Navigation – Plan du site
« Origines » : percorsi di ricerca sulle identità etniche nell'Italia antica

« Qui primi coluisse Italiam dicuntur » (Gell. 1, 10, 1)

Gli Ausoni-Aurunci tra mito delle origini e realtà etnografica
Alessandro Pagliara

Résumés

Il commento di Tzetzes a tre versi dell’Alessandra di Licofrone rappresenta l’esito ultimo della complessa tradizione letteraria relativa alla remota popolazione italica degli Ausones, che un frammento di Ecateo di Mileto localizza a Nola, in Campania. Tra le più antiche attestazioni dell’etnico è un frammento di Pindaro, che (secondo l’integrazione propostane da Wilamowitz) definisce « Ausonio » il mare di Locri Epizefirii, in Calabria. L’intreccio tra queste due accezioni – ristretta all’area campana o latamente estesa all’intero Meridione – determina gli autoschediasmi che caratterizzano anche le fonti storiche sugli Ausones, in larga misura debitrici della fortuna poetica di Ausonia quale sinonimo di Italia, che attraverso l’epica ellenistica confluisce nel poema virgiliano.

Haut de page

Texte intégral

1Nel vasto pelago della produzione scoliastica dell’età dei Comneni, chi indaghi tradizioni mitografiche soprattutto d’epoca ellenistica si trova a percorrere promettenti e talora inesplorate latitudini tra le pagine del grammatico Ioannes Tzetztes, in specie scorrendo due tra i numerosi frutti della sua multiforme attività : la Biblios historikē (meglio nota dal Gerbel in avanti col titolo di Chiliades) e, tra quelli dedicati ai poeti ellenistici, l’ampio commentario all’Alessandra licofronea. Questo di Tzetzes – come del resto quello anche più alto di Eustazio – è, nella sua bulimica farragine, lascito non poco impegnativo che la cultura bizantina alla vigilia del sacco di Costantinopoli del 1204 dona anche allo storico dell’Antichità : nondimeno, la sfida appare storiograficamente promettente per le possibilità che offre – a chi sappia indagarne il dettato – di operare veri e propri « carotaggi » a partire dal livello della prosa di XII sec., dipanando à rebours l’embricata stratigrafia di tradizioni che ne è la cifra e pervenendo così al suo nucleo più antico, non di rado proprio ellenistico, né talvolta da noi più attingibile per altra via.

  • 1 Cf. Pagliara 2003a, ed ora Mele 2010.
  • 2 Pais 1906.

2Ora, nel commento di Tzetzes a tre passi di Licofrone, si trova una sorta di compendio delle tradizioni mitografiche che – sull’archetipo delle genealogie [pseudo( ? )-]esiodee di Agrio e Latino nella chiusa della Theogonia (v. 1011-1116) – l’età ellenistica, nella figura (forse) dello storico Eforo di Cuma, aveva forgiato intorno all’eponimo degli Ausoni1 ; ma – quel che più conta ai fini del nostro discorso – Tzetzes opera in quegli scholia anche un consuntivo non disprezzabilmente critico di quanto la riflessione storico-geografica antica aveva raccolto « intorno all’estensione del nome degli Ausones e dell’Ausonia » (faccio mio qui il titolo di un classico, e problematico, lavoro di E. Pais)2. Considererò, dunque, questi scolî teztiani, partendo dal contesto licofroneo da cui traggono spunto.

3Proprio ad inizio del poema, nella rievocazione delle imprese di Eracle, Licofrone mette in bocca alla sua Cassandra il ricordo dell’uccisione di Scilla ad opera dell’eroe, già primo distruttore di Troia (l’Alessandra torna a far cenno del destino di Scilla nella sezione relativa al nostos di Odisseo [v. 650-652]) :

  • 3 Lyc. 44-49 [trad. Ciaceri 1901 (= Pagliara 2002, n°. 49, p. 216)].

Ed uccise [scil. Eracle] la fiera cagna [ = Scilla], custode dello stretto del mare Ausonio, mentre se ne stava a pescare sugli scogli, leonessa divoratrice di tori, che il padre [ = Forcys] richiamò in vita bruciandole il corpo con fiaccole, e cui non facea paura Leptine, dea infernale [...]3.

4Ecco il commento di Tzetzes al sintagma licofroneo « mare Ausonio » :

  • 4 Tzetz. schol. in Lyc. 44 [p. 34, 8 s. Scheer (= Pagliara 2002, n°. 100, p. 228)]. La genealogia di (...)

Ausoni sono gli Italici ; Ausonitide l’Italia : da Ausone, figlio di Odisseo e Circe, o altri dicono dall’altro Ausone [ = il f. di Odisseo e Calipso]. L’Italico è detto Ausone, <da Ausone, che da Calipso fu generato ad Atlante>. Ausonia, invece, in senso proprio, secondo scrive Dione Cocceiano, si definisce la sola regione degli Aurunci, posta tra i Campani e i Volsci presso il mare ; ma molti ritennero che sino al Lazio sia Ausonia, così che da essa indicano anche l’Italia tutta [...]4.

  • 5 Dio Cass. fr. 2, 1 [p. 356 Boissevain (= Pagliara 2002, n°. 17, p. 203)]. Cf. Moscovich 2010.

5Il passo è interessante non tanto per la giustapposizione delle due principali varianti della genealogia odissiaca di Auson (che ricorre in numerosi altri contesti scoliastici o mitografici), ma piuttosto in quanto testimone di un frammento di Cassio Dione relativo alla corrispondenza diretta tra Ausonia e il solo territorio aurunco5, passo che Tzetzes ripeterà più dettagliatamente negli altri due scholia licofronei che stiamo per considerare.

6Torniamo, dunque, a Licofrone. La sorte di Diomede e dei suoi compagni trasformati in uccelli (v. 592 s.), e – quel che qui più interessa – il motivo del suo peregrinare e l’approdo in Daunia sono il tema della successiva sezione su cui mi soffermerò dall’Alessandra :

  • 6 Lyc. 610-618 [trad. Gigante Lanzara 2000 (= Pagliara 2002, n°. 50, p. 216)]. Sull’immagine licofron (...)

La ferita alla dea di Trezene [ = Afrodite] sarà la causa dei suoi [ = di Diomede] viaggi errabondi e delle pene che soffrirà quando la cagna ardita e spudorata [ = sua moglie Egialea] lo spingerà smaniosamente a letto. Dal destino di morte, già sul punto di essere sgozzato, lo salverà l’altare di Era Oplosmia. Ritto come un colosso sul lido frastagliato dell’Ausonia (ἐν πτυχαῖσιν Αὐσόνων) poggerà le piante sopra le pietre della massicciata di Posidone Amebeo, costruttore di mura, cavati fuori i sassi di zavorra dalla sua nave6.

7L’immagine dell’eroe greco Diomede torreggiante « come un colosso » (κολοσσοβάμων, che è hapax licofroneo) sulla terra Daunia, cui il poeta perifrasticamente allude menzionandone come Ausones gli abitanti (ἐν πτυχαῖσιν Αὐσόνων), suscita la critica di Tzetzes, espressa di nuovo con le parole di Cassio Dione :

  • 7 Tzetz. schol. in Lyc. 615 [p. 208, 29 s. Scheer (= Pagliara 2002, n°. 101, p. 228-229)]. Ovviamente (...)

« Ausoni » non bene dice Licofrone i Feaci e i Daunî. Ausoni, infatti, in senso proprio, come anche dissi a principio, sono chiamati gli Aurunci, stanziati tra i Campani e i Volsci ; altri, però, ritennero che sino al Lazio sia Ausonia, e così da ciò alcuni chiamano in tal modo anche tutta l’Italia. Il dotto Licofrone non so proprio per qual sorta di licenza chiami Ausoni i Feaci e i Daunî, vale a dire gli abitanti della Kalabría [...]7.

  • 8 Lyc. 699-702 [trad. Ciaceri 1901 (= Pagliara 2002, n°. 51, p. 217)].

