Navigation – Plan du site
Codifications et réformes dans l'Empire tardif et les royaumes barbares
I - Approches ponctuelles
L'entreprise justinienne

Mea sanxit aeternitas

Giustiniano e l’« eterno conflitto » tra ideale e realtà
Salvatore Puliatti

Résumés

A fronte della perfezione ed esemplarità riconosciute da Giustiniano all’opera di Compilazione, che la proponeva come « manifesto giuridico » di quell’età, un riscontro condotto attraverso l’esame delle affermazioni dell’imperatore contenute nella legislazione novellare evidenzia un atteggiamento più critico e meno celebrativo che ne constata imperfezioni e lacune, proponendone l’adeguamento attraverso un discorso unitario attuato per il tramite delle « leggi novelle ».

Haut de page

Notes de la rédaction

Les textes réunis dans ce dossier par Olivier Huck constituent les actes de la table ronde organisée à l’École française de Rome les 30 juin et 1er juillet 2009, sous l’intitulé éponyme Codifications et réformes dans l’Empire tardif et les royaumes barbares.

Texte intégral

1Che l’orientamento proprio del regime tardo imperiale a concentrare nelle mani dell'imperatore, « legge vivente », il monopolio del diritto e a garantirne « la rigorosa applicazione ed esecuzione » trovi espressione nella tendenziale identificazione del diritto con la legge e il codice, è chiaramente attestato da alcune significative testimonianze della letteratura cristiana e pagana di età tarda. Le Erotapokriseis, « domande e risposte » attribuite a Cesario di Nazianzo, ma probabilmente composte intorno alla metà del VI secolo, durante il regno di Giustiniano, sono un’opera singolare nella letteratura patristica tarda ; esse trattano temi di astrologia e teologia, ma contengono all'interno del testo un'indicazione significativa di quel mutamento delle concezioni giuridiche che ha visto l’affermarsi prepotente dell'esclusivismo normativo imperiale. All'interno del secondo « dialogo » l'autore sottolinea :

Ps. Caesarius 2.109 (PG 38, 980, 17-38) : In ogni paese, fra gli altri popoli come da noi, esistono le leggi dei principi, [...] siano affidate o no alla scrittura. In alcuni luoghi vige il testo scritto, in altri la consuetudine. Coloro che non hanno leggi, nel senso stretto della parola, considerano leggi le usanze ancestrali.

  • 1 Più ampiamente in proposito Bretone 2000, p. 359-364, da cui si cita per la traduzione.

2La legge scritta è per lo Pseudo-Cesario la manifestazione per eccellenza della volontà normativa, contrapposta a essa, ma con ruolo residuale, sta la consuetudine.1 Del resto sul versante della letteratura pagana non diversa concezione esprimeva, intorno alla metà del quarto secolo, l’autore del trattato De rebus bellicis :

De reb. bell. 21. 1-2 : Divina providentia, sacratissime imperator, domi forisque rei publicae praesidiis comparatis, restat unum de tua serenitate remedium ad civilium curarum medicinam, ut confusas legum contrariasque sententias, improbitatis reiecto litigio, iudicio augustae dignationis illumines.

  • 2 Come per il mondo classico, il momento dell'oralità era centrale nella trasmissione del sapere in g (...)

3Ancora una volta il richiamo è all'autorità « altissima » della legge proveniente dalla augusta dignatio : solo essa può fugare la confusione delle norme ridando certezza al diritto. Traspare evidente, tra le righe dell'anonimo autore, il valore centrale dell'intervento ordinante della volontà imperiale, che sembra prefigurare nel ricorso al codice lo strumento definitivo di soluzione dell'iniquità della giustizia2.

  • 3 E’ sufficiente in proposito ricordare la successione dei titoli all’interno del primo libro del Cod (...)
  • 4 Certo depongono in questo senso la sistemazione secondo un preciso ordine sistematico e cronologico (...)
  • 5 L’esame dei risultati di tale raffronto rende evidente quale sia stato lo sforzo dei compilatori pe (...)
  • 6 Gesta senatus, 5 : Plures codices fiant habendi officiis. Dictum X ; In scriniis publicis sub signa (...)
  • 7 De Marini Avonzo, 1973, p. 94-99 ; Harris 1991, p. 335-343 ; Bretone 2000, p. 371 ; Purpura 1995, p (...)

4Tale concezione dell’esclusivismo normativo imperiale unita all'esigenza di semplificazione giuridica trova, all'interno della Codificazione Teodosiana, piena attuazione. La necessità di organizzare secondo uno schema di tipo gerarchico il sistema delle fonti di produzione, già manifesto all'interno della legislazione di Valentiniano III, risulta in piena evidenza dalla stessa sequenza secondo cui, nei primi titoli del Codice, si susseguono le singole fonti del diritto. La primazia in essi assegnata agli edicta costituisce chiaro segno di una volontà di rottura con il sistema del Principato in vista dell'affermazione piena dell'unicità della fonte di produzione normativa imperiale.3 Quanto alle esigenze di semplificazione, unificazione e conoscibilità dei materiali giuridici precedenti, oltre le numerose indicazioni ricavabili dalle costituzioni introduttive e di pubblicazione4 e dal confronto con le costituzioni Sirmondiane5, fornisce ampia attestazione il verbale della seduta del senato romano del 25 dicembre 438 ; in esso per ben ventitré volte i senatori con ripetute acclamazioni esprimono il loro apprezzamento per il realizzato superamento delle ambiguità delle leggi : constitutionum ambiguum removistis, insistendo sulla chiarezza e sulla stabilità dei testi ottenute mediante la revisione del diritto imperiale. Non manca peraltro un'attenzione dei senatori agli aspetti materiali della stabilizzazione giuridica, come risulta dalle acclamazioni che chiedono la capillare diffusione del Codice e si preoccupano di suggerire i mezzi per garantire l'autenticità delle copie da predisporre6. Ma dalle stesse acclamazioni emerge una diversa e più rilevante valenza ideologica testimoniata dal Codice trasmesso, che ha radici in fondamenti culturali e moventi di pensiero ampiamente diffusi negli ambienti dell’aristocrazia pagana e della cultura cristiana del tardo impero. In quegli ambienti, sia pure per ragioni diverse, si era affermato il principio della reverenza e del rispetto verso l'autorità del testo. Ciò era frutto da un lato dell’ideologia conservatrice, espressione degli interessi antiquari e classicisti dell'aristocrazia senatoria romana, e dall'altro della concezione cristiana dell’autorità intrinseca della scrittura fondata sulla rivelazione e dell'importanza riservata da quella cultura alla ricerca erudita e all'indagine archivistica. Di questi presupposti ideologici il Codice Teodosiano appare espressione, determinando, in uno con l'affermazione dell'ideologia dell'imperatore unico creatore e interprete del diritto, il principio dell'autorità del testo legislativo in quanto tale, essenziale presupposto della indefettibile applicazione e della assoluta osservanza che a esso deve essere assicurata7.

  • 8 In tal senso Talamanca 1995, p. 786-792.
  • 9 Const. Tanta pr. = CI 1.17.2 pr.
  • 10 Const. Tanta 18 = CI. 1.17.2.18. In proposito Lanata 1984, p. 165-187 ; Bretone 2000, p. 391. D'alt (...)
  • 11 App. Nov. 7. 11. Nella volontà di riordino e conservazione del sistema giuridico « ricevuto » si av (...)

5Ma il completamento del percorso intrapreso verso l'unificazione del diritto e il superamento delle diversità si realizza infine con Giustiniano e con il suo tendenziale proposito di eliminare tutte le ripetizioni e le contraddizioni di iura e leges, tanto in sé quanto nei rapporti reciproci, nella prospettiva della realizzazione di un ordinamento costituito da un complesso unitario di proposizioni normative tutte ugualmente espressione della volontà imperiale.8 Come ogni dubbio e antinomia doveva essere bandito dal Codice nella prospettiva della realizzazione di una raccolta ordinata ed esaustiva della legislazione imperiale, così nel Digesto le figure dei singoli giuristi, la singolarità e originalità del loro pensiero si stempera in un'unica consonantia o symphonia, ut nihil neque contrarium, neque idem, neque simile in ea inveniatur9 ; ciò che conta in questa raccolta non è la posizione del singolo, per autorevole e giustificata che sia, ma il sistema giuridico nella sua unità. A integrarlo potrà provvedere solo un nuovo intervento della volontà normativa imperiale, perché la natura è mutevole e possono emergere nuovi rapporti « non ancora trattenuti dai lacci delle leggi »10. E anche le leggi nuove, nell’ottica del legislatore, non staranno a sé, ma concorreranno assieme al vigore delle Compilazioni a formare la trama unitaria dell’ordinamento imperiale11.

6Non c’è dubbio che la funzione principale cui il lavoro tardo imperiale di codificazione ha corrisposto sia la collectio in unum, la raccolta e l’accessibilità dei testi normativi. Per il Teodosiano gli intendimenti collettanei sono chiaramente denunziati nei Gesta senatus Romani, ove si afferma l’intento :

  • 12 Con la stessa sistematica del Gregoriano e dell’Ermogeniano la codificazione intendeva insomma crea (...)

Gesta senatus 2 : ut in unum collectis legum praeceptionibus sequenda per orbem sedecim librorum compendio […] constitui iuberet12,

  • 13 In particolare nella costituzione del 528 al Senato Haec quae necessario (in quem [Codicem] colligi (...)

