Navigation – Plan du site
« Origines » : percorsi di ricerca sulle identità etniche nell'Italia antica

La questione delle origini etrusche nella Francia dell’Illuminismo

Le proposte di Nicolas Fréret
Dominique Briquel

Résumés

Nicolas Fréret (1688-1749) è conosciuto dagli etruscologi per essere stato l’inventore della tesi dell’origine settentrionale degli Etruschi. Ma il suo interesse per gli Etruschi fu un aspetto limitato della sua opera di critica delle tradizioni. Fréret fu una grande figura dell’illuminismo, considerato durante la rivoluzione francese come un martiro della libertà (da giovane fu imprigionato nella Bastille) e ebbe un certo ruolo, anche se non del tutto chiaro nella cosidetta « letteratura clandestina ». E rispetto alla questione etrusca, il suo approccio non va molto oltre la critica delle testimonianze letterarie, senza una reale analisi dei dati archeologici o linguistici.

Haut de page

Texte intégral

1Il libro diretto da Vincenzo Bellelli al quale ho avuto l’onore e il piacere di collaborare comincia con un richiamo, certo atteso, all’opera di Massimo Pallottino e alla nuova impostazione che lui ha dato alla ricerca etruscologica, sgombrando in un certo senso il terreno dalla questione delle origini come era tradizionalmente posta. Poteva dunque sembrare oggi poco giustificato consacrare un libro di quasi 500 pagine a questa tematica. Ma il risultato mostra chiaramente che l’« annosa questione », come diceva il Pallottino, può ancora oggi dare luogo a ricerche stimolanti. Tra le molte prospettive che sono prese in esame nel libro, mi soffermerò su un aspetto che, in un certo senso, il ridimensionamento dell’importanza della questione ci fa oggi percepire meglio : che il dibattito, anche se appariva e forse era nel pensiero di coloro che si sono affrontati sul tema un dibattito scientifico, aveva il suo significato primariamente rispetto all’immagine che si intendeva dare del popolo etrusco, e rispondeva dunque a scopi ben altri che quelli della pura conoscenza intellettuale. Questo è ovvio per le diverse tesi che furono sviluppate nell’Antichità, alle quali Roberto Sammartano ha affidato un valido contributo nel libro (« Le tradizioni letterarie sulle origini degli Etruschi : status quaestionis e qualche annotazione a margine », p. 49-84). Lo appare altrettanto per epoche più recenti, come quella dei regimi che si erano sviluppati in Italia e in Germania nel secondo quarto del secolo scorso, che Marie-Laurence Haack ha studiato (« Le problème des origines étrusques dans l’entre-deux-guerres », p. 397-410). In tali casi, l’aspetto orientato delle prese di posizione è scontato, ma anche in periodi per i quali il riferimento agli Etruschi poteva apparire meno legato a questioni riguardanti la società, l’atteggiamento rispetto alla questione delle origini etrusche può insegnarci molto sull’ambiente ideologico nel quale si muovevano gli intellettuali. Il volume ci offre una ampia disamina dei lavori degli antiquari del Settecento, dovuta a Stefano Bruni (« Origini etrusche, origini italiche e l’erudizione antiquaria settecentesca », p. 295-344), che mostra che, ancora dopo il periodo, meglio studiato, della riscoperta degli Etruschi, con Annio di Viterbo e i suoi seguaci, e quello della fioritura medicea, l’interesse per questa civiltà, e specialmente per il tema delle origini, già ritenuto centrale nell’Antichità, continuò a nutrire la riflessione degli studiosi e a riflettere le tendenze intellettuali e le preoccupazioni del tempo. Questo campo di studio resta largamente da indagare, e io vorrei suggerire il suo interesse soffermandomi sul caso del mio connazionale Nicolas Fréret, che viene sempre citato come primo esponente della tesi della provenienza settentrionale degli Etruschi, ma la cui ricca personalità merita più del rapido accenno che gli è consacrato nei libri di etruscologia.

  • 1 Heyne 1773, p. 37-39 ; Niebuhr 1811, p. 70-73.
  • 2 Renard 1939, p. 84-94.
  • 3 Su Fréret, si veda la biografia di Simon 1961, e gli atti del convegno Nicolas Fréret, légende et v (...)

2La tesi dell’origine settentrionale ebbe, si capisce facilmente, un grande successo negli ambienti germanici, da Gottlob, classicista e direttore della biblioteca dell’università di Göttingen, e soprattutto da Niebuhr in poi1, ma, benché il Niebuhr non lo citi, l’idea era già stata esposta, nel 1744, dal Fréret all’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres di Parigi. Nel clima dell’attesa dell’imminente scoppio della seconda guerra mondiale, il francofono Marcel Renard, in un articolo sull’allora appena nata rivista belga Latomus, sottolineava con forza la paternità francese della dottrina, rammaricandosi che fosse comunemente attribuita a Berthold Georg Niebuhr, « alors qu’il n’y a pas droit, une doctrine célèbre et qui a donné lieu à de fécondes recherches »2. Ma lascerò qui il dibattito franco-tedesco (o belga-tedesco), che appartiene ad un passato oggi fortunatamente superato, per interessarmi soltanto al Fréret e al posto che la ricerca sugli Etruschi ha avuto nella sua opera e rispetto al suo atteggiamento scientifico e filosofico3.

  • 4 Servière – Bastien 1792. Viene citato in frontespizio un passo delle Lettres à Eugénie: « C’est en (...)
  • 5 Neiertz 2008, p. 151-164.

3Non si deve dimenticare che il Fréret ebbe un ruolo di non minore rilevanza nel movimento generale dell’Illuminismo francese, fino al punto che, durante la rivoluzione che mise fine alla monarchia, fu celebrato come un risoluto opponente all’« ancien régime » e ai re, considerati come puri tiranni. L’edizione della sua opera da parte di Jean Servière e Jean-François Bastien, pubblicata a Parigi durante la rivoluzione francese, nel 1792, cioè 43 anni dopo la sua morte, lo presentava come « victime du despotisme dès son début littéraire, dont tous les ouvrages tendent à détruire des préjugés qui engendrent la superstition et le fanatisme, sources de l’ignorance et de la barbarie parmi les hommes »4. E già nell’opuscolo di Voltaire Le dîner du comte de Boulainvillers, scritto nel 1767, nel quale il filosofo metteva in scena una serie di personaggi allora defunti per attaccare con feroce ironia la superstizione, il Fréret era presentato come uno dei più accaniti nemici del fanatismo e difensori della libertà intellettuale5.

  • 6 Dettaglio delle vicende in Grell 1994 a, p. 25-26.
  • 7 Volpilhac-Auger 1994, p. 9 (« La formation intellectuelle de Fréret a donc toutes chances d’être ma (...)
  • 8 Ved. edizione da parte di Landucci 1986 (e in Benitez 1994, p. 177-192, con ulteriore bibliografia) (...)
  • 9 Ved. edizione da parte di Alain Niderst, Parigi, 2001.
  • 10 Ved. il classico lavoro di Wade 1938.
  • 11 Oltre l’Examen critique des apologistes de la religion chrétienne, p.e. Lettres à son Altesse Monse (...)

4Egli doveva questa fama al fatto che, ancora giovane (era nato nel 1688), fu messo in prigione alla Bastiglia, dove rimase sei mesi (dal 26 dicembre 1714 al 28 giugno 1715), dopo aver letto nelle sedute dell’Académie royale des Inscriptions et Belles-Lettres, presso la quale era stato appena ammesso nella classe degli « élèves » (20 marzo 1714), il suo saggio De l’origine des Francs et leur établissement dans les Gaules : in essa criticava la tesi dell’origine troiana dei Francesi e dei loro re, rappresentata per esempio dal mediocre epico (rimasto incompiuto) di Ronsard La Franciade, che raccontava la storia di Francus figlio di Ettore salvato dalla madre Andromaca, progenitore dei re franchi – dottrina del tutto artificiale, ma che continuava ad essere accolta quasi come la versione ufficiale sull’origine della Francia6. Se le circostanze dell’evento e il ruolo di Padre Vertot, che l’aveva accusato di plagio all’Académie, non sono chiari, Fréret si dimostrò già allora come un difensore della libertà di pensiero, con una capacità critica efficacemente preparata dalla formazione che aveva ricevuto in ambienti giansenisti e oratoriani7. Aveva perciò adottato posizioni in materia di filosofia e di religione che potevano difficilmente esser accettate nella Francia cattolica del suo tempo, nella quale il clero godeva di una posizione privilegiata : la Lettre de Thrasybule à Leucippe, la cui paternità gli fu apertamente attribuita soltanto dopo la sua morte ma che circolava già nel 1723, diffondeva idee materialistiche8 e gli fu attribuito anche un altro famoso libro anticlericale, l’Examen critique des apologistes de la religion chrétienne, benchè sia probabilmente stato scritto da Jean Levesque de Burigny9. Infatti un aspetto importante del personaggio, ma ovviamente difficile da determinare, fu il ruolo che ebbe nella « letteratura clandestina » del Settecento francese, questo movimento segreto che propagava idee sovversive contro il potere politico e religioso10, e già Voltaire era propenso a fare riferimento a questo erudito celebre quando voleva criticare il testo biblico e ad affermare che era l’autore di libelli sovversivi, anche quando sapeva che erano stati scritti da altri11. In tale materia, è quasi impossibile distinguere ciò che è « légende » e ciò che è « vérité », per riprendere le due parole usate nel titolo del convegno di Clermont-Ferrand del 1991.

