Navigation – Plan du site
« Origines » : percorsi di ricerca sulle identità etniche nell'Italia antica

Cassio Hemina e la fondazione « troiana » di Lanuvio

Fausto Zevi

Résumés

Cassio Hemina afferma che Enea sbarcò nel Lazio con seicento compagni : il doppio del contingente per una colonia marittima romana di età mediorepubblicana. Ora che, grazie alle iscrizioni dipinte del ginnasio di Taormina, sappiamo che Fabio Pittore attribuiva la fondazione di Lanuvio un eroe siculo di nome Lanoios, compagno di Enea e di Ascanio, è possibile avanzare l’ipotesi che Hemina indicasse appunto in Lanuvio il secondo insediamento dei seicento socii di Enea.

Haut de page

Entrées d’index

Parole chiave :

Lanuvio, Lavinio, Enea, Lazio, Annalisti
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Manganaro 1963 ; Manganaro 1974. Il Manganaro è tornato anche recentemente sull’argomento : Mangana (...)

1La « scoperta » dell’eroe Lanoios e della fondazione siculo-troiana di Lanuvium si deve a due trovamenti epigrafici siciliani, studiati, oltre mezzo secolo fa, da Giacomo Manganaro1 ; la presente nota vorrebbe aggiungere a quel dossier una piccola ipotesi ulteriore.

  • 2 Sui miti romani di syngheneia, Battistoni 2010 ; sempre fondamentale Ferrary 1988.
  • 3 Alcune letture del Manganaro, anche in punti cruciali come questo, sono state poste in dubbio da un (...)
  • 4 Precisazione importante, perché, prima di Fabio e della definitiva sistemazione cronologica della f (...)

2Riassumo brevemente i dati : sapevamo da Cicerone che due città dell’isola, Segesta e Centuripe, godevano di un particolare status nei confronti dell’Urbe, sostanziato da una fedele alleanza fondata su vincoli di consanguineità (cognatio, in greco syngheneia) col popolo romano. Mentre il rapporto con la troiana Segesta era chiaro, sfuggiva del tutto quello con Centuripe, fino a quando in quella città si rinvenne, purtroppo fuori contesto, un’iscrizione che ricordava un’ambasceria inviata espressamente per riannodare i legami di syngheneia2 con Lanuvio, iscrizione che, datata inizialmente in età triumvirale o anche augustea, viene oggi generalmente riportata al II sec. a.C. Ma la scoperta davvero illuminante ha avuto luogo qualche tempo dopo, quando, nel corso di lavori edilizi nel centro di Taormina vennero casualmente in luce frammenti di intonaco bianco recanti, dipinte a pennello, iscrizioni greche che si rivelarono essere brevi riassunti, o didascalie descrittive, di opere evidentemente custodite in una biblioteca (si è ipotizzato fosse quella del locale ginnasio) : apposte in prossimità degli scaffali che accoglievano i rotuli, dovevano indirizzare il lettore nella ricerca e nella consultazione dei libri. Una di tali didascalie concerne l’opera del più antico storico di Roma, Fabio Pittore, dei cui Annali vengono evidenziate notizie che più di altre interessavano i lettori del luogo : l’arrivo di Eracle in Italia (un tema ben presente nell’annalistica più antica), e il viaggio in Italia (un nostos ?) di Lanoios alleato ( ?)3 di Enea e di Ascanio ; molto tempo dopo (polì d’ysteron), continua il testo, vennero Romolo e Remo e la fondazione di Roma ad opera del primo4. L’iscrizione di Taormina, considerata insieme con quella di Centuripe, implicava perciò che Lanoios, compagno di Enea, fosse il fondatore di Lanuvio (il cui nome greco è Lanoion), e che provenisse da Centuripe, ciò che spiegava la cognatio tra quest’ultima e Lanuvio (e con Roma) e il permanere di antichi legami di consanguineità e di amicizia che giustificavano i previlegi di cui la città sicula godeva ancora al tempo di Cicerone.

  • 5 Anche in questo caso dovevano esserci dei presupposti reali che davano un senso all’accostamento pr (...)
  • 6 È stato anche suggerito che le benemerenze lanuvine siano state mitizzate per illustrare la prosapi (...)
  • 7 Briquel 2001.