7e per l’età giustinianea sono di poi ribaditi nelle costituzioni introduttive e di pubblicazione delle diverse parti della Compilazione13 con riferimento non solo ai materiali, bensì soprattutto ai contenuti sostanziali : un solo impero, un solo diritto, una sola legislazione. Così nella costituzione Haec quae necessario del 528, indirizzata al Senato, l’imperatore afferma :

Haec quae necessario pr. : in quem [Codicem] colligi tam memoratorum trium codicum quam novellas post eos positas constitutiones oportet,

8e al termine del ciclo, nella costituzione Cordi, ribadisce :

Cordi nobis est … sacratissimas constitutiones, quae in diversa volumina fuerant dispersae … in unum corpus colligere.

  • 14 Certo nonostante i propositi di sistemazione e riordino che ispiravano i compilatori ben diversa da (...)
  • 15 In tal senso Mantovani 1999, p. 512 ; Bretone 2000, p. 397 ; più in generale sull’affermarsi del co (...)
  • 16 Simon 1973, p. 18-28. Meno libero, più vincolato apparirebbe il ruolo dell’interprete in relazione (...)

9Naturalmente l’intento unitario presupponeva, assieme alla funzione di raccolta del materiale normativo, il fine della sua accessibilità al pubblico tanto degli esperti quanto degli illetterati14. La prima misura non poteva dunque che essere quella della conservazione dei testi15 : un fine per così dire non antiquario, bensì di profferta di contenuti, qualunque ne fosse la risalenza16.

  • 17 Nel 443 ai constitutionarii teodosiani fu dato l’ordine esclusivo di eseguire le opportune trascriz (...)

10Costituito il corpus, era compito dell’autorità politica e amministrativa assicurargli adeguata pubblicazione e distribuzione nel territorio perché il pubblico ne acquisisse conoscenza e lo applicasse. Ne furono incaricati, per quanto riguarda il Teodosiano, appositi funzionari (constitutionarii), e per quanto riguarda il Codice giustinianeo il funzionario (prefetto del pretorio) cui era normalmente affidata la trafila della pubblicazione delle nuove leggi17. E ai prefetti d’Oriente, dell’Illirico e della Libia fu affidata la diffusione del Digesto. Lo scopo primario era dunque quello di diffondere e ampliare, attraverso la pubblicazione e la conseguente pubblicizzazione delle norme, la conoscenza di un diritto ormai finalmente esistente e unitario per poter provvedere alla sua corretta applicazione.

  • 18 Quanto alla reale penetrazione e circolazione dei testi della Compilazione giustinianea nei vari te (...)
  • 19 Perciò in tal senso è da intendere quanto si è detto in dottrina sulla « corretta utilizzazione del (...)

11Sotto questo profilo l’opera di codificazione nel suo complesso e le altre compilazioni di leges sono quindi anzitutto da considerare strumento di conoscenza del diritto perché questo, mediante le trascrizioni e la distribuzione territoriale delle copie « ufficiali », raggiungeva un'effettiva diffusione18. Ma, considerando che attraverso il controllo degli organi preposti essa offriva sufficienti motivi di certezza dei contenuti normativi, si può asserire senza timore di andar lontani dal vero che nel contempo costituiva un sistema di autenticazione del diritto stesso e quindi serviva, seppure non esclusivamente, a stabilire il diritto ufficiale19.

12Il diritto elaborato nei Codici, a parte la preterizione dei superflui rivestimenti espressivi (inanem verborum copiam) e il rifiuto della diversità dei contenuti (omni iuris diversitate exclusa), rappresenta l’impreteribile e perenne essenzialità ed esso non può esser conosciuto che nelle forme idonee di pubblicità per esso previste.

  • 20 Sottolinea il ricorrere di questi appellativi in riferimento alla maiestas imperialis nel linguaggi (...)

13Del sentimento della perfezione ed esemplarità del lavoro realizzato e della perpetuità del risultato dell’attività legislativa e codificatrice forniscono ampia attestazione le costituzioni programmatiche che a più riprese ne sottolineano l’imperitura vigenza, trasferendo al prodotto dell’attività normativa imperiale quella qualifica di perennitas che nel linguaggio delle cancellerie imperiali di V sec. è attributo proprio della maiestas imperialis20.

14Così, in chiusura della constitutio Tanta con cui disponeva la pubblicazione del Digesto, Giustiniano, animato dal sentimento dell'eccezionalità del lavoro ultimato, non solo ne stabiliva il pieno vigore e l’applicabilità ai giudizi pendenti, ma, esaltandone come dono divino la realizzazione, ne sottolineava senza riserve la perennità dei precetti :

3- Const. Tanta 23 : Leges autem nostras quae in his codicibus… posuimus, suum optinere robur ex tertio nostro felicissimo sancimus consulatu…in omne aevum valituras…,

15e all’atto della pubblicazione del Novus Iustinianus Codex, nella costituzione Summa, l’imperatore ne ribadiva la validità perenne e l’utilizzo esclusivo in luogo dei precedenti Codici :

Const. Summa 3 : Hunc igitur in aeternum valiturum iudicio tui culminis intimare prospeximus, ut sciant omnes tam litigatores quam desertissimi advocati nullatenus eis licere de cetero constitutiones ex veteribus tribus codici bus […] in cognitionalibus recitare certaminibus […] ;

16e a chiusura del ciclo, nella costituzione Cordi infine, nel rivolgersi al senato costantinopolitano come destinatario privilegiato della revisione ultimata del Codex, Giustiniano ancora una volta poneva l’accento sulla perpetua durata del lavoro realizzato dai compilatori :

Const. Cordi 6 : Ut igitur, sanctissimi atque florentissimi patres, nostri labores vobis manifesti fiant et per omne tempus obtineant, hanc praesentem legem ad frequentissimum ordinem vestrum duximus destinandam.

17Proclamando così la validità perpetua delle norme contenute in Codice e Digesto, il legislatore mostra di accogliere la concezione risalente che fa della perennità l’attributo proprio della legge imperiale.

  • 21 Cfr. anche Nov. 104.2.
  • 22 Nov. 97.6.2 del 17 Nov. 539. Rileva peraltro l’atteggiamento contraddittorio dei protagonisti dell’ (...)

18E le Compilazioni realizzate appaiono il prodotto compiuto degli ambiziosi progetti formulati, legittimando le note di elogio che alcuni inserti novellari riservano agli stessi protagonisti dell’opera compilatoria, a Triboniano anzitutto, alla cui indefessa attività Nov. 75 (del dicembre 537) attribuisce il merito di aver ricondotto omnis legum ambiguitas, omnis latitudo in praesentem concordiam et pulchram brevitatem21, e poi all’imperatore stesso, cui va riconosciuto il risultato di aver riorganizzato la multitudinem legum, riportandola a una meliorem et magis continuam viam22.

  • 23 Lanata 1984, p. 37, che, pur muovendo dalla considerazione critica rivolta dal legislatore novellar (...)
  • 24 Negli scritti politici di età giustinianea sono asseverati come fondamenti alcuni concetti : che la (...)
  • 25 Dell’attenzione posta dall’imperatore, nell’esercizio delle sue funzioni, al perseguimento del bene (...)
  • 26 E’ nella realizzazione di queIl’unitario e armonico sistema giuridico, nella sua estensione a tutte (...)
  • 27 Così Lanata 1994, p. 35, la quale sottolinea come « il criterio di differenziazione tra gli alleati (...)
  • 28 Per questa terminologia e per i concetti qui espressi Lanata 1994, p. 27-30.
  • 29 In tal senso Lanata 1984, p. 37.
  • 30 CI. 1.29.5.
  • 31 Per le modalità e i livelli di diffusione delle leggi romane cfr. Puliatti 2008, p. 99-133.

19E’ facile comprendere, alla luce di queste affermazioni, come le raccolte ultimate potessero legittimamente aspirare, nella visione dei loro autori, a presentarsi come « il manifesto giuridico della dominazione giustinianea »23. Secondo l’ideologia imperiale del potere, principio generale da osservare è quello del rispetto della legge romana e della sua applicazione uniforme contro ogni forma di particolarismo. Come universale è l’impero, così assorbente e totalizzante non può che essere la visione del potere imperiale e del diritto che da esso promana24. All’imperatore spetta il compito di assicurare la generalis quies, di provvedere alla difesa dei privati25 : e la realizzazione di un ordinato e armonico sistema giuridico, che ha nelle Compilazioni il proprio fulcro, costituisce lo strumento privilegiato di cui egli deve avvalersi per contemperare l’utilitas pubblica e privata, per realizzare quell’uniformità di precetti che sta alla base di un ordinamento comune, che costituisca parametro di « normalità » capace di rispondere alle istanze molteplici provenienti dalla necessità di tutela dei communes26. A fronte del mondo barbarico, privo di un sia pur rudimentale ordine giuridico, dominato da costumanze rozze e ripugnanti, l’imperatore cristiano sente l’orgoglio della missione affidatagli : realizzare la difesa di un mondo che è romano e cristiano, ma che è soprattutto giuridicamente fondato27. A questa funzione normalizzatrice e ordinante, che si propone di favorire il riassorbimento degli stati particolari per il tramite di precetti uniformi, corrisponde l’immagine stessa della Compilazione ai cui precetti vanno ricondotte le situazioni di « alterità », favorendone così il rientro nell’ordine e nella normalità della « koinè » imperiale28. E’ quanto testimonia un gruppo di costituzioni relative all’Armenia, un territorio, questo, in cui le forme « colonialistiche » assunte dal dominio romano favorivano il riassorbimento di tutte le diversità culturali, religiose, giuridiche entro un unico modello « romano »29. Dell’Armenia la legislazione giustinianea si era occupata una prima volta, nel quadro di un più ampio progetto di riordino amministrativo che coinvolgeva altre ripartizioni dell’ordinamento periferico, in una costituzione non datata del Codice30 che affidava a un magister militum il governo del territorio. Ma la tendenza romana a imporre le proprie costumanze e la propria tradizione giuridica alle popolazioni via via incorporate nelle province imperiali si manifesta in maniera più evidente nei provvedimenti giustinianei volti a correggere l’ordine successorio applicato in quelle località. L’imperatore, con l’Ed. 3 del 535, dopo aver constatato l’uso « barbarico e tracotante, non adatto ai romani né alla giustizia della nostra politeia », di escludere dalla successione le figlie femmine, disponeva rigorosamente l’applicazione anche in Armenia del diritto successorio nelle forme previste dalla Compilazione giustinianea. Proprio per questo l’imperatore, nel primo capitolo dell’Editto, affermava di aver inviato anche in quei territori le proprie leggi, affinché gli Armeni si comportassero in conformità ad esse31 :

Ed. 3.1 De Armeniorum successione : Et quoniam nuper cognovimus barbaricam quondam audacemque esse apud eos legem neque Romanis neque nostrae reipublicae iustitiae congruentem, ut masculi in parentum hereditatem succedant, feminae vero non, propterea sancimus usi praesenti ad magnificentiam tuam sacra lege, aequales esse successiones et quaecumque et de viris et de mulieribus Romanorum legibus constituta sunt, haec etiam in Armenia obtinere. Idcirco enim nostras leges illuc transmisimus, ut eas respicientes ita viverent (a. 535).