  • 12 Ibid., p. 12-13 ; per la cronologia alta dei Cinesi, p. 15, e n. 45, con la giustificata proposta d (...)
  • 13 Come scrisse nel suo Extrait des observations sur la géographie de Xénophon (Grell 1994 a, p. 27).
  • 14 Il suo ultimo intervento, « Observations sur les oracles rendus par les âmes des morts » (nel quale (...)
  • 15 Su questo punto, Kriegel 1994, p. 90-108.
  • 16 Ved. il passo delle Observations sur plusieurs époques de la chronique de Paros, del 1747, citato i (...)
  • 17 Ved. Volpilhac-Auger 1994, p. 10-12.

5Questo convegno rappresentò un salutare ridimensionamento rispetto alla troppo compiacente immagine di un Fréret dalla doppia vita, con interventi misurati nel suo ruolo di erudito caricato d’onori, ma che sviluppava di nascosto una critica feroce della religione e delle forme politiche ufficiali. Per esempio, C. Volpilhac-Auger ricorda la posizione che adottò in materia di cronologia, che finiva per confermare quella biblica per la storia di Mosè, fu salutata dai gesuiti del Journal de Trévoux, che Voltaire criticava spesso, mentre il filosofo lo rimproverò per non credere alla cronologia alta avanzata nella tradizione cinese, ben anteriore a quella data nella Bibbia12. Il Fréret non era un propagandista : e colui che, poco dopo il suo soggiorno alla Bastiglia (del quale approfittò per mettere a punto diversi lavori, che lui definì come « fruit du profond loisir d’une solitude de six mois dont rien ne pouvait troubler la tranquillité »13), fu eletto come membro associato dell’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres e participò regolarmente alle sedute della compagnia, sui più diversi argomenti, riguardanti dati greci, romani, francesi, anche il mondo celtico e germanico, oppure la Mesopotamia, la Persia, l’Asia Minore, l’Egitto, l’India, la Cina, prima di essere nominato « secrétaire perpétuel » nel 1742, posto che occupò fino alla sua morte, avvenuta il 8 di marzo 174914, era in primo luogo un erudito, animato dal desiderio di fare progredire la conoscenza scientifica, persino in settori « tecnici » come quello della cronologia (si sa che criticò aspramente su questo punto le idee di Newton), nei quali poteva fare uso di dati non soltanto biblici o greci, ma anche cinesi, egiziani, assiri, babilonesi, persiani, armeni15. Indubbiamente, i suoi studi dovevano urtare i tradizionalisti. Per esempio, anche se il Fréret non distruggeva la cronologia biblica attraverso quella cinese come Voltaire l’avrebbe sperato, il suo metodo, che partiva dal riconoscimento delle insufficienze della cronologia degli Ebrei16 e della conseguente necessità di fondarsi non sulla Bibbia, ma su tradizioni profane, più legate alle civiltà pagane, andava contro la dottrina del primato assoluto del testo sacro. L’opera postuma Essai sur la chronologie générale de l’Écriture, che uscì l’anno della sua morte, nel 1749, sottolineava l’impossibilità di fondare sulle sacre scritture « le commencement et la fin de la captivité de Babylone, la fondation du temple par Salomon, l’Exode ou la sortie d’Égypte, la vocation d’Abraham et le déluge ». Il testo rivelato, per il Fréret, doveva anche esso essere sottoposto ad una critica, e tale critica era fondata sui dati tratti dagli autori pagani, che conducevano a denunciare errori, sviste, manipolazioni, assurdità nel racconto biblico. Ovviamente, tale attitudine era rivoluzionaria nella Francia della prima metà del settecento. Dimostrava la piena accettazione da parte del Fréret delle esigenze di un metodo critico, realmente scientifico, come era stato formulato alcuni decenni prima da Descartes (il Discours de la méthode, con sottotitolo Pour bien conduire la raison et chercher la vérité dans les sciences, risale al 1637), ma che era allora ben lontano dall’essere accettato quando si trattava del contenuto del testo sacro. Il Fréret applicava uno spirito di libertà assoluta nel campo intellettuale, che i suoi colleghi dell’Académie erano, per lo più, ben lontani dal manifestare. Basterebbero a mostrarlo le critiche che spesso lasciò intravedere negli elogi funebri per i colleghi defunti che era costretto a pronunciare dalle sue funzioni di « secrétaire perpétuel », e nei quali non esitava a correggere, contro ogni regola accademica, quelle che lui considerava delle mancanze rispetto al metodo scientifico17.

  • 18 Sull’attività di Fréret come sinologo, Elisseef-Poisle 1978 ; Larrère 1994, p. 109-129.
  • 19 Sul personaggio, Eliseef 1985.

6L’inquadramento del personaggio nel suo tempo è necessario anche se si considera la sua opera nel campo dell’etruscologia. In effetti, non si deve sopravvalutare l’importanza che questo tipo di ricerca ebbe nella sua carriera. I suoi lavori sulla Cina, in confronto, rappresentarono per lui una attività molto più costante18. Fréret cominciò a studiare il cinese già nel 1713, quando ebbe i suoi primi contatti con Arcadio Hoang, un letterato cinese convertito al cristianesimo, nato nel Fukien nel 1638 e mandato in Europa nel contesto della controversia sui riti cinesi. Nel 1704 Hoang si era stabilito a Parigi, dove morì nel 1716, e fungeva da bibliotecario per i libri cinesi del re Luigi XIV19. Presto Fréret si mise a lavorare con lui per un progetto di dizionario sulla lingua cinese, e una delle sue prime comunicazioni all’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres trattò De la poésie des Chinois. Nell’insieme, la sua attività di sinologo si protrasse durante un quarto di secolo, e fu illustrata da altre quattro memorie, lette davanti ai suoi colleghi : Réflexions sur les principes généraux de l’art d’écrire et en particulier sur les fondements de l’écriture chinoise (1718), Dissertation sur la langue chinoise (1720), De l’antiquité et de la certitude de la chronologie chinoise (1733), Éclaircissements sur le mémoire lu au mois de novembre 1733 (1739). Aveva relazioni epistolari regolari con gesuiti stabiliti a Pechino, che consultava su questioni riguardanti la scrittura, la letteratura, la lingua e la storia cinesi. Come lo rileva C. Larrère, « Fréret manifestò dunque, durante la sua intera vita, un interesse sostenuto per la Cina ». Il che si comprende, nel clima intellettuale del tempo, visto il ruolo che la Cina ebbe nelle controversie che agitavano allora i primi filosofi e i loro avversari tradizionalisti. Ho già accennato all’importanza delle tradizioni cinesi e della cronologia che ne derivava nella discussione sulla validità del racconto biblico : gli ultimi lavori di Fréret sulla Cina trattavano esplicitamente di questa problematica. Ma già il più antico lavoro che lui scrisse, che risale al 1713, la Lettre à M. S. sur les dissertations de l’hébraïsme chinois insérées dans le second et le troisième volume de la Nouvelle Histoire critique de la République des Lettres par M. Masson, affrontava una questione che non era senza rapporto con l’aspetto religioso : vi combatteva l’opinione, diffusa alla sua epoca, che la scrittura cinese fosse di origine ebraica. Con la Cina, malgrado l’esotismo apparente della questione, siamo su un terreno scottante, che poneva problemi suscettibili di mettere in crisi la vecchia rappresentazione del racconto biblico e del suo assoluto primato rispetto a tutte le altre tradizioni.

  • 20 Oltre alle acute osservazioni di Bruni 2012, p. 312-315, lo studio fondamentale è quello di Stenger (...)
  • 21 Il testo della lettera, conservato nella biblioteca comunale di Nîmes, è dato in appendice all’arti (...)

7La ricerca nel settore etruscologico occupò molto meno Fréret20. Il suo studio fondamentale sull’argomento, Recherches sur l’origine et l’ancienne histoire des différents Peuples de l’Italie, che fu edito soltanto quattro anni dopo la sua morte, nel 1753, nel volume Histoire de l’Académie royale des Inscriptions et Belles-Lettres, avec les Mémoires de Littérature tirés des registres de cette Académie, p. 72-114, fu probabilmente letto durante una seduta del mese di febbraio 1745. Rientrava nel quadro della riflessione sull’origine delle civiltà dell’antichità classica svolta da Fréret in quegli anni, che cominciò con la metodologia generale esposta nelle Vues générales sur l’origine & le mélange des anciennes Nations et sur la manière d’en étudier l’histoire, presentata poco prima, nella seduta del 7 di febbraio 1744 (e pubblicata anch’essa nello stesso volume dell’Histoire de l’Académie royale, p. 49-71), e diede luogo in dicembre 1746 ad una relazione sui primi tempi della Grecia, Observations générales sur l’origine & sur l’ancienne histoire des premiers habitants de la Grèce, che fu edita nel volume 21 (1754) dell’Histoire de l’Académie royale, p. 7-19. Già in una lettera del 18 ottobre 1743, egli aveva mandato a Filippo Venuti, che allora viveva in Francia, a Bordeaux, per sottometterlo all’Accademia Etrusca di Cortona, della quale suo fratello Ridolfino era segretario, un Plan de travail proposé par M. Fréret à l’Académie de Cortone, pour l’histoire de l’Étrurie à l’abbé Venuti, Académie de Cortone, nel quale proponeva uno lavoro di cartografia come base di ogni ulteriore studio serio sull’Etruria. Ma già quindici anni prima aveva cominciato a riflettere sull’argomento : lo sappiamo da una lettera inviata il 20 agosto 1728 a Scipione Maffei, che fu pubblicata da Gerhardt Stenger negli atti del colloquio di Clermont-Ferrand21. Fréret aveva allora letto il lavoro del marchese veronese sulla questione delle origini etrusche, il Ragionamento sopra gl’Itali primitivi in cui si scopre l’origine degli Etruschi e de’ Latini, inserito nella sua Istoria diplomatica, pubblicata a Mantova nel 1727 ; nella sua lettera, Fréret si distaccava su certi punti dal parere dell’erudito italiano, ma sottolineava che la lettura dell’opera del Maffei l’aveva spinto a riflettere su questa tematica. Però, non sembra che il Fréret abbia proceduto oltre in quegli anni, e, come lo vedremo, le idee espresse nel 1728 differiscono su diversi aspetti da quelle esposte nelle Recherches del 1745. È probabile che il suo pensiero avesse lentamente maturato tra il 1728 e il periodo della fioritura della sua riflessione sui problemi dell’etnogenesi dell’antica Italia e dell’antica Grecia, negli anni 1744/1746.

