ha) che asseconda l’andamento E-O del declivio occidentale delle colline di Pozzo Zingaro – la Ventolosa, i cui rilievi più elevati, privi di reperti archeologici, si affacciano a O sul sito. È assai probabile che i lavori effettuati in occasione della realizzazione della strada proveniente dal centro ascolano e delle connesse opere di canalizzazione idrica, allo stesso modo di quelli eseguiti per la sistemazione del tratturo, abbiano intaccato le stratigrafie del sito, come sembrerebbe emergere dal materiale archeologico visibile in più punti delle sezioni di terra che costeggiano entrambe le arterie viarie.

28 Quadrati F2, F3, F4, F5, G2, G3, G4, G5, H2, H3, H4, H5, H6, I2.

29 Quadrati A9, A10, A11, B9, B10, B11.

30 Mušič et alii 2000; Pasquinucci – Trément 2000; Campana – Francovich 2005; Campana – Piro 2009.

31 Mattingly 2000; Millett 2000b.

32 CCA = ceramica comune acroma; CF = ceramica da fuoco + ceramica da fuoco steccata; VN = ceramica a vernice nera; TSI = terra sigillata italica; TSA = terra sigillata africana; CFA = ceramica da fuoco africana; LRCW = late roman coarse ware; CCD = ceramica comune dipinta. La voce ALTRO della figura 12 comprende gli sporadici frammenti di grandi contenitori, di lucerne e quelli che, seppur con forti riserve a causa del pessimo stato di conservazione, sono stati attribuiti alle classi ceramiche ad impasto, a vernice rossa, a decorazione geometrica e invetriata monocroma verde.

33 Millett 2000a.

34 I risultati preliminari dello studio sui frammenti ceramici rinvenuti sono presentati in Goffredo – Ficco – Casoli 2012, p. 38-43.

35 Tale interpretazione va tuttavia letta non senza considerare la possibilità di una sovra-rappresentazione dei frammenti ceramici relativi ai bacini stratigrafici tardoantichi rispetto a quelli appartenenti alle stratigrafie più antiche.

36 Sulla circolazione delle merci in Apulia si veda Annese 2006; De Stefano 2006; Volpe et alii 2007; Turchiano 2010.

37 Cfr. Goffredo – Ficco – Casoli 2012, p. 42-43.

38 Sulle prospezione geofisiche in archeologia e sull’importanza dell’integrazione con altre tecniche diagnostiche si veda Campana – Forte 2001; Gaffney – Gater 2003; Campana – Piro 2009.

39 Come per il caso del sito di Sedia d’Orlando, anche per quello dell’insediamento di Fontana di Rano si è ritenuto opportuno non adottare un campionamento a più alta risoluzione in quanto una simile scelta avrebbe inutilmente dilatato i tempi d’indagine, non permettendo l’ispezione di aree più ampie. Il metodo scelto è stato quello di porre il primo profilo a 0,5 m dal limite iniziale della griglia di riferimento e la prima misurazione su ciascun profilo è stata registrata a 0,25 m. Secondo tale modo di procedere, unendo le diverse griglie attraverso la creazione di un composite per mezzo del software di elaborazione dati, è stato possibile disporre di misure costanti su tutta l’estensione dell’area indagata.

40 Le procedure di processamento standard utilizzate sono state, a seconda dei vari casi: clip, Zero Mean Grid, Zero Mean Traverse, Despike, Low High Filter, Low Pass Filter, Interpolate e Rotate.

41 La labilità delle anomalie non consente di ipotizzare con più certezza la presenza di absidi per alcuni degli ambienti individuati che, tuttavia, non è da escludere in via definitiva.

42 Pur avendo impostato la quadrettatura sull’intero campo in cui ricade il sito, per motivi di tempo, si è partiti da alcune griglie ricadenti nella zona NE ed in quella SO, in cui erano più fitte le anomalie aeree e in cui sono state riconosciute concentrazioni di reperti, per poi procedere alla luce dei risultati leggibili nei magnetogrammi ottenuti in corso di indagini.

