Navigation – Plan du site

La « campagna classica » di Bagnoli : notizie e ipotesi sulla provenienza delle iscrizioni pubbliche greche di Tauromenion

Francesco Muscolino

Résumés

L’iscrizione degli Strateghi e un buon numero di rendiconti finanziari di Tauromenion sono stati scoperti nell’area di Bagnoli, a non molta distanza dal Teatro antico. Lo studio si propone di riconsiderare il corpus di iscrizioni pubbliche greche della città, con particolare attenzione ai dati di rinvenimento e alla storia delle ricerche, e di valutare l’importanza di Bagnoli nella topografia di Tauromenion. In appendice sono trascritti vari documenti, alcuni dei quali pubblicati per la prima volta.

Haut de page

Notes de l’auteur

Desidero ringraziare sentitamente tutti coloro che hanno favorito questo lavoro, in particolare la prof.ssa Paola Pelagatti per la liberalità con la quale mi ha messo a parte di informazioni sui suoi scavi e sulla sua lunga attività a Taormina, la dott.ssa Maria Costanza Lentini, direttore del Parco archeologico di Naxos e delle aree archeologiche di Giardini Naxos, Taormina, Francavilla e dei comuni limitrofi, per il costante incoraggiamento, il prof. Henner von Hesberg, direttore del Deutsches Archäologisches Institut di Roma, per essersi interessato a questo studio e per aver agevolato le mie ricerche presso l’archivio dell’Istituto. Sempre presso l’Istituto, ringrazio il dott. Thomas Fröhlich, direttore della biblioteca, per aver messo a mia disposizione le lettere di La Farina pubblicate in appendice (docc. 2.1-4) e l’arch. Markus Wolf, con il quale ho avuto un interessante scambio di opinioni sulla topografia taorminese. Al prof. Michel Gras, direttore dell’École Française de Rome, va tutta la mia riconoscenza per aver accolto questo studio nei Mélanges che, come si vedrà, hanno con le iscrizioni di Tauromenion un rapporto « primordiale » ; ringrazio anche la dott.ssa Françoise Fouilland, documentalista dell’École, per varie informazioni. Il mio affettuoso ringraziamento va alle signore Anna Maria Capuana Triscari, Corrada e Cornelia Triscari, per preziose notizie « familiari » sull’area di Bagnoli. Ricordo infine con gratitudine Cristina Bolognari Micalizzi, che è stata preziosa collaboratrice della Soprintendenza alle Antichità della Sicilia orientale e si è impegnata a lungo negli scavi di Taormina, e Horst Blanck, già direttore della biblioteca del Deutsches Archäologisches Institut di Roma, che ha dedicato a Taormina importanti ricerche.

Per le abbreviazioni delle riviste si fa riferimento all’Archäologische Bibliographie. Si usano, inoltre, le seguenti abbreviazioni : ANDM per Archivio Notarile Distrettuale di Messina ; ASM per Archivio di Stato di Messina ; ASP per Archivio di Stato di Palermo ; BCP per Biblioteca Comunale di Palermo ; BUF per Biblioteca Umanistica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Firenze ; DAI per Deutsches Archäologisches Institut di Roma ; DBI per Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, 1960- ; NDB per Neue Deutsche Biographie, Berlino, 1952-. La fig. 2 è pubblicata su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali, Archivio di Stato di Torino (autorizzazione prot. 1054/28.28.00 del 18 febbraio 2011). Le foto alle fig. 4, 6, 7, 9, 10, 11 sono state eseguite da chi scrive.

Texte intégral

Ad Anna Maria Capuana Triscari

Premessa

1L’ampio pianoro di Bagnoli è compreso tra la collina del Teatro antico a Nord e le propaggini del monte Tauro a Ovest, ed è delimitato a Sud dai precipizi sovrastanti la baia di Giardini Naxos e a Est dal declivio verso il Capo di San Leo o Capo Taormina (fig. 1).

Fig. 1 - Il piano di Bagnoli e le sue immediate

Fig. 1 - Il piano di Bagnoli e le sue immediate

Teatro antico (1) ; Palazzo Cacciola (2) ; Hôtel Timeo (3) ; campi da tennis (4) ; casa all’interno del Giardino pubblico (5) ; Hôtel Diodoro (6) ; Hôtel Belvedere (7) ; Hôtel Bel Soggiorno (8) ; Villa Rocca Bella (9) ; Chiesa di San Pietro (10) ; scalinata tra via Bagnoli Croci e via Pirandello (11) ; ex Convento di Santa Maria di Gesù (12) ; cd. « ginnasio » (13) ; Hôtel Bristol Park (14) ; il Belvedere sovrapposto all’antica Guardiola (15).

  • 1 Archivio di Stato di Torino, Carte topografiche segrete, 28.(D).V rosso (fig. 2).

2Una delle prime testimonianze iconografiche, la « Pianta, e veduta della Notabile, e Fedele Citta di Tavormina » (fig. 2), risalente agli inizi del XVIII secolo1, mostra il piano di Bagnoli attraversato da una strada che si biforca proseguendo da un lato verso il « Ven(erabile) Conve(n)to di S. Maria di Giesu », dei Frati Minori Osservanti, dall’altro verso la « Ven(erabile) Chiesa d(ei) SS. Pietro e Paulo ». La via che attraversa il piano di Bagnoli è costeggiata, sul lato Nord, da croci indicanti le stazioni di una Via Crucis che sembra proseguire fin sopra la collinetta a Sud-Est del Teatro antico.

Fig. 2 - Particolare della « Pianta, e veduta della Notabile, e Fedele Citta di Tavormina » (Torino, Archivio di Stato)

Fig. 2 - Particolare della « Pianta, e veduta della Notabile, e Fedele Citta di Tavormina » (Torino, Archivio di Stato)

« Circuito di muri » (1) ; « Ven(erabile) Conve(n)to di S. Maria di Giesu » (17) ; « Ven(erabile) Chiesa d(ei) SS. Pietro e Paulo » (18) ; « Teatro seu Colosseo » (21) ; « Naumachia » (22) ; « Garita la guardiola » (40) (su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali).

  • 2 In BCP, ms. Qq H 272, p. 113, in un testo databile verso la metà del XVIII, il toponimo appare già (...)

3L’attuale via Bagnoli Croci ricalca l’antica strada interpoderale, perpetuando nel nome sia il toponimo di Bagnoli2 sia il ricordo della scomparsa Via Crucis (fig. 3-4).

Fig. 3 - La vecchia strada che attraversava il piano di Bagnoli (fine XIX-inizi XX secolo)

Fig. 3 - La vecchia strada che attraversava il piano di Bagnoli (fine XIX-inizi XX secolo)

Fig. 4 - Via Bagnoli Croci con, a sinistra, il Giardino pubblico e, a destra, il giardino dell’Hôtel Timeo (2009)

Fig. 4 - Via Bagnoli Croci con, a sinistra, il Giardino pubblico e, a destra, il giardino dell’Hôtel Timeo (2009)
  • 3 Per l’elenco dei fondi, utile per ricostruire l’aspetto dell’area prima della sua trasformazione in (...)
  • 4 Su F. Trevelyan (1852-1907) e S. Cacciola (m. 1926), v. almeno Roccuzzo 1995, p. 68-71 e Papale 199 (...)
  • 5 Alla morte di Cacciola (1926), i suoi beni sono ereditati dall’avv. Cesare Acrosso (1898-1990) e da (...)
  • 6 Arthur J. Evans cura la pubblicazione del IV e ultimo tomo di The History of Sicily from the Earlie (...)

4La zona ha una prevalente destinazione agricola sino alla fine dell’Ottocento (fig. 5), quando vari fondi sono acquistati dall’inglese Florence Trevelyan3, moglie del medico e possidente taorminese Salvatore Cacciola4, per ampliare il parco di palazzo Cacciola, oggi Acrosso-Papale5, in via Teatro Greco. Arthur J. Evans, nel 1894, critica questi acquisti di Florence Trevelyan, pur senza nominarla6, perché la nuova proprietaria ha impedito l’accesso ad alcuni dei luoghi più suggestivi della città.

Fig. 5 - Il piano di Bagnoli visto dal Teatro antico (foto di G. Bruno, 1880 circa)

Fig. 5 - Il piano di Bagnoli visto dal Teatro antico (foto di G. Bruno, 1880 circa)
  • 7 L’espropriazione è decisa con il Regio Decreto Legge 528 del 18 febbraio 1923 (doc. 4). Sebbene non (...)
  • 8 La proprietà Bambara è indicata da G. Rizzo 1893a, p. 41 e Id. 1905, p. 121 come limite Est del pia (...)
  • 9 Si tratta, da Ovest verso Est, degli alberghi Diodoro (poi radicalmente trasformato), Belvedere, Be (...)

5Nel 1923 tutta la proprietà a Sud di via Bagnoli Croci è espropriata e trasformata in Giardino pubblico (la « Villa ») (fig. 6)7 e, sempre nei primi decenni del Novecento, l’area a Sud della strada, verso Est, di proprietà della famiglia Bambara8, è interessata dalla costruzione di alcuni alberghi9.

Fig. 6 - Il piano di Bagnoli visto dal Teatro antico (2009)

Fig. 6 - Il piano di Bagnoli visto dal Teatro antico (2009)
  • 10 Date le finalità di questo lavoro, si indica, per ciascuna epigrafe, solo la bibliografia essenzial (...)

6Questa premessa storico-topografica è indispensabile per meglio comprendere i dati – dispersi ma significativi – di seguito esposti nel tentativo di circoscrivere l’area di rinvenimento dell’iscrizione degli Strateghi e di alcuni rendiconti finanziari10.

I quattro rendiconti finanziari scoperti nel 1834

  • 11 Sulle quattro iscrizioni scoperte nel 1834, v. almeno :
  • 12 Castorina 1840b (doc. 1).
  • 13 Rosario Castorina muore il 21 gennaio 1839, ætatis suae sexaginta quatuor annoru(m) circiter (Taorm (...)
  • 14 Di Giovanni - Grima 1870, p. 256-257.
  • 15 Si veda, oltre a quanto dice Castorina 1840b, p. 70-71 (« commissionato del Governo »), anche Lo Ia (...)
  • 16 Gli scritti di Castorina, in gran parte pubblicati postumi, sono : Castorina 1838 ; Id. 1840a ; Id. (...)

7Il primo rinvenimento di rendiconti in località Bagnoli, avvenuto nel 183411, è documentato dalla poco nota Relazione e descrizione dei contorni del sito ove furono ritrovate le quattro tavole marmoree coverte di carattere greco in Taormina12 (doc. 1) di Rosario Castorina (fig. 7)13, arciprete dal 1812 al 183914, corrispondente locale della Commissione di antichità e belle arti di Palermo15 e autore di vari studi su Taormina16.

Fig. 7 - Ritratto dell’arciprete Rosario Castorina (Taormina, sagrestia del Duomo)

Fig. 7 - Ritratto dell’arciprete Rosario Castorina (Taormina, sagrestia del Duomo)

8Castorina, sebbene con l’ampollosità tipica dei suoi scritti, offre nella Relazione interessanti dettagli sulla scoperta :

  • 17 Per questo e per tutti gli altri passi di Castorina 1840b si rimanda a doc. 1.

È omai tempo aprire il libro delle antichità di Taormina, ed esporre al pubblico le sue glorie, che sepolte sono state nella oblivione de’ secoli. Il disordine, l’accidente, ed il capriccio degli uomini è stato la cagione, perché si sono poco fa trovate le quattro tavole di pietra, coperte di carattere greco. Una mano benefica che li trasse dalla notte tenebrosa della terra, l’ha fatto giungere all’archeologico istituto di Roma. Que’ savî illuminati dallo scibile umano ne’ suoi bollettini ne hanno dato la spiegazione ; ma ne attendon le delucidazioni de’ contorni di quella campagna classica, che n’era depositaria di sì prezioso pegno, che gli antichi hanno tramandato ai loro figli, per emulare li loro antenati nella virtù, in cui erano occupati di far risplendere la patria17.

9Secondo la Relazione, Castorina, il 10 novembre 1833, si reca in località Bagnoli, e osserva :

un monumento ch’era stato scavato ; in tutto quatrilatero di larghezza, e lunghezza di palmi ventisei, di profondità palmi sei, coperta di mattoni sino alla superficie del suolo ; nell’interno l’edifizio trovavasi pieno di ciottoli, e calce. In un lato della base dell’edifizio passava un acquedotto, il di cui tubo avea dieci pollici di diametro, che unito alla sua intonacatura avea l’altezza d’un palmo. Fatte maggiori diligenze vicino al monumento, ne comparvero altri due d’eguale forma, e di eguale grandezza, e tutti di eguale livello.

10Dopo aver descritto questa scoperta, l’Arciprete passa a menzionare varie emergenze archeologiche nei dintorni :

si passò in seguito ad ispezionare i confini di quel terreno, al di sotto d’una valle trovossi bastante rottame di anticaglie, che poste ad un rigoroso esame si sono veduti capitelli, basi, e colonne di diversi marmi, ma tutti stritolati

e, continuando la ricerca,

ci siamo imbattuti ad una muraglia da circa 60 passi lunga, ed alta dieci palmi, sopra di essa un’altra fabrica, ch’era elevata in altri dieci palmi, che sostiene un altro spazio di terreno, che conduce alla strada presente, che serve di passaggio agli abitanti di Taormina ; diversi ruderi a fil da terra, che fanno resistenza all’aratro, chiamano la considerazione dell’antiquario. Alla base della descritta muraglia stavano cadute tre colonne.

11Secondo l’interpretazione di Castorina « da un tale apparecchio sembra, che la muraglia rappresentava una galleria, sostenuta da colonnate », forse a Sud della strada che attraversa il piano di Bagnoli. L’Arciprete invita il proprietario del fondo a sospendere i lavori, in attesa delle disposizioni della Commissione di antichità e belle arti di Palermo ma, quando si reca sul posto il primo aprile 1834,

sorpreso di meraviglia, che sprezzati si erano li suoi ordini, rilevò il terreno sconvolto ; battuti li monumenti, ed invece comparvero nello scavo da circa a 60 grossi intagli di pietra calcarea : con pasienza fece voltare sossopra li medesimi se v’erano iscrizioni, e tra tanti ne ritrovò solo quattro tavole, coperte di greco carattere.

  • 18 Già E. Braun in BdI, 1836, p. 6-7 e Franz 1838, p. 65, collocano il rinvenimento nel 1833 ; tale da (...)

12Dalla Relazione appare dunque chiaro che i quattro rendiconti sono stati scoperti nel 1834 (e non nel 1833 come comunemente affermato18) tra le macerie derivanti dalla distruzione dei ruderi visti qualche mese prima ; non è forse azzardato affermare che i blocchi su cui sono incisi i rendiconti facessero parte della stessa struttura muraria e che, prima della devastazione avvenuta tra il novembre del 1833 e il marzo del 1834, essi fossero ancora nella loro collocazione originaria, sebbene non visibili. Castorina, infatti, vede il primo edificio « pieno di ciottoli, e calce » e non parla di opere di sterro né per questo monumento, né per quelli emersi accanto, né per gli altri ruderi da lui segnalati. È difficile precisare a quale delle strutture viste nel 1833 appartenessero i blocchi con le iscrizioni, poiché Castorina non è esplicito al riguardo. Il grande contributo della Relazione sta invece nel far intravedere – poco prima della sua rovina – un’area monumentale di notevole importanza, a giudicare dalle strutture e dalle loro dimensioni, all’interno della quale si trovava la costruzione che ospitava i quattro rendiconti finanziari.

  • 19 Antonino De Spucches (1797-1868), duca di Santo Stefano, principe di Galati e duca di Caccamo.
  • 20 Mi riprometto di dedicare uno studio all’attività collezionistica del Duca ; v., intanto, Muscolino (...)

13Recuperate le quattro epigrafi, Castorina le fa trasportare « nella casa del signor duca di Caccamo19 », cioè nel palazzo dei De Spucches presso la Torre dell’Orologio. Tale scelta è motivata, probabilmente, dal fatto che il palazzo ospitava colonne, frammenti architettonici e altri reperti della collezione di Biagio De Spucches duca di Santo Stefano (1696 c.-1752) e quindi sembrava il luogo più idoneo per la conservazione delle epigrafi, tanto più che l’edificio custodiva ancora l’iscrizione dei Ginnasiarchi, prima del suo trasferimento nel Duomo20. Le quattro epigrafi rimangono però solo per breve tempo nel palazzo, perché, precisa Castorina, « il Signor Intendente di Messina alla nozione di sì preziosa scoverta ha pensato proprio di chiamarli a lui, ed arricchire il Museo di questa città ».

  • 21 Studioso dai molteplici interessi, è autore di vari scritti, tra i quali : C. La Farina 1822 ; Id. (...)
  • 22 In BdI, 1832, p. 174, tra gli « Avvisi dell’Instituto », si comunica che è ascritto tra i membri or (...)
  • 23 E. Braun in BdI, 1836, p. 6-7, tra le « notizie compendiate » : « Furono scoperte nell’anno 1833 (l (...)
  • 24 Franz 1838.
  • 25 BdI, 1840, p. 185-186 : « Avendo sospeso da qualche tempo di annunziare ai nostri lettori i parteci (...)
  • 26 G. La Farina 1840, p. 75, descrivendo il Museo dell’Università, cita le quattro epigrafi, riportand (...)

14Il direttore del Museo Peloritano, Carmelo La Farina21, membro ordinario dell’Instituto di corrispondenza archeologica dal 183222, trovando « difficile per non dire impossibile il trascriverle », esprime a Eduard Gerhard (doc. 2.2) il desiderio che l’Instituto invii « qualche valoroso grecista » per studiare le epigrafi. Evidentemente ciò non è possibile e si decide di ricorrere a calchi. I « fac-simile in gesso delle iscrizioni taorminesi », promessi da La Farina nel maggio 1835 (doc. 2.3), sono spediti nel novembre dello stesso anno (doc. 2.4). Emil Braun ne dà notizia nel Bullettino del 183623, ringraziando La Farina e comunicando che lo studio è stato affidato a Johannes Franz, il quale pubblica l’editio princeps negli Annali del 183824. Braun, inoltre, dice di attendere da La Farina « le particolari notizie intorno il ritrovamento di questi importanti monumenti, intorno il sito ove furono essi scoperti ed intorno tutto quello ch’è uopo sapere in simili circostanze ». È lecito ipotizzare che La Farina, il quale, tra l’altro, scrivendo a Gerhard (doc. 2.2), si era limitato a dire che « le lapidi taorminesi […] furono […] discoperte accanto a quel Teatro » si sia rivolto a Castorina, autore della scoperta, per avere notizie. La Relazione di Castorina, però, invece che nel Bullettino o negli Annali, è pubblicata nel Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, rimanendo sostanzialmente ignorata. Castorina, comunque, forse per il suo ruolo nella scoperta delle epigrafi, è accolto, dopo il 1836, tra i soci corrispondenti dell’Instituto25. Le quattro iscrizioni rimangono nel Museo Peloritano, poi Museo dell’Università26, fino al 1945, quando sono trasportate a Taormina e collocate nell’Antiquarium.

« La quinta tavola taorminese »

  • 27 IG XIV 427 ; SGDI III.2 5225 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 88, n° 7 ; Manni Piraino 1973, p. 14 (...)
  • 28 E. Bormann in IG XIV, p. 104 ; il custode era Francesco Strazzeri (G. Rizzo 1901a, p. 2 ; Id. 1904, (...)
  • 29 Su F. S. Cavallari (1810-1896), v. Cianciolo Cosentino 2007.
  • 30 Palermo, Museo Archeologico Regionale « A. Salinas », N.I. 8733 (inv. 25).
  • 31 Come sembra dedurre Manni Piraino 1973, p. 147-148 : « mostrata al Benndorf nel 1867 tra le pietre (...)
  • 32 Varie volte, infatti, il custode è citato come fonte di notizie, per esempio da Lafaye riguardo all (...)
  • 33 G. Rizzo 1904, p. 108.

15Il rendiconto finanziario27 mostrato nel 1867 a Benndorf in muro horti cuiusdam […] a custode theatri28, nel luglio 1868 è trasferito da Francesco Saverio Cavallari29, per conto della Commissione di antichità e belle arti, nel Museo di Palermo, dove si trova tuttora30. Il ruolo avuto dal custode del Teatro non implica che l’epigrafe provenisse da questo monumento31 o che l’orto fosse nelle sue immediate vicinanze, dato che il custode aveva una « giurisdizione » generale sulle antichità di Taormina32. Gaetano Rizzo afferma che l’orto apparteneva a un tale Liborio Durante33, ma non offre altre informazioni utili a una più precisa ubicazione.

  • 34 Camarda 1869 (poi Id. 1873a, p. 30-47). L’articolo è datato, in calce, « Palermo, a’ 20 gennaro 186 (...)
  • 35 Wachsmuth 1869. C. Wachsmuth (1837-1905) è professore di storia antica a Marburg e di filologia cla (...)
  • 36 Comparetti 1869. Gli autografi di questo articolo in italiano e nella versione in tedesco (« Pisa A (...)
  • 37 In IG XIV, p. 104, Bormann scrive : Descripsimus Kaibel ex lapide, ego ex ectypo adhibito etiam apo (...)

16Il testo è pubblicato per la prima volta da Niccolò Camarda34 nel febbraio 1869, su incarico di Gaetano Daita, presidente della Commissione di antichità e belle arti. Nello stesso anno, sia Curt Wachsmuth35 sia Domenico Comparetti36 pubblicano due studi sull’epigrafe, basandosi sulla trascrizione edita da Camarda. Una nuova lettura è pubblicata da Kaibel e Bormann in IG XIV37.

