Navigation – Plan du site
Varia

La ceramica a figure rosse di Metaponto nella mesogaia lucana fra V e IV secolo a. C.

Un bilancio
Angelo Bottini

Résumés

La prima parte dell’articolo amplia il precedente catalogo dei vasi a figure rosse di produzione metapontina giunti nei territori interni della Basilicata con quelli rinvenuti o ristudiati negli ultimi decenni ; in totale si contano così 23 esemplari, senza considerare gli skyphoi « a civetta » (almeno 15) : 13 appartengono alle officine dei Pittori di Pisticci e di Amykos, 5 al gruppo dei Pittori dell’Anabates, Creusa e Dolone. In seguito, si propone l’analisi sia della distribuzione geografica di tali ceramiche che dei contesti tombali in cui erano inseriti, osservando in primo luogo che si tratta in prevalenza di vasi singoli, perlopiù crateri. Alcune riparazioni antiche indicano che la loro acquisizione è avvenuta in un momento precedente quello della deposizione in tomba : si avanza quindi qualche riflessione a proposito della composizione dei corredi funerari, che mostrano sensibili differenze. In area daunia (Canosa, Lavello) si segnala, infatti, l’inserimento in corredi femminili di altissimo livello, mentre in territorio nord-lucano (Ruvo del Monte, Serra di Vaglio) emerge il probabile significato salvifico delle scene di ratto ; al contrario, i corredi rinvenuti altrove non sono riconducibili a modelli precisi, specie quelli riferibili ai Lucani. In appendice sono infine elencati altri otto vasi rinvenuti a Rivello - Serra la città, in un contesto culturale diverso da quello della mesogaia, e di cui è necessario approfondire l'inquadramento filologico in relazione al più generale problema del « Gruppo intermedio ».

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Ringrazio Antonio De Siena, già Soprintendente per i Beni Archeologici della Basilicata, cui devo l (...)
  • 2 Come definito già da alcuni decenni fa : Bottini 1982.
  • 3 Osanna – Vullo 2013 ; Bianco 1996 ; v. anche Bianco 2011.

1Il territorio considerato1, sebbene non molto esteso (la provincia di Potenza, che include la maggior parte dei siti, misura poco più di 6.500 km²), non è affatto omogeneo sotto il profilo morfologico e culturale, dal momento che comprende sia la punta estrema verso sud e verso l’interno della Daunia (nel Melfese2) sia l'intero comprensorio appenninico, rispettivamente nord-lucano ed enotrio3, secondo le partizioni proprie dell’età arcaica e del successivo V secolo, in prevalenza lucano nel corso del IV ed oltre ; va tuttavia osservato come le stesse vallate fluviali che a media e lunga distanza consentono un transito agevole in direzione dei tre versanti marini della Penisola, mettendo in relazione fra loro poleis greche, città di cultura etrusca e centri indigeni, ad una scala più contenuta lo rendono partecipe di un’unica circolazione di uomini, prodotti e fenomeni culturali.

  • 4 Bottini 2013 c.

2Sul versante ionico, tale fenomeno prende origine da Sibari per quanto riguarda gli Enotri4, Metaponto e Taranto per le altre genti, coinvolgendo le aree più interne rispetto al distretto bradanico-materano e la fascia collinare retrostante la chora metapontina, dal Bradano al Salandrella/Cavone in cui la diffusione di manufatti metapontini (e tarantini) in siti quali Irsina, Timmari di Matera, Montescaglioso, Pisticci (dove, secondo un calcolo prudenziale, sono stati rinvenuti più di 50 vasi a f.r. usciti dalle officine della vicina polis achea) è tale da richiedere studi specifici.

  • 5 Silvestrelli 2005.
  • 6 Tuttora inediti, in parte esposti a Potenza, MAN ; si v. per il momento Bottini 1987. In generale s (...)
  • 7 Visconti 2011.

3Nelle righe che seguono se ne propone per la prima volta un bilancio, per quanto riguarda appunto le ceramiche a f.r. : i ceramografi considerati sono quelli la cui attività nel kerameikos di Metaponto è da considerarsi certa ; ad essi è sembrato opportuno affiancare anche quelli per i quali è solo probabile5 o possibile. D’altra parte, l’assoluta assenza nell’area centro-settentrionale della Basilicata di vasi riferibili alla successiva produzione « lucana », le cui botteghe erano verosimilmente collocate in val d’Agri, conferma che il relativo bacino di recezione è costituito in prevalenza dal sottostante cantone centro-meridionale ; gli importanti rinvenimenti di Albano di Lucania, sito della media valle del Basento posto sulle alture a sinistra del fiume6, sembrano indicarne al momento l’estensione più settentrionale ; sorprende comunque che i pochi frammenti rinvenuti nel vicinissimo santuario lucano di Rossano di Vaglio siano attribuibili a ceramografi apuli7.

  • 8 Barresi 2005.

4La maggior parte dei manufatti elencati è già stata oggetto di edizione, seppure sommaria ; di altri non disponiamo che di una brevissima scheda (è quest’ultimo il caso dei corredi di varie contrade di Armento, un sito troppo importante per essere trascurato, sebbene i dati siano largamente provvisori e suscettibili di integrazioni e modifiche, anche dal punto di vista dell’inquadramento filologico e stilistico), o sono in corso di studio (quelli di Banzi in particolare) ; limiti certo non piccoli, ma che non impediscono di ritenere che il quadro così delineato sia sostanzialmente rappresentativo della situazione della mesogaia. Tenendo conto sia della diversa collocazione geografica che dell’ancora insoddisfacente livello di approfondimento degli studi relativi al cosiddetto Gruppo Intermedio8, cui è stata attribuita la maggior parte dei vasi in questione, si è invece scelto di collocare in appendice l'elenco di alcuni problematici e tutto sommato poco noti rinvenimenti di Rivello, sito dell’area gravitante sul Tirreno, le cui dinamiche, nel cruciale periodo fra V e IV sec. a.C., divergono da quelle dei territori retrostanti.

Vasi schedati da A. Trendall

51. Pittore di Pisticci : cratere a campana (Copenhagen, Nationalmuseet 3632). Trendall 1967, n. 63. Provenienza da Anzi proposta in Pontrandolfo 1996.
2. Pittore di Amykos : cratere a campana (Reggio Cal., MAN 1139). Trendall 1967, n. 163. Da Castronuovo di S. Andrea.
3. Pittore di Amykos :
pelike (Potenza, M Prov. 1770). Trendall 1967, n. 236. Da S. Mauro Forte.
4. Pittore di Amykos : cratere a campana (frammentario) (Potenza, M Prov.). Trendall 1967, n. 210a. Da Banzi. F. Silvestrelli propende per l'attribuzione ad un ceramografo della cerchia.
5. Pittore di Amykos : anfora panatenaica (Napoli, MAN 82263). Trendall 1967, n. 218, Bianco
1996, p. 241, n. 3.31.1 (E. Mugione). Provenienza da Anzi proposta in Pontrandolfo 1996.
6. Pittore di Creusa : cratere a campana (Reggio Cal., MAN 7044). Trendall 1967, n. 430, Trendall 1983, n. C37, Silvestrelli 2008, p. 286 s. Da Banzi, tomba A/1934 : Bottini 1989, p. 172 (cfr.
NSc 1936, p. 430, fig. 3).
7. Pittore di Dolone :
nestoris (Napoli, MAN 81933). Trendall 1983, n. D31, Sisto 2006, n. 10. Provenienza da Anzi proposta in Pontrandolfo – Mugione 1996, n. 5.8.
8. Pittore di Brooklyn-Budapest : cratere a volute (Napoli, MAN 82123). Trendall 1967, n. 593, Trendall 1983, n. BB58. Provenienza da Anzi proposta in Pontrandolfo – Mugione 1996, n. 5.1.
9 Pittore di Brooklyn-Budapest :
nestoris (Napoli, MAN 82125). Trendall 1967, n. 589, Trendall 1983, n. BB54, Sisto 2006, n. 21. Provenienza da Anzi proposta in Pontrandolfo – Mugione 1996, n. 5.5.