43 Sulla definizione di villa urbano-rustica si veda Sfameni 2006, p. 11-12, in particolare la nota 19, con bibliografia precedente.

44 Varro. Rust. 1, 2, 10; 1, 4, 1; 1, 13, 6; 3, 3; 3, 4, 1; 13, 6-7.

45 Colum. 1, 6, 1-20.

46 Le recenti indagini archeologiche condotte nel suburbium di Roma ed in Etruria, a partire dallo scavo delle ville dell’Auditorium della Musica, hanno profondamente ribaltato le consolidate linee di lettura sui processi che portarono all’emergere delle ville romane nelle campagne italiche di età repubblicana (sulle ville dell’Auditorium : Carandini-D’Alessio – Di Giuseppe 2006; sullo scavo del sito di Piscina di Centocelle : Gioia – Volpe 2004; sulla villa di Grottarossa lungo la via Flaminia : Terrenato 2001; sulla villa di Colli di Enea presso Lavinium : Panella – Pompilio 2003 e 2004; sulle recenti ricognizioni condotte in Etruria meridionale e nel suburbio di Roma : Cifani 1998; Egidi 2005). Le nuove acquisizioni hanno consentito di riformulare radicalmente quanto noto sull’origine della villa, sui modelli architettonici di riferimento, sulla datazione dei primi esemplari attestati, sulle direttrici e le cronologie di diffusione delle ville nei diversi territori italici, sul rapporto tra ville e sviluppo dell’economia italica. Nell’ambito di queste riflessioni, particolare attenzione è stata rivolta alla riconsiderazione ed alla contestualizzazione del modello di villa descritto da Catone nel De Agri Cultura, alla verifica delle evidenze archeologiche tradizionalmente ricondotte a tale modello e, più in generale, al riesame della documentazione disponibile per i siti di III e II sec. a.C. interpretati come ville. Gli esiti di tali analisi, per molti aspetti divergenti e contrastanti, sono in Carandini 2006; Terrenato 2001; Terrenato 2012.

47 Le evidenze archeologiche relative ad insediamenti rurali interpretabili come ville di fine III-II sec. a.C. non sono sempre chiare e, non di rado, si prestano a possibili reinterpretazioni con conseguenti variazioni nelle datazioni proposte; si tratta, infatti, nella maggior parte dei casi, di insediamenti a lunga continuità di vita, spesso oggetto di incisive opere di ristrutturazione ed ampliamento tra la tarda età repubblicana e l’età imperiale, che rendono difficile la comprensione della reale entità degli interventi costruttivi ascrivibili alle fasi di fondazione. Per la Puglia centrale, l’antica Peucetia, dati provenienti da indagini non a carattere sistematico ed estensivo documenterebbero un paesaggio rurale di III e II sec. a.C. caratterizzato dalla presenza di case sparse mentre ben pochi sarebbero i siti riconducibili al tipo della villa (Mangiatordi 2011, p. 111-119) : tra questi si segnalano le ville di Botromagno-Gravina (Small 2001, p. 44-48), di Adelfia – località Tesoro (Mangiatordi 2011, p. 250-254) e di Mola – località Paduano (Ciancio 2002). Tutti gli insediamenti citati conobbero importanti e ben riconoscibili fasi costruttive articolatesi tra il I secolo a.C. e la piena età imperiale : al contrario evanescenti risultano caratteristiche e fisionomia degli impianti originari, datati alla fine del II sec. a.C. Uno scenario analogo sembrerebbe registrabile anche nelle campagne dell’ager Brundisinus tra gli inizi del III sec. a.C. e la prima metà del I sec. a.C. (Aprosio 2008, p. 110-113) : il paesaggio insediativo rurale appare infatti caratterizzato dalla capillare diffusione di medie e grandi fattorie (casa 1, casa 2), mentre solo due siti, individuati come aree di frammenti fittili e frequentati a partire dalla fine del II sec. a.C., sarebbero riconducili al tipo « ibrido » della villa 1 ovvero edifici a forte caratterizzazione produttiva e ridotta parte residenziale, più complessi delle fattorie ma meno articolati, monumentali ed estesi delle ville 2 attestate a partire dalla fine del I sec. a.C. Non molto diversa, pur nelle specificità culturali e sociali locali, appare l’articolazione delle campagne della Lucania nel corso del II sec. a.C., sia in riferimento ai comparti settentrionale e nord-orientale, sia alla fascia costiera ionica e tirrenica : anche in questi contesti territoriali, infatti, il sistema delle piccole e grandi fattorie sarebbe stato affiancato, o sostituito, da quello delle ville non prima del I sec. a.C. (si vedano De Siena – Giardino 2001; Gualtieri 2001; Fracchia – Gualtieri 2011; Di Lieto 2011). Infine, per quanto concerne i Bruttii, il dato relativo allo sviluppo delle prime ville a partire dalla metà del II sec. a.C. non sembra trovare riscontri certi nelle evidenze materiali considerate (Sangineto 2001; La Torre 1999, p. 110-111; Id. 2011).