L’iscrizione degli Strateghi

  • 38 IG XIV 421, SGDI III.2 5219 ; v. anche la bibliografia citata infra.
  • 39 Lafaye 1881, p. 1 : « Suivant le gardien, elle aurait été trouvée vers 1864 sur la plus élevée des (...)
  • 40 Su E. Bormann (1842-1917), v. almeno A. Betz, in NDB, II, Berlino, 1955, p. 465 ; dopo la laurea a (...)
  • 41 Su R. Schöne (1840-1922), v. almeno G. Platz-Horster, in NDB, XXIII, Berlino, 2007, p. 403-404.
  • 42 Si veda quanto dice lo stesso Bormann 1881, p. 4 : Exemplum autem, quod ex ipso lapide Schoene et e (...)
  • 43 BdI, 1869, p. 71 : « Bormann riferì intorno alla ricca raccolta di documenti pubblici della greca c (...)
  • 44 Su G. Lafaye (1854-1927), membro dell’École française de Rome dal 1878 al 1880, professore ad Aix, (...)
  • 45 Nota di Egger letta durante la seduta del 16 luglio 1880 dell’Académie des inscriptions et belles l (...)
  • 46 Lettera di Geffroy a Dumont, gennaio 1881, in Motte 1982, p. 435 : « Nous aurons pour le premier fa (...)
  • 47 Lafaye 1881.
  • 48 Sul primo numero dei Mélanges, v. Motte 1982 ; Bérard - Di Vita-Evrard - Chausson 1997, in particol (...)
  • 49 Martin 1881a. G. Rizzo 1893b, p. 6, n. 4, ringrazia Geffroy per avergli inviato, su sua richiesta, (...)
  • 50 Comparetti - Martin 1881. Negli archivi dell’École française de Rome non si conservano carteggi o d (...)
  • 51 Graux 1881, in particolare p. 452 : « comme j’allais me mettre à rédiger pour cette Revue une note (...)
  • 52 Bormann 1881.
  • 53 La vicenda è così riassunta da Bormann 1881, p. 4 : Sed haec monumenta describere et imaginibus exp (...)
  • 54 Martin 1881b.
  • 55 Motte 1982, p. 452.
  • 56 Si veda, ad esempio, quanto scrive Salomon Reinach a Geffroy il 4 luglio 1881 (in Motte 1982, p. 47 (...)

17L’iscrizione degli Strateghi38 è scoperta intorno al 1864 nel fondo Bagnoli, proprietà di Giovanni Ragusa39 ; poiché questo fondo è tra quelli acquistati da Florence Trevelyan e poi espropriati nel 1923, esso va collocato nell’area del Giardino pubblico. L’epigrafe è trascritta e studiata nel 1867 da Eugen Bormann40 con Richard Schöne41, anche con la collaborazione di Johannes Schmidt42, ma Bormann, dopo averne dato notizia il 5 marzo 1869 in un’adunanza dell’Instituto di corrispondenza archeologica43, ritornato in Germania e dedicatosi all’insegnamento superiore ne ritarda la pubblicazione. Nel frattempo, Georges Lafaye44 trae un calco dell’iscrizione, già segnalata da Jacques Adert a Émile Egger, professore di letteratura greca alla Sorbona, e da questi ad Auguste Geffroy45, direttore dell’École française de Rome, che ne è informato anche da Albert Dumont46. L’iscrizione, inedita, appare a Geffroy un’ottima occasione per far iniziare con un « coup d’éclat » la nuova pubblicazione dell’École française de Rome, e così lo studio di Lafaye sull’Inscription de Tauromenion47 è il primo articolo del primo fascicolo dei Mélanges d’archéologie et d’histoire48, seguito, subito dopo, dalle Remarques paléographiques et critiques sur l’inscription de Tauromenion di Albert Martin49. Quest’ultimo invia (doc. 3) un estratto del lavoro a Domenico Comparetti, il quale risponde con una lettera – esprimente qualche riserva – pubblicata in un successivo fascicolo dei Mélanges dello stesso anno, con la replica di Martin50. Perplessità sul lavoro di Lafaye e Martin è espressa, a giugno, anche da Charles Graux, già docente di Martin alla École pratique des hautes études51. Ma il « colpo » più grave è inflitto da Bormann, che proprio nell’estate del 1881 diventa professore all’Università di Marburg e pubblica, nello stesso anno, le Fastorum civitatis Tauromenitanae reliquiae52, esprimendo in vari punti il suo dissenso nei confronti dei due studiosi francesi53. Con il non molto benevolo compte-rendu dell’opera di Bormann da parte di Martin54, si chiude l’ultimo fascicolo dei Mélanges del 1881 : « c’est avec l’inscription de Tauromenion que s’était ouvert le premier volume des Mélanges. C’est sur elle qu’il se terminait. Avec le sentiment d’un semi-échec » a causa delle polemiche suscitate55, anche se non mancano reazioni positive56.

I due rendiconti finanziari scoperti intorno al 1864

  • 57 Si tratta di IG XIV 425 e 426, su cui v., rispettivamente, anche SGDI III.2 5223 ; Arangio Ruiz, Ol (...)
  • 58 Secondo IG XIV, p. 80, l’iscrizione degli Strateghi (IG XIV 421) sarebbe stata rinvenuta una cum n. (...)
  • 59 In IG XIV, p. 100, Bormann scrive : Describere conati sumus a. 1867 R. Schoene et ego et ectypa rep (...)
  • 60 Verbali del 4 settembre 1869 (« Dovendosi costruire una casetta nelle Antichità di Taormina per con (...)

18Quasi nulla si conosce, finora, delle circostanze di rinvenimento di due rendiconti finanziari57 che sarebbero stati ritrovati con l’iscrizione degli Strateghi intorno al 186458. Poiché i due rendiconti si completano reciprocamente, essi, in origine, dovevano essere contigui. Sono studiati nel 1867 da Bormann e Schöne59, e sono editi per la prima volta in IG XIV. È anche interessante osservare come, dopo la scoperta dell’iscrizione degli Strateghi e di questi due rendiconti, la Commissione di antichità e belle arti si ponga il problema di ospitarle in una struttura confacente presso il Teatro antico (fig. 8)60.

Fig. 8 - L’Antiquarium del Teatro antico (fine XIX-inizi XX secolo)

Fig. 8 - L’Antiquarium del Teatro antico (fine XIX-inizi XX secolo)

Il rendiconto finanziario scoperto da Pietro Rizzo nel 1892

  • 61 P. Rizzo 1894 e Id. 1928.
  • 62 Pietro Rizzo (1857-1934) cita varie volte Paolo Orsi, ringraziandolo e definendolo anche suo « maes (...)

19Secondo la sua stessa testimonianza, nel 1892 Pietro Rizzo, autore delle monografie Naxos siceliota e Tauromenion61 e in rapporti con Paolo Orsi62,

  • 63 P. Rizzo 1928, p. 72 ; v. anche ibidem, p. 98, n. 2.

scoperse murato in un muro di Bagnoli un pilastro epigrafato, che oggi si conserva nel Museo di Taormina, dove lo fece trasportare il prof. Cacciola proprietario del fondicello di Bagnoli63.

  • 64 P. Rizzo 1928, p. 252-253, offre una parziale rassegna delle pubblicazioni del fratello.
  • 65 G. Rizzo 1893a ; Id., 1893b ; Id. 1896 ; Id. 1899 ; Id. 1899-1900 (poi Id. 1901a) ; Id. 1901b ; Id. (...)
  • 66 G. Rizzo 1900 ; Id. 1901c ; Id. 1902.
  • 67 G. Rizzo 1893b, p. 5, n. 2 : « In questo stesso piano (di Bagnoli) abbiamo avuto la fortuna di scop (...)
  • 68 G. Rizzo 1899 (anche come estratto, Messina, 1900) ; Id. 1901b.
  • 69 Willers 1905 ; a p. 323, Willers scrive : « fragte ich bei Prof. Bormann an, ob er mir eine bessere (...)

20L’epigrafe è pubblicata dal fratello di Pietro Rizzo, Gaetano64, autore di vari studi sulle iscrizioni65 e sui monumenti66 di Taormina. La pubblicazione, già annunziata nel 189367, avviene invece nel 189968, seguita, nel 1905, da una nuova edizione condotta da Willers su copie cartacee (« Papierabklatsche ») inviate da (Gaetano) Rizzo tramite Bormann69. Sempre a Gaetano Rizzo si devono altre notizie sulle circostanze della scoperta  :

  • 70 Da questa precisazione cronologica si ricava che G. Rizzo 1899 (datato, a p. 530, « Messina, 20 nov (...)
  • 71 G. Rizzo 1901b, p. 59-60 ; v. anche Id. 1899, p. 523 : « Il merito della scoperta spetta esclusivam (...)

In una bella giornata di febbraio 1892, mio fratello Pietro, trovandosi coll’amico Castorina nel piano dei Bagnòli, sottostante alla via suburbana Bagnòli-Croci che conduce al Belvedere, mentre ammirava quei piani classici, sede dell’antico Ginnasio, tra i cocci ed i ruderi greci, dove è tanto cielo, e tanto mare e gli aranci e i limoni laggiù al sud sono boschi, dove è come un’eterna primavera, guardando ed osservando en amateur quei luoghi, volle avvicinarsi al muro che separa il piano superiore dalla via. Quelle lastre di pietra calcarea di cui alcune provenienti dal teatro, e incastrate nel muro ed altre istoriate e poi scalpellate inesorabilmente dall’antico proprietario del luogo e rivolte colla faccia dentro il muro, quelle lastre brune, rettangolari grossamente squadrate, assai simili alle altre pietre scolpite di Taormina, mettono in sospetto e fermano l’attenzione del colto visitatore. Mio fratello ebbe ad accorgersi con piacevole sorpresa che una di quelle lastre mostrava alcune lettere greche appena visibili, perché coperte in gran parte di calce ed arena. Pregò allora il Dott. Cacciola che facesse ripulire e togliere la pietra dal muro per metterla a nostra disposizione. Il rozzo murifabbro, certo Gaetano Michelasso, se vive, si diede a ripulire la superficie scolpita con la punta di un coltello, e siccome la pietra era in gran parte laminare, così egli perfidamente fece scomparire gran parte dell’iscrizione, lasciandoci lì alle prese con difficoltà insormontabili. Per varie circostanze la sventurata ma importante iscrizione rimase inesplorata e inedita, ma nel settembre del 190070, per gentile concessione del proprietario abbiamo ripreso il marmo e ci siamo messi a studiarlo in due con grande amore, ma non con pari fortuna71.

Il rendiconto finanziario acquisito da Paolo Orsi nel 1911

21Sempre secondo Pietro Rizzo,

  • 72 P. Rizzo 1928, p. 72.

finalmente un ultimo marmo fu scoperto dal prof. Cacciola presso lo stesso luogo (Bagnoli) e, dissotterrato, fu da lui consegnato al Museo di Taormina. Fu recentemente studiato e pubblicato dai professori Olivieri e Arangio Ruiz72.

  • 73 Fondamentali, al riguardo, Accame 1970 e Pelagatti 1984-1985, p. 293-294, 304.

22In realtà quest’ultima affermazione è inesatta, perché la pubblicazione dell’iscrizione è oggetto di un contenzioso scientifico i cui protagonisti sono Paolo Orsi, Gaetano De Sanctis e Antonino Salinas73. Durante una sua visita a Taormina nel 1911, Orsi è ricevuto in casa Cacciola, e annota :

  • 74 Su F. Halbherr (1857-1930), v. almeno G. Schingo in DBI, LXI, Roma, 2003, p. 640-643.
  • 75 Taccuino n° 83, 5 ottobre 1911, in Pelagatti 1984-1985, p. 293 ; sui rapporti di Orsi con Taormina, (...)

Finalmente sono riuscito a rompere la consegna della casa misteriosa ed a tutti chiusa, ed ho passato due ore nella casa e nel parco del Dr. Cacciola, che fu amabilissimo e mi fece molte comunicazioni di indole confidenziale. Intanto ho ottenuto in dono per lo Stato una nuova ed inedita parte delle note tavole di Tauromenio scritta a minuscoli ma nitidissimi caratteri, con l’obbligo che rimanga nel piccolo museo annesso al teatro, e con la riserva che sia illustrata da Halbherr74. Comunicare a Salinas perché provveda al ritiro, mantenendo intatti gli impegni o vincoli75.

  • 76 Taccuino n° 83, 7 ottobre 1911, in Pelagatti 1984-1985, p. 294.
  • 77 Proprio nel 1912, Halbherr scrive a Comparetti : « Dopo il Corpo delle Iscrizioni Cretesi, bisogner (...)
  • 78 Su G. De Sanctis (1870-1957), v. almeno P. Treves in DBI, XXXIX, Roma, 1991, p. 297-309.
  • 79 « A Taormina ho tirata fuori una nuova e magnifica, lunga, nitida iscrizione della nota serie. Sebb (...)
  • 80 Lettera di Comparetti a De Sanctis, 2 dicembre 1913, in Accame 1984, p. 141.
  • 81 Lettera di De Sanctis a Orsi, 3 febbraio 1912, in Accame 1970, p. 6.
  • 82 Telegramma di Salinas a De Sanctis, in Accame 1970, p. 6-7.
  • 83 « Illustre Collega, ricevuto il suo telegramma, ho lasciato subito Taormina ; perché non aveva per (...)
  • 84 « Egregio collega, l’accenno contenuto nella sua lettera intorno ad agevolezze negate agli studiosi (...)
  • 85 « Da parte mia devo riconoscere di aver avuto un torto, quello cioè di non segnalare al Salinas, ch (...)
  • 86 Manganaro 1964, p. 53-64.

23Secondo Orsi, « la nuova iscrizione […] era impiegata in un muro come materiale e crede il Cacciola ve ne siano altre nello stesso punto »76. La scelta del suo concittadino Halbherr per la pubblicazione dell’epigrafe è forse motivata dal fatto che quest’ultimo è coinvolto, proprio in quegli anni, nel progetto di un nuovo corpus delle iscrizioni greche di Sicilia e Magna Grecia, che sostituisse IG XIV, edito da Kaibel nel 189077. Dopo il diniego di Halbherr, Orsi si rivolge a Gaetano De Sanctis78 proponendogli di pubblicare l’iscrizione79 ; con una dinamica analoga, quando Halbherr ritira la sua partecipazione al progetto della nuova silloge epigrafica, la scelta di Comparetti cade proprio su De Sanctis80. Dopo aver accettato l’invito di Orsi81, De Sanctis si reca a Taormina nell’aprile 1912, ma è raggiunto da un telegramma di Salinas : « Secondo convenuto collega Orsi studio epigrafi devoluto professor Halbherr non compiendolo egli convenienze ufficiali vietanmi affidarlo ad estranei del mio ufficio custode mostreralle epigrafe »82. Salinas, dunque, una volta caduta la candidatura di Halbherr, sembra pensare a un’edizione dell’epigrafe in ambito siciliano ; De Sanctis accetta, pur se con comprensibili proteste83, la decisione di Salinas, ribadita anche in successivi contatti epistolari84 e attribuita da Orsi alla « xenofobia di questo valentuomo, che vuole riservata 'La Sicilia ai Siculi' »85. Si verifica quanto Orsi preannunzia (« passerà uno, e poi parecchi altri anni senza che se ne faccia niente ») : l’iscrizione è pubblicata nel 1964 da Giacomo Manganaro86.

Il rendiconto finanziario dall’area delle terme

  • 87 Manganaro 1964, p. 43-52.
  • 88 Le informazioni sulle modalità del rinvenimento mi sono state cortesemente fornite dalla prof.ssa P (...)
  • 89 Pelagatti 1964, p. 37. Successive indagini hanno dimostrato che le terme si sovrappongono a un edif (...)
  • 90 Si veda la cronologia relativa proposta da Fantasia 1999, p. 268.
  • 91 Si veda la bibliografia citata infra a proposito degli archivi greci.

24Un rendiconto finanziario87 è stato rinvenuto nel 1964 da Paola Pelagatti presso l’ex monastero di Valverde, oggi Caserma dei Carabinieri, durante lo scavo delle terme romane, non in situ ma tra materiale lapideo sporadico derivante da precedenti manomissioni dell’area88. Come osservato da Paola Pelagatti, « la vicinanza del foro potrebbe giustificare la presenza fra le iscrizioni di una tavola finanziaria certamente anteriore alle Terme »89. È da chiedersi come mai questo, unico tra i rendiconti finanziari di cui si conosce la provenienza, sia stato rinvenuto fuori dall’area di Bagnoli. Si potrebbe ipotizzare che il luogo di conservazione (e di esposizione) delle epigrafi sia stato trasferito da Bagnoli all’agora o viceversa, ma a questa spiegazione osterebbe il fatto che il rendiconto trovato nelle Terme appartiene al gruppo più antico, che include iscrizioni trovate a Bagnoli90, oppure si potrebbe supporre che tali luoghi fossero più di uno, in sintonia con quanto si conosce per altre città greche91.

  • 92 Si veda infra.

25Tuttavia, con tutte le cautele del caso, si potrebbe proporre una terza spiegazione : poiché il Monastero di Valverde possiede, almeno dal XVIII secolo e sino alla sua soppressione nel 1866, un fondo agricolo in località Bagnoli, accanto all’area di rinvenimento di altri rendiconti finanziari e dell’iscrizione degli Strateghi92, non sarebbe da escludere che anche questo blocco iscritto provenga da Bagnoli e sia stato trasportato con altro materiale lapideo presso il Monastero in vista di un suo riutilizzo.

I rendiconti finanziari di provenienza incerta

  • 93 IG XIV 428 ; SGDI III.2 5226 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 96, n° 9 ; Fantasia 1999, n° 6.
  • 94 In IG XIV, p. 107, Bormann scrive : Descripsi ex ectypo quod rettuli. Vidit etiam Kaibel.
  • 95 Bormann 1881, p. 3 : fragmentum tabulae, quod ante paucos annos extabat in aedibus privatis Taurome (...)
  • 96 Agnello 1970 ; il conte Francesco Santi Paladini, tra l’altro, succede nell’aprile 1839 al defunto (...)

26Nulla si conosce, finora, sul luogo e sull’anno di rinvenimento del rendiconto finanziario93, visto da Bormann nel 1867 murato in un edificio privato, poi da Kaibel in un albergo, ed edito in IG XIV94. Si può solo precisare che l’edificio, sebbene variamente indicato, sia in realtà sempre il palazzo dei De Spucches presso la Torre dell’Orologio, poi passato ai Paladini e infine trasformato in albergo (Hôtel Belle Vue, poi Hôtel Métropole95) ; è, inoltre, lo stesso edificio nel quale l’arciprete Castorina fa collocare i quattro rendiconti scoperti nel 1834 prima del loro trasferimento a Messina. Allo stato attuale della ricerca, non è possibile precisare quando e perché l’iscrizione sia stata collocata nell’edificio. La sua presenza in questo palazzo potrebbe essere ricondotta all’attività collezionistica di Biagio De Spucches duca di Santo Stefano o di qualche altro membro della sua famiglia, oppure dei Paladini, che nella prima metà dell’Ottocento sono coinvolti nella custodia delle antichità di Taormina96. Potrebbe, più semplicemente, trattarsi di un caso analogo a quello dei quattro rendiconti : il palazzo è prescelto perché è il luogo più idoneo a conservare un’epigrafe, data la presenza della già citata collezione. A causa delle recenti vicende dell’edificio, riaperto nel 2010 dopo un lungo abbandono, l’epigrafe risulta dispersa.

  • 97 Agnello 1970, p. 30, 40-41 ; Muscolino 2011b, p. 41-42. Per le due epigrafi v. Manganaro 1988, p. 1 (...)

27Altri due rendiconti finanziari, riutilizzati come soglie di modeste abitazioni, sono individuati da Saverio Landolina, custode delle antichità del Val Demone e Val di Noto dal 1803 al 1814 ; egli, dopo un lungo contenzioso con il senato di Taormina, le fa trasportare a Siracusa, dove sono conservate nel Museo fino a quando, nel secondo dopoguerra, entrano a far parte della collezione dell’Antiquarium di Taormina97.

L’iscrizione dei Ginnasiarchi

  • 98 IG XIV 422 ; SGDI III.2 5220 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 72, n° 4.
  • 99 Più o meno nel punto in cui oggi via Bagnoli Croci incrocia via Pirandello.
  • 100 Bacci - Rizzo 1997-1998, p. 365, tav. 88, fig. 2.
  • 101 Sull’area di Santa Maria di Gesù sia consentito il rimando a Muscolino c.d.s. 2.

28Per completare il quadro, non può essere tralasciata l’iscrizione dei Ginnasiarchi98, anche se non se ne conosce l’esatta provenienza. Essa, infatti, è segnalata da D’Orville che, visitando nel 1727 la chiesa di San Pietro, nota in angulo quodam obscuro duos lapides parieti infixos, cioè i due frammenti dell’iscrizione, difficilmente leggibili perché calce dealbati. La chiesa di San Pietro si trova a poca distanza dal piano di Bagnoli ; anzi, lasciata la città e percorsa la strada che interseca il piano, tale chiesa e il convento di Santa Maria di Gesù erano i primi (e gli unici) edifici di una certa entità che si sarebbero incontrati fino alla seconda metà dell’Ottocento. La strada di Bagnoli, arrivata alla fine del pianoro, si biforcava99, proseguendo, da un lato, verso il capo di San Leo, quindi verso la costa. Ancora oggi, una scalinata collega via Bagnoli Croci con la chiesa di San Pietro, e i resti di una strada più antica e ancora più vicina all’edificio sacro sono stati ritrovati nel corso di scavi archeologici100. Anche se la strada provinciale costruita nell’Ottocento (attuale via Luigi Pirandello), ha in buona parte cancellato le tracce della viabilità precedente, non è difficile comprendere l’importanza di questa antica via di comunicazione verso la costa. Tutto ciò premesso, il fatto che l’iscrizione dei Ginnasiarchi sia stata reimpiegata dentro San Pietro non conferma né smentisce la provenienza da Bagnoli. In attesa di nuovi elementi, quest’area resta una probabile candidata, come anche il pianoro su cui sorge il convento di Santa Maria di Gesù101.