  • 22 Sembra che Fréret non avesse finora mai incontrato Scipione Maffei. La lettera comincia con l’espre (...)
  • 23 Su Filippo Venuti, Gialluca 2011, p. 37-71, in part. p. 46.
  • 24 Ved. Domini 1999-2001, p. 237-353, p. 283 per Fréret (citato da Bruni 2012, p. 342).

8Ad ogni modo, Fréret non scrisse niente sugli Etruschi nel frattempo, e la sua produzione scientifica in materia di etruscologia rimase concentrata su questi due periodi : gli anni 1727/1728, quando lesse il Ragionamento del Maffei22, e quelli 1743/1746, quando mise a punto il suo sistema di interpretazione delle origini dei popoli dell’Italia e della Grecia. Nella sua lettera del 1728, affermava che considerava « les antiquités étrusques comme le meilleur moyen d’éclaircir celles des peuples de l’Italie », ma non si mise realmente al lavoro prima del 1743, quando ebbe l’occasione di incontrare Filippo Venuti. Il Venuti, nato a Cortona nel 1709 dove partecipò nel 1738, con suo fratello Ridolfino, alla fondazione dell’Accademia Etrusca, fu inviato nel 1739 dal papa Clemente XII come vicario generale dell’abbazia di Clarac, presso Bordeaux, e si mescolò alla vita intellettuale locale, diventando, grazie all’appoggio di Montesquieu, bibliotecario dell’Accademia di Bordeaux. Ma fu anche eletto, nel 1743, « correspondant honoraire » dell’Académie royale des Inscriptions et Belles-Lettres, della quale il Fréret era allora divenuto segretario, e rimase cinque mesi a Parigi23. Come rileva Stefano Bruni, queste circostanze spiegano la ripresa dell’interesse di Fréret per il mondo tirrenico e il problema delle origini etrusche. L’importanza del contributo di un erudito della fama intellettuale e del peso accademico del Fréret fu presto rilevato : il 14 febbraio 1744 fu eletto all’Accademia Etrusca di Cortona, il cui riconoscimento internazionale era tale da annoverare tra i suoi soci figure come Montesquieu e Voltaire24.

  • 25 In Istoria diplomatica, p. 218-219.
  • 26 Lettera a Maffei, l.104-109 : « Vous croyez (les Toscans) une colonie orientale descendus des premi (...)
  • 27 Lettera a Maffei, l.112-123 : « Je ne trouve nulle ressemblance dans ce qui est essentiel a la reli (...)
  • 28 Recherches, p.107: « Ces lettres ont beaucoup de rapport avec les lettres Samaritaines ; mais elles (...)

9Gli Etruschi potevano certo dare a Fréret l’occasione di ritornare sul problema scottante dell’affermazione di una storia indipendente della tradizione biblica. Il collegamento stabilito da Annio di Viterbo tra la storia etrusca e quella biblica, grazie all’accostamento Noè/Giano e al riferimento al diluvio, ebbe a lungo successo, e ancora il Maffei, nel suo Ragionamento, si iscriveva in tale prospettiva, facendo intervenire un popolo dell’antico paese di Canaan che ne sarebbe stato cacciato dai Moabiti : secondo il Maffei, l’etnico Etrusci proveniva da Etroth o Hathrot, citato nel libro dei Numeri, 32, 34, e ivi attribuito ai figli di Gad ; di conseguenza la lingua etrusca era imparentata con quella fenicia o ebrea25. Il Fréret, invece, nella lettera del 1728, rifiutava assolutamente tale opinione26, soffermandosi soprattutto su dati religiosi per i quali gli Etruschi non avrebbero avuto niente che rimandava realmente alle pratiche orientali27. Ma, tutto sommato, non si dilungava troppo su questo punto e, nelle Recherches, lo spazio affidato alla questione dei legami dell’Etruria con l’Oriente appare ridottissimo : lo studioso si accontenta di un breve accenno al fatto che, anche se si lasciano paragonare con le lettere samaritane, quelle etrusche sono diverse da quelle fenicie28. E basta una parola, p. 93, per rigettare « les fictions absurdes d’Annius de Viterbe ».

  • 29 Ved. Grell 1994 a, p. 27.
  • 30 Nella lettera a Maffei, il Fréret prendeva in considerazione l’ipotesi (l. 91-93) che l’Umbria aves (...)

10Il Fréret era più interessato ad inserire il problema etrusco in una ampia ricostruzione della storia del popolamento dell’Italia (nella lettera del 1728, parlava già della sua ambizione di riuscire a « faire quelque jour un espece de systeme »), dove certo la questione delle origini etrusche veniva affrontata, ma era soltanto una parte di una riflessione di più ampio respiro sull’etnogenesi dell’intera penisola. Il suo sistema, nel 1728, appariva sotto una forma ancora embrionale. Esso distingueva il sostrato primitivo dei Siculi, che sarebbero stati poi sommessi o cacciati da Sabini e Latini, ritenuti Pelasgi, e avrebbero parlato una lingua iberica, apparentata al basco – lingua della quale aveva una certa conoscenza, avendo approfittato del suo imprigionamento alla Bastiglia per studiarla29. Spiegava perciò il nome dell’Ausonia, vicina al Vesuvio, con il basco autz-on, « cineris regio » (l. 76-78), e quello dell’Etruria con Ethor-erria, « advenarum regio » (l. 67). Poi (l. 57-58), alludeva brevemente ai Pelasgi, dei quali i Sabini e i Latini sarebbero stati i discendenti, e che avrebbero cacciato o sottomesso i Siculi – mentre nella vicina Umbria si sarebbero mescolati a Galli (Fréret parla, l. 93-94, dei « peuples de l’Ombrie, meslez de Pelasges & de Gaulois », il che rimanda ad una dottrina riferita da Solino, che svilupperà nelle Recherches). In questo periodo non aveva ancora idee molto chiare sugli Etruschi30 : il nome Etruria sarebbe di origine iberica, e rimanderebbe allo strato iniziale dei Siculi, quello Tirrenia sarebbe, secondo la spiegazione fornita da Dionigi d’Alicarnasso, dovuto al fatto che questa gente abitava in turseis, e sarebbe stato introdotto dai Pelasgi. Il senso della parola Ethor-Erria indicherebbe che erano di origine extra-italica (« Les Toscans estoint une Nation venue d’ailleurs en Italie ») e, per l’antichità del loro stanziamento, il Fréret pensava allora a Egiziani, cacciati dall’arrivo degli Hyksos, fenomeno al quale alludeva lo storico Manetone citato da Flavio Giuseppe : « il en faudra faire une colonie Egyptiene composée d’une partie des Egyptiens naturels qui abandonerent l’Egypte vers l’an 2080 avant l’ere chretiene lors de l’invasion de l’Egypte par les pasteurs sous la conduite de Salatis » (l. 131-134). Ma non scartava neanche – malgrado il significato che lui dà alla parola Etruria – una visione autoctonista, chiedendosi alternativamente « si les Toscans ne sont pas un reste des anciens aborigenes de l’Italie qui s’est policé de luy même (…) plusieurs siecles avant l’arrivée des colonies Pelasgiennes, Arcadiennes, Gauloises, Illyriennes &c (ce qui ne serait pas plus difficile à comprendre pour les Toscans que pour les Egyptiens & les Chinois) » (l. 126-131).

  • 31 Per le Recherches, il testo del quale disponiamo oggi non è quello originale di Fréret, come fu let (...)
  • 32 Benchè il testo non li citi, i Liburni, associati ai Siculi, appaiono come i primitivi abitanti del (...)
  • 33 Il sistema del Fréret, che poneva l’arrivo delle genti illiriche in un remoto passato, lo costringe (...)
  • 34 Il Fréret, per prudenza, rifiutava di tenere conto dei Sicani del Lazio : nel loro caso non scartav (...)
  • 35 Nelle Recherches, la spiegazione del nome dei Tirreni da turseis, nome che sarebbe stato conferito (...)
  • 36 Il testo, p. 91, è: « le passage des colonies Pélasgiques (…) (est prouvé) par la langue des Latins (...)
  • 37 Il riferimento ai Torrebi, presente nella lettera a Maffei, non appare più nel testo che abbiamo pe (...)
  • 38 La critica comincia a p. 94: « Cette narration est si remplie d’absurdités, qu’il semblerait inutil (...)
  • 39 Recherches, p. 97: « Quant au langage, il suffiroit, pour adopter l’observation de Denys d’Halicarn (...)
  • 40 Recherches, p. 98 : « Ces Rasenae étoient originairement le même peuple que les Rhaeti, ancien habi (...)