  • 32 Nov. 31, praef. : Quae temere iacent et effuse si ad iustum ordinem perveniant et bene disponantur, (...)

20L’obiettivo del superamento delle diversità perseguito attraverso l’invio dei testi della Compilazione è peraltro, a pochi mesi di distanza dall’emanazione dell’Editto 3, ribadito da altri due testi novellari emanati entrambi il 18 marzo 536. Nel primo di essi, la Nov. 31, indirizzata a Giovanni prefetto del pretorio d’Oriente, l’imperatore, nel disporre la riorganizzazione territoriale e amministrativa delle quattro Armenie, ne esaltava il proposito di rinnovamento da attuarsi attraverso la sostituzione alla precedente precarietà e confusione di uno stato di ordine e perfetta armonia e rimarcava la validità ed efficacia del modello romano32. Ma nel secondo, la Nov. 21 indirizzata ad Acacio, proconsole della nuova provincia, non solo ricordava l’attribuzione alle cariche appena istituite di denominazioni « romane », in linea con il più ampio proposito di ripristino dei valori dell’antiquitas all’interno della rinnovata politeia, ma nell’intento di ricondurre l’Armenia al modello romano, affinché questa in nulla differisse dal resto della res publica, ne stigmatizzava il « costume barbarico » di escludere le figlie femmine dalla successione paterna e l’usanza primitiva di comprare le mogli, pratiche queste contrarie alla natura e oltraggiose per il genere femminile, quasi che questo non provenisse da Dio e non fosse destinato alla procreazione sed tamquam vile et contemptum et quod omnis honoris expers esse deberet. E a questo fine l’imperatore aggiungeva :

Nov. 21.1 De Armenis, ut ipsi quoque per omnia romanorum leges sequantur : Nam si nostri imperii sunt inserviuntque nobis cum reliquis gentibus atque omnibus quae nostra sunt fruuntur, non sane solae inter eos feminae ab aequalitate, quae apud nos est, repellentur, sed ad omnes aequaliter leges nostrae pertinebunt, tam illae quascumque ex antiquis collegimus et in nostris Institutionibus et Digestis collocavimus quam illae quaecumque ex imperiali legumlatione et anteriorum imperatorum et ipsa nostra praescriptae sunt (a. 536).

  • 33 Cfr. in proposito Lanata 1984, p. 39.
  • 34 Parla di « opera in qualche misura aperta che prevede espressamente per il futuro un’attività di re (...)
  • 35 Un quadro delle motivazioni che ispirano la legislazione giustinianea in tema di incesto in Puliatt (...)
  • 36 Coll. 6.4.1 = CI. 5.4.17, che ne riporta il solo par. 5, promulgata a Damasco nel 295 durante il co (...)

21Nelle parole dell’imperatore emerge con chiarezza « la missione civilizzatrice ed egualitaria » affidata solidalmente ai testi della Compilazione, presentati come un blocco unitario e coerente, e a essi si attribuisce il compito di portare fino agli estremi confini dell’impero il modello delle corrette tradizioni romane, contro la devianza della barbarie33. Certo al fondo di quei provvedimenti stavano probabilmente altre ragioni, legate al tentativo del potere centrale di interrompere un modo patriarcale di trasmissione della proprietà per linea esclusivamente maschile, favorendone il frazionamento e il conseguente indebolimento degli assetti, ma non era questo l’obiettivo che si intendeva raggiungere, quanto piuttosto quello di affermare i valori della giuridicità attraverso cui quel riassorbimento nella normalità dell’ordine imperiale poteva avvenire. E le Istituzioni, il Digesto e il Codice assolvono al ruolo di simbolo della auspicata civiltà giuridica che l’imperatore intende imporre contro la devianza della barbarie. Ma qui come altrove ai valori ideali perseguiti fa ostacolo la diversità del reale, che genera resistenze e ostilità fino a determinare l’eliminazione fisica di Acacio, cui era stata affidata l’amministrazione dei territori riordinati, l’intervento persiano, e in ultima analisi il totale superamento dei provvedimenti giustinianei. Contrasto questo, tra perfezione del modello imperiale e imperfezione della vicenda umana, che troverà a più riprese espressione nella legislazione novellare, determinando un costante rapporto dialettico con l’opera di compilazione, che pur riconoscendo i risultati e i valori positivi dello sforzo compiuto, non ne fa un tutto intangibile, ma la considera come un « sistema aperto », che lascia spazio a un’attività di revisione e adeguamento capace di sanare i difetti inevitabili del lavoro compiuto e di fronteggiare le nuove emergenze34. Tutto andava ricondotto all’ordine della legge imperiale, parametro costante dell’agire umano, o in forza di una pacifica adesione alle norme e alle costumanze romane, o attraverso l’intervento precettivo della volontà imperiale. Ove un riassorbimento pacifico delle situazioni di diversità non risultava possibile non restava altra via, per preservare l’unità della politeia imperiale, che intervenire sanzionando i comportamenti più gravemente devianti, onde evitare che pratiche aberranti potessero contaminare la « normalità » dell’ecumene. Così, a proposito delle condotte matrimoniali in Osroene e Mesopotamia, le pratiche endogamiche ivi particolarmente diffuse tra la popolazione appaiono alla considerazione del legislatore anomalie così intollerabili da non ammettere composizione alcuna. Di fronte alla « normalità » romana, basata sulla preferenza per i rapporti esogamici, quelle pratiche si mostravano perturbatrici dell’ordine dei matrimoni e gravemente lesive di una tradizione indiscussa fondata sul fas, sui mores antichi della comunità cittadina e più in generale su una precisa regolamentazione giuridica rappresentata da tutta la disciplina della Compilazione35. In proposito già una costituzione dioclezianea trasmessaci dalla Collatio e riportata parzialmente dal Codice giustinianeo36 stigmatizzava la « esecranda libidine ferina » che ispira i comportamenti incestuosi, sottolineando come essa non potesse essere che avversata e repressa in quanto « contraria alla natura », onde evitare che il diffondersi delle nozze incestuose potesse confondere le generazioni, offendere la stirpe, concretare un « atto empio e impuro ».

Coll. 6.4.2 e 4 (= CJ.5.4.17) : 2. Nefas enim credere est ea, quae in praeteritum a compluribus constat esse commissa, cum pecudum ac ferarum promiscuo ritu ad inlicita conubia instinctu execrandae libidinis sine ullo respectu pudoris ac pietatis inruerint…4. Sed posthac religionem sanctitatemque in conubiis copulandis volumus ab unoquoque servari, ut se ad disciplinam legesque Romanas meminerint pertinere et eas tantum sciant nuptias licitas, quae sunt romano iure permissae (a. 295).

  • 37 A queste attenuanti si rifà il regime di sanatoria introdotto da Giustiniano con Nov. 139 (per gli (...)

22Gli Armeni che compravano le mogli, e così pure gli abitanti di Sindys, di Tiro e dell’Osroene, che contraevano unioni illegittime, si ponevano per ciò stesso agli occhi del governo romano fuori dalla legge e dall’ordine (con un comportamento solo parzialmente scusabile in vista della loro rusticità)37. A questo fenomeno diffuso e preoccupante, conseguenza della crisi degli assetti della società civile e del declino delle città che portava a rivalutare il ruolo del nucleo familiare, rafforzandone le strutture attraverso un’operazione di chiusura improntata a modelli endogamici estranei alla società romana, occorreva porre rimedio ribadendo l’imprescindibilità di quel modello. In proposito ancora Nov. 12 del 535 osservava che chi contrae matrimonio deve essere costretto a « restare all’interno della natura, a non praticare un amore che oltrepassi i limiti, a non oltraggiare le leggi che la natura ci ha tramandato »

Nov. 12.1 De incestis nuptiis : Qui enim, cum legitimas nuptias contrahere liceat, illegitimas appetit […] esto quidam ei poena […] ut discat caste vivere, et intra naturam se continere, nec vero luxuriari et quae modum excedunt appetere legibusque a natura nobis traditis vim facere (a. 535).

  • 38 CI. 1.3.54.11 (a. 533-534) ; 1.27.2.36 (a. 534) ; 7.37.3.5 (a. 531) ; Novv. 9.3 ; 35.11 ; 36.6.
  • 39 Si tratta di una concezione attestata quanto meno a partire da Teodosio II e Valentiniano III : lex (...)