Altri ritrovamenti archeologici nel piano di Bagnoli

29Oltre alle rovine descritte da Castorina, nel piano di Bagnoli sono segnalate altre strutture antiche non ben localizzabili e non facilmente interpretabili. Non è neanche possibile precisare se si tratti delle stesse strutture, diversamente descritte dai vari studiosi, o di rovine appartenenti a edifici diversi.

  • 102 Cartella 1777, p. 214 ; v. anche BCP, ms. Qq H 272, p. 27 (« nell(a) strada della via crucis dei P( (...)
  • 103 Evidentemente presso il fondo « Prima Croce » (doc. 4), forse nei pressi dei campi da tennis.
  • 104 Tale ipotesi è compatibile con la collocazione assegnata, nella veduta settecentesca (fig. 2), alla (...)
  • 105 Come indicatomi dalla prof.ssa Pelagatti, resti di mosaico furono segnalati nel 1965, durante lavor (...)
  • 106 Bacci 1980, p. 346 ; Ead. 1980-1981, p. 745 ; Ead. 1982, p. 166.

30Un mosaico è segnalato nel XVIII secolo, « nella strada della Via Sacra de’ PP. Minori Osservanti di S. Francesco presso l’Altaretto della Veronica »102. Poiché, con ogni probabilità, la Via Crucis iniziava dalla parte della città103 e proseguiva in direzione del convento, e poiché la stazione della Veronica è la sesta delle quattordici stazioni della Via Crucis, tale mosaico doveva trovarsi, forse, all’altezza del Giardino pubblico104. Non è forse azzardato istituire, tra questo mosaico e gli ambienti con mosaici segnalati da Paola Pelagatti105 presso il Bristol Park, un collegamento suggestivo ma, data la scarsità dei dati in nostro possesso, non meglio circostanziabile. È comunque interessante notare come, in entrambi i casi, i mosaici siano presso la strada, e questo è un elemento a favore dell’ipotesi che si tratti di mosaici contigui, forse appartenenti alla stessa struttura. Un altro mosaico, « a motivi geometrici bianchi e neri con al centro un riquadro policromo figurato » è rinvenuto, sempre presso il Bristol Park, nel 1978106.

  • 107 BCP, ms. Qq H 272, p. 113 (tale passo non è presente in Cartella 1777, versione edita di questo tes (...)

31Altre emergenze di notevole entità dovevano essere le rovine indicate come « Bagni » nella tradizione erudita, che colloca « i vestigij di q(uest)i Bagni sotto il luoghetto del Ven(erabile) Monastiero di S(anta) Maria Valverde, che forse per i Bagni, che ivi v’erano, comunemente oggi è chiamato dei Bagnoli »107.

  • 108 Morso 1823, p. 167. L’iscrizione (IG XIV 446) è da considerarsi dispersa.
  • 109 Si veda infra e supra.

32Nel 1810, « cavandosi le terme taurome<ni>tane, sotto la strada della Via Crucis, in piedi all’antico teatro, in una cameretta lastricata di marmo bianco e rosso, e adorna di mosaico » si rinviene l’iscrizione : Κλωδιανὸς | κὲ Μοῦσα | σύν πεδίοις | ὑπὲρ εὐχῆς | ἐπέθηκαν108 che, in verità, fa pensare più a un contesto sacrale che a terme. I ruderi sono collocati « sotto », cioè verisimilmente a Sud della « strada della Via Crucis », dunque, ancora una volta, nell’area ora occupata dal Giardino pubblico o nelle immediate adiacenze. Non molti anni dopo sono ritrovati, in un punto forse non lontano, i primi quattro rendiconti finanziari, dando inizio alla serie di rinvenimenti di cui si è già discusso. Altre segnalazioni di emergenze archeologiche sono fornite da Castorina e da Gaetano e Pietro Rizzo cercando di contestualizzare i ritrovamenti epigrafici109.

  • 110 In un periodo in cui esso comprendeva ancora l’area poi espropriata per essere trasformata in Giard (...)

33Rovine di edifici nel parco Cacciola110 sono segnalate anche da Paolo Orsi, il quale annota che

  • 111 Taccuino n° 83, 7 ottobre 1911, in Pelagatti 1984-1985, p. 294. Secondo un’ipotesi avanzata in Pela (...)

in questo parco fece già scavi il Cavallari (così mi racconta il Dr. Cacciola) scoprendo un edificio modestissimo : lo sgombero fu proseguito dal Cacciola, che in altri punti trovò fondazioni di edifici secondari e mai grandiosi. Pietre squadrate poi ovunque111.

34Nella stessa direzione va anche quanto afferma Pietro Rizzo :

  • 112 I cosiddetti « Beehive » costruiti da Florence Trevelyan. Sulla facciata del più grande (fig. 8), s (...)
  • 113 P. Rizzo 1928, p. 304.

In questi due spazi (cioè « il piano di Bagnoli » e la « falda meridionale del teatro antico ») il detto prof. Cacciola, proprietario, sistemando la terra di questa campagna ebbe a dissotterrare molti elementi di antiche costruzioni. Nel piano dei Bagnoli esiste una pavimentazione a pezzi squadrati, e abbondante materiale fittile, col quale fu possibile costruire due belvedere o pagode di cocci murati insieme (fig. 9, 10, 11)112. Crediamo pure che i fabbricati antichi abbiano occupato lo spazio dove ora sorgono nuovi fabbricati di locande a destra della via Bagnoli-Croci, Hôtel Diodoro e Hôtel Belvedere dove furono scoperti alcuni pozzi, e anche lo spiazzo del soppresso convento dei Minori Osservanti e chiesa di S. Maria di Gesù, oggi convertiti in una villa privata113.

Fig. 9 - Il più grande dei Beehive costruiti da Florence Trevelyan

Fig. 9 - Il più grande dei Beehive costruiti da Florence Trevelyan

Fig. 10 - Tegole piane reimpiegate in uno dei Beehive

Fig. 10 - Tegole piane reimpiegate in uno dei Beehive

Fig. 11 - Blocchi reimpiegati in un muro di sostegno nel Giardino pubblico

Fig. 11 - Blocchi reimpiegati in un muro di sostegno nel Giardino pubblico
  • 114 Sull’edificio, v. soprattutto P. Pelagatti in FA, 22, 1967, n° 2968 (con la segnalazione di resti a (...)
  • 115 Sui lemmata, che si riferiscono a Callistene di Olinto (fr. I), [Phaid]on o [Paraball]on di Elide ( (...)

35Sempre nell’area di Bagnoli, presso l’Hôtel Bristol Park, di fronte al Giardino pubblico, sono stati scoperti nel 1969 resti di strutture antiche ipoteticamente riferite al Ginnasio114, nel corso di scavi condotti da Paola Pelagatti con la collaborazione di Cristina Bolognari. A prescindere dall’identificazione, che potrà essere tentata su nuove basi solo con una ripresa degli studi, basti, ai fini di questa ricerca, rilevare la grande importanza del complesso, che ospitava anche una biblioteca, studiata, in particolare, da Horst Blanck, con rari lemmata su stucco relativi a diversi autori115.

36Merita attenzione, infine, quanto affermano i fratelli Rizzo sul rinvenimento – e la distruzione – di altri blocchi con iscrizioni nell’area di Bagnoli. Scrive Gaetano Rizzo nel 1893 :

In questa grande distesa si sono trovati ruderi di fabbriche antiche, rottami architettonici buttati ora sui muri a secco per separare un tratto di terra dall’altro. In contrada Bagnòli specialmente l’antico proprietario del luogo, costruì all’estremità est del piano certi enormi muri con larghi pezzi di pietra marmorea, squadrati in forma di parallelepipedi rettangoli, che dovette trovare depositati sul luogo. Difficile sarebbe stato far trasportare da lungi quegli enormi ammassi di pietra calcarea bella e ammannita per costruire dei muri di separazione o di sostegno, là dove sarebbero stati sufficienti pietre di ordinaria grandezza e non levigate ; la spesa sarebbe stata sproporzionata allo scopo e perciò non conveniente.

Quelle pietre biancastre e lisce su cui il tempo ha steso la patina augusta dell’antichità, sono assai simili nelle dimensioni e nel colore alle tavole finanziarie che abbiamo. Persone bene informate e qualcuna anche testimone de visu affermano che certo Cundari, antico proprietario del luogo, rozzo ed ignorante villano, abbia fatto scarpellare inesorabilmente molte di queste antiche pietre […]. Si dice che per non aver noie dal governo borbonico che ostentava velleità archeologiche, questo rampollo di Saraceni, dopo aver fatto sparire dai marmi tutto ciò che avesse potuto dare indizio di scrittura, abbia fatto volgere e murare la parte istoriata verso l’interno del muro in modo che di nulla potesse sospettarsi. Pure non fece tanto bene che qualcuna di quelle pietre non desse chiaro indizio d’essere istoriata e non si vedesse infine una vera e propria tavola finanziaria, coperta di calce e corrosa dagli anni.

Visitando questo luogo ci è nato il sospetto, alcuni poi affermano addirittura, che quivi debbano trovarsi murate parecchie tavole finanziarie che servono di sostegno ad un muraglione. Devono essere state distrutte però, perché a prima vista nulla si scorge, ma ad occhio sagace non sfugge il carattere di quelle pietre.

  • 116 Potrebbe essere la casa che sorge ancora oggi al centro del Giardino pubblico, visibile in fig. 5, (...)
  • 117 G. Rizzo 1893a, p. 41-43 ; affermazioni pressoché identiche anche in Id. 1905, p. 121-122.

[…] Abbiamo visto inoltre sepolto sotto un muro interno che limita una sezione del piano in contrada Bagnòli, i margini d’un pavimento di marmo che dovette essere stato risparmiato dai Saraceni e distrutto dal Cundari per allargare il suolo arabile. Delle lastre quadrate scure e levigate il proprietario dopo averle fatto scalpellare le adoperò per costruire certi sedili fermi accanto ad una casetta colonica116 che sorge nel mezzo di questo piano117.

37Analogamente, Pietro Rizzo scrive, a conclusione della nota dedicata ai rendiconti finanziari :

  • 118 In realtà 1923 (doc. 4).

Come si vede la miniera di questi marmi è quasi sempre la stessa falda del teatro e piano Bagnoli, il quale per decreto reale del 1922118 è stato espropriato per servire da Giardino pubblico. Nei primi del secolo passato esso appartenne ad un operaio, certo Michele Cundari, il quale, per metterli in cultura e sistemare la terra, costruì un muro tuttora (1923) esistente sulla faccia del quale chi scrive scoperse la lapide di cui parlò nella precedente nota. Tutte le pietre del medesimo muro sono simili alla pietra del marmo scolpito da me scoperta già tolta dal suo posto e portata al Museo.

  • 119 P. Rizzo 1928, p. 72-73.

I vecchi del paese ci narrarono (ed è ora tradizione a Taormina) che il Cundari scoperse sul posto un numero rilevante di questi marmi scolpiti, e che di essi si servì per costruire il muro di cui parliamo. Per non aver noie dal governo borbonico, molto rigoroso in fatto di monumenti antichi, affermano che egli abbia fatto scarpellare le lettere scolpite, ovvero li abbia fatto murare con la pagina scolpita dentro la fabbrica, in modo che presentassero allo esterno la faccia rugosa e non scolpita. Queste pietre la cui faccia si può tuttora vedere sono tutte squadrate come quella da me scoperta e sono incastrate nel muro in parola : che altri venerandi monumenti vi restano ancora murati. Noi ci auguriamo che nei lavori di demolizione del muro che dovrà farsi per sistemare tale pubblico giardino, si usi la oculata diligenza necessaria per mettere alla luce i monumenti epigrafici preziosi, che portano scolpiti i fatti dell’antica Tauromenion. Questo è il nostro voto, solo così potrà in parte ripararsi al danno fatto alla scienza ed alla patria dalla incoscienza di maestro Michele Cundari119.

  • 120 Si vedano, in particolare, l’accordo tra gli eredi di Michele Cundari, ASM, notaio Giuseppe Malambr (...)

38Non è possibile precisare se questo episodio sia lo stesso di cui ha conservato memoria la Relazione di Castorina, che non indica il nome del proprietario autore della devastazione. Non è però da escludere che la distruzione di epigrafi di cui parlano Gaetano e Pietro Rizzo e la demolizione di ruderi avvenuta tra il novembre del 1833 e il marzo del 1834 di cui parla Castorina siano lo stesso episodio, perché la documentazione archivistica permette di affermare che Michele Cundari, morto nel 1855, è proprietario del fondo di Bagnoli già dai primi decenni dell’Ottocento ; tale fondo, inoltre, passa da Michele Cundari, con una donazione del 1841, a suo figlio Giuseppe, la cui figlia Carmela lo porta in dote nel 1856 a Giovan Battista Ragusa120. Dunque il fondo nel quale avviene il ritrovamento e la distruzione di epigrafi da parte di Michele Cundari dovrebbe essere lo stesso nel quale, intorno al 1864, si rinvengono l’iscrizione degli Strateghi e forse anche i rendiconti IG XIV 425 e 426. Poiché, come già visto, il fondo di Bagnoli è tra quelli acquistati da Florence Trevelyan ed espropriati nel 1923, esso va collocato nell’area dell’attuale Giardino pubblico.

Considerazioni conclusive

39La moderna viabilità, la costruzione di edifici e alberghi, la trasformazione di buona parte del pianoro prima in parco privato, poi in Giardino pubblico, ha notevolmente cambiato la nostra percezione dell’area di Bagnoli, facendo anche perdere il senso della notevole contiguità con il Teatro (fig. 1 e 2). Se ora quest’ultimo monumento appare come « tagliato fuori » rispetto a Bagnoli, per la presenza di proprietà private, è lecito ipotizzare che, in passato, oltre all’arteria ricalcata dall’attuale via Bagnoli Croci, esistessero anche una o più vie perpendicolari per assicurare il collegamento con l’area del Teatro. Del resto, già Luigi Lombardo, nel 1844, osserva che, a una certa distanza dalla porticus post scaenam, evidentemente verso Sud-Ovest,

  • 121 D’Orville 1764, p. 264.
  • 122 Lombardo 1844, p. 59. Su L. Lombardo (1818-1884), v. P. Rizzo 1928, p. 249-250 e 327 ; il suo suo m (...)

sono alcune muraglie non solo per sostegno del superiore terreno, ma altresì per render più agevole lo accesso al Teatro : non essendovi quivi un vallone come scrive D’Orville121, ma sibbene una estesa pianura verso la quale furono rinvenute alcune pietre calcaree riquadrate contenenti parecchie iscrizioni greche concernenti l’amministrazione civile della Città di Taormina, e verso il medesimo luogo, è da credere che sia stato l’antico Ginnasio : e da tale pianura, era pur il maggior concorso di persone al Teatro122.

  • 123 G. Rizzo 1893a, p. 43 : « Avendo premesso che le tavole dei Ginnasiarchi, degli Strategi, quelle fi (...)
  • 124 P. Rizzo 1928, p. 360-361 : « Il prof. G. Rizzo pone non solo l’edificio del ginnasio, ma anche il (...)

40Si nota, in Lombardo, come già in Castorina, la tendenza a ubicare il Ginnasio nel piano di Bagnoli, riconoscendo così, implicitamente, l’importanza dell’area nella topografia della città. Gaetano Rizzo colloca nell’area di Bagnoli non solo il Ginnasio, ma anche l’annesso « Tabulario o Grammateo »123 nel quale le iscrizioni sarebbero state conservate. Pietro Rizzo, invece, a differenza del fratello, situa il Ginnasio presso la cosiddetta Naumachia e, forse come corollario di questa sua diversa concezione, tende – proprio lui che vi aveva scoperto un rendiconto finanziario – a non considerare Bagnoli come la sede originaria delle epigrafi, che « poterono trovarsi colà per cause che ci sfuggono ; e poterono anche esservi trasportate come pietra da murare da chi se ne giovò »124.

  • 125 Si vedano le osservazioni di Gaetano Rizzo citate supra.
  • 126 Gli incavi sono ben visibili in Manganaro 1988, p. 168, fig. 6. Tale ipotesi è avanzata anche da G. (...)

41Tali affermazioni di Pietro Rizzo non sono però condivisibili, soprattutto perché è difficile immaginare che blocchi squadrati di un certo peso, e addirittura una stele di notevoli dimensioni come quella degli Strateghi, siano stati trasportati in località Bagnoli solo per essere reimpiegati e, per di più, in muri di sostegno o di confine, o in modeste abitazioni in un’area agricola125. Come già evidenziato, i quattro rendiconti scoperti nel 1834 proverrebbero dalla demolizione di un edificio individuato l’anno prima, dunque erano forse in situ ; i due rendiconti IG XIV 425 e 426, scoperti insieme intorno al 1864 in circostanze non meglio precisabili, potrebbero essere stati trovati in situ o reimpiegati insieme a poca distanza dal luogo originario, dato che i testi si completano a vicenda. Altre iscrizioni sono state rinvenute reimpiegate in muri : è il caso della « quinta tavola » (IG XIV 427), dell’epigrafe ritrovata da Pietro Rizzo nel 1892 e di quella consegnata da Salvatore Cacciola a Paolo Orsi nel 1911. L’iscrizione degli Strateghi ha incavi che forse ne attestano un suo reimpiego come soglia126 ; poiché essa è stata ritrovata in un terreno agricolo, a quanto pare non in connessione con un edificio recente, il reimpiego potrebbe essere avvenuto già in antico, quando la conservazione dell’epigrafe non era più utile ma quando ancora l’area di Bagnoli era abitata, prima della « contrazione » della città. Come soglie erano reimpiegate anche le due iscrizioni recuperate da Saverio Landolina.

  • 127 Willers 1905, p. 325 : « Alle für diese Inschriften verwendeten Blöcke haben dieselbe Form. Ihre re (...)
  • 128 Guarducci 1970, p. 290 : « Un cospicuo gruppo di antichi rendiconti pubblici ci è stato restituito, (...)
  • 129 Si veda, in generale, Guarducci 1970, p. 1-4 : « I testi […] venivano incisi o nei muri di edifici (...)

42È auspicabile che un nuovo studio delle epigrafi, più attento anche alla conformazione e alle dimensioni dei blocchi, oltre che, ovviamente, al testo, possa meglio chiarire le modalità con cui esse erano offerte alla lettura, verisimilmente in uno o più edifici pubblici da collocare nel piano di Bagnoli. Appare probabile che i blocchi con le iscrizioni facessero parte di muri, come già ipotizzato, ad esempio, da Willers127, e come era prassi nel mondo greco. Che poi questi muri appartenessero all’« ἀρχεῖον o, latinamente, tabularium », come proposto da Margherita Guarducci128, è ipotesi suggestiva ma, in assenza di nuovi dati, non dimostrabile. Del resto anche le pareti di altri edifici pubblici potevano prestarsi a ospitare iscrizioni129.

43Alla luce di quanto sinora esposto, il piano di Bagnoli appare dunque, nonostante la discontinuità e la problematicità delle nostre conoscenze, come un luogo di cruciale importanza, ed è auspicabile che successive ricerche contribuiscano a rendere più netti i contorni di quella che era un’area molto importante della città antica, prima di essere abbandonata, per mutate esigenze insediative, e diventare campagna, una « classica campagna », custode di una parte significativa della memoria di Tauromenion.

Haut de page

Bibliographie

Accame 1970 = S. Accame, Gaetano De Sanctis e la Sicilia, in Kokalos, 16, 1970, p. 3-15.

Accame 1984 = S. Accame, F. Halbherr e G. De Sanctis. Pionieri delle missioni archeologiche italiane a Creta e in Cirenaica (dal carteggio De Sanctis 1909-1932), Roma, 1984 (Studi pubblicati dall’Istituto italiano per la storia antica, 34).

Accame 1986 = S. Accame, F. Halbherr e G. De Sanctis (nuove lettere dal carteggio De Sanctis 1892-1932), Roma, 1986 (Studi pubblicati dall’Istituto italiano per la storia antica, 37).

Agnello 1970 = G. Agnello, Le antichità di Taormina nel documentario inedito di Saverio e Mario Landolina, in ArchStorSir, 16, 1970, p. 25-76.

Arangio Ruiz, Olivieri 1925 = V. Arangio Ruiz, A. Olivieri, Inscriptiones Graecae Siciliae et infimae Italiae ad ius pertinentes, Milano, 1925.

Bacci - Rizzo 1997-1998 = G. M. Bacci, C. Rizzo, Taormina. Interventi nell’area urbana, in Kokalos, 43-44, 1997-1998, II.1, p. 357-369.

Bacci 1980 = G. M. Bacci, Taormina 1. Ricerche archeologiche nell’area urbana, in Archivio storico messinese, s. III, 31, 1980, p. 335-347.

Bacci 1980-1981 = G. M. Bacci, Ricerche a Taormina negli anni 1977-1980, in Kokalos, 26-27, 1980-1981, II.1, p. 737-746.

Bacci 1982 = G. M. Bacci, Taormina : 1977-1981, in BCASic, 3, 1982, p. 165-172.