8E ancora il medesimo frammento di Cassio Dione, variato e ampliato, e l’elenco esaustivo di tutte le varianti – sin le meno attestate – della genealogia di Auson, sono da Tzetzes riuniti nello scolio all’ultimo dei luoghi licofronei che menzionano l’Ausonia, là dove l’Alessandra ripercorre – di molto allontanandosi da Omero (e forse sulla scorta di Eforo ?) – il viaggio di Odisseo dopo la sosta « nel campo tenebroso dove vagano i morti » e l’incontro con Tiresia (v. 681 s.), e la tappa di Pithēkoûssai, l’isola in cui Zeus pose la razza delle scimmie (πιθήκων [...] γένος, v. 688 s.), « [...] oltre il sepolcro del pilota Baio e la dimora dei Cimmeri e la palude Acherusia » (v. 694 s.), sin oltre « le acque del Piriflegetonte – ove erge al cielo la cima l’inaccessibile montagna di Ade, dalle cui viscere scendono tutti i fiumi e tutte le fonti che scorrono sulla terra Ausonia »8.

  • 9 Tzetz. schol. in Lyc. 702 [p. 229, 32 s. Scheer [(= Pagliara 2002, n°. 102, p. 229)].
  • 10 Si v. ex. gr. Montelatici 1916, p. 261 ; cf. anche le severe riserve sulle capacità critiche di Tze (...)

9Come dicevo, la perifrasi licofronea κατ' Αὐσονῖτιν... κθόνα che qui ricorre (v. 702) è l’occasione per Tzetzes di riprendere più o meno ipsissimis verbis gli argomenti su Auson e Ausonia che già conosciamo, e che non conta ripetere la terza volta9. Varrà invece la pena vedere – se non altro a titolo di curiosità erudita – come questi stessi temi siano affrontati dal medesimo autore, non più in veste di scoliaste, ma direttamente di poeta in versi politici, nella sezione appunto intitolata Da dove gli Ausoni traggono denominazione e sino a dove è l’Ausonia dalla quinta delle sue ponderose Chiliades (sulla « smania di versificare » di Tzetzes non è mancata l’ironia dei moderni)10 :

  • 11 Tzetz. chil. 5, 16, 564-582 (= Pagliara 2002, n°. 99, p. 228).

L’Ausonia ha avuto il nome dagli Ausoni, | secondo alcuni da Ausone, figlio di Odisseo : Odisseo, infatti, da Circe, di cui tutti parlano, | Ausone e Telegono genera, e Cassifone, | come dice ogni storico, curandosi del vero ; | ma Tzetzes anche qui dice : gli storici sono bestie. | Un solo anno avendo trascorso con Circe, | in che modo Odisseo generò questi tre figli : | figli di quattro mesi, ovvero in un sol grembo ne genera tre ? | Ma in Libia mettono al mondo agnelli direttamente con le corna [allusione ad Od. 4, 85] : | e in Italia, ancor meglio che in Libia, | uomini – come dite – quegli genera di quattro mesi. | Da questo Ausone di quattro mesi, come dicono a vanvera, | l’Ausonia si ebbe il nome di Ausonia ; | ma altri dicono da un Auson più antico, | figlio di Italo, che lo porta a compimento, sovrano della regione. | Ma gli Aurunci soli bada a chiamarmi Ausoni, | a mezzo tra i Volsci e i Campani, stanziati lungo il mare : | da loro, in senso lato, chiamano anche tutta l’Italia11.

  • 12 Pind. fr. 140b Maehler (= Pagliara 2002, n°. 61, p. 219-220). Per la periodizzazione dell’epoca arc (...)
  • 13 Cf. Pagliara 1999, p. 183 s.
  • 14 Ap. Rh. 4, 552-556 ; 580-591 ; 659-664 ; 825-832 ; 842-846 (= Pagliara 2002, n°. 7-11, p. 200-201).
  • 15 Verg. Aen. 3, 147-171 ; 369-387 ; 472-505. 4, 219-237 ; 340-350. 5, 77-83. 6, 337-346 ; 791-807. 7, (...)
  • 16 Dion. Hal. ant. Rom. 1, 11, 1-4 ; 21, 3 ; 22, 1-5 ; 29, 1-2 ; 35, 1-3. 6, 32, 1-3 ; 37, 1. 15, 3, 5 (...)
  • 17 Plin. nat. hist. 3, 56 ; 60 ; 74-75 ; 95 ; 151. 14, 69 (= Pagliara 2002, n°. 62-67, p. 220-221). Cf (...)
  • 18 Liv. 2, 16, 8-9 ; 17, 1-7. 2, 26, 4-6. 7, 28, 1-3. 8, 15, 1-5 ; 16, 1-10. 9, 25, 1-9 (= Pagliara 20 (...)

10Questi versi (alla cui composizione, invero, le Muse non può dirsi abbiano arriso) sono l’ultima tappa di un percorso poetico nobilissimo, che muove in età tardo-arcaica da Pindaro12 – se non forse Stesicoro13 –, trascorre in epoca ellenistica per le Argonautiche di Apollonio14 e approda nel mondo latino all’Eneide15, dove, se l’identificazione tra Ausonia e Italia è indiscussa, il ruolo degli Aurunci e dei popoli Ausonii viene funzionalizzato nel mosaico etnografico del poema in modo niente affatto scontato, e il cui tasso di intenzionale artificio è possibile confrontare con le parallele, ma meno sistematiche, operazioni di Dionisio di Alicarnasso16 e Plinio17, nonché con lo status di Ausones e Aurunci nella tradizione liviana18.

  • 19 Paul. epit. Fest. s.v. Ausoniam [p. 16, 23-27 Lindsay (= Pagliara 2002, n°. 58, p. 219)] ; da confr (...)
  • 20 Serv. ad Aen. 3, 171. 7, 54. 8, 328. 11, 253 (= Pagliara 2002, n°. 75-76, 79, 81, p. 223-224).
  • 21 Bocc. gen. deor. gent. 11, 43, 2 (= Pagliara 2002, n°. 14, p. 202).

11A partire da Virgilio, da un lato per il tramite della lessicografia da età augustea in qua (Verrio Flacco, Festo, Paolo Diacono)19, dall’altro a mezzo dei commentatori dell’Eneide (Donato in Servio, con gli ampiamenti confluiti nel Danielino)20, la « fortuna » degli Ausones e del loro eponimo, il tentativo di definizione del ruolo di quell’antico ethnos nell’ambito della « identità incompiuta » dell’Italia romana (secondo la suggestiva formula di A. Giardina), e quindi il problema della loro area di stanziamento, accompagna il crepuscolo del mondo antico in Occidente e, alle soglie dell’età moderna, riemerge carsicamente, un paio di secoli oltre la non alata poesia di Tzetzes, nel vasto bacino delle Genealogie deorum gentilium del Boccaccio21.

  • 22 Hecat. FGrHist 1 F 61 [apud Steph. Byz. s.v. Νῶλα (= Pagliara 2002, n°. 37, p. 212)]. Da ultimo, or (...)
  • 23 Loc. cit. (supra n. 12).
  • 24 Polyb. 34, 15, 4 [apud Plin. nat. hist. 3, 75 (= Pagliara 2002, n°. 64, p. 220-221)].
  • 25 Strab. 5, 3, 6, C. 233 [trad. Biraschi 1988 (= Pagliara 2002, n°. 94, p. 226)].

12Poesia, appunto : su questo vorrei sollecitare l’attenzione di chi legge. Sin qui abbiamo trattato di tradizioni mediate per via poetica, non storiografica. Al di là della fondamentale testimonianza ecataica su Nola, « città degli Ausoni »22, la singolarità (e problematicità) delle « fonti » su quell’ethnos mi pare consistere – dico semplificando – nella loro inestricabile connessione con la « fortuna », eminentemente poetica, di Ausonia : coronimo dagli Ausones ovviamente derivato, ma non tout court assimilabile all’area di loro stanziamento. E ciò sin ab origine, se in Pindaro (a tralasciare la dubbia testimonianza stesicorea) la città di Locri e il promontorio Zefirio sono già localizzati – secondo la felice restituzione del Wilamowitz – ὑ]πὲρ Αὐσονία[ς ἁλος23, con gli autoschediasmi che questo causerà anche in uno storico del calibro di Polibio24, sollecitando il razionalistico ridimensionamento straboniano : « sebbene gli Ausoni non abbiano mai abitato sul mar di Sicilia, tuttavia il mare viene chiamato Ausonio »25.