Vasi di successivo rinvenimento e di nuova attribuzione

61. Pittore di Pisticci : cratere a calice ; Eos rapisce un efebo (Melfi, MAN 111867). Da Ruvo del Monte, tomba 65 : Bottini 1985 a, 55-5, p. 8 ; Bottini 2013 b, fig. 1.
2. Pittore di Pisticci : cratere a campana, Eos rapisce un efebo (Potenza, MAN 77883). Da Serra di Vaglio, tomba 68 : Greco 2013.
3. Pittore di Pisticci : cratere a campana (riparato in antico) ; efebo con petaso, clamide e lance fra donna e figura regale (Tricarico, Palazzo Ducale 164792). Da Oliveto Lucano-Croccia Cognato, tomba 1 :
Radi Osanna Colangelo 2011, p. 39 (foto), p. 63, n. 110 (fig. 1).

Fig. 1 – Lato A del cratere a campana, da Oliveto Lucano-Croccia Cognato, tomba 1.

Fig. 1 – Lato A del cratere a campana, da Oliveto Lucano-Croccia Cognato, tomba 1.

Radi Osanna Colangelo 2011. © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

74. Pittore di Pisticci : cratere a campana ; satiro e menade, entrambi con tirso (Melfi, MAN 343244). Da Banzi-Piano Carbone, tomba 407 : inedito (attribuzione di chi scrive).
5. Ceramografo vicino al P. di Pisticci : cratere a campana ; Erote flautista fra due ammantati (Potenza, MAN 70318). Da Tolve-Gambarara, tomba 1 : Moles
et al. 1992, p. 140 ; Todisco 2012, I, p. 2 (fig. 2).

Fig. 2 – Lato A del cratere a campana da Tolve-Gambarara, tomba 1.

Fig. 2 – Lato A del cratere a campana da Tolve-Gambarara, tomba 1.

Todisco 2012. © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

86. Officina del P. di Pisticci : cratere a campana, in frammenti ; Satiro e Menade, entrambi con tirso ; una terza figura perduta (Potenza, MAN 83003). Da Oppido L.-Montrone, tomba 91 : inedito (per il rinvenimento v. Wojcik 1981).
7. P. di Amykos : cratere a campana ; fig. femminile fra due efebi (Melfi, MAN 110141).
Da Ruvo del Monte, tomba 48 : Bottini 1985 a, p. 58-59.
8. P. di Amykos : hydria ; « conversazione » fra sei personaggi : due uomini e quattro donne (Potenza, MAN 405192). Da Baragiano, tomba 57 : Russo 2008 ; Bruscella 2013.
9. Gruppo intermedio : skyphos ; A) fig. maschile, B) menade (Policoro, MAN 42799). Da Armento Serra Mauta, tomba 10 : Mugione 1996 ; Bianco et al. 1996, p. 245, n. 3.32.3 (G. L’Arab) ; Todisco 2012, I, p. 14.
10. Gruppo intermedio :
skyphos ; A) satiro, B) fig. femminile (Policoro, MAN 207178). Da Armento-Laghi, tomba 2 : Bianco 1996 et al., p. 241, n. 3.31.3 (E. Mugione) ; Todisco 2012, I, p. 14. A giudizio del recensore, opera del P. di Brooklyn-Budapest (fig. 3).

Fig. 3 – Lati A e B dello skyphos da Armento-Laghi, tomba 2.

Fig. 3 – Lati A e B dello skyphos da Armento-Laghi, tomba 2.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

911. Pittore dell'Anabates : skyphos (S. Pietroburgo, Hermitage B.328). Da Armento : Ananich 2005, p. 25, tav. 34.
12. Pittore dell’Anabates : cratere a campana ; due satiri danzanti, menade con skyphos (Melfi, MAN 337766). Da Lavello, tomba 955 ; D. Baldoni
et al. 1993, p. 98, 122, n. 90 ; Silvestrelli 2008, p. 286-287.
13. Officina del Pittore di Dolone : crat. a campana (riparato in antico) ; probabile scena di eroizzazione : un primo guerriero assiste alla consegna della spada da un secondo ad un terzo, seduto, incoronato da Nike (Potenza, MAN 268946). Da S. Martino d’Agri-Tempa Cagliozzo, tomba 27 ; Russo – Vicari Sottosanti
2009, p. 18-19, fig. 34. Precedente rimando al P. di Brooklyn-Budapest in Nava 2005, p. 326 ; dubbi sull'attribuzione sono stati espressi da F. Silvestrelli, mentre il revisore ne propone l'attribuzione ad P. di Bendis, classificato come apulo da Trendall e Cambitoglou (fig. 4).
14. « Ceramografo protolucano » : crat. a campana in cattive condizioni di conservazione ; A) corteo : donna con situla, efebo, bambino con due fiaccole, fig. maschile ; B) colonna con statua di Dioniso affiancata da tre uomini (Policoro, MAN 42673. Da Armento-Serra Mauta, tomba 1 ; Bianco et al. 1996, p. 241, n. 3.31.2 (G. L'Arab).

Fig. 4 – Lato A del cratere a campana da S. Martino d’Agri-Tempa Cagliozzo, tomba 27.

Fig. 4 – Lato A del cratere a campana da S. Martino d’Agri-Tempa Cagliozzo, tomba 27.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

10I dati contenuti nell’elenco B si prestano a diverse considerazione d’insieme. È palese che nel corso dei vari decenni che ci separano dall’opera di Trendall il numero di vasi in questione si è più che raddoppiato (da nove, se si accettano le attribuzioni ad Anzi indicate prima, a 23, senza contare quelli da Rivello), ma è altrettanto evidente che l’incremento non ha la stesso andamento, talora impetuoso, di altre classi di manufatti di valore, quali il vasellame metallico, sebbene vi siano inclusi anche periodi di intensissima attività di scavo.

  • 9 Oltre ai tre vasi da Lavello e Melfi (infra, nota 13) si possono citare la lekythos della tomba 44 (...)

11In altri termini, per l’epoca considerata, la ceramica a f.r. oggetto di questo studio si conferma essere in prevalenza non solo un bene di grande rilievo, ma anche un bene acquisito secondo modalità particolari, le stesse che a quanto sembra valgono anche per le pochissime ceramiche tarantine di epoca corrispondente che si sono andate aggiungendo nello stesso lasso di tempo9.

  • 10 De Juliis 1990, p. 122 ; Corrente 2012, p. 171 ss., n. I.53. F. Silvestrelli mi segnala che parte d (...)
  • 11 Lecce 2010-2011 ; un messa a punto sulla produzione decorata in sovraddipintura, studiata inizialme (...)

12Dal trasformare questo dato nell’indizio di una scarsa capacità della polis achea di esportare ceramiche ad ampio raggio ci mette tuttavia in guardia quel segmento molto particolare della produzione a f.r., gli skyphoi « a civetta » appartenenti allo Spanner Group, già presenti in numero non piccolo (v. elenco C) e con la concreta possibilità che un’attenta verifica sugli esemplari conservati nei musei e depositi dell’intera regione permetta di riconoscerne altri ancora ; del resto, skyphoi della stessa classe e provenienza sono presenti a Canosa nei corredi, si cui si tornerà, dell’ipogeo « dei vimini », mentre un altro figura anche nel corredo, di recente edizione, della tomba 8 di Ascoli Satriano-Valle Castagna10. Appare dunque del tutto ragionevole pensare che una tale diffusione, sensibilmente più ampia di quella dei vasi di maggiori dimensioni ed impegno formale, segnali un’analoga origine metapontina anche per almeno una parte della parallela ed onnipresente classe a v.n., semplice o con decorazione sovraddipinta in rosso11 ; tale sembra essere ad es. buona parte delle ceramiche della tomba cui appartiene il cratere B5.

Skyphoi « a civetta » attribuiti allo Spanner Group

131/3. Lavello, t. 19, 21, 285 (Melfi, MAN 50132, 57377, 111327), sulla base della classificazione di M. Giorgi (in Giorgi et al. 1988, p. 226 s., tav. 114, fig. 210 (numero della tomba errato), tav. 115, fig. 211 s., 220 s.).
4.
Lavello, tomba 600 (Melfi, MAN 332004) : Bottini – Fresa 1991, p. 39, n. 33, tav. XVIII, fig. 71.
5/10. Lavello, tomba 607 (Melfi, MAN 331911/331916) : Bottini – Fresa 1991, p. 46, n. 61-66, tavv. XXVII, fig. 107 ; XXXI, fig. 119 s. (miniaturistici) ; attribuzione in Todisco – Catucci 2007,
CVA, p. 17 (tav. 9).
11, 12. Banzi, tomba 534 (Melfi, MAN 342775, 342776) :
Settis Parra 2005, p. 433 s., n. III.334 (solo il primo esemplare).
13/15. Banzi, t. 88, 251, 405 (Melfi, MAN 183058, ?, 341967), inediti
(attribuzione di chi scrive).

