Navigation – Plan du site
Varia

I vasi di bronzo della « Collezione Sansone » di Mattinata (FG)

Osservazioni sulle produzioni e sulla circolazione
Andrea Celestino Montanaro

Résumés

La « Collezione Sansone » è composta per la maggior parte da reperti archeologici provenienti dalla necropoli dell’insediamento daunio di Monte Saraceno presso Mattinata (Fg). Ma è anche vero che essa custodisce numerosi oggetti rinvenuti nelle necropoli dei più importanti siti dauni dell’area garganica (Monte Sant’Angelo, Monte Tabor, Salapia, Siponto, Cupola) e della Daunia settentrionale (Ordona, Arpi, Ascoli Satriano, Tiati-Teanum Apulum, San Severo). In questa sede, si è ritenuto opportuno presentare i vasi di bronzo, ancora inediti e mai considerati dagli studiosi, i quali rivelano alcune caratteristiche formali e stilistiche davvero interessanti e di rilievo, che rimandano in maniera preponderante, a produzioni bronzistiche di ambito etrusco. Si tratta soprattutto di forme utilizzate per la cottura dei cibi (bacili, lebeti), per versare e contenere liquidi (oinochoai, olpai, patere, coppe, colini, situle, stamnoi), tutte funzionali per il rito del simposio.
La presenza di questi ulteriori esemplari nel territorio daunio conferma quanto già era noto a proposito di un’evidente predilezione dei Dauni per gli
agalmata, i « beni di prestigio » esotici o di foggia inconsueta, in questo caso rappresentati dal vasellame metallico. I vasi di bronzo della collezione Sansone, che si aggiungono a quelli già noti provenienti dagli altri contesti della Daunia, rappresentano l’attestazione più cospicua di una presenza « commerciale » etrusca, largamente testimoniata dall’analisi tipologica e distributiva, costituito da una lunga serie di recipienti, in parte privi di particolarità formali, in parte più impegnativi, frutto dell’opera di botteghe specializzate nel produrre manufatti « studiati » per l’esportazione.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Ripreso dal sito www.mattinata.it ; il brano completo è collocato nella sezione dedicata alla stori (...)

1La collezione Sansone è un vero e proprio patrimonio composto da circa 5000 pezzi, ed è, forse, la più strana e variegata raccolta di testimonianze storiche e archeologiche, tra quelle esistenti in Italia. Frutto dell’enorme passione e dell’amore immenso di un uomo per la propria terra, che ha trascorso tutta la propria esistenza a rincorrere ogni pur minima traccia di storia vissuta1.

2Come è noto, la « Collezione Sansone » è composta per la maggior parte da reperti archeologici provenienti dal sepolcreto dell’insediamento daunio di Monte Saraceno presso Mattinata (Fg) ; ma è anche vero che essa custodisce numerosi oggetti rinvenuti nelle necropoli dei più importanti siti dauni dell’area garganica (Monte Sant’Angelo, Monte Tabor, Salapia, Siponto, Cupola) e della Daunia settentrionale (Ordona, Arpi, Ascoli Satriano, Tiati-Teanum Apulum, San Severo), recuperati dallo stesso Matteo Sansone, oppure acquistati o donati dai locali contadini che rinvenivano tali preziose testimonianze nei loro terreni.

3In attesa dell’edizione completa di questa prestigiosa collezione (di cui finora sono state analizzate solo alcune classi di materiali), attualmente in corso di studio da parte dello scrivente e di altri esperti, si è ritenuto opportuno presentare in questa sede i vasi di bronzo. Del tutto inediti e mai considerati dagli studiosi, essi rivelano invece alcune caratteristiche formali e stilistiche davvero interessanti e di rilievo, che rimandano in maniera preponderante, come si vedrà di seguito, a produzioni bronzistiche di ambito etrusco. Come è consueto per qualsiasi collezione privata, tali reperti sono privi di qualsiasi dato riguardante il contesto di provenienza, anche se per alcuni si possiede il luogo di rinvenimento (ad es. Salapia). In ogni modo, come per gli oggetti componenti l’intera collezione, i siti di provenienza del vasellame bronzeo sono da ricercarsi nell’area garganica e nella Daunia settentrionale. Si tratta soprattutto di forme utilizzate per la cottura dei cibi (bacili, lebeti), per versare e contenere liquidi (oinochoai, olpai, patere, coppe, colini, situle, stamnoi), tutte funzionali per il rito del simposio.

  • 2 Sul concetto di « bene di prestigio » applicato al vasellame in bronzo, si veda l’esempio dei conte (...)
  • 3 Si veda sempre Bottini 1999a, p. 235-237 ; Id. 1999b ; Osanna 2013a, p. 63-68 ; Id. 2013b, p. 128-1 (...)

4La presenza di questi ulteriori esemplari conferma quanto già era noto a proposito di un’evidente predilezione dei Dauni per gli agalmata, i « beni di prestigio » esotici o di foggia inconsueta, in questo caso rappresentati dal vasellame metallico2. La peculiare concentrazione dei manufatti in bronzo in Daunia è un fenomeno che merita un’attenzione particolare, soprattutto perché molte delle genti daunie, in particolare quelle del Gargano, vivevano arroccate in abitati posti fra monti boscosi, dove l’inverno può essere piuttosto rigido, collegati da percorsi che si diramavano dai tortuosi itinerari di attraversamento fino alla costa e alle foci dei fiumi, imprescindibili vie di comunicazione con le aree interne dell’Italia meridionale (Melfese, cantone « nord-lucano », Sannio, Irpinia) e col versante tirrenico. Le opportunità di incontro con i personaggi che trasportavano con sé gran parte di tali manufatti dovevano così dipendere da un preciso calendario stagionale e rese solenni da cerimonie sontuose, a loro volta origine e momento di rapporti sociali di più ampia portata. Ed è proprio nel corso di questi eventi che venivano immessi nel circuito locale molti di quegli oggetti che oggi si rinvengono nelle tombe, sacrificati in onore di defunti di rango elevato dopo aver celebrato l’ultimo banchetto e deposti nella tomba accanto all’inumato : si tratta di manufatti commissionati o acquisiti, donati e ricevuti, frutto di scambi di doni, oppure utilizzati come suppellettile ed ornamento della casa e poi della sepoltura, o semplicemente esibiti. Il vasellame metallico non è mai un semplice recipiente per un prodotto – generalmente un liquido – che non potrebbe essere trasportato diversamente. Anche quando concretamente svolge quella funzione, rappresenta sempre un oggetto di valore3.

  • 4 Per le attestazioni di presenze commerciali etrusche in Daunia, si veda : Mazzei 2010, p. 72-76, 16 (...)
  • 5 In questo ambito è importante tener presente la funzione di punto di snodo « commerciale » assunto (...)

5Ovviamente, è importante comprendere la funzionalità delle relative forme, tenendo presente che le attività quotidiane possono non aver corrisposto affatto a quelle cerimoniali. È comunque evidente che la maggior parte dei recipienti metallici sia servita a pratiche alimentari fondate sul consumo delle carni e del vino manipolato alla maniera greca, nel quadro di attività cerimoniali utili sotto il profilo sia sacrale che « politico », quale strumento di ostentazione e di perpetuazione del ruolo sociale e del controllo sulla comunità di appartenenza, quale ne fosse la natura e l’ampiezza. Il vasellame metallico della collezione Sansone, che si aggiunge a quello già noto proveniente dagli altri contesti della Daunia, rappresenta l’attestazione più cospicua di una presenza « commerciale » etrusca4, largamente testimoniata dall’analisi tipologica e distributiva, costituita da una lunga serie di recipienti, in parte privi di particolarità formali (si pensi ai bacili di varie fogge di produzione tirrenica), in parte più impegnativi, si pensi alla « Schnabelkanne », all’oinochoe a corpo globulare della collezione in esame oppure al candelabro vulcente di Lavello, frutto dell’opera di botteghe specializzate nel produrre manufatti « studiati » per l’esportazione5.

6In questo contributo, verranno analizzati solo gli esemplari integri e quelli lacunosi per i quali si ha la possibilità di risalire alla forma, considerato che nella collezione sono presenti numerosi vasi bronzei in stato piuttosto frammentario, alcuni dei quali completamente consunti ; saranno divisi per forme e non seguiranno un ordine di inventario. Ad ogni scheda degli esemplari esaminati, seguirà un’analisi relativa al tipo di produzione e una discussione sulla diffusione della forma vascolare nei contesti indigeni della Daunia e dell’Italia meridionale. Infine, saranno presenti le conclusioni che tenteranno di tracciare un quadro cronologico e stilistico di questi reperti sia confrontandolo con l’ambito locale daunio, sia con gli altri distretti geografici e culturali dai quali provengono esemplari analoghi a quelli della collezione Sansone.

Catalogo dei materiali

71. Bacile (fig. 1)
Inv. Sansone 277.
h. cm 6 ; diam. cm 20.
Lamina martellata. Integro. Manca solo un frammento. Quasi interamente ossidato con patina verde-ruggine, prodotti di corrosione.
Bacino con piccolo orlo leggermente ingrossato, rientrante, con bordo arrotondato. Vasca ampia e profonda con parete a profilo curvilineo continuo. Fondo leggermente piatto.
Databile al VII-VI secolo a.C.

Fig. 1 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo.

Fig. 1 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo.

Archivio Sansone.

  • 6 Per i bacili di Ordona, si veda Iker 1984, p. 43, fig. 13,3, pl. Va (t. 9) ; p. 53-54, fig. 20,2, t (...)
  • 7 Per il bacile da Salapia, si veda Montanaro 2009, p. 4-5, fig. 2, con ampia bibliografia.
  • 8 Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 155, n. 179, tav. LXIV, 7.
  • 9 Per gli esemplari di Rutigliano-Purgatorio, si veda : Tarditi 1996, p. 18-19, nn. 8-10 (tombe 15/19 (...)

8A questo tipo possono essere avvicinati due bacili provenienti da Ordona ed uno da Lavello (tomba E/1), dal profilo simile a quello del nostro esemplare6. Uno dei due recipienti erdoniesi presenta sul fondo un disco sbalzato, motivo presente anche sul bacile di Lavello. Questi contenitori sono stati datati alla seconda metà dell’VIII secolo a.C., per cui è possibile proporre per l’esemplare della collezione Sansone un’analoga collocazione cronologica. Per il profilo, il manufatto può essere confrontato con quello rinvenuto nella ricca tomba 231 di Salapia, sebbene sia del tipo ad orlo perlinato, anch’essa databile nell’ambito della seconda metà dell’VIII secolo7. Un analogo bacile, dal profilo simile a quello del nostro esemplare, si trova nelle collezioni del Museo Nazionale di Tarquinia8. Molto più recenti (fine del V secolo a.C.), sono i tre contenitori simili provenienti dalla necropoli del Purgatorio presso Rutigliano, in area peucezia9.

  • 10 Tarditi 1996, p. 123.

9Questa forma di recipiente può essere accostata al gruppo I.A.3 dei bacili, nella classificazione operata dalla Tarditi, in cui sono riuniti quegli esemplari caratterizzati dall’andamento arrotondato della parete con l’orlo appena ingrossato, per lo più rivolto verso l’interno. I bacili con orlo appena ingrossato sono molto vicini alle patere e come elemento discriminante può essere considerata la profondità della vasca, maggiore negli esemplari inseriti tra i bacini. Si tratta comunque, a detta della Tarditi, di prodotti di livello medio, senza caratteristiche formali che permettano confronti significativi e raggruppamenti corrispondenti a differenti produzioni : la realizzazione di questi manufatti che sembrano essere stati di uso comune, doveva essere affidata all’attività di artigiani attivi in ambiti regionali o addirittura locali che rimangono indistinti10.

102. Bacile (figg. 2-3)
Inv. Sansone 421.
h. cm 8 ; diam. cm 27,4.
Lamina martellata. Quasi interamente ossidato con patina verde-ruggine, prodotti del processo di corrosione. Lacunoso sul fondo.
Bacino con orlo orizzontale brevemente ripiegato verso il basso e leggermente aggettante anche verso l’interno ; parete con andamento obliquo piuttosto rettilineo, arrotondantesi verso il fondo ; vasca ampia e profonda, fondo piatto.
Databile al VII-VI secolo a.C.

Fig. 2 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo con orlo estroflesso non decorato.

Fig. 2 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo con orlo estroflesso non decorato.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 3 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo con orlo estroflesso non decorato.

Fig. 3 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo con orlo estroflesso non decorato.

Foto Emanuele Arciuli.

  • 11 Per la classificazione di questa classe di bacili, si veda Bottini 1982, p. 57-61, con numerosi rif (...)

11I bacili con parete svasata e orlo estroflesso liscio sono stati presi in considerazione da Bottini in merito all’edizione dei corredi delle due celebri sepolture principesche di Lavello (tombe 277 e 279). In quest’occasione l’autore, osservando come questa classe di recipienti non sia mai stata oggetto di uno studio sistematico, ha proposto una classificazione basata sul variare del profilo della vasca, individuando quattro tipi (a-d), per i quali i confronti più significativi sembrano essere concentrati in area tirrenica ed in un periodo cronologico particolarmente alto, specialmente tra VIII e VII secolo a.C.11

  • 12 Per gli esemplari da Rudiae e Rutigliano, si veda : Tarditi 1996, p. 17-18, n. 1-4, p. 122-123. La (...)
  • 13 Per l’esemplare da Melfi : Bottini 1982, p. 59.
  • 14 Per il bacile di Ordona : Iker 1984, p. 54, fig. 20,2. Questo esemplare presenta, tuttavia, una lam (...)
  • 15 Per le tombe di Guglionesi, i cui contesti comprendevano ceramica subgeometrica d’imitazione daunia (...)
  • 16 Per i confronti con l’area sannita, si veda Bottini 1982, p. 59.
  • 17 Per l’area lucana, si veda anche l’esemplare da Oppido Lucano (t. 46) datato al V secolo a.C. (Liss (...)

12Tale classificazione è stata considerata dalla Tarditi che colloca nel tipo B di Bottini i bacili di Rudiae e Rutigliano, con i quali il manufatto della collezione Sansone trova confronti stringenti per l’andamento della vasca a calotta schiacciata e il fondo piano con parete arrotondata alla base12. L’ambito cronologico di questo tipo sembra essere compreso tra la prima metà del VII (esemplari di Lavello) e la metà del VI secolo (uno analogo da Melfi13 e uno da Rudiae, una coppia da Rutigliano), sebbene sia presente un esemplare ancora più antico che può essere accostato al gruppo in questione, come quello della tomba 12 di Ordona, riferibile alla seconda metà dell’VIII secolo14. Altri bacili analoghi sono attestati a Guglionesi, in due sepolture (tombe 1 e 7) dell’ultimo quarto del VII e della fine del VI secolo a.C., e nella tomba 15 di Larino15. Anche per il nostro recipiente può essere proposta una datazione intorno alla fine del VII-prima metà del VI secolo e si può ipotizzare una provenienza dall’area tirrenica, come per gli altri bacili menzionati precedentemente. Altri confronti rimandano all’area sannita16 e a quella lucana17, con esemplari che possono essere datati nell’ambito del V secolo a.C.

133. Bacile (fig. 4)
Inv. Sansone 280.
h. cm 6,3 ; diam. cm 20.
Lamina di bronzo. Piuttosto ossidato, con patina verde-ruggine, prodotti di corrosione. Sostanzialmente integro ; piccole lacune sul fondo della parete.
Bacino con orlo leggermente estroflesso, pareti ad andamento curvilineo, vasca emisferica ampia e profonda, fondo appena convesso.
Metà del V secolo a.C.

Fig. 4 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.

Fig. 4 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.

Archivio Sansone.

144. Bacile (figg. 5-6)
Inv. Sansone 1195 (erroneamente fotografato col n. 1197).
h. cm 6 ; diam. cm 20,1.
Lamina di bronzo. Molto ossidato, con patina verde-ruggine, prodotti di corrosione. Sostanzialmente integro ; piccole lacune sul fondo della vasca e sull'orlo. Alcune ammaccature sono presenti sull'orlo e sul fondo della vasca.
Bacino con breve orlo leggermente estroflesso ; vasca emisferica ampia, ma poco profonda con pareti ad andamento lievemente curvilineo ; fondo piatto leggermente convesso alle estremità.
Metà del V secolo a.C.

Fig. 5 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.

Fig. 5 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 6 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.

Fig. 6 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.

Foto Emanuele Arciuli.

155. Bacile (fig. 7)
Inv. Sansone 1268.
h. cm 5 ; diam. cm 17,8.
Lamina di bronzo. Integro. Molto ossidato, con patina verde-ruggine e numerose macchie biancastre, prodotti di corrosione. Qualche ammaccatura sull'orlo e sul fondo della vasca.
Bacino con breve orlo leggermente estroflesso ; vasca emisferica poco profonda e non molto ampia
dal profilo arrotondato, con pareti ad andamento curvilineo leggermente rientranti al di sotto dell'orlo ; fondo piatto.
Metà del V secolo a.C.

Fig. 7 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacili ad orlo estroflesso non decorato.

Fig. 7 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacili ad orlo estroflesso non decorato.

Archivio Sansone.

166. Bacile (fig. 8)
Inv. Sansone 281.
h. cm 7,7 ; diam. cm 25.
Lamina di bronzo. Varie ammaccature sull'orlo e sulla vasca e lacune su una parete. Molto ossidato, con patina verde chiaro con macchie biancastre, prodotti di corrosione.
Bacino con breve orlo leggermente estroflesso. Vasca ampia e profonda di forma emisferica con pareti curve, sensibilmente rientranti in corrispondenza del labbro estroflesso. Risega sulla parte interna dell'orlo, quasi impercettibile. Fondo convesso. Coppia di forellini paralleli su una parete.
Fine VI-prima metà del V secolo a.C.

Fig. 8 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacili ad orlo estroflesso non decorato.

Fig. 8 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacili ad orlo estroflesso non decorato.

Archivio Sansone.

  • 18 Per la classificazione del Bottini, si veda Bottini 1982, p. 57-61 ; Forentum I 1988, p. 244-245 ; (...)

17I manufatti rientrano nella categoria dei bacili a vasca emisferica con orlo estroflesso e pareti più o meno rientranti, attestati in area etrusco-italica tra la metà del VI e la seconda metà del V secolo a.C. Nella classificazione tipologica proposta da Bottini per i bacili a labbro estroflesso teso non decorato, gli esemplari con pareti curvilinee rientrano nei tipi C e D, rispettivamente con pareti rastremate verso l’alto e pareti introflesse sotto l’orlo. Al primo possono essere assegnati anche i primi tre del gruppo (n. 3-5) della collezione Sansone : essi rientrano nella variante più recente (C2), costituiti dalla vasca poco profonda e dal fondo pressoché piatto ; il quarto bacile (n. 6) è accostabile, invece, al tipo D, caratterizzato dalla vasca profonda a profilo arrotondato con pareti sensibilmente rientranti e introflesse sotto l’orlo18.

  • 19 Si veda sull’argomento: Albanese Procelli 1985, p. 179-206 ; Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, (...)
  • 20 Per la documentazione da Fratte, si veda Fratte 1990, p. 243, n. 7, fig. 408 ; p. 251, n. 9, fig. 4 (...)
  • 21 Per Vico Equense : Bonghi Jovino 1982, p. 19, n. 5, tav. 5,1-3; 69,7.
  • 22 Per le tombe di Alfedena : Parise Badoni – Ruggeri Giove 1980, p. XX, XX-XXVIII, 42 s., tav. 17,5, (...)
  • 23 Per Pietrabbondante : Sannio 1980, p. 132-134, tav. 38,4.
  • 24 Per la documentazione da Larino : Di Niro 1981, p. 75, n. 5, tav. 25. Inv. 2586, ricomposto da più (...)

18La produzione di tali recipienti sostituì verosimilmente quella della serie caratterizzata dal labbro perlato, che ebbe una diffusione talmente ampia in età arcaica da rappresentare per gli studiosi una sorta di fossile guida19. Il n. 6, con pareti sensibilmente rientranti all’orlo, in particolare, trova numerosi confronti con esemplari provenienti da complessi datati tra la fine del VI e gli inizi del secondo quarto del V secolo a.C. : si tratta delle tombe 134 e 29 di Fratte20, della tomba 39 della necropoli di via Nicotera a Vico Equense21, delle tombe 30 e 67 di Alfedena22, della tomba 1 della necropoli della Troccola, ubicata presso il santuario ellenistico di Pietrabbondante23, e della tomba 3 di Larino24.

  • 25 Per Fratte : Fratte 1990, p. 263-264, fig. 450,7.
  • 26 Per Vico Equense : Bonghi Jovino 1982, p. 20, n. 4, tav. 6, 1, 7 ; 68,3 ; p. 23, n. 6, tav. 7, 4, 2 (...)
  • 27 Per Alfedena : Parise Badoni – Ruggeri Giove 1980, p. 78, fig. 165 e tav. 30.
  • 28 Per la necropoli della Troccola : Sannio 1980, tav. 41, fig. 2, 4-5.
  • 29 Per Nocera : Albore Livadie 1983, p. 114, n. 5, fig. 26. L’autrice definisce tali bacini di fabbric (...)
  • 30 Per una documentazione ed una bibliografia più esaustiva si veda il recente contributo di M.C. D’Er (...)
  • 31 Per la tomba 140 di Salapia, riferibile alla prima metà del V secolo a.C., si veda Blundo, in Salpi (...)

19I bacili n. 3, 4 e 5, che non presentano la gola sotto l’orlo, sono confrontabili a loro volta con alcuni manufatti simili provenienti da sepolture databili tra gli inizi e il terzo quarto del V secolo a.C. (tomba 146 di Fratte25, tombe 62 e 67 di Vico Equense26, tomba 88 di Alfedena27), nonché con alcuni bacili sporadici rinvenuti nella necropoli della Troccola28 e con uno analogo proveniente da una tomba di Nocera. Ma il parallelo più interessante per nostro recipiente (n. 6) è costituito dall’esemplare rinvenuto nella tomba 100 della necropoli Pareti di Nocera (secondo quarto del V secolo a.C.), in significativa associazione con un colino a manico ondulato ed una brocchetta a bocca larga ed ansa sormontante29. Oltre che nelle regioni centrali dell’Adriatico, il tipo è ampiamente attestato anche nei siti della bassa e media valle dell’Ofanto (Canosa, Lavello, Banzi e soprattutto Melfi)30. Un’ulteriore testimonianza proviene dalla necropoli di Salapia, edita recentemente, e precisamente dalla tomba 140, la quale ha restituito un bacile tipo D, caratterizzato dal labbro aggettante e da una vasca a profilo convesso leggermente rastremata in alto, in associazione con uno stamnos di produzione etrusca31.

207. Bacile (figg. 9-10)
Inv. Sansone 1197 (erroneamente fotografato col n. 1195).
h. cm 4,5 ; diam. ricostruibile cm 29.

Lamina di bronzo. Gravemente lacunoso, molto frammentario. Rimangono n. 4 frammenti dell’orlo con parte di parete e del fondo, uno di parete e parte del fondo. Ossidato, con patina verde-ruggine e numerose macchie biancastre, prodotti di corrosione.
Bacino con breve orlo leggermente estroflesso. Vasca ampia e poco profonda con pareti curve. Fondo piatto.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 9 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Fig. 9 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 10 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Fig. 10 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Foto Emanuele Arciuli.

218. Bacile (fig. 11)
Inv. Sansone 1186.
h. cm 4,1 ; diam. cm 26.
Lamina di bronzo. Integro. Buono stato di conservazione, salvo alcune piccole fessure sul fondo. Molto ossidato, con patina verde scuro con macchie biancastre, prodotti di corrosione.
Vasca poco profonda con pareti oblique che si arrotondano in corrispondenza del fondo piatto. Orlo diritto non decorato.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 11 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Fig. 11 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Archivio Sansone.

229. Bacile (fig. 12)
Inv. Sansone 1196.
h. cm 6,1 ; diam. cm 27,4.
Lamina di bronzo. In cattivo stato di conservazione : sono presenti alcune piccole fessure sul fondo. Molto ossidato, con patina verde scuro con macchie biancastre, prodotti di corrosione. Orlo e parete lacunose e lesionate.
Vasca poco profonda con pareti oblique che si arrotondano in corrispondenza del fondo piatto. Orlo diritto non decorato.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 12 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Fig. 12 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».

Archivio Sansone.

  • 32 Per una discussione generale sulla diffusione del tipo si veda soprattutto Sannibale, Shefton, in S (...)