48 Volpe 1990, p. 53-54, p. 174-182, n. 390.

49 Pacilio 2006.

50 Nava – Cracolici – Fletcher 2005.

51 La realizzazione del settore termale della villa si ascriverebbe al periodo compreso tra la fine del II secolo a.C. e gli inizi del I secolo d.C. Tra il II ed il III secolo d.C. il balneum fu oggetto di significativi interventi di ampliamento, che portarono alla costruzione di un secondo impianto termale con caldarium e tepidarium, senza che ciò comportasse l’obliterazione dei vani preesistenti. Ad una terza fase di occupazione del complesso sarebbe, quindi, da attribuire la defunzionalizzazione degli ambienti riscaldati di età repubblicana e imperiale e la costruzione di un grande edificio absidato, articolato in tre navate. La villa fu infine abbandonata, tra la fine del IV ed il V secolo d.C., a seguito di un violento incendio. Si veda Nava – Cracolici – Fletcher 2005, p. 210-212.

52 A partire dalla seconda metà del I secolo a.C., il sistema delle ville di medie e grandi dimensioni risulta diffuso su tutto il territorio della Daunia : si veda Volpe 1990, p. 56-60. Per le attestazioni note nel territorio canosino e, in generale, nel comprensorio ofantino si veda Goffredo 2011, p. 135-147 ; per l’ager Venusinus si veda Marchi 2004, p. 129-156. Per le ville databili tra il I secolo a.C. e la prima età imperiale individuate in Peucetia (nei territori di Gravina, Altamura, Turi, Monopoli, Ginosa, Bitonto, Rutigliano, Adelfia) si veda Mangiatordi 2011, p. 119-125. Sulle ville della Calabria romana si vedano Cambi 2001, p. 363-390; Aprosio 2008, p. 112-125; Lippolis 2006. Sulle ville attestate a partire dal I secolo a.C. in Lucania e nei Bruttii si veda la bibliografia indicata in nota 45.

53 Per la media valle dell’Ofanto si segnalano le ville di Leonessa e San Nicola nei pressi di Melfi (Volpe 1990, p. 142-144; Nava – Cracolici – Fletcher 2005, p. 212-215) e quella sita in località Casa del Diavolo nei pressi di Lavello (Nava – Cracolici – Fletcher 2005, p. 215-216). Per le ville dislocate lungo il basso corso del fiume e, in particolare, gli edifici indagati nelle località Lamalunga (Minervino), Battaglino (Canosa), Donna Giuditta (Canosa), Belvedere (Canosa) e San Mercurio (Barletta), si veda Goffredo 2011, p. 142-144.