  • 12 Si coglie l’occasione per correggere un’imprecisione: Santa Sofia d'Epiro, indicata in Todisco 2012 (...)

14Il panorama dei luoghi di rinvenimento appare ampliato in modo molto signicativo dai rinvenimenti più recenti. Vi compaiono, infatti, per la prima volta alcuni importanti centri nord-lucani o dell’area finitima : Serra di Vaglio (B2), Ruvo del Monte (B1, B7), Baragiano (B8), Oppido Lucano (B6), Tolve (B5), accanto ai territori in origine enotri, sia con insediamenti (S. Martino d’Agri : B13) che appare agevole considerare espressione della successiva compagine dei Lucani (al pari probabilmente della già nota ma quasi perduta Anzi : A1, A5, A7, A9), sia con siti quali quelli nel territorio di Armento (B9, B14, B10, B11), non solo gravati dalle incertezze nella classificazione cui si è fatto cenno, ma che si collocano anche in un àmbito cronologico e culturale di cui dev’essere ancora messo a punto un modello di lettura, come del resto avviene per il distretto più interno alla regione, tuttora piuttosto mal noto, da S. Mauro Forte (A3), a Croccia Cognato (B3) alla stessa Castronuovo di Sant'Andrea (A2)12.

  • 13 Parte di cratere a calice della cerchia di ceramografi che fa capo al P. della Nascita di Dioniso, (...)

15Nel caso della Daunia ofantino-bradanica, si confermano la prevalenza e la precedenza di Banzi (A4, A6, B4) su Lavello (B12), in linea con la scarsissima propensione iniziale di questo importante insediamento ad acquisire vasi a figure, al pari del suo centro di riferimento, Canosa, compensata dopo l'inizio del IV secolo dall'arrivo di ceramiche tarantine, seppure in contesti particolari13.

16Il fatto che i nuovi rinvenimenti – in massima parte crateri – appartengono a corredi di sicura composizione (mentre otto su nove di quelli già noti erano privi di contesto), mostra come sia prevalente l’uso di inserirne uno per tomba ; siamo inoltre certi che, in più di un caso, sono stati detenuti e forse usati a lungo : si pensi alle riparazioni dei vasi di Croccia Cognato B3 e di S. Martino d'Agri – Tempa Cagliozzo B13.

  • 14 Cerchiai 2008, p. 24.

17Ne consegue che, nel corso dei decenni in questione (in seguito la situazione appare notevolmente diversa), essi possono essere il frutto di scelte operate nel tempo, di cui ignoriamo le modalità, ma che sembrano mirare a vasi di pregio e soprattutto, a differenza di quelli metallici intrinsecamente preziosi, dotati di immagini particolari. È ragionevole pensare che si tratti di comunità i cui gruppi dominanti sono in grado, per usare le stesse parole con cui L. Cerchiai ha di recente commentato la diffusione della ceramica attica in area campana, di « appropriarsi [...] del sistema di significati da essa veicolato : un sistema dove le pratiche sociali connesse all’uso dei vasi non possono essere disgiunte dal consumo del loro immaginario »14.

  • 15 Morris 1992, p. 202.
  • 16 Osanna 2008. Ad esse possono forse aggiungersi i rinvenimenti avvenuti alle pendici della collina d (...)
  • 17 Bottini 2013 a.
  • 18 Una prospettiva di ricerca ben illustrata in Verger 2006.

18Almeno in linea di massima, è dunque bene presupporre la possibilità di una distinzione, concettuale oltre che temporale, fra il momento dell’acquisizione e quello della deposizione, specie se si tratta della tomba di qualche esponente di alto livello della comunità ; un elemento che, nel quadro di una ritualità funeraria di sicuro più complessa di quanto non ci riesca di ricostruire (« the burial is only one part of the funeral ritual, and it may not be the most important part »15, come del resto lascia pensare la creazione di strutture dedicate quali quelle riportate in luce sulla collina del Serpente di Ascoli Satriano16) apre la strada anche ad altri scenari : che il corredo sia stato allestito attingendo da uno o più servizi da mensa domestici, tenendo anche conto di quanto sappiamo a proposito dei crateri all'interno delle abitazioni17, ovvero che alla sua formazione concorrano vari gruppi parentelari, uniti da vincoli sociali connessi alla personalità del defunto18.

19L’acquisizione di vasi a f.r. metapontini cade peraltro in un periodo in cui la composizione dei corredi funerari conosce profonde modifiche rispetto alla tradizione arcaica, largamente omogenea almeno nei suoi tratti essenziali, tali per cui si notano differenze non solo fra aree contermini, ma anche fra centri vicini ed appartenenti a tradizioni culturali della stessa matrice, segnalando trasformazioni di carattere sociale e culturale avvenute in un momento che prelude ad altri e più incisivi cambiamenti, sfociate nella « etnogenesi » dei Lucani.

  • 19 Lo Porto 1988-1989, p. 334 ss., Trendall 1967, p. 35, n. 132 ; p. 42, n. 198 ; p. 46, n. 230.
  • 20 Gadaleta 2012, p. 90. Il fenomeno era già stato osservato in Webster 1972, p. 284 ss. a proposito d (...)
  • 21 Ceglie : Labellarte 1988 ; la possibile avvenuta confusione fra due diversi corredi (già Botttini 1 (...)

20Di fatto, una prima, vistosissima diversità separa i centri qui presi in esame, sia nord-lucani che dauni da quelli della Peucezia e all’area bradanico-materana ad essa strettamente connessa che, come si è accennato all’inizio, sembrano intrattenere relazioni privilegiate con i ceramisti delle poleis costiere. Oltre alla deposizione di nuclei di vasi dello stesso ceramografo, quale la tomba 2/1911 di Montescaglioso (Vigna della Pesca della Zingara) con due crateri ed una pelike del P. di Amykos19, vi si registra infatti la comparsa di corredi ricchissimi (anche) di ceramiche a figure di diversa origine e cronologia20 ; ne fanno fede in primo luogo lo straordinario complesso dell’ipogeo di via Martino a Ceglie Peuceta, quindi vari corredi da Gravina in Puglia, Rutigliano-Purgatorio ed infine Pisticci, Casale-Cimitero21.

  • 22 Baldoni et al. 1993, p. 57 s. ; determinazione archeometrica : Bottini 1993, p. 756.
  • 23 De Juliis 1990, p. 13 s. sulla possibilità che si tratti di una donna; il rituale della semicremazi (...)
  • 24 Nella stessa tomba 955 figura uno dei non molti candelabro bronzei di produzione etrusca noti dalla (...)
  • 25 Alla prevalente mancanza di crateri nelle tombe femminili non corrisponde peraltro un'analoga assen (...)
  • 26 De Juliis 1990, p. 123, pensa tuttavia all’impiego di muli piuttosto che di cavalli. Si ricorderà l (...)

21In una prospettiva del tutto diversa, nell’area daunio-ofantina, Lavello sembra invece accomunata a Canosa dallo spiccare di figure di sicuro o molto probabilmente femminili ; il riferimento è alla tomba 955 del primo centro22, ed alla deposizione della cella A dell’ipogeo « dei vimini » di Canosa23 accompagnate da ricchissimi corredi che, per la parte fittile, culminano entrambi con un cratere a campana a f.r. del P. Dell’Anabates (cfr. sopra B1224), ed includono lo strumentario in metallo da cucina e da mensa (quello della deposizione lavellese è anzi di gran lunga il più ampio ed articolato mai rinvenuto nella Daunia ofantina), esibendo una connotazione emergente che in contesti precedenti25 non si esiterebbe a considerare maschile, incluso il privilegio di avvalersi di animali aggiogati, cui allude la presenza dei finimenti26.

  • 27 De Juliis 1990, p. 128 s.
  • 28 Che si tratti realmente di uno specifico complesso funzionale lo dimostra con un’evidenza altriment (...)
  • 29 Bottini – Fresa 1991, p. 44 s., 49 s.