  • 26 Cato F 71 Peter [apud Prob. praef. in Verg. buc., p. 326 Hagen (= Pagliara 2002, n°. 15, p. 202-203 (...)
  • 27 Serv. ad Aen. 7, 727 (= Pagliara 2002, n°. 78, p. 223).
  • 28 Strab. 6, 1, 5, C. 255 (= Pagliara 2002, n°. 96, p. 227).

13Polibio aveva un precendente che più illustre non si potrebbe, se persino Catone – in un luogo del III delle Origines trasmesso da Probo – aveva detto Aurunci i più remoti abitanti della bruzia Temesa (secondo l’emendamento di Maddoli), oppidum che poi ebbero gli Achei Troia domum redeuntes26. E qui Aurunci sta (ovviamente) per Ausones, come ben sapeva Servio : isti [vale a dire : gli Aurunci [...] patres di Aen. 7, 727] Graece Ausones nominantur27. Lo stesso Strabone, che aveva messo in dubbio il significato etnico della qualifica di Ausonio per il mar di Sicilia, si farà a sua volta eco di tale tradizione catoniana nel dire Temesa Αὐσόνων κτίσμα28 : né ciò deve stupirci, ormai, per quel tanto di ambiguo che – parallelamente alla ecataica localizzazione campana degli Ausoni – abbiamo visto consustanziale alla categoria di « ausonicità ».

14Ma Strabone ebbe chiaro il quadro che la più antica storiografia greca aveva delineato « intorno all’estensione del nome degli Ausones e dell’Ausonia » (per riprendere la citata formula di Pais), ed è soprattutto ad un passo della sua Geographia che dobbiamo l’impostazione del problema nei termini in cui, in definitiva, ancor oggi discutiamo. È un testo ben noto, ma vale la pena rileggerlo, soprattutto nella resa italiana di uno dei più profondi conoscitori della Campania antica, quale fu E. Lepore. Ecco il passo di Strabone :

  • 29 Strab. 5, 4, 3, C. 242 (= Pagliara 2002, n°. 95, p. 226-227). La traduzione citata è ripresa da Lep (...)

Antioco [FGrHist 555 F 7] dice che questo paese [ = la Campania] era abitato dagli Opici e che questi si chiamavano anche Ausoni. Polibio [34, 11, 7] invece mostra che si tratta di due popoli tramandando queste notizie ; infatti dice che il paese intorno al Cratere abitano gli Opici e gli Ausoni. Altri ancora dicono che (la Campania), abitandola dapprima Opici ed Ausoni, fosse occupata poi da un popolo di Osci, e che questi fossero scacciati dai Cumani, ed essi a loro volta dai Tirreni ; per la sua fertilità la pianura infatti era divenuta assai contesa e avendovi impiantato dodici città, questi ultimi chiamarono quella che ne era stata la testa Capua. Indotti dal lusso in mollezze, come dovettero ritirarsi dalla regione intorno al Po, così abbandonarono questa ai Sanniti, e costoro poi furono costretti a rinunziarvi da parte dei Romani29.

  • 30 Cerchiai 1995, p. 21. Cf. anche Poccetti 1989, p. 104 s.
  • 31 Arist. pol. 7, 10, 1329b (= Pagliara 2002, n°. 13, p. 202).
  • 32 Musti 1988, p. 59. Cf. ora Cerchiai 2010, p. 29 s.
  • 33 Zevi 1998, p. 10.

15Tale affondo storico ed etnografico di Strabone sulla Campania mostra con assoluta evidenza come la storiografia greca sia stata progressivamente in grado di comprendere, nell’ambito del popolamento anellenico dell’Occidente coloniale, la tensione in esso caratteristica (mutuo questa formula da L. Cerchiai) tra « variegata articolazione » e valorizzazione delle « più generali affinità tra le sue componenti »30. Tale progressivo sforzo classificatorio, per quanto attiene all’etnografia della Campania, possiamo cogliere nel diverso giudizio che, sui rapporti tra le componenti del più antico popolamento indigeno della regione – Ausoni e Opici, in altri termini –, verifichiamo tra il livello della riflessione etnografica greca di VI-V sec., come rispecchiato nei frammenti di Ecateo ed Antioco di Siracusa (e ancora, con caratteristico ritardo, in Aristotele)31, e il livello di III-II sec., rappresentato da Polibio, « debitore al romano Catone – lo ha sottolineato Musti – di chiarimenti e di codificazioni decisive »32. Né andrà dimenticato – con F. Zevi –, per quanto attiene alla vicenda complessiva del popolamento della Campania, che la rappresentazione di essa mediante « l’idea di una sequenza di popoli succedutisi, meccanicamente, nel dominio della regione » è portato di un approccio ai fenomeni etnogeografici tipico « soprattutto in età ellenistica »33.

  • 34 Hellan. FGrHist 4 F 79b [apud Dion. Hal. ant. Rom. 1, 22, 3 (= Pagliara 2002, n°. 23, p. 206-207)].
  • 35 Philist. FGrHist 556 F 46 [apud Dion. Hal. 1, 22, 4 (= Pagliara 2002, loc. cit. a n. 34)].
  • 36 Ant. Syr. FGrHist 555 F 4 [apud Dion. Hal. 1, 22, 5 (= Pagliara 2002, loc. cit. a n. 34)]. Cf. Pagl (...)
  • 37 Hecat. FGrHist 1 FF 61-63 (= Pagliara 2002, n°. 37-39, p. 212-213).

16Il punto chiave mi pare esattamente questo : cosa sapeva, prima delle sistematizzazioni di età ellenistica, la più antica ricerca etnografica di e sull’Occidente a proposito degli Ausones ? Quando Ellanico – nella rassegna delle varie versioni sulla colonizzazione protostorica di Sicilia che leggiamo in Dionisio di Alicarnasso – fa passare nell’isola, cinque anni dopo quello degli Elimi, lo stolos Ausónōn, tre generazioni prima della guerra di Troia34 ; quando Filisto – a seguire nel medesimo contesto dionigiano – osserva che nella diábasis dall’Italía erano stati coinvolti « non Siculi, né Ausoni od Elimi, ma Liguri sotto la guida di Sikelós »35 ; e quindi – ancora attraverso la mediazione di Dionigi – quando Antioco di Siracusa, senza indicarne la cronologia, afferma che il passaggio dello Stretto riguardò piuttosto i Siculi, « costretti da Enotri e Ausoni »36 : ebbene, su quale « evidenza », relativamente agli Ausones, questi antichi storici possiamo dire fondassero le loro asserzioni ? Abbiamo visto come alle loro spalle fosse la nozione ampia di Ausonía, che registriamo in Pindaro (e possiamo ipotizzare per Stesicoro), la cui eco si irradiò ben più vastamente di quanto avvenne per quella ristretta all’area campana, che – per ciò che è lecito affermare dalla tarda testimonianza dell’epitome di Stefano di Bisanzio – Ecateo centrava su Nola, se non forse estendeva anche a Capua e all’isola di Capri37.

  • 38 Diod. 5, 7-10 [= Tim. FGrHist 566 F 164 (= Pagliara 2002, n°. 19, p. 204)].