Battistoni 2006 = F. Battistoni, The Ancient Pinakes from Tauromenion. Some New Readings, in ZPE, 157, 2006, p. 169-180.

Battistoni 2009 = F. Battistoni, I pinakes di Tauromenion : alcune osservazioni, in C. Ampolo (a cura di), Immagine e immagini della Sicilia e di altre isole del Mediterraneo antico. Atti delle seste giornate internazionali di studi sull’area elima e la Sicilia occidentale nel contesto mediterraneo, Erice, 2006, Pisa, 2009 (Seminari e convegni, 22), II, p. 811-816.

Battistoni 2010 = F. Battistoni, Parenti dei Romani. Mito troiano e diplomazia, Bari, 2010 (Pragmateiai, 20).

Bérard - Di Vita-Evrard - Chausson 1997 = F. Bérard - G. Di Vita-Evrard, avec la collaboration de F. Chausson, L’épigraphie dans les « Mélanges d’archéologie et d’histoire » (1881-1970), Roma, 1997.

Blanck 1997a = H. Blanck, Un nuovo frammento del ‘catalogo’ della biblioteca di Taormina, in PP, 52, 1997, p. 241-255.

Blanck 1997b = H. Blanck, Anaximander in Taormina, in RM, 104, 1997, p. 507-511.

Blanck 1999 = H. Blanck, L’antica biblioteca di Taormina, in Kalós. Arte in Sicilia, 11, n° 6, 1999, p. 22-29.

Blanck 2007 = H. Blanck, Prima del « Bollettino d’Arte ». Le riviste dell’Instituto di corrispondenza archeologica e le prime annate delle « Römische Mitteilungen », in BdA, 142, 2007, p. 1-20.

Blanck 2008 = H. Blanck, Il libro nel mondo antico, Bari, 2008.

Boffo 1995 = L. Boffo, Ancora una volta sugli « archivi » nel mondo greco : conservazione e « pubblicazione » epigrafica, in Athenaeum, 83, 1995, p. 91-130.

Boffo 2003 = L. Boffo, Per una storia dell’archiviazione pubblica nel mondo greco, in Dike, 6, 2003, p. 5-85.

Bormann 1868 = E. Bormann, Iscrizioni di Marsala e Taormina, in BdI, 1868, p. 168-173.

Bormann 1877 = E. Bormann, De mensuris Tauromenitanis, in Commentationes philologae in honorem Theodori Mommseni, Berlino, 1877, p. 750-752.

Bormann 1881 = E. Bormann, Fastorum civitatis Tauromenitanae reliquiae, Marburg, 1881.

Brugnone 2008 = A. Brugnone, Rendiconto finanziario di Tauromenion (IG XIV 427), in Sicilia. Arte e archeologia dalla preistoria all’Unità d’Italia, Cinisello Balsamo, 2008, p. 274-275, n° 103.

Calì Sardo 1836 = A. Calì Sardo, Relazione accademica per gli anni I. e II. dell’Accademia degli Zelanti di Aci-Reale, Palermo, 1836.

Camarda 1862a = N. Camarda, Su di un epigramma greco trovato in Taormina, in Il Corriere Siciliano. Gazzetta del Popolo, anno II, n° 98, 25 aprile 1862, p. 4.

Camarda 1862b = N. Camarda, Sullo epigramma taorminese : studio critico, Palermo, 1862.

Camarda 1862c = N. Camarda, Su l'epigramma taorminese : lettera al sig. Amedeo Peyron, Palermo, 1862.

Camarda 1863 = N. Camarda, Un addio all’epigramma taorminese, Palermo, 1863.

Camarda 1869 = N. Camarda, La quinta tavola taorminese, in Rivista sicula di scienze, letteratura ed arti, 1, 1869, p. 140-151.

Camarda 1873a = N. Camarda, Epigrafi ed opuscoli ellenici inediti, Palermo, 1873.

Camarda 1873b = N. Camarda, Tre articoli tedeschi sulla V tavola taorminese, in Camarda 1873a, p. 48-61.

Cartella 1777 = I. Cartella (con lo pseudonimo di L. Geta Caraccioli), Discorso istorico-critico intorno all’origine della città di Taormina, in Opuscoli di autori siciliani, XVIII, Palermo, 1777, p. 153-242.

Castorina 1838 = R. Castorina, Memoria sulla lingua primitiva, che trovavasi negli abitatori del Monte Tauro in Sicilia, prima delle colonie greche, che vennero a rendersi padroni della stessa, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 63, 1838, p. 227-284.

Castorina 1840a = R. Castorina, Sulla storia civile di Taormina, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 69, 1840, p. 113-173.

Castorina 1840b = R. Castorina, Relazione e descrizione dei contorni del sito ove furono ritrovate le quattro tavole marmoree coverte di carattere greco in Taormina, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 70, 1840, p. 69-91.

Castorina 1840c = R. Castorina, Del foro dell’antico Tauromenio, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 70, 1840, p. 132-145.

Castorina 1840d = R. Castorina, Dello ippodromo di Taormina, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 70, 1840, p. 145-151.

Castorina 1840e = R. Castorina, Descrizione de’ tempî gentileschi, che decoravano tutte le piazze del foro dell’antico Tauromenio, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 70, 1840, p. 225-245.

Castorina 1840f = R. Castorina, Sopra una lettera scritta in latino dal chiarissimo professor cav. canonico Alessi […] riguardante una medaglia non ha guari trovata, che l’illustre autore crede appartenere a Taormina, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 71, 1840, p. 34-61.

Castorina 1840g = R. Castorina, Risposta critica al sig. S. B. sullo stesso oggetto della medaglia del sig. Alessi supposta tauromenitana, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 71, 1840, p. 87-93.

Castorina 1840h = R. Castorina, Illustrazione del tempio di Apolline Arcageta, che rendeva l’oracolo nella famosa Nasso, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 72, 1840, p. 8-24.

Cerasuolo 2003 = S. Cerasuolo, Due protagonisti e un comprimario dell'antichistica italiana del secolo XIX. I carteggi Comparetti-Fiorelli-Barnabei, Messina, 2003 (Carteggi di filologi, 4).

Cianciolo Cosentino 2007 = G. Cianciolo Cosentino, Francesco Saverio Cavallari (1810-1896). Architetto senza frontiere tra Sicilia Germania e Messico, Palermo, 2007.

Comparetti - Martin 1881 = D. Comparetti, Lettre e A. Martin, Note sur l’inscription de Tauromenion, in MEFR, 1, 1881, p. 181-191.

Comparetti 1869 = D. Comparetti, Eine neu entdeckte Inschrift von Tauromenion, in Jahrbücher für klassische Philologie, 15, 1869, p. 305-310.

Coqueugniot 2005 = G. Coqueugniot, Archives et bibliothèques dans le monde grec. Aspects matériels et architecturaux de 500 av. J.-C. à 100 ap. J.-C., tesi di dottorato, Université Lumière Lyon II, 2005.

D’Orville 1764 = J.-P. D’Orville, Sicula, Amsterdam, 1764.

Davies 2003 = J. K. Davies, Greek archives. From record to monument, in M. Brosius (a cura di), Ancient Archives and Archival Traditions. Concepts of Record-keeping in the Ancient World, Oxford, 2003 (Oxford Studies in Ancient Documents), p. 323-343.

Di Giovanni - Grima 1870 = G. Di Giovanni, P. Grima, Storia ecclesiastica di Taormina, Palermo, 1870.

Fantasia 1999 = U. Fantasia, I Σιτοφύλακες e i Σιτώνια di Tauromenio, in M. I. Gulletta (a cura di), Sicilia epigraphica. Atti del convegno internazionale, Erice, 1998, Pisa, 1999, p. 251-279 (AnnPisa, s. IV, Quaderni, 1).

Franz 1838 = I. Franz, Iscrizioni taormitane, in AdI, 10, 1838, p. 65-79.

Franz 1840 = I. Franz, Elementa epigraphices graecae, Berlino, 1840.

Gerhard 1834 = E. Gerhard, Rapporto sui lavori e progressi dell’Instituto, in BdI, 1834, p. 81-95.

Gras 2010 = M. Gras (a cura di), « À l'École de toute l'Italie ». Pour une histoire de l'École française de Rome, Roma, 2010 (Collection de l’École française de Rome, 431).

Graux 1881 = C. Graux, rec. di Lafaye 1881 e Martin 1881a, in Revue critique d’histoire et de littérature, n.s., 15, 11, n° 23, 6 giugno 1881, p. 451-454, n° 115.

Grenier 1912 = A. Grenier, Albert Martin, in MEFR, 32, 1912, p. 517-520.

Guarducci 1970 = M. Guarducci, Epigrafia greca. II. Epigrafi di carattere pubblico, Roma, 1970.

Klaffenbach 1960 = G. Klaffenbach, Bemerkungen zum griechischen Urkundenwesen, Berlino, 1960 (SBBerlin, 1960, n° 6).

La Farina C. 1822 = C. La Farina, Su di un antico sarcofago nella chiesa de’ pp. Conventuali di Messina, Messina, 1822.

La Farina C. 1829 = C. La Farina, Di un’antica greca iscrizione scoperta in Messina, che oggidì si conserva nel Museo peloritano, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 25, 1829, p. 76-78.

La Farina C. 1832 = C. La Farina, Sposizione di alcune lapidi sepolcrali rinvenute in Messina nel largo di S. Giovanni Gerosolimitano, Messina, 1832.

La Farina C. 1835 = C. La Farina, Intorno le belle arti e gli artisti fioriti in varie epoche in Messina. Ricerche [] ordinate in più lettere, Messina, 1835.

La Farina C. 1836 = C. La Farina, Congettura sul sito dell’antico Nauloco, Messina, 1836.

La Farina C. 1844 = C. La Farina, Sopra un anello segnatorio, Messina, 1844.

La Farina G. 1840 = G. La Farina, Messina e i suoi monumenti, Messina, 1840.

Lafaye 1881 = G. Lafaye, Inscription de Tauromenion, in MEFR, 1, 1881, p. 1-17.

Lanzi 1795-1796 = L. Lanzi, Storia pittorica della Italia dal risorgimento delle belle arti fin presso al fine del XVIII secolo, Bassano, 1795-1796.

Lazzarini 1997 = M. L. Lazzarini, La scrittura nella città : iscrizioni, archivi e alfabetizzazione, in S. Settis (a cura di), I Greci. Storia, cultura, arte, società. 2. Una storia greca. II. Definizione, Torino, 1997, p. 725-750.

Lo Iacono, Marconi 1999 = G. Lo Iacono, C. Marconi, L’attività della Commissione di antichità e belle arti in Sicilia. II. 1835-1845, Palermo, 1999 (QuadMusSalinas. Supplementi, 4, 1998).

Lombardo 1844 = L. Lombardo, Lo antico teatro di Taormina, Messina, 1844.

Macconi - Squilloni - Pintaudi 1997 = M. G. Macconi, A. Squilloni, Catalogo generale del Fondo Domenico Comparetti. Carteggio e manoscritti e R. Pintaudi, Domenico Comparetti e Girolamo Vitelli. Storia di un’amicizia e di un dissidio, Messina, 2002 (Carteggi di filologi, 1).

Manganaro 1964 = G. Manganaro, Iscrizioni latine e greche dal nuovo edificio termale di Taormina, in CronA, 3, 1964, p. 38-48.

Manganaro 1974 = G. Manganaro, Una biblioteca storica nel ginnasio di Tauromenion e il P.Oxy. 1241, in PP, 29, 1974, p. 389-409.

Manganaro 1976 = G. Manganaro, Una biblioteca storica nel ginnasio a Tauromenion nel II sec. a.C., in A. Alföldi, Römische Frühgeschichte. Kritik und Forschung seit 1964, Heidelberg, 1976, p. 83-96.

Manganaro 1988 = G. Manganaro, Le tavole finanziarie di Tauromenion, in D. Knoepfler (a cura di), Comptes et inventaires dans la cité grecque. Actes du colloque de Neuchâtel en l’honneur de Jacques Tréheux, 1986, Neuchâtel-Ginevra, 1988, p. 155-190.

Manganaro 2011 = G. Manganaro, La συγγένεια dei Centuripini e dei Lanuvini, il lemma di Fabio Pittore a Tauromenion e il fr. 23 Morel del Bellum Poenicum di Nevio, in C. Deroux (a cura di), Corolla epigraphica. Hommages au professeur Yves Burnand, Bruxelles, 2011 (Collection Latomus, 331), II, p. 549-561.

Manni Piraino 1973 = M. T. Manni Piraino, Iscrizioni greche lapidarie del Museo di Palermo, Palermo, 1973 (Sikelikà, 6).

Marconi 2004 = C. Marconi, L’attività della Commissione di antichità e belle arti in Sicilia. V. 1863-1871, Palermo, 2004 (QuadMusSalinas. Supplementi, 8, 2002).

Martin 1881a = A. Martin, Remarques paléographiques et critiques sur l’inscription de Tauromenion, in MEFR, 1, 1881, p. 18-34.

Martin 1881b = A. Martin, rec. di Bormann 1881, in MEFR, 1, 1881, p. 384-389.

Mira 1875-1881 = G. M. Mira, Bibliografia siciliana, Palermo, 1875-1881.

Mommsen 1846 = T. Mommsen, Lapida mamertina, in BdI, 1846, p. 149-156.

Morso 1823 = S. Morso, Lettera [] al sig. D. Agostino Gallo, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 4, 1823, p. 166-168.

Motte 1982 = O. Motte, Les origines des Mélanges d’archéologie et d’histoire, in MEFRM, 94, 1982, p. 393-483.

Muscolino 2009-2010 = F. Muscolino, I monumenti di Olympis e di C. Claudio Marcello a Taormina, in RendPontAc, 82, 2009-2010, p. 407-457.

Muscolino 2011a = F. Muscolino, La « conservazione » dei monumenti antichi di Taormina (1745-1778), in Mediterranea. Ricerche storiche, 8, n° 21, 2011, p. 161-184.

Muscolino 2011b = F. Muscolino, Giovan Battista Lusieri « Regio Pittore delle Antichità ». Un legame tra la Sicilia e la missione di Lord Elgin in Grecia, Milano, 2011.

Muscolino c.d.s. 1 = F. Muscolino, Scoperte e restauri a Taormina e l’Instituto di Corrispondenza Archeologica, in 1861. L’Instituto di Corrispondenza Archeologica e l’archeologia italiana nell’epoca del Risorgimento. Atti del convegno, Roma, Napoli, 2011, c.d.s..

Muscolino c.d.s. 2 = F. Muscolino, Il bollo laterizio ΕΡΜΑΗΡΑΚΛΕΟΣ a Taormina, in ZPE, c.d.s..

Narbone 1850-1855 = A. Narbone, Bibliografia sicola sistematica, Palermo, 1850-1855.

Narbone 1852 = A. Narbone, Istoria della letteratura siciliana, Palermo, 1852.

Orsi 1903 = P. Orsi, Giardini. Sepolcri dell’antica Naxos, in NSc, 1903, p. 67-70.

Papale 1997 = D. Papale, Taormina segreta. La Belle Époque (1876-1914), Milano, 19972 (Diamanti di Sicilia, 9).

Pelagatti 1964 = P. Pelagatti, Scoperta di un edificio termale di Taormina, in CronA, 3, 1964, p. 25-37.

Pelagatti 1984-1985 = P. Pelagatti, Per la storia della ricerca : pagine inedite di Paolo Orsi, p. 264-304, in P. Pelagatti et al., Naxos (Messina). Gli scavi extraurbani oltre il Santa Venera (1973-75), in NSc, s. VIII, 38-39, 1984-1985, p. 253-497.

Pelagatti 1997 = P. Pelagatti, Il « ginnasio » di Tauromenion  : ripresa delle ricerche, in PP, 52, 1997, p. 256-261.

Pelagatti 1998 = P. Pelagatti, Paolo Orsi e la società taorminese del primo ‘900, in Kalós. Arte in Sicilia, 10, n° 1, 1998, p. 20-27.

Pelagatti 1999 = P. Pelagatti, La secolare storia del museo di Taormina, in Kalós. Arte in Sicilia, 11, n° 1, 1999, p. 4-11.

Petricioli - Sorge - La Rosa 1994 = M. Petricioli, E. Sorge, in collaborazione con V. La Rosa, Inventario delle carte di Federico Halbherr di proprietà dell’Accademia roveretana degli Agiati, Rovereto, 1994.

Posner 1992 = E. Posner, Archives in the Ancient World, Harvard University Press, 1992.

Pritchett 1996 = W. K. Pritchett, Greek Archives, Cults, and Topography, Amsterdam, 1996 (Ἄρχαία Ἑλλάς. Monographs on Ancient Greek History and Archaeology, 2).

Pugliese Carratelli 1997 = G. Pugliese Carratelli, Documenti scritti e archivi nel mondo classico, in G. Pugliese Carratelli (a cura di), La città e la parola scritta, Milano, 1997, p. 63-83.

Rizzo G. 1893a = G. Rizzo, La tavola dei Ginnasiarchi a Tauromenio. Contributi alla storia dell’elemento dorico in Sicilia, I, Palermo-Torino, 1893.

Rizzo G. 1893b = G. Rizzo, La tavola degli Strategi a Tauromenio. Contributi alla storia dell’elemento dorico in Sicilia, II, Catania, 1893.

Rizzo G. 1896 = G. Rizzo, Sul διὰ πέντε ἐτέων della Tavola degli Strategi, in Rivista di storia antica, 2, 1896, p. 70-74.

Rizzo G. 1899 = G. Rizzo, Una nuova iscrizione finanziaria scoperta in Taormina, in Rivista di storia antica, 4, 1899, p. 523-530.

Rizzo G. 1899-1900 = G. Rizzo Le tavole finanziarie di Tauromenio (Contributi alla storia dell’elemento dorico in Sicilia), in Rivista di storia antica, 4, 1899, p. 350-379. ibidem, 5, 1900, p. 74-90, 273-289, 493-501.

Rizzo G. 1900 = G. Rizzo, Il palazzo Corvaia in Taormina, in Archivio storico messinese, 1, 1900, p. 177-185.

Rizzo G. 1901a = G. Rizzo, Le tavole finanziarie di Taormina. Contributi alla storia dell’elemento dorico in Sicilia, III, Messina, 1901.

Rizzo G. 1901b = G. Rizzo, L’ultima iscrizione finanziaria di Taormina, in Archivio storico messinese, 2, 1901, p. 59-69.

Rizzo G. 1901c = G. Rizzo, Elenco parziale di documenti esistenti nell’Archivio Comunale di Taormina, in Archivio storico messinese, 2, 1901, p. 107-127.

Rizzo G. 1902 = G. Rizzo, Taormina e i suoi dintorni. Storia, architettura, paesaggio, Catania, 1902.

Rizzo G. 1904 = G. Rizzo, Iscrizioni tauromenitane, in Archivio storico messinese, 4, 1904, p. 107-122.

Rizzo G. 1905 = G. Rizzo, I monumenti epigrafici di Taormina. Nuovi studi ed integrazioni, in Archivio storico messinese, 6, 1905, p. 102-140.

Rizzo P. 1894 = P. Rizzo, Naxos siceliota. Storia, topografia, avanzi, monete, Catania, 1894.

Rizzo P. 1928 = P. Rizzo, Tauromenion (Taormina). Storia, topografia, monumenti, monete, Riposto, 1928 (ristampa anastatica : Caltanissetta-Roma, 1983).

Roccuzzo 1995 = T. Roccuzzo, Taormina, l’isola nel cielo. Come Taormina divenne « Taormina », Catania, 19952.

SGDI III.2 = H. Collitz, F. Bechtel, Sammlung der griechischen Dialekt-Inschriften, III.2, Göttingen, 1905.

Sickinger 1999 = J. P. Sickinger, Public Records and Archives in Classical Athens, The University of North Carolina, 1999 (Studies in the History of Greece and Rome).

SIG III = W. Dittenberger, Sylloge inscriptionum Graecarum, III, Lipsia, 19203.

Vickers 1983 = M. Vickers, Arthur Evans, Sicily and Greek Vases in Oxford, in ApolloLond, 117, 1983, p. 276-279.

Vickers 1996 = M. Vickers, The Greek Vases from Gela in Oxford : their Place in History and in the History of Art, in I vasi attici ed altre ceramiche coeve in Sicilia. Atti del convegno internazionale, Catania, Camarina, Gela, Vittoria, 1990, Catania, 1996 (CronA, 29-30, 1990), II, p. 181-189.

Vickers 2003 = M. Vickers, « … at Terranova one gets more for one’s money than at Rome » : Arthur and Margaret Evans in Gela, 1887-1896, in R. Panvini, F. Giudice (a cura di), Ta Attika. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia, Roma, 2003, p. 239-242.

Wachsmuth 1869 = C. Wachsmuth, Eine neue Inschrifttafel von Taormina, in RhM, n.s., 24, 1869, p. 451-473, 640.

Wilhelm 1909 = A. Wilhelm, Über die öffentliche Aufzeichnung von Urkunden, in Id., Beiträge zur griechischen Inschriftenkunde, Vienna, 1909 (Sonderschriften des Österreichischen Archäologischen Institutes in Wien, 7), p. 229-299.

Willers 1905 = H. Willers, Ein neuer Kämmereibericht aus Tauromenion, in RhM, n.s., 60, 1905, p. 321-360.

Wilson 2003 = R. J. A Wilson, A Group of Roman House-tombs at Tauromenium (Taormina), in G. M. Bacci, M. C. Martinelli (a cura di), Studi classici in onore di Luigi Bernabò Brea, Messina, 2003 (Quaderni del Museo archeologico regionale eoliano ‘Luigi Bernabò Brea’. Supplementi, 2), p. 247-274.