3Sfugge però come si articolasse la vicenda nel racconto di Fabio, come si giustificava che una città della Sicilia orientale, e situata oltre l’Etna nell’interno, come Centuripe, fosse venuta in contatto con gli esuli Troiani ; perché poi Lanoios li avesse accompagnati in Italia ; sfuggono altresì, alle spalle del racconto mitico, le ragioni storiche che possono aver suggerito di immaginare fra Centuripe e Lanuvio rapporti tanto specifici e pregnanti da riportarli fino alle stesse matrici dei primordi. Abbiamo già avuto occasione di esaminare in altre sedi le testimonianze, archeologiche e nelle fonti, di influenze siciliane nel Lazio mediorepubblicano, e non torneremo sull’argomento5. Quel che si può dire con qualche sicurezza è che la leggenda di Lanoios e dei Centuripini nel Lazio deve esser nata in rapporto con una situazione storica transitoria e presto superata, se venne dimenticata così rapidamente che, senza le iscrizioni siciliane, avremmo continuato a ignorarla del tutto. Quanto ai rapporti con Centuripe, comunque motivati, una loro datazione nel III secolo, forse all’inizio della prima guerra punica, come suggerito già dal Manganaro, sembra effettivamente quella che meglio risponde ai dati in nostro possesso : il rapido cambio di scala della politica romana, dalla lotta per il primato nella penisola ad una dimensione mediterranea, avrà fatto rapidamente cadere nell’oblio personaggi ed episodi importanti al tempo in cui si verificarono, ma trascurabili nell’ottica di appena pochi decenni dopo. Ancor più sorprende l’insistenza su Lanuvio, e il conclamato parallelismo tra la sua fondazione e quella di Lavinio (e quindi di Roma) ; tale sonora riaffermazione della leggendaria, primigenia alleanza con l’Urbe, deve risalire ancora al tempo delle guerre in Italia (le guerre sannitiche ? la guerra annibalica ?) quando la collaudata fedeltà di una città così vicina a Roma poteva costituire un vantaggio strategico non irrilevante6. Non è impossibile (ma non sembra probabile) che abbia ragione D. Briquel, ritenendo la tradizione diomedea di Lanuvio, pur attestata solo in Appiano, più antica di quella di Lanoios7. Nel caso di Diomede, elemento catalizzatore è stato ovviamente il culto poliadico di Iuno, in qualche modo identificata con la potente dea di Argo. Ma anche nell’ambito della tradizione troiana di Fabio Pittore, non si può non ritenere che lo stabilimento del culto della dea cittadina, la Sospita, dovesse risalire all’ecista, cioè all’eroe di Centuripe, e che la communio sacrorum nel culto della dea, deliberata dai Romani alla fine della guerra latina nel 338, abbia avuto un’influenza decisiva nella creazione di una leggenda di fondazione omologa a quella di Enea : una questione che, rimasta inesplorata, sarebbe certamente da riprendere.

  • 8 È notevole che fosse Centuripe ad adoperarsi perché ne venisse rinverdito il ricordo : come ha fatt (...)

4Comunque sia stato, il succedersi degli eventi rese caduca la storia dell’eroe centuripino, dimostrando come non fosse mai realmente entrata nella cultura e nella memoria collettiva degli interessati8 : a noi la creazione di questo nuovo, ma presto dimenticato, « segmento » della storia troiana del Lazio, interessa se non altro perché, al pari della leggendaria partecipazione degli Ardeati alla fondazione di Sagunto, mostra che in età mediorepubblicana anche altre città del Lazio partecipavano alla elaborazione della vicenda troiana, prima che questa si cristallizzasse definitivamente nella esclusività della formula Lavinio-Alba-Roma.

  • 9 Cfr. per questi calcoli dimensionali, FRHist III, p. 68, dove si sottolinea altresì l’inverosimigli (...)
  • 10 Per esempio risultato da una moltiplicazione 300 x9, come suggerito in FRHist I, p. 68.
  • 11 Come sarebbe ove il Domizio da cui dipende l’OGR fosse il Domizio Callistrato dei primi decenni del (...)
  • 12 Rawson 1976, spec. 253 s. con bibl. En passant, la Rawson richiama anche, tra le varie eventualità, (...)