17Poco prima che a Dionisio, il problema del ruolo degli Ausones nelle varie versioni del passaggio degli Italici in Sicilia si era posto a Diodoro di Agirio, che aveva fatto sua, con ogni verosimiglianza, la versione timaica. A Timeo, infatti, sono persuaso risalga il racconto della diábasis di Liparo, figlio di Ausone, ἐκ τῆς ᾿Ιταλίας εἰς τὴν... Λιπάραν che leggiamo nell’articolata sezione sulle isole Eolie dal libro nesiotico della Biblioteca diodorea38 : passo molto noto, anche in ambito archeologico, per esser stato scelto da L. Bernabò Brea a chiave interpretativa dell’età del Bronzo tarda e finale nell’arcipelago eoliano. Eccolo :

  • 39 Diod. 5, 7, 5-6 (trad. Orsi 19882).

Le isole di Eolo (così si racconta) erano anticamente deserte ; in seguito Liparo (così si chiamava il figlio del re Ausone), sopraffatto dai fratelli che gli si erano ribellati, ma disponendo di navi da guerra e di soldati, fuggì dall’Italia e giunse nell’isola che da lui prese nome Lipari ; vi fondò la città che porta il suo nome e coltivò le isole che abbiamo già menzionato. [6.] Liparo era ormai vecchio quando approdò a Lipari, con alcuni uomini, Eolo, figlio di Ippote, che sposò la figlia di Liparo Ciane : Eolo fece in modo che i suoi uomini e gli indigeni partecipassero insieme al governo dell’isola quando ne divenne re ; aiutò poi Liparo, che aveva nostalgia dell’Italia, ad impadronirsi della zona attorno a Sorrento ; qui Liparo regnò e morì, dopo essersi procurato gran fama : le sue esequie furono sontuose ed egli fu onorato come un eroe dagli indigeni39.

  • 40 Puglisi Marino 1902, p. 5.
  • 41 Rodriguez 1841, p. 126. Pochi anni più tardi (in una missiva del 21 aprile 1855) il barone E. Pirai (...)
  • 42 Cf. ad es. Guadagno 2009, p. 12-13 ; si v. ora anche Guadagno 2012.
  • 43 Si v. ex. gr. Bernabò Brea 1953-1954 ; Id. - Cavalier 1956 ; Id. 1957, p. 103 s., 122 s., 136 s. ; (...)
  • 44 Colonna 2002, p. 192-193.
  • 45 Mele 2010, p. 321 n. 260. Ma si vedano già, in tal senso, ex. gr. Giangiulio 1986, p. 120-121, Samm (...)

18Timeo non lavorava ex nihilo nel costruire la saga di Liparo. Giusto un secolo fa S. Puglisi Marino aveva stimato « indubitabili » precoci relazioni commerciali degli « abitanti delle isole Eolie [...] con le popolazioni del continente », oltre che con quelle della Sicilia40. Ma già all’inizio degli anni ’40 dell’Ottocento il canonico C. Rodriguez aveva segnalato Lipari come « una terra, la quale molto offrirebbe all’archeologo sagace »41 : difficilmente, in àmbito siceliota, altra intuizione si è rivelata più felice, e – anche per quel che concerne il nostro tema etnografico (e malgrado l’integrale scetticismo di taluni)42 – gli scavi di L. Bernabò Brea e M. Cavalier43 « hanno arrecato [...] una splendida conferma alla saga degli Ausoni » (sono parole di G. Colonna)44. Conferma, com’è ovvio, da interpretare : essendo da respingere come metodologicamente fallaci le ricostruzioni che leggono sic et simpliciter i dati dell’archeologia alla luce dei racconti che sulla protostoria le fonti greche e latine hanno intessuto (è vero, non occorre dirlo, anche il discorso inverso). E ciò vale anche per le tradizioni su Auson e Liparos, che – per citarne un’autorevole e recente proposta esegetica (da cui, pure, mi permetto di dissentire) – al Mele « non paiono interessate a preservare memorie remote quanto a elaborare racconti funzionali agli interessi dei Calcidesi dello Stretto in contrapposizione a quelli dei Calcidesi di Campania »45.

  • 46 Pais 1894, p. 119 s.
  • 47 Pagliara 1997/2000, praes. p. 227-228.
  • 48 Ant. Syr. FGrHist 555 F 1 [apud Paus. 10, 11, 3 (= Pagliara 1995, p. 73)].
  • 49 Cursoriamente vorrei qui ricordare come già lo schol. Ap. Rh. 4, 552 s. [p. 288, 15 s. Wendel (= Pa (...)

19La tesi dell’origine calcidese della saga di Liparo – val la pena ricordarlo – risale alla fine del XIX sec. e fu formulata, senza escludere una possibile mediazione timaica, da E. Pais46. Quanto a me, resto persuaso che Liparo sia « personaggio » timaico47 : Timeo, in altri termini, ritengo abbia « completato » la genealogia dell’eponimo degli Ausoni, di probabile conio eforeo, con la saga dell’eponimo dell’isola di Lipari e con la memoria della sua « prima » colonizzazione – quella che noi diremmo d’età proto-storica –, laddove della ktisis di Lipára in epoca storica aveva già trattato Antioco di Siracusa48. Nel fare di Liparos il figlio di Auson, ma soprattutto connettendone la saga con la pláne odissiaca, Timeo (in Diodoro) forse non si avvide dell’adynaton cronologico che tale saldatura comportava : se Ausone è figlio di Odisseo, come potrebbe al contempo fungere da padre di quel Liparo che, vecchio, accoglierà Eolo, futuro ospite dello stesso Odisseo ? Le due tradizioni su Liparos e Auson rimangono così non componibili in unitario racconto49.

  • 50 Serv. ad. Aen. 1, 52 (= Pagliara 1995, p. 67). Sulla sezione « danielina » del testo di Servio, cf. (...)
  • 51 Isid. etym. 14, 6, 36-37 (= Pagliara 1995, p. 60).
  • 52 Myth. Vat. II 66 [p. 148 Kulcsár (= Pagliara 1995, p. 60-61)] ; Myth. Vat. III 4, 10 [p. 170, 19 s. (...)
  • 53 Varr. ant. rer. hum. 12 fr. 5 Mirsch (= Pagliara 2003a, p. 542 s.).
  • 54 Varr. ant. rer. hum. 10 fr. 9 Mirsch [apud Plin. nat. hist. 3, 95 (= Pagliara 2002, n°. 65, p. 221) (...)

20Qual che ne sia l’interpretazione che oggi intediamo darne, l’interesse di Timeo per le Eolie e per gli Ausoni che ne sarebbero stati i più antichi colonizzatori proto-storici, dal punto di vista della storia della cultura significò la trasmissione di questa tematica ausonico-eoliana al mondo latino, con ogni verosimiglianza per il tramite di Varrone : come infatti attestano Servio50 e Isidoro di Siviglia51 (nonché il secondo e terzo dei Mythographi Vaticani scoperti dal Mai52), Varrone nel XII delle Antiquitates rerum humanarum aveva scritto di Eolo e delle isole che da lui traggono il nome collettivo (novem insulae, quae sunt post fretum Siciliae, appellatae Aeoliae ab Aeolo rege, Hippotae filio, licet habeant et propria nomina)53 ; inoltre, nel libro X della medesima opera – ce ne informa Plinio il Vecchio – Varrone aveva anche trattato di Ausoni, sostenendo (come già Catone : lo abbiamo visto) che il mare della frons Italiae, la Magna Grecia, si chiamò Ausonio quoniam Ausones tenuere primi54.

21Ausonio, dunque, in Catone e Varrone il mare della Magna Graecia, ovvero di quella frons Italiae che a Locris [...] incipit : Αὐσονία la ἅλς su cui si affacciano il Capo Zefirio e la stessa Locri in Pindaro, punto più remoto (se non si accetta l’ipotesi di un suo conio stesicoreo) da cui originano le rifrazioni di questo gioco di specchi tra voci di autori che dal tardo arcaismo greco, per canali di trasmissione e impulsi diversi, si spingono sino al tardo Medioevo.

  • 55 Musti 1988, p. 17.