11Il quadro della formazione dei popoli dell’Italia antica, come viene delineato nel lavoro del 1744, appare molto più ampio e articolato31. Il Fréret distingueva, in cinque capitoli successivi, cinque successivi strati nel popolamento dell’Italia :
- Il primo strato riguarda sempre i Siculi, ma essi sono ormai distinti dagli Iberi (che rappresentano nella nuova impostazione il secondo strato). Sono ora definiti come immigrati, provenienti dall’Illiria, e associati con i Liburni e i Veneti, tutti ritenuti di stirpe illirica
32. Dopo aver occupato l’intera penisola, si sarebbero ritirati, costretti dall’arrivo di nuovi invasori, in determinate zone – l’Apulia per i Liburni, la Sicilia per i Siculi, e solo i Veneti sarebbero rimasti nella loro sede originale33.
- Gli Iberi sono ora considerati come uno strato autonomo del popolamento della penisola. Almeno nel testo che ci è pervenuto, Fréret non si dilunga più in considerazioni etimologiche fondate sul basco, come nella lettera del 1728. Il riferimento agli Iberi si appoggia sul caso della Corsica e l’affermazione di Seneca, secondo il quale i costumi e certe parole dei Corsi sarebbero identici a quelli usati dai Cantabri in Spagna (
Consolazione a Elvia, 7, 9), e soprattutto sulla definizione iberica dei Sicani, data da Tucidide (6, 2, 2), collegata con il nome del fiume spagnolo Sicoris : il che permette di considerare i Sicani, ormai distinti dai Siculi, come anch'essi antichi abitanti della penisola, passati in Sicilia – nel loro caso, come Tucidide lo precisa, sotto la pressione dei Liguri, in un movimento che il Fréret localizza in Italia e non ad ovest delle Alpi, con il ragionamento che, se essi non fossero stati già stanziati ad est delle Alpi, si sarebbero ritirati verso la Linguadoca e la Spagna, e non verso le isole dell’Italia (p. 81)34.
- Un terzo strato è quello dei Celti. Appena nominati nella lettera del 1728 (in relazione con gli Umbri), essi appaiono adesso come una importante componente dell’Italia : questo traduce certo un indubbio orgoglio nazionale da parte del Fréret, che rimproverava Livio per avere dato una immagine negativa dei Galli, a causa dei pregiudizi dei suoi connazionali veneti, e vede in questo l’aspetto più grave della sua
patavanitas (p. 77). Ma l'importanza di questo strato celtico, ben anteriore all’arrivo dei Galli nell’Italia della zona padana e adriatica al tempo di Brennus, viene dalla loro identificazione non soltanto con i Liguri, ma anche con gli Umbri, considerati, secondo l’affermazione di Solino, 2,3, Gallorum vetus propago, e il cui nome viene spiegato (p. 82) da una parola irlandese significante bonus, magnus, nobilis (mentre il collegamento fatto dai Greci con ombros è definito come « une étymologie absurde »).
- Il quarto strato viene definito come quello delle « colonies Grecques ou Pélasgiques ». Per il loro arrivo, Fréret si riferisce al racconto di Dionigi di Alicarnasso, 1. 17-25. Benché lo critichi su diversi punti (arrivo dei Pelasgi per via marittima, ruolo dell’oracolo di Dodona, importanza della Spina pelasgica), lo segue su altri, importanti, anche se discutibili (datazione della migrazione in un periodo remoto, poco dopo il diluvio di Deucalione, identificazione degli Enotri con gli Aborigeni e poi con i Pelasgi, definizione dei Pelasgi come Greci,
malgrado l’affermazione contraria di Erodoto, 1. 57). Ma per il Fréret, il nome Pelasgi non era quello di un particolare popolo greco che si sarebbe spostato da una regione nell’altra, come raccontava l'autore delle Antichità romane, ma « le nom général sous lequel on désigna les premiers Grecs, avant la formation des cités » (p. 91). Punto sul quale torneremo, l’arrivo di questi Greci, mescolati con i primitivi occupanti della penisola, avrebbe permesso l’ulteriore emergere di diversi popoli storici, come gli Umbri, i Sabini, i Latini, i Sanniti, gli Ausoni, gli Opici, gli Enotri, i Lucani, i Bruzi e anche i Tirreni35, (p. 92) : il che dimostra l’importanza di questo elemento greco (o proto-greco), al tal punto che, non diversamente di Dionigi d’Alicarnasso, il Fréret parlava del latino come di una lingua « dont le fond est certainement grec »36.
- L’ultimo gruppo ad arrivare in Italia sarebbe stato quello degli Etruschi, ai quali Fréret dedica il suo ultimo capitolo, il più lungo (p. 93-114), « Des Étrusques, ou anciens habitans de la Toscane ». Diversamente da quel che era stato esposto nella lettera a Maffei, non accennava più nelle
Recherches ad una possibile origine egiziana, né si riferiva ad una visione autoctonista. Molto più decisamente che nel 1728, criticava la tesi erodotea – contro la quale esponeva successivamente ben dodici argomenti, gli uni presi da Dionigi di Alicarnasso (testimonianza di Xanto, che non diceva nulla su una colonia mandata in Italia37, diversità linguistica e culturale tra Lidi e Etruschi), gli altri suoi (assurdità della storia raccontata da Erodoto38, inesistenza di una marina lidia, assenza di una frequentazione, in una epoca così alta, dei mari occidentali da parte dei navigatori venuti dall’Oriente, collocazione delle città etrusche nell’interno del paese e non sulla costa, il che sarebbe assurdo se gli Etruschi fossero arrivati via mare). Ma, quando si riferiva a Dionigi, non si accontentava di ripetere i suoi argomenti : li arricchiva con osservazioni sue, per esempio aggiungeva all’affermazione generale della diversità tra Lidi e Etruschi del retore greco dati di tipo linguistico o archeologico, come l’assenza delle parole segnalate come lidie da Esichio nel vocabulario etrusco a noi noto, come rilevato dall’erudito francese Samuel Bochard39, oppure « les monumens étrusques, publiés dans ces derniers temps, & sur lesquels on ne voit aucune Divinité particulière aux Lydiens » (p. 97). Dopo questa sistematica demolizione della tesi comunemente accolta nel suo tempo (della quale viene detto, a p. 94, che era « adoptée presque généralement par tous les écrivains »), fatta con ironia e una certa allegria, Fréret arriva, p. 98-99 alla sua propria tesi, quella dell’arrivo dal nord e dell’identificazione dei Rasenna, secondo l’autodesignazione del popolo riferita da Dionigi di Alicarnasso, 1. 30, 3, con i Rhaeti, che Livio 5, 33, 1 e Plinio, 3, 24, mettevano in relazione con gli Etruschi, ma con un movimento inverso, e che sarebbe accaduto in un periodo più recente, essendo costoro Etruschi del Po cacciati dall’invasione gallica verso la montagna40.

  • 41 Sulle ricerche di Fréret in questo settore, Kriegel 1994, p. 89-108.

12Non è utile soffermarmi molto su questa tesi nota. Ma non è inutile sottolineare certi punti. Già abbiamo visto che il Fréret aveva cambiato parere sull’origine degli Etruschi tra la lettera a Maffei e lo studio del 1744. Nel 1728, avanzava due proposte alternative, l’autoctonia e una migrazione di Egiziani, avvenuta in remotissimi tempi, prima di tutte le altre migrazioni conosciute dall’Italia. Al contrario, nelle Recherches, faceva della migrazione dei Rasenna l’ultima ondata del popolamento nella penisola, ancora posteriore a quella pelasgica, collocata prima dell’arrivo di Cadmo in Grecia e dunque prima del 1594 (p. 86). Ora, lo studioso francese faceva intervenire un elemento del quale non aveva tenuto conto nella lettera a Maffei : sottolineava che possiamo farci un’idea della data dello stabilimento dei primi Etruschi in Italia grazie ad una genuina tradizione locale. Si tratta della dottrina dei saecula, come esposta da Censorino, 17. Essa, combinata col passo della Vita di Sulla di Plutarco (7) che sembra porre nell’88 a.C. la fine dell’ottavo secolo etrusco, gli permetteva di porre l’inizio della storia etrusca e la data della migrazione verso sud dei Rasenna nel 992 a.C. (p. 100). Sappiamo quale fosse l’importanza delle questioni di cronologia per il Fréret : consacrò una grande parte della sua attività scientifica a queste materie41. Si capisce dunque che, facendo intervenire questo dato nuovo, e per di più un dato riportato, come quello dell’etnico Rasenna, da fonti genuinamente etrusche, non poteva più mantenere la posizione che aveva esposto a Maffei nel 1728.