5Fin qui, nulla di nuovo. Ma non sembra avventuroso ipotizzare che, a parte Fabio, anche un altro dei primi annalisti romani abbia accennato alla fondazione « troiana » di Lanuvio. Come è noto, vari autori riportano la misura della terra concessa ai Troiani dal re Latino, secondo due criteri distinti. In Dionigi (1, 59) la misurazione si effettua sul terreno, partendo dal centro urbano e tracciando un raggio di 40 stadi dalla acropoli di Lavinio : un modo di misurare volutamente arcaico, empirico, che vorrebbe ricordare forme e procedimenti della colonizzazione più antica, ma l’estensione che se ne ricava (un territorio del diametro approssimativo di 14 km e di poco meno di 200 kmq di superficie) risulta anche superiore a quella di una città laziale medio-grande della piena età storica9. Diverso il genere di computo presso gli annalisti romani, che sembra basato sul numero di uomini partecipanti ad una deduzione coloniaria ; così la misura che Catone fornisce per l’ager concesso da Latino ai Troiani inter Laurentum et Castra Troiana (Orig., Fr. 8 P. = FRHist Cato F5, apud Serv., Aen. XI 316), 2700 iugeri, sembra presupporre un calcolo numerico a partire da una precisa consistenza umana10. Una cifra tonda troviamo invece in un noto passo Cassio Hemina (presso Solino II,14 : fr. 7 P = FRHist F 8) : (Enea) tribus mox annis cum Latino regnavit socia potestate, quingentis iugeribus ab eo acceptis. La stessa misura ritorna in OGR 12,4 : Tum deinde a Latino rege Aboriginum data ei (ad Enea) quae incoleret iugera quingenta, e l’analogia della situazione fa pensare ad una fonte vicina anche cronologicamente11. Cinquecento iugeri di terra coltivabile rappresentano un’estensione davvero limitata : se si considera che, secondo la visione tradizionale, il campicello avito dei Romani più antichi, lo heredium, constava di due iugeri, è facile calcolare che i 500 iugeri concessi da Latino corrisponderebbero ad una forza complessiva di 250 uomini. Non è detto però che Catone ed Hemina siano necessariamente in contrasto : la diversità delle cifre può dipendere dalla entità della parcella che si considerava distribuita, restando il calcolo focalizzato sul numero dei partecipanti all’operazione coloniaria. In effetti, proprio Hemina è colui che, nello stesso passo di Solino, precisa il numero dei compagni con cui Enea giunse in Italia : Nec omissum sit, Aenean aestate ab IIio capto secunda italicis litoribus adpulsum, ut Hemina tradit, sociis non amplius sescentis, in agro laurenti posuisse castra…. Già nell’Ottocento questa cifra incuriosiva storici e filologi, che la connettevano peraltro con i triginta populi o con le trenta curie ; o, semmai, con qualche istituzione lavinate.12 Ebbene, nella prima metà del II sec. a.C., l’età di Cassio Hemina, la consistenza canonica di una colonia marittima di cittadini era di 300 uomini, una cifra vicina ai 250 presupposti, come abbiamo visto, dai 500 jugeri concessi ad Enea da Latino : io credo che Hemina pensasse a Lavinio come ad un archetipo delle colonie costiere romane di età mediorepubblicana, continuate peraltro fino al suo tempo, visto che le deduzioni per i veterani di Zama, effettuate nel 194 a.C. (Volturnum, Liternum, Pozzuoli, Salerno, Crotone ecc.), constavano ancora di 300 coloni ciascuna.

6Ma, secondo Hemina, la consistenza numerica dei compagni di Enea era doppia, sociis non amplius sescentis, e la cifra di 600, se effettivamente risulta a partire dalla unità-base di 300 uomini, il contingente necessario per una deduzione coloniaria, rappresenta il fabbisogno umano per la fondazione di una coppia di colonie. Né, d’altro canto, si potrà supporre che l’annalista ritenesse che 500 iugeri di terra, sì e no sufficienti per trecento, potessero bastare per seicento famiglie di coloni. Ma se Hemina aveva un mente una duplice fondazione, a quale altra colonia troiana poteva pensare, oltre Lavinio ? Un tempo, la soluzione obbligata sembrava dovesse essere quella di Alba Longa, che appariva in qualche modo sostenuta anche da un accenno in Dionigi di Alicarnasso (1, 67) : soluzione peraltro largamente insoddisfacente, perché i trenta porcellini del prodigio della scrofa bianca corrispondevano, secondo la maggioranza degli antichi autori, agli anni che separavano la fondazione di Lavinio da quella di Alba, ed è impossibile immaginare che questa seconda deduzione coloniaria, vero fondamento del nomen latinum, venisse ascritta non ad una radice latina ed ad una nuova generazione piena di futuro, ma ad una invecchiata propaggine dei tempi ormai lontani di Troia come erano gli anziani compagni di Enea. Ma ora la scoperta della saga di Lanoios fornisce un'alternativa plausibile : i 300 socii in eccesso possono ben essere quelli che, sotto la guida dell’eroe centuripino, muoveranno alla fondazione di Lanuvium, lasciando agli altri rimasti con Enea la esigua porzione di terra coltivabile concessa loro da Latino.

  • 13 Così congettura Briquel 1989 ; Briquel 2001, p. 298. Si ricordi che anche Fabio Pittore conosceva l (...)