23I recipienti bronzei in questione, ai quali si aggiunge un altro in stato frammentario (inv. Sansone 288) non presentano particolarità morfologiche rilevanti, ma si lasciano agevolmente collegare a un gruppo di bacili a vasca poco profonda, con fondo piatto, pareti oblique e orlo semplice non decorato, diffusi nell’Italia preromana in contesti relativamente antichi, datati ancora nel VI secolo a.C. (Vulci, Foligno). Ma è soprattutto nella seconda metà del V secolo che si riscontra una documentazione consistente in Etruria (Vulci, Populonia, Tarquinia, Falerii), Umbria (Todi, Orte) e Italia settentrionale. Tali contenitori si incontrano in maniera corrente negli ultimi decenni del V ed anche nel IV secolo a.C. in Campania e Lucania, spesso muniti di piccole anse mobili a maniglia32.

  • 33 Per la documentazione in Basilicata : Martinelli, in Forentum I 1988, p. 51, 244, tipo 1.2, tav. 35 (...)
  • 34 Per la documentazione di Braida di Vaglio, si veda Bottini 2013, p. 140-141, a cui si rimanda per l (...)

24Questi bacili, che A. Bottini inserisce tra le « teglie », sono ampiamente attestati nelle necropoli dei nuovi insediamenti che sorgono sotto il controllo sannita in tutto il distretto del Vulture tra la fine del V e i primi decenni del IV secolo. Si tratta di bronzi laminati tipologicamente molto uniformi, caratterizzati dalla vasca poco profonda a pareti tese o appena arcuate e fondo piatto, spesso dotate di un’ansa mobile ad anello. Stretti confronti per i tre esemplari della collezione Sansone sono ravvisabili con gli analoghi manufatti provenienti da Chiaromonte (tomba 227), Lavello (tombe 7, 599, 607, 769, 912, 952, 955), Banzi (tombe 232, 421), Melfi Pisciolo (tombe 43, 48), Melfi Chiuchiari (tombe 8, F), Ruvo del Monte (tombe 46 e 64), Atella (tomba 44), Albano (tombe 1, 3, 11) e Ordona33. Bacini simili, di modeste dimensioni e privi di labbro, o con quest’ultimo appena ingrossato, sono caratterizzati dall’applicazione di un manico ottenuto a fusione (ai quali spesso si aggiunge anche un’ansa ad anello in posizione diametralmente opposta) che arricchiscono la semplicità della forma, a calotta schiacciata con fondo piatto, e compaiono anche nelle tombe di Braida di Vaglio. Essi costituiscono una versione ridotta e semplificata della classe, parallela ma di gran lunga più prestigiosa, delle patere con manico modellato a kouros, finora non attestata in area « nord-lucana » ma presente altrove in Basilicata. L’elemento più importante e significativo di questi recipienti è certamente rappresentato dal manico, arricchito da elementi decorativi ricorrenti, sia nel punto di fissaggio alla vasca sia nell'estremità libera, quest’ultima di solito modellata a testa di palmipede o di ariete, come nel caso dell'esemplare da Braida, il quale si distingue, proprio in questo particolare, dal nutrito complesso dei manufatti finora noti, provenienti anche dall’area enotria, dalla Daunia e dalla Peucezia34.

2510. Oinochoe a ventre globulare (fig. 13-16)
Inv. Sansone 1185.
Da Salapia.
h. cm 16,5 ; h. con ansa cm 21 ; diam. bocca cm 8,1.
Bronzo laminato. Patina verde-blu. Fessurazioni e lacune sul ventre e in prossimità del fondo. Numerose incrostazioni.
Bocca circolare con orlo rovesciato e costolatura mediana a spigolo acuto, labbro ingrossato con perlinatura. Breve collo a pareti concave che trapassa senza soluzione di continuità nel ventre di forma globulare, leggermente schiacciata. Piede ad anello profilato. Robusta ansa nastriforme a
profilo concavo fusa a parte, sormontante e decorata sulla superficie esterna, lungo i margini, da due linee incise. Impostata sul labbro, con l’attacco superiore consistente in una pacchetta bifida fissata da due chiodini sotto l’orlo ; in corrispondenza dell’attacco inferiore, saldato sul ventre, termina con una palmetta capovolta con nove foglie disposte a ventaglio, sormontata da volute e fiore di loto a rilievo.
Metà del V secolo a.C.

Fig. 13 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Da Salapia.

Fig. 13 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 14 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Da Salapia.

Fig. 14 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 15 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Particolare dell'orlo.

Fig. 15 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Particolare dell'orlo.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 16 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Particolare dell'attacco a palmetta.

Fig. 16 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Particolare dell'attacco a palmetta.

Foto Emanuele Arciuli.

  • 35 Per la classe delle oinochoai forma IX, si veda in particolare Weber 1983, pp. 201-202, con bibliog (...)
  • 36 Le prime attestazioni provengono dalle tombe 91 e 102 di Aleria, databili al secondo quarto del V s (...)
  • 37 Per una lista della documentazione disponibile, si veda Bellelli 1993, p. 83-84, con bibliografia; (...)
  • 38 Per quanto riguarda la Puglia sono documentate solo Schnabelkannen di tipo tradizionale, colini con (...)

26L’esemplare della Collezione Sansone rientra tra le brocche etrusche di bronzo corrispondenti alla forma IX Beazley delle oinochoai attiche fittili, analizzate recentemente da T. Weber35. Manufatti bronzei con questa forma appaiono attestati già nei primi decenni del V secolo a.C., ma l’apice della classe si data specialmente verso la metà dello stesso secolo36. I dati di provenienza disponibili rivelano l’estensione della loro diffusione : significative concentrazioni sono riscontrabili in Etruria, Agro falisco (Falerii), area padana, Campania, Genova, Corsica e Italia meridionale, Sicilia compresa, dove prevalgono nettamente i « Gruppi Centrali »37. Al contrario, non sono segnalate presenze in Puglia, Basilicata e in ambito medio-adriatico, dove tuttavia il vasellame bronzeo etrusco è abbastanza diffuso38.

  • 39 Per il ruolo svolto dalle officine vulcenti si rinvia ai contributi di A.M. Sgubini Moretti, in Etr (...)
  • 40 Sul ruolo svolto da Populonia nello smistamento del vasellame bronzeo : Martelli, in Atti Firenze 1 (...)

27La situazione deducibile dal quadro globale dei rinvenimenti, che delinea una presenza notevole di questi oggetti in Etruria meridionale (Vulci e Tarquinia) e in quella settentrionale (Populonia e Chiusi), indica per questo settore della metallotecnica una sicura produzione di questi manufatti nell’ambito dei centri dell’Etruria meridionale, e di Vulci in particolare, a cui probabilmente si affiancano anche le officine chiusine39. Non meno importante è anche il ruolo che sembra aver svolto Populonia soprattutto nello smistamento, in modo particolare verso l’area padana, di tale vasellame bronzeo. Gli esemplari più tardi (fine V-inizi IV secolo a.C.), riferibili alla cospicua serie spinetica e realizzati in un’unica fabbrica, indicano una produzione nelle officine di Spina, che si colloca all’estremo opposto nella scala qualitativa rispetto alle prime, sviluppatasi sulla scia delle importazioni dall’area meridionale, certo in coincidenza con il declino delle manifatture vulcenti che può essere situato nel corso della seconda metà del V secolo40.

  • 41 Per l’ipotesi di una produzione etrusco-campana : Grassi 1993 ; Ead. 2000. Sull’ipotesi di fabbrica (...)
  • 42 La questione è stata brillantemente affrontata da V. Bellelli, per cui si rimanda, per maggiori app (...)

28Recentemente, è stato anche ipotizzato per un gruppo di oinochoai stilisticamente omogeneo rinvenuto in area campana, caratterizzato dall’attacco dell’ansa a testa silenica, una fabbrica etrusco-campana da localizzare a Capua. Tale ipotesi è stata estesa anche ad alcuni esemplari contraddistinti dall’attacco dell’ansa a palmetta. Tuttavia, come ha ben illustrato V. Bellelli, riferendosi anche ad alcuni studi autorevoli, tali manufatti sono da ascrivere con ogni probabilità a fabbrica vulcente41. Questa considerazione nasce non solo da osservazioni di carattere puramente stilistico, ma anche e soprattutto dall’analisi della situazione produttiva del centro etrusco-campano nella fase di fioritura di queste brocche, come di altre forme vascolari diffuse durante il periodo tardo-arcaico. Se l’importanza di Capua è evidente nell’età orientalizzante e in quella alto-arcaica, al contrario per la fase tardo-arcaica si registra una drastica diminuzione di bronzi greci ed etruschi. Infatti, nel centro etrusco-campano non risulta attestata nessuna delle produzioni seriali della metallotecnica etrusca (Schnabelkannen, olpai con corpo a sacco, situle e ollette stamnoidi, ciste a cordoni, infundibula, candelabri, thymiateria), peculiari dell’arcaismo medio e tardo di destinazione prevalentemente simposiaca. In questo periodo, la posizione di Capua appare decisamente più defilata rispetto ai siti della Campania costiera e delle aree interne limitrofe, dove invece si registra un notevole incremento dei rinvenimenti. Pertanto, l’analisi di questi dati non fa che confermare le perplessità circa la localizzazione a Capua di un’importante produzione tardo-arcaica di bronzi di tipo etrusco (diversa da quella dei dinoi), non sufficientemente suffragata dalla documentazione attualmente disponibile42.

  • 43 Per l’ipotesi di una produzione delle oinochoai con attacco inferiore dell’ansa a palmetta e fiore (...)

29Nella classificazione operata dal Weber l’esemplare della collezione Sansone può essere ascritto al Gruppo IV Etr. a, caratterizzato dalla terminazione inferiore dell’ansa a palmetta con nove foglie ; il piccolo bocciolo di loto su doppia voluta, realizzato a rilievo alla base della palmetta capovolta, costituisce il « marchio di fabbrica » per il tipo, che consente di attribuire la produzione di tutte le brocche con questa peculiarità ad una sola officina, probabilmente vulcente. Sono manufatti che devono essere associati alle serie delle oinochoai con gorgoneia e teste sileniche, con le quali condividono forma e caratteristiche tecniche. Le palmette e i boccioli di loto che contraddistinguono la decorazione di queste brocche consentono di agganciare la Lotosblütenwerkstatt all’ambiente produttivo degli stamnoi e, più in generale, del vasellame e dell’utensileria bronzea etrusca di destinazione simposiaca, come indicano alcune analogie con il repertorio decorativo accessorio di Schnabelkannen e colini43. Per tali motivi, la brocca della collezione Sansone è verosimilmente attribuibile ad una manifattura vulcente ed è ascrivibile alla metà del V secolo a.C., periodo di massima fioritura delle officine situate nel centro etrusco.

3011. Olpe (figg. 17-21)
Inv. Sansone 1187.
Da Salapia.
h. cm 18,6 ; h con ansa cm 22,7 ; diam. bocca cm 8.
Bronzo fuso e laminato. La brocchetta è piuttosto frammentata, manca parte inferiore della parete. Rivestita di una patina verde non uniforme sotto la quale si scorge a tratti il colore originale.
Labbro espanso ingrossato, ribattuto all’esterno. Corpo fusiforme a profilo continuo, fondo piatto con piccola cavità centrale. Ansa fusa a parte, a bastoncello sormontante, con lato verso il corpo appiattito. È impostata diritta sul labbro, con l’estremità desinente a placchetta bifida fissata sotto l’orlo con due rivetti. L’estremità inferiore, impostata sulla
pancia, saldata molto in basso sul corpo (a circa cm 2,5 dal fondo), è conformata a felino stilizzato accovacciato. L’animale ha gli arti posteriori appena abbozzati, piccole zampe anteriori, corpo ricoperto da trattini incisi e testa molto grossa con orecchie quasi sbozzate, occhi sporgenti e muso rilevato.
Prima metà del V secolo a.C.

Fig. 17 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.

Fig. 17 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 18 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.

Fig. 18 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 19 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.

Fig. 19 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.

Archivio Sansone.

Fig. 20 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Particolare dell'orlo.

Fig. 20 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Particolare dell'orlo.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 21 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Particolare del leone.

Fig. 21 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Particolare del leone.

Foto Emanuele Arciuli.

  • 44 Weber 1983, oinochoai forma 5B.
  • 45 Per lo studio delle brocchette : Guzzo 1970, p. 103-110, con bibliografia.
  • 46 Pontrandolfo 1981, p. 168 ; Pontrandolfo – d’Agostino 1990, p. 106 ; Grassi 1993 ; Ead. 2000. Per l (...)
  • 47 Guzzo 1970, p. 106 ; Cristofani 1987, p. 63 ; Bellelli 1993 ; Id. 1995 ; Id. 2002, p. 29-52, in par (...)

31La brocchetta della collezione Sansone rientra nel tipo III B Etr. (olpai etrusche di forma affusolata, senza differenziazioni sensibili tra ventre, spalla e collo) e, precisamente, nel sottotipo « b », contraddistinto dalla terminazione inferiore dell’ansa in una figura a tutto tondo di leoncino disteso44. Per tali manufatti, P. G. Guzzo ha proposto un’articolazione in tipi sulla base delle qualità plastiche del leoncino anziché sulla variazione della sagoma vascolare : la ricostruzione prospettata in base all’analisi dei dati di provenienza prevede una fabbricazione omogenea, realizzata da poche officine in rapporto tra di loro, in un periodo compreso tra l’ultimo quarto del VI e la metà del V secolo a.C. Il centro principale di questa produzione sarebbe da localizzare a Vulci, dalla quale si sarebbe poi sviluppata una « vasta rete commerciale » con il coinvolgimento di altre città dedite alla raccolta e allo smistamento dei prodotti45. L’analisi dei rinvenimenti relativi alle necropoli della Campania e della Lucania, le quali costituiscono una delle aree di maggiore concentrazione delle brocchette, tuttavia, ripropone per questa forma come per altre, come si è visto precedentemente, il problema dell’eventuale esistenza di una o più officine etrusco-campane parallele a quelle dell’Etruria meridionale46, esclusa dal Guzzo e da altri studiosi per quanto riguarda la produzione del vasellame bronzeo47.

  • 48 Per gli affreschi della Tomba della Nave di Tarquinia, si segnala il recente e interessante contrib (...)

32Questa forma vascolare è stata certamente utilizzata specialmente nei banchetti e nei simposi, per attingere o versare liquidi, come conferma l’affresco della Tomba della Nave di Tarquinia. Esso, infatti, propone una scena conviviale, ben descritta e commentata da G. Colonna, nella quale un servo alle prese con un podanipter, vicino ad un tavolo che regge dei vasi da mensa, adopera una brocchetta analoga per attingere l'acqua da un bacino metallico posto entro un secondo bacino, contenente neve gelata o forse brace, per raffreddare o riscaldare il liquido da mescolare al vino48.

  • 49 Guzzo 1970, p. 90, tav. V, fig. 8 ; Bellelli 1993, p. 81-83, n. 8, fig. 1, 22, 42, con ulteriore bi (...)
  • 50 Per la brocchetta della tomba 2384 di Caudium : Fariello Sarno 1997, p. 285-286, n. 3 (inv. 135339) (...)
  • 51 Weber 1983, p. 391, n. 5, tav. XV ; Bellelli 1993, p. 83. Per gli esemplari dell’area campana, si v (...)

33L’esemplare della collezione Sansone trova confronti con un analogo manufatto proveniente da Nocera e inserito dal Guzzo nel tipo II (accuratezza sommaria nella resa dei particolari incisi sul corpo del leone, contrassegnato dalle fauci chiuse, orecchie ripiegate, coda, stacco tra il treno posteriore e l’ansa reso da incisioni, capo sollevato), categoria B (l’animale rappresentato può essere una pantera), analizzato recentemente anche da V. Bellelli49. Inoltre, presentando profilo tondeggiante e corto collo, può essere assimilato alla II variante della sagoma fondamentale delle brocchette, le cui caratteristiche di base sono il labbro ribattuto, la base piatta e l’ansa sopraelevata. L’olpe della collezione Sansone, per la quale si può suggerire una datazione alla prima metà del V secolo a.C., trova confronti, oltre che con l’esemplare di Nocera sopra menzionato, anche con quelli provenienti dall’antica Caudium (Montesarchio), per la simile stilizzazione della pelle del leone : uno, inedito, è stato rinvenuto nella tomba 149, l’altro nella tomba 2384, quest’ultimo associato ad altri bronzi di produzione etrusca (un colum con manico a verga ondulata, un calderone con ansa mobile in ferro ed un bacile con orlo estroflesso liscio)50. Altre analoghe brocchette, sebbene caratterizzate da alcune differenze stilistiche, provengono da Fratte, Sorrento e Vico Equense51.

  • 52 Come afferma A. Bottini, in quest'ultima maniera è stata lavorata anche la terza brocchetta, affine (...)

34Il quadro della documentazione di questi manufatti si è ampliato ulteriormente grazie al rinvenimento di nuovi esemplari : il riferimento va alle tre oinochoai a bocca rotonda trovate nella tomba 103 di Braida di Vaglio. Rispetto a quella della collezione Sansone, le brocchette lucane, di piccole dimensioni, sono certamente di produzione più seriale, come suggerisce la mancanza di elementi decorativi figurativi. Due di esse, ottenute a fusione, sono da considerare molto probabilmente, come afferma A. Bottini, importazioni dalla madrepatria greca : rientrano come forma nella classe cui appartengono anche esemplari rinvenuti in Peucezia, in parte frutto della medesima tecnica a fusione, più impegnativa, in parte ottenute sagomando a martello una lamina52.

3512. Schnabelkanne tipo « cordiforme » (fig. 22-25)
Inv. Sansone 1667.
Da Salapia ?
h. max. cm 20,7 ; largh. max. cm 9,3.
Bronzo laminato con orlo fuso e saldato. Molto ossidato, la superficie è coperta di granuli verdi e da una patina verde-bruno. Bocca e collo sono frammentari e molto lacunosi. Ansa fusa a cera persa e rifinita con cesello e incisione. Abbondanti incrostazioni all’interno e all’esterno del vaso. Il fondo è provvisto internamente di una sorta di « fodera » realizzata con una lamina.
Bocca trilobata, appuntita inclinata verso l’alto ; labbro piatto con tracce di decorazione costituite da una fila di perle. Da notare la presenza di incassi rettangolari sul lato interno degli angoli di articolazione del trilobo : forse, servivano per fissare al labbro una lamina decorata « 
au repoussé », costituente l’ornamento del labbro stesso. Collo distinto di forma cilindrica, con pareti leggermente concave ; spalla leggermente appiattita ; corpo troncoconico, rastremato verso il basso, piede appena profilato. L’ansa, fusa a cera persa, rifinita col cesello e ad incisione, è fissata superiormente tramite due chiodini ribattuti, inferiormente tramite saldatura. Nella parte superiore si biforca in due braccetti, desinenti plasticamente in due elementi serpentiformi (o teste feline ?), applicati sul labbro, con le teste volte di lato. Fusto costolato e scanalato al centro nella parte superiore, con coste laterali perlinate ; semplicemente costolato nella parte inferiore e desinente in una forma cuoriforme liscia dai margini e dalla nervatura mediana incisi.
Secondo-terzo venticinquennio del V secolo a.C.

Fig. 22 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Da Salapia.

Fig. 22 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 23 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Da Salapia.

Fig. 23 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 24 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Particolari dell'orlo e dell'ansa.

Fig. 24 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Particolari dell'orlo e dell'ansa.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 25 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Particolare dell'attacco a foglia.

Fig. 25 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Particolare dell'attacco a foglia.

Foto Emanuele Arciuli.

  • 53 Jacobsthal – Langsdorff 1929. In alcune pubblicazioni il tipo è detto « Forma Jacobsthal ».
  • 54 Bouloumié 1973, p. 246-247, 301-303 ; Vorlauf 1997, I, p. 101-103, motiv 6.
  • 55 Per la documentazione della tomba 405 della Certosa : Bouloumié 1973, p. 14, tav. III, 9-10 ; Vorla (...)

36Questa forma vascolare deve il nome al primo studioso che la prese in esame53, ma una vera e propria sistemazione tipologica la ricevette solo successivamente per opera del Bouloumié, il quale suddivise le Schnabelkannen in base all’ornamento della placchetta dell’ansa54. Rispettando questa divisione, per la conformazione dell’attacco inferiore, si può assegnare la Schnabelkanne della collezione Sansone al tipo D « cordiforme », di evidente ispirazione vegetale. Si tratta di un modello, relativamente raro, con una diffusione sostanzialmente limitata all’Italia, dove gli esemplari più antichi sono stati rinvenuti nelle necropoli bolognesi, con particolare riferimento alle tombe Certosa 405 e Fondo Aureli 17 ascrivibili all’ultimo venticinquennio del VI secolo a.C. In entrambi i casi, si tratta della varietà « bilobata », ovvero di una foglia a forma di cuore dai margini e dalla nervatura mediana incisi, quale appare anche sugli attacchi delle anse di bacile55.

  • 56 Anche nella stessa Vulci mancano contesti datanti che consentano di definire in maniera più precisa (...)
  • 57 Per la documentazione da Fratte (Trincea I) : Bouloumié 1973, p. 64, tav. XXVIII, 95-96 ; Fratte 19 (...)
  • 58 Per Napoli : Bouloumié 1973, p. 162-163, tav. LXXII, fig. 243-244 ; Vorlauf 1997, II, p. 106, tav.  (...)

37Le provenienze documentate attestano una particolare diffusione nell’Etruria propria, compresa tra Vulci, Chiusi e Falerii a sud56. Per quanto riguarda la Campania, è noto un esemplare recuperato nella necropoli di Fratte57, caratterizzato dall’attacco cordiforme con palmetta a terminazioni cirriformi incisa all’interno, associato a materiale fuori contesto databile nel complesso, per la presenza di ceramica attica, tra l’ultimo venticinquennio del VI e la prima metà del V secolo a.C. Si conosce, inoltre, un’ansa di Schnabelkanne appartenente alla collezione Guglielmi nei Musei Vaticani, caratterizzata da un attacco inferiore liscio, documentata esclusivamente in materiali di provenienza sporadica, quali le Schnabelkannen dei musei di Napoli, Firenze, Karlsruhe, Kopenhagen, mentre in quella di Londra è inciso un secondo « cuore » all’interno della placca58.

  • 59 Oltre al tipo « a volute », l’area melfese (Melfi, Lavello, Banzi) ha restituito anche numerose tes (...)
  • 60 Per la brocca da Valenzano (Bari), si veda Tarditi 1996, p. 84, n. 171, p. 165, con ulteriore bibli (...)

38Tali manufatti bronzei sono documentati anche nell’area lucana della Daunia, sebbene in forme e tipologie diverse : esemplari del tipo « a volute » provengono da Lavello (tombe 745 e 952)59, uno « ad ancora » è stato rinvenuto nella tomba E di Melfi-Chiuchiari. In Puglia, finora, era nota una sola brocca a becco trovata a Valenzano, anch’essa caratterizzata dall’attacco inferiore dell’ansa « ad ancora », analoga a quella di Melfi60.

  • 61 Bouloumié 1973, p. 282 ; Bellelli 1993, p. 78-79, con bibliografia.

39La terminazione superstite dell’attacco superiore dell’ansa con i bracci desinenti a testa di serpente o più probabilmente di felini stilizzati (caratterizzati da criniera a colletto, inciso da linee ondulate oppure liscio, orecchie triangolari, fauci generalmente chiuse, testa triangolare), considerata l’esito dell’evoluzione della terminazione « a ghianda », è ritenuta da Bouloumié indizio di recenziorità rispetto alla prima serie delle Schnabelkannen « ad ancora » ed « a serpenti ». La brocca in questione, pertanto, si daterebbe, tra il secondo ed il terzo venticinquennio del V secolo61.

4013. Stamnos (fig. 26)
Inv. Sansone 1668.
h. cm 15,3 ; diam. bocca cm 14,8 ; diam. base cm 14,5.
Vaso in bronzo laminato ricoperto da una patina verde non uniforme ; molto ossidato ; tracce di corrosione. Lesione sul fondo. Sostanzialmente integro.
Bocca circolare con labbro espanso e revoluto all’esterno ; gola sensibile, basso collo, spalla a profilo molto arrotondato. Il corpo, di forma troncoconica rastremata verso il basso, ha pareti leggermente concave in prossimità del fondo piatto.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 26 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.

Fig. 26 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.

Foto Emanuele Arciuli.

4114. Stamnos (figg. 27-28)
Inv. Sansone 2658.
h. max. cm 19,5 ; diam. base cm 20,5.
Lamina di bronzo, ricoperto da una patina verde non uniforme. Molto ossidato. Abbondanti incrostazioni terrose all’interno del vaso. Lacunoso, si conservano l’orlo e parte della parete sottostante, insieme a numerosi frammenti dell’altra parete. Numerosi rappezzi fissati mediante chiodetti ribattuti. I restauri antichi riguardano il punto di congiunzione fra spalla e labbro e, soprattutto, il fondo.
Bocca circolare con ampio labbro estroflesso e revoluto all’esterno ; gola sensibile, basso collo, spalla a profilo piuttosto arrotondato ; corpo tronco-conico, a profilo concavo, rastremato verso il basso ; fondo piatto.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 27 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.

Fig. 27 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.