23Il tentativo di contrapporre alle tradizioni e alle tendenze centrifughe il manifesto della Compilazione trova qui riaffermazione, sia pure indiretta, testimoniando ancora una volta della valenza ideologica da esso assunta nella visione degli stessi artefici che, nel riaffermarne il carattere di parametro di giuridicità, ne riconoscono la natura di veicolo di civilizzazione e affermazione della « romanità ». E l’imperatore e i prodotti stessi della sua attività legislativa e codificatrice sono con ciò stesso proiettati in una dimensione perenne, al di fuori di ogni connotazione di tempo : mea sanxit aeternitas è sintagma ricorrente nelle costituzioni giustinianee38, a sottolineare la perennitas delle norme imperiali in sintonia con una concezione della produzione normativa tipica già delle cancellerie del V sec.39 Così in Nov. 1 del 535, disponendo in materia di lasciti ereditari e legge Falcidia, il legislatore afferma :

Nov. 1.4 De heredibus et lege Falcidia : Non enim iis tantum, qui sub nostro imperio, vel qui nunc sunt hominibus, sed omni etiam posthac decorrenti tempori leges ferimus (a. 535).

24Alle ambiziose dichiarazioni di intenti si affiancano peraltro, nelle stesse costituzioni introduttive e poi più frequentemente nella legislazione novellare, considerazioni più riduttive, da cui traspaiono le difficoltà cui il lavoro compilatorio era andato incontro e le incertezze che ne avevano contrassegnato la realizzazione e la pratica applicazione. Nella Nov. 18 del primo marzo 536, all’atto di affrontare il problema dell’entità della quota legittima, già disciplinato da Nov. 1, elevandola da un quarto a un terzo o anche alla metà in rapporto alla consistenza della prole esistente, e di ridisciplinare la possibilità della legittimazione di figli naturali per susseguente matrimonio, l'estensore sente la necessità di giustificare le ragioni del nuovo intervento e di fornirne le ragioni teoriche. Dopo aver ricordato l'ampia letteratura giurisprudenziale in campo successorio contenuta nelle opere degli antiqui prudentes e l’intervento operato in proposito dalla piorum principum potestas, l'imperatore, prendendo coscienza della molteplicità del reale e delle difficoltà di circoscriverne la variabilità all'interno del dettato normativo, osserva :

Nov. 18 pr. Ut legitima portio : Dum autem deum semper intuemur atque quomodo et probati et videamur et agamus quod dignum sit beneficiis in nos collatis, semper aliquid reperire insuper annitimur, quod et naturae conveniat et priora corrigat (a. 536).

  • 40 Emblematica in proposito è la disciplina dettata in tema di legittimazione dei figli naturali per s (...)
  • 41 Rimandi precisi sono riscontrabili solo in Nov. 2 sulle seconde nozze, che richiama, per abrogarle, (...)
  • 42 Così De Marini Avonzo 2001, p. 283, la quale ricorda l’esempio di Cassiodoro, che nelle Variae most (...)
  • 43 Del resto la stessa Nov. 18 non manca di rilevare ripetutamente la litigiosità elevata e il ricorso (...)

25Muovendo dalla concezione dell'imitazione divina e dalla gratiarum actio per i benefici concessi, l’idea centrale dell’infinita perfettibilità della legge, che aveva trovato già espressione nella Tanta-Dedoken e nella costituzione Cordi, ha qui riaffermazione precisa. Pur nella sua aspirazione a una durata illimitata, la norma imperiale doveva adeguarsi alle continue trasformazioni della natura, di quella natura cui il legislatore cercava di conformarsi in uno sforzo continuo di miglioramento e di emendamento delle leggi vigenti. E in queste affermazioni a prevalere è la prospettiva realistica dell’adeguamento, e a darvi attuazione stanno, nella visione imperiale, le « costituzioni nuove » che consentono di ovviare alla fissità della legge scritta40. Ma nel disposto della norma imperiale è l'idea stessa della perfezione e organicità del lavoro compilatorio a essere messa in discussione, anzi è la codificazione nella sua essenza a risultare oggetto di una considerazione sfuocata. Il rimando alla normativa preesistente, di cui la costituzione fornisce in larga misura interpretazione, avviene quasi sempre in termini generici, senza un richiamo preciso ai luoghi del Codice in cui risultavano inserite le norme cui si rinviava41. Così sono frequenti i rinvii del tipo : ac reliquae leges omnes, quae de inofficiosi querella latae sunt, et maxime nostrae in suo robore conserventur (capitolo 2), ovvero : cum enim priores leges de collationibus constituerint... (capitolo 6), e altri simili. Il risultato dell’opera codificatoria è ignorato o svalutato, nulla più che un semplice « contenitore » all’interno del quale le singole norme conservano propria individualità, traendo la loro autorità più dalla promulgazione iniziale che non dall’essere state inserite all’interno della raccolta42. Quando da un piano di valutazione complessiva dell’opera il legislatore scende sul terreno concreto del confronto con i singoli provvedimenti normativi e con i risultati concreti dello sforzo di codificazione, l’immagine idealizzata e stereotipa della Compilazione tende a offuscarsi, le imperfezioni si fanno più evidenti e il dialogo tende a riallacciarsi ai singoli legislatori, in uno sforzo di coordinamento e risistemazione organica che trova in alcune disposizioni novellari compiuta espressione43.

26Quadro non diverso emerge, peraltro in epoca ancor più prossima alle Compilazioni, da Nov. 1 del 1° gennaio 535 che, nell’occuparsi della revoca della legittima per inosservanza delle disposizioni particolari stabilite dal testatore, sottolinea la devoluzione frequente di controversie in proposito all’imperatore, lasciando intendere uno stato poco perspicuo e una scarsa coerenza delle norme esistenti nonostante la pubblicazione dei nuovi « Libri delle leggi ». Di qui la necessità che l’estensore di Nov. 1 – verosimilmente lo stesso Triboniano, artefice principale dell’opera compilatoria – propone di provvedere a un recupero di non meglio precisate leggi genericamente attribuite ad ‘antichi legislatori’, allo scopo di assicurare certezza al diritto :

Nov. 1 pr.-1 : Semper igitur negotium nobis facessunt alii propter legata relicta nec tamen praestita nos adeuntes, alii propter libertates, alii propter aliud quid, quod qui hereditates reliquerunt dari quibusdam aut fieri iusserunt : ei vero quibus obtingunt improbe et appetunt bona et accipiunt nec iussa exequuntur ; tametsi a veteribus etiam legislatoribus dictum sit defunctorum dispositiones, si quae legibus non repugnant omnibus modis esse implendas. Sed quondam leges ita conscriptas iam magna ex parte neglectas invenimus, eas instaurandas existimavimus, et tam superstitibus securitatem ex illis praestandam quam defunctis honorem inde persolvendum.

  • 44 Che in materia successoria nella Compilazione fosse stato compiuto uno sforzo disomogeneo di risist (...)
  • 45 Dove può, però, il legislatore, anziché denunciare l'insufficienza della Compilazione, preferisce a (...)

27Decisione certamente singolare questa, per chi aveva appena ultimato la seconda edizione del Codice, e che ancora in seguito, al capitolo 1.1, non poteva fare a meno di osservare nihil vero inordinati neque confusi ne in his quidam fieri volumus, rivelando in tal modo piena consapevolezza delle imperfezioni e carenze del lavoro compiuto : ma del tutto coerente con quel proposito di risistemazione organica che aveva ispirato la stessa opera di compilazione44. Il Codice era perfetto, come affermava la costituzione Cordi, visto che nessuno dei progetti giustinianei poteva essere manchevole o imperfetto, ma nella considerazione del legislatore più perfette ancora erano le leggi che intervenivano a correggerne e adeguarne il disposto secondo quell'ottica della perfettibilità che costituisce il vanto e il merito stesso della legislazione corrente giustinianea45. Così, nel dettare una disciplina organica del matrimonio e delle seconde nozze, l’imperatore afferma

  • 46 Così l’imperatore giustifica la necessità di promulgare una legge che riordini e disciplini l’inter (...)

Nov. 22. praef., De iis qui secundas nuptias contrahunt : Nos autem cum in constitutionum compositione alia multa de his definivimus tum nunc re consiliis perfectioribus considerata quaedam emendando esse existimavimus non solum eorum quae ab aliis, sed eorum quoque quae a nobis ipsis sancita fuerunt46.

  • 47 App. Nov. 7.11.

28Ma anche le costituzioni novelle, che consentiranno di ovviare alla fissità della legge scritta intervenendo a « correggere, ricomporre e consegnare a misure e regole idonee ogni nuovo accadimento », non staranno a sé, ma, nella visione imperiale, concorreranno con le Compilazioni a formare un ordinamento unitario affinché una deo volente facta republica, legum etiam nostrarum ubique prolatetur auctoritas47.

Haut de page

Bibliographie

Archi 1976 = G. G. Archi, Teodosio II e la sua codificazione, Napoli, 1976.

Archi, 1988 = G. G. Archi, La certezza del diritto nella esperienza giuridica romana : le compilazioni postclassiche, in Estudios en homenaje al profesor Juan Iglesias, I, Madrid, 1988, p. 65-77.

Barone Adesi 1998 = G. Barone Adesi, Ricerche sui corpora normativi dell’impero romano. I corpora degli iura tardoimperiali, Torino, 1998.

Bonini 1990 = R. Bonini, Interpretazioni della pratica ed interpretazioni autentiche nel Codice e nelle Novelle giustinianee, in Ricerche di diritto giustinianeo, Milano, 1990.

Bretone 2000 = M. Bretone, Storia del diritto romano, Bari, 2000.

Cavallo 2002 = G. Cavallo, Libri, editori e pubblico nel mondo antico, Bari, 2002.