22Nei corredi della cella B del medesimo ipogeo, specie in quello del defunto posto a sinistra, forse il più recente27, figura inoltre una serie di recipienti di dimensioni molto ridotte, gli stessi che assumono una funzione determinante in altri due eccezionali corredi della prima metà del IV sec. di Lavello, in cui entrano a far parte di un sistema fondato sulla costante corrispondenza fra una forma per versare ed una per bere o libare, sia di dimensioni normali che – come si è annotato a proposito degli skyphoi « a civetta » – miniaturistiche28 (C5/10) : la tomba 607, bisoma, e la deposizione più antica della tomba a camera 66929, una delle prime che documenti anche quell’introduzione di un intero set di vasi a f.r. destinata a divenire uno dei caratteri più significativi dei grandi contesti dauni dalla metà circa del IV secolo in poi.

  • 30 Lamboley 1982, p. 101 s.
  • 31 Cfr. Grelle – Silvestrini 2013, p. 11-69 ; si avverte tuttavia la necessità di una completa messa a (...)
  • 32 Gargano 2009 ; Mazzei 1995, p. 52 s.

23È certamente da sottolineare che tale mutamento corrisponde a Canosa all’affermarsi di un criterio distributivo degli ipogei del tutto nuovo, a quanto già notava J.-L. Lamboley legato ai tracciati stradali30, indizio evidente di una profonda ristrutturazione del contesto socio-politico31 di cui la « forma » dell’abitato è conseguenza e principale testimonianza ; in modo meno evidente la possiamo rilevare anche in centri come Monte Sannace e soprattutto Arpi32.

  • 33 Anche il cratere a campana attribuito al P. Altamura 3 (cerchia del P. di Digione) in Trendall Ca (...)
  • 34 Bottini 2008 ; Nardella – Setari 2008 ; Ciriello 2008.
  • 35 Si deve osservare in proposito che tale comportamento è già praticato in area « nord-lucana », a gi (...)
  • 36 Bottini 1990.

24A quanto precede, tranne la collocazione di un solo vaso a f.r. per volta33, almeno per il momento è estranea Banzi, dove si osserva però un trattamento peculiare per alcuni bambini, verosimilmente appartenenti a famiglie di altissimo livello : nell’abitato di Piano Carbone34, la tomba 419 documenta l’inserimento di un bel cratere a f.r. attico dei decenni centrali del V secolo in un corredo relativo quasi di sicuro femminile35 e la successiva tomba 239 applica, con la deposizione del caratteristico chous, il rituale delle Anthesterie ad un piccolo di cui non viene messo in rilievo il genere36 ; un elemento su cui si tornerà fra poco.

  • 37 Bottini 2013 b.
  • 38 Mele 2013; per gli aspetti archeologici v. Bottini 1992, 104 ss., Bottini 2012.

25Nel territorio nord-lucano, infine, è da notare in primo luogo come la pur ridottissima deposizione di ceramica a f.r. riguardi anche tombe all’apparenza prive di una speciale connotazione (si vedano gli esemplari B5 e B6), accanto a quelle manifestamente emergenti o comunque molto particolari, alle quali è stata già riservata un’attenzione specifica37, anche in ragione delle possibili implicazioni religiose dell’introduzione di alcuni oggetti importati di elevato livello qualitativo. Si tratta in primo luogo della della coppia di tombe 64 e 65 di Ruvo del Monte, per le quali si è proposta una lettura che, valorizzando l’eguale soggetto salvifico (il ratto di un efebo da parte di Eos/Thesan) del gruppo sommitale del candelabro vulcente inserito nel contesto femminile che dal cratere B1 (la cui rilevanza intrinseca è indicata dal fatto stesso di essere a calice e non a campana : su 94 crateri attribuiti al ceramografo, solo sette sono a calice e quattro a colonnette) di quello maschile, la collega alla diffusione del Pitagorismo, in conseguenza del predominio politico acquisito nella città achea38.

26Un’analisi analoga ha riguardato anche la singolare sepoltura 68 di Serra di Vaglio (femminile ?), rinvenuta al centro dell’area abitata e probabilmente caratterizzata dal rarissimo uso dell’incinerazione, in cui alcuni manufatti rinviano al dionisismo ed ai rituali delle Anthesterie e dove compare appunto un secondo cratere, questa volta a campana, dello stesso ceramografo e recante il medesimo episodio mitico (B2).

  • 39 Russo, Di Giuseppe 2008; scheda del corredo, p. 553 ss. (A. Bruscella); foto d'insieme, p. 99, fig. (...)
  • 40 Bruscella 2008, p. 98.
  • 41 Spineto 2005, p. 99 s.

27Su di un piano piuttosto diverso, ma non meno innovativo, si pone la sepoltura femminile 57 di Baragiano-Toppo S. Antonio, dominata da una hydria del P. di Amykos (B8)39, per la quale si è molto insistito sull’evidente acquisizione di vasellame di tipo greco relativo alla sfera dei profumi ; non vi mancano tuttavia altri aspetti di grande interesse, quali la presenza dello strumentario in metallo (lebete-tripode in bronzo e ferro, coppa in bronzo, candelabro, kreagra e spiedi in ferro) forse servito per celebrare anche un sacrificio cruento in loco40, che, seppure in forme più sobrie, ricorda indubbiamente l'analoga connotazione della citata tomba lavellese 955 e – forse per la prima volta in modo completo nell'àmbito di questo territorio – del set cerimoniale di ceramiche d’uso (mortaio, due lopades), ancora una volta ricollegabili alle Anthesterie, ma nella loro terza giornata, quella detta appunto dei chytroi41.

  • 42 Fracchia – Gualtieri 2009.
  • 43 Gualtieri 1990, p. 163 in part.

28Ad un costume diverso, che trova piuttosto elementi di analogia con quello peuceta, seppure a scala molto ridotta, si allineano invece i corredi delle tombe 2 e 4 di Rivello-Serra la città (v. appendice), che prevedono entrambi la presenza – tra l’altro – di un nucleo omogeneo formato da una hydria e due skyphoi probabilmente uscito da un’unica officina : un comportamento che li fa accostare anche (e probabilmente soprattutto) ai rituali adottati da comunità che non esitiamo a definire lucane, ad iniziare da quella insediata nel sito cilentano di Roccagloriosa, le cui tombe formano una sequenza compresa fra 400 e 290 a.C.42 ; uno dei corredi più antichi (tomba 6, maschile), conteneva tra l’altro una hydria e due skyphoi a f.r. che M. Gualtieri confronta proprio con quelli dalla stessa Rivello43.

  • 44 Lombardi 1987, p. 74 s.
  • 45 Denoyelle 2002.
  • 46 Sulla quale v. da ultimo Guzzo 2009-2010.

29Si tratta di un atteggiamento che possiamo ricostruire in via ipotetica ma non senza fondamento (se pensiamo ad es. ai citati corredi rinvenuti nel territorio di Albano di Lucania, nella valle del Basento) a proposito dei complessi rinvenuti nel XIX secolo ad Anzi, dove le scarne indicazioni di provenienza note per alcuni vasi ricuperati nel corso degli scavi di rapina di epoca borbonica44 documentano un evidente momento di fioritura corrispondente all’epoca in cui sono diffuse le opere dei Pittori di Brooklyn-Budapest – nome che cela in realtà più di un ceramografo45 – e delle Coefore, forse in continuità con i decenni precedenti (A1, A5, A7, A8, A9), e soprattutto nell’area di Armento46.

30Esso tuttavia non appare affatto esclusivo, come mostra il caso di S. Martino d'Agri-Tempa Cagliozzo dove la prima tomba del nucleo che si insedia accanto ad abitato arcaico, cessato verso la metà del V sec., conteneva un solo vaso a f.r., il problematico cratere B13.

31In definitiva, è possibile pensare che, nel caso dei Lucani, cui non sembra poter peraltro attribuire la preferenza per un modello univoco di comportamento nel campo dei rituali funerari e che in più casi sembrano riproporre, in tutto o in parte, scelte precedenti, risulti determinante l’appartenenza a centri di maggiori dimensioni dalla più ampia articolazione sociale rispetto alle piccole fattorie disseminate nel territorio.

  • 47 Bottini – Lecce, c.d.s.
  • 48 Roscino 2009 ; Bottini 2011.