Archivio Sansone.

Fig. 28 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.

Fig. 28 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.

Archivio Sansone.

  • 62 Per lo stamnos da Nocera : Bellelli 1993, p. 76-78, n. 3, figg. 1, 14, 36). Lo studioso (nota 34) a (...)
  • 63 Sulla classe : Bellelli 1993, p. 76-78, con note 34-41 ; Castoldi 1995, p. 17, tav. XI, fig. 24 ; G (...)

42Definito stamnos, soprattutto per utilità descrittiva, gli esemplari della collezione Sansone, così come ha puntualizzato V. Bellelli nell’analisi su un analogo manufatto da Nocera, « sono in realtà vasi stamnoidi sprovvisti di anse che, in quanto tali, vanno ascritti ad una serie di vasi bronzei che devono essere distinti tanto dagli stamnoi veri e propri quanto dalle situle stamnoidi, pur essendo chiaramente collegati sia agli uni che alle altre dal punto di vista tettonico »62. Nell’ambito di queste varianti stamnoidi prive di anse, si distingue un gruppo di esemplari caratterizzato dalle dimensioni particolarmente ridotte (10-20 cm di altezza), diffuso in area etrusco-italica tra la seconda metà del V e i primi decenni del IV secolo a.C., a cui possono essere ricondotti i due manufatti qui considerati. Questa delle « ollette stamnoidi » etrusche in lamina di bronzo, così come definita da Bellelli, è una classe ancora poco nota, per la quale è stata ventilata l’ipotesi di una produzione nell’ambito dell’Etruria interna (Volsinii o Chiusi)63.

  • 64 Per quanto riguarda l’area etrusca vale la pena di ricordare l’« olletta » in lamina di bronzo da P (...)
  • 65 Per lo stamnos di Nocera : Bellelli 1993, p. 76-78, n. 3, fig. 1, 14, 36, con ampia bibliografia di (...)
  • 66 Per la diffusione del tipo in area etrusca e italica si veda l’appendice II in Bellelli 2002, p. 51 (...)

43Questi vasi sono particolarmente interessanti specialmente per l’ampia distribuzione registrata, che riguarda l’Etruria settentrionale64, l’Umbria, l’Agro falisco, il Latium Vetus, la Campania, l’area nord-lucana e, sul versante adriatico, la Romagna, il Piceno e la Daunia. Da Nocera, dalla necropoli in località Pareti, proviene un piccolo stamnos assolutamente identico a quelli della collezione Sansone65. Ma è soprattutto in area italica che si trovano confronti specifici con i nostri due manufatti : questo tipo di contenitore, infatti, compare nella seconda metà del V e nei primi decenni del IV secolo a.C. in alcune ricche sepolture di area medio-adriatica e daunia, le quali hanno restituito abbondante materiale metallico di importazione etrusca. Si veda, ad esempio, il corredo della tomba 42 della necropoli di Campovalano, di cui facevano parte una Schnabelkanne, un attingitoio ed un bacino, dalla quale proviene proprio uno stamnos analogo a quelli della collezione Sansone66.

  • 67 Per la documentazione di Melfi-Pisciolo : Tocco, in Popoli anellenici 1971, p. 122, 127, tav. LIV.
  • 68 Per la tomba 955 di Lavello : Bottini 1993, p. 63-69 ; Setari, in Comacchio 1993, p. 107, n. 125 ; (...)
  • 69 Per le tombe di Banzi : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 523 (elenco n. 13) ; Ciriello 2005 (...)

44Esemplari simili sono stati restituiti anche dalle due sepolture principesche della seconda metà del V secolo a.C., rinvenute nella necropoli di Melfi-Pisciolo : la tomba 43, del tipo a cassa con deposito, oltre allo stamnos conteneva numerosi altri oggetti di metallo, tra cui un colino, quattro bacini e una situla ; la tomba 48, anch’essa con parte del corredo deposto in una fossa antistante alla cassa, conteneva a sua volta un piccolo stamnos in lamina e tra gli altri bronzi, tre oinochoai di cui una a becco con corpo biconicheggiante67. Ancora dall’area melfese, dalla ricchissima tomba 955 di Lavello, proviene un identico manufatto accompagnato da una notevole quantità di bronzi (candelabro, bacili a treccia, situle stamnoidi, kreagra, lebete, bacili e brocche), segno di quella presenza « commerciale » etrusca che rappresenta una costante nell’archeologia del Melfese e della Daunia sin dal VII secolo68. Conferme di queste importanti relazioni commerciali arrivano dai rinvenimenti effettuati a Banzi, altro rilevante insediamento daunio posto sul versante orientale dell’area medio-bradanica, le cui tombe (specialmente la 419, la 421 e la 534 in località Piano Carbone) hanno restituito altri stamnoi identici, insieme a numerose oinochoai, bacili e lucerne, tutti di produzione etrusca, che costituiscono il vasellame da mensa riferibile alla pratica del simposio69.

  • 70 Per lo stamnos della tomba 140 di Salapia : Blundo, in Salpia vetus 2008, p. 167 (n. 42, fig. 7), 4 (...)
  • 71 Per gli esemplari canosini si veda : De Juliis 1990, p. 53, n. 52, fig. 170-171 ; p. 79, n. 44, fig (...)
  • 72 Il riferimento è all’esemplare dalla Tomba dei Niobidi di Arpi (De Juliis 1992a, p. 23, n. 28, fig. (...)

45Ulteriori e importanti attestazioni di questo manufatto bronzeo provengono da altri siti della Daunia : si veda ad esempio la tomba 140 di Salapia, riferibile alla seconda metà del V secolo a.C., la quale ha restituito uno stamnos analogo insieme con un bacile ad orlo estroflesso, un altro inedito proviene da Aecae70. Certamente identici a quelli della collezione Sansone sono, infine, i due esemplari rinvenuti nell’Ipogeo dei Vimini di Canosa : il primo, appartenente al corredo della cella A, è databile ai primi due decenni del IV secolo a.C. per la presenza di ceramica protolucana riferibile al periodo (cratere del Pittore dell’Anabates e skyphoi dell’Intermediate Group) ; il secondo faceva parte del corredo relativo alla deposizione di sinistra della cella B, che la presenza di opere protoapule dei Pittori di Digione e delle Lunghe Falde suggerisce di datare al secondo quarto del IV secolo. In definitiva, per questo tipo di stamnos si può proporre come riferimento cronologico la seconda metà del V secolo a.C. e una persistenza fino ai primi decenni del secolo successivo (i due esemplari di Canosa e il secondo della collezione Sansone presentano, fra l’altro, restauri antichi)71. Inoltre, davvero significativa, relativamente all’argomento in questione, può essere considerata la comparsa in area daunia, parallelamente agli « originali » stamnoi bronzei etruschi, di fedeli repliche fittili di produzione ovviamente locale72.

4615. Situla (fig. 29-30)
Inv. Sansone 1198.
h. conservata cm 11.
Corpo in metallo martellato sul tornio ; anse e attacchi sono fusi a parte. Si conserva solo l’orlo, parte del corpo, un manico e gli attacchi. Interamente ossidato con una patina di ruggine ed efflorescenze verdi. Incrostazioni di terra. Molto frammentaria e lacunosa.
Labbro ingrossato sporgente, completato da un bordo fuso e applicato a saldatura, decorato con perlinatura e da un giro di ovuli. Corpo rastremato. La presa è costituita da un doppio manico (ne rimane uno) a bastoncello liscio e costolato, con estremità ripiegate ad uncino e desinenti a pigna, inserite in attacchi a doppio anello con piccole protuberanze, una centrale e due laterali.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 29 – Mattinata. Collezione Sansone. Situla « a kalathos ».

Fig. 29 – Mattinata. Collezione Sansone. Situla « a kalathos ».

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 30 – Mattinata. Collezione Sansone. Situla « a kalathos ».

Fig. 30 – Mattinata. Collezione Sansone. Situla « a kalathos ».

Foto Emanuele Arciuli.

  • 73 Per la Campania, si veda la situla di Fratte: Fratte 1990, p. 263, n. 6, fig. 448-449.
  • 74 Per la classificazione delle situle rinvenute in Etruria operata da V. Giuliani Pomes, si veda Giul (...)
  • 75 Per le situle stamnoidi, Giuliani Pomes cita ventidue esemplari. Fuori dall’Etruria, lo studioso co (...)
  • 76 Agli esemplari dall’area etrusca già noti in Giuliani Pomes 1957, p. 54-59, vanno aggiunti due nuov (...)
  • 77 Oltre a quella della tomba 108, Giuliani Pomes menziona anche la situla della tomba 405 dalla Certo (...)

47L’esemplare della collezione Sansone rientra nelle situle « tipo D Giuliani Pomes », le quali presentano una caratteristica forma « a kalathos », caratterizzato dall’orlo ingrossato sporgente, bordo piatto, corpo rastremato e profilo del vaso svasato in modo uniforme fino alla larga apertura della bocca, fondo piano che, in alcune rappresentazioni della ceramica italiota, si presenta dotato di piccolo piede. Si tratta di una variante diffusa specialmente in Etruria, sebbene in un numero limitato di esemplari, ma anche nella Campania etruschizzata73 e in Italia meridionale. Questa categoria di vasi, come ha affermato Bouloumié, appartiene alla produzione bronzistica etrusca di epoca classica74, attestata soprattutto tra la metà ed il terzo venticinquennio del V secolo a.C., ed è coeva alla serie delle situle-stamnoi, con le quali hanno in comune il sistema di anse mobili e gli attacchi75. Tuttavia, al momento, si conosce solo un numero limitato di situle-kalathoi concentrati particolarmente nelle necropoli padane e in quelle di Populonia, mentre piuttosto scarna è la documentazione proveniente dall’Etruria meridionale : sono segnalati due esemplari, uno rinvenuto nella necropoli di San Cerbone a Populonia, l’altro in una tomba a camera di Montepulciano76. Nell’Etruria padana, un esemplare proviene dalla tomba 108 della necropoli della Certosa di Bologna, unitamente ad altri recuperati nell’area bolognese77. Per quanto riguarda l’area apula, una situla con le stesse caratteristiche stilistiche e formali è stata trovata a Ruvo di Puglia, in area peucezia, ed è oggi conservata nel British Museum di Londra (fig. 31) ; un’altra analoga giunge dalla Messapia, da Rocavecchia, sebbene sia di fattura piuttosto semplice, con le pareti svasate in modo non accentuato e i manici inseriti in attacchi del tipo più comune, a doppio anello uniti da una piccola palmetta stilizzata : i manici hanno terminazioni differenti, in entrambi i casi con motivi molto diffusi (protome di cigno molto stilizzata e pigna).

Fig. 31 – Londra. British Museum. Situla « a kalathos » da Ruvo di Puglia.

Fig. 31 – Londra. British Museum. Situla « a kalathos » da Ruvo di Puglia.

© Trustees of the British Museum.

  • 78 Situla da Ruvo al British Museum (già collezione Temple, 1856). Inv. 1856.12-26.634. Dimensioni : h (...)
  • 79 Per le situle provenienti dal territorio celtico, si veda : Bouloumiè 1977, p. 32-33, fig. 11 ; Bou (...)

48Alla documentazione apula deve essere aggiunta un’ansa adespota, sempre della collezione Sansone (inv. Sansone 2652), di cui rimane l’attacco a doppio anello con protuberanze e la presa a doppio manico a bastoncello liscio e costolato, con estremità ripiegate ad uncino e desinenti a pigna, riferibile ad un'altra analoga situla « a kalathos » ormai perduta78. Infine, un vaso senza provenienza – senza dubbio italiano, con ogni probabilità etrusco – si trova nel Museo di Karlsruhe. A questo elenco molto breve devono essere aggiunti quei ritrovamenti legati alle esportazioni al di fuori del territorio italiano : per la Svizzera, si segnala la situla della tomba 114 di Arbedo-Cerinasca ; per l’Austria, si sottolineano quelle provenienti, rispettivamente, da Mannesdorf e da Salzbach79.

49Dal punto di vista cronologico, l’eventuale proposta avanzata da Giuliani Pomes, ossia quella di una datazione compresa tra gli inizi del V e gli inizi del III secolo, risulta troppo ampia : la tomba di Montepulciano comprendeva, a quanto pare, ben due deposizioni, ma nulla permette di affermare che la situla appartenesse alla seconda. Tant’è vero che Bouloumiè attribuisce l’esemplare piuttosto alla prima deposizione, la quale può essere datata intorno alla metà del V secolo a.C. Tale cronologia, attribuita anche agli esemplari di Populonia-San Cerbone e della Certosa di Bologna, corrisponde altresì alla sepoltura austriaca di Salzbach. Per quanto concerne la deposizione elvetica di Arbero, Bouloumiè suggerisce come cronologia il terzo quarto del V secolo a.C. ; per quanto riguarda la tomba di Mannersdorf, essa è databile nell’ambito della seconda metà del IV secolo, ma la situla è da considerare come un oggetto molto più antico.

  • 80 Per la discussione sull’origine e la produzione del tipo, si veda : Bouloumiè 1986, p. 70-71; Bini (...)
  • 81 Per la situla rinvenuta a Fratte, si veda Fratte 1990, p. 263-264, n. 6, fig. 448-449. Essa è forma (...)

50La scarsa diffusione di questa serie di vasi, unitamente alla forma molto lineare e alla mancanza di motivi decorativi figurati, rende piuttosto problematica l’identificazione di particolari elementi stilistici o morfologici che permettano di seguire un'evoluzione del tipo e di individuare i possibili centri di produzione. Inoltre, non vi sono elementi sufficienti per una definizione più precisa dell’ambito cronologico in cui poter collocare la situla, né dati significativi per un suo collegamento con una determinata produzione. Comunque, costituisce già un dato significativo la loro assenza in Etruria meridionale, se si escludono i tre esemplari frammentari da Tarquinia. Senza dubbio, come suggerisce Bouloumié, Bologna può essere stato il centro che ha provveduto ad esportare tali oggetti al di là delle Alpi ; questo, ovviamente, non significa che si tratti di una produzione localizzata nel centro padano, sebbene la maggiore concentrazione di questi manufatti nell’area bolognese porti a simili conclusioni. In ogni caso, non si deve tralasciare quanto attestato dal centro di Populonia, la quale ha restituito il gruppo più consistente di situle cilindriche. In ogni modo, in base a quella che è la maggiore concentrazione di questo tipo di oggetti, si può suggerire per la situla della collezione Sansone un’attribuzione indubbiamente riferibile ad ambito etrusco-settentrionale o al massimo etrusco-padano80. Per quanto riguarda la forma e la cronologia, essa trova precisi confronti con l’esemplare proveniente dalla tomba 146 di Fratte, riferibile alla metà del V secolo, contraddistinto da una forma tronco-cilindrica a profilo curvilineo leggermente concavo rispetto, ad esempio, a quello da Ruvo di Puglia, con pareti molto concave e rastremate verso il fondo81. Il profilo delle pareti meno concave sembra, dunque, essere indizio di una datazione più alta. Per tali motivi, la situla della collezione Sansone può essere assegnata intorno alla metà del V secolo a.C.

5116. Patera (fig. 32-33)
Inv. Sansone 1188.
h. cm 4,6 ; diam. cm 18,5 ; lungh. ansa cm 14,5.
Lamina di bronzo. Il manico è in bronzo fuso e forgiato. In discreto stato di conservazione. Molto ossidato, con patina verde scuro con macchie biancastre, prodotti di corrosione. Orlo e parete con alcune lesioni e lacune. Piccola lacuna sul fondo.
Vasca ampia, poco profonda, con pareti distinte a profilo convesso con andatura irregolare, fondo piatto a profilo convesso ; labbro espanso ingrossato, sporgente verso l’esterno con bordo arrotondato. Ansa a nastro a sezione rettangolare, impostata obliquamente sull’orlo, con margini rialzati e costolatura centrale, terminante a gancio all’estremità con una piccola testa di anatra.
Seconda metà del III-inizi del II secolo a.C.

Fig. 32 – Mattinata. Collezione Sansone. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno.

Fig. 32 – Mattinata. Collezione Sansone. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno.

Archivio Sansone.

Fig. 33 – Mattinata. Collezione Sansone. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno.

Fig. 33 – Mattinata. Collezione Sansone. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno.

Archivio Sansone.

  • 82 Per la classificazione delle « padelle » si veda Caramella, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. (...)

52La patera della collezione Sansone, per le sue caratteristiche morfologiche, può essere assegnata al tipo A nella classificazione delle padelle operata dal Caramella per i bronzi etruschi e romani del Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia. Questi oggetti caratteristici, costituiti da una vasca ampia e bassa e da un lungo manico orizzontale dotato di gancio per la sospensione, corrispondono probabilmente alle patellae citate nelle fonti latine : il loro uso doveva dunque essere finalizzato alla cottura dei cibi. Il tipo in questione è caratterizzato da orlo ingrossato sporgente con bordo arrotondato, vasca ampia, poco profonda con pareti e fondo a profilo concavo. Il manico è nastriforme, impostato obliquamente sull'orlo, con margini rialzati e costolatura centrale, terminante a gancio con piccola protome di palmipede. Le dimensioni di questo tipo di patera sono comprese tra i 4-5 cm per l'altezza, i 15-15,5 cm per il diametro dell’orlo, e i 30-32 cm per la lunghezza. Si tratta di prodotti ottenuti interamente per fusione82.

  • 83 Sul tipo Montefortino : De Marinis 1986, p. 124-126, tav. XVI. Lo stesso studioso distingue, inoltr (...)
  • 84 Per Tuscania : Moretti – Sgubini Moretti 1983, p. 107-108, n. 53-54, ultimi decenni del IV – II sec (...)

53All’interno di questo gruppo si distinguono, inoltre, il tipo « Montefortino » e il tipo « Povegliano-Scaldasole ». Il primo, caratterizzato dalla vasca a pareti distinte leggermente rientranti e fondo convesso, la cui cronologia è stata fissata tra la fine del IV e il III secolo a.C., è ampiamente documentato a Vulci e nel suo territorio : appartengono a questo raggruppamento i due esemplari rinvenuti nelle camere C ed E della tomba VI della necropoli di Ponte Rotto, associati a materiale databile tra la seconda metà del III e la seconda metà del II secolo a.C., quello deposto nella tomba X della necropoli dell’Osteria, che per la presenza di una situla a beccuccio e di fiaschette di tipo A e B si può ascrivere alla seconda metà del III secolo a.C., nonché altri di provenienza imprecisata conservati presso il Museo Gregoriano83. Altre riproduzioni del tipo sono attestate a Tuscania, nella tomba II dei Curunas, frequentata per un lungo periodo a partire dalla fine del IV fino agli ultimi decenni del II secolo a.C., e a Tarquinia, le quali inducono a localizzare in quest’ultimo centro, insieme a Vulci, le probabili aree di produzione di questa « padella » documentata anche a Cerveteri, Orvieto, Fiesole, Volterra e Falerii Novi, in quest’ultimo caso con una datazione ovviamente posteriore al 241 a.C.84

  • 85 Per la patera di Ascoli Satriano, si veda : Tinè Bertocchi 1985, p. 215, n. 217, p. 217, fig. 363,1 (...)

54Il tipo Povegliano-Scaldasole, contraddistinto dal profilo convesso continuo della vasca, rappresenta una serie intermedia rispetto al primo e a quello più tardo Eggers 130. Esso è attestato in territorio daunio, in un interessante contesto tombale di Ascoli Satriano (tomba 6 o Ipogeo della Principessa), databile nella seconda metà del II secolo a.C. (fig. 34), ricco di manufatti bronzei (fiaschetta tipo B, askòs ad otre adagiato, ciotola ad orlo ingrossato tipo B) di probabile attribuzione ad una produzione tarquiniese medio-ellenistica85.

Fig. 34 – Ascoli Satriano. Polo Museale. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno. Dall’Ipogeo della Principessa di Ascoli Satriano.

Fig. 34 – Ascoli Satriano. Polo Museale. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno. Dall’Ipogeo della Principessa di Ascoli Satriano.

Da Lo spreco necessario 2012, cat. 6.32, foto rielaborata dall’autore.

  • 86 Per Castiglioncello : Castiglioncello 1999, p. 81-85, n. 5 ; p. 93-103, n. 8, fig. 45 ; Sannibale – (...)
  • 87 Per l’esemplare associato al sarcofago di Larthia Seianti : Pacchioni 1939, p. 493, tav. XLII,2 ; D (...)

55Ed è a questo tipo che può essere ricondotto l’esemplare della collezione Sansone, sebbene caratterizzato da una vasca con pareti a profilo convesso ancora poco accentuato rispetto alla patera di Ascoli Satriano, forse indizio di una cronologia più alta (seconda metà del III secolo a.C.). A questo stesso gruppo sembra sia ascrivibile la padella della tomba XXV di Castiglioncello, centro al confine tra i territori di Volterra e Pisa, e quella della tomba I della stessa necropoli86. Sempre al tipo Povegliano-Scaldasole è stato riferito l’analogo manufatto proveniente dal corredo del sarcofago chiusino di Larthia Seianti, collocabile cronologicamente tra la fine del III e la prima metà del II secolo a.C. In un’area più meridionale sono noti gli esemplari rinvenuti a Viterbo-San Nicolao, dove nella tomba 1 si registra un’interessante compresenza sia del tipo a pareti convesse sia di quello a profilo rettilineo di tradizione più antica87.

  • 88 È ormai un dato acquisito che da questi tipi dell’alto e medio ellenismo italico si definirà, tra l (...)

56In base agli elementi raccolti, non si può che collocare la diffusione di questo gruppo di patere, probabilmente prodotte a Tarquinia, in un ambito cronologico compreso tra la seconda metà del III e la fine del II secolo a.C., quando è sostituito dal tipo Eggers 130, il quale ne conserva le caratteristiche fondamentali, ma se ne differenzia per le maggiori dimensioni (circa 45-46 cm per la lunghezza complessiva), la presenza di un motivo decorativo sul bordo, la conformazione dell'orlo e dell'estremità del manico88.

5717. Oinochoe a bocca rotonda (fig. 35)
Inv. Sansone s.n.
h. cm 11,5 ; h. max. cm 15,2 ; diam. bocca cm 9 ; diam. piede cm 7.
Bronzo fuso e laminato. Integra. Patina uniforme verde con formazioni blu e affioramenti rossi che a tratti lascia scoperta la superficie originaria del bronzo. Lesioni sull’orlo e sulla spalla.
Oinochoe ad ampia bocca rotonda, orlo estroflesso e ingrossato a formare un listello verticale, collo breve, massima espansione alla spalla alta e arrotondata, profilo sinuoso fortemente rastremato verso il fondo ; fondo piano e lievemente distinto con accenno di espansione tronco-conica. Ansa a sezione rettangolare sormontante, lievemente insellata lungo la faccia esterna, desinente superiormente a placchetta ellittica insieme alla quale è fissata al collo del vaso con due ribattini ; l’attacco inferiore, a foglia d’edera allungata rivolta verso il basso, ora distaccatosi dal corpo del vaso, era invece assemblato tramite brasatura dolce.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 35 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoai a bocca rotonda.

Fig. 35 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoai a bocca rotonda.

Foto dell’autore.

5818. Oinochoe a bocca rotonda (fig. 36)
Inv. Sansone 2694.
h. max. conservata cm 7,3.
Bronzo fuso e laminato. Lacunosa.
Parte di
oinochoe ad ampia bocca rotonda, conservante parte del labbro, estroflesso e ingrossato, e del collo breve, nonché l’ansa sormontante a sezione rettangolare. Manca tutto il corpo con la spalla e il piede.
Seconda metà del V secolo a.C.

Fig. 36 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoai a bocca rotonda.

Fig. 36 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoai a bocca rotonda.

Archivio Sansone.

  • 89 Per una definizione del tipo e per la sua diffusione si veda soprattutto : Bini, in Bini – Caramell (...)

59Questa forma di oinochoe, definita in maniera sintetica « situliforme », è contraddistinta dall’ampia bocca rotonda, breve collo appena accennato, spalla alta e arrotondata, corpo tronco-conico con profilo conformato ad « S ». L’ansa, sormontante e con attacco superiore a « T », presenta diverse varianti nell’attacco inferiore che può essere liscio (circolare, a bocciolo stilizzato, a foglia lanceolata) oppure plastico (a corpo di leone, a zampa/spoglia leonina e foglia cuoriforme). L’area di diffusione di questo tipo di brocca è piuttosto ampia nel suo complesso e include in primo luogo l’Etruria meridionale (Vulci e Tarquinia), quella interna (Orvieto), l’Etruria padana (Bologna e la Romagna) ed il Piceno (compare tra i vasi caratteristici del Piceno IVB), ma anche altre aree dell’Italia settentrionale, tanto da essere inserita come « fossile guida » nel periodo Golasecca IIIA. Tuttavia, i rinvenimenti più recenti attestano una circolazione estesa anche nei siti campani e in quelli dell’Italia meridionale, con una particolare concentrazione in Daunia89.