De Marini Avonzo 1973 = F. De Marini Avonzo, Critica testuale e studio storico del diritto, Torino, 1973.

De Marini Avonzo 1984 = F. De Marini Avonzo, La pubblicazione in Alessandria di una legge di Teodosio II, in Annali Genova, XX, 1984-85, p. 85-94 (ora in Id., Dall’impero cristiano al Medioevo. Studi sul diritto tardoantico, Goldbach, 2001, p. 83-92).

De Marini Avonzo = F. De Marini Avonzo, Diritto e giustizia nell’Occidente tardoantico, in Id., Dall’impero cristiano al medioevo : studi sul diritto tardoantico, Goldbach, 2001.

Dovere 1995 = E. Dovere, Ius principale e Catholica lex : dal Teodosiano agli editti su Calcedonia, Napoli, 1995.

Dovere 1996 = E. Dovere, Stabilizzazione giuridica e acquisizione culturale del Teodosiano : spunti in Socrate « Scholastikòs », in AARC, XI, Napoli, 1996, p. 593-613.

Gaudemet 1988 = J. Gaudemet, La codification. Ses formes et ses fins, in Estudios en homenaje al profesor Juan Iglesias, I, Madrid, 1988, p. 309-327.

Harris 1991 = W. V. Harris, Lettura e istruzione nel mondo antico, Bari, 1991.

Lanata 1984 = G. Lanata, Legislazione e natura nelle Novelle giustinianee, Napoli, 1984.

Lanata 1994 = G. Lanata, Figure dell’altro nella legislazione giustinianea, in Id., Società e diritto nel mondo tardo antico. Sei saggi sulle novelle di Giustiniano, Torino, 1994, p. 25-62.

Mantovani 1999 = D. Mantovani, Il diritto da Augusto al Theodosianus, in E. Gabba, D. Foraboschi, D. Mantovani, E. Lo Cascio, L. Troiani (a cura di), Introduzione alla storia di Roma, Milano, 1999, p. 465-534.

Matthews 2000 = J. F. Matthews, Laying down the law : a study of the Theodosian Code, New Haven-Londra, 2000.

Puliatti 1980 = S. Puliatti, Ricerche sulla legislazione « regionale » di Giustiniano : lo statuto civile e l’ordinamento militare della prefettura africana, Milano, 1980.

Puliatti 2001 = S. Puliatti, Incesti crimina : regime giuridico da Augusto a Giustiniano, Milano, 2001.

Puliatti 2008 = S. Puliatti, Le costituzioni tardoantiche : diffusione e autenticazione, in SDHI, 74, 2008, p. 99-133.

Puliatti 2009 = S. Puliatti, Concordiam dabimus qua nihil fit pulchrius : l’idea di pace nella legislazione di Giustiniano, in U. Criscuolo, L. De Giovanni (a cura di), Trent’anni di studi sulla Tarda Antichità : bilanci e prospettive. Atti del Convegno internazionale, Napoli, 21-23 novembre 2007, Napoli, 2009, p. 311-328.

Purpura 1995 = G. Purpura, Diritto, papiri e scrittura, Torino, 1995.

Simon 1969 = D. Simon, Aus dem Kodexunterricht des Thalelaios. A. Methode, in ZSS, 86, 1969, p. 334-383.

Simon 1973 = D. Simon, Rechtsfindung am byzantinischen Reichsgericht, Francoforte, 1973, p. 18-28.

Sitzia 2003 = F. Sitzia, Norme imperiali e interpretazioni della prassi, in Il diritto fra scoperta e creazione, Napoli, 2003, p. 275-324.

Sperandio 2001 = M. U. Sperandio, Il codex delle leggi imperiali, in Iuris vincula : studi in onore di M. Talamanca, VIII, Napoli, 2001, p. 7-126.

Talamanca 1995 = M. Talamanca, Il « corpus iuris » giustinianeo fra il diritto romano e il diritto vigente, in Studi in onore di Manlio Mazziotti di Celso, II, Padova, 1995, p. 786-792

Van Der Wal 1964 = N. Van Der Wal, La codification de Justinien et la pratique contemporaine, in Labeo, 10, 1964, p. 220-233.

Vincenti 1996 = U. Vincenti, Codice Teodosiano e interpretazione sistematica, in Index, 24, 1996, p. 111-131.

Wieacker 1960 = F. Wieacker, Textstufen Klassicher Juristen, Gottingen, 1960.

Haut de page

Notes

1 Più ampiamente in proposito Bretone 2000, p. 359-364, da cui si cita per la traduzione.

2 Come per il mondo classico, il momento dell'oralità era centrale nella trasmissione del sapere in genere, e in particolare di quello giuridico, e il rotolo ne costituiva il mezzo espressivo privilegiato, così « il libro in codice – pesante, che si può chiudere e consultare […] – è l’espressione simbolica di una cultura della parola divenuta discorso scritto, e di una comprensione autoritativa del testo » : in tal senso Wieacker 196, p. 95. Lo stretto collegamento tra testo e autorità della norma, la connotazione fortemente « legalistica » del diritto che emerge con piena evidenza dalle fonti richiamate trova conferma nel pensiero di Callistrato, che giustifica con questa considerazione il divieto senatorio, confermato da Antonino Pio, di rifugiarsi presso le statue e le immagini del principe : « le leggi assicurano la protezione, in modo eguale, a tutti gli uomini » (D. 48.19.28.7), testimoniando così l’avvenuta identificazione tra principe e ordinamento. Sul punto Bretone 2000, p. 363.

3 E’ sufficiente in proposito ricordare la successione dei titoli all’interno del primo libro del Codice Teodosiano : CTh. 1.1 De constitutionibus principum et edictis ; 1.2 De diversis rescriptis ; 1.3 De mandatis principum ; 1.4 De responsis prudentium.

4 Certo depongono in questo senso la sistemazione secondo un preciso ordine sistematico e cronologico delle costituzioni escerpite ; l'abbandono del proposito di conservare constitutionum ipsa verba a favore di una più ampia facoltà di manipolazione concessa ai compilatori, segno evidente della volontà di dare coerenza alla massa delle costituzioni da Costantino in poi e al tempo stesso di chiarirne e agevolarne la conoscenza ; e inoltre lo stesso ordine impartito, anche se non sempre rispettato (come testimoniano le costituzioni Sirmondiane), di servirsi in giudizio del solo testo delle costituzioni emendato e inserito nel codice evitando così, a fini di chiarezza e certezza normativa, le contraddizioni derivanti dal possibile ricorso ai testi originali o alle costituzioni abrogate in quanto non inserite nella raccolta. Sulle esigenze di certezza che avrebbero ispirato la codificazione teodosiana si sofferma Archi 1988, p. 65-77, e di « préoccupation avant tout pratique » parla Gaudemet 1988, p. 309-327. Che la realizzazione dell’opera di compilazione comportasse anche l’adozione di tecniche di stesura diverse e varianti nelle caratteristiche formali rispetto a quelle ordinariamente rispettate nella composizione delle leggi emanate singolarmente è testimoniato dal confronto tra i testi delle costituzioni Sirmondiane e quelli inseriti nel Codice Teodosiano. Significativi in proposito sono i profondi tagli e aggiustamenti evidenziati dal rapporto tra Const. Sirm. 6 e CTh. 16.2.47 ; 16.5.62 e 64 e, quanto al Codex repetitae praelectionis di Giustiniano, dalle varianti apportate, con la soppressione della clausola di retroattività, al disposto di CI. 5.27.10 e 11, con conseguenti distorsioni interpretative che avevano costretto il legislatore a intervenire ripristinando quella clausola in sede di interpretazione autentica attuata con Nov. 19 del 536, peraltro così giustificando, con esigenze di chiarezza, quei tagli : Etenim in legibus singulatim latis necesse opinor erat, talem in modum legislationi retrorsum referendae locum fieri, in universa vero illa legum collectione per Codicem, qui a nobis nomen traxit, facta merito talia resecari iussimus, ne moles superflua in libris illis perscriberetur. Sul punto Lanata 1984, p. 61.

5 L’esame dei risultati di tale raffronto rende evidente quale sia stato lo sforzo dei compilatori per corrispondere a quei propositi : i testi raccolti furono fortemente abbreviati, non solo nei preamboli e negli epiloghi, ma anche nel contenuto normativo, senza peraltro alterarne la sostanza ; il dettato delle costituzioni fu spesso riformulato con lo scopo di semplificarne la scrittura, rendendola più conforme al linguaggio comune e quindi, ove possibile, più comprensibile. Studio attento dei rapporti tra Codice Teodosiano e Costituzioni Sirmondiane, con ampio spazio dedicato al raffronto tra i testi corrispondenti inseriti nelle due raccolte, in Matthews, 2000, p. 121-167.