13Un altro punto interessante è che il Fréret non si faceva, contrariamente al modo di vedere degli autori antichi o dei suoi contemporanei, un’idea meccanica del popolamento di un paese, con ondate di migrazioni che si sarebbero succedute, in cui ciascun nuovo elemento si sostituiva a quello che l’aveva preceduto, costringendolo a fuggire, senza che ne rimanesse niente. Certo, ammetteva l’arrivo di gruppi successivi, che ogni volta avrebbero conquistato il paese imponendo il loro dominio – secondo uno schema invasionistico che era quello dell’intera tradizione antica, con l’esemplare modello delle ondate di migrazioni di origine greca in Italia esposte da Dionigi di Alicarnasso nel suo libro I. Ma il Fréret insisteva sul concetto di « mélange », sul fatto che l’arrivo di un nuovo strato di immigrati non facesse sparire la popolazione preesistente. Significativamente, il trattato di riflessione generale che apriva la serie delle monografie sulla genesi dei popoli dell’Antichità era intitolato Vues générales sur le mélange des anciennes nations & sur la manière d’en étudier l’histoire. Nel caso specifico dell’Italia, a proposito dell’arrivo di Aborigeni e Pelasgi, spiegava che questi gruppi, d’origine greca per lui come per Dionigi di Alicarnasso « s’étant mêlés avec les Ombri & les Siculi, les uns Celtes, les autres Illyriens d’origine, formèrent différents peuples ou Cités sous les noms particuliers d’Ombri, de Sabins, de Latins, de Samnites, de Tyrrhènes, d’Ausones, d’Opiques, d’Oenotres, de Lucaniens & de Brutiens, &c » (p. 92). In altre parole, ogni popolo era per lui il risultato della fusione di diversi componenti, ognuno dei quali apportava il suo contributo alla formazione di quelli che conosciamo nei tempi storici. Insomma, il Fréret era arrivato, due secoli prima del Pallottino, ad une visione incentrata sul concetto di formazione, di combinazione di elementi eterogenei, che sarà alla base de LOrigine degli Etruschi del 1947.

  • 42 Fréret sottolineava questo apporto culturale greco (o protogreco) per tutti i popoli indigeni dell’ (...)
  • 43 Sulla tradizione pelasgica per Falerii, ved. il nostro libro (Briquel 1984, p. 327-352, per Caere, (...)
  • 44 Già nella lettera a Maffei, la componente pelasgica serviva a spiegare il nome Tirreni dato dai Gre (...)

14Non si deve dunque semplificare la visione del Fréret riducendola alla mera tesi della provenienza nordica. Per lui, gli Etruschi storici, quelli della dodecapoli toscana, quelli della pianura padana attorno a Felsina e della Campania, non si lasciavano ridurre ai Rasenna discesi dalle Alpi. Sottolineava la parte della componente pelasgica, e dunque il legame con il mondo balcanico-macedonico e quindi l’apporto culturale del mondo greco che questo implicava : « plusieurs Cités Pélasgiques étoient enclavées dans l’Etrurie, où malgré leur mélange avec les Toscans, elles avaient conservé, sans beaucoup d’altération, les mœurs et la religion des anciens habitans de la Grèce » (p. 102)42. Oltre a Falerii, per la quale riprendeva le affermazioni di Dionigi in 1. 21, 1-2, accennava non soltanto a Caere, come è naturale data l’importanza della tradizione locale sulla fondazione pelasgica, ma anche a Tarquinia, per la quale non si può dire che il riferimento ai Pelasgi ebbe lo stesso ruolo, e persino a Veio, con uno strano ragionamento : basandosi sul fatto che la storiografia romana non indicava che i Romani avevano la pur minima difficoltà a comunicare con i Veienti, il Fréret concludeva che i due popoli parlavano la stessa lingua, quella apportata nella regione dai Pelasgi e Aborigeni (p. 102-103)43. Possiamo sorridere davanti a questa ingenua ammissione delle affermazioni degli autori antichi, su punti così deboli come l’identificazione degli Aborigeni e dei Pelasgi, il fondamento storico di una tradizione come quella sui Pelasgi o l’attribuzione ad essi della lingua greca. Dobbiamo però riconoscere che ne emerge una visione molto più articolata circa la formazione del popolo etrusco di quelle abitualmente adottate sia dagli antichi, sia dai moderni – almeno prima del Pallottino. In un certo senso, Fréret non rifiutava la tesi dell’origine pelasgica, ma per lui essa spiegava soltanto una parte della realtà etrusca44 : lo studioso francese rimproverava ai suoi sostenitori di avere generalizzato all’intera Etruria ciò che era vero soltanto per una parte di essa, e cioè per le città che avevano conservato il loro carattere pelasgico. Ma il riferimento ai Pelasgi conservava una certa validità, per esempio per spiegare il nome « Tirreni » che i Greci avevano dato agli Etruschi (102).

  • 45 Recherches, p. 107: « Les Inscriptions Etrusques en caractères latins, ne sont pas plus intelligibl (...)
  • 46 Ved. Vues générales, p. 69. Il passo è citato in Grell 1994 b, p. 70. Sulla questione, ibid., p. 67 (...)
  • 47 L’analisi dei dati non va oltre la generica affermazione a p. 93 (per le città di origine pelasgica (...)

15Il Fréret si faceva dunque una idea già assai moderna della problematica delle origini. Certo, le informazioni di cui dispone appaiono molto limitate sia nel campo dell’archeologia, sia in quello linguistico. L’unico riferimento ad elementi della cultura materiale che troviamo nei suoi scritti è il brevissimo accenno, che abbiamo citato, ai « monumens étrusques publiés dans ces derniers temps » a proposito della tesi lidia. Per la lingua, poteva esercitare la sua ironia contro tutto ciò che era stato proposto dai suoi predecessori – con parole che, ancora oggi, purtroppo non hanno perso completamente la loro attualità : « Les interprétations que quelques savans en ont prétendu donner, ne sont que des divinations absolument hasardées ; des alliages de mots latins, grecs, hébreux, altérés & rendus méconnaissables. Avec de pareilles licences on rapportera ces Inscriptions à toutes les langues du monde, au bas-Breton, au Basque, au Méxiquain. » Ma il Fréret non andava oltre questo giudizio negativo – l’unico punto preciso che appare nel suo saggio è l’osservazione fatta dal Bochart, che abbiamo già segnalata, sull’assenza delle parole date come lidie da Esichio nei documenti etruschi –, e si accontentava di parlare di documenti inintelligibili45. In teoria, era convinto della necessità di una approfondita indagine sulla lingua e dell’importanza del criterio linguistico in un dibattito sulle origini. Scriveva nell’introduzione generale ai suoi studi sulle origini italiche e greche : « la connaissance du langage que parloit une Nation nous conduit à celle de son origine & du pays où elle a dû sortir d’abord. Par ce moyen, nous pouvons juger du degré de croyance que méritent les traditions débitées par les étrangers sur son ancienneté, & même l’opinion qu’elle avoit adoptée en certains temps »46. Ma dobbiamo confessare che l’applicazione di questo buon principio lascia a desiderare. La ripresa della vecchia tesi della originaria parentela tra il greco e il latino, grazie all’arrivo dei Pelasgi, mostra ciò che restava da fare47.

  • 48 Ved. lettera a Maffei, l.81-84, Recherches, p. 91.

16Però, non si deve minimizzare il valore dello sforzo critico del Fréret rispetto alla sua epoca. Lo sviluppò certo soprattutto nel campo filologico, quando esaminò le testimonianze antiche. Esso mostrava una volontà di esaustività, che gli imponeva, come lo scriveva nelle Vues générales, prima di tutto di « compiler tout ce qu’on écrit les anciens » (p. 51) – e abbiamo visto che, per quanto riguarda gli Etruschi, la presa in considerazione di una fonte certo meno conosciuta di Erodoto o Dionigi di Alicarnasso, come Censorino, non fu di minor peso nell’elaborazione del suo sistema. Ovviamente, questa semplice compilazione richiedeva di fondarsi su una base filologicamente sicura : Fréret fu cosciente della necessità di una critica testuale preliminare, come mostra il famoso caso di Erodoto 1. 57, per quanto riguarda il quale, già nella lettera a Maffei, difendeva la lettura data dai manoscritti erodotei, che si riferiscono ai Crestoniatai della Tracia, contro quella fornita da Dionigi, per cui Crotoniatai rimandava a Cortona, in Etruria48. Anche se confesso di rimanere sempre poco convinto dell’esattezza della lettura Crestionatai, che costringe ad ammettere, per questo unico passo nelle Storie, l’accettazione da parte di Erodoto di una presenza di Tirreni in Oriente, allorché parla sempre, altrove, di Pelasgi per l’Egeo, è da salutare il suo rigore filologico : non dava per scontato il testo che ci è stato trasmesso, era necessario verificarne la lettura.

  • 49 Vues générales, p. 51.
  • 50 Recherches, p. 94: « Avant d’exposer son opinion sur l’origine des premiers Toscans, M. Fréret comb (...)
  • 51 Recherches, p. 87 : « Si l’on osoit se permettre de juger les anciens écrivains avec la même rigueu (...)