32Per quanto riguarda infine il contenuto iconografico, lasciando per ora da parte il caso senz’altro di maggior interesse – il cratere B14 non ancora attribuito della tomba 1 di Armento-Serra Mauta – che richiede un approfondimento anche da questo punto di vista (non facilitano le pessime condizioni di conservazione), e richiamando solo la già più volte rilevata e discussa coincidenza di soggetto fra i due crateri del Pittore di Pisticci B1 e B2, è senz’altro da sottolineare la significativa congruenza della scena « eroizzante » raffigurata sul lato A del cratere B13 (come si è già rilevato oggetto di restauro e dunque presumibilmente conservato a lungo) e la sua deposizione in una tomba maschile, in una esatta replica di quanto predisposto per la singolare sepoltura di Croccia Cognato47, dove però le immagini del più antico esemplare del Pittore di Pisticci B3 sono assai più generiche. Come suggeriscono anche le recenti osservazioni relative alle raffigurazioni di guerrrieri indigeni nella ceramografia italiota48, sembra di potervi ravvisare le conseguenze di un’attenzione particolare per temi e talora per iconografie specifiche, adatti alle esigenze ed alle mentalità delle loro controparti italiche, sviluppata dai pittori di vasi metapontini di seconda e terza generazione.

Haut de page

Bibliographie

Ananich 2005= E. Ananich, CVA, The State Hermitage Museum, 1, Lucanian Vases, Roma, 2005.

Baldoni et al. 1993 = D. Baldoni et alii (a cura di), Due donne dell’Italia antica : corredi da Spina e Forentum [cat. mostra, Comacchio 1993-1994], Padova, 1993.

Barresi 2005 = S. Barresi, I vasi del Gruppo Intermedio e la prima fase della ceramografia italiota in ambito ionico : proposta di analisi e brevi considerazioni, in Denoyelle 2005, p. 143-153.

Bartoloni 2003 = G. Bartoloni, Le società dell’Italia primitiva : lo studio delle necropoli e la nascita delle aristocrazie, Roma, 2003.

Bianco 1996 = S. Bianco et alii (a cura di), Greci, Enotri, Lucani nella Basilicata meridionale [cat. mostra, Policoro 1996], Napoli, 1996.

Bianco 2011 = S. Bianco, Enotria. Processi formativi e comunità locali : la necropoli di Guardia Perticara, Lagonegro, 2011.

Bottini 1982 = A. Bottini, Il Melfese fra VII e V sec. a. C., in DArch, 4, 2, 1982, p. 152-160.

Bottini 1985 a = A. Bottini, Due crateri protoitalioti dal Melfese, in BdA, 30, 1985, p. 55-60.

Bottini 1985 b = A, Bottini, Uno straniero e la sua sepoltura, la tomba 505 di Lavello, in DArch, 3 s., 1985, 1, p. 59-68.

Bottini 1987 = A. Bottini, I Lucani, in Magna Grecia. II. Politica, società, economia, Milano, 1987, p. 259-280.

Bottini 1989 = A. Bottini, Il mondo indigeno nel V sec. a.C. : due studi, in Bollettino storico Basilicata, 5, 1989, p. 161-180.

Bottini 1990 = A. Bottini, Una tomba di Banzi e le Anthesterie, in PP, 252, 1990, p. 206-220.

Bottini 1992 = A. Bottini, Archeologia della salvezza : l’escatologia greca nelle testimonianze archeologiche, Milano, 1992.

Bottini1993 = A. Bottini, L’attività archeologica in Basilicata : 1992, in Sibari e la Sibaritide [atti XXXII conv. Magna Grecia,Taranto 1992], Napoli, 1993, p. 755-768.

Bottini 1996 = A. Botttini, Dioniso e Apollo : i grandi crateri di Celia, in C. Gelao (a cura di), Studi in on. di Michele D’Elia, Spoleto, 1996, p. 46-52.

Bottini 2007 = A. Bottini, Re e dinasti italici : il problema della documentazione archeologica, in P. Scarpi, M. Zago (a cura di), Regalità e forme di potere nel Mediterraneo antico [atti conv. int., Padova 2004], Padova, 2007, p. 137-155.

Bottini 2008 = A. Bottini, Ripensando il caso di Banzi, in Osanna – Serio 2008, p. 11-16.

Bottini 2011 = A. Bottini, Il Pittore di Dolone all’opera : il caso di un’olla da Ruvo di Puglia, in Ostraka, 20, 1-2, 2011, p. 7-11.

Bottini 2012 = A. Bottini, Tiresia e Pitagora fra Greci e Italici : la nekyia del Pittore di Dolone, in MEFRA, 124-2, 2012, p. 461-474.

Bottini 2013 a = A. Bottini, Il modello insediativo « nord-lucano », in Osanna – Vullo 2013, p. 17-26.

Bottini 2013 a = A. Bottini, Stratificazione sociale e tombe nel V secolo, in Osanna – Vullo 2013, p. 27-34.

Bottini 2013 b = A. Bottini, La panoplia oplitica della tomba 672 di Chiaromonte, in Siris, 13, 2013, p. 33-40.

Bottini – Fresa 1991 = A. Bottini, M. P. Fresa (a cura di), Forentum II : l’acropoli in età classica, Venosa, 1991.

Bottini – Lecce 2013 = A. Bottini, L. Lecce, La mesogaia lucana e il caso di Pisticci, in L. Todisco (a cura di), La comunicazione verbale tra Greci e indigeni in Apulia nel V-IV secolo a.C. : quali elementi ? [atti sem. studi linguistici, archelogici e storici, Bari 2012], Napoli, 2013, p. 45-60.

Bottini – Lecce c.d.s. = A. Bottini, L. Lecce, La tomba 227 di Chiaromonte, c.d.s.

Bottini – Setari 1996 = A. Bottini, E. Setari, Una metropolis della Lucania arcaica, in Ostraka, 5, 1996, 2, p. 205-214.

Bottini – Setari 2003 = A. Bottini, E. Setari, La necropoli di Braida di Vaglio Basilicata : materiali dello scavo del 1994, Roma, 2003 (Monumenti Antichi Serie Miscellanea, VII).

Bottini 1998 = P. Bottini (a cura di), Greci e indigeni tra Noce e Lao, Lavello, 1998.

Bruscella 2008 = A. Bruscella, Un nuovo settore dell'abitato antico di Baragiano, in Russo Di Giuseppe 2008, p. 89-103.

Bruscella 2013 = A. Bruscella, Tomba 57, in Osanna – Vullo 2013, p. 298-303.

Calandra 2008 = E. Calandra, La ceramica sovraddipinta apula e la ceramica di Gnathia. Osservazioni e spunti di riflessione : un’ipotesi per Ruvo, in ACME, 61, 2, 2008, p. 3-32.

Canosa 2007 = M. G. Canosa, Una tomba principesca da Timmari, Roma, 2007 (Monumenti Antichi Serie Miscellanea, XI).

Cerchiai 2008 = L. Cerchiai, Euphronios, Kleophrades, Brygos : circolazione e committenza della ceramica attica a fr in Occidente, in Workshop, 5, 2008, p. 9-27.

Cerchiai 2010 = L. Cerchiai, Gli antichi popoli della Campania, Roma, 2010.

Chieco Bianchi et al. 1988 = A. M. Chieco Bianchi et alii, Italia omnium terrarum alumna : la civiltà dei Veneti, Reti, Liguri, Celti, Piceni, Umbri, Latini, Campani e Iapigi, Milano, 1988.

Ciancio 1997 = A. Ciancio, Silbìon. Una città tra greci e indigeni : la documentazione archeologica del territorio di Gravina in Puglia dall'ottavo al quinto secolo a. C., Bari, 1997.

Ciancio 2005 = A. Ciancio, Recenti acquisizioni di ceramica italiota da Gravina di Puglia, in Denoyelle et al. 2005, p. 47-57.

Ciriello 2008 = R. Ciriello, Banzi : l'esplorazione della necropoli di Piano Carbone. Campagna di scavo 1993-1995, in Osanna – Serio 2008, p. 27-32.

Corrente 2012 = M. Corrente (a cura di), Lo spreco necessario : il lusso nelle tombe di Ascoli Satriano [cat. mostra, Ascoli Satriano 2012], Foggia, 2012.

D’Henry 1981 = G. D’Henry, Una tomba a Nocera della seconda metà del V secolo : problemi di inqudramento, in AnnAStorAnt 3, 1981, p. 159-174.

De Juliis 1990 = E. M. De Juliis, L'Ipogeo dei vimini di Canosa, Bari, 1990.

Denoyelle 2002 = M. Denoyelle, Style individuel, style local et centres de production : retour sur le cratère des « Karneia », in MEFRA, 114, 2, 2002, p. 587-609.

Denoyelle et al. 2005 = M. Denoyelle et alii (a cura di), La céramique apulienne : bilan et perspectives [actes table ronde, Naples 2000], Napoli, 2005.