54 Romano – Volpe 2005; Romano 2006.

55 Ceraudo – Ferrari 2010.

56 Della villa di Piano di Carpino-Avicenna è noto, in parte, il quartiere termale, organizzato verosimilmente come padiglione separato (Volpe 1990, p. 202-205). Lungo il margine litoraneo del Piano Grande, a pochi chilometri da Uria-Vieste, fu edificata invece la villa di Santa Maria di Merino : dimora panoramica, dotata di quartiere residenziale costruito intorno ad un vasto peristilio, ampio viridarium rettangolare porticato e pars rustica orientata alla produzione del vino e dell’olio (Volpe 1990, p. 198-200). A poche centinaia di metri di distanza dal complesso di Santa Maria è localizzato l’impianto residenziale-rustico di Fioravanti, di piccole-medie dimensioni e pianta approssimativamente quadrata, di cui sono stati indagati solo alcuni ambienti residenziali con pavimentazione musiva (Volpe 1990, p. 200-202). Di grande interesse, infine, la villa di Agnuli, nei pressi dell’odierno porto di Mattinata, caratterizzata da un’organizzazione planimetrica per corpi di fabbrica distinti e dislocati tra il versante collinare e la costa : le conoscenze disponibili sono purtroppo limitate esclusivamente alla pars rustica (Volpe 1990, p. 183-196).

57 Goffredo – Ficco 2010, p. 43-46.

58 Goffredo – Volpe 2006, p. 239-242.

59 L’analisi dei reperti ceramici rinvenuti durante la ricognizione del sito, ha consentito di ipotizzare che l’insediamento avesse conosciuto continuità di vita sino alla Tarda Antichità, fase in cui è possibile ascrivere un significativo ampliamento del nucleo insediativo originario con la realizzazione di un secondo corpo di fabbrica di forma rettangolare, dalle dimensioni valutabili di circa 80 x 60 m e analogo orientamento in senso SO-NE, caratterizzato dalla presenza di un’ampia corte centrale intorno alla quale si articolavano ambienti verosimilmente destinati ad ospitare magazzini, impianti produttivi e senza dubbio fornaci per laterizi, come segnalato dai numerosi scarti di lavorazione emersi in superficie (cfr. Goffredo – Volpe 2006, p. 241-242).

60 Per le ricerche condotte a Faragola si vedano i contributi raccolti nel recente volume Volpe – Turchiano 2010.

61 Le dimensioni del peristilio della villa di Faragola consentono di collocare la residenza ascolana nel gruppo delle ville con peristili monumentali, a cui appartengono, solo per citare esempi ben noti, i complessi di Piazza Armerina e Patti Marina. Per un’analisi più dettagliata, si veda Sfameni 2006, p. 75-82.

62 Nel corso del V secolo il complesso residenziale conobbe radicali trasformazioni planimetriche e funzionali : la porzione occidentale del peristilio e gli ambienti affacciati sul lato orientale del portico furono verosimilmente demoliti per consentire l’edificazione di una monumentale sala da pranzo (cenatio) con annesso portico e giardino esterno; parte dell’ala orientale del portico fu trasformata in corridoio di collegamento tra la cenatio ed il complesso termale, per il cui ampliamento furono utilizzate le strutture murarie dell’ala meridionale.

63 La difficoltà deriva dalla complessa e rapida successione di interventi edilizi pertinenti a fasi cronologiche diverse.

64 Al settore residenziale della villa di IV secolo d.C. si potrebbero riferire alcuni ambienti solo in piccola parte noti poiché del tutto obliterati dalla realizzazione, nel corso del V secolo, della cenatio e del suo deambulatorio. Si tratta di vani di piccole dimensioni, la cui realizzazione sembrerebbe essere contestuale all’impianto della villa di prima fase ovvero di età primo imperiale; gli ambienti avrebbero quindi conosciuto interventi di ristrutturazione nel corso del IV d.C., consistenti nell’apprestamento di nuovi piani pavimentali a quote più alte, tra cui un mosaico policromo con nodi di Salomone, nel parziale rifacimento delle murature preesistenti, nella rimodulazione degli spazi.