  • 90 Per Orvieto : Melucco Vaccaro 1971, p. 73-83, tav. XLI,2 ; Camporeale, in Civiltà degli Etruschi 19 (...)
  • 91 Per quanto riguarda Vulci e la tomba Osteria 47, detta del Guerriero, si veda : Baglione, in Gli Et (...)
  • 92 Per Bologna : tomba Certosa 27, fine VI-inizi V secolo a.C. (Govi 1999, p. 109, fig. 54, n. 83, p.  (...)
  • 93 Per Fratte : tomba 29, inizi del V secolo a.C. (Fratte 1990, p. 242-243, n. 6, fig. 408).
  • 94 Per la tomba 151 della Certosa : Zannoni 1876, p. 226-227, tav. LXIII,4 bis.
  • 95 S. Martino in Gattara, tomba 10, terzo venticinquennio del V secolo a.C. (Bermond Montanari, in Att (...)
  • 96 De Marinis 1981, p. 133-134, n. 7, tav. 42,4 (tomba 10 di Brembate Sotto). Si veda anche la tomba 3 (...)
  • 97 Per Fratte: Saggio – Trincea I (Fratte 1990, p. 197-198, n. 18, fig. 317,18. Per Satriano: Holloway (...)
  • 98 Per la documentazione di Tarquinia : Bini, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 32, n. 50, tav. (...)
  • 99 Particolare riferimento va alla documentazione alla tomba 599 di Lavello/Forentum, per la cui bibli (...)

60Recentemente, è stata proposta un’articolazione tipologica che permette di riconoscere un originale più antico, contrassegnato dalla bocca obliqua e dal corpo tronco-conico a pareti rettilinee o convesse, prodotto in Etruria centrale ; a questo segue il tipo più recente, caratterizzato dal profilo a S e dalla bocca orizzontale, probabilmente realizzato in area padana. Il tipo A1, al momento considerato il più antico e dal quale prende avvio la produzione, presenta pareti sostanzialmente convesse, spalla alta stondata e dal profilo continuo, con altezza pari circa alla massima espansione del corpo. Esso è attestato in Etruria centrale e meridionale, soprattutto a Orvieto90 e a Vulci, dove la Tomba del Guerriero (530-520 a.C.) fornisce il termine cronologico più alto91. A tale forma è strettamente collegata il tipo A2, che mantiene la spalla arrotondata ma si distingue per una forma più slanciata e per le pareti che tendono a diventare rettilinee. Esso è documentato a Bologna, in Umbria e nel Piceno già durante la prima metà del V secolo a.C.92, mentre a sud lo si ritrova in una tomba di Fratte degli inizi del V secolo93. Il tipo B1 riprende la novità del corpo slanciato anticipata dal precedente e si caratterizza principalmente per le pareti a profilo sinuoso. Il passaggio morfologico, presumibilmente avvenuto poco dopo la metà del V secolo a.C., sembra essere riconoscibile nell’esemplare proveniente dalla tomba 151 della Certosa a Bologna94. Il tipo è documentato in Romagna, a San Martino in Gattara95, nelle aree caratterizzate dalla cultura di Golasecca96, mentre nell’area meridionale della penisola si ritrova a Fratte e a Satriano97. Anche tale forma a profilo sinuoso sembra essere riconducibile all’attività di botteghe vulcenti o dell’Etruria centrale, alle quali spetta il primato nell’elaborazione e nella diffusione. Al contrario, appare del tutto incongruente l’ipotesi di un’attribuzione del tipo a officine padane, specialmente se si considerano le attestazioni da Tarquinia, dall’Etruria centrale98 e soprattutto l’incremento della documentazione proveniente dall’Italia meridionale99.

  • 100 Per S. Maria Maddalena di Cazzano : Morico, in Atti Bologna 1985, p. 152-153, n. 82.10, tav. 84 (V (...)
  • 101 Per l’area melfese in generale si veda : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 525, n. 18. Per M (...)
  • 102 Per una bibliografia completa sull’argomento si rimanda a : Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, (...)

61Col passaggio al tipo B2 si verifica una trasformazione sostanziale della forma slanciata, attraverso l’introduzione della spalla distinta molto espansa, dal profilo ad angolo ottuso, mentre le pareti rastremate verso il fondo conservano l’andamento rettilineo già peculiare del tipo A2. Brocchette siffatte sono documentate a S. Maria Maddalena di Cazzano, con un esemplare già considerato discriminante nella transizione morfologica dal tipo antico a quello recente, a sua volta confrontabile con un altro analogo da Bologna (tomba Benacci 179)100. I ritrovamenti più recenti, inoltre, documentano l’ampia diffusione anche in area lucana e in Daunia, con diverse testimonianze provenienti da Melfi-Chiuchiari (tombe A, C, D ed E), Lavello (tombe 599, 607, 955), Banzi (tombe 319, 419)101 e Canosa (esemplare sporadico), tutte riferibili alla seconda metà del V secolo a.C. A questa serie, la quale appare come una redazione più periferica e tarda, confermata dai contesti di rinvenimento circoscritti tra l’ultimo venticinquennio e la fine del V secolo a.C., sembrano ascrivibili anche le due brocche della collezione Sansone, alle quali può essere assegnata la medesima cronologia102.

6219. Oinochoe trilobata (figg. 37-38)
Inv. Sansone 1202.
h. max. conservata cm 4.
Lamina di bronzo martellata ; decorazioni applicate in bronzo fuso. Gravemente lacunosa, manca tutto il resto del corpo. Ossidata e con numerose incrostazioni di terra.
Si conservano due frammenti della bocca trilobata ; labbro espanso all’esterno e ripiegato inferiormente, decorato nella parte superiore, da una protuberanza a bastoncello applicata, desinente in una testa di serpente in bronzo fuso fissata tramite un ribattino.
Fine VI secolo a.C.

Fig. 37 – Mattinata. Collezione Sansone. Frammenti di oinochoe trilobata.

Fig. 37 – Mattinata. Collezione Sansone. Frammenti di oinochoe trilobata.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 38 – Mattinata. Collezione Sansone. Frammenti di oinochoe trilobata.

Fig. 38 – Mattinata. Collezione Sansone. Frammenti di oinochoe trilobata.

Foto Emanuele Arciuli.

  • 103 Per le Lowenkannen si vedano gli esemplari della collezione Guglielmi nel Museo Gregoriano Etrusco (...)
  • 104 Per questa classe di oinochoai, si segnalano, senza completezza, i seguenti contributi ai quali si (...)

63L’analisi dell’esemplare in questione non risulta molto agevole, a causa della sua gravissima lacunosità. Tuttavia, la decorazione applicata sul labbro sembra suggerire che il frammento possa essere pertinente alla parte superiore di una Schnabelkanne, caratterizzata in tutte le sue varianti da bracci a bastoncello applicati sui lati dell’orlo, desinenti in protomi ferine stilizzate. Altrettanto, non si può escludere che essa sia parte di un’oinochoe trilobata tipo Lowenkanne, anch’essa di produzione etrusca e contraddistinta dalla presenza di bracci superiori desinenti in teste leonine103. Se così fosse, la protome dell’esemplare Sansone potrebbe anche essere una testa di leone stilizzata. Sono presenti, inoltre, numerose oinochoai trilobate di questo tipo, dotate di ansa fusa, il cui attacco superiore termina con una testa leonina rivolta verso l'interno della bocca, compresa fra una coppia di leoncini distesi ai lati, sul labbro, ascrivibili a una classe documentata da molti esemplari. Quest’ultima è articolata in numerose varianti (costituite dal tipo di protomi laterali, quali le scimmie, animali dalla forte connotazione erotica, che sono più frequenti dei felini) ed è ritenuta un prodotto della produzione bronzistica laconica. Esemplari di questo tipo sono stati rinvenuti in aree di diversa appartenenza culturale, come Atena Lucana, Chiuchiari di Melfi, Matera, Rutigliano e nella tomba 103 di Braida di Vaglio104. Altre ipotesi o suggestioni sono impossibili da valutare data l’estrema frammentarietà del pezzo.

6420. Askos (fig. 39)
Inv. Sansone 2654.
h. max. cm 11.
Lamina di bronzo martellata. Decorazione a rilievo. Ossidato, frammentario e lacunoso.
Askos frammentario « a forma di otre », con piede a disco rilevato a profilo tronco-conico, corpo globoso allungato a pareti convesse molto asimmetriche. La parte rimanente si presenta decentrata, allungata e asimmetrica ; nella zona posteriore presenta due lunghi elementi curvilinei a rilievo (pieghe). Sulla spalla tracce di saldatura dell’attacco dell’ansa obliqua non conservata che doveva essere impostata sul retro dell’imboccatura e nella zona superiore del ventre.
Fine III-II secolo a.C.

Fig. 39 – Mattinata. Collezione Sansone. Askos frammentario « a otre adagiato ».

Fig. 39 – Mattinata. Collezione Sansone. Askos frammentario « a otre adagiato ».

Archivio Sansone.

  • 105 Per le caratteristiche morfologiche del vaso si veda soprattutto Bini – Caramella – Buccioli 1995, (...)

65L’askos della collezione Sansone è assimilabile al tipo « ad otre adagiato » che, per le sue caratteristiche morfologiche, probabilmente veniva utilizzato per contenere e versare liquidi, principalmente vino ed olio. Sulla base dei confronti con gli esemplari forniti di ansa, si può supporre la presenza di un’ansa a bastoncello costolato sagomata a viticcio serpeggiante. Le dimensioni sono comprese tra i 6-8 cm per il diametro del fondo e gli 11,5-16 cm per l’altezza. Il vaso è laminato e ripiegato sull’orlo con fondo ripassato al tornio, mentre l’ansa è fusa e saldata, con particolari rifiniti al cesello profilatore105.

  • 106 Per quanto riguarda Vulci, un esemplare è conservato nel Museo Gregoriano Etrusco, mentre un’ansa è (...)
  • 107 Nel Museo Nazionale di Tarquinia sono documentati diversi esemplari, per cui si veda Bini – Caramel (...)
  • 108 La tomba di Tuscania è stata frequentata tra la fine del IV e il II secolo a.C. (Moretti – Sgubini (...)
  • 109 Per la documentazione di Volterra : Fiumi 1957, p. 398, n. 2, fig. 30.

66Askoi di questo tipo sono documentati prevalentemente in Etruria meridionale, a Vulci106, Tarquinia107, Tuscania (Tomba II dei Curunas) e a Ferento, sito dal quale provengono due esemplari completi, uno pertinente ad un corredo tombale con ceramica a vernice nera e pareti sottili, l’altro sporadico108. Esso è attestato anche in Etruria settentrionale, in particolare a Volterra, dove un vaso è stato rinvenuto in una tomba della necropoli del Portone, la cui cronologia oscilla tra il 250 e il 50 a.C., in base alle monete in essa ritrovate109.

  • 110 Per Ascoli Satriano : un esemplare è stato rinvenuto nell’Ipogeo 4/2011 di Via Tagliamento, datato (...)
  • 111 Tassinari 1975, p. 59-61, n. 151, tav. XXIX. Si conoscono, inoltre, altri esemplari analoghi di pro (...)

67Tuttavia, questi contenitori non sono presenti esclusivamente in Etruria, ma si diffondono anche in aree geografiche e culturali lontane tra loro, tra le quali figurano la Daunia, come confermano gli askoi rinvenuti in due tombe di Ascoli Satriano (fig. 40)110, la Gallia, dove è segnalato il ritrovamento a Chebourg di un askos contraddistinto dal collo particolarmente slanciato e con una palmetta posta al di sotto dell’attacco posteriore dell’ansa, e la Pannonia111.

Fig. 40 – Ascoli Satriano. Polo Museale. Askos « a otre adagiato ». Dall’Ipogeo della Principessa di Ascoli Satriano.

Fig. 40 – Ascoli Satriano. Polo Museale. Askos « a otre adagiato ». Dall’Ipogeo della Principessa di Ascoli Satriano.

Da Lo spreco necessario 2012, cat. 6.35.

  • 112 Per l’evoluzione del tipo e la dibattuta questione cronologica si rimanda a Bini – Caramella – Bucc (...)

68Sebbene i limiti cronologici siano ancora piuttosto incerti, il tipo può essere datato tra il III e la prima metà del I secolo a.C. La particolare diffusione e concentrazione di questo vaso nei centri dell’Etruria meridionale, con una forte presenza registrata a Tarquinia, induce ad attribuire la produzione di questi askoi ad officine attive in quest’area dedite alla fabbricazione e alla circolazione anche di altri vasi metallici caratteristici dei corredi medio-ellenistici etruschi e italici112. A tale ambito produttivo e cronologico può essere ascritto anche l’esemplare della collezione Sansone.

6921. Colum (fig. 41)
Inv. Sansone 1189.
h. cm 5,8 ; diam. bocca cm 11,5.
Fuso, martellato e cribrato. Interamente ossidato con patina ed efflorescenze verdi e gravi prodotti di corrosione. Incrostazioni di terra. Fondo lesionato, ansa frammentaria.
Breve labbro appena ingrossato verso l’interno e sporgente all’esterno con bordo piatto. Vasca emisferica con due scanalature orizzontali parallele sotto il labbro, fondo piatto e cribrato con fori disposti in cerchi concentrici con punto centrale. Ansa a nastro impostata orizzontalmente sull’orlo, probabilmente desinente in un gancio conformato a protome animale, ora mancante (forse si tratta dell’ansa a nastro, inv. Sansone 1234, terminante con una testa di cigno e attacco inferiore a palmetta, lungh. cm 17,6). Anche l’ansa presenta una decorazione incisa sulla faccia superiore illeggibile a causa della corrosione del metallo.
Metà IV-inizi III secolo a.C.

Fig. 41 – Mattinata. Collezione Sansone. Colum.

Fig. 41 – Mattinata. Collezione Sansone. Colum.

Archivio Sansone.

  • 113 Una versione piuttosto singolare di tale operazione è quella riferita da Marziale, che consisteva n (...)

70L’esemplare della collezione Sansone è ascrivile alla classe dei cola i quali, come riferiscono le fonti letterarie, erano utilizzati per filtrare il vino mentre lo si versava dalle anfore nel cratere o dall’oinochoe e dal kyathos nelle coppe113. Costituendo un oggetto indispensabile nel rituale del vino, esso ricorreva frequentemente nelle raffigurazioni delle scene simposiache nelle pitture vascolari e tombali, all’interno delle quali compaiono spesso, a fare da pendant, l’oinochoe o il kyathos, secondo un’associazione assai consueta anche nei contesti funerari.

  • 114 Kent Hill 1942, p. 41 s.
  • 115 Per lo studio più recente di questi manufatti si veda : Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 75-85, (...)
  • 116 Come riferiscono gli autori (Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 81), nell’ambito del tipo C vi so (...)

71Questi oggetti sono stati studiati e organizzati tipologicamente dalla Kent Hill attraverso una classificazione che, tuttavia, è stata poco utilizzata negli studi successivi114. Recentemente, è stata proposta una nuova suddivisione basata soprattutto sugli esemplari rinvenuti a Tarquinia, raccolti in tre tipi fondamentali115. Per le caratteristiche morfologiche il colum della collezione Sansone può essere assegnato al tipo C, i cui elementi peculiari consistono nell’orlo orizzontale piatto, basso bordo verticale, vasca emisferica o tronco-conica e fondo cribrato con fori disposti in cerchi concentrici. L’ansa è a nastro, impostata orizzontalmente sull’orlo e desinente a gancio ricurvo con estremità conformata a protome animale116.

  • 117 Per la lista delle attestazioni in area etrusca e per la bibliografia relativa si rimanda principal (...)

72La grande quantità di attestazioni riconducibili al tipo C consente di affermare come questa forma di cola sia quella più fittamente diffusa con una larga concentrazione in tutta l’Etruria (Tarquinia, Tuscania, Vulci, S. Giuliano, Viterbo, Musarna, Bolsena, Chiusi, Chianciano, Montepulciano, Sovana, Sarteano, Poggio Pinci, Castelluccio di Pienza, Cortona, Arezzo, Populonia, dove sono state rinvenute anche repliche in piombo, S. Miniato, Volterra, Carmignano e Bologna117. Esemplari analoghi sono documentati anche nelle necropoli picene di Montefortino e Filottrano, a Todi, Falerii e, persino, nell’Europa nord-orientale. In base alla cronologia di alcuni corredi (tomba V di Poggio Pinci, tombe di Porano e Carmignano), il termine iniziale per la diffusione può essere fissato intorno alla metà del IV secolo a.C., mentre il termine finale, rappresentato dalle tombe di Chiusi e di Chianciano, coincide con gli ultimi decenni del III secolo a.C.

  • 118 Per le attestazioni nelle aree al di fuori dell’Etruria, la cronologia e le probabili officine, si (...)
  • 119 Per l’esemplare da Spina : Comacchio 1993, p. 96, n. 59 ; per il colum di Tarquinia : Bini – Carame (...)

73La diffusione così ampia ed omogenea, che presuppone una particolare richiesta di tali oggetti in tutta l’area etrusca, ma anche in zone più lontane, e le numerose varianti, significative anche se minime, si spiegano con l’ipotesi che la produzione di tale manufatto sia attribuibile all’attività di più officine localizzabili nei centri distribuiti nelle aree interessate dai ritrovamenti118. Il colum della collezione Sansone richiama per la decorazione scanalata sotto l’orlo un analogo esemplare proveniente dalla tomba 58c di Spina-Valle Pega, datata intorno alla metà del IV secolo a.C., e da un altro simile sporadico conservato nel Museo Nazionale di Tarquinia119.

7422. Aryballos globulare miniaturistico (fig. 42)
Inv. Sansone 1949.
h. cm 3 ; diam. bocca cm 1,5.
Lamina di bronzo martellata. Piuttosto ossidato, ricoperto da una patina verdastra. Lacuna sul corpo.
Piede a sezione tronco-conica, corpo globulare con fondo indistinto, basso collo cilindrico, ampio labbro estroflesso, ansa a nastro impostata orizzontalmente sull’orlo e verticalmente sulla spalla.
Fine VII-VI secolo a.C. ?

Fig. 42 – Mattinata. Collezione Sansone. Aryballos globulare e lucerna.

Fig. 42 – Mattinata. Collezione Sansone. Aryballos globulare e lucerna.

Archivio Sansone.

  • 120 Per la tomba 76 di Chiaromonte : Greci, Enotri e Lucani 1996, p. 141-147, cat. 2.10.39 ; Bianco 199 (...)

75L’esemplare in questione non sembra trovare, al momento, confronti precisi con altri manufatti simili. Per le caratteristiche morfologiche può essere accostato agli aryballoi ceramici protocorinzi e corinzi, nonché a quelli etrusco-corinzi riferibili al VII secolo a.C., generalmente usati per contenere olii e unguenti profumati. Un analogo oggetto in bronzo, anche se lievemente differente per la forma, proviene dalla tomba 76 di Chiaromonte, riferibile alla sepoltura di un guerriero della prima metà del VI secolo a.C., la quale ha restituito, oltre alle armi da difesa e da attacco in bronzo e ferro, un servizio per il banchetto e per arrostire le carni, costituito da vasi in ceramica e in bronzo (aryballos globulare in bronzo e ferro, phiale mesonphalica con decorazione a sbalzo in bronzo, vaso « a barile », oinochoe rodia, podanipter, bacile su tripode bronzeo, bacili ad orlo perlinato, tutti prodotti di officine metallurgiche etrusche o anche di provenienza greca), spiedi, alari, graticola e molla120.

76È piuttosto probabile che l’aryballos della collezione Sansone, se confrontato con quello della tomba di Chiaromonte, sia anch’esso ascrivibile alla prima metà del VI secolo a.C. Per le sue dimensioni ridotte, è assai verosimile che possa essere appartenuto alla sepoltura di un bambino.

7723. Lucerna (fig. 43)
Inv. Sansone 2671.
Lungh. cm 13 ; diam. cm 7.
Bronzo. Vasca ottenuta a martello, ansa fusa e ripiegata ; rifiniture a bulino ; saldature ottenute per
stagnatura. Lacunosa e frammentaria. Molto ossidata, con patina verdastra che la ricopre interamente, prodotto del processo di corrosione in atto.
Vasca bassa arrotondata a fondo piatto ombelicato, parete leggermente rigonfia, ampio beccuccio ogivale. Al di sopra è saldata una corona circolare. Ansa verticale a nastro sormontante, formata da un listello ripiegato, desinente al di sotto
in una foglia d’edera saldata alla vasca e sopra in una placchetta rettangolare fissata alla corona circolare con due chiodini.
Fine V secolo a.C.

Fig. 43 – Mattinata. Collezione Sansone. Aryballos globulare e lucerna.

Fig. 43 – Mattinata. Collezione Sansone. Aryballos globulare e lucerna.

Archivio Sansone.

  • 121 Per la tomba 421 di Banzi, si veda Genti in arme 2001, p. 86-88, n. 153, fig. 23 (inv. 341858). Per (...)
  • 122 Per la tomba 227 di Chiaromonte : Bottini, in Armi 1993, p. 95-102, n. 7 ; Id. 1999b, p. 423-426, c (...)

78La lucerna della collezione Sansone, utilizzata insieme al thymiaterion per bruciare incensi ed illuminare gli ambienti durante la cerimonia conviviale, per le sue caratteristiche morfologiche trova confronti con analoghi manufatti rinvenuti in area melfese ed enotria. Particolarmente evidenti sono le somiglianze con le lucerne delle tombe 421 e 534 di Banzi, riferibili entrambe alla seconda metà e ai primi decenni del IV secolo a.C., il cui corredo comprende dei veri e propri set di vasellame in bronzo di produzione etrusca per il simposio121. Lo stesso tipo, arricchito da una decorazione con solcature concentriche sulla corona, è documentato nella tomba 227 di Chiaromonte, riferibile tra il secondo e l’ultimo venticinquennio del V secolo a.C., e nella tomba 955 di Lavello-Forentum, databile ai primi decenni del IV secolo122.

  • 123 Per i riferimenti agli esemplari da Olinto : Bottini, in Armi 1993, p. 101, n. 7, con bibliografia.

79Come riferisce Bottini, essa è confrontabile con esemplari analoghi da Olinto ; similitudini sono riscontrabili anche nella produzione fittile con un tipo attico di epoca tardo-arcaica123. Non è da escludere una fabbricazione attribuibile ad officine locali vista l’ampia diffusione del tipo. Per la cronologia, si propone in questa sede un inquadramento nell’ambito della fine del V secolo.

8024. Olla (fig. 44)
Inv. Sansone 2657.
h. max. conservata cm 5,4 ; diam. cm 10,5.
Lamina martellata di bronzo. Lacunosa e frammentaria, sono conservati il labbro e parte della parete sottostante. Ossidata, completamente ricoperta da una patina verdastra con efflorescenze bianche.
Olla con orlo liscio estroflesso obliquo, spalla obliqua svasata, corpo con pareti arrotondate a profilo convesso. Manca parte dell’orlo su cui doveva essere impostata un’ansa probabilmente a nastro.
V-IV secolo a.C.

Fig. 44 – Mattinata. Collezione Sansone. Olla.

Fig. 44 – Mattinata. Collezione Sansone. Olla.

Archivio Sansone.

  • 124 Per la brocca dell’Ipogeo dei Vimini di Canosa : De Juliis 1990, p. 108, n. 70. Per la documentazio (...)

81L’olla della collezione Sansone non è altro che un semplice recipiente in lamina martellata, senza particolari motivi o elementi decorativi ; la forma sembra rispecchiare quella dei più comuni contenitori ceramici da cucina (chytrai), costantemente presenti nei corredi funerari apuli e per questo appare possibile attribuirla all’opera di artigiani locali. Essa è documentata in ambito indigeno in Daunia (si veda la brocca dell’Ipogeo dei Vimini di Canosa), in Peucezia, con una particolare concentrazione nel sito di Rutigliano, e in Messapia (Rudiae)124.

  • 125 Per l’inquadramento stilistico e cronologico delle olle rinvenute nella Puglia centro-meridionale : (...)

82Per quanto riguarda la cronologia, le olle di Rutigliano non sono riferibili ad un periodo ristretto, in quanto le sepolture risultano in alcuni casi riutilizzate, con materiali collocabili tra il V ed il IV secolo a.C. La datazione che, quindi, è stata proposta per questi recipienti studiati dalla Tarditi può essere compresa in questo arco di tempo e a tale ambito può essere attribuito anche l’esemplare della collezione Sansone. Per quanto concerne la produzione, è probabile che si tratti di opere di artigianato locale, influenzate certamente da forme presenti nella ceramica indigena e forse anche da modelli greci125.