Haut de page

Annexe

Doc. 1 - Estratti dal Primo scritto archeologico postumo dell’Arcipr. R. Castorina – Relazione e descrizione dei contorni del sito ove furono ritrovate le quattro tavole marmoree coverte di carattere greco in Taormina, in Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 70, 1840, p. 69-91

[p. 69] È omai tempo aprire il libro delle antichità di Taormina, ed esporre al pubblico le sue glorie, che sepolte sono state nella oblivione de’ secoli. Il disordine, l’accidente, ed il capriccio degli uomini è stato la cagione, perché si sono poco fa trovate le quattro tavole di pietra, coperte di carattere greco.

Una mano benefica che li trasse dalla notte tenebrosa della terra, l’ha fatto giungere all’archeologico istituto di Roma. Que’ savî illuminati dallo scibile umano ne’ suoi bollettini ne hanno dato la spiegazione ; ma ne attendon le delucidazioni de’ contorni di quella campagna classica, che n’era depositaria di sì prezioso pegno, che gli antichi hanno tramandato ai loro figli, per emulare li loro antenati nella virtù, in cui erano occupati di far risplendere la patria.

Una persona, ch’era il suo pastore, avendo visitato quel solitario recesso, osservò nel 1833 un monumento ch’era stato scavato ; in tutto quatrilatero di larghezza, e lunghezza di palmi ventisei, di profondità palmi sei, coperta di mattoni sino alla superficie del suolo ; nell’interno l’edifizio trovavasi pieno di ciottoli, e calce. In un lato della base dell’edifizio passava un acquedotto, il di cui tubo avea dieci pollici di diametro, che unito alla sua intonacatura avea l’altezza d’un palmo.

Fatte maggiori diligenze vicino al monumento, ne comparvero altri due d’eguale forma, e di eguale grandezza, e tutti di eguale livello.

[p. 70] Si passò in seguito ad ispezionare i confini di quel terreno, al di sotto d’una valle trovossi bastante rottame di anticaglie, che poste ad un rigoroso esame si sono veduti capitelli, basi, e colonne di diversi marmi, ma tutti stritolati, per quanto non si ha potuto scoprire l’ordine di architettura, né iscrizioni, delle quali doveano essere fregiate.

Si pensò proprio di ricercare fabriche antiche, e ci siamo imbattuti ad una muraglia da circa 60 passi lunga, ed alta dieci palmi, sopra di essa un’altra fabrica, ch’era elevata in altri dieci palmi, che sostiene un altro spazio di terreno, che conduce alla strada presente, che serve di passaggio agli abitanti di Taormina ; diversi ruderi a fil da terra, che fanno resistenza all’aratro, chiamano la considerazione dell’antiquario. Alla base della descritta muraglia stavano cadute tre colonne, la prima di marmo cinecio (sic), che lo Scarpellino tradusse per marmo di Levante bardiglioso, priva di capitelli, e di base, non avea, che il solo busto, che misurata nella sua lunghezza si rinvenne di palmi dieciotto, ed il diametro d’un palmo, e sei pollici, scannellata in una sola parte sino al centro della sua altezza in linea verticale ; delle altre due non esistono, che pezzi di busto di variato colore, una di marmo pario, e l’altra di marmo bianco, intersecata di vene rosse. Da un tale apparecchio sembra, che la muraglia rappresentava una galleria, sostenuta da colonnate, atta a varî usi o di passeggiare, o di trattare gli affari, o che appartenenti erano al pubblico regime della città di Taormina, o che servivano di ornamento alli bagni, che appoggiati erano al ginnasio. La terra che tiene questi pregevoli materiali denominasi terra di bagnoli ; questa scoverta, e questo saggio fu eseguito nel dieci novembre del 1833.

Il Parroco di Taormina, che con tutta esattezza assistito da savie persone fece l’analisi la più scrupolosa delle riferite anticaglie, e qual commissionato [p. 71] del Governo130, incaricò al proprietario del fondo di sospendere i suoi lavori, ed attendere le disposizioni della suprema commissione di antichità, e belle arti. Nell’anno appresso del primo aprile 1834 dibelnuovo il Parroco volle visitare lo stesso giardino, e sorpreso di meraviglia, che sprezzati si erano li suoi ordini, rilevò il terreno sconvolto ; battuti li monumenti, ed invece comparvero nello scavo da circa a 60 grossi intagli di pietra calcarea : con pasienza fece voltare sossopra li medesimi se v’erano iscrizioni, e tra tanti ne ritrovò solo quattro tavole, coperte di greco carattere, e per salvarle da qualche naufragio l’ha fatto trasportare nella casa del signor duca di Caccamo131.

Il Signor Intendente di Messina alla nozione di sì preziosa scoverta ha pensato proprio di chiamarli a lui, ed arricchire il Museo di questa città. Ecco la fedele, e sincera relazione della scoverta.

Sarebbe inutile il sopra riferito lavoro, se non si descrivono i contorni, da cui la scoverta viene circondata, per vieppiù rischiarare le cose narrate, ed aggiungere luce alla interpetrazione del significato.

Io senza abbandonare il sito delle scoverte delle tavole, pensai sulle prime scender, al di sotto del recinto delle stesse, e rapidamente scorrendo per le boscaglie, mi portai sino al promontorio del mare. Qui vengo trattenuto da una grossa muraglia, rimiro il piano, e l’aquedotti, che nel piano scorrono, e non pochi ruderi, di cui la terra è seminata ; fanno pensare a coloro, che amano internarsi nelle cose antiche, che in questa terra v’era lo studio, che i pedotribi, l’agonoteta, ed il ginnasio imparavano a’ fanciulli […].

[p. 72] Al di sopra di questa borgata132 sorge una tomba133 un tempo visitata dai migliori antiquari, e dallo storico Fazello ; essi la descrivono vestita di marmo bianco, ma non trovarono epigrafe, ci hanno lasciato allo scuro dell’eroe, che conservava. […]

Oggi di questo sarcofago non esiste che un rimasuglio di rovine. […]

La natura vi contrapone all’edifizio dell’arte, la grotta di S. Leo […]. Questa grotta è adesso di nero fumo, e poco si vede delle pitture greche, delle quali fu un tempo abbellita, che è circondata di tombe di un ginnasio con un numero di altri monumenti. […]

[p. 73] Dalla grotta passo al quadrivio, e per accerto delle ricerche conviene orientarmi su di questo punto, una via conduce al Cemeterio, un’altra verso il Teatro, la terza al Ginnasio, la quarta all’Ippodromo, che termina col Foro agonale.

Ne’ funerali, ne’ giuochi atletici, scenici, e venatorî quant’abbondanza di popolo concorreva. Le colonne prima osservate non erano innalzate nel quadrivio, che per rappresentare le glorie, ed i trionfi de’ cittadini, che aveano speso la vita per l’onor della patria. Dalle colonne pendevano le palme, e le corone d’olivi per accendere l’eroismo. Le stesse presentavano la publica amministrazione dell’erario, i conti espressi, ch’erogavansi per lo sostegno de’ giuochi. Quest’era la terra consacrata per i funerali, perché le ceneri de’ guerrieri risorgessero col sonno de prodi. I publici bagni, che stabilirono i cittadini immersi in una vita deliziosa, erano una prova, che manifestavano il loro lusso, e la loro splendidezza. […]

Se venissero scavati i ruderi, che compariscono all’intorno del ridetto quadrivio, si vedrebbero le peculiari stanze addette alli bagni […].

[p. 74] Quello che poi deve recar meraviglia si è, che non distante dal terreno, in cui eran sepolte le tavole marmoree, venne disotterrata una tomba, che gran quantità di lacrimatori conteneva, e statuette di creta cotta, ed in queste quattro di pietra calcarea. […]

[p. 75] Le tavole marmoree trovaronsi in confuso, e separate una dall’altra in mezzo a tanti massi di pietra. Esse nella sua origine stabilite furono nel quadrivio per essere esposte al popolo, che componevano un pilastro iscritto di caratteri greci […]. Ma nella scoverta fatta, invece di rinvenirsi nel loro sito, si rinvennero rovesciati, ed in disordine. […]

[p. 76] Quanto più m’interno nell’esaminare lo scavo, altrettanto più importanti si rendono gli oggetti, che si scuoprono, la massima parte involati dalla mano avida di cose preziose antiche, per venderle all’estero, con questo mercimonio privare i Siciliani di que’ lumi, che ad essi appartengono per sapere le cose de’ loro avi, per ammirarli, imitarli, e per seguire il loro entusiasmo per la patria. Fu da me osservata una lapide marmorea ben lunga infranta in mille pezzi, che chiudea ossa, ma malgrado lo scavo da me adibito per vedere qualche iscrizione, non toccò a me la sorte di acquistare le lamine grosse di piombo, ed i tubi di piombo, che conducevano l’acqua nel lavacro, ma solamente ebbi lampade di lume eterno, che consegnai al custode per conservarla ; essa consisteva in un vaso fittile, che si accendea al defunto […].

Rimirai in quel contorno, ed in vicinanza un pezzo di muro di marmo, lungo di due palmi, che persona prevenuta d’amor di patria incastrò nel muro, che contiene la seguente iscrizione, sebbene rotta non presenta il nome del soggetto, ma l’onore, e la dignità di console e di padre della patria, COSS III P : P : […]

[p. 78] Le nostre tavole di pietra scritte di caratteri greci sono state rinvenute in luogo di publici bagni, come abbiamo osservato. La terra che possedevale è piena di tubbi, che apportavano dell’acqua […].

[p. 81] Al sito ove giaceano le tavole è attaccato un bel piano, che chiamasi il piano della Cocola […].

[p. 90] Da tutto quanto si ha premesso, si può riassumere, che le quattro tavole rivestite di greco carattere da me scoperte in quel sito degli bagni, si deve statuire, ch’era il sito centrale della celebre città di Taormina. […]

Doc. 2.1 - Lettera di Carmelo La Farina a Christian von Bunsen134 (Messina, 8 novembre 1832)135

Eccell(entissi)mo Sig(no)r Cavaliere Bunsen

Segretario Gen(era)le dell’Instituto di

corrispondenza Archeologica in

Roma

Messina gli Otto Novembre 1832.

Gratissimo allo speciale onore, che cotesto ragguardevole, ed insigne Instituto si è degnato impartirmi, annoverandomi fra’ suoi soci ordinari, e di cui Ella ebbe la compiacenza darmene partecipazione con pregiato foglio del 29 Settembre ultimo, sento tutto il peso di esternarle la mia doverosa riconoscenza per l’accordatami distinzione, tantoppiù conoscendo pur troppo la propria insufficienza a meritarla. Non pertanto confidato nella benignità d’animo dei nobili colleghi, mi rendo animoso presentarle i miei veraci ringraziamenti, che la prego di far gradire all’inclito Instituto, assicurandolo nel tempo stesso, che non ometterò impegnarmi per quanto le mie deboli forze il permettono / di corrispondere alle sue saggissime vedute, e di cui Ella ne è meritevolissimamente l’organo.

La supplico intanto di accogliere gl’invariabili sentimenti del mio rispetto, e della distinta considerazione, colla quale mi do l’onore segnarmi

Umiliss(im)o Div(otissim)o Obbl(igatissi)mo Serv(itor)e vero

Carmelo laFarina

Doc. 2.2 - Lettera di Carmelo La Farina a Eduard Gerhard136 (Messina, 31 gennaio 1835)137

reale accademia

de’ peloritani

segretariato generale

Num. d’Ordine

oggetto138

Messina 31 Genn(ai)o 1835.

Al Chiarissimo Signore

S(igno)r Profes(sor)e Od(oardo) Gerhard

Segretario dell’Instituto

Archeologico

Roma139

Pregiatiss(im)o ed ornatiss(im)o Signore

Pel quinto rapporto da Lei presentato al nostro Instituto140 di cui si compiacque Ella rimetterne un esemplare a questa Accademia, è mio debito renderle in nome della medesima i più distinti, e sinceri ringraziamenti, nel tempo stesso che la prego a volerla spesso onorare del bene delle di Lei dotte fattighe.

Le lapidi taorminesi, di cui Ella mi parla, che furo/no lo scorso anno discoperte accanto a quel Teatro esistono oggi in questo Museo Peloritano, alle mie cure affidato ; ma sono scritte in un carattere cosi picciolo, e tante guaste in alcune parti, che debbo assicurarla, che mi hanno reso difficile per non dire impossibile il trascriverle, per cui avrei desiderato, che qualche valoroso grecista, di cui abbonda il nostro Instituto si fosse qui conferito per fattigarvi sulle originali.

Non è fuor di proposito / intanto il credere, che le divisate iscrizioni fossero di qualche rilievo, occupando quattro lapidi, dell’estensione presso a poco di palmi 3 p(er) 2 ciascheduna, e che contengono moltissima scrittura attesi i caratteri microscopici in cui sono espresse.

Mi creda intanto prontissimo ad ogni di Lei pregiato comando, ed a quanto potrà ridondare in onore, e decoro del nostro prelodato Instituto.

Il Segretario Generale

Carmelo laFarina

Doc. 2.3 - Lettera di Carmelo La Farina all’Instituto di corrispondenza archeologica (Messina, 13 maggio 1835)141

Messina li 13 Maggio 1835.

Allo Illustre Instituto di Corrispondenza

Archeologica in Roma

Chiarissimi Sig(no)ri

Avendo testé pubblicato alcune mie lettere intorno le belle arti, e gli artisti fioriti in Messina142, che servono di correzione alle memorie de’ pittori messinesi a piè di pagina trascritte nell’ultima edizione della Storia Pittorica del Lanzi143, è mio debito trasmetterne quattro copie a codesto dotto Instituto, pregandolo a compartirmi i suoi lumi, de’ quali farò tesoro nel proseguire la seconda parte del mio lavoro.

In questa occasione mi dò ad’onore, porgendo riscontro al di loro pregiato foglio del 29 Marzo, palesare, che una mia gita di recente fatta in Catania, ed in Taormina, da dove non sono che da due giorni ritornato, mi ha fatto attrassare finora l’esecuzione de’ fac-simile delle lapidi taorminesi, ma al più presto darò principio a questa delicata commissione, venendomi fatte le uguali premure dalla Commissione di Antichità, e belle Arti re/sidente in Palermo.

Non ho avuto tuttora il bene di parlare col Sig(nor) Kilian144 per lo mano-scritto, di cui le S(ignorie) L(oro) mi tengono parola ; posso bensì assicurarle che lo stesso non esiste affatto in questo Monastero del Salvadore de’ Greci, dovendo attribuirsi la notizia ad errore di qualche viaggiatore ; mentre i libri che con note marginali si veggono nella biblioteca, sono libri corali monastici, non avendo nulla che fare col mano-scritto del Pindaro ; come potrà meglio accertare l’Instituto cod(est)o chiarissimo Monsignor Mai145, che l’anno scorso visitò la biblioteca anziddetta.

E qui assicurandole del mio deciso impegno di poter in menoma parte corrispondere a’ progressi della Scienza, che sì lodevolmente occupa l’Instituto, con verace stima e rispetto mi dichiaro

Div(otissim)o Obbl(igatissi)mo Servo vero

Carmelo laFarina

Doc. 2.4 - Lettera di Carmelo La Farina a Emil Braun146 (Messina, 31 ottobre 1835)147

Messina li 31 Ott(obr)e 1835

Sig(no)r D(otto)r Braun

Pregiatiss(im)o Sig(no)re

I fac-simile in gesso delle iscrizioni taorminesi sono già pronti alla spedizione per codesta riposti in una cassettina e ben condizionati. La mancanza d’imbarcazione per Roma mi ha fatto comparire manchevole presso il nostro Istituto, e presso lei che con tanto impegno mi ha comandato. E poiche sento che dal porto di Milazzo fra giorni va a partire una barca per cod(est)a, io vado a spedire la cassettina in quella città. Le sia ciò di avviso.

La ringrazio della gentile accoglienza fatta alle mie lettere artistiche148, e non posso non considerare come particolare effetto della di lei bontà la premura che vuol darsi di farne parlare in qualche giornale d’Italia. Potendo cio avverarsi senza particolar di lei disturbo amarei di essere in possesso di alcuno de’ detti giornali.

Accolga intanto i veraci sentimenti del mio rispetto, e mi creda

di Lei

Div(otissim)o Obbl(igatissi)mo Servo

Carmelo laFarina

Doc. 3 - Lettera di Albert Martin a Domenico Comparetti (Roma, 20 aprile 1881)149

Rome 20 Avril 1881

Palais Farnèse

Monsieur

Je vous envoie un exemplaire tiré à part d’un travail sur une inscription grecque inédite, publié dans le nouveau recueil que l’École Française de Rome est en train de fonder sous le titre de : Mélanges d’Archéologie et d’Histoire. Cette inscription est de Tauromenion, elle était signalée depuis quelque temps ; un de mes collègues, M. Lafaye, faisant une excursion en Sicile prit un estampage d’après lequel il donna une transcription. J’ai revu son travail en faisant quelques rectifications.

Je ne sais si l’explication que j’ai donnée du titre vous satisfera150. Ce qui m’inquiète un peu c’est que je ne trouve guère dans l’antiquité d’autre exemple d’un pareil roulement dans les fonctions publiques. Le plus important c’est le passage de la Politique d’Aristote151 indiquant qu’il y avait aussi à Thurium des stratèges élus pour cinq ans et le rapport indiqué entre les fonctions des stratèges et celles des gymnasiarques. Je souhaite, Monsieur, que ce petit travail ne vous paraisse pas trop insuffisant.

Vous avez publié vous-même une inscription inédite de Tauromenion152 et tout le monde sait avec quelle compétence. Serait-ce trop vous importuner que de vous demander de nous dire ce que vous pensez de notre travail ? Vous devez comprendre l’importance que nous attachons à savoir l’opinion d’un maitre tel que vous.

Agréez, Monsieur, l’expression de mes sentiments les plus respectueux

Albert Martin

Albert Martin, membre de l’École Française de Rome

Palais Farnèse

Doc. 4 - R.D.L. 528 del 18 febbraio 1923. Regio decreto-legge 18 febbraio 1923, n. 528, che autorizza la Cassa depositi e prestiti a concedere al comune di Taormina mutui per la esecuzione di opere di miglioramento in quella città (Gazzetta Ufficiale, 71, 26 marzo 1923, p. 2505-2507)

Vittorio Emanuele III

per grazia di Dio e per volontà della Nazione

Re d’Italia

Ritenuta la necessità di porre la città di Taormina in grado di eseguire talune opere di miglioramento che le occorrono per poter mettere maggiormente in valore le proprie bellezze naturali ed artistiche e per creare le condizioni di ambiente atte a rendere sempre più intenso il movimento turistico, di cui esso è meta ;

Udito il Consiglio dei Ministri ;

Sulla proposta del Nostro ministro segretario di Stato per le finanze153, di concerto col presidente del Consiglio dei ministri, Ministro dell’interno154, e coi Ministri dell’istruzione155 e dei lavori pubblici156 ;

Abbiamo decretato e decretiamo  :

Art. 1.

La Cassa depositi e prestiti è autorizzata a concedere al comune di Taormina uno o più mutui non eccedenti complessivamente la somma di L. 300.000 al tasso ordinario d’interesse, estinguibili nel periodo di 50 anni per la esecuzione di opere di miglioramento della città.

Tali opere sono  :

1° l’espropriazione del giardino Trevelyan, meglio specificato nell’allegato prospetto catastale, che s’intende parte integrante del presente decreto, con tutto quanto ad esso pertiene, e il suo adattamento ad uso pubblico ;

[…]

Allegato

Art. 2888 del catasto del comune di Taormina sotto il nome di : Cacciola prof. Salvatore fu Salvatore, usufruttuario, e Colverby Trevelyan Roberto di Giorgio, proprietario ;

1° Fondo Bagnoli, […] pervenuto da Ragusa G. Battista fu Paolo, per atto di compra 17 maggio 1890, per notar Famà157 ;

2° Fondo Prima Croce, […] pervenuto da Siragò Gaetano fu Carmelo, per atto di compra 16 maggio 1890, rogato Famà158 ;

3° Fondo San Leo e Bagnoli, […] pervenuto da Cingari Pancrazio fu Rosario, per atto di compra 13 marzo 1893, rogato Famà159 ;

4° Metà del fondo Prima Croce, […] pervenuto da Lo Re Rosaria fu Salvatore, per atto 2 dicembre 1893, rogato Famà160 ;

5° Altra metà del fondo Prima Croce, […] pervenuto da Cingari Salvatore e Santa fu Giuseppe per atto di compra 13 marzo 1893, rogato Famà161.

Detti beni comprati dalla signora Trevelyan Florence fu Edoardo Spencer, morta in Taormina il 3 ottobre 1907 sono pervenuti agli attuali possessori in virtù del testamento 26 marzo 1906 e codicillo 6 aprile 1906 pubblicato presso notar Cacciola da Taormina il 17 ottobre 1907, che destina anche allo stabile alcuni beni mobili in essi elencati.