Fontannaz 2005 = D. Fontannaz, La céramique proto-apulienne de Tarente, in Denoyelle 2005, p. 125-141.

Fracchia – Gualtieri 2009 = H. Fracchia, M. Gualtieri, Roccagloriosa (SA) : organizzazione insediativa e sviluppi istituzionali (IV-III sec. a. C.), in M. Osanna (a cura di), Verso la città : forme insediative in Lucania e nel mondo italico fra IV e III sec. a.C. [atti gior. studio, Venosa 2006], Venosa, 2009, p. 119-142.

Gadaleta 2012 = G. Gadaleta, Provenienze e contesti, in Todisco 2012, II, p. 77-109.

Gargano 2009 = M. P. Gargano, Le necropoli di un insediamento della Peucezia : il caso di Monte Sannace, in Siris, 10, 2009, p. 81-97.

Giorgi et al. 1988 = M. Giorgi et alii, Forentum I : le necropoli di Lavello, Venosa, 1988.

Greco 1981 = G. Greco (a cura di), L'evidenza archeologica nel Lagonegrese [cat. mostra, Rivello 1981], Matera, 1981.

Greco 2013 = G. Greco, Serra di Vaglio. La tomba 68, in Osanna – Vullo 2013, p. 304-312.

Grelle – Silvestrini 2013 = F. Grelle, M. Silvestrini, La Puglia nel mondo romano : storia di una periferia (Dalle guerre sannitiche alla guerra sociale), Bari, 2013.

Gualtieri 1990 = M. Gualtieri, Rituale funerario di un’aristocrazia lucana (fine V-inizio III sec. a C.), in M. Tagliente (a cura di), Italici in Magna Grecia : lingua, insediamenti e strutture, Venosa, 1990, p. 161-214

Guzzo 2009-2010 = P. G. Guzzo, Sulla corona di Armento, in RIA, 64-65, 2009-2010, p. 9-35.

Labellarte 1988 = M. Labellarte, Via Giuseppe Martino, in G. Andreassi, F. Radina (a cura di), Archeologia di una città : Bari dalle origini al X secolo [cat. mostra], Bari, 1988, p. 304-339.

Lamboley 1982 = J.-L. Lamboley, Les hypogées indigènes apuliens, in MEFRA, 94, 1, 1982, p. 91-148.

Lecce 2010-2011 = L. Lecce, Una fornace tardoarcaica nella chora di Metaponto, in Siris, 11, 2010-2011, p. 15-44.

Lippolis 1996 a = E. Lippolis, Lo stile protoapulo e apulo antico e medio, in Lippolis 1996 b, p. 377-393.

Lippolis 1996 b = E. Lippolis (a cura di), Arte e artigianato in Magna Grecia [cat. mostra, Taranto 1996], Napoli, 1996.

Lo Porto 1988-1989 = F. G. Lo Porto, Metaponto (Matera) : rinvenimenti nella città antica e nel suo retroterra ellenizzato, in NSc, 1988-1989, p. 299-441.

Lombardi 1987 = A. Lombardi, La corona di Critonio : viaggio tra antiche città in Lucania, Venosa, 1987 (edizione originale 1836).

Mangone et al. 2009= A. Mangone et alii, Technological Features of « Gnathia » Pottery, in X-RAY Spectrometry, online in Wiley Interscience: 28 May 2009.

Mannino 1996 = K. Mannino, Gli ateliers attici e la nascita della produzione figurata, in Lippolis 1996 b, p. 363-370.

Mazzei 1995 = M. Mazzei, Arpi : l’ipogeo della Medusa e la necropoli, Bari, 1995.

Mele 2013 = A. Mele, Pitagora : filosofo e maestro di verità, Roma, 2013.

Moles et al. 1992 = P. G. Moles et alii, Testimonianze archeologiche nel territorio di Tolve, Matera-Ferrara 1992.

Morris 1992= J. Morris, Death-Ritual and Social Structure in Classical Antiquity, Cambridge, 1992.

Mugione, E. 1996, Le importazioni di ceramica figurata, in Bianco 1996, p. 215-218.

Nardella – Setari 2008 = C. Nardella, E. Setari, Le necropoli di Banzi : dati preliminari per una riceca sistematica, in Osanna – Serio 2008, p. 17-26.

Nava 2005 = M. L. Nava, L’attività archeologica in Basilicata nel 2004, in Tramonto della Magna Grecia [Atti XLIV conv. Magna Grecia, Taranto 2004], Napoli, 2005, p. 313-386.

Osanna 2008 = M. Osanna, Monumenti, commemorazione e memoria in Daunia : la collina del Serpente di Ascoli Satriano tra età arcaica e conquista romana, in G. Volpe, M. J. Strazzulla, D. Leone (a cura di), Storia e archeologia della Daunia in ricordo di Marina Mazzei [atti giornate studio, Foggia 2005], Bari, 2008, p. 149-170.

Osanna – Serio 2008 = M. Osanna, B. Serio (a cura di), Per un progetto di archeologia a Banzi [atti giornata di studio], in Progetti di archeologia in Basilicata : Banzi e Tito, Bari, 2008 (Siris, II suppl.), p. 7-68.

Osanna – Vullo 2013 = M. Osanna, M. Vullo (a cura di), Segni del potere : oggetti di lusso dal Mediterraneo nell'Appennino lucano di età arcaica [cat. mostra, Potenza 2013], Venosa, 2013.

Pontrandolfo 1996 = A. Pontrandolfo, La ceramica lucana a figure rosse, in Bianco 1996, p. 206-214.

Pontrandolfo – Mugione 1996 = A. Pontrandolfo, E. Mugione, Anzi, in La Magna Grecia nelle collezioni del Museo archeologico di Napoli [cat. mostra, Napoli 1996], Napoli, 1996, p. 46-48 (testo : A. Pontrandolfo) ; p. 49-53 (catalogo : E. Mugione).

Pouzadoux 2013 = C. Pouzadoux, Éloge d'un prince daunien : mythes et images en Italie méridionale au IVe siècle av. J.-C., Roma, 2013 (BEFAR, 352).

Radi Osanna Colangelo 2011 = G. Radi, M. Osanna, L. Colangelo, Una via di transito tra lo Jonio e il Basento : testimonianze archeologiche del medio Basento, Lavello, 2011.

Robinson 1990= E. G. D. Robinson, Between Greek and Native: the Xenon Group, in Greek Colonists and Native Populations [Proceedings of the First Australian Congress of Classical Archaeology, Sydney 1985], Oxford, 1990, p. 251-265.

Roscino 2009 = C. Roscino, Con gli occhi dell’altro : gli esordi della rappresentazione di Italici sui vasi lucani e apuli a figure rosse tra la fine del V e gli inizi del IV secolo a.C., in Ostraka, 18, 2, 2009, p. 483-507.

Russo 2008 = A. Russo, La tomba della signora degli oli profumati, in Russo – Di Giuseppe 2008, p. 105-113.

Russo Di Giuseppe 2008 = A. Russo, H. Di Giuseppe, Felicitas temporum. Dalla terra alle genti : la Basilicata settentrionale tra archeologia e storia, Lavello, 2008.

Russo Di Lieto 2008 = A. Russo, M. Di Lieto, Il territorio del Marmo : Platano, in Russo – Di Giuseppe 2008, p. 29-87.

Russo – Vicari Sottosanti 2009 = A. Russo, M. A. Vicari Sottosanti, Tra Enotri e Lucani : le necropoli del V e IV secolo a.C. in località Tempa Cagliozzo di San Martino d’Agri (PZ), in Fasti online, 2009.

Settis Parra 2005 = S. Settis, M. C. Parra (a cura di), Magna Grecia : archeologia di un sapere [cat. mostra, Catanzaro 2005], Milano, 2005.

Silvestrelli 2005 = F. Silvestrelli, Le fasi iniziali della ceramica a figure rosse nel kerameikos di Metaponto, in Denoyelle 2005, p. 113-141.

Silvestrelli 2008 = F. Silvestrelli, La distribuzione della ceramica a figure rosse dei Pittori di Creusa, di Dolone e dell’anabates, in Le perle e il filo : a Mario Torelli per i suoi settanta anni, Venosa, 2008, p. 279-300.

Sisto 2006 = M. A. Sisto, Nestorides, in Ostraka, XV, 2, 2006, p. 363-406.