8325. Lebete o bacino ( ?) (fig. 45)
Inv. Sansone 2659.
h. max. conservata cm 9,2 ; diam. cm 31,8.
Bronzo ; lamina martellata. Frammentario, lacunoso, si conserva l’orlo e parte della parete sottostante. La superficie è ricoperta da una patina verdastra e da efflorescenze bianche e scure, segnali di un processo corrosivo avanzato.
Orlo estroflesso piatto e liscio, ribattuto verso l’esterno. Pareti a profilo rettilineo lievemente rastremate verso l’alto in corrispondenza dell’orlo.
Fine VII-VI secolo a.C.

Fig. 45 – Mattinata. Collezione Sansone. Lebete o bacile.

Fig. 45 – Mattinata. Collezione Sansone. Lebete o bacile.

Archivio Sansone.

  • 126 Per il lebete da Bitonto : Lo Porto 1996, p. 17-18, fig. 11,2.
  • 127 Per l’esemplare della tomba 279 di Lavello-Forentum : Bottini 1982, p. 56, n. 22.
  • 128 Per la documentazione proveniente dall'area nord-lucana (Baragiano e Satriano), si veda : Bottini 2 (...)

84Le caratteristiche morfologiche relative all’esemplare della collezione Sansone sembrano ricordare quelle peculiari dei lebeti a pareti rientranti con vasca profonda e arrotondata con lieve carenatura, ai quali, spesso, venivano applicati dei piedi in ferro trasformandoli in lebeti-tripodi per arrostire o bollire le carni durante i banchetti. Confronti stringenti sembrano richiamare il grande lebete della tomba Natillo di Bitonto126, riferibile alla sepoltura di un guerriero databile tra la fine del VII e il primo venticinquennio del VI secolo a.C. Alcuni elementi, quali l’orlo estroflesso, ripiegato, avvolto su se stesso e ribattuto con breve tesa, e le pareti rientranti, sono identici in entrambi i manufatti, la differenza consiste nel diametro che in quello della collezione è nettamente inferiore. Un altro esempio simile è documentato nella ricca tomba 279 di Lavello-Forentum, assegnabile alla fine del VII secolo127. Altrettanto affini per tipologia e caratteristiche formali sono i lebeti provenienti dalla sepoltura principesca di Baragiano (la tomba 35), poggiante su un tripode in ferro, e da una delle tombe dell’anaktoron di Torre di Satriano. Entrambi presentano una vasca cilindrica e appena svasata, orlo ribattuto, arricchita da una coppia di grandi anse ad anello, fissate alla vasca da un massiccio elemento piuttosto elaborato, anch'essi ascritti a produzione peloponnesiaca128.

85Per quanto riguarda la cronologia, il lebete Sansone può essere collocato, al pari dei due sopra menzionati, alla fine del VII-inizi del VI secolo a.C. Per quanto concerne l’ambito di produzione, è piuttosto verosimile che esso sia da attribuire all’attività di officine etrusche, così come è stato ipotizzato per gli altri due esemplari.

8626. Boccale (fig. 46-47)
Inv. Sansone 1267.
Da Salapia.
h. cm 10,6 ; diam. bocca cm 10,7.
Lamina di bronzo martellata ; ansa applicata a fusa a parte. Ammaccature. Ricoperto da patina verdastra e da incrostazioni di terra. Integro.
Corpo cilindroide dal profilo leggermente convesso, pareti rastremate verso il fondo ; fondo piatto.
Ansa a bastoncello verticale terminante in alto con una piastrina rettangolare fissata con due chiodini a testa circolare, in basso con una placchetta circolare.

Fig. 46 – Mattinata. Collezione Sansone. Boccale o bicchiere da Salapia.

Fig. 46 – Mattinata. Collezione Sansone. Boccale o bicchiere da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

Fig. 47 – Mattinata. Collezione Sansone. Boccale o bicchiere da Salapia.

Fig. 47 – Mattinata. Collezione Sansone. Boccale o bicchiere da Salapia.

Foto Emanuele Arciuli.

87Anche in questo caso, come per l’olla precedentemente descritta, si tratta di un recipiente che non presenta qualità stilistiche e formali, né è contraddistinto da motivi o elementi decorativi di particolare rilievo. Queste caratteristiche inducono ad attribuire l’esemplare della collezione Sansone all’opera di un artigiano locale. Per quanto riguarda la cronologia, mancando dei confronti puntuali non è possibile proporre alcuna datazione.

Conclusioni

  • 129 Si vedano, ad esempio, i complessi dell’Ipogeo dei Vimini di Canosa (De Juliis 1990), quelli delle (...)
  • 130 Si può dunque immaginare che l’acquisizione di merci etrusche sottintenda una già avvenuta recezion (...)

88Il repertorio dei vasi metallici presente nella collezione Sansone, al di là delle differenze stilistiche e cronologiche, appare molto omogeneo, derivando da una ben nota ideologia funeraria, testimoniata in Daunia e nella vicina Basilicata da ricche tombe principesche. Esso può essere diviso in due gruppi che comprendono, rispettivamente, manufatti riferibili al VI-V secolo a.C. ed altri databili tra il III ed il II secolo. Tra gli oggetti più significativi si devono considerare quelli relativi alla cottura dei cibi (lebeti, bacili e patere) e alle libagioni funebri (oinochoai e olpai) che, come già è stato rilevato nell’introduzione, rappresentano nel mondo antico diverse funzioni, quali quella domestica, sociale e sacrale. Anche in Daunia, questi contenitori indicano da una parte la posizione preminente del defunto nell’ambito dell’oikos familiare, dall’altra una particolare dignità e una posizione di rango nella più ampia compagine sociale. E come hanno dimostrato gli studi e i più recenti rinvenimenti, tali simboli sono presenti, indifferentemente, sia nelle tombe maschili che in quelle femminili129. Che si tratti di oggetti e « beni di prestigio », cui viene demandata l’esibizione del rango sociale e delle possibilità economiche, è chiaramente dimostrato dalla sovrabbondanza e dalla qualità dei corredi. Appare opportuno sottolineare come alcune evidenze siano agevolmente riconducibili alla pratica del « dono » aristocratico, in quanto si tratta spesso di manufatti isolati o che contribuiscono allo svolgimento di funzioni solo in unione con altri beni di diversa provenienza, generando dei « sistemi misti ». In altre circostanze, specialmente in età più avanzata, la presenza di tali oggetti sembra invece rimandare a fenomeni commerciali veri e propri che sottendono comunque dinamiche socio-economiche complesse. Infatti, le élites nord-lucane e daunie gestiscono gli scambi fondamentali a largo raggio con le altre etnie (Italici, Greci ed Etruschi), ammassando beni e assicurando attività e servizi a favore delle varie comunità. In tal modo, esse giungono ad acquisire un’ampia mole di beni di prestigio, probabilmente grazie anche alla possibilità di disporre in loco delle prestazioni di artigiani itineranti stranieri (supposizione valida principalmente per orafi e intagliatori d’ambra, ma estendibile anche a coloro che lavorano il bronzo, in rapporto alla delicata questione dello sviluppo di un artigianato indigeno)130.

  • 131 Per la tomba di Cupola : Montanaro 2010 ; per le tombe di Canosa-Toppicelli : Corrente 1992, p. 63- (...)
  • 132 Per le tombe principesche di Lavello : Bottini 1982.
  • 133 Per i complessi di Baragiano e Torre di Satriano, si veda : Russo et alii 2008 ; Russo 2009 ; Brusc (...)

89Due sono i dati di assoluta importanza che riguardano il complesso dei vasi bronzei della collezione Sansone : in primo luogo, risultano essere nella quasi totalità di produzione etrusca ; per di più, questi manufatti generalmente compongono dei veri e propri « servizi » omogenei variamente assortiti (si potrebbe dire una « composizione esotica »), assemblati per nuclei funzionali, se confrontati con i contesti dell’area melfese, nord-lucana e daunia riferibili al V secolo a.C., che possono riflettere, almeno in parte, le realizzazioni di specifiche e distinte officine. In epoca precedente tale fenomeno appare più circoscritto, ma non privo di esempi significativi concentrati nella Daunia costiera (tomba principesca di Cupola, tombe 1/75 e 1/89 di Canosa-Toppicelli, tomba 231 di Salapia, tomba 12 di Ordona)131, nell’area melfese (tombe principesche 277 e 279 di Lavello)132 e in quella nord-lucana (tombe dell’anaktoron di Torre di Satriano, tombe 35, 37 e 57 di Baragiano)133, dove a ceramiche indigene o importate si affiancano uno o più contenitori bronzei, soprattutto bacili ad orlo perlinato o a semplice orlo estroflesso e lebeti ; con questi ultimi sono confrontabili gli esemplari della collezione Sansone (nn. 1, 2, 6 e 25).

  • 134 Sull’incremento delle importazioni avvenuto nel V secolo : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. (...)
  • 135 In aggiunta agli itinerari marittimi, non è da escludere che i materiali di bronzo etruschi potesse (...)

90Un cambiamento significativo della situazione si verifica soprattutto nel V secolo a.C., allorché si assiste all’inizio di un incremento sia quantitativo che qualitativo nell’importazione dei bronzi destinato a prolungarsi sino allo scorcio del secolo ed anche ai primi decenni del successivo, che interessa sia i centri del Melfese (Lavello, Banzi, Melfi), sia i siti dauni (Tiati, Cupola, Salapia, Minervino, Ordona) sino a Canosa che svolge una funzione di terminal adriatico134. Ma più che a Capua, come era stato affermato in passato, è alla vitalità del centro etrusco di Fratte che deve essere attribuito il ruolo di principale intermediario del commercio etrusco con l’Italia meridionale e, quindi, con le aristocrazie daunie, i cui corredi indicano una particolare predilezione per i prodotti della bronzistica etrusca. Infatti, in questa fase Capua appare piuttosto defilata rispetto ai siti della Campania costiera e dell’hinterland, nei quali si registra un aumento considerevole dei rinvenimenti (Sorrento, Vico Equense, Nocera, Pompei, Fratte, Montesarchio, S. Salvatore Telesino, Carife). Il vasellame etrusco poteva raggiungere agevolmente via mare gli scali meridionali della penisola sorrentina e del salernitano e da lì essere smistato nell’entroterra, come già proposto da C. Albore Livadie e V. Sampaolo, attraverso l’itinerario fluviale Sele-Ofanto di cui Fratte costituisce lo sbocco135.

  • 136 Sulla comparsa di forme riferibili a prodotti seriali : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 49 (...)
  • 137 Essa è riconoscibile a Tarquinia, sui kylikeia della « Tomba del Guerriero » n. 3243 (Moretti 1986) (...)
  • 138 Per la documentazione dell’area melfese : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 511-515. Per Sal (...)

91Tutto questo comporta non solo l’importazione di manufatti di alto livello qualitativo, ma anche la comparsa, fra i prodotti tirrenici, di forme non documentate in precedenza, quali Schnabelkannen, oinochoai forma IX, olpai e olle stamnoidi, riferibili a produzioni etrusche di tipo « semi-industriale », prive di particolari qualità formali, le quali danno vita, come già detto precedentemente, a dei veri e propri « servizi » piuttosto omogenei, funzionali alle pratiche del bere di carattere simposiaco. Ed è in questo senso che, forse, possono essere interpretati alcuni esemplari della collezione Sansone (bacili n. 3-5, brocca a ventre globulare n. 10, olpe n. 11, Schnabelkanne n. 12, uno dei due stamnoi nn. 13-14, oinochoe a bocca rotonda n. 18, lucerna n. 23), verosimilmente appartenenti ad un unico contesto proveniente da Salapia136. Infatti, tali associazioni non sono affatto rare nei corredi delle aristocrazie daunie del V secolo, nelle quali prevale in maniera particolare la « coppia funzionale » brocca-bacile, quasi sempre accompagnata anche dallo stamnos, che alcune raffigurazioni pittoriche etrusche ci mostrano inserita nel contesto conviviale come « servizio » a disposizione dei commensali, coppia per la quale è stata ipotizzata un’analoga funzione purificatoria rivolta al defunto (come lavaggio del corpo) o ai partecipanti al rito137. Per fare alcuni esempi, questo abbinamento compare nella tomba 140 di Salapia (bacile, stamnos), nelle tombe 952 (bacile, Schnabelkanne) e 955 di Lavello (brocca, bacile, stamnos, lucerna), nelle tombe 319 (oinochoe a bocca rotonda, oinochoe trilobata, situla, phiale), 419 (coppia di oinochoai, bacile, stamnos), 421 (olpe, lucerna), 534 (brocca, bacile, stamnos, lucerna) di Banzi, nelle tombe F (bacili, stamnos, oinochoai, candelabro), C (bacili, oinochoe trilobata, olpe) di Melfi Chiuchiari, nelle tombe 43 (bacili, stamnos, oinochoe) e 48 (bacili, stamnos, oinochoai trilobate, candelabro) di Melfi-Pisciolo e, infine, nell’Ipogeo dei Vimini di Canosa (oinochoai, stamnos, bacile)138.

  • 139 Sulla possibilità dell’esistenza di officine locali : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 499- (...)

92Inoltre, come ha affermato A. Bottini, non è da scartare l’ipotesi che una parte del vasellame, così insistentemente presente nei corredi dell’area nord-lucana, melfese e daunia (come ad esempio, i bacili dei tipi più semplici o alcune varianti di oinochoai), sia in realtà da collocare nell’ambito dell’attività di botteghe locali, probabilmente localizzabili in area daunio-costiera, avviate da artigiani allogeni, trasferitisi laddove esisteva una specifica richiesta della loro opera. Almeno nelle fasi iniziali, tale domanda doveva essere strettamente legata a quella stessa committenza principesca attiva per altre categorie di beni di lusso, dalle ceramiche figurate agli ornamenti in metallo prezioso ; per questi presunti artigiani tirrenici, sarebbe plausibile pensare più a forme di dipendenza personale nel quadro di un sistema ancora di tipo gentilizio e comunque aristocratico che ad una libera attività « di mercato »139.

  • 140 Per la fase di instabilità politica e sulla presenza sannita : Bottini 1985, p. 63-66 ; Volpe 1990, (...)
  • 141 Per Ascoli Satriano, si vedano i complessi dell’Ipogeo della Principessa (Anzivino, in Lo spreco ne (...)
  • 142 Particolarmente interessante è la tomba 2 di Monte S. Angelo, riferibile alla fine del III – primi (...)
  • 143 Tali materiali di provenienza tarquiniese sono conservati, oltre che nel Museo Nazionale di Tarquin (...)

93La fase di maggiore affluenza di bronzi etruschi in Daunia si risolve sostanzialmente verso la fine del V secolo, pur non mancando alcune testimonianze che arrivano ai primi decenni del successivo. Questo fenomeno dell’interruzione dei traffici col versante tirrenico della penisola è dovuto quasi certamente alla crisi che investe l’area melfese e la Daunia settentrionale, durante il periodo in questione, crisi che segna la fine dei precedenti assetti etnico-politici e vede l’affermarsi della presenza sannita. Nelle sepolture rinvenute nei siti interessati da questa nuova condizione di instabilità, i bronzi laminati risultano assai scarsi e tipologicamente molto uniformi, rappresentati in modo pressoché esclusivo da semplici teglie (come i bacili n. 7-9)140. Tuttavia, nonostante questo impoverimento relativo alla documentazione di vasellame bronzeo, non mancano attestazioni per le fasi più recenti. Tali testimonianze sono costituite dalla patera o padella (n. 16), dall’askos a otre adagiato e dal colum (n. 20-21) della collezione Sansone, forse anch’essi pertinenti ad un unico complesso riferibile al III-II secolo a.C., così come dimostrano i rinvenimenti effettuati ad Ascoli Satriano141 e a Monte S. Angelo142, i quali hanno restituito corredi composti da analoghi manufatti bronzei, con ogni probabilità assegnabili ad officine attive nel centro di Tarquinia. Sono forme vascolari caratteristiche della produzione bronzistica tarquiniese di età ellenistica (simpula, patere, teglie, situle, askoi, ciste e fiaschette), la quale si concentra tra la fine del IV e la prima metà del II secolo a.C., generalmente destinata ad una diffusione locale, con una considerevole concentrazione nei corredi delle necropoli di Tarquinia. Tuttavia, non mancano alcune forme, come gli askoi, le fiaschette e le padelle, che valicano frequentemente i confini territoriali per essere distribuiti in maniera rilevante anche nel resto dell’Italia centrale (si vedano i materiali delle tombe galliche del Piceno, in particolare di Montefortino di Arcevia) e in Italia meridionale (si vedano i corredi di Ascoli Satriano), attestati in numerosi contesti. Nel complesso, si tratta di prodotti caratterizzati da un’estrema semplicità di realizzazione e da una assai limitata presenza di elementi decorativi, che ne sottolinea il carattere puramente funzionale143.

Haut de page

Bibliographie

Adamesteanu 1999 = D. Adamesteanu (a cura di), Storia della Basilicata, 1. L’antichità, Bari, 1999.

Albanese Procelli 1985 = R.M. Albanese Procelli, Considerazioni sulla diffusione dei bacini bronzei in area tirrenica e in Sicilia, in Atti Roma 1985, p. 179-206.

Albore Livadie 1983 = C. Albore Livadie, Sur les amphores de type étrusques des nécropoles archaïques de Nuceria : aspects et problèmes de l’étrusquisation de la Campanie, in RstLig, 44 (genn.-dic. 1978), 1-4, 1983, p. 71-135.

Albore Livadie 1985 = C. Albore Livadie, La situazione in Campania, in Atti Roma 1985, p. 127-137.

Anzivino 2012 = M.C.M. Anzivino, Ipogeo della Principessa, in Lo spreco necessario 2012, p. 251-265.

Armi 1993 = A. Bottini (a cura di), Armi : gli strumenti della guerra in Lucania [Catalogo della mostra, Museo Archeologico Nazionale, Melfi 1993], Bari, 1993.

Atti Bologna 1985 = La Romagna tra VI e IV sec. a.C. nel quadro della protostoria dell’Italia centrale [Atti del Convegno, Bologna, 23-24 ottobre 1982], Imola, 1985.

Atti Firenze 1981 = L’Etruria mineraria [Atti del XII Convegno di Studi etruschi e italici, Firenze-Populonia-Piombino, 16-20 giugno 1979], Firenze, 1981.

Atti Roma 1985 = Il commercio etrusco arcaico [Atti dell’Incontro di Studio, Roma, 5-7 dicembre 1983], Roma, 1985 (QuadAEI, 9).

Atti Taranto 1996 = Magna Grecia, Etruschi e Fenici [Atti del XXXIII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 8-13 ottobre 1993], Napoli, 1996.

Barbieri 1999 = G. Barbieri, Materiali etrusco-romani da Viterbo : corredi funerari inediti dalla località San Nicolao, in OpRom, 24, 1999, p. 7-61.

Bellelli 1993 = V. Bellelli, Tombe con bronzi etruschi da Nocera, in M. Cristofani (a cura di), Miscellanea Etrusco-Italica I, Roma, 1993 (QuadAEI, 22), p. 65-104.

Bellelli 1995 = V. Bellelli, Anomalie pompeiane, in Prospettiva, 77, 1995, p. 2-15.

Bellelli 2002 = V. Bellelli, Artigianato del bronzo e contesti produttivi : bilancio etrusco-campano, in Orizzonti, III, 2002, p. 29-52.

Bellelli 2006 = V. Bellelli, La tomba « principesca » dei Quattordici Ponti nel contesto di Capua arcaica, Roma, 2006.

Bermond Montanari 1969 = G. Bermond Montanari, S. Martino in Gattara (Ravenna) : scavi 1963, in NSc, 23, 1969, p. 5-37.

Bianco 1999 = S. Bianco, Gli Enotri delle vallate dell’Agri e del Sinni tra VII e V secolo a.C., in Adamesteanu 1999, p. 359-390.

Bini Caramella Buccioli 1995 = M. P. Bini, G. Caramella, S. Buccioli, Materiali del Museo archeologico nazionale di Tarquinia, XIII. I bronzi etruschi e romani, I-II, Roma, 1995.

Bolla 1994 = M. Bolla, Vasellame romano in bronzo nelle Civiche Raccolte Archeologiche di Milano, Milano, 1994 ( = NotMilano, Suppl., XI).

Bonghi Jovino 1982 = M. Bonghi Jovino, La necropoli preromana di Vico Equense, Cava dei Tirreni, 1982.

Bonghi Jovino 1990 = M. Bonghi Jovino (a cura di), Artigiani e botteghe nell’Italia preromana, Roma, 1990.

Bonomi Ponzi 1997 = L. Bonomi Ponzi, La necropoli plestina di Colfiorito di Foligno, Perugia, 1997.

Bottini 1982 = A. Bottini, Principi guerrieri della Daunia del VII secolo : le tombe principesche di Lavello, Bari, 1982.

Bottini 1985 = A. Bottini, Uno straniero e la sua sepoltura : la tomba 505 di Lavello, in DialA, III, 3, 1985, 1, p. 59-68.

Bottini 1993 = A. Bottini, La tomba 955 di Lavello-Forentum, in Comacchio 1993, p. 63-69.

Bottini 1996 = A. Bottini, Il vasellame metallico, in Greci, Enotri e Lucani 1996, p. 97-101.

Bottini 1999a = A. Bottini, I manufatti metallici arcaici : osservazioni sull’uso, la produzione, la circolazione nella mesogaia, in M. Castoldi (a cura di), Koinà. Miscellanea di studi archeologici in onore di Piero Orlandini, Milano, 1999, p. 235-243.

Bottini 1999b = A. Bottini, Gli indigeni nel V secolo, in Adamesteanu 1999, p. 419-453.

Bottini 2001 = A. Bottini, Gli Etruschi in Lucania, in Camporeale 2001, p. 252-259.

Bottini 2013 = A. Bottini, Lusso e prestigio : lo strumentario in bronzo a Torre di Satriano e nei centri « nord-lucani », in Segni del potere 2013, p. 137-143.

Bottini, Setari 2013 = A. Bottini, E. Setari, Braida di Vaglio : le tombe 103 e 108, in Segni del potere 2013, p. 245-260.

Bouloumié 1968 = B. Bouloumié, Les œnochoés à bec en bronze des musées d’Étruria centrale et méridionale, in MEFRA, 80, 1968, p. 399-458.

Bouloumié 1973 = B. Bouloumié, Les œnochoés en bronze du type Schnabelkanne en Italie, Roma, 1973.

Bouloumié 1977 = B. Bouloumié, Situles de bronze trouvées en Gaule (VIIe-VIe siècles av. J.-C.), in Gallia, XXXV, 1977, p. 3-38.

Bouloumié 1978 = B. Bouloumié, Les stamnoi étrusques de bronze trouvés en Gaule, in Latomus, XXXVII, 1978, p. 3-24.

Bouloumié 1986 = B. Bouloumié, Vases de bronzes étrusques du service du vin, in J. Swaddling (a cura di), Italian Iron Age artefatcs in the British Museum [Papers of the Sixth British Museum Classical Colloquium (London, 10-11 dec. 1982)], Londra, 1986, p. 63-79.

Bruscella – Pagliuca 2013 = A. Bruscella, S. Pagliuca, Baragiano : le tombe 35, 37 e 57, in Segni del potere 2013, p. 272-303.

Camporeale 2001 = G. Camporeale (a cura di), Gli Etruschi fuori d’Etruria, San Giovanni Lupatoto, 2001.

Castiglioncello 1999 = Castiglioncello : la necropoli ritrovata [Catalogo della Mostra, Rosignano Marittimo 1998-1999], Rosignano, 1999.

Castoldi 1995 = M. Castoldi, Recipienti di bronzo greci, magno-greci ed etrusco-italici nelle Civiche Raccolte Archeologiche di Milano, Milano, 1995 ( = NotMilano, Suppl., XV).

Cerchiai 1990 = L. Cerchiai, Fratte e Pontecagnano, in Fratte 1990, p. 310-313.

Cerchiai 1995 = L. Cerchiai, I Campani, Milano, 1995.

Cianferoni 1992 = G. C. Cianferoni, I reperti metallici, in A. Romualdi (a cura di), Populonia in età ellenistica : i materiali dalle necropoli [Atti del Seminario, Firenze, 30 giugno 1986], Firenze, 1992, p. 13-41.

Ciriello 2005 = R. Ciriello, Banzi, tomba 534, in S. Settis, M. C. Parra (a cura di), Magna Graecia : archeologia di un sapere [Catalogo della mostra, Catanzaro, 19 giugno-31 ottobre 2005], Roma, 2005, p. 433-438.

Ciriello 2008 = R. Ciriello, Banzi : l’esplorazione della necropoli di Piano Carbone. Campagna di scavo 1993-1995, in Osanna – Serio 2008, p. 27-32.

Civiltà degli Etruschi 1985 = M. Cristofani (a cura di), Civiltà degli Etruschi [Catalogo della mostra, Firenze, 16 maggio-20 ottobre 1985], Milano, 1985.

Colonna 2003 = G. Colonna, Osservazioni sulla Tomba tarquiniese della Nave, in A. Minetti (a cura di), Pittura etrusca : problemi e prospettive [Atti del Convegno, Sarteano-Chiusi, 26-27 ottobre 2001], Siena, 2003, p. 63-77.