6 Gesta senatus, 5 : Plures codices fiant habendi officiis. Dictum X ; In scriniis publicis sub signaculis habeantur. Dictum XX ; Ne interpolentur constituta, plures codices fiant. Dictum XXV ; Ne constituta interpolentur, omnes codices litteris conscribantur. Dictum XVIII ; Huic codici, qui faciendus a constitutionariis, notae iuris non adscribantur. Dictum XII. Insiste sulla centralità dell’« evento-Teodosiano » e sul carattere pacificatore e « conchiusivo » della compilazione realizzata Dovere, 1995, p. 51-119 ; Id. 1996, p. 593-613, ove l’Autore sottolinea come all’effetto ordinante e unificante sotto il profilo giuridico dell’opera codificatoria si associ nella considerazione dei contemporanei un più vasto, stabilizzante effetto d’ordine politico sociale, avente il proprio fulcro nella rappresentazione di un diritto unitario come base per la realizzazione di un imperium che si voleva pur esso unitario. La realizzazione, con il Codice Teodosiano, di un libro di leggi in cui il materiale normativo raccolto era organizzato per materia, secondo precisi criteri sistematici (suddivisione in libri e titoli), ebbe riflessi rilevanti anche sulle modalità di utilizzazione dei testi da parte dei successivi legislatori come della pratica e della letteratura giuridica successiva, introducendo un modus citandi formalizzato attestato tanto dalle Novelle post-teodosiane, quanto da alcune altre fonti giuridiche del V-VI secolo, sia di matrice orientale che occidentale. Ma mentre nelle Novelle post-teodosiane il rimando è talora generico al corpus del Teodosiano nel suo insieme (Nov. Valent. 32 del 31 gennaio 451 e Nov. Valent. 35 pr. del 15 aprile 452), talora più puntuale con l'indicazione esplicita almeno del titolo (Nov. Anthem. 3 pr. del 19 marzo 468), il riferimento è per libro, o per libro e titolo (e talora rubrica) sia nella Consultatio (Cons. VII, 3 e VIII, 5) che nell'Interpretazione che accompagna le Novelle post-teodosiane nella lex Romana Visigothorum, ed è ancora più specifica negli Scholia Sinaitica, che citano il codice secondo la triplice numerazione del libro, del titolo e della costituzione. Nel complesso si realizzava così un rilevante progresso nella tecnica legislativa, che rifletteva in positivo i risultati della stabilizzazione giuridica attuata attraverso la compilazione del Teodosiano. Purtroppo l'effetto prodotto non era destinato a durevole applicazione e già in alcune costituzioni post-teodosiane accolte nel Codice giustinianeo, e poi nelle stesse costituzioni giustinianee anteriori alla pubblicazione del Nuovo Codice, l'eco del Teodosiano si andava progressivamente spegnendo di pari passo con l'utilizzo di un sistema di citazione che prescindeva di norma da quella raccolta. Atteggiamento analogo, pur con qualche oscillazione di segno opposto, è possibile riscontrare anche con riferimento alle costituzioni giustinianee successive alla pubblicazione dei nuovi Codici. In particolare, già con riferimento alle leggi emanate dopo la pubblicazione del primo Codice, il dialogo con la legislazione precedente si orienta secondo prassi stilistiche che, anziché privilegiare l'utilizzazione efficace e razionale dello strumento offerto dal Codice, si limitano a forme generiche di citazione basate sulla menzione aggettivale del nome dell'imperatore (legge anastasiana) accompagnata da una breve sintesi del contenuto (così CI. 5.13.1 del 530 ; fa eccezione CI. 1.4.33 del 534). Discorso in larga misura analogo può essere proposto in relazione ai rapporti Novelle-Codex repetitae praelectionis. Due sole novelle, Nov. 2 del 535 in tema di seconde nozze e Nov. 37 dello stesso anno, sui privilegi della Chiesa africana, contengono rimandi precisi al Codice : nelle altre il rinvio tende a superare l'opera codificatoria per instaurare un dialogo diretto con la legislazione precedente su cui si intende intervenire. Ciò è certo dimostrazione del vivo interesse dimostrato dal legislatore per la storia degli istituti, nella convinzione che la conoscenza storica dei materiali precedenti è il presupposto di un'efficace opera di revisione legislativa. Ma al di sotto di queste considerazioni sta più verosimilmente – com'è stato sottolineato da Lanata 1984, p. 49-105 – una presa di distanza, un atteggiamento critico nei confronti dell'opera di compilazione che in quanto raccolta di testi singoli, semplicemente giustapposti tra loro e non armonizzati in un discorso unitario, non potevano corrispondere a quell'idea di sistemazione organica, capace di superare la confusione di materiali diversi, che già era nei propositi codificatori. Non restava dunque che superare l'opera compilatoria, attraverso un’attività di scomposizione « destinata a permettere una diversa e migliore aggregazione », capace di garantire una disciplina realmente unitaria e coerente.

7 De Marini Avonzo, 1973, p. 94-99 ; Harris 1991, p. 335-343 ; Bretone 2000, p. 371 ; Purpura 1995, p. 71 ; Cavallo 2002, p. 126-132. Autenticità testuale e vigenza generale delle disposizioni citate costituiscono pertanto gli obiettivi perseguiti e raggiunti dalla compilazione teodosiana sulla scia della normazione valentiniana, ma con ben più ampia vastità di progetto e avvertita sensibilità scientifica. Nuova ne risulta in conseguenza (come osservato da Archi 1976, p. 54) la fisionomia dei destinatari : non si tratta più dei « buoni sudditi », cui si rivolge l’imperatore benefattore del codex magisterium vitae del 429 per insegnare le regole di condotta da osservare, ma « di destinatari sufficientemente educati nel diritto, per discernere nel susseguirsi cronologico dei vari interventi imperiali i principi normativi validi ed, eventualmente, la loro formazione storica ».

8 In tal senso Talamanca 1995, p. 786-792.

9 Const. Tanta pr. = CI 1.17.2 pr.

10 Const. Tanta 18 = CI. 1.17.2.18. In proposito Lanata 1984, p. 165-187 ; Bretone 2000, p. 391. D'altra parte nelle Novelle il sentimento dell'autosufficienza della volontà normativa imperiale e la centralità del ruolo da essa assolto nel continuo adeguamento del sistema giuridico emergono in piena evidenza nella insistita volontà di attribuire rilievo autonomo alle scelte normative emergenti dalla legislazione novellare attraverso la tendenziale attenuazione del rapporto con la compilazione (e i materiali « dati » in essa inseriti), testimoniato dalla sporadicità e genericità dei richiami a essa rivolti (il solo richiamo puntuale al Digesto è in Nov. 87 del 18 maggio 539).

11 App. Nov. 7. 11. Nella volontà di riordino e conservazione del sistema giuridico « ricevuto » si avverte certamente l’ispirazione classicista che anima il legislatore, il rispetto, l’ammirazione verso una tradizione avvertita come esemplare, ma al tempo stesso quell’attività così come le leggi nuove sono pervase dal sentimento invincibile dell’esclusività della volontà normativa imperiale, capace ormai di intervenire a regolare e disciplinare ogni settore. In questo quadro, di fronte all'unicità della fonte normativa imperiale, pur in un contesto di spiccato classicismo, anche il ruolo dell’interpretazione cambia, essa (come sottolinea Simon 1969, p. 380-383) non tende più « a fornire uno strumentario ben congegnato e praticamente adoperabile di regole giuridiche, con il cui aiuto il giurista pratico possa ordinare e dominare i rapporti della vita » : la sua funzione è ora quella di spiegare e rendere accessibile il materiale ricevuto. Resta in ogni caso il dato delle resistenze incontrate dal diritto della Compilazione in sede di pratica applicazione, su cui hanno portato l’attenzione Van Der Wal 1964, p. 220-233 ; Bonini 1990, p. 233-268.

12 Con la stessa sistematica del Gregoriano e dell’Ermogeniano la codificazione intendeva insomma creare un corpus che regolasse unitariamente la materia giuridica per tutte le popolazioni. Come territorialmente unico era l’Impero al di sopra delle frammentazioni etniche, altrettanto unico voleva essere il corpo delle leggi, in modo da superare le differenze socio-culturali ed etnografiche. E tali intendimenti unitari sono espressi nella costituzione di Teodosio II al Senato del 429 CTh. 1.1.5 : cunctas colligi constitutiones decernimus.

13 In particolare nella costituzione del 528 al Senato Haec quae necessario (in quem [Codicem] colligi tam memoratorum trium codicum quam novellas post eos positas constitutiones oportet), del 529 a Mena Summa (magnum laborem commisimus, per quem tam trium veterum Gregoriani et Hermogeniani et Theodosiani codicum constitutiones quam plurimas alias post eisdem codices […] positas in unum codicem […] colligi praecipimus), del 530 Deo auctore (colligere […] et tot auctorum dispersa volumina uno codice indita ostendere) e del 534 al Senato di Costantinopoli Cordi (Cordi nobis est […] sacratissimas constitutiones, quae in diversa volumina fuerant dispersae […] in unum corpus colligere).

14 Certo nonostante i propositi di sistemazione e riordino che ispiravano i compilatori ben diversa dalla nozione moderna era la fisionomia dei codici tardo antichi. Mancava in questi ultimi il carattere di insiemi normativi unitari e coerenti, privi di lacune, omogenei nei materiali raccolti. All’interprete si poneva dunque il problema di come individuare il diritto concretamente applicabile. L’esame condotto per l’età medio-bizantina sul ruolo assolto da giudici e giuristi ha consentito di evidenziare come la funzione da essi svolta non fosse un conoscere, un ordinare i concetti secondo categorie e schemi, esulando dall’attività dell’interprete il lavoro di sistemazione concettuale. Il loro operare era in relazione alla soluzione del singolo caso, il diritto nel suo complesso rimaneva estraneo alla loro prospettiva, le norme, spesso in contrasto tra loro, costituivano un argomento, anzi « il più forte degli argomenti possibili » da utilizzarsi in chiave « retorica », la « stabilità delle decisioni e l’uguaglianza del trattamento giuridico » costituivano finalità difficilmente perseguibili

15 In tal senso Mantovani 1999, p. 512 ; Bretone 2000, p. 397 ; più in generale sull’affermarsi del codex e sulle forme iniziali della sua utilizzazione Sperandio 2001, p. 7-126.