65 Leveau 2002, p. 272-276.

66 Rorison 2001.

67 Come recentemente ribadito da E. Todisco (Todisco 2012, p. 220), il sostantivo vicus è primariamente utilizzato nelle fonti per designare una ben riconoscibile forma dell’insediamento rurale : l’abitato raggruppato, che si distingue per la sua compattezza e, proprio per questa caratteristica, risulta percepibile come entità fisicamente autonoma. Tutti gli agglomerati di aedificia presenti nelle campagne di età romana, aldilà delle specifiche differenze di estensione ed articolazione, possono essere pertanto definiti vici.

68 Cfr. Capogrossi Colognesi 2002, p. 110.

69 In realtà le fonti letterarie non di rado si caratterizzano per una significativa ambiguità semantica nell’utilizzo dello stesso termine che, a seconda della tipologia e cronologia dei testi e a seconda delle finalità del documento, designa diverse realtà insediative. Cfr. Colecchia 2004, p. 49-52; Todisco 2004, p. 161-184.

70 Liv. 39, 2, 7; Svet. Nero 5, 1; Varro LL 5, 16.

71 Liv. 2, 62, 3-4.

72 Fest., s.v. vici (L, 502-8).

73 Liv. 22, 49, 13.

74 Varro Rust. 1, 16.

75 Capogrossi Colognesi 2002, p. 229-231.

76 Tarpin 2002; Todisco 2012.

77 Su questo tema si veda soprattutto il recente volume Todisco 2012.

78 Si vedano le considerazioni espresse in Cantino Wataghin – Fiocchi Nicolai – Volpe 2007, p. 88.

79 Volpe 2004, p. 309-313.

80 Cfr. Volpe 1996, p. 147-156.

81 Si pensi, ad esempio, ai numerosi agglomerati vicani noti a seguito delle indagini sistematiche condotte nella valle del Celone : in particolare il vicus sito in località Montedoro, identificabile verosimilmente con il praetorium Laberianum indicato dalla Tabula Peutingeriana lungo la strada Aecae-Luceria; l’abitato di Torre Guevara, nei pressi di Orsara di Puglia; il vicus di Perazzone, a circa 8 km ad E di Troia, per il quale non risulta peregrina l’identificazione con la statio Ad Pirum segnalata dalla Tabula lungo la via Traiana, a XII miglia da Herdonia. E ancora, gli insediamenti di Torrebianca, San Nunzio, Montaratro, Santa Giusta, Posticchio-Coppa Montone, Pozzo d’Albero. Per questi siti, si vedano Romano-Volpe 2005; Volpe 2005. Molteplici sono, quindi, i vici attestati e documentati entro i confini dei territori di Canusium (Goffredo 2011, p. 109-111; p. 143-144; p. 157-158; p. 180-181) e Venusia (Marchi 2005), nel comprensorio della valle del Basentello, ai confini tra Apulia e Lucania (Favia et alii 2005) ed infine nella penisola salentina (Aprosio 2008; De Mitri 2010, p. 29-46).

82 Small 2011.

83 Rorison 2001.

84 L’analisi è stata effettuata nella consapevolezza dei limiti informativi insiti in una documentazione archeologica prodotta esclusivamente da indagini di superficie condotte, peraltro, all’interno di un’area campione dell’intero insediamento.

85 Si tratta della necropoli della prima età imperiale recentemente scavata dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia in via Ciotta, nel settore meridionale della città di Ascoli Satriano. Si veda De Venuto – De Stefano – Maruotti 2012.

86 Gli scavi condotti nei pressi del mausoleo di Sedia d’Orlando consentirono di portare alla luce, immediatamente ad O del basamento in opera incerta, anche parte di una massicciata stradale. Si veda Mazzei – Mertens 1990, p. 312-314.