7Pubblicando i testi del ginnasio di Taormina, il Manganaro non ha mancato di ricordare la tradizione, pur frammentaria, che voleva i Siculi migrati in Sicilia dall’Italia, nonché il loro eponimo, un Romano di nome Siculo (Sikelòs) ; sì che, nel testo della didascalia tauromenitana, ha creduto di ravvisare tracce della parola noston, inserendola senz’altro nella sua trascrizione : anche quello di Lanoios sarebbe stato non semplicemente un viaggio, ma un « ritorno » ad una patria originaria, l’ arrivo in una « antica madre » né più né meno come per Enea. Come abbiamo visto, la recente rilettura del Battistoni induce ad un atteggiamento più prudente, e la presenza della parola nostos rimane incerta, così come quella di symmachos che, secondo il Manganaro qualificava il rapporto di Lanoios con Enea e Ascanio. Va però detto che, almeno su un piano congetturale, questa seconda ipotesi di lettura sembrerebbe cogliere il segno ; personalmente ritengo plausibile anche la restituzione del termine nostos, anche perché vale a giustificare concettualmente l’installazione tra i Latini di un elemento siculo altrimenti estraneo. Non sembra un caso che Cassio Hemina sia l’autore che, a giudicare dai frammenti pervenutici, si è maggiormente soffermato sulla leggenda sicula del Lazio : a lui risalgono, come noto, le avventurose paretimologie che facevano derivare i nomi di Ariccia e Crustumerium (frr. 2-3 P = FRHist F 4-5) e forse quello di Gabii13 da nomi personali greci ; non è impossibile che Hemina, se aveva fatto propria la leggenda di Lanoios, la considerasse egli pure un nostos alla terra delle origini.

Haut de page

Bibliographie

Battistoni 2010 = F. Battistoni, Parenti dei Romani : mito troiano e diplomazia, Bari, 2010.

Battistoni 2006 = F. Battistoni, The ancient pinakes from Tauromenion : some new readings, in ZPE, 156, 2006, p. 169-180.

Briquel 1989 = D. Briquel, Denys, témoin de traditions disparues : l’identification des Aborigènes aux Ligures, in MEFRA, 101, 1989, p. 97-111.

Briquel 2001 = D. Briquel, Les deux origines de Lanuvium, in V. Fromentin, S. Gotteland (ed.), Origines gentium, Bordeaux, 2001 (Ausonius, Publications, 7), p. 297-308.

Cornell et alii 2013 = T. J. Cornell et alii (ed), The fragments of the Roman historians, I-III, Oxford, 2013.

Ferrary 1988 = J.-L. Ferrary, Philhellénisme et impérialisme : aspects idéologiques de la conquête romaine di monde hellénistique, Roma, 1988 (BEFAR, 271).

Manganaro 1963 = G. Manganaro, Un senatus consultum greco dei Lanuvini per il rinnovo della cognatio con i Centuripini, in RAAN, 38, 1963, p. 23-44.

Manganaro 1974 = G. Manganaro, Una biblioteca storica nel ginnasio di Tauromenion e il POxy 1241, in PdP, 29, 1974, p. 389-409.

Manganaro 2006 = G. Manganaro, Il SC dei Lanuvini per il rinnovo della « parentela » con i Centuripini, in E. Ohlhausen, O. Sonnabend (ed.), Troianer sind wir gewesen : migration in der antiken Welt, Stoccarda, 2006, p. 183-192.

Manganaro 2011 = G. Manganaro, La syngheneia dei Centuripini e dei Lanuvini, il lemma di Fabio Pittore a Tauromenion e il fr. 23 Morel del Bellum Poenicum di Nevio, in C. Deroux (éd.), Corolla Epigraphica : hommages à Y. Burnand, Bruxelles, 2011 (Collection Latomus, 331), p. 540-561.

Palombi 1997 = D. Palombi, Aedes Deum Penatium in Velia, in MDAI(R), 104, 1997, p. 435-463.

Pasqualini 1998 = A. Pasqualini, Diomede nel Lazio e le tradizioni leggendarie sulla fondazione di Lanuvio, in MEFRA, 110, 1998, p. 663-675 ( = Ead., Latium vetus et adiectum, Tivoli, 2013, p. 139-160).

Rawson 1991 = E. Rawson, The first Latin Annalists, in Latomus, 35, 1976, p. 698-717 (= Roman Culture, Oxford, 1991, p. 245-271).

Tchernia 1986 = A. Tchernia, Le vin de l’Italie romaine, Roma, 1986 (BEFAR, 261).