16 Simon 1973, p. 18-28. Meno libero, più vincolato apparirebbe il ruolo dell’interprete in relazione all’età giustinianea se, come ha sottolineato una recente indagine (Sitzia 2003, p. 275-324), « nel mondo giustinianeo, evidentemente, specie quando si tende nella sostanza a contraddire la volontà del legislatore, occorre motivare le proprie decisioni con minuziosi e sottili riferimenti alla legge ». Ciò ripropone il problema di come l’interprete abbia operato di fronte a un sistema tendenzialmente chiuso e ordinato eppure contraddittorio e spesso disarmonico come quello tardo imperiale, spingendo a ricercare quali criteri egli abbia seguito per individuare il diritto concretamente applicabile : in proposito, con specifico riferimento al Codice Teodosiano, Vincenti 1996, p. 111-131.

17 Nel 443 ai constitutionarii teodosiani fu dato l’ordine esclusivo di eseguire le opportune trascrizioni del testo sotto il controllo del praefectus urbis, ma non ne fu permessa la vendita. Nel 529 fu conferito al prefetto del pretorio il compito di provvedere alla pubblicazione, edictis ex more propositis, del Codice, inviandone nelle province copie controfirmate dall’imperatore (Illustris igitur et magnifica auctoritas tua […] ad omnium populorum notitiam eundem codicem edictis ex more propositis pervenire faciat). Sul procedimento di pubblicazione e diffusione del teodosiano e sulle finalità perseguite si sofferma Mantovani 1999, p. 533-534 ; problemi di tradizione testuale legati alla circolazione del teodosiano sono affrontati da De Marini Avonzo 1984, p. 85-94.

18 Quanto alla reale penetrazione e circolazione dei testi della Compilazione giustinianea nei vari territori dell'impero, alcune indicazioni si possono trarre, oltre che da posteriori accenni della legislazione novellare (Nov. 66), da talune considerazioni contenute nel § 14 della costituzione Tanta, ove si sottolinea tra i pregi della compilazione quello di essere contenuta in pochi volumi di mole ragionevole e di prezzo contenuto, accessibili alle borse dei ricchi come dei meno abbienti. Ciò lascia immaginare l'intento di pervenire alla redazione di un numero congruo di copie, tali da soddisfare le esigenze di una diffusione « non limitata all'invio di copie ufficiali nelle sedi periferiche, ma estesa al possesso e all'uso privato » : così Lanata 1984, p. 19. Del resto le testimonianze documentarie e soprattutto i ritrovati papirologici documentano di una discreta circolazione dei manoscritti della Compilazione tanto in Occidente quanto in Oriente e specie nel territorio egiziano. Nonostante però la volontà di assicurare ampia circolazione ai testi di diritto, varie costituzioni del Codice e alcune Novelle mostrano chiaramente come la diffusione a essi assicurata fosse largamente disomogenea nei vari territori dell'impero, e in particolare concentrata nelle città e negli accampamenti militari, ove d'altra parte più diffusa era la conoscenza della scrittura (CI. 6.23.31). Anche nei casi di adeguata diffusione altro problema era poi quello della coerenza e perspicuità del materiale raccolto, e in proposito i testi delle Novelle dimostrano quante difficoltà potessero manifestarsi nell'applicazione e interpretazione di quel materiale e la conseguente frequente esigenza di nuovi interventi.

19 Perciò in tal senso è da intendere quanto si è detto in dottrina sulla « corretta utilizzazione dello ius principale, diversamente soggetto a distorte interpretazioni » : cfr. Barone Adesi 1998, p. 62. Nel Teodosiano i gesta senatus asseverano la correttezza giuridica, la perfezione formale e la funzione di guida esistenziale dei testi presentati (Noster codex erit alius, qui nullum errorem, nullas patietur ambages, qui nostro nomine nuncupatus sequenda omnibus vitandaque monstrabit), e ne garantiscono l’autenticità (communi studio vitae ratione deprehensa iura excludant fallacia). L’inaccessibilità delle fonti normative, causa di distorsioni interpretative, l’alterazione, per lo più deliberata e pretestuosa, della documentazione giuridica attraverso la prassi della recitatio restavano relegate a una visione ormai superata.

20 Sottolinea il ricorrere di questi appellativi in riferimento alla maiestas imperialis nel linguaggio delle cancellerie di quinto secolo e l’estendersi del loro utilizzo, nello stesso torno di tempo, al prodotto dell’attività normativa da questi promanante Lanata 1984, p. 6-9, che rileva come nella legislazione giustinianea queste espressioni abbiano preso il sopravvento su altri epiteti in precedenza di frequente utilizzati (mansuetudo, serenitas) e come la perennità della legge imperiale trovi proprio nella legislazione novellare a più riprese affermazione (Nov. 1.4, 5 del 535 e Nov. 59.7 del 537).

21 Cfr. anche Nov. 104.2.

22 Nov. 97.6.2 del 17 Nov. 539. Rileva peraltro l’atteggiamento contraddittorio dei protagonisti dell’opera compilatoria, che « da un lato non potevano esimersi dal complimentarsi con se stessi per avere puntualmente raggiunto i loro ambiziosi obiettivi », ma dall’altro non facevano a essa che spazio limitato e più spesso solo riflesso nella loro successiva attività normativa Lanata 1984, p. 32-33.

23 Lanata 1984, p. 37, che, pur muovendo dalla considerazione critica rivolta dal legislatore novellare ai risultati del lavoro compilatorio, non può far a meno di rilevare la valenza ideologia assunta da quelle opere « di là dalla lettera dei testi in esse inclusi ed eventualmente «integrati» da costituzioni più recenti ».

24 Negli scritti politici di età giustinianea sono asseverati come fondamenti alcuni concetti : che la basileia terrestre debba essere imitazione di quella celeste ; che la legittimazione del βασιλεύς all’esercizio del potere sta nella scelta divina ; che l’imperatore è il rappresentante terreno della divinità e la sua investitura dipende da questa non meno che dal riconoscimento degli uomini ; che il suo operato deve rispecchiare gli attributi propri dell’azione divina, facendosi portatore dei valori di giustizia, bontà, sapienza, previdenza, misericordia, propri di quella. Il βασιλεύς non può limitarsi a godere la posizione privilegiata di ministro inviato da Dio. Anzi, se vuole realizzare nel regno terreno le positività di quello celeste, deve preoccuparsi di assicurare il rispetto delle leggi ; curare la retta e imparziale amministrazione della giustizia ; cercare di attuare la concordia fra le gerarchie sociali nella prospettiva della realizzazione di una convivenza giusta in cui ciascuno abbia quanto gli è necessario ; attendere con sagacia alla scelta di collaboratori adeguati, moralmente integri e tecnicamente preparati, ai cui consigli informare la propria azione e alla cui opera appoggiarsi con fiducia. La dottrina della ομοίωσις celeste, di origine platonico-pitagorica, spinge il monarca alla ricerca della perfezione e alla sua realizzazione nel mondo attraverso la disciplina e l’orientamento della condotta dei sudditi. Questo obiettivo implica che il monarca non eserciti potere arbitrario e illimitato ; ma piuttosto, quanto a sé, osservi le norme di cui egli stesso è creatore e interprete ; quanto ai sudditi, pretenda da ciascuno, singolo od organo partecipe della costituzione politica, la dimostrazione di attitudini e capacità in rapporto al ruolo affidatogli per la realizzazione del bene collettivo. E soprattutto regola imprescindibile su cui fondare la realizzazione di uno stabile e ordinato assetto sociale è il rispetto e l’uniforme applicazione di quell’ordinamento giuridico che ha nel lavoro compilatorio la propria realizzazione.

25 Dell’attenzione posta dall’imperatore, nell’esercizio delle sue funzioni, al perseguimento del benessere dei sudditi testimonia quanto lo stesso Giustiniano afferma nella prefazione a Nov. 8 sull’indefessità della propria fatica e sull’assunzione in prima persona delle preoccupazioni di tutti. Le asserzioni di Giustiniano trovano peraltro riscontro nella descrizione che Procopio fa delle occupazioni dell’imperatore (cfr. Anekdota, ed. J. Haury, in Opera omnia, Leipzig, 1909-13, rist. 1963, 13.28-30, trad. it. a cura di F. Ceruti, Milano, 1977, p. 126-27 ; insieme al cenno in Bell. Vand., ed. Haury, I.9.5, trad. it. a cura di M. Craveri, Torino, 1977, p. 217).

26 E’ nella realizzazione di queIl’unitario e armonico sistema giuridico, nella sua estensione a tutte le popolazioni soggette al dominio romano, nella sua applicazione generalizzata che l’imperatore individua lo strumento capace di garantire la pace e un ordinato rapporto tra le diverse componenti sociali. Il concetto di pace sotteso all’ideologia politica giustinianea non si identifica dunque con la semplice quiete politica e sociale (εἴρένη), ma assume piuttosto la connotazione di uno stato di grazia conseguente a una condizione di concordia spirituale (animi concentus) operante su un piano etico prima che politico, ma di cui l’esistenza e l’applicazione di un preciso ordine giuridico costituisce presupposto imprescindibile. Così si evince da Nov. 25.2.1, dove, a proposito dell’armonizzazione tra mansioni di diverso contenuto in capo allo stesso funzionario, Giustiniano afferma : Oportet enim eum [...] sancte ac iuste in rebus versari ; atque uti ei mixtus est magistratus, ita etiam animi concentum ei temperatum esse sonis modo acutioribus et intentis, modo lenioribus et remissis.