87 Favia – Giuliani 2011, p. 166-171.

88 R. Giuliani, nel contributo dedicato all’edificio A di Vagnari, opportunamente richiama, come confronti, esempi di strutture analoghe individuate in contesti rurali di area padana, dell’arco alpino (Mezzocorona nella valle dell’Adige), di ambito retico e gallico, evidenziando come la tipologia lineare di questi fabbricati fosse strettamente legata alla loro destinazione funzionale (cfr. Giuliani in Favia – Giuliani 2011, p. 169 e nota 42). Per quanto concerne, invece, le attestazioni in ambito vicano, saranno menzionati in questa sede solo i casi più esemplari e archeologicamente meglio noti. Edifici a pianta quadrangolare di modeste dimensioni, con ambienti utilizzati come magazzini di derrate alimentari e anfore, sono stati individuati nel corso degli scavi condotti presso il vicus di Falacrinae, sviluppatosi tra il I sec. a.C. ed il II sec. d.C. lungo la via Salaria (Coarelli – Keay – Patterson 2008, p. 65-66). Anche il vicus di Baccanae, articolatosi sul sito di una stazione di posta della via Cassia, si caratterizza per la presenza di piccole botteghe a pianta rettangolare sorte in prossimità del foro, delle taverne e delle terme di cui l’insediamento, a partire dall’età augustea, si dotò (Johnson – Keay – Millett 2004, p. 69-99). Si pensi quindi alle caratteristiche planimetriche e costruttive delle case-botteghe e dei magazzini degli abitati di Punta Secca-Kaukana (Carra Bonacasa 1995), Carabollace (Caminneci 2010), Campanaio (Wilson 2000, p. 337-369), Castagna (Wilson 1984-85, p. 489-500) in Sicilia; Sant’Efis (Nuoro) in Sardegna (Delussu 2007, p. 43-44; Id. 2008, p. 2665-2680); Vagnari (Gravina) in Puglia (Favia et alii 2005). Si segnalano, infine, le cosiddette strip houses dalla planimetria rettangolare con accentuato sviluppo longitudinale, solitamente adibite ad officine specializzate nella lavorazione dei metalli o nell’artigianato fittile, ben documentate in contesti vicani d’oltralpe, quali ad esempio Bliesbruck in Lorraine (Rorison 2001, p. 38, scheda Gaz. Fig. 42) o Florange-Daspich-Edange sempre in Lorraine (Rorison 2001, scheda Gaz. Fig. 44).

89 Favia – Giuliani 2011, p. 216-226.

90 Frequenti risultano le attestazioni relative alla presenza, all’interno di agglomerati insediativi interpretabili come vici, di aree o di impianti per la lavorazione dei metalli : così a Vagnari (Small – McLaren – Heald 2011, p. 279-285), a Muralto nel Verbano (Donati 1990, p. 243), a Campanaio in Sicilia (Wilson 2000, p. 340-342).