Prospetto sinottico

Iscrizione

Luogo e anno di rinvenimento

1

IG XIV 421 (iscrizione degli Strateghi)

Fondo Bagnoli, propr. Ragusa, circa 1864

2

IG XIV 422 (iscrizione dei Ginnasiarchi)

Chiesa di San Pietro, 1727

3

IG XIV 423

Bagnoli, 1834

4

IG XIV 424

Bagnoli, 1834

5

IG XIV 425

Bagnoli, propr. Ragusa (?), circa 1864

6

IG XIV 426

Bagnoli, propr. Ragusa (?), circa 1864

7

IG XIV 427

Luogo imprecisato, 1867

8

IG XIV 428

Luogo imprecisato, ante 1867

9

IG XIV 429

Bagnoli, 1834

10

IG XIV 430

Bagnoli, 1834

11

G. Rizzo 1899 – Willers 1905

Bagnoli, propr. Cacciola, 1892

12

Manganaro 1964, p. 43

Taormina, terme romane, 1964

13

Manganaro 1964, p. 53

Bagnoli, propr. Cacciola, ante 1911

14

Manganaro 1988, p. 156, fig. 1

Luogo imprecisato, ante 1807

15

Manganaro 1988, p. 157, fig. 2

Luogo imprecisato, ante 1807

Le iscrizioni sono conservate tutte nell’Antiquarium del Teatro antico di Taormina, ad eccezione di IG XIV 427 (Museo Archeologico Regionale « A. Salinas » di Palermo), e IG XIV 428 (collocazione attuale sconosciuta).

Haut de page

Notes

1 Archivio di Stato di Torino, Carte topografiche segrete, 28.(D).V rosso (fig. 2).

2 In BCP, ms. Qq H 272, p. 113, in un testo databile verso la metà del XVIII, il toponimo appare già comune e, non conoscendone l’origine, lo si riconnette a rovine interpretate come bagni (v. infra).

3 Per l’elenco dei fondi, utile per ricostruire l’aspetto dell’area prima della sua trasformazione in parco, si veda il doc. 4 con relativo apparato critico.

4 Su F. Trevelyan (1852-1907) e S. Cacciola (m. 1926), v. almeno Roccuzzo 1995, p. 68-71 e Papale 1997. Gaetano Rizzo dedica una sua pubblicazione « Ai coniugi Dott. Salvatore Cacciola e Flourence (sic) Trevelyan in pegno di stima e di gratitudine » (G. Rizzo 1893b). Un monumento a Florence Trevelyan è stato eretto nel Giardino pubblico dal Rotary di Taormina sotto la presidenza di Dionisio Triscari nel 1976. Nell’area di Naxos, Cacciola è proprietario di terreni da cui provengono reperti archeologici in parte consegnati allo Stato (v. soprattutto Pelagatti 1984-1985, p. 272, 280-286, 300) ; per i suoi rapporti con Orsi, v. infra.

5 Alla morte di Cacciola (1926), i suoi beni sono ereditati dall’avv. Cesare Acrosso (1898-1990) e da lui passano, in linea femminile, alla famiglia Papale.

6 Arthur J. Evans cura la pubblicazione del IV e ultimo tomo di The History of Sicily from the Earliest Times, Oxford, 1894, di suo suocero Edward A. Freeman, morto nel 1892. Alle p. 110-111, Freeman scrive : « The ancient wall must have taken in that eastern hill of many points and summits, in a sinking of which a site was found for the famous theatre […]. This is the height which men climb to see the sunrise of the Sicilian spring, or to look on Ætna either sleeping peacefully under his mantle of snow, or threatening again to pour down the streams which hide the soil of Naxos » ; in una nota, il cui rimando è inserito dopo la parola « spring », Evans precisa : « These words are unfortunately no longer true. This, with others of the most interesting and beautiful sites of Taormina, has passed into the possession of an English proprietress, who has barred the access and warned off the civilized portion of mankind in four languages ». Da notare la coincidenza dei tempi : la Trevelyan compie la maggior parte degli acquisti nel 1890-1893 (doc. 4), Freeman è in Sicilia ante 1892, Evans pubblica il IV tomo nel 1894. Per i legami di Evans, più tardi celebre per le sue ricerche cretesi, con Taormina, v. Pelagatti 1999, p. 5-6 e, per i suoi rapporti con la Sicilia in generale, v. anche Vickers 1983 ; Id. 1996 ; Id. 2003.

7 L’espropriazione è decisa con il Regio Decreto Legge 528 del 18 febbraio 1923 (doc. 4). Sebbene non sia tra i firmatari, un ruolo importante nell’emanazione del decreto è svolto da Giovanni Antonio Colonna duca di Cesarò (1878-1940), ministro delle Poste e Telegrafi, come testimonia la lapide collocata, a sinistra di chi entra, sul pilastro del cancello principale : « Parco G. Colonna | duca di Cesarò | l’uomo politico | che con decreto legge | 18 2 1923 n. 528 | l’acquisì al demanio comunale ». Secondo Papale 1997, p. 105, l’intervento del Colonna di Cesarò sarebbe stato sollecitato dall’avv. Cesare Acrosso, erede di Salvatore Cacciola.

8 La proprietà Bambara è indicata da G. Rizzo 1893a, p. 41 e Id. 1905, p. 121 come limite Est del piano di Bagnoli ; tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento i proprietari sono Salvatore Bambara e poi i suoi figli, tra i quali Giuseppe, Vincenzo e Pancrazia.

9 Si tratta, da Ovest verso Est, degli alberghi Diodoro (poi radicalmente trasformato), Belvedere, Beau Séjour (poi Bel Soggiorno), costruiti nei primi decenni del XX secolo e tuttora proprietà di discendenti dei fratelli Bambara, rispettivamente le famiglie De Luca Bambara (discendenti di Giuseppe), Pecaut Bambara (discendenti di Vincenzo) e Capuana (discendenti di Pancrazia, 1855-1911) ; l’attuale discontinuità del Bel Soggiorno rispetto agli altri due alberghi è dovuta al fatto che una parte della proprietà Bambara è stata venduta per la realizzazione di Villa Rocca Bella. Una nitida descrizione del piano di Bagnoli è offerta da G. Rizzo 1893a, p. 41 : « Al sud-est di Tauromenio nella vallata del teatro si allarga un bellissimo piano, intersecato da una via chiamata – Prima croce – che da una estremità della città conduce alla via provinciale (attuale via L. Pirandello) e al Belvedere (o Guardiola, all’incrocio tra via L. Pirandello e via Guardiola Vecchia). Il piano si estende dalle prime catapecchie di Lemura (o Le Mura) al sud della città sino alla proprietà dei Sigg. Bambàra (è appunto l’area oggi occupata dagli Hôtel Diodoro, Belvedere, Bel Soggiorno). La prima parte del piano è coltivata a vigna ed è detta anche Prima croce, un altro tratto è detto Bagnòli, ed è terreno libero di proprietà del Dott. Salvatore Cacciola, l’ultimo tratto è posseduto dai Bambàra. La parte superiore, a sinistra di questo piano, per chi scende dalla città, è posseduta dai Sigg. Stracuzzi, Armòne, Pagano, Cacciola. Il piano nella parte inferiore è uguale, limitato solo da profondi burroni ». Nella più sintetica descrizione in G. Rizzo 1905, p. 121, le uniche differenze significative riguardano il nome della via che attraversa il piano (non più « Prima croce » ma « Bagnoli-Croci ») e la trasformazione subita dal pianoro per volere della Trevelyan (« oggi il piano è stato trasformato in una deliziosa villa e parchetto all’uso inglese »).

10 Date le finalità di questo lavoro, si indica, per ciascuna epigrafe, solo la bibliografia essenziale, con particolare riferimento alle prime edizioni e limitandosi, per il resto, quasi esclusivamente ai principali corpora, rimandando, in generale, soprattutto a Manganaro 1988 e Fantasia 1999. Per la storia delle ricerche sia consentito anche il rinvio a Muscolino c.d.s. 1.

11 Sulle quattro iscrizioni scoperte nel 1834, v. almeno :

  • Franz 1838, n° I ; Id. 1840, p. 221, n° 87 ; CIG III 5640, n° I ; IG XIV 423 ; SGDI III.2 5221 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 105, n° 12 ; SIG III 954 ; Fantasia 1999, n° 9 ;

  • Franz 1838, n° II ; CIG III 5640, n° II ; IG XIV 424 ; SGDI III.2 5222 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 102, n° 11 ; Fantasia 1999, n° 8 ;

  • Franz 1838, n° III ; CIG III 5640, n° III ; IG XIV 429 ; SGDI III.2 5227 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 98, n° 10 ; Fantasia 1999, n° 7 ;

  • Franz 1838, n° IV ; CIG III 5640, n° IV ; IG XIV 430 ; SGDI III.2 5228 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 92, n° 8 ; Fantasia 1999, n° 5.

12 Castorina 1840b (doc. 1).

13 Rosario Castorina muore il 21 gennaio 1839, ætatis suae sexaginta quatuor annoru(m) circiter (Taormina, Archivio Parrocchiale, Liber defunctorum III (1820-1869) della Matrice, p. 49v). Un suo ritratto (fig. 7) è nella sagrestia del Duomo di Taormina, con la seguente didascalia : Rosarius Castorina Taurominitanae ecclesiæ archipresbyter, archiepiscopalis Messa|nensis ecclesiæ sinodalis examinator, omni scientia perfectus, vixit in archipresbyteratu | annos viginti septem vigesima die januarii millesimo octingentesimo <tricesimo> nono, ætatis vero suæ sexa|gesimo quarto, magno luctu, maximisque suorum laudibus celebratus, obiit.

14 Di Giovanni - Grima 1870, p. 256-257.

15 Si veda, oltre a quanto dice Castorina 1840b, p. 70-71 (« commissionato del Governo »), anche Lo Iacono, Marconi 1999, p. 99 (nel 1838 si registra un pagamento « ai Corrispondenti di detta Commissione in Taormina, che sono il Sindaco, e l’Arciprete Don Rosario Castorina ») ; Castorina, inoltre, firma con gli altri membri locali della Commissione (i sindaci pro tempore e il segretario Vincenzo Gaetano Atenasio) i certificati di servizio di Francesco Strazzeri, « custode delle antichità » di Taormina, per gli anni 1836-1838 ; il certificato del 2 gennaio 1839 è firmato da un sostituto, « per l’arciprete impedito » (ASP, Ministero Luogotenenziale. Interno, busta 4248).

16 Gli scritti di Castorina, in gran parte pubblicati postumi, sono : Castorina 1838 ; Id. 1840a ; Id. 1840b ; Id. 1840c ; Id. 1840d ; Id. 1840e ; Id. 1840f ; Id. 1840g ; Id. 1840h. Narbone 1850-1855, I, p. 232, Id. 1852, p. 174, e Mira 1875-1881, I, p. 202 attribuiscono a Castorina anche quattro memorie sulle antichità di Taormina che sarebbero state pubblicate a Napoli nel 1822 ma che, finora, non è stato possibile rintracciare. Nella Biblioteca Comunale di Palermo si conservano lettere di Castorina a Gaspare Rossi (25 luglio 1826, BCP, ms. 2 Qq G 109, n° 30) e ad Agostino Gallo (28 maggio e 24 giugno 1832, BCP, ms. 5 Qq D 72, n° 57, 1-2 ; quest’ultima è edita in Castorina 1840g).

17 Per questo e per tutti gli altri passi di Castorina 1840b si rimanda a doc. 1.

18 Già E. Braun in BdI, 1836, p. 6-7 e Franz 1838, p. 65, collocano il rinvenimento nel 1833 ; tale data è ripresa, ovviamente, in tutta la letteratura scientifica successiva. La Farina, invece, scrivendo a Gerhard nel 1835 (doc. 2.2), afferma che « le lapidi taorminesi […] furono lo scorso anno discoperte ».

19 Antonino De Spucches (1797-1868), duca di Santo Stefano, principe di Galati e duca di Caccamo.

20 Mi riprometto di dedicare uno studio all’attività collezionistica del Duca ; v., intanto, Muscolino 2011a, p. 161-174.

21 Studioso dai molteplici interessi, è autore di vari scritti, tra i quali : C. La Farina 1822 ; Id. 1829 ; Id. 1832 ; Id. 1835 ; Id. 1836 ; Id. 1844.

22 In BdI, 1832, p. 174, tra gli « Avvisi dell’Instituto », si comunica che è ascritto tra i membri ordinari « Carmelo la Farina, segretario generale della reale accademia in Messina ». La sua lettera di ringraziamento è trascritta infra (doc. 2.1). Il suo nome compare in vari altri elenchi di soci dell’Instituto : v., ad esempio, gli elenchi del 1859, 1860, 1861, 1862, 1863 (l’altro membro dell’Instituto a Messina è F. Pogwisch), del 1864 (con F. Pogwisch e G. Schubring). Mommsen 1846, p. 151-152 cita « il nostro ch. socio professore Carmelo La Farina benemerito e delle patrie antichità e del nostro Instituto ».

23 E. Braun in BdI, 1836, p. 6-7, tra le « notizie compendiate » : « Furono scoperte nell’anno 1833 (l’epoca determinata peranche non ci è nota) nei dintorni di Taormina quattro tavole di marmo coperte di greci caratteri, le quali non furono diciferate da alcuno per quanto si sappia fin a questo tempo. Alla gentilezza straordinaria del nostro collega sig. Carmelo la Farina dobbiamo i gessi di tutte le quattro tavole, e però già si è potuto trarne copia esatta ed analoga spiegazione. Il sig. dott. Franz, il quale si è preso il carico di darne più ritagliato conto negli Annali nostri, ce ne ha comunicati i seguenti cenni preliminari. Dando per ora questo cenno preliminare a nostri dotti lettori, facciamo conto pel resto sopra le gentili premure del lodato nostro collega sig. Carmelo la Farina, il quale si compiacerà di favorirci le particolari notizie intorno il ritrovamento di questi importanti monumenti, intorno il sito ove furono essi scoperti ed intorno tutto quello ch’è uopo sapere in simili circostanze ».

24 Franz 1838.

25 BdI, 1840, p. 185-186 : « Avendo sospeso da qualche tempo di annunziare ai nostri lettori i partecipanti nuovamente aggiunti al nostro Instituto, riuniremo qui appresso i nomi di tutti quelli, da’ quali ebbe nuovo lustro sin dallo Elenco stampato nel 1836 […] per Taormina il sig. Rosario Castorina », che però era morto nel 1839. A Castorina, come anche a La Farina, si adattano bene le parole con cui Blanck 2007, p. 5, tratteggia la figura « tipica » del socio corrispondente dell’Instituto in quegli anni : « fra i soci corrispondenti troviamo molti eruditi locali, ecclesiastici e laici, i cosiddetti appassionati alle patrie antichità, che fornivano informazioni sulle novità archeologiche della loro zona. D’altro lato, per questi personaggi, spesso non liberi da certa vanità personale, essere membri dell’Instituto di corrispondenza archeologica significò un aumento di prestigio a livello locale ». Castorina è anche socio corrispondente dell’Accademia degli Zelanti di Acireale (elenco in appendice a Calì Sardo 1836).

26 G. La Farina 1840, p. 75, descrivendo il Museo dell’Università, cita le quattro epigrafi, riportando, quasi per intero, la notizia data da E. Braun in BdI, 1836, p. 6-7 (v. supra). Secondo P. Rizzo 1928, p. 71-72, i « quattro marmi » prima del terremoto del 1908 « si conservavano murati nel museo universitario di Messina nella parete esterna della prima sala » (stessa notizia in G. Rizzo 1901a, p. 2), « attaccati alla parete di fronte all’entrata » (G. Rizzo 1904, p. 108).

27 IG XIV 427 ; SGDI III.2 5225 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 88, n° 7 ; Manni Piraino 1973, p. 147-155, tav. 67-70 ; Fantasia 1999, n° 4 ; Brugnone 2008.

28 E. Bormann in IG XIV, p. 104 ; il custode era Francesco Strazzeri (G. Rizzo 1901a, p. 2 ; Id. 1904, p. 108 ; P. Rizzo 1928, p. 72).

29 Su F. S. Cavallari (1810-1896), v. Cianciolo Cosentino 2007.

30 Palermo, Museo Archeologico Regionale « A. Salinas », N.I. 8733 (inv. 25).

31 Come sembra dedurre Manni Piraino 1973, p. 147-148 : « mostrata al Benndorf nel 1867 tra le pietre del muro di recinzione di un orto di Taormina, ma proveniente, con ogni probabilità, dal teatro greco della città così come ebbe ad assicurare il custode dello stesso allo studioso tedesco ».

32 Varie volte, infatti, il custode è citato come fonte di notizie, per esempio da Lafaye riguardo alla provenienza da Bagnoli dell’iscrizione degli Strateghi (v. infra) e da Bormann 1868, p. 171, a proposito di un’epigrafe (IG XIV 444) rinvenuta « sotto il teatro nella strada sepolcrale ».

33 G. Rizzo 1904, p. 108.

34 Camarda 1869 (poi Id. 1873a, p. 30-47). L’articolo è datato, in calce, « Palermo, a’ 20 gennaro 1869 » ed è edito nel febbraio 1869 ; l’apografo è opera di Salvatore Di Giovanni. Su questa iscrizione, v. anche Camarda 1873b. Su N. Camarda (1807-1884), di Piana degli Albanesi, sacerdote di rito greco-bizantino, professore di lingua e letteratura greca all’Università di Palermo, v. Mira 1875-1881, I, p. 159-160. Camarda dedica anche una serie di studi all’epigramma greco del Serapeion di Taormina (IG XIV 433) : Camarda 1862a ; Id. 1862b ; Id. 1862c ; Id. 1863.

35 Wachsmuth 1869. C. Wachsmuth (1837-1905) è professore di storia antica a Marburg e di filologia classica a Göttingen. L’articolo di Camarda gli è noto tramite un Hartwig, forse Otto Hartwig (1830-1903), già pastore della comunità evangelica di Messina e autore di vari studi di storia siciliana (R. Leppla in NDB, VIII, Berlino, 1969, p. 15).

36 Comparetti 1869. Gli autografi di questo articolo in italiano e nella versione in tedesco (« Pisa April 1869 ») che sarà poi edita sono in BUF, fondo Comparetti, scatola 15, cc. 82-84 e cc. 85-88. Su D. Comparetti (1835-1927), v. almeno G. Pugliese Carratelli in DBI, XXVII, Roma, 1982, p. 672-678 ; Macconi - Squilloni - Pintaudi 1997 ; Cerasuolo 2003.

37 In IG XIV, p. 104, Bormann scrive : Descripsimus Kaibel ex lapide, ego ex ectypo adhibito etiam apographo Kaibelii.

38 IG XIV 421, SGDI III.2 5219 ; v. anche la bibliografia citata infra.

39 Lafaye 1881, p. 1 : « Suivant le gardien, elle aurait été trouvée vers 1864 sur la plus élevée des terrasses qui s’étagent au Sud entre Taormina et la mer, dans un champ appelé Fondo Bagnoli, et appartenant aujourd’hui à M. Giovanni Ragusa » ; G. Rizzo 1893a, p. 43, n. 1 : « In questo piano (di Bagnoli) […] fu scoperto il marmo degli strategi nel 1864 » ; Id. 1893b, p. 5 : « Questo pilastro marmoreo fu scoperto nel 1864 in una bella spianata a guisa di terrazzo, al sud-est del teatro, in un campo detto i Bagnòli, ora appartenente al Dott. Salvatore Cacciola » ; Id. 1904, p. 107 : « Fu scoperta nel 1864 nella contrada Bagnoli-Croci ».

40 Su E. Bormann (1842-1917), v. almeno A. Betz, in NDB, II, Berlino, 1955, p. 465 ; dopo la laurea a Berlino soggiorna in Italia dal 1865 al 1869 per svolgere ricerche epigrafiche ; dal 1870 è docente al Gymnasium zum Grauen Kloster di Berlino e nel 1881 diventa professore di storia antica e filologia classica a Marburg. Bormann partecipa con una dissertazione sulla metrologia tauromenitana alle Commentationes per il sessantesimo compleanno di Mommsen (Bormann 1877).

41 Su R. Schöne (1840-1922), v. almeno G. Platz-Horster, in NDB, XXIII, Berlino, 2007, p. 403-404.

42 Si veda quanto dice lo stesso Bormann 1881, p. 4 : Exemplum autem, quod ex ipso lapide Schoene et ego eruimus, postea compluribus ectypis strenue collatis quantum potui stabilivi, nonnullos locos, quibus mihi de lectione non constabat, diligenter contulit Ioannes Schmidt amicus. Una copia di questa iscrizione è approntata anche per conto della Commissione di antichità e belle arti, come si ricava dal verbale del 15 febbraio 1867 : « Si dà lettura di un altro rapporto del medesimo Direttore del Museo, che propone una retribuzione di lire 120 al Custode di Taormina per una copia esattissima della grande iscrizione rinvenuta in quella località. La Commissione approva, riducendo la somma a lire 100 » (Marconi 2004, p. 42). In effetti, potrebbe anche trattarsi di IG XIV 425, 426 o 427, scoperte in quegli anni, ma la 427 è rinvenuta proprio nel 1867, difficilmente prima di febbraio, ed è dunque da escludere, mentre la definizione « grande iscrizione » si adatta molto meglio all’iscrizione degli Strateghi piuttosto che a 425 o 426.

43 BdI, 1869, p. 71 : « Bormann riferì intorno alla ricca raccolta di documenti pubblici della greca colonia di Taormina, venuti alla luce negli ultimi anni, e di cui egli stesso col sig. prof. Schoene hanno riportato apografi e calchi. Consistono in elenchi di strategi, ed in conti di diversi magistrati ».

44 Su G. Lafaye (1854-1927), membro dell’École française de Rome dal 1878 al 1880, professore ad Aix, v. Motte 1982, p. 449, n. 249 ; Gras 2010, p. 105, n. 13.