17Ma, al di là dell’esattezza testuale, il dovere dello storico era già per lui quello di giudicare del valore delle testimonianze. Ritroviamo qui il senso critico che il Fréret esercitava in molti altri settori. Nessuna autorità meritava di essere considerata tale da non potere essere sottomessa a critica : « on ne saurait employer trop de discernement lorsqu’il s’agit d’accorder aux auteurs le degré de confiance que chacun d’eux mérite »49. Il « padre della storia », Erodoto, ne fece le spese, con la durissima critica del racconto lidio in 1. 94, che distruggeva l’autorità che l’accordo della tradizione antica e dell’avviso dei suoi contemporanei sembrava garantire – ma alla quale lo studioso francese poteva facilmente oppore il principio testis unus, testis nullus50. Dionigi di Alicarnasso non era risparmiato : anche se Fréret lo seguiva su molti punti, lo prendeva in giro per esempio quando pretendeva essere in grado di raccontare con tutti dettagli un evento così remoto come il trasferimento degli Enotri e dei Pelasgi in Italia. Il Fréret parlava, per la presentazione dionigiana della storia primitiva della penisola nel libro I delle Antichità romane, di un « romanzo storico »51.

  • 52 Recherches, p. 73 : « Il faut remarquer en effet, que les premières peuplades ne se sont point fait (...)
  • 53 Recherches, p. 73 : « Tout ce qu’on est en droit de présumer, c’est 1.° que comme elles (= ces peup (...)
  • 54 In part. Recherches, p. 72-73 : « L’Italie est une espèce de presqu’île, baignée de la mer presque (...)
  • 55 Secondo ciò che Fréret scriveva nel 1728 nella sua lettera a Maffei : « Vous avez raison de regarde (...)

18Siamo all’inizio del secolo nel quale la Francia della Rivoluzione celebrerà il culto della dea Ragione nella cattedrale di Notre-Dame, a Parigi : il Fréret poneva già le esigenze della ragione alla base del metodo scientifico. Bisognava, anziché seguire acriticamente ciò che i più famosi autori antichi avevano scritto, fare intervenire le categorie di un indispensabile giudizio scientifico in materia storica, e in primo luogo quelle riguardanti la cronologia e la geografia. Per la cronologia, abbiamo visto che esso opponeva alla presentazione che gli storici antichi davano dei periodi più remoti il livello di sviluppo della civiltà che poteva allora esistere. Gli uomini non conoscevano ancora l’arte della navigazione : dunque i racconti su trasferimenti di popoli via mare sono da respingere e, se ci furono dei trasferimenti di gruppi umani, si fecero per via terrestre52. Per il tipo di popolamento dell’Italia di allora, il Fréret si riferiva a dati etnografici : quelli riguardanti i cosiddetti « Sauvages » dell’America del Nord, con la loro economia fondata sulla caccia e senza occupazione densa del territorio, e perciò con una propensione a cambiare sede quando arrivava un nuovo gruppo53. Il che lo conduceva ad una riflessione anche sui dati geografici, e questo non è uno degli aspetti meno interessanti del pensiero storico del Fréret : ebbe una giusta coscienza dell’importanza della geografia per la storia. Nel particolare caso degli Etruschi, abbiamo visto che, prima di intraprendere il suo studio, esso aveva sottomesso all’Accademia di Cortona un progetto di cartografia dell’Etruria. E introduceva le sue Recherches con considerazioni sulla geografia della penisola italiana, concludendo con l’impossibilità di ammettere l’arrivo di popoli immigrati se non dal nord, tramite le poche vie di passaggio possibili nelle Alpi – la costa ligure ad ovest, da cui, secondo lui, passarono gli Iberi, quella istriana e venetica ad est, dove passarono gli Illiri e poi i Pelasgi venuti dal mondo greco, e nel mezzo i passi del Trentino e del Tirolo, da cui passarono i Celti, e da dove, in seguito, scesero i Raeti, che diedero inizio all’Etruria storica (p. 72-74)54. I dati storici e geografici, così razionalmente determinati, imponevano dunque l’unico quadro accettabile per la ricostruzione del passato dell’Italia, e per dare una risposta scientificamente fondata alla questione degli Etruschi, considerata come nodo cruciale della protostoria italiana55.

19Possiamo certo oggi giudicare severamente la riflessione svolta dal Fréret nel campo etruscologico. Non tenne conto dei dati della cultura materiale, trattò superficialmente di quelli linguistici. Benché abbia voluto esercitare una critica sistematica degli autori antichi, continuò a seguirli su punti generali, come l’idea della formazione di un popolo attraverso la successione di ondate di migrazioni, o particolari, come il ricorso agli Iberi per i Sicani, ai Celti per gli Umbri o più diffusamente i Pelasgi, senza accorgersi del carattere artificiale di tali affermazioni. Le basi della tesi della provenienza nordica degli Etruschi sono assai deboli : niente altro che l’assonanza Rasenna/Rhaeti – senza le considerazioni archeologiche che, dopo di lui, i sostenitori tedeschi della tesi prenderanno in considerazione, e il collegamento tra i Rhaeti e gli Etruschi fatto da Livio e Plinio. Però non si deve dimenticare che lui scriveva in un tempo nel quale le esigenze metodologiche cominciavano appena ad essere chiaramente poste, e appena ammessa l’idea a che non bastava più riferirsi ad una tradizione e ad un'autorità. Anche se il ruolo di Fréret come critico di ogni dottrina ricevuta è stato decisamente esagerato, già nel Settecento, egli rimane una delle figure più significative degli inizi dell’Illuminismo, dell’affermazione del primato della ragione in ogni settore della vita intellettuale – e il suo saggio sugli antichi popoli d’Italia ne resta un bell'esempio.

Haut de page

Bibliographie

Benitez 1994 = M. Benitez, La composition de la Lettre de Thrasybule à Leucippe : une conjecture raisonnable, in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 177-192.

Bochart 1692 = S. Bochart, Geographiae sacrae pars posterior, in Opera omnia, Leida, 1692, I, c. 33, col. 580-598.

Briquel 1984 = D. Briquel, Les Pélasges en Italie : recherches sur l’histoire de la légende, Roma, 1984 (BEFAR, 252).

Bruni 2012 = Stefano Bruni, Origini etrusche, origini italiche e l’erudizione antiquaria settecentesca, in V. Bellelli (ed.), Le origini degli Etruschi : storia, archeologia, antropologia, Roma, 2012, p. 295-344.

Domini 1999-2001 = T. Domini, I soci dell’Accademia Etrusca dalla fondazione ad oggi, in Annuario dell’Accademia Etrusca di Cortona, 29, 1999-2001, p. 237-353.

Droixhe 1994 = D. Droixhe, Impasse du commerce : Fréret linguiste, in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 165-175.

Eliseef 1985 = D. Eliseef, Moi Arcade, interprète chinois du roi-soleil, Parigi, 1985.

Elisseef-Poisle 1978 = D. Elisseef-Poisle, Nicolas Fréret (1688-749) : réflexions d’un humaniste du XVIIIe siècle sur la Chine, Parigi, 1978 (Mémoires de l’Institut des hautes études chinoises, 11).

Gialluca 2011 = B. Gialluca, Filippo Venuti : un ecclesiastico toscano illuminato tra Cortona, Bordeaux, Livorno, in Gli Etruschi dall’Arno al Tevere : le collezioni del Louvre a Cortona, Perugia, 2011, p. 37-71.

Grell 1994 a = C. Grell, Étude chronologique des recherches historiques de N. Fréret, in Grell – Volplhac-Auger 1994, p. 21-48.

Grell 1994 b = C. Grell, Nicolas Fréret, la critique et l’histoire ancienne, in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 51-71.

Grell – Volpilhac-Auger 1994 = C. Grell, C. Volpilhac-Auger (a cura di), Nicolas Fréret, légende et vérité [Colloque des 18 et 19 octobre 1991 (Clermont-Ferrand)], Oxford, 1994.

Heyne 1773 = C. G. Heyne, De fabularum religionumque Graecarum ab Etrusca arte frequentatarum naturis et causis commentatio, in Novi Commentarii Societatis Regiae Scientiarum Gottingensis, 3, 1773, p. 37-39.

Kriegel 1994 = B. Kriegel, Nicolas Fréret chronologiste, in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 90-108.

Landucci 1986 = Sergio Landucci, Lettre de Thrasybule à Leucippe : edizione critica, introduzione e commento, Firenze, 1986.

Larrère 1994 = C. Larrère, Fréret et la Chine, in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 109-129.

Neiertz 2008 = P. Neiertz, Le Dîner du Comte de Boulainvilliers : un « dialogue des morts » des auteurs clandestins, in Revue Voltaire, 8, 2008, p. 151-164.

Niebuhr 1811 = B. G. Niebuhr, Römische Geschichte, Berlino, 1811, I.

Renard 1939 = M. Renard, Nicolas Fréret et la théorie de l’origine septentrionale des Étrusques, in Latomus, 3, 1939, p. 84-94.

Simon 1961= Renée Simon, Nicolas Fréret, académicien (1688-1749), Ginevra, 1961 (Studies on Voltaire and the 18th Century, 17).

Servière – Bastien 1792 = J. Servière, J.-F. Bastien, Œuvres de Fréret, Parigi, 1792.

Stenger 1994 = G. Stenger, Fréret, Maffei et l’origine des anciens peuples de l’Italie (à propos d’une lettre inédite de Fréret), in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 131-151.

Volpilhac-Auger 1994 = C. Volpilhac-Auger, Nicolas Fréret : histoire d’une image, in Grell – Volpilhac-Auger 1994, p. 3-16.