91 Il testo riportato è tratto dall’edizione teubneriana del De verborum significatu edita da M.W. Lindsay (Lindsay 1913, p. 502 L), con integrazioni recentemente proposte da E. Todisco (Todisco 2006, p. 605-614).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - La valle del Carapelle tra Ausculum e Herdonia : le aree indagate.
Titre Fig. 2 - Sedia d’Orlando : inquadramento topografico.
Titre Fig. 3 - Fontana di Rano : inquadramento topografico.
Titre Fig. 4 - Ascoli Satriano, loc. Faragola : veduta aerea della villa.
Titre Fig. 5 - Evoluzione del popolamento nella valle del Carapelle tra Romanizzazione e Altomedioevo.
Titre Fig. 6 - Sedia d’Orlando : restituzione grafica delle anomalie visibili nelle fotografie aeree oblique.
Titre Fig. 7 - Fontana di Rano : restituzione grafica delle anomalie visibili nelle fotografie aeree oblique.
Titre Fig. 8 - Sedia d’Orlando : localizzazione delle aree di reperti affioranti in superficie.
Titre Fig. 9 - Fontana di Rano : localizzazione delle aree di reperti affioranti in superficie.
Titre Fig. 10 - Fontana di Rano : localizzazione dell’area dell’insediamento sottoposta a raccolta per quadrati dei materiali di superficie e alle prospezioni geofisiche.
Titre Fig. 11 - Scheda di documentazione per quadrato.
Titre Fig. 12 - Tabella dei frammenti ceramici raccolti all’interno dei quadrati.
Titre Fig. 13 - Carta di distribuzione dei laterizi sulla base dei valori di densità.
Titre Fig. 14 - Tabella riassuntiva delle classi ceramiche raccolte entro i quadrati sottoposti a raccolta intensiva.
Titre Fig. 15 - Carta di distribuzione dei frammenti di ceramica da fuoco e comune (acroma e dipinta).
Titre Fig. 16 - Carta di distribuzione dei frammenti di ceramica a vernice nera, sigillata italica, sigillata africana e LRCW.
Titre Fig. 17 - Carta di distribuzione di dolia, anfore, macine, scarti di argilla, scorie metalliche.
Titre Fig. 18 - Sedia d’Orlando : magnetogramma dei dati elaborati.
Titre Fig. 19 - Sedia d’Orlando : interpretazione e mappatura delle anomalie magnetiche di interesse archeologico.
Titre Fig. 20 - Sedia d’Orlando : restituzione grafica complessiva delle tracce di interesse archeologico rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica.
Titre Fig. 21 - Fontana di Rano : magnetogramma dei dati elaborati.
Titre Fig. 22 - Fontana di Rano : interpretazione e mappatura delle anomalie magnetiche di interesse archeologico.
Titre Fig. 23 - Fontana di Rano : restituzione grafica complessiva delle tracce di interesse archeologico rilevate tramite fotointerpretazione e prospezione geofisica.
Titre Fig. 24 - Le ville romane di San Vito di Salpi (Trinitapoli), Barvagnone (Cerignola) e Torre degli Embrici (Rionero in Vulture).
Titre Fig. 25 - Ville urbano-rustiche lungo le coste del promontorio garganico.
Titre Fig. 26 - Carta di distribuzione delle ville di età romana della valle del Carapelle.
Titre Fig. 27 - Le ville romane della valle del Carapelle : restituzione grafica delle tracce aerofotografiche.
Crédits Elab. di V. Ficco.
Titre Fig. 28 - Pianta preliminare della villa di Faragola tra il III ed il IV secolo d.C.
Crédits Elab. di F. Monaco.
Titre Fig. 29 - Localizzazione della villa di Sedia d’Orlando rispetto al mausoleo funerario noto come « La sedia ».
Titre Fig. 30 - Ipotesi ricostruttiva del tracciato collinare della via Ausculum-Herdonia.
Titre Fig. 31 - Il vicus di Cifre-Sedia d’Orlando.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Roberto Goffredo, Vincenzo Ficco et Chiara Costantino, « Ville e vici della valle del Carapelle (Puglia settentrionale) », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 125-1 | 2013, mis en ligne le 13 décembre 2013, consulté le 20 novembre 2017. URL : http://mefra.revues.org/1310 ; DOI : 10.4000/mefra.1310

Haut de page

Auteurs

Roberto Goffredo

Università di Foggia, roberto.goffredo[at]unifg.it

Articles du même auteur

  • Salapia [Texte intégral]
    Storia e archeologia di una città tra mare e laguna
    Paru dans Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 127-1 | 2015

Vincenzo Ficco

Università di Foggia, enzoficco[at]gmail.com

Chiara Costantino

Università di Foggia, chiarafr2003[at]hotmail.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org