La realizzazione della pace, secondo Giustiniano, richiede la cessazione all’esterno di ogni forma di belligeranza e la propensione verso la composizione diplomatica dei conflitti. All’interno postula l’instaurazione di un rapporto equilibrato fra le componenti politiche e sociali, tale da portare da un lato al superamento dei contrasti fra ceti contrapposti, dall’altro al controllo dei fenomeni degenerativi e delittuosi (Novv. 24.2, 25.2.2, 26.3.1, 30.5.1, 30.7.1, che vertono per lo più sulla condotta illegale e prevaricatrice dei ceti plutocratici ; Novv. 24.2-3, 25.3-4, 26.4-5, 28.6, 29.5, 30.2-3 e 5, 102 praef., 103.2-3, che ribadiscono l’imprescindibilità della repressione di ogni forma di illegalità, specie se di matrice politica o « mafiosa », commessa dagli organi preposti al controllo dell’ordine pubblico). Ma in una prospettiva di concordia universale non può mancare l’attenzione al miglioramento delle condizioni materiali dei sudditi da attuarsi mediante una politica promozionale (Novv. 17.4.1, 24.3, 25.4, 26.4 pr., 30.8 pr., sulla cura rivolta al miglioramento dei servizi di pubblico interesse ; Novv. 17.14, 24.3, 25.4.2, 30.9 ; App. Novv. 6 e 9, sull’attenzione indirizzata ai problemi dell’inurbamento del ceto contadino e alla tutela del lavoro agricolo). Fonti e bibliografia in Puliatti 1980 p. 48-57 ; Id. 2009, p. 311-328.

27 Così Lanata 1994, p. 35, la quale sottolinea come « il criterio di differenziazione tra gli alleati o i sudditi da un lato, e gli ‘altri’ sia sempre lo stesso : l’adozione volontaria o forzosa della legge romana ».

28 Per questa terminologia e per i concetti qui espressi Lanata 1994, p. 27-30.

29 In tal senso Lanata 1984, p. 37.

30 CI. 1.29.5.

31 Per le modalità e i livelli di diffusione delle leggi romane cfr. Puliatti 2008, p. 99-133.

32 Nov. 31, praef. : Quae temere iacent et effuse si ad iustum ordinem perveniant et bene disponantur, et aliae pro aliis res apparebunt et meliores ex deterioribus et ex inornatis ornatae et ordinatae atque distinctae ex inordinatis prius atque confusis. Per il concetto di ordine in età giustinianea e più in generale per le linee guida che animano il progetto di riordino dei quadri periferici avviato da Giustiniano fin dal 535 più ampia trattazione in Puliatti 1980, p. 10-13.

33 Cfr. in proposito Lanata 1984, p. 39.

34 Parla di « opera in qualche misura aperta che prevede espressamente per il futuro un’attività di revisione e di aggiornamento » Lanata 1984, p. 11, la quale osserva « come nella dimensione temporale in cui l’uomo (il legislatore) è inserito, l’attività normativa deve rinunciare a quelle prospettive metastoriche su cui per altro verso egli fonda la propria legittimazione ».

35 Un quadro delle motivazioni che ispirano la legislazione giustinianea in tema di incesto in Puliatti 2001, p. 196-202, ove si sottolinea come i problemi di maggiore impegno affrontati dalla disciplina novellare si concentrano su tre obiettivi : instaurare un processo di omogeneizzazione della disciplina al fine della creazione di un regime unitario, integrare entro questo regime e sanare particolarismi abnormi, ridefinire lo stato giuridico dei figli incestuosi. Nel dettare questa disciplina il punto di vista da cui il legislatore si colloca è abbastanza complesso. Sotto il profilo etico l’incesto assume veste di violazione della morale e dei divieti da essa imposti e in ultima analisi si configura come « peccato ». Dal punto di vista sociologico è per l’imperatore relazione disonorevole, rapporto bruto, frutto di sessualità smodata e di incontinenza. Quanto infine al profilo sostanziale è relazione innaturale e antigiuridica e dunque reato perché evento illegittimo e legibus repugnans (Nov. 12.1 e 3.1).

36 Coll. 6.4.1 = CI. 5.4.17, che ne riporta il solo par. 5, promulgata a Damasco nel 295 durante il conflitto con la Persia.

37 A queste attenuanti si rifà il regime di sanatoria introdotto da Giustiniano con Nov. 139 (per gli abitanti di Sindys e gli ebrei della città di Tiro) e con Nov. 154 (per le popolazioni di Mesopotamia e Osroene) che, nell’intento del legislatore, avevano lo scopo di porre rimedio a situazioni contrastanti con i principi giuridici romani, createsi per influsso dei diritti barbarici o di professioni religiose diverse da quella cristiana, consolidatesi nel tempo e drammaticamente sconvolte dal nuovo regime introdotto con Nov. 12. Si tratterebbe in sostanza di sanatorie di portata ristretta, che estinguono il reato o le sue conseguenze.

38 CI. 1.3.54.11 (a. 533-534) ; 1.27.2.36 (a. 534) ; 7.37.3.5 (a. 531) ; Novv. 9.3 ; 35.11 ; 36.6.

39 Si tratta di una concezione attestata quanto meno a partire da Teodosio II e Valentiniano III : lex in aeternum, in perpetuum valitura : cfr. anche CI. 4.21.1 di Arcadio e Onorio del 395. Rileva il fenomeno Lanata 1984, p. 6-9, con più ampi richiami alle fonti anche giustinianee.

40 Emblematica in proposito è la disciplina dettata in tema di legittimazione dei figli naturali per susseguente matrimonio. A parte i provvedimenti di Zenone (CI. 5.27.5 del 477), di Anastasio (CI. 5.27.6 del 517) e di Giustino (CI. 5.27.7 del 519), numerose sono le disposizioni dettate dallo stesso Giustiniano in proposito, a dimostrazione della ricerca senza esito di una infinita perfettibilità. Già la norma di CI. 5.27.11 del 530 (come attestato da Nov. 74 del 538) era correttiva rispetto a CI. 5.27.10 del 529, ma, a detta dello stesso legislatore, era a sua volta carente, tanto da render necessaria una sua reinterpretazione attuata con Nov. 74. Questa intendeva porsi come legge rigorosa capace di porre argine alla mutevolezza della natura, ma nonostante lo sforzo prodotto e nonostante i numerosi provvedimenti novellari emanati in precedenza dallo stesso Giustiniano (Nov. 12 del 535, cui aveva fatto seguito il tentativo di coordinamento operato con Nov. 18 del 536 e lo sforzo di interpretazione autentica di Nov. 19 del 536) un nuovo intervento si rese purtuttavia necessario, dal momento che, come afferma ancora una volta Nov. 89 del 539 : ne res dispersa maneat, par esse duximus in unam constitutionem totum argumentum congerere, quae instar omnium sufficiat ad ea quae naturales spectant et emendanda et constituenda. In proposito, per il tema della perfettibilità della legge e dell’adeguamento alla incessante mutevolezza della natura, più ampia trattazione in Lanata 1984, p. 165-187.

41 Rimandi precisi sono riscontrabili solo in Nov. 2 sulle seconde nozze, che richiama, per abrogarle, le norme di CI. 5.9.3 e 6.56.6, e in Nov. 37 relativa alla estensione alla chiesa di Cartagine dei privilegi delle chiese metropolitane, che rinvia alla normazione di CI. 1.27.1 e 2 in materia di prerogative riconosciute alle sacrosante chiese.

42 Così De Marini Avonzo 2001, p. 283, la quale ricorda l’esempio di Cassiodoro, che nelle Variae mostra di conoscere chiaramente le leggi del Teodosiano, ma non cita mai questo Codice bensì solo le singole norme in esso contenute.

43 Del resto la stessa Nov. 18 non manca di rilevare ripetutamente la litigiosità elevata e il ricorso frequente alla ‘filantropia’ imperiale per ottenere soluzioni di tipo personale, indice delle difficoltà che le innovazioni introdotte da Giustiniano in tema di legittimazione e di successione incontravano – specie nei territori dove esistevano radicate tradizioni locali di tipo diverso – e dei frequenti tentativi di eludere le norme, che il legislatore riconosce facilitati proprio da « imperfezioni di tecnica legislativa e codificatrice ».

44 Che in materia successoria nella Compilazione fosse stato compiuto uno sforzo disomogeneo di risistemazione è sottolineato da Lanata 1984, p. 29, che rileva come, mentre nel Digesto si era realizzato un più efficace riordino dei materiali ricevuti, i titoli del Codice mostrerebbero viceversa « non solo una maggiore dispersione, ma una casistica più limitata e basata in prevalenza su materiale risalente ».

45 Dove può, però, il legislatore, anziché denunciare l'insufficienza della Compilazione, preferisce ammantare la sua decisione sotto il pretesto di un ritorno all’antico, come in Nov. 1, ove il rispetto della volontà del testatore è presentato dal legislatore come un recupero di non meglio specificate affermazioni di « antichi legislatori » (citati ancora una volta genericamente), di quei rappresentanti del classico di cui egli vuole proporsi come continuatore ed erede.

46 Così l’imperatore giustifica la necessità di promulgare una legge che riordini e disciplini l’intera materia. I materiali in proposito emanati a partire dagli ultimi 150 anni (CI. 5.9.1 del 390) richiedevano, infatti, ad avviso del legislatore, continui miglioramenti, sia perché erano inseriti in una raccolta di testi singoli, sia perché questi progressivamente collegati e cementati tra loro risultavano per la maggior parte confusi. Anche in Nov. 22, peraltro, lo scopo di organicità perseguito non sempre viene raggiunto e soprattutto l’esaustività è contraddetta dalla costante necessità di rimandi.

47 App. Nov. 7.11.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Salvatore Puliatti, « Mea sanxit aeternitas », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 125-2 | 2013, mis en ligne le 19 décembre 2013, consulté le 17 octobre 2017. URL : http://mefra.revues.org/1920 ; DOI : 10.4000/mefra.1920

Haut de page

Auteur

Salvatore Puliatti

Università di Parma – salvatore.puliatti[at]unipr.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org