Zevi 2012 = F. Zevi, Ariccia, in Sacra Nominis Latini [Atti convegno, Roma 2009], Napoli, 2012 (Suppl. di Ostraka), p. 141-159.

Haut de page

Notes

1 Manganaro 1963 ; Manganaro 1974. Il Manganaro è tornato anche recentemente sull’argomento : Manganaro 2006 e, da ultimo, Manganaro 2011 (con una coraggiosa proposta di riferire a Lanoios il celebre frammento neviano 23 Morel).

2 Sui miti romani di syngheneia, Battistoni 2010 ; sempre fondamentale Ferrary 1988.

3 Alcune letture del Manganaro, anche in punti cruciali come questo, sono state poste in dubbio da una rilettura testuale supportata da una nuova documentazione fotografica (Battistoni 2006, da cui il testo accolto in FRHist I (Cornell et alii 2013), Fabius Pictor, T.7.

4 Precisazione importante, perché, prima di Fabio e della definitiva sistemazione cronologica della fondazione di Roma intorno alla metà dell’VIII sec. a.C., tutta la storiografia e le narrazioni poetiche istituivano un rapporto diretto tra Enea e la nascita dell’Urbe, fosse lui stesso il fondatore o un suo figlio o nipote ; fu il Pittore che, prendendo coscienza della grande distanza temporale tra la guerra di Troia (XII sec. a.C. o prima) e la saga romulea, creò la lunga serie dei re di Alba allo scopo di colmare il lungo intervallo cronologico tra l’antefatto troiano e il segmento albano-romuleo della vicenda.

5 Anche in questo caso dovevano esserci dei presupposti reali che davano un senso all’accostamento proposto : al riguardo si è pensato alle trasformazioni agrarie intervenute nell’area dei Colli Albani tra la fine del IV e nel III secolo, con l’introduzione di una viticoltura specializzata basata su tecniche di coltivazione e vitigni importati dalla Sicilia, la vite Murgentina (poi detta Pompeiana) di Morgantina, la Eugenia di Tauromenio, un’uva zuccherina che diverrà specifica dei Colli Albani ; fra IV e III secolo, vi sono importanti testimonianze, nel territorio di Ariccia, di un culto agrario delle Grandi Dee, Demetra e Kore, con un raffinato apparato figurativo che palesa dirette influenze siciliane (cfr. Zevi 2012 ; per la coltivazione della vite, sul fondamento di Tchernia 1986, spec. 50-64

6 È stato anche suggerito che le benemerenze lanuvine siano state mitizzate per illustrare la prosapia di qualche famiglia della nobiltà locale : in particolare, a proposito della tradizione della fondazione della città da parte di Diomede, Pasqualini 1998 che la connette al trasferimento nella città latina dei Papii di Compsa nel II secolo a.C.

7 Briquel 2001.

8 È notevole che fosse Centuripe ad adoperarsi perché ne venisse rinverdito il ricordo : come ha fatto rilevare A. Giardina, il Senato romano, cui pure si erano rivolti, non ritenne di ricevere i legati centuripini.

9 Cfr. per questi calcoli dimensionali, FRHist III, p. 68, dove si sottolinea altresì l’inverosimiglianza della notizia di Appiano reg. 1,1, che assegna a Lavinio una circonferenza di 400 stadi, pari ad una superficie di 500 kmq.

10 Per esempio risultato da una moltiplicazione 300 x9, come suggerito in FRHist I, p. 68.

11 Come sarebbe ove il Domizio da cui dipende l’OGR fosse il Domizio Callistrato dei primi decenni del II sec. come ipotizzato nell’importante lavoro di Palombi 1997 (diversa posizione in FRHist, I, s.v. Domitius, n. 104 ; cfr. anche p. 457).

12 Rawson 1976, spec. 253 s. con bibl. En passant, la Rawson richiama anche, tra le varie eventualità, i 300 uomini che componevano un colonia romana.

13 Così congettura Briquel 1989 ; Briquel 2001, p. 298. Si ricordi che anche Fabio Pittore conosceva la presenza di Siculi nel Lazio ; cfr. fr. 2P = FRHist F 2, a proposito dei Volsci.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Fausto Zevi, « Cassio Hemina e la fondazione « troiana » di Lanuvio », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 126–2 | 2014, mis en ligne le 16 décembre 2014, consulté le 16 août 2017. URL : http://mefra.revues.org/2626 ; DOI : 10.4000/mefra.2626

Haut de page

Auteur

Fausto Zevi

Università di Roma « La Sapienza » – fausto.zevi[at]uniroma1.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org