Spineto 2005 = N. Spineto, Dionysos a teatro : il contesto festivo del dramma greco, Roma, 2005.

Thorn Glascock 2010= J. Thorn, M. Glascock, New Evidence for Apulian Red-Figure Production Centres, in Archaeometry, 52, 5, 2010, p. 777-795.

Todisco 2012 = L. Todisco (a cura di), La ceramica a figure rosse della Magna Grecia e della Sicilia, Roma, 2012.

Todisco Catucci 2007 = L. Todisco, M. Catucci, CVA, Museo nazionale di Matera Domenico Ridola 1 [Collezione Rizzon], Roma, 2007.

Trendall 1967= A. D. Trendall, The Red-Figured Vases of Lucania, Campania and Sicily, Oxford, 1967.

Trendall 1983= A. D. Trendall, The Red-Figured Vases of Lucania, Campania and Sicily, III Suppl. (Consolidated), Londra, 1983 (BICS, Suppl. 41).

Trendall Cambitoglou 1978= A. D. Trendall, A. Cambitoglou, The red-figured Vases of Apulia, I, Oxford, 1978.

Verger 2006 = S. Verger, La grande tombe de Hochdorf, mise en scène funéraire d’un cursus honorum tribal hors pair, in Siris, 7, 2006, p. 5-44.

Visconti 2011 = G. Visconti, Ceramica figurata e sovraddipinta, in I. Battiloro, M. Osanna (a cura di), Brateís Datas : pratiche rituali, votivi e strumenti del culto dai santuari della Lucania antica [atti delle giornate di studio sui santuari lucani, Matera 2010], Venosa, 2011, p. 277-282.

Von Känel 1991 = H.-M. Von Känel, Armi e strumenti. Cinturoni, in Bottini – Fresa 1991, p. 103-106.

Webster 1972= T. B. L. Webster, Potter and Patron in Classical Athens, Londra, 1972.

Wojcik 1981 = M. R. Wojcik, Oppido Lucano (Potenza), in StEtr, 49, 1981, p. 483-484.

Haut de page

Annexe

Rinvenimenti di Rivello-Serra la città

1. Officina del P. di Pisticci : cratere a calice, molto lacunoso ; oplita, piccolo Erote, donna, (Rivello, 70554). Tomba 3 ; Greco 1981, p. 28 ss., tav. XI, 4-5 (fig. 5).

Fig. 5 – Lato A del cratere a calice da Rivello-Serra la città, tomba 3.

Fig. 5 – Lato A del cratere a calice da Rivello-Serra la città, tomba 3.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

2. Gruppo intermedio : hydria, lacunosa ; scena nuziale : ancella donna seduta, efebo (Rivello, 70526). Tomba 2 ; Greco 1981, p. 26 s., tav. X, 1 (fig. 6).

Fig. 6 – Hydria da Rivello-Serra la città, tomba 2.

Fig. 6 – Hydria da Rivello-Serra la città, tomba 2.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

3. Gruppo intermedio : skyphos, lacunoso ; A) efebo, B) fig. femminile (Rivello, 70527). Tomba 2 ; Greco 1981, p. 26 s., tav. X, 2-3, contra Barresi 2005, p. 145, nota 6 (fig. 7).

Fig. 7 – Lati A e B dello skyphos 70527 da Rivello-Serra la città, tomba 2.

Fig. 7 – Lati A e B dello skyphos 70527 da Rivello-Serra la città, tomba 2.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

4. Gruppo intermedio : skyphos, molto lacunoso ; A) fig. maschile e fig. femminile, B) fig. femminile seduta e fig. maschile (Rivello, 70553). Tomba 2 ; Greco 1981, p. 26 s., tav. X, 4-5, contra Barresi 2005, p. 145, nota 6 (fig. 8).

Fig. 8 – Lati A e B dello skyphos 70553 da Rivello-Serra la città, tomba 2.

Fig. 8 – Lati A e B dello skyphos 70553 da Rivello-Serra la città, tomba 2.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

5. Gruppo intermedio : hydria ; tre fig. femminili, la centrale seduta (Rivello, 70494). Tomba 4 ; Bottini 1998, p. 63 e 76, n. 2 (fig. 9).

Fig. 9 – Hydria da Rivello-Serra la città, tomba 4.

Fig. 9 – Hydria da Rivello-Serra la città, tomba 4.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

6. Gruppo intermedio : skyphos ; A) fig. maschile, B) fig. femminile (Rivello, 70481). Tomba 4 ; Bottini 1998, p. 63 e 77, n. 4 (fig. 10).

Fig. 10 – Lati A e B dello skyphos 70481 da Rivello-Serra la città, tomba 4.

Fig. 10 – Lati A e B dello skyphos 70481 da Rivello-Serra la città, tomba 4.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

7. Gruppo intermedio : skyphos ; A) satiro, B) fig. femminile (Rivello, 70482). Tomba 4 ; Bottini 1998, p. 63 e 77, n. 3 (fig. 11).

Fig. 11 – Lati A e B dello skyphos 70482 da Rivello-Serra la città, tomba 4.

Fig. 11 – Lati A e B dello skyphos 70482 da Rivello-Serra la città, tomba 4.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

8. Ceramografico vicino al Pittore dell’Anabates : squat-lekythos ; efebo seduto, fig. femminile (Rivello, 70480). Tomba 4 ; Bottini 1998, p. 63 e 78 s., n. 8 ; Todisco 2012, I, p. 19 (fig. 12).

Fig. 12 – Squat-lekythos da Rivello-Serra la città, t. 4.

Fig. 12 – Squat-lekythos da Rivello-Serra la città, t. 4.

© Soprintendenza Archeologia della Basilicata.

Haut de page

Notes

1 Ringrazio Antonio De Siena, già Soprintendente per i Beni Archeologici della Basilicata, cui devo l’accesso ai materiali ed alla relativa documentazione ; con lui Mara Romaniello per il paziente (e prezioso) aiuto nel reperirli e Nicola Figliuolo, che ha messo a disposizione le foto dell’archivio fotografico. Sono altresì grato a Francesca Silvestrelli, con la quale sono numerosi e frequenti gli scambi di opinione, di carattere generale ma anche specifici, come dimostrano alcune osservazioni riportate di seguito ; aggiungo infine un analogo ringraziamento all’anonimo recensore dell’articolo per i suggerimenti dello stesso tenore, lieto di aver contribuito a richiamare l’attenzione anche sotto il profilo filologico su vasi rimasti un po’ in ombra.

2 Come definito già da alcuni decenni fa : Bottini 1982.

3 Osanna – Vullo 2013 ; Bianco 1996 ; v. anche Bianco 2011.

4 Bottini 2013 c.

5 Silvestrelli 2005.

6 Tuttora inediti, in parte esposti a Potenza, MAN ; si v. per il momento Bottini 1987. In generale sulla produzione « lucana » : Gadaleta 2012, p. 68.

7 Visconti 2011.

8 Barresi 2005.

9 Oltre ai tre vasi da Lavello e Melfi (infra, nota 13) si possono citare la lekythos della tomba 44 di Baragiano, di cui si propone l'attribuzione al P. Hearst o a quello di Sisifo (Russo Di Lieto 2008, p. 74, fig. 80; cfr. anche Russo Di Giuseppe 2008, p. 547, scheda 227) ed i frammenti di cratere a camp. della tomba 36 della stessa località, assegnati alla cerchia del P. del Prigioniero (Russo Di Lieto 2008, fig. 16); infine, è stata avanzata l'attribuzione al P. Tarporley del cratere a camp. da Armento-Serra Mauta, tomba 10 (Mugione 1996).

10 De Juliis 1990, p. 122 ; Corrente 2012, p. 171 ss., n. I.53. F. Silvestrelli mi segnala che parte della ceramica a vn della tomba in questione è di produzione metapontina.

11 Lecce 2010-2011 ; un messa a punto sulla produzione decorata in sovraddipintura, studiata inizialmente in Robinson 1990, è stata elaborata in Calandra 2008. A quanto sembra, recenti indagini archeometriche indicano l’esistenza di una certa contiguità fra le diverse tecniche di decorazione mediante l'uso di colori aggiunti : Mangone et al. 2009 ; altre (Thorn – Glascock 2010), che spingono invece ad avvalorare l’ipotesi di una dislocazione dei centri di produzione, necessitano un ulteriore approfondimento. Per il rapporto fra classi diverse nell’ambito del kerameikos metapontino v. Silvestrelli 2005.