45 Nota di Egger letta durante la seduta del 16 luglio 1880 dell’Académie des inscriptions et belles lettres, in CRAI 1880, s. IV, 8, 1881, p. 223 : « M. Hauréau donne, pour M. Egger, lecture de la note ci-après : ‘M. J. Adert, savant genevois, m’avait informé, il y a quelques mois, d’une observation faite par lui dans le petit musée de Taormini (sic) (l’ancienne Tauromenium, en Sicile). Il y avait remarqué une inscription grecque qu’il avait lieu de croire inédite, mais dont il lui avait été impossible de prendre, soit une copie, soit une empreinte. Je fis part, dit M. Egger, de cette observation à M. Geffroy, directeur de notre École française de Rome, qui avait déjà chargé M. George Lafaye, membre de cette même École, de copier cette inscription. M. George Lafaye, averti de nouveau, s’est empressé de profiter de cette double indication. En revenant à Rome, il y rapportait la copie et les empreintes de l’inscription dont il s’agit. Toutes les recherches qu’il a pu faire l’autorisant à croire qu’elle n’a été publiée, ni à part ni dans aucun des recueils scientifiques de l’Italie, de l’Allemagne ou de la France, il s’est mis à l’œuvre pour en procurer la publication. Telle est donc la matière du petit mémoire que je dépose aujourd’hui sur le bureau de l’Académie pour qu’un de nos confrères puisse en donner lecture, et, en tout cas, pour que le travail prenne date authentique par une mention au procès-verbal’ ». Anche Martin 1881b, p. 389, riconosce il contributo di Adert : « Nous saisissons l’occasion de remercier M. Adert, directeur du Journal général de Genève, ancien élève de l’École normale supérieure, auteur d’une étude sur Théocrite qui n’est pas oubliée. M. Adert avait remarquée, pendant un voyage en Sicile, la pierre de Tauromenion ; il en avait distingué l’importance ; il a été des premiers, ou le premier, à nous la signaler : l’École française de Rome lui est très reconnaissante »). Su A. Geffroy v., da ultimo, Gras 2010, p. 77-111, 476-477.

46 Lettera di Geffroy a Dumont, gennaio 1881, in Motte 1982, p. 435 : « Nous aurons pour le premier fascicule la très intéressante inscription grecque de Taormina que vous m’avez signalée le premier en me transmettant une lettre qui la mentionnait ». Su A. Dumont v., da ultimo, Gras 2010, p. 9-36, 475-476.

47 Lafaye 1881.

48 Sul primo numero dei Mélanges, v. Motte 1982 ; Bérard - Di Vita-Evrard - Chausson 1997, in particolare le p. 4-5 dell’Avant-propos di C. Nicolet e i résumés dei tre articoli di Lafaye e Martin (p. 15-16, nn. 1-2, 5) ; Gras 2010, p. 104-106. L’inizio della pubblicazione dei Mélanges è annunziato in BdI, 1881, p. 80, da A. Geffroy che, presentando il contenuto dei primi due fascicoli, menziona « une grande inscription grecque de Taormine, probablement inédite ».

49 Martin 1881a. G. Rizzo 1893b, p. 6, n. 4, ringrazia Geffroy per avergli inviato, su sua richiesta, « la dissertazione di quei dotti francesi » ; della lettera di Comparetti e della risposta di Martin, invece, viene a conoscenza solo quando il suo lavoro è già licenziato per la stampa, come precisa in una nota aggiunta alla fine del testo (ibidem, p. 45, n. 1). Su A. Martin (1844-1912), membro dell’École française de Rome dal 1879 al 1882, professore di lingua e letteratura greca a Digione e a Nancy, v. Grenier 1912 ; Gras 2010, p. 105, n. 13.

50 Comparetti - Martin 1881. Negli archivi dell’École française de Rome non si conservano carteggi o documenti riguardanti l’edizione dell’iscrizione, come comunicatomi, con e-mail del 15 settembre 2010, dalla dott.ssa Françoise Fouilland.

51 Graux 1881, in particolare p. 452 : « comme j’allais me mettre à rédiger pour cette Revue une note où je me proposais de rectifier les conclusions erronées du double travail de MM. L. et M., j’ai reçu de M.M. une lettre où il se corrige lui-même. Il ne me reste donc plus qu’à exposer, d’après cette communication épistolaire, ce que nous apprend l’inscription de M. Lafaye » e p. 454 : « Cette étude de l’inscription de Tauromenium est un début honorable pour M. Albert Martin. Mais il fera bien de revenir, dans le prochain numéro des Mélanges d’histoire et d’archéologie (sic), sur celles de ses opinions qu’il a eu le bon esprit de reconnaître de lui-même pour erronées. On doit aussi des remerciements à M. Lafaye qui a pris la peine d’aller recueillir, puis de déchiffrer le premier ce long et important document, en se servant d’un estampage qui, à en juger par la planche héliographique qui en reproduit quelques lignes, n’a pas dû être commode à lire. C’est, au surplus, une singulière idée que de photographier un estampage de préférence au marbre original. Il n’y a donc pas de photographe à Taormina ou dans les environs, ni d’appareil photographique portatif parmi le matériel de l’École de Rome ? ». Riserve sulla qualità delle immagini nel primo numero dei Mélanges sono espresse anche da Reinach (v. infra).

52 Bormann 1881.

53 La vicenda è così riassunta da Bormann 1881, p. 4 : Sed haec monumenta describere et imaginibus exprimere longinqui erat laboris, et vel vires meae vel munera a me suscepta eiusmodi fuerunt, ut mihi non contigeret officiis ita satisfacere ut volui. Itaque ipse invitus omisi quae facere etsi decebat, tamen minus necessarium erat ; neque rem suscepit, cui quae collegeram edenda tradidi. Nunc autem cum a munere scholastico ad hanc universitatem translatus paullo plus otii nactus sim, humane invitatus a Caesare collega ut huius indicis prooemium scriberem, fastos illos strategorum proponere constitui […]. Neque hoc consilium abieci cum nuper ad me allatus sit fasciculus primus dissertationum inscriptus école française de Rome ; mélanges d’archéologie et d’histoire (Parisiis et Romae 1881) in cuius principio eadem haec stela a duobus hominibus doctis Francogallis Lafaye et Martin edita est commentario instructa. Nam et ephemeridem huiusmodi consentaneum est ad eos homines fere non perventuram esse, a quibus velim hos titulos cognosci, et apographum, quod docti Galli ex uno ectypo Tauromenio Romam allato effecerunt, accurate cum meo apographo et ectypis comparatum aliquanto minus perfectum esse cognovi, et quomodo fasti ordinati fuerint quorumque annorum sint illi non exploraverunt ac fere ne conati quidem sunt explorare. Lo stesso Bormann, in IG XIV, p. 84, ribadisce : descripsi primum a. 1867 cum R. Schoenio, tum ipse vel solus vel cum amicis saepius ectypa curiose tractavi, nonnulla in lapide mea causa examinavit Io. Schmidt. Edidi in programmate univ. Marburg. autumno a. 1881, paulo ante ex ectypo quod Lafaye Tauromenio Romam attulit, is edidit una cum Alb. Martin in ephemeride mélanges d’archéologie et d’histoire I (1881).

54 Martin 1881b.

55 Motte 1982, p. 452.

56 Si veda, ad esempio, quanto scrive Salomon Reinach a Geffroy il 4 luglio 1881 (in Motte 1982, p. 472) : « Comme vous pouvez le penser, l’inscription de Taormina, avec l’excellent commentaire de Martin, ne m’a pas le moins intéressé. Je regrette seulement que les rectifications par trop évidentes du Commentaire n’aient pas été introduites dans la première partie du fascicule ». Reinach lamenta la scarsa qualità delle immagini (« S’il m’était permis de vous soumettre une autre observation, je vous avouerais que l’héliotypie Martinelli me semble tout à fait défectueuse »).

57 Si tratta di IG XIV 425 e 426, su cui v., rispettivamente, anche SGDI III.2 5223 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 80, n° 5 ; Fantasia 1999, n° 2 e SGDI III.2 5224 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 84, n° 6 ; Fantasia 1999, n° 3.

58 Secondo IG XIV, p. 80, l’iscrizione degli Strateghi (IG XIV 421) sarebbe stata rinvenuta una cum n. 425, 426 anno fere 1864 ; a p. 98, a proposito dei nn. 425-426, si precisa : reperti ut videtur una cum n. 421. Bormann 1881, p. 3 scrive : duae Tabulae anno ut videtur fere 1864 inventae […]. Longe praestantior autem est stela […] continens fastos στρατηγῶν sive praetorum […] una cum illis tabulis inventa.

59 In IG XIV, p. 100, Bormann scrive : Describere conati sumus a. 1867 R. Schoene et ego et ectypa reportavimus. Haec ego saepius laboriose parvo cum fructu examinavi.

60 Verbali del 4 settembre 1869 (« Dovendosi costruire una casetta nelle Antichità di Taormina per conservavisi i marmi e le iscrizioni ivi rinvenute si preghi il Direttore delle Antichità a redigere e far tenere a questa Commessione l’analoga relazione della spesa pel di più a praticarsi beninteso che le iscrizioni si debbono collocare alla parte interna di essa casetta ») e del 15 novembre 1869 (« Si scriva al Signor Direttore delle Antichità, che trovasi in Taormina di dare in appalto le opere per la costruzione di una casetta in quelle Antichità per collocarvisi le iscrizioni ivi rinvenute, di affidarne la sorveglianza a quel custode sotto la sua responsabilità, e senza dimenticare che le iscrizioni debbono collocarsi alla parte interna di quella casetta, giusta la deliberazione precedentemente presa ») (Marconi 2004, p. 91, 94).

61 P. Rizzo 1894 e Id. 1928.

62 Pietro Rizzo (1857-1934) cita varie volte Paolo Orsi, ringraziandolo e definendolo anche suo « maestro », sia in Naxos siceliota (P. Rizzo 1894, introduzione e p. 127, n. 1, dove dice di averlo accompagnato in un sopralluogo a Naxos, di cui Orsi dà notizia in BCH, 17, 1893, p. 641) sia in Tauromenion (P. Rizzo 1928, introduzione e p. 238, 369). In quest’ultima opera, Rizzo presenta una breve rassegna degli scritti orsiani su Taormina (p. 258-261) e cita suoi rapporti epistolari con Orsi (p. 261 e 368, rispettivamente lettere di Orsi del 19 gennaio 1925 e del 3 marzo 1923). Orsi 1903, p. 67, n. 1 menziona Naxos siceliota definendola « buon lavoro del mio discepolo », e ricorda Rizzo nei suoi taccuini (v. ad esempio il taccuino n° 131, 23 ottobre 1925, in Pelagatti 1984-1985, p. 300). I discendenti non conservano documenti su Pietro Rizzo, come assicuratomi dal nipote Virgilio Rizzo ; alla sua cortesia devo invece la segnalazione della tomba del nonno nel cimitero di Taormina, nei loculi che bordano, a Est, la spianata al livello del cancello d’accesso. La lastra tombale presenta, in alto, una fascia a bassorilievo nella quale, sullo sfondo di rami di alloro e di quercia, sono raffigurati due libri accostati, dei quali uno ha, sulla copertina, il titolo Naxos Siceliota e l’altro, di cui si vede solo il dorso, deve essere Tauromenion ; segue, al centro, la raffigurazione di una lucerna e, a destra, la foto del defunto (secondo il nipote, l’unica esistente). L’iscrizione recita : « Prof. Avv. Pietro Rizzo | magnifico assertore di patri ideali | ne la vita e nel pensiero | facendo olocausto a l’Italia in armi | del figlio Virgilio | consacrando a la sicula storia | Naxos Siceliota e Tauromenion | splendido contributo | per lunghi studi severi | N. 20-11-1857 M. 23-11-1934 ».

63 P. Rizzo 1928, p. 72 ; v. anche ibidem, p. 98, n. 2.

64 P. Rizzo 1928, p. 252-253, offre una parziale rassegna delle pubblicazioni del fratello.

65 G. Rizzo 1893a ; Id., 1893b ; Id. 1896 ; Id. 1899 ; Id. 1899-1900 (poi Id. 1901a) ; Id. 1901b ; Id. 1904 ; Id. 1905.

66 G. Rizzo 1900 ; Id. 1901c ; Id. 1902.

67 G. Rizzo 1893b, p. 5, n. 2 : « In questo stesso piano (di Bagnoli) abbiamo avuto la fortuna di scoprire, tempo fa, un ultimo monumento epigrafico. Pare che sia un’appendice delle famose tavole finanziarie. Il monumento però è ancora inedito e fra non molto lo pubblicheremo ».

68 G. Rizzo 1899 (anche come estratto, Messina, 1900) ; Id. 1901b.

69 Willers 1905 ; a p. 323, Willers scrive : « fragte ich bei Prof. Bormann an, ob er mir eine bessere Abschrift des Steines mitteilen könne. Er schickte mir dann vier von Rizzos Hand herrührende Papierabklatsche und regte mich zu einer gründlichen Bearbeitung der Inschrift an ». Si veda anche Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 111, n° 13 ; Fantasia 1999, n° 10.

70 Da questa precisazione cronologica si ricava che G. Rizzo 1899 (datato, a p. 530, « Messina, 20 novembre 1899 ») è frutto di una prima fase dello studio dell’epigrafe, mentre G. Rizzo 1901b nasce da questa riconsiderazione dell’epigrafe iniziata nel settembre del 1900 e ha il fine di « tentare qualche nuova ricostruzione ed esporne il contenuto » (p. 60) ; per tale motivo, il testo dell’iscrizione, già edito nel 1899, non è ripubblicato.

71 G. Rizzo 1901b, p. 59-60 ; v. anche Id. 1899, p. 523 : « Il merito della scoperta spetta esclusivamente a mio fratello prof. Pietro, dell’Istituto tecnico di Catania. Fu vista incastrata in un muro che limita un bel piano ad oriente del Teatro greco, nella parte più bassa, in contrada Bagnoli, di proprietà del dott. Salvatore Cacciola. L’iscrizione, per circostanze indipendenti dalla nostra buona volontà, rimase inesplorata e inedita, quantunque conservata gelosamente dal dott. Cacciola, al quale appartiene ed alla cui cortesia dobbiamo se essa diventa patrimonio della gente colta. […] La superficie sculta è in gran parte laminare, così che buona parte di essa si staccò quando venne poco accortamente ripulita dal murifabbro del vecchio cemento di cui era quasi tutta coperta » e Id. 1904, p. 109 : « Il prof. Pietro Rizzo, fratello, nel 1892 scopriva un ultimo marmo coperto d’una iscrizione finanziaria. L’abbiamo fatto estrarre dal muro dove trovavasi incastrata in contrada Bagnoli, proprietà del dott. Salvatore Cacciola, l’abbiamo studiata insieme, con speciale attenzione e ne abbiamo fatto oggetto di due articoli di rivista ».

72 P. Rizzo 1928, p. 72.

73 Fondamentali, al riguardo, Accame 1970 e Pelagatti 1984-1985, p. 293-294, 304.

74 Su F. Halbherr (1857-1930), v. almeno G. Schingo in DBI, LXI, Roma, 2003, p. 640-643.

75 Taccuino n° 83, 5 ottobre 1911, in Pelagatti 1984-1985, p. 293 ; sui rapporti di Orsi con Taormina, v. Pelagatti 1984-1985 ; Ead. 1998.

76 Taccuino n° 83, 7 ottobre 1911, in Pelagatti 1984-1985, p. 294.

77 Proprio nel 1912, Halbherr scrive a Comparetti : « Dopo il Corpo delle Iscrizioni Cretesi, bisognerà pure che l’Italia faccia quello della Cirenaica (per il quale io e il De Sanctis abbiamo già la maggior parte del materiale). È poi soprattutto doveroso che noi facciamo da noi quello della Sicilia e della Magna Grecia, ché il volume del Kaibel è da rifare » (lettera del 30 aprile 1912, da Vari (Creta), BUF, fondo Comparetti, busta 8, c. 264).

78 Su G. De Sanctis (1870-1957), v. almeno P. Treves in DBI, XXXIX, Roma, 1991, p. 297-309.

79 « A Taormina ho tirata fuori una nuova e magnifica, lunga, nitida iscrizione della nota serie. Sebbene T(aormina) non sia nella mia giurisdizione, riservo il titolo a chi voglio io ; Halbherr dichiara di non aver tempo (ed aggiungo io, né voglia) di occuparsene. Dunque venga Lei, la studi e la pubblichi » (lettera di Orsi a De Sanctis, 1 gennaio 1912, in Accame 1970, p. 6).

80 Lettera di Comparetti a De Sanctis, 2 dicembre 1913, in Accame 1984, p. 141.

81 Lettera di De Sanctis a Orsi, 3 febbraio 1912, in Accame 1970, p. 6.

82 Telegramma di Salinas a De Sanctis, in Accame 1970, p. 6-7.

83 « Illustre Collega, ricevuto il suo telegramma, ho lasciato subito Taormina ; perché non aveva per me nessuna importanza il vedere una iscrizione che mi è vietato studiare. Potrei a tale proposito fare alcune considerazioni di carattere personale. Alieno da personalità osservo in linea di fatto 1° che l’Orsi era nel suo pieno diritto invitando me a studiare la epigrafe da lui ritrovata e recata al Museo in sostituzione del mio amico Halbherr, che ha rifiutato. 2° che nello studio d’una iscrizione greca difficilissima affidato ad epigrafista di professione come l’Halbherr o come me non saprebbesi trovare neppure con la massima buona volontà alcunché di lesivo alle convenienze di cotesto ufficio. Mi auguro nell’interesse della scienza che gli scienziati stranieri continuino a trovare in Italia quelle agevolezze che sono sistematicamente negate agli scienziati italiani » (lettera di De Sanctis a Salinas, 13 aprile 1912, in Accame 1970, p. 7).

84 « Egregio collega, l’accenno contenuto nella sua lettera intorno ad agevolezze negate agli studiosi nazionali per favorire gli stranieri, non solo mi pare fuori di luogo, ma è assolutamente immeritato, per quanto riguarda me. Ed io che ho una grande stima di Lei (e non da ieri) non vorrei essere indegno della sua, e però ho bisogno che le cose sieno ben messe a posto. Mi disse il collega Orsi che il D(otto)re Cacciola voleva donare al Museo di Taormina la saputa iscrizione e che voleva che la pubblicazione ne fosse fatta dallo Halbherr ; ed io mi recai subito sul posto e feci depositare la pietra al Museo, con la consegna di non farla vedere ad altri fuori che al prof. H(albherr). Ed abbiamo aspettato finché giunse un avviso del custode che io sospettai si riferisse ad un incarico da parte dello H(albherr). Il suo telegramma fece escludere questo sospetto. Se Ella fosse impiegato, e dimorante in Sicilia per giunta, capirebbe quanto suonerebbe male a Palermo che per leggersi una iscrizione greca si debba ricorrere a Torino – e terrebbe conto della difficoltà della mia posizione. Pertanto procureremo che l’edizione sia fatta qui da noi, avendomi il donatore dichiarato di non voler ricorrere a persone che avrebbero dei precedenti in materia. Ho considerato la cosa da un punto di vista assolutamente impersonale e spero di essere capito rettamente tanto da Lei quanto dal collega Orsi » (lettera di Salinas a De Sanctis, 26 aprile 1912, in Accame 1970, p. 7). A questa lettera, De Sanctis risponde : « Che in Italia si usino a stranieri agevolezze negate ad Italiani è notorio. […] Al Bormann […], per sua propria dichiarazione, è stato facile di avere a Vienna quattro calchi d’un’iscrizione tauromenita, che credo la stessa di cui si è negato a me, sul luogo, di prendere una copia (si tratta, invece, dell’iscrizione scoperta nel 1892, v. supra). […] In linea di diritto, riservata dall’Orsi la iscrizione all’Halbherr, designato io in luogo dell’Halbherr dall’Orsi e dall’Halbherr stesso, non vedo come si potesse equamente contestarmi la facoltà di studiare e pubblicare l’epigrafe. Ella dice che la pubblicazione fatta da me produrrebbe cattiva impressione a Palermo. […] Vuol dire che fuori di Sicilia il regionalismo è morto, e in Sicilia no : me ne duole per i Siciliani » (lettera di De Sanctis a Salinas, 2 maggio 1912, in Accame 1970, p. 8-9).

85 « Da parte mia devo riconoscere di aver avuto un torto, quello cioè di non segnalare al Salinas, che Ella era stato designato dall’Halbherr, impedito in Creta, a studiare e pubblicare la nuova (se tale sarà effettivamente) iscriz(ione) tauromenitana. Ma quando anche ciò io avessi fatto, Ella può star certo che don Ant(onino) non avrebbe riconosciuta la delega. Perché dalla lettera risulta chiaro la xenofobia di questo valentuomo, che vuole riservata « La Sicilia ai Siculi ». Ed io non avrei niente a ridire, anzi applaudirei se i Siculi sapessero e volessero fare. Io sono d’avviso che né il S(alinas) né il C(avallari) sieno in grado di pubblicare quel lungo titolo, come si conviene ; né altri vi ha in Sicilia, che io sappia dedito agli studi epigrafici. Stiamo dunque per un po’ di tempo alla fenestra a vedere ; e passerà uno, e poi parecchi altri anni senza che se ne faccia niente. Io poi non mancherò di fare al S(alinas) quelle osservazioni che credo » (lettera di Orsi a De Sanctis, 29 aprile 1912, in Accame 1970, p. 8). Nessun accenno alla vicenda nelle lettere edite in Accame 1984 e in Id. 1986, né nella corrispondenza tra Orsi e Halbherr conservata presso l’Accademia roveretana degli Agiati (Petricioli - Sorge - La Rosa 1994, p. 84-85), secondo le indicazioni fornitemi da Ambra Fatturini della segreteria della stessa Accademia, con e-mail del 9 dicembre 2010.