22Il quesito a cui tutte queste fonti non consentono di rispondere in maniera univoca rimane, però, basilare : come collocare gli Ausones rispetto al quadro di quei popoli, « che – per mutuare le parole di D. Musti – in una sorta di embricazione onomastica e storica, costituiscono il quintetto dell’etnografia arcaica dell’Italia meridionale ad ovest del Bradano, l’etnografia arcaica, appunto, dell’Italía di Antioco : Enotri, Itali, Siculi, Morgeti e, parte eletta degli Enotri, i Coni »55.

  • 56 Strab. 5, 4, 3, C. 242 ; 5, 4, 13, C. 250.

23Il rebus degli Ausones torna, in tal modo, a spostarsi e a incentrarsi sulla Campania, della cui complessa dinamica etnografica essi rappresentano, per così dire, il grado zero : oltre che dalla voce stessa degli autori classici (Ecateo, Antioco, Polibio, Strabone), la moderna storiografia sul mondo antico ha ereditato questo tema di ricerca dall’erudizione umanistica, in particolare dal Biondo che, l’ultimo venticinquennio del XV sec., nella sua Italia illustrata, primo tra i moderni intuì e dichiarò il nesso tra feracità del suolo e complessità della vicenda etnica della Campania antica (che è esplicito acquisto straboniano)56.

  • 57 Ael. var. hist. 9, 16, 1 (= Pagliara 2002, n°. 1, p. 199). Cf. Pagliara 2003b ; Musti 2005, p. 110  (...)

24Gli Ausoni appaiono, insomma, già in antico duttile relitto di remota identità etnica, remota al punto da essere in frange della tradizione considerati autoctoni, come in Eliano, che ne riferisce la discendenza dal centauriforme Mares (ed ignora Auson)57.

  • 58 Musti 1999 ; cf. Id. 2005, p. 102.

25Identità etnica, questa degli Ausones, originariamente legata alla Campania e al suo ambiente « caldo » in quanto vulcanico (se si accoglie una proposta etimologica di D. Musti)58, ma in senso lato – e soprattutto per il coronimo da quel popolo derivato – passibile sin da principio di esser riferita all’intero Mezzogiorno. E nell’epitome da Festo di Paolo Diacono (come anche nella sua Historia Langobardorum), vale a dire in contesto di plausibili memorie varroniane, troviamo non a caso delineato un percorso per cui :

  • 59 Paul.-Fest. s.v. Ausoniam [p. 16, 23 s. Lindsay (= Pagliara 2002, n°. 58, p. 219)]. Cf. Paul. hist. (...)

Auson, figlio di Odisseo e Calipso chiamò Ausonia dapprima la parte d’Italia in cui sono le città di Benevento e Cales ; poi a poco a poco anche tutta l’Italia che è delimitata dall’Appennino fu detta Ausonia, da quel medesimo capo da cui dicono fondata anche la città di Aurunca59.

  • 60 Fulg. Virg. cont. p. 104, 3 s. Helm (= Pagliara 2002, n°. 35, p. 212). V. qui supra n. 19.
  • 61 Verg. Aen. 11, 253 (= Pagliara 2002, n°. 132, p. 239); col comm. di Horsfall 2000, ad loc.
  • 62 Verg. Aen. 7, 727 (= Pagliara 2002, n°. 120, p. 225). Non andranno dimenticate le ideologiche rison (...)

26Ma già Fulgenzio, nel De virgiliana continentia, aveva spiegato Ausonia [...] apo tu ausenin, id est cremento60, muovendo allegoricamente dalla equazione completa tra Ausonia e Italia, che Virgilio ebbe a mutuare dall’epica ellenistica (e questa, forse, aveva derivato dal modello stesicoreo). E così antiqui per antonomasia sono gli Ausonii in Virgilio61 ; come nell’Eneide gli Aurunci sono patres62.

  • 63 Gell. 1, 10, 1 (= Pagliara 2002, n°. 36, p. 212) : [...] antiquissimi viri [...] neque Auruncorum a (...)
  • 64 Amm. 30, 4, 12 (= Pagliara 2002, n°. 3, p. 199) ; Macr. sat. 1, 5, 1 (= Pagliara 2002, n°. 56, p. 2 (...)
  • 65 Rabelais, Pantagruel, cap. VI.

27E così parlare « con le parole degli Aurunci, dei Sicani o dei Pelasgi, che si dice abbiano per primi abitato l’Italia » passò in proverbio : e questo è il motto da cui trae il titolo questo mio intervento che qui si chiude. Gellio attribuì quel detto al filosofo Favorino nel rampognare un giovane compiaciuto dell’uso di espressioni troppo all’antica e arcaiche63 : Ammiano Marcellino e Macrobio vi faranno cenno64 ; ma esso, ad inizio degli anni ’30 del XVI sec., non sfuggirà alla enciclopedica erudizione di Rabelais, che lo impiega ad ironico commento del contrapasso di percosse (« tu scortichi il latino [...] e io scortico te ! ») che Pantagruel infligge a uno studentello Limosino, reo di « scimmiottare la lingua dei Parigini », disdegnando « l’uso del parlar comune »65.

Haut de page

Bibliographie

Bernabò Brea 1953-1954 = L. Bernabò Brea, La Sicilia prehistórica y sus relaciones con Oriente y con la Península Ibérica, in Ampurias, 15-16, 1953-1954, p. 137-235.

Bernabò Brea 1957 = L. Bernabò Brea, Sicily before the Greeks, Londra, 1957.

Bernabò Brea 1964-1965 = L. Bernabò Brea, Leggenda e archeologia nella protostoria siciliana, in Kokalos, 10-11, 1964-1965, p. 1-33.

Bernabò Brea 1979 = L. Bernabò Brea, L’età del bronzo tarda e finale nelle isole Eolie, in Atti della XXI riunione dell’Istituto italiano di preistoria e protostoria, Firenze, 21-23 ottobre 1977, Firenze, 1979, p. 571-597.

Bernabò Brea 1985 = L. Bernabò Brea, Gli Eoli e l’inizio dell’età del bronzo nelle isole Eolie e nell’Italia meridionale : archeologia e leggende, Napoli, 1985.

Bernabò Brea – Cavalier 1956 = L. Bernabò Brea e M. Cavalier, Civiltà preistoriche delle isole Eolie e del territorio di Milazzo, in BPI, 65, 1956, p. 7-98

Bernabò Brea – Cavalier 19792 = L. Bernabò Brea e M. Cavalier, Il Castello di Lipari e il Museo archeologico eoliano, Palermo, 19792 [ibid. 1958].

Bernabò Brea – Cavalier 1980 = L. Bernabò Brea e M. Cavalier, Meligunìs-Lipára, IV, L’acropoli di Lipari nella preistoria, vol. I-III, Palermo, 1980.

Bernabò Brea – Cavalier 1991 = L. Bernabò Brea e M. Cavalier, s.v. Lipari (isola), in G. Nenci e G. Vallet (ed.), Bibliografia topografica della colonizzazione greca in Italia e nelle isole tirreniche, IX, Pisa-Roma-Napoli, 1991, p. 81-185.

Biraschi 1988 = Strabone, Geografia. L’Italia (libri V-VI), introduzione, traduzione e note di A. M. Biraschi, Milano, 1988.

Cerchiai 1995 = L. Cerchiai, I Campani, Milano, 1995.

Cerchiai 2010 = L. Cerchiai, Gli antichi popoli della Campania. Archeologia e storia, Roma, 2010.

Cesarano 2011 = M. Cesarano, Nola « polis degli Ausoni » in Ecateo di Mileto alla luce della documentazione dalle necropoli, in Incidenza dell’antico, 9, 2011, p. 143-168.

Ciaceri 1901 = E. Ciaceri, La Alessandra di Licofrone, testo, traduzione e commento, Catania, 1901.

Colonna 2000 = G. Colonna, « Tyrrhenus, Lipari frater », in I. Berlingò (ed.), Damarato. Studi di antichità classiche offerti a Paola Pelagatti, Milano, 2000, p. 265-269 (ora anche in G. Colonna, Italiam ante Romanum imperium. Scritti scelti di antichità etrusche, italiche e romane. Primo supplemento (1999-2009), Pisa-Roma, 2013).