Comacchio 1993 = D. Baldoni (a cura di), Due donne dell’Italia antica : corredi da Spina e Forentum [Catalogo della mostra, Comacchio, 17 luglio 1993 – 30 settembre 1994], Limena (Pd), 1993.

Corrente 1992 = M. Corrente, L’insediamento di Toppicelli, in Principi, Imperatori, Vescovi 1992, p. 63-71.

Corrente 2013 = M. Corrente, Corredo funerario, in C. Bertelli, G. Bonsanti (a cura di), Restituzioni 2013 : tesori d’arte restaurati [catalogo della mostra, Napoli, 23 marzo-9 luglio 2013], Venezia, 2013, p. 52-59.

Corrente et alii 2010 = M. Corrente, S. Camaiani, N. Gasperi, L. Quaglia, Per una storia della presenza sannita nella Daunia del IV sec. a.C. : i recenti scavi tra Aecae e Arpi in Località Macchia di Piperno e la Murgetta, in Atti del XXX Convegno nazionale sulla preistoria, protostoria, storia della Daunia [San Severo, 21-22 novembre 2009], San Severo, 2010, p. 325-356.

Cristofani 1987 = M. Cristofani, Saggi di storia etrusca arcaica, Roma, 1987.

d’Agostino 1998 = B. d’Agostino, Greci e indigeni in Basilicata dall’VIII al III secolo a.C., in Tesori 1998, p. 25-57.

De Juliis 1990 = E. M. De Juliis, L’Ipogeo dei Vimini di Canosa, Bari, 1990.

De Juliis 1992a = E. M. De Juliis, La tomba del vaso dei Niobidi di Arpi, Bari, 1992.

De Juliis 1992b = E. M. De Juliis, L’apogeo dei principes, in Principi, Imperatori, Vescovi 1992, p. 136-139.

De Juliis 1996 = E. M. De Juliis, Importazioni e influenze etrusche in Puglia, in Atti Taranto 1996, p. 529-560.

De Juliis 2001 = E. M. De Juliis, Gli Etruschi in Puglia, in Camporeale 2001, p. 260-267.

D’Ercole 2002 = M. C. D’Ercole, Importuosa Italiae Litora. Paysage et échanges dans l’Adriatique méridionale à l’époque archaïque, Napoli, 2002 (Études du Centre Jean Berard, VI).

D’Ercole 2008 = M. C. D’Ercole, La Daunia nel quadro del commercio adriatico, in G. Volpe, M. J. Strazzulla, D. Leone (a cura di), Storia e archeologia della Daunia in ricordo di Marina Mazzei [Atti delle Giornate di Studio, Foggia, 19-21 maggio 2005], Bari, 2008, p. 95-102.

D’Ercole – Grassi 1999 = V. D’Ercole, B. Grassi, Necropoli protostoriche abruzzesi a sud della Salaria, in La Salaria in età antica [Atti del Convegno, Ascoli-Offida-Rieti 1997], Roma, 1999.

De Marinis 1981 = R. De Marinis, Il periodo Golasecca III A in Lombardia, in Studi Archeologici I, 1981, p. 207-212.

De Marinis 1986 = R. De Marinis, L’età gallica in Lombardia (IV-I secolo a.C.) : risultati delle ultime ricerche e problemi aperti, in La Lombardia tra protostoria e romanità [Atti del II Convegno archeologico regionale, Como, 13-15 aprile 1984], Como, 1986, p. 93-140.

De Marinis 1991 = R. De Marinis, Le padelle bronzee del III-I secolo a.C. nell’Italia settentrionale : osservazioni tipologiche e cronologiche, in M. Feugère, C. Rolley (a cura di), La vaisselle tardo-republicaine en bronze, Digione, 1991, p. 98-102.

De Puma 2013= R. D. De Puma, Etruscan Art in the Metropolitan Museum of Art, New Haven-Londra, 2013.

Di Niro 1981 = A. Di Niro, Necropoli arcaiche di Termoli e Larino : campagne di scavo 1977-78, Campobasso, 1981.

Emiliozzi 1974 = A. Emiliozzi, La collezione Rossi-Danielli nel Museo Civico di Viterbo, Roma, 1974.

Etruschi in Maremma 1981 = M. Cristofani (a cura di), Gli Etruschi in Maremma : popolamento e attività produttive, Milano, 1981.

Falconi Amorelli 1987 = M. T. Falconi Amorelli, Vulci : scavi Mengarelli (1925-1929), Roma, 1987.

Fariello Sarno 1997 = M. R. Fariello Sarno, A proposito della Tomba 2384 di Caudium, in Etrusca et Italica. Scritti in ricordo di Massimo Pallottino, Pisa-Roma, 1997, p. 281-297.

Feugère – Rolley 1991 = M. Feugère, C. Rolley, La vaisselle tardo-républicaine en bronze [Actes de la Table Ronde CNRS, Lattes, Avril 1990], Digione, 1991.

Fiumi 1957 = E. Fiumi, Contributo alla datazione del materiale volterrano : gli scavi della necropoli del Portone negli anni 1873-74, in StEtr, XXV, 1957, p. 367-415.

Forentum I 1988 = M. Giorgi, S. Martinelli, M. Osanna, A. Russo Tagliente (a cura di), Forentum I. Le necropoli di Lavello, Venosa, 1988.

Forentum II 1991 = A. Bottini, M. P. Fresa (a cura di), Forentum II. L’acropoli di età classica, Venosa, 1991.

Fratte 1990 = G. Greco, A. Pontrandolfo (a cura di), Fratte : un insediamento etrusco-campano, Modena, 1990.

Genti in arme 2001 = Genti in arme : aristocrazie guerriere della Basilicata antica [Catalogo della mostra, Roma, Museo Barracco 5 luglio-21 ottobre 2001], Roma, 2001.

Gentili 1970 = G.V. Gentili, La recente scoperta di due tombe etrusche a Sasso Marconi, in StEtr, XXXVIII, 1970, p. 241-269.

Giuliani Pomes 1957 = M. V. Giuliani Pomes, Cronologia delle situle rinvenute in Etruria. Parte II, in StEtr, XXV, 1957, p. 38-54.

Gli Etruschi e l’Europa 1992 = M. P. Baglione (a cura di), Gli Etruschi e l’Europa [Catalogo della mostra, Parigi, Berlino 1992-1993], Milano, 1992.

Govi 1999 = E. Govi, Le ceramiche attiche a vernice nera di Bologna, Imola, 1999.

Gras 1998 = M. Gras, I beni di prestigio e le importazioni arcaiche in Basilicata, in Tesori 1998, p. 59-81.

Grassi 1993 = B. Grassi, Osservazioni in margine ad alcune oinochoai etrusco-campane in bronzo, in NotMilano, LI-LII, 1993, p. 23-26.

Grassi 2000 = B. Grassi, Vasellame e oggetti in bronzo : artigiani e committenza ( = Capua preromana VIII), Pisa-Roma, 2000.

Grassi 2001 = B. Grassi, Su alcuni recipienti in bronzo dalle necropoli di Capua e Campovalano, in BdA 37-38, 1996 (2001), p. 13-24.

Grassi 2010 = B. Grassi, Il vasellame bronzeo, in C. Chiaramonte Treré, V. d’Ercole, C. Scotti (a cura di), La Necropoli di Campovalano : tombe orientalizzanti e arcaiche, II, Oxford, 2010 (BAR International Series, 2174), p. 181-196.

Greci, Enotri e Lucani 1996 = S. Bianco, A. Bottini, A. Pontrandolfo, A. Russo Tagliente, E. Setari (a cura di), Greci, Enotri e Lucani nella Basilicata meridionale [Catalogo della mostra, Policoro, Museo Nazionale della Siritide], Napoli, 1996.

Guzzo 1970 = P.G. Guzzo, Una classe di brocchette in bronzo, in RAL, XXV, 3-4, 1970, p. 87-111.

Hayes 1984= J.W. Hayes, Greek, Roman and Related Metalware in the Royal Ontario Museum, Toronto, 1984.

Haynes 1985= S. Haynes, Etruscan Bronzes, Londra-New York, 1985.

Holloway 1970= R.R. Holloway, Satrianum: the Archaeological Investigations conducted by Brown University in 1966 and 1967, Providence, 1970.

Holloway Nabers 1982= R. R. Holloway, N. Nabers, The princely burial of Roscigno (Monte Pruno), Salerno, in Revue des archéologues et historiens de l’art de Louvain, XV, 1982.

Hostetter 2001 = E. Hostetter, Bronzes from Spina, II, Magonza, 2001.

Iker 1984 = R. Iker, Ordona VII/1. Les Tombes Dauniennes, 1ère partie, Le Tombes du VIIIe au début du IVe siècles avant notre ère, Bruxelles-Roma, 1984.

Iker 1986 = R. Iker, Ordona VII/2. Les Tombes Dauniennes, 2e partie, Le Tombes du IVe et du début du IIIe siècle avant notre ère, Bruxelles-Roma, 1986.

Jacobsthal Langsdorff 1929 = P. Jacobsthal, A. Langsdorff, Die Bronzeschnabelkannen : ein Beitrag zur Geschichte des vorrömischen Imports nördlich der Alpen, Berlino, 1929.

Jehasse – Jehasse 1973 = J. et L. Jehasse, La nécropole préromaine d’Aléria (1960-1968), Parigi, 1973 (Gallia Suppl., 25).

Jurgeit 1999 = F. Jurgeit, Die etruskischen und italischen Bronzen sowie Gegenstände aus Eisen, Blei und Leder im Badischen Landesmuseum Karlsruhe, Pisa-Roma 1999.

Kent Hill 1942= D. Kent Hill, Wine ladles and strainers from ancient times, in Journal of the Walters Art Gallery, 5, 1942, p. 40-55.

Lissi Caronna 1980 = E. Lissi Caronna, Oppido Lucano (Potenza) : rapporto preliminare sulla seconda campagna di scavo (1968), in NSc, XXXIV 1980, p. 119-297.

Lollini 1976 = D. G. Lollini, Sintesi della civilta picena, in Jadranska obala u protohistoriji, Kulturni i etnicki problemi [Simpozij, Dubrovnik, 19.-23. X. 1972], Zagabria, 1976, p. 117-153.

Lo Porto 1992 = F.G. Lo Porto, Abitato e necropoli di Toppicelli, in Principi, Imperatori, Vescovi 1992, p. 72-102.

Lo Porto 1996 = F. G. Lo Porto, Tombe arcaiche di Peuceti emergenti, in Studi di Antichità, 9, 1996, p. 7-36.

Lo spreco necessario 2012 = M. Corrente (a cura di), Lo spreco necessario : il lusso nelle tombe di Ascoli Satriano [Catalogo della mostra, Ascoli Satriano, Polo Museale di Santa Maria del Popolo dal 16 aprile 2011], Foggia, 2012.

Macellari 2002 = R. Macellari, Il sepolcreto etrusco nel terreno Arnoaldi di Bologna, 550-350 a.C., Bologna, 2002.

Mansuelli 1943 = G.A. Mansuelli, La tomba felsinea Arnoaldi delle Anfore Panatenaiche, in StEtr, 17, 1943, p. 151-186.

Martelli 1985 = M. Martelli, Gli avori tardo-arcaici : botteghe e aree di diffusione, in Atti Roma 1985, p. 207-248.

Martelli 1988 = M. Martelli, La cultura artistica di Vulci arcaica, in Un artista etrusco e il suo mondo : il pittore di Micali [Catalogo della mostra, Roma-Milano 1988], Roma, 1988, p. 22-28.

Mazzei 2010 = M. Mazzei, I Dauni. Archeologia dal IX al V secolo, Foggia, 2010.

Melucco Vaccaro 1971 = A. Melucco Vaccaro, Due corredi tombali dalla necropoli di Crocifisso del Tufo (Orvieto), in Nuove letture di monumenti etruschi dopo il restauro [Catalogo della mostra, Orvieto 1971], Firenze, 1971, p. 73-94.

Milani 1905 = L. A. Milani, Campiglia Marittima, in NSc, 3, 1905, p. 54-70.

Minto 1943 = A. Minto, Populonia, Firenze, 1943.

Montanaro 2009 = A. C. Montanaro, La tomba 231 di Salapia (Cerignola-Fg) : appunti e riconsiderazioni, in ArchCl, LX, 2009, p. 1-27.

Montanaro 2010 = A. C. Montanaro, Una principessa daunia del VII secolo a.C. La tomba principesca di Cupola-Beccarini (Manfredonia), Foggia, 2010.

Montanaro 2011 = A. C. Montanaro, La « nascita dei principes » in Daunia e le influenze dell'Orientalizzante tirrenico : alcune riflessioni, in Taras, XXVII-XXVIII, 2007-2008 (2011), p. 7-48.

Montanaro 2012a = A. C. Montanaro, Ambre figurate. Amuleti e ornamenti dalla Puglia preromana, Roma, 2012.

Montanaro 2012b = A. C. Montanaro, Una tomba di guerriero da Altamura (Ba) e la pratica dei doni esotici in area apula, in Taras, XXIX-XXX, 2009-2010 (2012), p. 7-40.

Montanaro 2014 = A.C. Montanaro, Un gruppo di bronzi preromani da Ruvo di Puglia al British Museum di Londra, in C. Bucci (a cura di), Studi Rubastini. I luoghi, la storia, l'arte, l'architettura di Ruvo di Puglia, Terlizzi (Ba), 2014, p. 11-80.

Moretti 1986 = M. Moretti, Nuovi monumenti della pittura etrusca, Milano, 1986.

Moretti Sgubini Moretti 1983 = M. Moretti, A. M. Sgubini Moretti, I Curunas di Tuscania, Roma, 1983.

Nardella Setari 2008 = C. Nardella, E. Setari, Le necropoli di Banzi : dati preliminari per una ricerca sistematica, in Osanna Serio 2008, p. 17-26.

Ordona I 1965 = J. Mertens (a cura di), Ordona I. Rapport provisoire sur les travaux de la mission belge en 1962-1963 et 1963-1964, Bruxelles-Roma, 1965 (Études de philologie, d’archéologie et d’histoire anciennes publiées par l’Institut Historique belge de Rome, VIII).

Osanna 2013a = M. Osanna, Un palazzo come un tempio : l’anaktoron di Torre di Satriano, in Segni del potere 2013, p. 45-68.

Osanna 2013b = M. Osanna, A banchetto in casa del « principe », in Segni del potere 2013, p. 117-136.

Osanna Serio 2008 = M. Osanna, B. Serio (a cura di), Progetti di archeologia in Basilicata. Banzi e Tito, Bari, 2008.

Pacchioni 1939 = N. Pacchioni, Osservazioni sulle pettinature delle donne etrusche nei sarcofagi e nelle urne chiusine e perugine del III-II sec. a.C., in StEtr, 13, 1939, p. 485-496.

Pacilio 2001 = G. Pacilio (a cura di), Gli antichi abitanti del Gargano [Catalogo della mostra, Monte Sant’Angelo 2001], Monte Sant’Angelo (Fg), 2001.

Paolucci 1999 = G. Paolucci, Il confine settentrionale del territorio di Orvieto e i rapporti con Chiusi, in AnnFaina, 6, 1999, p. 281-295.

Parise Badoni Ruggeri Giove 1980 = F. Parise Badoni, M. Ruggeri Giove, Alfedena. La necropoli di Campo Consolino. Scavi 1974-1978, Chieti, 1980.

Pontrandolfo 1981 = A. Pontrandolfo, Il Vallo di Diano nel V secolo a.C., in B. d’Agostino (a cura di), Storia del Vallo di Diano, I. Età antica, Salerno, 1981, p. 149-179.

Pontrandolfo 1987 = A. Pontrandolfo, Un’iscrizione poseidoniate in una tomba di Fratte di Salerno, in AnnAStorAnt, 9, 1987, p. 55-63.

Pontrandolfo d’Agostino 1990 = A. Pontrandolfo, B. d’Agostino, Greci, Etruschi e Italici nella Campania e nella Lucania tirrenica, in Crise et transformation des sociétés archaïques de l’Italie antique au Ve siècle av. J.-C. [Actes de la Table Ronde, Rome, 19-21 nov. 1987], Roma, 1990, p. 101-116.

Popoli anellenici 1971 = D. Adamesteanu (a cura di), Popoli anellenici in Basilicata [catalogo della mostra, Potenza, ottobre-dicembre 1971], Napoli, 1971.

Principi, Imperatori, Vescovi 1992 = R. Cassano (a cura di), Principi, Imperatori, Vescovi. Duemila anni di storia a Canosa [Catalogo della mostra, Bari 1992], Venezia, 1992.

Riis 1998 = P.J. Riis, Vulcentia Vetustiora. A Study of Archaic Vulcian Bronzes, Copenhagen, 1998.

Rückl 2012 = J. Rückl, Ipogeo di via Tagliamento, in Lo spreco necessario 2012, p. 267-275.

Russo 2008 = A. Russo, La tomba della signora degli oli profumati, in Russo Di Giuseppe 2008, p. 105-113.

Russo 2009 = A. Russo, Botteghe ceramiche attiche e committenza italica : il caso della tomba 35 di Baragiano, in M. Osanna, L. Colangelo, G. Carollo (a cura di), Lo spazio del potere. La residenza ad abside, l’anaktoron, l’episcopio di Torre di Satriano [Atti del secondo convegno di studi su Torre di Satriano, Tito, 27-28 settembre 2008], Venosa, 2009, p. 247-260.

Russo et alii 2008 = A. Russo, A. Bruscella, P. Perrone, H. Fracchia, M. Gualtieri, H. Di Giuseppe, A. M. Small, J. Hayes, J. Freed, P. Roberts, H. J. Rossiter, C. J. Simpson, Catalogo. Le necropoli di Baragiano in località SS. Concezione – Belvedere – Spinituro e Toppo S. Antonio, in Russo Di Giuseppe 2008, p. 513-594.

Russo Di Giuseppe 2008 = A. Russo, H. Di Giuseppe (a cura di), Felicitas Temporum. Dalla terra alle genti : la Basilicata settentrionale tra archeologia e storia, Lavello, 2008.

Salpia vetus 2008 = E. Lippolis, T. Giammatteo (a cura di), Salpia vetus. Archeologia di una città lagunare, Venosa, 2008.

Samnium 1991 = S. Calpini, A. Di Niro (a cura di), Samnium. Archeologia del Molise [Catalogo della mostra, Milano-Campobasso 1991], Roma, 1991.

Sampaolo 1990 = V. Sampaolo, La penisola sorrentina in età arcaica e classica, in Archeologia a Piano di Sorrento [Catalogo della mostra, Piano di Sorrento 1990], Napoli, 1990, p. 109-118.

Sannibale 2008 = M. Sannibale, La raccolta Giacinto Gugliemi, II. Bronzi e materiali vari, Roma, 2008.

Sannio 1980 = Sannio, Pentri e Frentani dal VI al I sec. a.C. [Catalogo della mostra, Isernia, ottobre-dicembre 1980], Roma, 1980.

Scalici 2013 = M. Scalici, Torre di Satriano. Le tombe dell’anaktoron, in Segni del potere 2013, p. 236-244.

Segni del potere 2013 = M. Osanna, M. Vullo (a cura di), Segni del potere. Oggetti di lusso dal Mediterraneo nell’Appennino lucano di età arcaica [Catalogo della mostra, Potenza, Museo Archeologico di Palazzo Loffredo 2013], Venosa, 2013.

Sgubini Moretti 1981 = A. M. Sgubini Moretti, Vulci, in Etruschi in Maremma, 1981, p. 53-72.

Sgubini Moretti 2000 = A. M. Sgubini Moretti, La Collezione Augusto Castellani, Roma, 2000.

Shefton 1988 = B. B. Shefton, Der Stamnos, in W. Kimmig (a cura di), Das Kleinaspergle. Studien zu einem Fürstengabhügel der frühen Latènezeit bei Stuttgart, Stoccarda, 1988, p. 104-152.

Shefton 2009 = B. B. Shefton, Oinochoai and other Etruscan, Italic and Greek vessels in bronze from Trestina, in F. Lo Schiavo, A. Romualdi (a cura di), I complessi archeologici di Trestina e Fabrecce nel Museo Archeologico di Firenze, Roma, 2009 (MonAnt, Serie Miscellanea, XII), p. 107-119.

Spina 1960 = Mostra dell’Etruria padana e della città di Spina [Catalogo della mostra, Bologna, 12 settembre-31 ottobre 1960], Bologna, 1960.

Spina 1993 = F. Berti, P. G. Guzzo, Spina. Storia di una città tra Greci ed Etruschi [Catalogo della mostra, Ferrara, Castello Estense, 1993-1994], Ferrara, 1993.

Steingraber 2006 = S. Steingraber, Affreschi etruschi : dal periodo geometrico all’ellenismo, San Giovanni Lupatoto (Vr), 2006.

Tagliente 1999 = M. Tagliente, La Basilicata centro-settentrionale in età arcaica, in Adamesteanu 1999, p. 391-418.

Tagliente – Bottini 1996 = M. Tagliente, A. Bottini, Osservazioni sulle importazioni etrusche in area lucana, in Atti Taranto, 1996, p. 487-528.

Tarditi 1996 = C. Tarditi, Vasi di bronzo in area apula. Produzioni greche ed italiche di età arcaica e classica, Galatina, 1996.

Tarditi 2007 = C. Tarditi, La diffusione del vasellame bronzeo greco in Italia e in Europa : modalità e limiti, in C. Tarditi (a cura di), Dalla Grecia all’Europa. La circolazione dei beni di lusso e di modelli culturali nel VI e V secolo a.C. [Atti della giornata di studi, Brescia, 3 marzo 2006], Milano, 2007, p. 23-52.

Tassinari 1975 = S. Tassinari, La vaisselle de bronze romaine et provinciale au Musée des antiquités nationales, Parigi, 1975 (Gallia, suppl., 29).

Tesori 1998 = B. d’Agostino (a cura di), Tesori dell’Italia del Sud. Greci e indigeni in Basilicata [Catalogo della mostra, Ancienne Douanne, Strasbourg 18 giugno-15 novembre 1998], Milano, 1998.

Tinè Bertocchi 1985 = F. Tinè Bertocchi, Le necropoli daunie di Ascoli Satriano e Arpi, Genova, 1985.

Tocco 1976 = G. Tocco (a cura di), Civiltà antiche del medio Ofanto, Napoli, 1976.

Vitali 1992 = D. Vitali, Tombe e Necropoli Galliche di Bologna e Territorio, Bologna, 1992.

Volpe 1990 = G. Volpe, La Daunia nell’età della romanizzazione. Paesaggio agrario, produzione, scambi, Bari, 1990.

Vorlauf 1997 = D. Vorlauf, Die etruskischen Bronzeschnabelkannen. Eine Untersuchung anhand technologisch-typologischen Methode, I-II, Espelkamp, 1997.

Weber 1983 = T. Weber, Bronzekannen. Studien zu Ausgewählten archaischen und klassischen Oinochoenformen aus Metall in Griechenland und Etrurien, Francoforte sul Meno, 1983.

Zannoni 1876 = A. Zannoni, Gli scavi della Certosa di Bologna, Bologna, 1876.

Haut de page

Notes

1 Ripreso dal sito www.mattinata.it ; il brano completo è collocato nella sezione dedicata alla storia e all’archeologia del territorio. Rivolgo un particolare ringraziamento alla cara amica dott.ssa Giovanna Pacilio, per aver permesso la visione e lo studio di questo pregevole materiale, al dott. Italo Muntoni, per aver agevolato l'osservazione e le riproduzioni fotografiche di quei reperti bronzei della collezione conservati nei depositi del centro operativo di Foggia, e al Soprintendente per l'Archeologia della Puglia, dott. Luigi La Rocca, per la concessione dell'accesso ai materiali. Sono particolarmente grato alla famiglia Sansone per aver accolto il sottoscritto con grande cortesia e per aver permesso di visionare l’intera collezione. Infine, ringrazio l’amico Emanuele Arciuli per la realizzazione e l’elaborazione di alcune immagini di questi pregevoli esemplari.

2 Sul concetto di « bene di prestigio » applicato al vasellame in bronzo, si veda l’esempio dei contesti indigeni della Basilicata, per cui si rimanda soprattutto a Gras 1998, p. 59-81; Bottini 1999a, p. 235-243, con ulteriori riferimenti bibliografici. Su questo argomento, si veda anche Montanaro 2010 ; Id. 2011 ; Id. 2012b. Nuove indicazioni provengono anche dalle tombe recentemente scavate presso l’anaktoron di Torre di Satriano, ricche di bronzi e di altri beni di prestigio, per cui si rimanda agli interessanti contributi presenti nel catalogo della mostra di Potenza, Segni del Potere 2013, in seguito citati singolarmente nel testo corrente. Di grande rilievo sono anche i materiali metallici e i beni di prestigio provenienti dalle tombe di Baragiano, per cui si veda il catalogo della mostra « Dalla terra alle genti » a cura di Russo – Di Giuseppe 2008.