Wade 1038= I. O. Wade, The clandestine organization and diffusion of philosophic ideas in France from 1700 to 1750, Princeton, 1938 (New York, 1967).

Haut de page

Notes

1 Heyne 1773, p. 37-39 ; Niebuhr 1811, p. 70-73.

2 Renard 1939, p. 84-94.

3 Su Fréret, si veda la biografia di Simon 1961, e gli atti del convegno Nicolas Fréret, légende et vérité. Colloque des 18 et 19 octobre 1991 di Clermont-Ferrand (Grell – Volpilhac-Auger 1994, con ulteriore bibl. p. 17-18).

4 Servière – Bastien 1792. Viene citato in frontespizio un passo delle Lettres à Eugénie: « C’est en privant le Clergé de ses biens immenses, conquis sur la crédulité des hommes : c’est en anéantissant sa puissance : c’est en le dépouillant de ses immunités, de ses privilèges chimériques et nuisibles : c’est en forçant ses membres à devenir au moins des citoyens paisibles, que les Princes parviendront, peut-être quelque jour, à soulager les peuples, à leur rendre le courage, à faire des sujets plus actifs, plus industrieux, plus sensés ».

5 Neiertz 2008, p. 151-164.

6 Dettaglio delle vicende in Grell 1994 a, p. 25-26.

7 Volpilhac-Auger 1994, p. 9 (« La formation intellectuelle de Fréret a donc toutes chances d’être marquée par une culture d’opposition prédisposant à la mise en cause des opinions préétablies qui caractérise la mouvance janséniste et oratorienne »).

8 Ved. edizione da parte di Landucci 1986 (e in Benitez 1994, p. 177-192, con ulteriore bibliografia) ; un’edizione fatta a Londra nel 1768 presentava chiaramente il libro come un’opera ateistica : Lettre de Trasibule à Leucippe : ouvrage critique, historique, métaphisique &tc. ou l'on nie la verité de toutes les religions, l’existence de Dieu, et l’jmmortalite de l'âme / par Mr. Freret, secrétaire perpetuel de l'Academie des Inscriptions et belles lettres. Mort en 1746.

9 Ved. edizione da parte di Alain Niderst, Parigi, 2001.

10 Ved. il classico lavoro di Wade 1938.

11 Oltre l’Examen critique des apologistes de la religion chrétienne, p.e. Lettres à son Altesse Monseigneur le Prince de ***. Sur Rabelais et sur d’autres auteurs accusés d’avoir mal parlé de la religion chrétienne (Lettre sur les Français), 1767, La Bible enfin expliquée par plusieurs aumôniers de S.M.L.R.D.P., 1776 ; Volpilhac-Auger 1994.

12 Ibid., p. 12-13 ; per la cronologia alta dei Cinesi, p. 15, e n. 45, con la giustificata proposta di riconoscere Fréret come bersaglio della formula « Sied-il bien à des lettrés de Paris de contester l’antiquité d’un livre chinois regardé comme authentique par tous les lettrés de la Chine ?» (La philosophie de l’histoire, 18).

13 Come scrisse nel suo Extrait des observations sur la géographie de Xénophon (Grell 1994 a, p. 27).

14 Il suo ultimo intervento, « Observations sur les oracles rendus par les âmes des morts » (nel quale affrontava la questione della consultazione necromantica attribuita al re Saul), ebbe luogo il 21 di gennaio 1749. Elenco dei suoi interventi in Grell 1994 a, p. 25-47.

15 Su questo punto, Kriegel 1994, p. 90-108.

16 Ved. il passo delle Observations sur plusieurs époques de la chronique de Paros, del 1747, citato in Kriegel 1994, p. 105, e già Grell 1994 b, p. 63 : « Les dates du commencement et de la mort de Cyrus sont de la plus grande importance pour la chronologie générale de l’Histoire ancienne ; c’est par elles seules qu’il est possible de lier l’histoire et la chronologie des Juifs avec celles des Grecs et des autres nations. La suite de l’histoire des Juifs étant interrompue et absolument défectueuse depuis le retour de la captivité de Babylone, ce n’est qu’à force de conjectures et de suppositions, dont les plus probables sont sujettes à de grandes difficultés, que les critiques anciens et modernes sont venus à bout de lier cette partie de l’histoire Judaïque avec l’histoire profane. La date du règne de Cyrus à Babylone et celle de sa mort fixée par le canon astronomique sont le point dont dépend toute la chronologie de l’écriture ».

17 Ved. Volpilhac-Auger 1994, p. 10-12.

18 Sull’attività di Fréret come sinologo, Elisseef-Poisle 1978 ; Larrère 1994, p. 109-129.

19 Sul personaggio, Eliseef 1985.

20 Oltre alle acute osservazioni di Bruni 2012, p. 312-315, lo studio fondamentale è quello di Stenger 1994, p. 131-151.

21 Il testo della lettera, conservato nella biblioteca comunale di Nîmes, è dato in appendice all’articolo di Stenger 1994, p. 145-151. Quello della lettera a Venuti del 1743, con il Plan de travail… pour l’histoire de l’Étrurie, che era anch'essa rimasta inedita (ed è conservata nella biblioteca di Bordeaux), è riprodotto negli atti del colloquio di Clermont-Ferrand (Appendice II, p. 202-204).

22 Sembra che Fréret non avesse finora mai incontrato Scipione Maffei. La lettera comincia con l’espressione « Quoique je n’aye pas l’honneur de vous estre connu ». Sulla discussa questione della traduzione della tragedia del Maffei Merope, Stenger 1994, p. 131-133. Anche se Fréret ne fu l’autore, non sembra che abbia avuto allora contatti diretti con Maffei.

23 Su Filippo Venuti, Gialluca 2011, p. 37-71, in part. p. 46.

24 Ved. Domini 1999-2001, p. 237-353, p. 283 per Fréret (citato da Bruni 2012, p. 342).

25 In Istoria diplomatica, p. 218-219.

26 Lettera a Maffei, l.104-109 : « Vous croyez (les Toscans) une colonie orientale descendus des premiers habitants du pays de Canaan chassez par les descendants d’Esau ou par les Idumeens ; (…) Borchard a montré que tous les mots de l’ancien Toscan dont nous avons la signification n’ont aucun rapport avec les langues orientales et vous savez quelle doit estre l’authorité de ce savant home ».

27 Lettera a Maffei, l.112-123 : « Je ne trouve nulle ressemblance dans ce qui est essentiel a la religion des Cananeens. Les augures & les divinations par le vol & par le chant des oiseaux ou par l’inspection des entrailles des victimes sont des pratiques communes à toutes les nations. On ne trouve point en Toscane les sacrifices humains on n’y voit nulles traces de la fable d’Adonis ny du culte de Venus. (…) Les Romains à l’imitation des Ethruriens se tournoint vers l’occident pour prendre leurs auspices. (…) Les Phoeniciens au contraire se tornoint vers l’orient. Cette difference me semble essentielle et detruire toute la force des autres conformitez ».

28 Recherches, p.107: « Ces lettres ont beaucoup de rapport avec les lettres Samaritaines ; mais elles ressemblent peu à celles qu’on voit sur les médailles de Tyr, de Sidon, de Cadix & des autres villes maritimes ». Nella lettera del 1728, definiva la loro scrittura come « te(nant) plus des Lettres Hebraïques ordinaires & du Chaldeen ancien » (l. 54-55).

29 Ved. Grell 1994 a, p. 27.

30 Nella lettera a Maffei, il Fréret prendeva in considerazione l’ipotesi (l. 91-93) che l’Umbria avesse accolto anche un elemento lidio, accanto a quello celtico, secondo la tradizione erodotea sulla migrazione di coloni lidi in Italia. Nel 1728, dunque, l’autore non respingeva totalmente la visione di Erodoto, ma limitava l’apporto lidio alla sola Umbria, insistendo sul fatto che Erodoto menzionava gli Umbri, che sono separati dalla Toscana da alte montagne. Ma, accennando anche a Dionigi d’Alicarnasso, poneva come alternativa una confusione con i Torrebi, menzionati da Xanto (l. 95-98 : « Denys d’Halicarnasse rejette le passage des Lydiens en Italie et montre par le temoignage de Xanthus ecrivain lydien anterieur a Hérodote que les Tyrseneniens estoint les Torraebes de l’Asie Mineure »), e una generale confusione tra Pelasgi e Lidi, data l’appartenenza di Lidi, Frigi, Armeni e Pelasgi alla stirpe pelasgica (l. 98-101: « Ce qui avoit pu occasioner la meprise est que les Pelasges grecs estoint originairement la meme nation que les Lydiens, les Phrygiens & les Armeniens comme nous l’apprenons par des temoignages formels de l’antiquité »).

31 Per le Recherches, il testo del quale disponiamo oggi non è quello originale di Fréret, come fu letto all'Académie nel 1744, ma una ricostruzione fatta a partire dalle carte lasciate da lui e collegate dopo la sua morte (avvenuta nel 1749), da Jean-Baptiste de Bougainville, che gli successe nella carica di « secrétaire perpétuel » dell’Académie. Qui, Fréret viene sempre citato in terza persona, ed il suo testo riferito nella forma del discorso indiretto. Ma almeno nel suo sistema generale, ben più complesso di quello della lettera a Maffei, la presentazione del testo delle Recherches appare pienamente condivisibile.