Colonna 2002 = G. Colonna, Gli Etruschi nel Tirreno meridionale : tra mitistoria, storia e archeologia, in Etruscan Studies, 9, 2002, p. 191-206.

Crisà 2009a = A. Crisà, Lettera di Enrico Piraino di Mandralisca a Karl von Estorff con notizie di scavi e ricerche numismatiche a Lipari ed acquisti antiquari a Tindari, in Lanx, 4, 2009, p. 146-155.

Crisà 2009b = A. Crisà, Numismatica e archeologia a Lipari nelle lettere di Enrico Pirajno a Celestino Cavedoni (1861-1864), in Mediterranea. Ricerche storiche, 6, 2009, n. 17, p. 449-478.

Di Fazio 2012 = M. Di Fazio, Il problema dei centauri, in M. C. Biella, E. Giovannelli e L. G. Perego (ed.), Il bestiario fantastico di età orientalizzante nella penisola italiana, Trento, 2012

Di Fazio 2013 = M. Di Fazio, Callimachus and the Etruscans : human sacrifice between myth, history, and historiography, in Histos, 7, 2013, p. 48-69.

Federico 2011 = E. Federico, Il mito dell’Ausonia : dall’orizzonte greco-calcidese al leghismo sudista, in Anabases, 14, 2011, p. 11-23.

Giangiulio 1986 = M. Giangiulio, Appunti di storia dei culti, in Neapoli [Atti del XXV convegno di studi sulla Magna Grecia, Taranto, 3-7 ottobre 1985], Taranto, 1986, p. 101-154.

Giangiulio 2006 = M. Giangiulio, « Come colosso sulla spiaggia ». Diomede in Daunia in Licofrone e prima di Licofrone : appunti per una stratigrafia della tradizione, in Hespería, 21, 2006, p. 49-66.

Gigante Lanzara 2000 = Licofrone, Alessandra [introduzione, traduzione e note di V. Gigante Lanzara], Milano, 2000.

Guadagno 2009 = G. Guadagno, Contributi aurunci : gli Aurunci/Ausones e altri studi, Minturno, 2009.

Guadagno 2012 = G. Guadagno, Gli Aurunci/Ausones : ultime novità, in U. Zannini (ed.), Isti (Aurunci) Graece Ausone nominantur [Atti del convegno, Sessa Aurunca, 10 maggio 2009], Marina di Minturno, 2012, p. 177-185.

Lepore 1989 = E. Lepore, Origini e strutture della Campania antica, Bologna, 1989.

Maddoli 1976 = G. Maddoli, Temesa nel fr. 71 P.2 delle Origines di Catone : una proposta di restituzione testuale, in SIFC, n.s. 48, 1976, p. 267-274.

Mele 2010 = A. Mele, Ausoni in Campania tra VII e V secolo a.C., in F. Senatore e M. Russo (ed.), Sorrento e la penisola sorrentina tra Italici, Etruschi e Greci nel contesto della Campania antica [Atti della giornata di studio in omaggio a Paola Zancani Montuoro, Sorrento, 19 maggio 2007], Roma, 2010, p. 291-329.

Montelatici 1916 = G. Montelatici, Storia della letteratura bizantina (324-1453), Milano, 1916.

Musti 1988 = D. Musti, Strabone e la Magna Grecia : città e popoli dell’Italia antica, Padova, 1988.

Musti 1999 = D. Musti, Ausonia terra. 1, in RCCM, 41, 2, 1999, p. 167-172.

Musti 20009 = D. Musti, Storia greca : linee di sviluppo dall’età micenea all’età romana, Roma-Bari, 20009 [ibid. 1989].

Musti 2005 = D. Musti, Magna Grecia : il quadro storico, Roma-Bari, 2005.

Orsi 19882 = Diodoro Siculo, Biblioteca storica (libri I-V) [introduzione di L. Canfora, traduzione di G. F. Gianotti, A. Corcella, I. Labriola e D. P. Orsi], Palermo, 19882.

Pagliara 1995 = A. Pagliara, Μεταξὺ τῆς ᾿Ιταλίας καὶ τῆς Σικελίας. Fonti per la storia dell’arcipelago eoliano in età greca. Con un’appendice sull’epoca romana, Palermo, 1995 [ = L. Bernabò Brea e M. Cavalier (ed.), Meligunìs-Lipára, vol. VIII, parte seconda].

Pagliara 1997/2000 = A. Pagliara, Questioni aperte di archeologia e storia eoliana, in AFLPerugia, 33 (n.s. 19), 1997/2000, p. 217-228, 393-398.

Pagliara 1999 = A. Pagliara, Ausonia terra (2). Stato della questione ed area di stanziamento degli Ausones, in RCCM, 41, 2, 1999, p. 173-199.

Pagliara 2000 = A. Pagliara, Gli Ausoni e il popolamento del Lazio preromano in Dionigi D’Alicarnasso, Virgilio e Plinio, in MedAnt, 3, 1, 2000, p. 143-164.

Pagliara 2002 = A. Pagliara, Silloge delle testimonianze letterarie greche e latine sugli Ausoni e gli Aurunci, in M. Cavalier e M. Bernabò Brea (ed.), In memoria di Luigi Bernabò Brea, Palermo, 2002, p. 193-246.

Pagliara 2003a = A. Pagliara, Le tradizioni genealogiche sull’eponimo degli Ausones, in L. Bernabò Brea, M. Cavalier e L. Campagna, Meligunìs-Lipára, XII, Le iscrizioni lapidarie greche e latine delle isole Eolie, Palermo, 2003, p. 531-560.

Pagliara 2003b = A. Pagliara, Osservazioni sul Mares di Eliano (Var. hist. 9, 16, 1), in G. M. Bacci e M. C. Martinelli (ed.), Studi in onore di L. Bernabò Brea, Messina, 2003, p. 17-24.

Pagliara 2004 = A. Pagliara, Etnografia italica antichissima e tradizione letteraria : considerazioni a margine di un libro recente di R. M. Albanese Procelli sui popoli anellenici di Sicilia, in RCCM, 46, 1, 2004, p. 71-84.

Pagliara 2006 = A. Pagliara, Gli Aurunci in Livio, in Oebalus, 1, 2006, p. 11-19.

Pagliara 2008 = A. Pagliara, L’immagine degli Ausoni-Aurunci nella letteratura classica, in C. Corsi e E. Polito (ed.), Dalle sorgenti alla foce : il bacino del Liri-Garigliano nell’antichità : culture, contatti, scambi [Atti del Convegno, Frosinone-Formia, 10-12 novembre 2005], Roma, 2008, p. 3-13.

Pais 1894 = E. Pais, Storia della Sicilia e della Magna Grecia, Palermo, 1894.

Pais 1906 = E. Pais, Intorno all’estensione del nome degli Ausones e dell’Ausonia, in RendLinc ser. V, 16, 1906, p. 199-225.

Poccetti 1989 = P. Poccetti, Le popolazioni anelleniche d’Italia tra Sicilia e Magna Grecia nel IV secolo a.C. : forme di contatto linguistico e di interazione culturale, in A. C. Cassio e D. Musti (ed.), Tra Sicilia e Magna Grecia : aspetti di interazione culturale nel IV sec. a.C. [Atti del convegno, Napoli, 19-20 marzo 1987], in AIONfilol, 11, 1989, p. 97-135.

Puglisi Marino 1902 = S. Puglisi Marino, Le isole Eolie : rapporti tra preistoria e prime leggende, in Rivista di storia e geografia, 1, 1902, p. 3-20 (dell’estratto).

Reynolds – Wilson 19873 = L. D. Reynolds e N. G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall’antichità ai tempi moderni [traduzione di M. Ferrari, con una premessa di G. Billanovich, terza edizione riveduta e ampliata], Padova, 1987.

Rodriguez 1841 = C. Rodriguez, Breve cenno storico critico sull’isola di Lipari, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 76, 1841, p. 117-44, 241-54.