3 Si veda sempre Bottini 1999a, p. 235-237 ; Id. 1999b ; Osanna 2013a, p. 63-68 ; Id. 2013b, p. 128-135 ; con ulteriore bibliografia riguardante soprattutto i contesti del Melfese e della Basilicata indigena.

4 Per le attestazioni di presenze commerciali etrusche in Daunia, si veda : Mazzei 2010, p. 72-76, 161-164 ; Montanaro 2010, 2011, 2012a e 2012b ai quali si rimanda per la bibliografia completa. Tale presenza è ampiamente attestata anche nei contesti indigeni di età arcaica e classica della Basilicata : si veda per tutti Tagliente – Bottini 1996, p. 487-528, con ampia bibliografia ; d’Agostino 1998, p. 25-57 ; Bottini 2013, p. 137-143 ; Osanna 2013b, p. 128-135.

5 In questo ambito è importante tener presente la funzione di punto di snodo « commerciale » assunto dai centri come Capua, Pontecagnano e Fratte di Salerno. A tal proposito si vedano, senza completezza, i seguenti contributi : Pontrandolfo 1987, p. 55-63 ; Cerchiai 1990, p. 310-313 ; Bellelli 1993, p. 65-104 ; Id. 1995, p. 2-15 ; Cerchiai 1995, p. 65-72 ; d’Agostino 1998, p. 25-57 ; Bellelli 2002, p. 29-52 ; Id. 2006 ; Montanaro 2010 ; Id. 2011, ai quali si rimanda per l’ampia bibliografia precedente sull’argomento in questione.

6 Per i bacili di Ordona, si veda Iker 1984, p. 43, fig. 13,3, pl. Va (t. 9) ; p. 53-54, fig. 20,2, tav. Vb (t. 12). Per il bacile della tomba E/1 di Lavello, si veda Forentum I 1988, p. 244, tav. 35, tipo 1.1.

7 Per il bacile da Salapia, si veda Montanaro 2009, p. 4-5, fig. 2, con ampia bibliografia.

8 Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 155, n. 179, tav. LXIV, 7.

9 Per gli esemplari di Rutigliano-Purgatorio, si veda : Tarditi 1996, p. 18-19, nn. 8-10 (tombe 15/1976, 70/1977, 128/1977).

10 Tarditi 1996, p. 123.

11 Per la classificazione di questa classe di bacili, si veda Bottini 1982, p. 57-61, con numerosi riferimenti bibliografici. Per le tombe principesche di Lavello : Bottini 1982.

12 Per gli esemplari da Rudiae e Rutigliano, si veda : Tarditi 1996, p. 17-18, n. 1-4, p. 122-123. La studiosa sottolinea la necessità di un’analisi ancora più approfondita e accurata per questo tipo di bacili, sia per quanto riguarda l’individuazione dei vari tipi, tenendo presente oltre al variare del profilo della vasca, anche il tipo di orlo sia per quanto riguarda gli evidenti legami con materiali etrusco-laziali ed il possibile iato cronologico che può separarli dalla diffusione di alcuni esemplari nel mondo indigeno del versante adriatico.

13 Per l’esemplare da Melfi : Bottini 1982, p. 59.

14 Per il bacile di Ordona : Iker 1984, p. 54, fig. 20,2. Questo esemplare presenta, tuttavia, una lamina più fine in rapporto agli altri bacili menzionati.

15 Per le tombe di Guglionesi, i cui contesti comprendevano ceramica subgeometrica d’imitazione daunia : Forte, in Samnium 1991, p. 88-89, c. 106, c. 109. Per la tomba di Larino : Di Niro 1981, p. 91-92, n. 5. Per la diffusione del tipo si veda anche D’Ercole 2002, p. 250-252, con ampia bibliografia.

16 Per i confronti con l’area sannita, si veda Bottini 1982, p. 59.

17 Per l’area lucana, si veda anche l’esemplare da Oppido Lucano (t. 46) datato al V secolo a.C. (Lissi Caronna 1980, p. 173, fig. 74,9 ; Forentum I 1988, p. 244)

18 Per la classificazione del Bottini, si veda Bottini 1982, p. 57-61 ; Forentum I 1988, p. 244-245 ; Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 516-518, ai quali si rimanda per ulteriori approfondimenti bibliografici.

19 Si veda sull’argomento: Albanese Procelli 1985, p. 179-206 ; Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 499-500, 515-518, con ampia bibliografia.

20 Per la documentazione da Fratte, si veda Fratte 1990, p. 243, n. 7, fig. 408 ; p. 251, n. 9, fig. 422.

21 Per Vico Equense : Bonghi Jovino 1982, p. 19, n. 5, tav. 5,1-3; 69,7.

22 Per le tombe di Alfedena : Parise Badoni – Ruggeri Giove 1980, p. XX, XX-XXVIII, 42 s., tav. 17,5, fig. 101.

23 Per Pietrabbondante : Sannio 1980, p. 132-134, tav. 38,4.

24 Per la documentazione da Larino : Di Niro 1981, p. 75, n. 5, tav. 25. Inv. 2586, ricomposto da più frammenti, incompleto (diam. cm 21,1 ; h. cm 6,5).

25 Per Fratte : Fratte 1990, p. 263-264, fig. 450,7.

26 Per Vico Equense : Bonghi Jovino 1982, p. 20, n. 4, tav. 6, 1, 7 ; 68,3 ; p. 23, n. 6, tav. 7, 4, 2 ; 70,13.

27 Per Alfedena : Parise Badoni – Ruggeri Giove 1980, p. 78, fig. 165 e tav. 30.

28 Per la necropoli della Troccola : Sannio 1980, tav. 41, fig. 2, 4-5.

29 Per Nocera : Albore Livadie 1983, p. 114, n. 5, fig. 26. L’autrice definisce tali bacini di fabbricazione etrusca o etrusco-campana. Per la discussione sui tipi si rimanda per la completa bibliografia a Bellelli 1993, p. 84-85, n. 15, fig. 1, 27, che analizza i corredi di alcune tombe da Nocera, conservati nel Museo di Napoli, nei quali sono presenti bronzi di produzione etrusca.

30 Per una documentazione ed una bibliografia più esaustiva si veda il recente contributo di M.C. D’Ercole : D’Ercole 2002, p. 252-254.

31 Per la tomba 140 di Salapia, riferibile alla prima metà del V secolo a.C., si veda Blundo, in Salpia vetus 2008, p. 157, n. 43, fig. 7 ; p. 421.

32 Per una discussione generale sulla diffusione del tipo si veda soprattutto Sannibale, Shefton, in Sannibale 2008, p. 53-54, cui si rimanda per una bibliografia completa sulle attestazioni. Per l’area campana e lucana, si vedano ad es. i quattro bacili di bronzo dalla tomba principesca di Roscigno (Holloway – Nabers 1982, p. 131-132, n. 11-14, fig. 36) e quelli monoansati conservati nell’Antiquarium di Vico Equense (Bonghi Jovino 1982, p. 41, n. 12-13, tav. 13,1, 3-4 e 87, 3-4), riferibili, rispettivamente, alla fine del V e al IV secolo a.C. inoltrato. Si veda anche l’esemplare da Nocera (Bellelli 1993, p. 86, n. 18, fig. 23, 43,3). Altri recipienti sporadici provengono da Pietrabbondante e dal Santuario di Mefite nella Valle d’Ansanto in Irpinia (Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 54, n. 116-117).

33 Per la documentazione in Basilicata : Martinelli, in Forentum I 1988, p. 51, 244, tipo 1.2, tav. 35 ; Forentum II 1991, p. 37, 46, 95, tav. 109, 120 ; Armi 1993, p. 133, n. 8, 11 ; 195, n. 12 ; 203, n. 7 ; Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 500, 519, con bibliografia. Per la documentazione di Ordona : Tomba XX del V secolo a.C. (Iker, in Mertens et al., Ordona I, 1965, p. 62, n. 24. Meglio confrontabile è il più tardo esemplare, caratterizzato da pareti leggermente convesse, rinvenuto nella Tomba 98 e riferibile agli inizi del secondo venticinquennio del IV secolo a.C. (Iker 1986, p. 410-411, n. 26, fig. 222).

34 Per la documentazione di Braida di Vaglio, si veda Bottini 2013, p. 140-141, a cui si rimanda per la bibliografia più completa.

35 Per la classe delle oinochoai forma IX, si veda in particolare Weber 1983, pp. 201-202, con bibliografia.

36 Le prime attestazioni provengono dalle tombe 91 e 102 di Aleria, databili al secondo quarto del V secolo a.C. (Jehasse – Jehasse 1973, p. 474, 525, n. 1906, 2202).

37 Per una lista della documentazione disponibile, si veda Bellelli 1993, p. 83-84, con bibliografia; Id. 2002, p. 45-46, cui si rimanda per ulteriore bibliografia.

38 Per quanto riguarda la Puglia sono documentate solo Schnabelkannen di tipo tradizionale, colini con manico a verga ondulata, olpette con corpo a sacco e oinochoai a bocca trilobata di tipo Weber A Etr. a (Tarditi 1996, p. 205-206 ; Bellelli 2002, pp. 45-46). Per l’area medio-adriatica si pensi al corposo gruppo di Campovalano (Grassi, in D’Ercole – Grassi 1999, p. 214 s.).

39 Per il ruolo svolto dalle officine vulcenti si rinvia ai contributi di A.M. Sgubini Moretti, in Etruschi in Maremma 1981, p. 67-78 ; Martelli 1985 ; Ead. 1988, le quali hanno il pregio di mettere a fuoco, all’interno della vasta letteratura sul tema, le condizioni produttive in cui matura il ruolo primario svolto da Vulci in questo settore della bronzistica.

40 Sul ruolo svolto da Populonia nello smistamento del vasellame bronzeo : Martelli, in Atti Firenze 1981, p. 416-417, la quale mette in luce i collegamenti tra la città e l’Etruria padana proprio nell’ambito del vasellame bronzeo. Per il ruolo produttivo delle officine di Spina : Weber 1983, p. 411-412, Gruppo Etr. b. 6-9 ; Hostetter 2001, p. 51-52. Come afferma V. Bellelli (Bellelli 2002, p. 46) : « la situazione dell’agro falisco e della regione tarquiniese non appare abbastanza chiara per potersi sbilanciare a favore delle produzioni locali, ma, come per altre classi di vasi di bronzo, non è forse azzardato pensare che anche i centri falisci abbiano affiancato nel tempo le officine etrusche ». Si veda anche Hostetter 2001, p. 43. Lo studioso attribuisce ipoteticamente il Gruppo IV Etr. e ad officine falische.

41 Per l’ipotesi di una produzione etrusco-campana : Grassi 1993 ; Ead. 2000. Sull’ipotesi di fabbricazione in officine vulcenti : Weber 1983, p. 414-415 ; Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 27-28 ; Riis 1998, p. 97 s. ; Hostetter 2001, p. 48-49 ; Bellelli 2002, p. 35-36, 45-46, con ampia bibliografia.

42 La questione è stata brillantemente affrontata da V. Bellelli, per cui si rimanda, per maggiori approfondimenti, a Bellelli 2002, p. 29-52, con ampia bibliografia di riferimento sul problema. L’ipotesi di una manifattura dei bronzi attribuibile a fabbrica etrusco-campana era stata già esclusa da P. G. Guzzo (Guzzo 1970, p. 105-106). Dello stesso avviso sono anche le conclusioni di M. Cristofani (Cristofani 1987, p. 63) e V. Bellelli (Bellelli 1993 e Id. 1995).

43 Per l’ipotesi di una produzione delle oinochoai con attacco inferiore dell’ansa a palmetta e fiore di loto in un’unica officina da localizzare a Vulci : Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 27-28, i quali attribuiscono alla stessa anche le anse del tipo con decorazione fitomorfa degli stamnoi. Per gli agganci con le produzioni degli stamnoi, si veda Jurgeit 1999, pp. 394-395 e, ancora, Bellelli 2002, p. 36, 38-39, con bibliografia. In favore di una produzione etrusco-campana è stato considerato lo stretto rapporto esistente tra le brocche con palmetta rovesciata e quelle con appliques a testa di gorgone e di satiro, tutte attestate a Capua e, con una certa incidenza, nei siti etruschi della regione, con la produzione fittile capuana. Nella città campana, infatti, è documentata una fiorente manifattura di placchette fittili figurate realizzate a stampo, che condivide con le placchette bronzee delle oinochoai di bronzo iconografie e moduli stilistici (Bonghi Jovino 1990, p. 30 ; Grassi 1993, p. 28-30).

44 Weber 1983, oinochoai forma 5B.

45 Per lo studio delle brocchette : Guzzo 1970, p. 103-110, con bibliografia.

46 Pontrandolfo 1981, p. 168 ; Pontrandolfo – d’Agostino 1990, p. 106 ; Grassi 1993 ; Ead. 2000. Per la documentazione lucana (Chiaromonte, Lavello, Melfi), si veda Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 499-500, 525, con altra bibliografia.

47 Guzzo 1970, p. 106 ; Cristofani 1987, p. 63 ; Bellelli 1993 ; Id. 1995 ; Id. 2002, p. 29-52, in particolare p. 44-47, cui si rimanda per maggiori approfondimenti bibliografici sullo spinoso argomento.

48 Per gli affreschi della Tomba della Nave di Tarquinia, si segnala il recente e interessante contributo di G. Colonna (Colonna 2003, p. 63-77), cui si rimanda per la bibliografia precedente.

49 Guzzo 1970, p. 90, tav. V, fig. 8 ; Bellelli 1993, p. 81-83, n. 8, fig. 1, 22, 42, con ulteriore bibliografia.

50 Per la brocchetta della tomba 2384 di Caudium : Fariello Sarno 1997, p. 285-286, n. 3 (inv. 135339), fig. 1 e 3, p. 292-293, con ricca bibliografia. Nella stessa località sono stati rinvenuti altri due esemplari dello stesso tipo: uno in proprietà Mercaldo a Montesarchio ; l’altra olpetta, di forma meno affusolata, ma con identico tipo di ansa, proviene dalla tomba 2300 (inedita) dalla medesima necropoli di Via Cervinara.

51 Weber 1983, p. 391, n. 5, tav. XV ; Bellelli 1993, p. 83. Per gli esemplari dell’area campana, si veda anche Fratte 1990, p. 251.

52 Come afferma A. Bottini, in quest'ultima maniera è stata lavorata anche la terza brocchetta, affine nel profilo alle altre, di cui al momento è impossibile stabilire la provenienza, diffuse in area enotria. Per le brocchette di Braida : Bottini 2013, p. 143, cat. 139-141.

53 Jacobsthal – Langsdorff 1929. In alcune pubblicazioni il tipo è detto « Forma Jacobsthal ».

54 Bouloumié 1973, p. 246-247, 301-303 ; Vorlauf 1997, I, p. 101-103, motiv 6.

55 Per la documentazione della tomba 405 della Certosa : Bouloumié 1973, p. 14, tav. III, 9-10 ; Vorlauf 1997, I, p. 166, tipo 2 ; ibid. II, p. 44-45, n. 61, tavv. 7,61, 35,61 ; Govi 1999, p. 34-35, n. 5, fig. 8. Per la tomba 17 del Fondo Aureli : Bouloumié 1973, p. 14, tav. III, 11 ; Vorlauf 1997, I, p. 166, II, p. 45-46, n. 63. Per una sintesi aggiornata sull’origine del tipo: Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 104-105, n. 59.

56 Anche nella stessa Vulci mancano contesti datanti che consentano di definire in maniera più precisa la cronologia del tipo, per il quale tuttavia il termine più recente, proposto alla fine del V secolo a.C., potrebbe essere fornito dalla tomba 69 di Falerii (Bouloumié 1968, p. 420-421). Comunque, si deve anche sottolineare come in quest’ultima sepoltura la confusione dei materiali pertinenti a deposizioni successive copra un ampio arco cronologico, compreso tra il V e buona parte del IV secolo a.C. Da Falerii proviene un altro manufatto simile conservato nel Metropolitan Museum di New York (De Puma 2013, p. 144, n. 5.1c). Per aggiornamenti bibliografici, si veda : Bouloumié 1973, p. 32-33, tav. XII, 39-40, p. 246-247, 302; Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 104, con bibliografia.

57 Per la documentazione da Fratte (Trincea I) : Bouloumié 1973, p. 64, tav. XXVIII, 95-96 ; Fratte 1990, p. 198-200, n. 25, fig. 317, 25 ; Vorlauf 1997, II, p. 60, n. 120.

58 Per Napoli : Bouloumié 1973, p. 162-163, tav. LXXII, fig. 243-244 ; Vorlauf 1997, II, p. 106, tav. 35, O-131. Per Firenze : Bouloumié 1973, p. 160-161, tav. LXXI, 240-242 ; Vorlauf 1997, II, p. 105, tav. 25, O-123. Per Karlsruhe : Bouloumié 1973, p. 129 ; Vorlauf 1997, II, p. 90, O-35 ; Jurgeit 1999, n. 615. Per Kopenhagen (acquistato a Roma) : Vorlauf 1997, II, p. 83-84, tav. 11, O-6. Per la Schnabelkanne di Londra : Bouloumié 1986, p. 64 (Inv. GR 1867.5-8.72).

59 Oltre al tipo « a volute », l’area melfese (Melfi, Lavello, Banzi) ha restituito anche numerose testimonianze relative alle altre varianti, per cui si veda Bouloumié 1973 ; Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 497-500, 523-524, con bibliografia.

60 Per la brocca da Valenzano (Bari), si veda Tarditi 1996, p. 84, n. 171, p. 165, con ulteriore bibliografia.

61 Bouloumié 1973, p. 282 ; Bellelli 1993, p. 78-79, con bibliografia.

62 Per lo stamnos da Nocera : Bellelli 1993, p. 76-78, n. 3, figg. 1, 14, 36). Lo studioso (nota 34) afferma che la presenza/assenza delle anse e le dimensioni del recipiente sono gli elementi discriminanti per interpretare correttamente queste forme vascolari metalliche : gli stamnoi propriamente detti sono alti circa 40 cm e presentano sul ventre due anse a bastoncello impostate orizzontalmente ; le situle stamnoidi, al contrario, sono di dimensioni variabili ma, poiché adibite al trasporto di liquidi, sono munite di manici girevoli; i vasi stamnoidi, infine, sono sprovvisti di anse di qualsiasi tipo e non raggiungono mai le dimensioni degli stamnoi. Uno dei primi studiosi a richiamare l’attenzione sugli stamnoi di bronzo etruschi è stato Boulomié, il quale ne ha fornito una classificazione basata sulla decorazione delle anse (Bouloumié 1978, p. 3-24). De Marinis, nell’analisi delle situle stamnoidi etrusche rinvenute nelle tombe golasecchiane del periodo G III A, ha sottolineato la similitudine tettonica esistente tra le situle stamnoidi e gli stamnoi e, nell’ambito dell’evoluzione formale di questi ultimi, ha distinto un tipo più antico (metà VI-metà V secolo a.C.) con profilo rettilineo o leggermente convesso, da uno più recente (metà V-IV secolo a.C.) con profilo sinuoso più o meno concavo presso il fondo (De Marinis 1981, p. 207-212). Uno studio di Shefton riunisce ora tutti gli stamnoi tradizionalmente intesi, articolandoli per tipi e chiarisce in maniera definitiva le differenze appena riassunte (Shefton 1988, p. 106-152). Sulle situle stamnoidi etrusche si veda anche Giuliani Pomes 1957, p. 38-54. Si confronti anche l’« olla » rinvenuta nella tomba 1 della necropoli di Crocefisso del Tufo a Orvieto (Melucco Vaccaro 1971, p. 82, n. 4, tav. XLIV,1). Stamnoi senz’anse, infine, sono segnalati a Vico Equense e a Fratte (Albore Livadie 1985, p. 137, nota 39).

63 Sulla classe : Bellelli 1993, p. 76-78, con note 34-41 ; Castoldi 1995, p. 17, tav. XI, fig. 24 ; G. Paolucci, in AnnFaina VI, 1999, p. 292 (cenno a piccole « olle » di bronzo assegnate a fabbrica chiusina) ; ibidem, p. 289 s., si troverà anche un’importante messa a punto relativa alla bronzistica arcaica di area volsiniese e chiusina ; Bellelli 2002, p. 41-42, nota 65, con ampia bibliografia.

64 Per quanto riguarda l’area etrusca vale la pena di ricordare l’« olletta » in lamina di bronzo da Populonia, acquistata da L. A. Milani nel 1898 insieme ad altri numerosi oggetti fittili e in bronzo giunti in possesso degli antiquari di Campiglia Marittima a seguito degli scavi clandestini nell’area di S. Cerbone, datati complessivamente alla seconda metà del V secolo a.C. (Milani, in NSc 1905, p. 54-70, fig. 1-2 a p. 55-56 ; Minto 1943, p. 200).

65 Per lo stamnos di Nocera : Bellelli 1993, p. 76-78, n. 3, fig. 1, 14, 36, con ampia bibliografia di riferimento sull’argomento degli stamnoi. Un altro simile proviene sempre da Nocera, dalla tomba 20 in località S. Clemente.

66 Per la diffusione del tipo in area etrusca e italica si veda l’appendice II in Bellelli 2002, p. 51-52, con l’elenco dei ritrovamenti e la bibliografia relativa. L’esemplare di Campovalano è stato definito da Bouloumié « stamnos a dolio » seconda una forma piuttosto classica per il V secolo : Bouloumié 1973, p. 271, 281. Si veda anche Grassi, in D’Ercole – Grassi 1999, p. 256, n. 5, fig. 35,5 ; Grassi 2010, p. 181-196.

67 Per la documentazione di Melfi-Pisciolo : Tocco, in Popoli anellenici 1971, p. 122, 127, tav. LIV.

68 Per la tomba 955 di Lavello : Bottini 1993, p. 63-69 ; Setari, in Comacchio 1993, p. 107, n. 125 ; Russo, in Tesori 1998, p. 249.

69 Per le tombe di Banzi : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 523 (elenco n. 13) ; Ciriello 2005, p. 433-438 ; Ciriello 2008, p. 31-32, fig. 8-9 (tomba 534) ; Setari, in Nardella – Setari 2008, p. 24-25, fig. 11 (tomba 419).

70 Per lo stamnos della tomba 140 di Salapia : Blundo, in Salpia vetus 2008, p. 167 (n. 42, fig. 7), 421. L’esemplare da Aecae è conservato nel Museo Civico di Troia (inv. 98).

71 Per gli esemplari canosini si veda : De Juliis 1990, p. 53, n. 52, fig. 170-171 ; p. 79, n. 44, fig. 315-316 ; Id., in Principi, Imperatori, Vescovi 1992, p. 361, n. 52 e p. 371 s., n. 44.

72 Il riferimento è all’esemplare dalla Tomba dei Niobidi di Arpi (De Juliis 1992a, p. 23, n. 28, fig. 69-70, con inquadramento del tipo a p. 85 e riferimenti agli esemplari metallici e fittili, rispettivamente, alle note 46 e 47). Secondo Bellelli (Bellelli 2002, p. 41, nota 66), la forma, nella variante più recente con elegante corpo a profilo concavo-convesso, è imitata anche nel repertorio della ceramica etrusco-settentrionale a vernice nera. Si veda, ad esempio : Castiglioncello. La necropoli ritrovata (Catalogo della Mostra, Rosignano Marittimo 1998-1999), Rosignano 1999, p. 117, n. 6, fig. 80.

73 Per la Campania, si veda la situla di Fratte: Fratte 1990, p. 263, n. 6, fig. 448-449.

74 Per la classificazione delle situle rinvenute in Etruria operata da V. Giuliani Pomes, si veda Giuliani Pomes 1957, p. 54-59 (con la lista delle attestazioni). La situla rientra anche nel tipo D della classificazione operata da Bouloumiè, per cui si veda Bouloumiè 1977, p. 32. Per il tipo si veda anche Bouloumiè 1986, p. 70-71, con ulteriore bibliografia ; Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 126-127.

75 Per le situle stamnoidi, Giuliani Pomes cita ventidue esemplari. Fuori dall’Etruria, lo studioso conta un esemplare in Gallia, due in Germania e quattro nell’ex Cecoslovacchia.

76 Agli esemplari dall’area etrusca già noti in Giuliani Pomes 1957, p. 54-59, vanno aggiunti due nuovi manufatti provenienti da Populonia e Massa Marittima (Cianferoni 1992, p. 34, nota 11, fig. 18). Altre tre situle piuttosto frammentarie sono state rinvenute a Tarquinia (Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 127, n. 107-109, tavv. LVIII, 1-2).