86 Manganaro 1964, p. 53-64.

87 Manganaro 1964, p. 43-52.

88 Le informazioni sulle modalità del rinvenimento mi sono state cortesemente fornite dalla prof.ssa Paola Pelagatti.

89 Pelagatti 1964, p. 37. Successive indagini hanno dimostrato che le terme si sovrappongono a un edificio monumentale (bouleuterion ?), presso il lato settentrionale dell’agora (v., con bibliografia precedente, Muscolino 2009-2010).

90 Si veda la cronologia relativa proposta da Fantasia 1999, p. 268.

91 Si veda la bibliografia citata infra a proposito degli archivi greci.

92 Si veda infra.

93 IG XIV 428 ; SGDI III.2 5226 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 96, n° 9 ; Fantasia 1999, n° 6.

94 In IG XIV, p. 107, Bormann scrive : Descripsi ex ectypo quod rettuli. Vidit etiam Kaibel.

95 Bormann 1881, p. 3 : fragmentum tabulae, quod ante paucos annos extabat in aedibus privatis Tauromenitanis, nunc, id quod Kaibel me docuit, in hospitio Bella Veduta ; E. Bormann in IG XIV, p. 107 : A. 1867 in aedibus privatis insertum in pariete ego ; post in hospitio Bella Veduta Kaibel ; G. Rizzo 1901a, p. 1 : « attaccata al muro del cortile nel palazzo Paladini, oggi Hôtel Belle Vue » e, a p. 2 : « nel novembre del 1899 lo abbiamo visto ancora murato nella parete dello stesso palazzo » commentando, in nota : « oggidì si lasciano all’aria aperta monumenti epigrafici di questa importanza […]. Pare incredibile ! » ; Id. 1904, p. 109 : « Il Bormann, nel 1867, la vide incastrata in una parte interna del cortile del palazzo Paladini, oggi Hôtel Métropole, dove trovasi ancora » ; P. Rizzo 1928, p. 72, sempre a proposito di questa epigrafe, scrive che essa, « scoperta pure intorno al medesimo anno 1833 […] serbavasi sino a pochi anni fa murata allo scoperto (!) nell’atrio della ex casa Paladini, oggi Hôtel Metropole ».

96 Agnello 1970 ; il conte Francesco Santi Paladini, tra l’altro, succede nell’aprile 1839 al defunto arciprete Castorina come corrispondente locale della Commissione di antichità e belle arti (ASP, Ministero Luogotenenziale. Interno, busta 2221 ; v. anche Lo Iacono, Marconi 1999, p. 133, 139, 141, 147).

97 Agnello 1970, p. 30, 40-41 ; Muscolino 2011b, p. 41-42. Per le due epigrafi v. Manganaro 1988, p. 155-157, fig. 1-2.

98 IG XIV 422 ; SGDI III.2 5220 ; Arangio Ruiz, Olivieri 1925, p. 72, n° 4.

99 Più o meno nel punto in cui oggi via Bagnoli Croci incrocia via Pirandello.

100 Bacci - Rizzo 1997-1998, p. 365, tav. 88, fig. 2.

101 Sull’area di Santa Maria di Gesù sia consentito il rimando a Muscolino c.d.s. 2.

102 Cartella 1777, p. 214 ; v. anche BCP, ms. Qq H 272, p. 27 (« nell(a) strada della via crucis dei P(adri) minori osservanti […] vicino l’Altarino dell(a) Veronica ») e 113 (« nella Strada dell(a) via Sacra dei P(adri) Minori Osservanti di S(an) Francesco vicino l’Altaretto dell(a) Veronica »).

103 Evidentemente presso il fondo « Prima Croce » (doc. 4), forse nei pressi dei campi da tennis.

104 Tale ipotesi è compatibile con la collocazione assegnata, nella veduta settecentesca (fig. 2), alla sesta delle quattordici croci indicanti la Via Crucis.

105 Come indicatomi dalla prof.ssa Pelagatti, resti di mosaico furono segnalati nel 1965, durante lavori stradali comprendenti anche la realizzazione del muro lungo via Bagnoli Croci, all’altezza del Bristol Park ; la continuazione di questi resti è individuata durante gli scavi del 1969 (i « lembi di mosaici » segnalati in Pelagatti 1997, p. 261).

106 Bacci 1980, p. 346 ; Ead. 1980-1981, p. 745 ; Ead. 1982, p. 166.

107 BCP, ms. Qq H 272, p. 113 (tale passo non è presente in Cartella 1777, versione edita di questo testo). Il fondo del monastero di Valverde confinava con il fondo Bagnoli, come si ricava, ad esempio, da alcuni documenti relativi a quest’ultimo terreno : ASM, notaio Giuseppe Malambrì, filza 1552, atto n° 135, 15 maggio 1856, p. 361-408 : « confinante col fondo di […] questo Venerabile Monistero Valverde » e atto n° 212, 5 agosto 1856, p. 539-544 : « confinante con immobile […] di questo Monistero di Donne sotto titolo di Santa Maria Valverde » ; filza 2371, atto n° 153, 4 agosto 1873, p. 141-150 : « confinante con immobile […] dell’ex Monistero di Donne di questo Comune sotto titolo di Santa Maria Valverde ».

108 Morso 1823, p. 167. L’iscrizione (IG XIV 446) è da considerarsi dispersa.

109 Si veda infra e supra.

110 In un periodo in cui esso comprendeva ancora l’area poi espropriata per essere trasformata in Giardino pubblico.

111 Taccuino n° 83, 7 ottobre 1911, in Pelagatti 1984-1985, p. 294. Secondo un’ipotesi avanzata in Pelagatti 1984-1985, p. 294, n. 121, « potrebbe trattarsi della scoperta di cui alle NSc 1881, p. 197 » (statuetta di divinità fluviale rinvenuta « nel fondo dell’avv. Fr. Paolo Cacciola »), anche se, in quest’ultimo caso, sembrerebbe trattarsi di un ritrovamento fortuito, del quale riferisce « la guardia degli scavi Strazzeri », piuttosto che di uno scavo programmato. La statuetta è conservata nell’Antiquarium del Teatro antico. Non è da escludere che gli scavi di Cavallari siano motivati dalla ricerca di epigrafi.

112 I cosiddetti « Beehive » costruiti da Florence Trevelyan. Sulla facciata del più grande (fig. 8), si trova la seguente iscrizione : « The Beehives | fece costruire l’anno 1899 | Florence T. Cacciola Trevelyan ».

113 P. Rizzo 1928, p. 304.

114 Sull’edificio, v. soprattutto P. Pelagatti in FA, 22, 1967, n° 2968 (con la segnalazione di resti archeologici, andati distrutti, anche nell’area dell’Hôtel Villa Diodoro) ; Ead. 1997.

115 Sui lemmata, che si riferiscono a Callistene di Olinto (fr. I), [Phaid]on o [Paraball]on di Elide (fr. II), Quinto Fabio Pittore (fr. III), Filisto di Siracusa (fr. IV), Anassimandro di Mileto (fr. V), v., in particolare, Manganaro 1974 (SEG 26, n° 1123 ; 1976, n° 820) ; Id. 1976 ; Blanck 1997a (SEG 47, n° 1464 ; 1999, n° 648) ; Id. 1997b ; Battistoni 2006 ( 2007, n° 578) ; Id. 2009 ; Id. 2010, p. 161-165 ; Manganaro 2011. Per la biblioteca, v. anche Blanck 1999 ; Id. 2008, p. 205-206, fig. 83.

116 Potrebbe essere la casa che sorge ancora oggi al centro del Giardino pubblico, visibile in fig. 5, che ha, accanto, alcuni sedili costruiti con blocchi.

117 G. Rizzo 1893a, p. 41-43 ; affermazioni pressoché identiche anche in Id. 1905, p. 121-122.

118 In realtà 1923 (doc. 4).

119 P. Rizzo 1928, p. 72-73.

120 Si vedano, in particolare, l’accordo tra gli eredi di Michele Cundari, ASM, notaio Giuseppe Malambrì, filza 1552, atto n° 135, 15 maggio 1856, p. 361-408 e l’atto con il quale Giuseppe Cundari, dopo aver versato al genero Ragusa parte della dote della figlia in denaro, gli cede, al posto della restante parte, « tutto, ed intiero quell’orto esistente nei confini di questa Comune nella contrada Bagnoli, […] consistente in un piano di terre seminative con mandorle, gelsi, casa a solare, e clausorato di alti muri di calce, ed arena, con sua porta d’entrata ed incluse le due Tine a fabrica attaccate al muro ove vi è la porta d’entrata alla parte di fuori, nonché la costiera per pascolo con diverse troffe ficalindie, e mandorle » (ASM, notaio Giuseppe Malambrì, filza 1552, atto n° 212, 5 agosto 1856, p. 539-544). Tale cessione è confermata alla morte del donatore (ASM, notaio Giuseppe Malambrì, filza 2371, atto n° 153, 4 agosto 1873, p. 141-150).

121 D’Orville 1764, p. 264.

122 Lombardo 1844, p. 59. Su L. Lombardo (1818-1884), v. P. Rizzo 1928, p. 249-250 e 327 ; il suo suo monumento funebre nel cimitero di Taormina, nella spianata al livello del cancello d’accesso, a sinistra di chi entra, reca l’iscrizione : « Luigi Lombardo | dottissimo | nato in Palermo 1818 | morto in Taormina 1884 | i fratelli | Ignazio e Vincenzo | affettuosi e riconoscenti ». È autore dell’Argomento della tragedia del cavaliere Salvatore Scuderi intitolata Fingal, Catania, 1837 e, nel 1836, è vincitore di un concorso indetto dalla cattedra di fisica sperimentale dell’Università di Catania, con tema « Della luce diretta, e delle ombre » (Giornale di scienze lettere e arti per la Sicilia, 55, 1836, p. 331).

123 G. Rizzo 1893a, p. 43 : « Avendo premesso che le tavole dei Ginnasiarchi, degli Strategi, quelle finanziarie e tutti i pubblici strumenti del comune si conservavano nel Tabulario o Grammateo annesso al Ginnasio ed ammesso pure che alcune siano state trovate quivi vien fuori una prima prova circa la destinazione di questo piano, sebbene sia una prova indiretta. […] Da tutto ciò che abbiamo visto, ci è nato il fermo convincimento che in questo largo piano, adatto anche ai giuochi equestri, dovesse trovarsi l’antico Ginnasio di Tauromenio ».

124 P. Rizzo 1928, p. 360-361 : « Il prof. G. Rizzo pone non solo l’edificio del ginnasio, ma anche il Tabulario per la pubblicazione degli atti della città, nel locale di Bagnoli, fondandosi sul fatto che molte di queste epigrafi vennero scoperte nel pianetto, o nei dintorni di Bagnoli. Ma a parte che questi marmi non furono tutti scoperti a Bagnoli, a parte che la parola in vicinanza per Taormina ha un significato molto relativo, perché il paese è piccolo, com’è piccola la terrazza su cui è fabbricato, e perciò tutti i posti sono fra loro vicini ; questi marmi poterono trovarsi colà per cause che ci sfuggono ; e poterono anche esservi trasportati come pietra da murare da chi se ne giovò ».

125 Si vedano le osservazioni di Gaetano Rizzo citate supra.

126 Gli incavi sono ben visibili in Manganaro 1988, p. 168, fig. 6. Tale ipotesi è avanzata anche da G. Rizzo 1893a, p. 12 ; Id. 1893b, p. 6 ; Id. 1904, p. 107.

127 Willers 1905, p. 325 : « Alle für diese Inschriften verwendeten Blöcke haben dieselbe Form. Ihre rechteckige Deckfläche hat eine Breite von 670-865 mm, ein Höhe von 345 bis 630 mm und ihre Körper eine Dicke von 265-350 mm. Alle vorliegenden Fundnachrichte sprechen dafür, dass diese Blöcke von einem Gebäude in der Nähe des Theaters verschleppt sind. Sie haben also wohl zugleich als Wandbekleidung gedient und sind offenbar in weit größerer Anzahl vorhanden gewesen, so dass man noch auf weiter Funde rechnen darf ».

128 Guarducci 1970, p. 290 : « Un cospicuo gruppo di antichi rendiconti pubblici ci è stato restituito, in Sicilia, da Tauromenio (l’odierna Taormina), luogo in cui all’incanto delle bellezze naturali ed artistiche si unisce, come tutti sanno, l’interesse di una lunga storia, ricca di avvenimenti memorabili. Le iscrizioni alle quali alludo, incise in stele di pietra calcarea locale di grana marmorea, vennero quasi tutte in luce nelle adiacenze del famoso teatro. Evidentemente esse appartenevano all’archivio (ἀρχεῖον o, latinamente, tabularium) dell’antica città, archivio che doveva trovarsi per l’appunto in quei paraggi. Le prime iscrizioni furono rinvenute nel 1833, altre via via in epoche successive ». Sugli archivi nel mondo greco, oltre a Wilhelm 1909 ; Klaffenbach 1960 ; Guarducci 1970, p. 1-4, si citano, per limitarsi solo ad alcuni dei contributi più recenti : Posner 1992, p. 91-117 ; Boffo 1995 ; Pritchett 1996, p. 14-39 ; Pugliese Carratelli 1997 ; Lazzarini 1997 ; Sickinger 1999 ; Davies 2003 ; Boffo 2003 ; Coqueugniot 2005.

129 Si veda, in generale, Guarducci 1970, p. 1-4 : « I testi […] venivano incisi o nei muri di edifici o in appositi cippi e stele. Nell’età arcaica erano di regola preferite le pareti degli edifici sacri […]. Più tardi […] cominciò ad affermarsi l’uso d’incidere i documenti pubblici nelle pareti di edifici per così dire profani, quali i bouleuteria ed i teatri. […] Se in tutte, o quasi, le città greche un archivio pubblico più o meno attrezzato dovette esistere fino dai tempi più antichi, è certo che gli archivi crebbero di numero e d’importanza durante il IV secolo av. Chr. […] Accanto all’archivio principale dello stato vi furono poi nelle città greche archivi minori, appartenenti o a singole associazioni e magistrature, o a santuari, o addirittura a privati ».

130 Castorina era, infatti, corrispondente locale della Commissione di antichità e belle arti.

131 Antonino De Spucches (1797-1868), duca di Santo Stefano, principe di Galati e duca di Caccamo.

132 Villagonia, frazione di Taormina sulla costa Nord della baia di Giardini Naxos.

133 Si veda, in particolare, Wilson 2003, p. 261-262, tomba XII, fig. 2 (in basso), tav. 3.3 e 6.1-2.

134 Su C. von Bunsen (1791-1860), v. almeno W. Bußmann in NDB, III, Berlino, 1957, p. 17.

135 Roma, DAI, Archivio. Lettera di quattro facciate ; il testo, sulla prima e sulla seconda facciata, è scritto con altra grafia ; di pugno di La Farina solo « Umiliss(im)o Div(otissim)o Obbl(igatissi)mo Serv(itor)e vero Carmelo laFarina ».

136 Su E. Gerhard (1795-1867), v. almeno F. Matz in NDB, VI, Berlino, 1964, p. 276.

137 Roma, DAI, Archivio. Lettera di quattro facciate ; il testo, su prima, seconda e terza facciata, è scritto con altra grafia ; di pugno di La Farina solo la firma. Il testo è sulla colonna destra di ciascuna facciata. Sulla quarta facciata : « Al Chiariss(im)o Signore | Sig(no)r Profess(or)e Od(oardo) Gerhard | Segretario dell’Instituto Archeologico | Roma ».

138 Intestazione, a stampa, della lettera, sulla colonna sinistra, in alto.

139 Sulla colonna sinistra, in basso.

140 Verisimilmente Gerhard 1834.

141 Roma, DAI, Archivio. Lettera di quattro facciate ; il testo, su prima e seconda facciata, è di pugno di La Farina.

142 C. La Farina 1835 ; l’opera è elencata tra i « doni e favori » in BdI, 1835, p. 142.

143 Lanzi 1795-1796 ; l’edizione alla quale si riferisce La Farina dovrebbe essere quella fiorentina del 1834.

144 Giorgio Kilian, « agente reale bavarese » a Messina, citato in quegli anni tra i « recapiti dell’Instituto » (v., ad esempio, BdI, 1833, p. V).

145 Su A. Mai (1782-1854), v. almeno A. Carrannante in DBI, LXVII, Roma, 2006, p. 517-520.

146 Su E. Braun (1809-1856), v. almeno K. Schauenburg in NDB, II, Berlino, 1955, p. 548.

147 Roma, DAI, Archivio. Lettera di quattro facciate ; il testo, sulla prima facciata, è di pugno di La Farina ; sulla quarta facciata : « Al Chiariss(im)o Sig(no)r | Sig(no)r D(otto)r Braun | Dell’Instituto di Corrispondenza | Archeologica | Roma ».

148 C. La Farina 1835 ; v. supra.

149 BUF, fondo Comparetti, busta 9. Lettera di quattro facciate, con spesso bordo nero ; il testo è sulla prima e sulla seconda facciata.

150 Martin si riferisce all’intestazione di IG XIV 421 : Στραταγοὶ διὰ πέντε ἐτέων.

151 Aristotele, Politica, 1307b Bekker.

152 Comparetti 1869.

153 Alberto De Stefani.

154 Benito Mussolini (presidente del Consiglio e, ad interim, ministro dell’interno).

155 Giovanni Gentile.

156 Gabriello Carnazza.

157 ANDM, notaio Giambattista Famà, filza 2681, atto n° 1174, 17 maggio 1890, p. 183-185 : « fondo posto in questa Comune nella contrada Bagnoli consistente in un piano di terre seminatarie con mandorli ed altri fruttiferi e casa solarata dentro, chiuso di muri a calce ed arena con due tine avanti l’entrata ed in una costiera per pascolo con mandorli fichidindia ulivi ed altri […]. L’altro terreno chiuso pure di muri a calce ed arena denominato quadricello posto nella stessa Contrada Bagnoli ».

158 ANDM, notaio Giambattista Famà, filza 2681, atto n° 1173, 16 maggio 1890, p. 181-182 : « appezzamento di terreno con mandorli sparsi cinto di muri posto in questa comune nella Contrada Bagnoli e Prima Croce ».

159 ANDM, notaio Giambattista Famà, filza 2684, atto n° 1775, 13 marzo 1893, p. 123-126 : « fondicello rustico posto nel territorio di questa Comune nella Contrada Bagnoli consistente in terre con mandorli ulivi fichi fichidindia ed altri fruttiferi e carrubbi con casa dentro ».

160 ANDM, notaio Giambattista Famà, filza 2684, atto n° 1946, 2 dicembre 1893, p. 575-576 : « fondo posto qui in Taormina nella via delle Croci unitamente a tutte le loro case esistenti nel vico attaccato a detto fondo, consistente il fondo in vigneto mandorli ulivi fichidindia ed altri fruttiferi ».

161 ANDM, notaio Giambattista Famà, filza 2684, atto n° 1778, 13 marzo 1893, p. 133-134 : « fondo rustico ed indiviso posto in questa Comune nella Contrada Prima Croce consistente in vigne mandorli ed altri fruttiferi con piccola casa dentro e con metà della casa dove esiste il palmento e relativi ordegni ».

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Il piano di Bagnoli e le sue immediate
Légende Teatro antico (1) ; Palazzo Cacciola (2) ; Hôtel Timeo (3) ; campi da tennis (4) ; casa all’interno del Giardino pubblico (5) ; Hôtel Diodoro (6) ; Hôtel Belvedere (7) ; Hôtel Bel Soggiorno (8) ; Villa Rocca Bella (9) ; Chiesa di San Pietro (10) ; scalinata tra via Bagnoli Croci e via Pirandello (11) ; ex Convento di Santa Maria di Gesù (12) ; cd. « ginnasio » (13) ; Hôtel Bristol Park (14) ; il Belvedere sovrapposto all’antica Guardiola (15).
Titre Fig. 2 - Particolare della « Pianta, e veduta della Notabile, e Fedele Citta di Tavormina » (Torino, Archivio di Stato)
Légende « Circuito di muri » (1) ; « Ven(erabile) Conve(n)to di S. Maria di Giesu » (17) ; « Ven(erabile) Chiesa d(ei) SS. Pietro e Paulo » (18) ; « Teatro seu Colosseo » (21) ; « Naumachia » (22) ; « Garita la guardiola » (40) (su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali).
Titre Fig. 3 - La vecchia strada che attraversava il piano di Bagnoli (fine XIX-inizi XX secolo)
Titre Fig. 4 - Via Bagnoli Croci con, a sinistra, il Giardino pubblico e, a destra, il giardino dell’Hôtel Timeo (2009)
Titre Fig. 5 - Il piano di Bagnoli visto dal Teatro antico (foto di G. Bruno, 1880 circa)
Titre Fig. 6 - Il piano di Bagnoli visto dal Teatro antico (2009)
Titre Fig. 7 - Ritratto dell’arciprete Rosario Castorina (Taormina, sagrestia del Duomo)
Titre Fig. 8 - L’Antiquarium del Teatro antico (fine XIX-inizi XX secolo)
Titre Fig. 9 - Il più grande dei Beehive costruiti da Florence Trevelyan
Titre Fig. 10 - Tegole piane reimpiegate in uno dei Beehive
Titre Fig. 11 - Blocchi reimpiegati in un muro di sostegno nel Giardino pubblico
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Francesco Muscolino, « La « campagna classica » di Bagnoli : notizie e ipotesi sulla provenienza delle iscrizioni pubbliche greche di Tauromenion », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 124-1 | 2012, mis en ligne le 01 juillet 2012, consulté le 22 juin 2017. URL : http://mefra.revues.org/259 ; DOI : 10.4000/mefra.259

Haut de page

Auteur

Francesco Muscolino

Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia - francesco.muscolino@beniculturali.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org