12 Si coglie l’occasione per correggere un’imprecisione: Santa Sofia d'Epiro, indicata in Todisco 2012, I, p. 7, come luogo di rinvenimento di un vaso vicino nello stile al P. delle Carnee, è in provincia di Cosenza, e va dunque ascritto al Bruzio.

13 Parte di cratere a calice della cerchia di ceramografi che fa capo al P. della Nascita di Dioniso, rinvenuto in una struttura abitativa : Bottini 2007, fig. 10 s. ; grande skyphos attribuito al P. delle Lunghe Falde (dei Lunghi Risvolti) : Bottini 1985 b. È probabile che abbia risalito la valle dell'Ofanto passando per Lavello anche un cratere a campana molto lacunoso da Melfi-Chiuchiari (fuori contesto ed inedito) attribuibile alla bottega del P. di Tarporley. Da ultimo, in proposito Pouzadoux 2013, p. 26 s.

14 Cerchiai 2008, p. 24.

15 Morris 1992, p. 202.

16 Osanna 2008. Ad esse possono forse aggiungersi i rinvenimenti avvenuti alle pendici della collina di Botromagno (Gravina in Puglia) lungo il costone occidentale della Gravina, in via S. Stefano : Ciancio 1997, p. 267-277.

17 Bottini 2013 a.

18 Una prospettiva di ricerca ben illustrata in Verger 2006.

19 Lo Porto 1988-1989, p. 334 ss., Trendall 1967, p. 35, n. 132 ; p. 42, n. 198 ; p. 46, n. 230.

20 Gadaleta 2012, p. 90. Il fenomeno era già stato osservato in Webster 1972, p. 284 ss. a proposito di molti corredi dalla Campania e da Spina, cui si può aggiungere anche d'Henry 1981. Almeno per il momento, sembra opportuno tenerlo distinto da quello, estremamente più diffuso e di sicuro più antico, che ha per oggetto i manufatti in metallo: per V e IV sec., v. la tomba 599 di Lavello, in cui è stato deposto almeno un cinturone più antico (Von Känel 1991) e la tomba 33 di Timmari, dove figura una Griff-phiale tardo-arcaica (Canosa 2007, p. 108 s., 145 s., n. 114, tav. XLVIII).

21 Ceglie : Labellarte 1988 ; la possibile avvenuta confusione fra due diversi corredi (già Botttini 1996), ipotizzata in Lippolis 1996 a, p. 382, non modificherebbe il quadro in modo sostanziale. Gravina-Botromagno : t. 1/1967, 1-3/1994 (Ciancio 1997 ; Lippolis 1996 b, p. 407 s., Mannino 1996) ; Gravina-Padreterno : tomba 10/1999 (Ciancio 2005). Rutigliano: t. 9, 10, 24 (Lippolis 1996 b, p. 408 s., Mannino 1996) ; per la tomba 24 v. anche la lettura iconologica proposta in Fontannaz 2005. Pisticci : t. 1 e 2/1986 (per il momento Bottini – Lecce 2013).

22 Baldoni et al. 1993, p. 57 s. ; determinazione archeometrica : Bottini 1993, p. 756.

23 De Juliis 1990, p. 13 s. sulla possibilità che si tratti di una donna; il rituale della semicremazione ha infatti reso indeterminabile il sesso dei resti rinvenuti.

24 Nella stessa tomba 955 figura uno dei non molti candelabro bronzei di produzione etrusca noti dalla mesogaia, secondo un costume che la avvicina alla tomba 89 del centro sannita di Carife, dov’è presente anche un cratere del P. di Dolone : Silvestrelli 2008, p. 286 s.

25 Alla prevalente mancanza di crateri nelle tombe femminili non corrisponde peraltro un'analoga assenza di recipienti metallici connessi con la sfera alimentare; ad es. in tutte le tombe di Braida di Vaglio sono stati deposti i lebeti-tripode dotati di tre piedi in ferro : Bottini – Setari 2003. È peraltro noto come in area campana l'attribuzione a donne di rango elevato di vasi relativi al consumo del vino risulti piuttosto antico (Cerchiai 2010, p. 44), sebbene il modello tirrenico non sembri univoco (Bartoloni 2003, p. 123 s.).

26 De Juliis 1990, p. 123, pensa tuttavia all’impiego di muli piuttosto che di cavalli. Si ricorderà la scena raffigurata sulla parete destra della tomba dei Cavalieri di Arpi-Montarozzi, di poco più recente : due donne, fra cui la « sacerdotessa », in viaggio su una quadriga condotta da un auriga : Chieco Bianchi et al. 1988, fig. 604.

27 De Juliis 1990, p. 128 s.

28 Che si tratti realmente di uno specifico complesso funzionale lo dimostra con un’evidenza altrimenti rara il fatto che la medesima coppia, iterata un gran numero di volte e formata esclusivamente da vasi in miniatura, costituisce il contenuto della serie di pozzetti del peribolo della vicinissima area sacrale, come esito – si è a suo tempo dimostrato – di un'unica, imponente cerimonia di consacrazione: Bottini – Fresa 1991, p. 135 ss.

29 Bottini – Fresa 1991, p. 44 s., 49 s.

30 Lamboley 1982, p. 101 s.

31 Cfr. Grelle – Silvestrini 2013, p. 11-69 ; si avverte tuttavia la necessità di una completa messa a punto dei dati archeologici.

32 Gargano 2009 ; Mazzei 1995, p. 52 s.

33 Anche il cratere a campana attribuito al P. Altamura 3 (cerchia del P. di Digione) in Trendall Cambitoglou 1978, p. 156, n. 181, è ancora un rinvenimento isolato.

34 Bottini 2008 ; Nardella – Setari 2008 ; Ciriello 2008.

35 Si deve osservare in proposito che tale comportamento è già praticato in area « nord-lucana », a giudicare dall’analoga presenza nel corredo della tomba 102 di Braida di Vaglio, non a caso talora detta « della principessa »: Bottini – Setari 1996, Bottini – Setari 2003, p. 34, n. 74.

36 Bottini 1990.

37 Bottini 2013 b.

38 Mele 2013; per gli aspetti archeologici v. Bottini 1992, 104 ss., Bottini 2012.

39 Russo, Di Giuseppe 2008; scheda del corredo, p. 553 ss. (A. Bruscella); foto d'insieme, p. 99, fig. 14.

40 Bruscella 2008, p. 98.

41 Spineto 2005, p. 99 s.

42 Fracchia – Gualtieri 2009.

43 Gualtieri 1990, p. 163 in part.

44 Lombardi 1987, p. 74 s.

45 Denoyelle 2002.

46 Sulla quale v. da ultimo Guzzo 2009-2010.

47 Bottini – Lecce, c.d.s.

48 Roscino 2009 ; Bottini 2011.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Lato A del cratere a campana, da Oliveto Lucano-Croccia Cognato, tomba 1.
Crédits Radi – Osanna – Colangelo 2011. © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 2 – Lato A del cratere a campana da Tolve-Gambarara, tomba 1.
Crédits Todisco 2012. © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 3 – Lati A e B dello skyphos da Armento-Laghi, tomba 2.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 4 – Lato A del cratere a campana da S. Martino d’Agri-Tempa Cagliozzo, tomba 27.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 5 – Lato A del cratere a calice da Rivello-Serra la città, tomba 3.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 6 – Hydria da Rivello-Serra la città, tomba 2.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 7 – Lati A e B dello skyphos 70527 da Rivello-Serra la città, tomba 2.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 8 – Lati A e B dello skyphos 70553 da Rivello-Serra la città, tomba 2.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 9 – Hydria da Rivello-Serra la città, tomba 4.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 10 – Lati A e B dello skyphos 70481 da Rivello-Serra la città, tomba 4.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 11 – Lati A e B dello skyphos 70482 da Rivello-Serra la città, tomba 4.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Titre Fig. 12 – Squat-lekythos da Rivello-Serra la città, t. 4.
Crédits © Soprintendenza Archeologia della Basilicata.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Angelo Bottini, « La ceramica a figure rosse di Metaponto nella mesogaia lucana fra V e IV secolo a. C. », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 127-1 | 2015, mis en ligne le 27 mai 2015, consulté le 23 juin 2017. URL : http://mefra.revues.org/2678 ; DOI : 10.4000/mefra.2678

Haut de page

Auteur

Angelo Bottini

angelo-bottini[at]alice.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org