32 Benchè il testo non li citi, i Liburni, associati ai Siculi, appaiono come i primitivi abitanti della costa adriatica dell’Italia in Plinio, 3, 112, e l’origine illirica, e più precisamente dalmata, dei Siculi corrisponde alla menzione dei Siculotae come popolo di questa zona in 3. 141.

33 Il sistema del Fréret, che poneva l’arrivo delle genti illiriche in un remoto passato, lo costringeva a ritenere come un tarda elaborazione, dovuta all’omofonia con gli Eneti dell’Asia Minore, la leggenda di Antenore et dell’ascendenza troiana dei Veneti (p. 78).

34 Il Fréret, per prudenza, rifiutava di tenere conto dei Sicani del Lazio : nel loro caso non scartava la possibilità che una confusione fosse intervenuta tra Sicani e Siculi (p. 82).

35 Nelle Recherches, la spiegazione del nome dei Tirreni da turseis, nome che sarebbe stato conferito loro da parte dei Pelasgi, come era esposto nella lettera del 1728, non appare più. Questo silenzio non è casuale : a p. 105, il nome dei Tirreni viene spiegato da una confusione tra i Pelasgi e i Tirreni dovuta alla loro vicinanza geografica nella zona nord-egea, punto che non era preso in considerazione nella lettera a Maffei (nella quale non parlava di Tirreni fuori dell’Italia e, per rendere conto dei coloni lidi di Erodoto, pensava ad una confusione tra i Tirreni e i Torrebi di Xanto).

36 Il testo, p. 91, è: « le passage des colonies Pélasgiques (…) (est prouvé) par la langue des Latins & des Opiques, dont le fond est certainement grec ; quoiqu’elle ait emprunté plusieurs mors barbares de la langue Celtique des Ombri, avec lesquels ces Pélasges s’étaient mêlés ». Fréret ritrova qui la teoria esposta da Dionigi di Alicarnasso, 1. 90, 1, secondo la quale il latino sarebbe una lingua greca (e più precisamente un dialetto eolico), ma mescolata con elementi barbari dovuti all’influsso di alloglossi (enumerati in 1, 89, 3).

37 Il riferimento ai Torrebi, presente nella lettera a Maffei, non appare più nel testo che abbiamo per le Recherches.

38 La critica comincia a p. 94: « Cette narration est si remplie d’absurdités, qu’il semblerait inutile de s’attacher à la combattre ; si presque tous les écrivains ne l’avaient adoptée, sans être frappés de tout ce qu’elle contient d’étrange ».

39 Recherches, p. 97: « Quant au langage, il suffiroit, pour adopter l’observation de Denys d’Halicarnasse, de comparer les mots de la langue étrusque & ceux de la langue lydienne, rapportés dans Hésychius ; Bochart en a rassemblé un grand nombre ». Riferimento a Bochart già nella lettera a Maffei, l.106-110 (per le lingue orientali in generale). Ved. Bochart 1692, I, c. 33, col. 580-598. L’autore visse tra il 1599 e il 1667.

40 Recherches, p. 98 : « Ces Rasenae étoient originairement le même peuple que les Rhaeti, ancien habitans du Trentin & de la partie du Tirol, qui comprend la portion des Alpes où coule l’Athésis. Tite-Live & Pline sont l’un et l’autre de cet avis ; il est vrai qu’ils nous donnent ces Rhaeti pour des Toscans chassés des plaines par les Gaulois, lorsque ces derniers envahirent l’Italie vers l’an 600 avant l’ère Chrétienne ; et c’est même à cette situation des Rhaeti dans les montagnes, que les premier attribue la barbarie de leurs mœurs, aussi grossières que celles des autres Toscans étoient douces & polies. Mais cette méprise est une conséquence naturelle de la fausse origine qu’ils donnoient aux Toscans : ils les regardaient comme une colonie venue par mer, & qui s’étoit d’abord établie dans la Toscane. Or il est bien plus probable que la Rhétie, loin d’être peuplée dans la suite par des Toscans, avait elle-même fourni à la Toscane ses premiers habitans. En effet les Rasenae étoient venus par terre en Italie. Ils y pénétrèrent par le Trentin & par les gorges de l’Adige ».

41 Sulle ricerche di Fréret in questo settore, Kriegel 1994, p. 89-108.

42 Fréret sottolineava questo apporto culturale greco (o protogreco) per tutti i popoli indigeni dell’Italia che elencava a p. 92 : « Ces Cités conservèrent plus ou moins de ressemblance avec les habitans de la Grèce, suivant que les Pélasges s’y étoient trouvés dans un nombre plus ou moins grand ».

43 Sulla tradizione pelasgica per Falerii, ved. il nostro libro (Briquel 1984, p. 327-352, per Caere, p. 169-224, per Tarquinia, p. 225-259). Fréret riprende la spiegazione del nome di Caere dalla formula greca chaire, montrando così che ammetteva un rapporto linguistico con la Grecia.

44 Già nella lettera a Maffei, la componente pelasgica serviva a spiegare il nome Tirreni dato dai Greci agli Etruschi. Ma, diversamente di quel che il Fréret aveva allora scritto (l’etnico, spiegato da turseis, sarebbe stato attribuito dai Pelasgi agli abitanti della Toscana quando arrivarono nel paese), nelle Recherches, l’attribuzione di questo nome agli Etruschi veniva da una confusione avvenuta nella zona nord-egea e tracica, dovua alla presenza ivi di Tirreni accanto ai Pelasgi. Per lui, che ammetteva il riferimento ai Crestona e non a Cortona nel discusso passo di Erodoto 1. 57 (già nelle lettera a Maffei, l. 81-84), i due etnici, inizialmente distinti, si sarebbero poi confusi (già in Tucidide, 4, 109, 4, e Sofocle, nella perduta tragedia Inaco, in un passo citato da Dionigi 1. 25, 4).

45 Recherches, p. 107: « Les Inscriptions Etrusques en caractères latins, ne sont pas plus intelligibles que les autres, quoi qu’on y rencontre des mots latins défigurés ».

46 Ved. Vues générales, p. 69. Il passo è citato in Grell 1994 b, p. 70. Sulla questione, ibid., p. 67-70 ; sulle sue idee nel campo linguistico, Droixhe 1994, p. 165-175.

47 L’analisi dei dati non va oltre la generica affermazione a p. 93 (per le città di origine pelasgica in Italia) : « Ces cités conservèrent plus ou moins de ressemblance avec les habitans de la Grèce, suivant que les Pélasges s’y étoient trouvés dans un nombre plus ou moins grand ».

48 Ved. lettera a Maffei, l.81-84, Recherches, p. 91.

49 Vues générales, p. 51.

50 Recherches, p. 94: « Avant d’exposer son opinion sur l’origine des premiers Toscans, M. Fréret combat l’hypothèse commune. Cette hypothèse, adoptée presque généralement par tous les écrivains, fait venir de Lydie la première colonie qui peupla la Toscane : c’est le sentiment unanime de tous les anciens ; mais comme ils n’ont fait que copier Hérodote, toutes leurs autorités se réduisent à la sienne ».

51 Recherches, p. 87 : « Si l’on osoit se permettre de juger les anciens écrivains avec la même rigueur, & sur les mêmes loix que les modernes, on ne regarderoit, peut-être, la première partie des antiquités de Denys d’Halicarnasse, que comme un Roman historique ».

52 Recherches, p. 73 : « Il faut remarquer en effet, que les premières peuplades ne se sont point faites par mer ; c’est un principe certain, fondé sur l’ignorance où l’on étoit de la navigation dans les siècles reculés ».

53 Recherches, p. 73 : « Tout ce qu’on est en droit de présumer, c’est 1.° que comme elles (= ces peuplades) étoient composées de chasseurs, tels que sont aujourd’hui les peuples du nord de l’Amérique, une Nation peu nombreuse occupoit alors une grande étendue de pays. 2.° Qu’elle passoit d’un canton dans un autre, lorsqu’elle avoit épuisé le premier : 3.° Enfin qu’à l’arrivée de nouvelles colonies, les anciennes, au lieu de se défendre, leur abandonnoient leur terrein pour s’établir au delà ».

54 In part. Recherches, p. 72-73 : « L’Italie est une espèce de presqu’île, baignée de la mer presque par-tout, si ce n’est à l’endroit où la chaîne des Alpes la joint à l’Europe, en même temps qu’elle la sépare des contrées voisines. Cette chaîne de montagnes qui renferment l’Italie forme une espèce de croissant, dont les deux extrémités vont aboutir à la mer. Elle n’est praticable qu’en quelques endroits ; & ce ne peut être que par ces passages les plus faciles, que le patys a reçû ses premiers habitans ».

55 Secondo ciò che Fréret scriveva nel 1728 nella sua lettera a Maffei : « Vous avez raison de regarder les antiquités Ethrusques comme le meilleur moyen d’éclaircir celle des peuples de l’Italie » (l. 32-33).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Dominique Briquel, « La questione delle origini etrusche nella Francia dell’Illuminismo », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 126–2 | 2014, mis en ligne le 17 décembre 2014, consulté le 30 mars 2017. URL : http://mefra.revues.org/2296 ; DOI : 10.4000/mefra.2296

Haut de page

Auteur

Dominique Briquel

Université de Paris-IV-Sorbonne – dominique.briquel[at]ens.fr

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org