Sammartano 1996 = R. Sammartano, Mito e storia nelle isole Eolie, in Hespería, 7, 1996, p. 37-56.

Sammartano 1998 = R. Sammartano, Origines gentium Siciliae : Ellanico, Antioco, Tucidide, Roma, 1998.

Tommasino 1925 = G. Tommasino, La dominazione degli Ausoni in Campania : Suessa Aurunca e i suoi avanzi archeologici, S. Maria Capua Vetere, 1925 [rist. anast. Sessa Aurunca, 1991].

Tommasino 1942 = G. Tommasino, Aurunci patres, con prefazione di P. Fedele, Gubbio, 1942 [rist. anast. Marina di Minturno, 1986].

Wilson 2000 = N. G. Wilson, Da Bisanzio all’Italia : gli studi greci nell’Umanesimo italiano [traduzione di B. Sancin, edizione italiana rivista e aggiornata], Alessandria, 2000 [Londra, 1992].

Zevi 1998 = F. Zevi, I Greci, gli Etruschi, il Sele (note sui culti arcaici di Pompei), in I culti della Campania antica [Atti del convegno internazionale di studi in ricordo di Nazarena Valenza Mele, Napoli, 15-17 maggio 1995], Roma, 1998, p. 3-25.

Haut de page

Notes

1 Cf. Pagliara 2003a, ed ora Mele 2010.

2 Pais 1906.

3 Lyc. 44-49 [trad. Ciaceri 1901 (= Pagliara 2002, n°. 49, p. 216)].

4 Tzetz. schol. in Lyc. 44 [p. 34, 8 s. Scheer (= Pagliara 2002, n°. 100, p. 228)]. La genealogia di Auson da Calipso e Atlante è qui integrata dallo Scheer sulla scorta di Steph. Byz. s.v. Auson (= Pagliara 2002, n°. 84, p. 224) ed Eust. comm. Dion. Per. 78 (= Pagliara 2002, n°. 34, p. 211) : Cf. Pagliara 2003a, p. 546 n. 61.

5 Dio Cass. fr. 2, 1 [p. 356 Boissevain (= Pagliara 2002, n°. 17, p. 203)]. Cf. Moscovich 2010.

6 Lyc. 610-618 [trad. Gigante Lanzara 2000 (= Pagliara 2002, n°. 50, p. 216)]. Sull’immagine licofronea di Diomede « come colosso sulla spiaggia », rimando a Giangiulio 2006, p. 49 s. Si noti che dell’uso licofroneo di indicare come ‘ausonia’ la Daunia, può essere eco in App. b. civ. 5, 56-57 [§ 239-240 (= Pagliara 2002, n°. 12, p. 201-202)], nonché in Ant. Lib. met. 31, 1-3 (= Pagliara 2002, n°. 6, p. 200).

7 Tzetz. schol. in Lyc. 615 [p. 208, 29 s. Scheer (= Pagliara 2002, n°. 101, p. 228-229)]. Ovviamente qui Kalabroí andrà inteso in senso straboniano : Cf. 6, 3, 1 C. 277 ; 3, 5, C. 282.

8 Lyc. 699-702 [trad. Ciaceri 1901 (= Pagliara 2002, n°. 51, p. 217)].

9 Tzetz. schol. in Lyc. 702 [p. 229, 32 s. Scheer [(= Pagliara 2002, n°. 102, p. 229)].

10 Si v. ex. gr. Montelatici 1916, p. 261 ; cf. anche le severe riserve sulle capacità critiche di Tzetzes espresse da Reynolds – Wilson 19873, p. 68, nonché Wilson 2000, p. 58.

11 Tzetz. chil. 5, 16, 564-582 (= Pagliara 2002, n°. 99, p. 228).

12 Pind. fr. 140b Maehler (= Pagliara 2002, n°. 61, p. 219-220). Per la periodizzazione dell’epoca arcaica, seguo l’uso terminologico di Musti 20009, p. 303-304 (su Pindaro).

13 Cf. Pagliara 1999, p. 183 s.

14 Ap. Rh. 4, 552-556 ; 580-591 ; 659-664 ; 825-832 ; 842-846 (= Pagliara 2002, n°. 7-11, p. 200-201).

15 Verg. Aen. 3, 147-171 ; 369-387 ; 472-505. 4, 219-237 ; 340-350. 5, 77-83. 6, 337-346 ; 791-807. 7, 37-58 ; 102-106 ; 192-198 ; 205-211 ; 228-233 ; 531-551 ; 620-625 ; 723-732 ; 793-802. 8, 313-336. 9, 93-103 ; 126-139 ; 638-644. 10, 42-55 ; 100-113 ; 260-269 ; 352-356 ; 561-564. 11, 36-58 ; 241-260 ; 296-299 ; 316-323. 12, 92-100 ; 121-125 ; 175-194 ; 441-449 ; 829-842 ; 930-938 (= Pagliara 2002, n°. 105-40, p. 230-241) ; ma v. già georg. 2, 380-396 (= Pagliara 2002, n°. 104, p. 229).

16 Dion. Hal. ant. Rom. 1, 11, 1-4 ; 21, 3 ; 22, 1-5 ; 29, 1-2 ; 35, 1-3. 6, 32, 1-3 ; 37, 1. 15, 3, 5-8 (= Pagliara 2002, n°. 21-28, p. 205-210). Cf. Pagliara 2000, p. 148 s.

17 Plin. nat. hist. 3, 56 ; 60 ; 74-75 ; 95 ; 151. 14, 69 (= Pagliara 2002, n°. 62-67, p. 220-221). Cf. Pagliara 2000, p. 144 s.

18 Liv. 2, 16, 8-9 ; 17, 1-7. 2, 26, 4-6. 7, 28, 1-3. 8, 15, 1-5 ; 16, 1-10. 9, 25, 1-9 (= Pagliara 2002, n°. 42-48, p. 213-216). Cf. Pagliara 2006, p. 11 s.

19 Paul. epit. Fest. s.v. Ausoniam [p. 16, 23-27 Lindsay (= Pagliara 2002, n°. 58, p. 219)] ; da confrontrare con hist. Lang. 2, 24 (= Pagliara 2002, n°. 59, p. 210), dove l’idea dell’espansione progressiva dell’Ausonia dalla regione di Benevento e Cales a tutta l’Italia « quae Appennino finitur » mi pare risentire della medesima nozione sottesa all’etimologia « apo tu ausenin, id est cremento » che è proposta per Ausonia da Fulg. Virg. cont. p. 104, 3-7 Helm (= Pagliara 2002, n°. 35, p. 212). Cf. Pagliara 1999, p. 178 s. (e qui infra n. 59-60). Per le altre (para)etimologie tardoantiche di Ausonia : Sud. 4461, s.v. Αὐσονίων [p. 417, 7-10 Adler (= Pagliara 2002, n°. 98, p. 227)] ; Etym. magn. s.v. Αὔσονες [p. 171, 15-19 Gaisford (= Pagliara 2002, n°. 32, p. 211)]. Si v. Pagliara 2008, p. 6 s. Cf. infra nel testo con n. 59-60.

20 Serv. ad Aen. 3, 171. 7, 54. 8, 328. 11, 253 (= Pagliara 2002, n°. 75-76, 79, 81, p. 223-224).

21 Bocc. gen. deor. gent. 11, 43, 2 (= Pagliara 2002, n°. 14, p. 202).

22 Hecat. FGrHist 1 F 61 [apud Steph. Byz. s.v. Νῶλα (= Pagliara 2002, n°. 37, p. 212)]. Da ultimo, ora Cesarano 2011.

23 Loc. cit. (supra n. 12).

24 Polyb. 34, 15, 4 [apud Plin. nat. hist. 3, 75 (= Pagliara 2002, n°. 64, p. 220-221)].

25 Strab. 5, 3, 6, C. 233 [trad. Biraschi 1988 (= Pagliara 2002, n°. 94, p. 226)].

26 Cato F 71 Peter [apud Prob. praef. in Verg. buc., p. 326 Hagen (= Pagliara 2002, n°. 15, p. 202-203)], emendato secondo Maddoli 1976, p. 267 s.