77 Oltre a quella della tomba 108, Giuliani Pomes menziona anche la situla della tomba 405 dalla Certosa di Bologna, che al contrario, secondo Bouloumiè, non sembra rientrare nello stesso gruppo; viene scartata anche la situla proveniente da Este che, per il tipo di realizzazione con le pareti rivestite, è del tutto differente, per cui si veda : Giuliani Pomes 1957, p. 58 ; Bouloumiè 1986, p. 70, nota 101, cui si rimanda per ulteriori approfondimenti bibliografici. Alla rassegna dei ritrovamenti di Giuliani Pomes vanno aggiunti i seguenti manufatti : dalla tomba Arnoaldi di Bologna (Mansuelli 1943, p. 155, tav. XVII, 3), dalla tomba 2 di Sasso Marconi (Gentili 1970, p. 248, fig. 5), dalla tomba 10 di S. Martino in Gattara (Bermond Montanari 1969, p. 26, n. 27, fig. 37).

78 Situla da Ruvo al British Museum (già collezione Temple, 1856). Inv. 1856.12-26.634. Dimensioni : h. cm 25,40 ; diam. superiore cm 18,8 ; diam. fondo cm 13,7. Cronologia : metà del V secolo a.C. Si veda : Bouloumiè 1986, p. 70, n. 1, fig. 12 ; Montanaro 2014, p. 25-28, n. 5, fig. 6. Per la situla da Rocavecchia, si veda : Tarditi 1996, p. 115, 181, n. 260.

79 Per le situle provenienti dal territorio celtico, si veda : Bouloumiè 1977, p. 32-33, fig. 11 ; Bouloumiè 1986, p. 70, nota 103, con bibliografia.

80 Per la discussione sull’origine e la produzione del tipo, si veda : Bouloumiè 1986, p. 70-71; Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 126-127 ; Tarditi 1996, p. 181-182, 205, ai quali si rimanda per una bibliografia più completa.

81 Per la situla rinvenuta a Fratte, si veda Fratte 1990, p. 263-264, n. 6, fig. 448-449. Essa è formata da una cista tronco-cilindrica a profilo curvilineo leggermente concavo ; orlo estroflesso piatto ; fondo piatto appena profilato ; attacchi per doppio manico, lisci, lavorati a parte e saldati all’orlo della situla ; manici a sezione quadrangolare ripiegati alle due estremità e desinenti a forma di ghianda stilizzata. La tomba è stata datata intorno al 450 a.C. per la presenza di ceramica a vernice nera. Questo tipo di manufatto è documentato anche a Spina nel IV secolo a.C., ma è caratterizzato da pareti molto concave e rastremate verso il fondo (Spina 1960, p. 258, tav. V ; Spina 1993).

82 Per la classificazione delle « padelle » si veda Caramella, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 187-188.

83 Sul tipo Montefortino : De Marinis 1986, p. 124-126, tav. XVI. Lo stesso studioso distingue, inoltre, il tipo Povegliano-Scaldasole, ancora inornato ma dalle pareti convesse, databile al pieno II secolo a.C., il quale costituisce un tipo intermedio rispetto al più tardo Eggers 130. Per la documentazione vulcente : Falconi Amorelli 1987, p. 46-47, fig. 12, n. 26 ; p. 56-63, fig. 14, n. 42 ; Feugère – Rolley 1991, p. 102-104 ; Caramella, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 187. Sulle padelle, si veda inoltre Bolla 1994, p. 15-19, n. 1-6 ; Jurgeit 1999, p. 294-297 ; Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 61-62, n. 31.

84 Per Tuscania : Moretti – Sgubini Moretti 1983, p. 107-108, n. 53-54, ultimi decenni del IV – II secolo a.C. ; per Tarquinia : Caramella, in Bini ­– Caramella – Buccioli 1995, p. 188-189, n. 235-237, tav. LXXIII,3 – LXXIV,1-2 ; per Cerveteri : Bolla 1994, p. 18, n. 1, tav. I-II ; per Falerii Novi : Caramella, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 188, nota 7 (Museo di Civita Castellana, inv. 912) ; per Volterra : esemplari inediti citati da Feugère – Rolley 1991. Per quanto riguarda l’area medio-italica è noto un vecchio ritrovamento nel Piceno, di tipologia incerta, mentre nell’Italia settentrionale la diffusione del tipo Montefortino è ben documentata in contesti databili tra l’ultimo venticinquennio del IV ed il III secolo a.C. (Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 61, note 180-181, con ricca bibliografia.

85 Per la patera di Ascoli Satriano, si veda : Tinè Bertocchi 1985, p. 215, n. 217, p. 217, fig. 363,17-364,17, tav. XXXId (fine III – primo quarto del II secolo a.C.) ; Anzivino 2012, p. 258-259, n. 6.32.

86 Per Castiglioncello : Castiglioncello 1999, p. 81-85, n. 5 ; p. 93-103, n. 8, fig. 45 ; Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 61-62, note 183-184.

87 Per l’esemplare associato al sarcofago di Larthia Seianti : Pacchioni 1939, p. 493, tav. XLII,2 ; De Marinis 1991, p. 100-101. Per la documentazione di Viterbo : Barbieri 1999, p. 28, n. 120-121, fig. 26-27 (tomba 1) e p. 51, n. 91, fig. 68 (tomba 3).

88 È ormai un dato acquisito che da questi tipi dell’alto e medio ellenismo italico si definirà, tra la fine del II e la prima metà del I secolo a.C., il più tardo tipo Eggers 130 (= tipo Aylesford = Caramella tipo B), che si diffonderà nel nord della penisola italiana e in Europa, con l’evidente contributo dei centri etruschi settentrionali, così come emerge dai dati sulla distribuzione. Si veda soprattutto : Caramella, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 187-190 ; Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 61-62, n. 187-188, con ampia bibliografia sulla questione.

89 Per una definizione del tipo e per la sua diffusione si veda soprattutto : Bini, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 31-33 ; Jurgeit 1999, p. 402-404 ; Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 122-124, ai quali si rimanda per la completa bibliografia.

90 Per Orvieto : Melucco Vaccaro 1971, p. 73-83, tav. XLI,2 ; Camporeale, in Civiltà degli Etruschi 1985, p. 150, n. 6.22.9, datato alla fine del VI – primi decenni del V secolo a.C.

91 Per quanto riguarda Vulci e la tomba Osteria 47, detta del Guerriero, si veda : Baglione, in Gli Etruschi e l’Europa 1992, p. 138, n. 152. Dall’agro vulcente al Museo di Tarquinia : Bini, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 32, n. 49, tav. XXII,3a-b.

92 Per Bologna : tomba Certosa 27, fine VI-inizi V secolo a.C. (Govi 1999, p. 109, fig. 54, n. 83, p. 117-118, 130) ; tomba Certosa 108, intorno al 460 a.C. (Govi 1999, n. 94, 124-126) ; tomba Certosa 117, circa 460-450 a.C. (Govi 1999, n. 70) ; tomba Certosa 154, metà del V secolo a.C. (Zannoni 1876, p. 227-228, tav. LXIV,3) ; tomba Arnoaldi 96, intorno al 425-400 a.C. (Macellari 2002, p. 202-203, tav. 17, n. 2). Per l’area umbra : Colfiorito di Foligno, tombe 8 (inizi del V secolo a.C.) e 30 (425-400 a.C.) (Bonomi Ponzi 1997, p. 129-131, tipo III B 33 ; p. 179, n. 8.1 ; p. 225-226, tav. 78, n. 30.15). Per l’area picena : Lollini 1976, p. 146-147, tav. XV,6 (525-475 a.C.).

93 Per Fratte : tomba 29, inizi del V secolo a.C. (Fratte 1990, p. 242-243, n. 6, fig. 408).

94 Per la tomba 151 della Certosa : Zannoni 1876, p. 226-227, tav. LXIII,4 bis.

95 S. Martino in Gattara, tomba 10, terzo venticinquennio del V secolo a.C. (Bermond Montanari, in Atti Bologna 1985, p. 178, n. 87.71, fig. 2a p. 10.

96 De Marinis 1981, p. 133-134, n. 7, tav. 42,4 (tomba 10 di Brembate Sotto). Si veda anche la tomba 3 di Ca’ Morta. Per la bibliografia e la documentazione completa: Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 123, n. 532.

97 Per Fratte: Saggio – Trincea I (Fratte 1990, p. 197-198, n. 18, fig. 317,18. Per Satriano: Holloway 1970, p. 59, n. 70, tav. 108.

98 Per la documentazione di Tarquinia : Bini, in Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 32, n. 50, tav. XXIII,1. Per l’Etruria centrale : Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 124, note 536-537.

99 Particolare riferimento va alla documentazione alla tomba 599 di Lavello/Forentum, per la cui bibliografia si vedano le note successive.

100 Per S. Maria Maddalena di Cazzano : Morico, in Atti Bologna 1985, p. 152-153, n. 82.10, tav. 84 (V secolo a.C.). Per la Tomba Benacci 179 : Vitali 1992, p. 161-162, tav. 18.

101 Per l’area melfese in generale si veda : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 525, n. 18. Per Melfi-Chiuchiari : Tocco 1976, p. 20, fig. 5 ; per Lavello : Forentum II, 1991, p. 37, n. 28, tav. XIII,45, CIX, 28 (tomba 599, intorno al 420-400 a.C.), p. 46, tav. CXX (tomba 607) ; Setari, in Comacchio 1993, p. 107, n. 127, fig. a p. 143 (tomba 955, fine del V secolo a.C.) ; per Banzi : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 525, n. 18 ; Nardella – Setari 2008, p. 20, 24, fig. 11 (tombe 319, 419, prima e seconda metà del V secolo a.C.).

102 Per una bibliografia completa sull’argomento si rimanda a : Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 122-124, con le relative note.

103 Per le Lowenkannen si vedano gli esemplari della collezione Guglielmi nel Museo Gregoriano Etrusco : Sannibale – Shefton, in Sannibale 2008, p. 69-88, n. 36-47, cui si rimanda per la bibliografia completa su questa forma vascolare.

104 Per questa classe di oinochoai, si segnalano, senza completezza, i seguenti contributi ai quali si rimanda per una bibliografia completa sull'argomento : Tarditi 2007, p. 23-52 ; Shefton 2009, p. 107-119. Per la documentazione da Braida di Vaglio e dall’area lucana : Bottini 2013, p. 141-142, con ulteriore bibliografia.

105 Per le caratteristiche morfologiche del vaso si veda soprattutto Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 193-194, cui si rimanda per la bibliografia.

106 Per quanto riguarda Vulci, un esemplare è conservato nel Museo Gregoriano Etrusco, mentre un’ansa è stata rinvenuta nella tomba VI della necropoli di Ponte Rotto, camera E, databile tra la fine del III e la seconda metà del II secolo a.C. (Falconi Amorelli 1987, p. 64, n. 48, fig. 14, tav. VII).

107 Nel Museo Nazionale di Tarquinia sono documentati diversi esemplari, per cui si veda Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 193-196, n. 244-247, tav. LXXVI, 1-3, ai quali vengono aggiunti tre vasi sporadici.

108 La tomba di Tuscania è stata frequentata tra la fine del IV e il II secolo a.C. (Moretti – Sgubini Moretti 1983, p. 107, n. 50, tav. CVII). Per gli esemplari di Ferento : Emiliozzi 1974, p. 79, n. 1, tav. XXXVII ; Hayes 1984, p. 705, n. 112-114, con ulteriore bibliografia.

109 Per la documentazione di Volterra : Fiumi 1957, p. 398, n. 2, fig. 30.

110 Per Ascoli Satriano : un esemplare è stato rinvenuto nell’Ipogeo 4/2011 di Via Tagliamento, datato alla seconda metà del II secolo a.C., associato ad un bacile e ad un altro askos in bronzo (Rückl, in Lo spreco necessario 2012, p. 269-270, n. 7.13) ; un altro proviene dall’Ipogeo della Principessa, tomba 6/1966, datato per il suo ricchissimo corredo all’ultimo quarto del II secolo a.C. (Anzivino, in Lo spreco necessario 2012, p. 258-259, n. 6.35, con bibliografia), associato a due bacili, una padella e ad una fiaschetta in bronzo, tutti attribuibili alla produzione di officine etrusco-meridionali o tarquiniesi (per il corredo : Anzivino, in Lo spreco necessario 2012, p. 251-265, con ampia bibliografia).

111 Tassinari 1975, p. 59-61, n. 151, tav. XXIX. Si conoscono, inoltre, altri esemplari analoghi di provenienza ignota conservati in vari musei.

112 Per l’evoluzione del tipo e la dibattuta questione cronologica si rimanda a Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 194 con ricca bibliografia.

113 Una versione piuttosto singolare di tale operazione è quella riferita da Marziale, che consisteva nel filtrare attraverso la neve posta nella vasca del colum, chiamato in questo caso nivarium, il vino per renderlo più fresco e, contemporaneamente, tagliarlo. In aggiunta ai cola in bronzo sono documentate anche riproduzioni in altri metalli, quali argento e piombo, oppure ceramica e tela. Per una completa rassegna delle fonti letterarie e, in generale, sui cola, si veda Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 75-76, note 1-5 e ricca bibliografia.

114 Kent Hill 1942, p. 41 s.

115 Per lo studio più recente di questi manufatti si veda : Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 75-85, n. 1-11, con numerosi riferimenti bibliografici sull’argomento.

116 Come riferiscono gli autori (Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 81), nell’ambito del tipo C vi sono numerosi elementi formali che possono essere soggetti a variazioni (ad es., la presenza di una barretta di appoggio, di dentelli sporgenti dall’orlo, la forma della vasca, la disposizione dei fori del filtro, il tipo e la distribuzione della decorazione) che se considerati renderebbero troppo complessa la suddivisione del tipo in varianti di difficile applicazione.

117 Per la lista delle attestazioni in area etrusca e per la bibliografia relativa si rimanda principalmente a Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 81-82, note 49-70.

118 Per le attestazioni nelle aree al di fuori dell’Etruria, la cronologia e le probabili officine, si veda Moretti – Sgubini Moretti 1983, p. 37-38 ; Cianferoni 1992, p. 14-15 ; Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 82-83, con ulteriore bibliografia.

119 Per l’esemplare da Spina : Comacchio 1993, p. 96, n. 59 ; per il colum di Tarquinia : Bini – Caramella – Buccioli 1995, p. 85, n. 11.

120 Per la tomba 76 di Chiaromonte : Greci, Enotri e Lucani 1996, p. 141-147, cat. 2.10.39 ; Bianco 1999, p. 375-376, con ampia bibliografia ; Genti in arme 2001, p. 85-86, n. 128.

121 Per la tomba 421 di Banzi, si veda Genti in arme 2001, p. 86-88, n. 153, fig. 23 (inv. 341858). Per la tomba 534 dello stesso sito : Ciriello 2005, p. 433-438 ; Ead. 2008, p. 31-32, con bibliografia.

122 Per la tomba 227 di Chiaromonte : Bottini, in Armi 1993, p. 95-102, n. 7 ; Id. 1999b, p. 423-426, cui si rimanda per l’ampia bibliografia sull’argomento. Per la tomba 955 di Lavello-Forentum : Setari, in Comacchio 1993, p. 113 s., n. 131, fig. a p. 147, attribuita a produzione daunia.

123 Per i riferimenti agli esemplari da Olinto : Bottini, in Armi 1993, p. 101, n. 7, con bibliografia.

124 Per la brocca dell’Ipogeo dei Vimini di Canosa : De Juliis 1990, p. 108, n. 70. Per la documentazione da Rutigliano : Tarditi 1996, p. 85-86, n. 173-176 ; per Rudiae: Tarditi 1996, p. 84-85, n. 172.

125 Per l’inquadramento stilistico e cronologico delle olle rinvenute nella Puglia centro-meridionale : Tarditi 1996, p. 165-166, con bibliografia relativa.

126 Per il lebete da Bitonto : Lo Porto 1996, p. 17-18, fig. 11,2.

127 Per l’esemplare della tomba 279 di Lavello-Forentum : Bottini 1982, p. 56, n. 22.

128 Per la documentazione proveniente dall'area nord-lucana (Baragiano e Satriano), si veda : Bottini 2013, p. 140 ; Osanna 2013a, p. 65-66, fig. 25 ; Osanna 2013b, p. 134-135, fig. 14, ai quali si rimanda per la ricca bibliografia.

129 Si vedano, ad esempio, i complessi dell’Ipogeo dei Vimini di Canosa (De Juliis 1990), quelli delle tombe melfesi (Popoli anellenici 1971), quelli di Lavello (Forentum I 1988 ; Forentum II 1991), ma soprattutto i corredi principeschi, venuti alla luce in questi ultimi anni, provenienti da Satriano, dove le tombe erano poste a immediato ridosso della residenza ad anaktoron (Osanna 2013a, p. 63-68 ; Osanna 2013b, p. 117-135), Braida di Vaglio (Bottini – Setari 2013, p. 245-260, con bibliografia precedente) e Baragiano (Russo et alii 2008 ; Russo 2009 ; Bruscella – Pagliuca 2013, p. 272-303, con ricca bibliografia).

130 Si può dunque immaginare che l’acquisizione di merci etrusche sottintenda una già avvenuta recezione delle pratiche simposiache dal mondo greco e che solo in seguito beni e comportamenti si diffondano parallelamente o che addirittura siano proprio i prodotti tirrenici a veicolare le trasformazioni dei comportamenti. In tal senso è importante quanto affermano alcuni studiosi, quali A. Bottini, B. d’Agostino ed E. De Juliis a proposito delle importazioni etrusche in area lucana (Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 489-492 ; d’Agostino 1998, p. 25-57 ; Bottini 2001, p. 250-257 ; Id. 2013, p. 137-143, con ampia bibliografia) e apula (De Juliis 2001, p. 257-267).

131 Per la tomba di Cupola : Montanaro 2010 ; per le tombe di Canosa-Toppicelli : Corrente 1992, p. 63-71 ; Lo Porto 1992, p. 72-75 ; Corrente 2013, p. 52-59 ; per Ordona : Iker 1984.

132 Per le tombe principesche di Lavello : Bottini 1982.

133 Per i complessi di Baragiano e Torre di Satriano, si veda : Russo et alii 2008 ; Russo 2009 ; Bruscella – Pagliuca 2013, p. 272-303 ; Osanna 2013a, p. 62-68 ; Id. 2013b, p. 134-136 ; Scalici 2013, p. 236-244.

134 Sull’incremento delle importazioni avvenuto nel V secolo : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 498-499 ; De Juliis 1996, p. 529-535 ; d’Agostino 1998, p. 25-57 ; Bottini 2001, p. 250-256; De Juliis 2001, p. 257-267 ; D’Ercole 2002, p. 140-160, con ampia bibliografia ; Bottini 2013, p. 137-143.

135 In aggiunta agli itinerari marittimi, non è da escludere che i materiali di bronzo etruschi potessero essere veicolati anche attraverso vie interne di collegamento tra il Lazio e la Campania. Sul ruolo fondamentale di Fratte : Albore Livadie 1985, p. 130-137 ; Cerchiai 1990, p. 310-313 ; Sampaolo 1990, p. 114-115 ; Cerchiai 1995, p. 123-124 ; Bellelli 2002, p. 44-45, con numerosi riferimenti bibliografici.

136 Sulla comparsa di forme riferibili a prodotti seriali : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 498-499 ; Bellelli 2002, p. 41-42, ai quali si rimanda per la bibliografia più completa.

137 Essa è riconoscibile a Tarquinia, sui kylikeia della « Tomba del Guerriero » n. 3243 (Moretti 1986) e della « Tomba Querciola », nonché ritorna nel quadro del grande banchetto della « Tomba Golini I » di Orvieto (Steingraber 2006, p. 120-121, 152-154). Per la funzione della coppia brocca-bacile si veda : Bottini 1993, p. 64-68, con bibliografia.

138 Per la documentazione dell’area melfese : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 511-515. Per Salapia : Blundo, in Salpia vetus 2008, p. 156-167, n. 42-43. Per Canosa : De Juliis 1990.

139 Sulla possibilità dell’esistenza di officine locali : Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 499-500, con bibliografia ; Id. 2013, p. 134-135.

140 Per la fase di instabilità politica e sulla presenza sannita : Bottini 1985, p. 63-66 ; Volpe 1990, p. 27-29 ; De Juliis 1992b, p. 112-116 ; Bottini, in Tagliente – Bottini 1996, p. 500-501 ; Corrente 2010, p. 325-356, con bibliografia.

141 Per Ascoli Satriano, si vedano i complessi dell’Ipogeo della Principessa (Anzivino, in Lo spreco necessario 2012, p. 251-263, n. 6.32-6.37) e dell’Ipogeo di Via Tagliamento (Rückl, in Lo spreco necessario 2012, p. 267-275, n. 7.11-7.13).

142 Particolarmente interessante è la tomba 2 di Monte S. Angelo, riferibile alla fine del III – primi decenni del II secolo a.C., che ha restituito un complesso di bronzi costituito da due semplici bacili, due cola e tre kyathoi con ansa a rocchetto con attacco inferiore cuoriforme e ad ancora, di produzione tarquiniese o etrusco-settentrionale (Pacilio 2001, p. 61-64).

143 Tali materiali di provenienza tarquiniese sono conservati, oltre che nel Museo Nazionale di Tarquinia (Bini – Caramella – Buccioli 1995), anche nel Museo Gregoriano Etrusco (Sannibale 2008) e nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, un tempo appartenenti alla collezione Castellani (Sgubini Moretti – De Lucia Brolli, in Sgubini Moretti 2000, p. 153-154).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 2 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo con orlo estroflesso non decorato.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 3 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile in bronzo con orlo estroflesso non decorato.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 4 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 5 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 6 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile ad orlo estroflesso non decorato.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 7 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacili ad orlo estroflesso non decorato.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 8 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacili ad orlo estroflesso non decorato.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 9 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 10 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 11 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 12 – Mattinata. Collezione Sansone. Bacile o « teglia ».
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 13 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 14 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 15 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Particolare dell'orlo.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 16 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoe a ventre globulare con attacco a palmetta. Particolare dell'attacco a palmetta.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 17 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 18 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 19 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Da Salapia.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 20 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Particolare dell'orlo.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 21 – Mattinata. Collezione Sansone. Olpe con ansa sormontante e attacco inferiore a leone disteso. Particolare del leone.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 22 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 23 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 24 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Particolari dell'orlo e dell'ansa.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 25 – Mattinata. Collezione Sansone. Schnabelkanne tipo « cordiforme » con attacco inferiore a foglia cuoriforme. Particolare dell'attacco a foglia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 26 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 27 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 28 – Mattinata. Collezione Sansone. Stamnos.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 29 – Mattinata. Collezione Sansone. Situla « a kalathos ».
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 30 – Mattinata. Collezione Sansone. Situla « a kalathos ».
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 31 – Londra. British Museum. Situla « a kalathos » da Ruvo di Puglia.
Crédits © Trustees of the British Museum.
Titre Fig. 32 – Mattinata. Collezione Sansone. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 33 – Mattinata. Collezione Sansone. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 34 – Ascoli Satriano. Polo Museale. Patera o « padella » con manico desinente a testa di cigno. Dall’Ipogeo della Principessa di Ascoli Satriano.
Crédits Da Lo spreco necessario 2012, cat. 6.32, foto rielaborata dall’autore.
Titre Fig. 35 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoai a bocca rotonda.
Crédits Foto dell’autore.
Titre Fig. 36 – Mattinata. Collezione Sansone. Oinochoai a bocca rotonda.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 37 – Mattinata. Collezione Sansone. Frammenti di oinochoe trilobata.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 38 – Mattinata. Collezione Sansone. Frammenti di oinochoe trilobata.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 39 – Mattinata. Collezione Sansone. Askos frammentario « a otre adagiato ».
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 40 – Ascoli Satriano. Polo Museale. Askos « a otre adagiato ». Dall’Ipogeo della Principessa di Ascoli Satriano.
Crédits Da Lo spreco necessario 2012, cat. 6.35.
Titre Fig. 41 – Mattinata. Collezione Sansone. Colum.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 42 – Mattinata. Collezione Sansone. Aryballos globulare e lucerna.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 43 – Mattinata. Collezione Sansone. Aryballos globulare e lucerna.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 44 – Mattinata. Collezione Sansone. Olla.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 45 – Mattinata. Collezione Sansone. Lebete o bacile.
Crédits Archivio Sansone.
Titre Fig. 46 – Mattinata. Collezione Sansone. Boccale o bicchiere da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Titre Fig. 47 – Mattinata. Collezione Sansone. Boccale o bicchiere da Salapia.
Crédits Foto Emanuele Arciuli.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Andrea Celestino Montanaro, « I vasi di bronzo della « Collezione Sansone » di Mattinata (FG) », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 127-1 | 2015, mis en ligne le 28 mai 2015, consulté le 16 août 2017. URL : http://mefra.revues.org/2681 ; DOI : 10.4000/mefra.2681

Haut de page

Auteur

Andrea Celestino Montanaro

CNR-IAC – a.montanaro[at]ba.iac.cnr.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org