27 Serv. ad Aen. 7, 727 (= Pagliara 2002, n°. 78, p. 223).

28 Strab. 6, 1, 5, C. 255 (= Pagliara 2002, n°. 96, p. 227).

29 Strab. 5, 4, 3, C. 242 (= Pagliara 2002, n°. 95, p. 226-227). La traduzione citata è ripresa da Lepore 1989, p. 85-86, 91-92.

30 Cerchiai 1995, p. 21. Cf. anche Poccetti 1989, p. 104 s.

31 Arist. pol. 7, 10, 1329b (= Pagliara 2002, n°. 13, p. 202).

32 Musti 1988, p. 59. Cf. ora Cerchiai 2010, p. 29 s.

33 Zevi 1998, p. 10.

34 Hellan. FGrHist 4 F 79b [apud Dion. Hal. ant. Rom. 1, 22, 3 (= Pagliara 2002, n°. 23, p. 206-207)].

35 Philist. FGrHist 556 F 46 [apud Dion. Hal. 1, 22, 4 (= Pagliara 2002, loc. cit. a n. 34)].

36 Ant. Syr. FGrHist 555 F 4 [apud Dion. Hal. 1, 22, 5 (= Pagliara 2002, loc. cit. a n. 34)]. Cf. Pagliara 2004, p. 72 s.

37 Hecat. FGrHist 1 FF 61-63 (= Pagliara 2002, n°. 37-39, p. 212-213).

38 Diod. 5, 7-10 [= Tim. FGrHist 566 F 164 (= Pagliara 2002, n°. 19, p. 204)].

39 Diod. 5, 7, 5-6 (trad. Orsi 19882).

40 Puglisi Marino 1902, p. 5.

41 Rodriguez 1841, p. 126. Pochi anni più tardi (in una missiva del 21 aprile 1855) il barone E. Piraino di Mandralisca – il protagonista del Sorriso dell’ignoto marinaio di V. Consolo – comunicava a K. von Estorff di aver rinvenuto « negli scavi fatti in Lipari [...] oggetti archeologici antichissimi, e fra questi molte cose in terra cotta di singolar bellezza, e rarità » (era tra di essi il famoso Cratere del tonno oggi a Cefalù, descritto dallo stesso Mandralisca al Cavedoni nella fondamentale lettera del 5 marzo 1864, l’anno stesso della sua morte) : la lettera del Mandralisca a K. von Estorff si può leggere in Crisà 2009a, p. 150-151 ; quella al Cavedoni (penultima di questo epistolario) in Crisà 2009b, p. 475.

42 Cf. ad es. Guadagno 2009, p. 12-13 ; si v. ora anche Guadagno 2012.

43 Si v. ex. gr. Bernabò Brea 1953-1954 ; Id. - Cavalier 1956 ; Id. 1957, p. 103 s., 122 s., 136 s. ; Id. 1964-1965 ; Id. 1979 ; Id. - Cavalier 19792 ; Id. - Ead. 1980 ; Id. 1985 ; Id. - Cavalier 1991.

44 Colonna 2002, p. 192-193.

45 Mele 2010, p. 321 n. 260. Ma si vedano già, in tal senso, ex. gr. Giangiulio 1986, p. 120-121, Sammartano 1996, p. 41 s. (e quindi Id. 1998, p. 86 s.).

46 Pais 1894, p. 119 s.

47 Pagliara 1997/2000, praes. p. 227-228.

48 Ant. Syr. FGrHist 555 F 1 [apud Paus. 10, 11, 3 (= Pagliara 1995, p. 73)].

49 Cursoriamente vorrei qui ricordare come già lo schol. Ap. Rh. 4, 552 s. [p. 288, 15 s. Wendel (= Pagliara 2002, n°. 70, p. 221-222)] muova critiche al poeta per l’impiego, cronologicamente improprio, di Ausonia in luogo d’Italia : « infatti – annota il grammatico – <solo> in tempi successivi a quelli degli Argonauti essa fu detta così da Ausone, figlio di Odisseo e Calipso » (la variante genealogica qui non conta, ma sì lo spirito dell’osservazione : l’impresa argonautica è anteriore ai Troiká). Cf. Pagliara 2003a, p. 539-540.

50 Serv. ad. Aen. 1, 52 (= Pagliara 1995, p. 67). Sulla sezione « danielina » del testo di Servio, cf. Colonna 2000, p. 265 s., Id. 2002, p. 194 s. e ora Di Fazio 2013, p. 56 s.

51 Isid. etym. 14, 6, 36-37 (= Pagliara 1995, p. 60).

52 Myth. Vat. II 66 [p. 148 Kulcsár (= Pagliara 1995, p. 60-61)] ; Myth. Vat. III 4, 10 [p. 170, 19 s. Bode (= Pagliara 1995, p. 61)].

53 Varr. ant. rer. hum. 12 fr. 5 Mirsch (= Pagliara 2003a, p. 542 s.).

54 Varr. ant. rer. hum. 10 fr. 9 Mirsch [apud Plin. nat. hist. 3, 95 (= Pagliara 2002, n°. 65, p. 221)].

55 Musti 1988, p. 17.

56 Strab. 5, 4, 3, C. 242 ; 5, 4, 13, C. 250.

57 Ael. var. hist. 9, 16, 1 (= Pagliara 2002, n°. 1, p. 199). Cf. Pagliara 2003b ; Musti 2005, p. 110 ; Di Fazio 2012, p. 322 s.

58 Musti 1999 ; cf. Id. 2005, p. 102.

59 Paul.-Fest. s.v. Ausoniam [p. 16, 23 s. Lindsay (= Pagliara 2002, n°. 58, p. 219)]. Cf. Paul. hist. Lang. 2, 24 (= Pagliara 2002, n°. 59, p. 219). V. qui supra n. 19.

60 Fulg. Virg. cont. p. 104, 3 s. Helm (= Pagliara 2002, n°. 35, p. 212). V. qui supra n. 19.

61 Verg. Aen. 11, 253 (= Pagliara 2002, n°. 132, p. 239); col comm. di Horsfall 2000, ad loc.

62 Verg. Aen. 7, 727 (= Pagliara 2002, n°. 120, p. 225). Non andranno dimenticate le ideologiche risonanze che l’appellativo di patres susciterà alla fine del ventennio fascista nell’opera di G. Tommasino, troppo entusiasticamente salutata da un intellettuale di regime quale il ministro P. Fedele, che degli Aurunci (per la sua origine minturnese) si sentiva erede ; cf. Tommasino 1942 (ed ivi, p. vii s., la Prefazione del Fedele), ma già Id. 1925 : titoli che si leggono oggi non altro che come documento di un’epoca dei nostri studi e (nefasta) della storia patria. Sull’utilizzo politico del « mito dell’Ausonia », si v. ora Federico 2011.

63 Gell. 1, 10, 1 (= Pagliara 2002, n°. 36, p. 212) : [...] antiquissimi viri [...] neque Auruncorum aut Sicanorum aut Pelasgorum, qui primi coluisse Italiam dicuntur, sed aetatis suae verbis locuti sunt [...].

64 Amm. 30, 4, 12 (= Pagliara 2002, n°. 3, p. 199) ; Macr. sat. 1, 5, 1 (= Pagliara 2002, n°. 56, p. 218).

65 Rabelais, Pantagruel, cap. VI.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Alessandro Pagliara, « « Qui primi coluisse Italiam dicuntur » (Gell. 1, 10, 1) », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 126–2 | 2014, mis en ligne le 18 décembre 2014, consulté le 20 novembre 2017. URL : http://mefra.revues.org/2342 ; DOI : 10.4000/mefra.2342

Haut de page

Auteur

Alessandro Pagliara

Università degli studi della Tuscia – pagliara[at]unitus.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org