Navigation – Plan du site
Varia

Hadrianus Restitutor Siciliae

Documenti monetali ed evidenza archeologica
Leonardo Fuduli et Grazia Salamone

Résumés

La breve notizia tramandata dal De Vita Hadriani dell’Historia Augusta sulla visita di Adriano in Sicilia e la legenda monetale di un’emissione del 136 d.C., che celebra l’imperatore quale RESTITVTOR SICILIAE, sono state da alcuni studiosi considerate come elementi a sostegno della munificenza del principe verso le città dell’isola. Tale iniziativa imperiale, sulla quale però le fonti tacciono, si sarebbe tradotta in una serie di interventi edilizi che in realtà, allo stato attuale dei dati archeologici ed epigrafici, non sono semplici da identificare.
Alla luce dell’analisi semantica dell’iconografia monetale, il titolo di
Restitutor Siciliae va invece riletto nell’ottica dell’ideologia universalistica affermata da Adriano poco dopo la sua ascesa al potere, testimoniata dalla legenda Restiutor Orbis Terrarum. Le evidenze archeologiche dell’isola, inoltre, confrontate con situazioni simili di altre aree dell’Impero nelle quali atti di munificenza dell’imperatore sono invece certi, non appaiono dirimenti : il livello delle conoscenze è, infatti, estremamente superficiale allo stato attuale per poter anche solo ipotizzare un intervento del potere centrale per la costruzione di opere di un certo impegno monumentale in Sicilia.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Vita Hadriani, 13. 3. Per una bibliografia relativa alla Vita si veda Schwartz 1991, p. 1-69 ; Gali (...)
  • 2 RIC II, 467, n. 965.
  • 3 Riferimenti alla munificenza adrianea verso l’isola sono in Pace 1935-1949, I, p. 302 ; Clemente 19 (...)

1La breve notizia tramandata dal De Vita Hadriani dell’Historia Augusta1 sulla visita di Adriano in Sicilia e la legenda monetale di un’emissione del 136 d.C.2, che celebra l’imperatore quale RESTITVTOR SICILIAE, sono state da alcuni studiosi considerate come elementi a sostegno della munificenza del principe verso le città dell’isola. L’iniziativa imperiale, sulla quale le fonti tacciono3, si sarebbe tradotta in una serie di interventi edilizi che in realtà, allo stato attuale dei dati archeologici ed epigrafici, non è semplice identificare. A ciò si aggiunge, per di più, l’assenza di studi specifici sui principali monumenti di età imperiale in Sicilia.

  • 4 Cfr. Caccamo Caltabiano 2007.

2Nelle pagine seguenti la questione verrà analizzata sotto due principali aspetti : l’analisi semantica dell’iconografia monetale che si accompagna alla legenda RESTITVTOR SICILIAE ; la disamina della documentazione archeologica della quale attualmente si dispone. La lettura contestuale dei dati archeologici, oltre che delle fonti letterarie, non può prescindere, infatti, ove possibile, dallo studio delle emissioni monetali, documenti ufficiali di primaria importanza e prodotto del contesto storico di riferimento. È questo un approccio scientifico4 che negli ultimi anni è stato giustamente « riscoperto », dopo decenni di studi settoriali e poco inclini a una valutazione della documentazione materiale nella sua interezza.

La testimonianza dell’iconografia monetale
(Grazia Salamone)

  • 5 Galimberti 2007, p. 110 (con bibliografia precedente).
  • 6 Bianchi Bandinelli – Torelli 1986, p. 95.
  • 7 Toynbee 1934, p. 24 e passim. Più di recente : Garzón Blanco 1993, p. 75 s. ; Vitale 2012, p. 156 s
  • 8 Tipi delle emissioni dedicate alle province : 1) la personificazione della Provincia da sola (stant (...)
  • 9 Per il valore storico della moneta e, nello specifico, dell’iconografia monetale, cfr. Caccamo Calt (...)

3L’età di Adriano fu, com’è noto, soprattutto il tempo della riorganizzazione e della pacificazione. In tal senso, sono stati spiegati i lunghi viaggi compiuti dall’Imperatore nelle province dell’Impero : dal 121 al 125/6 d.C., Adriano visitò le province occidentali e parte di quelle orientali ; quindi, nel 128, muovendo dalla Sicilia, si recò in Africa e nelle province orientali fino al 133/4 d.C.5 Si è molto scritto sul significato di questi viaggi/ispezioni : l’Imperatore-filosofo era mosso da un sincero interesse per le aree provinciali, il politico filelleno intendeva legare più strettamente a Roma le province di antica cultura ellenistica6. L’importanza e il significato che l’entourage imperiale attribuiva a tali viaggi traspaiono dalle note serie monetali che, a distanza di alcuni anni, tra il 134 e il 138 d.C., celebrano in modo esplicito il tour adrianeo. L’abbondanza delle « province series »7, battute a Roma in tutti e tre i metalli e in molteplici nominali (aurei, denarii, sesterzi, dupondii e assi), e la « serialità » delle leggende e dei tipi, ripetuti e adattati ai vari contesti provinciali, denunciano lo spazio rilevante che tale monetazione dovette avere all’interno della propaganda ufficiale del tempo8. La moneta risulta essere, anche in tal caso9, un documento di primaria rilevanza storica, in quanto espressione del « punto di vista » dell’autorità centrale nel trattare i rapporti con regioni di antica o recente acquisizione.

  • 10 RIC II, 467, n. 965 (sesterzio), 966 (dupondio o asse). Cfr. Perassi 2004, p. 189.

4L’iconografia monetale che più direttamente ci interessa, quella con legenda RESTITVTORI SICILIAE, mostra, su sesterzi e frazioni ènee, l’Imperatore stante, togato, con volumen, in atto di sollevare con la mano una figura femminile inginocchiata, caratterizzata da un copricapo a forma di triscele con spighe nell’altra mano10 (fig. 1).

Fig. 1 – Adriano, Sesterzio AE, Roma 134-138 a.C.

Fig. 1 – Adriano, Sesterzio AE, Roma 134-138 a.C.

www.procoinarchives.com: Classical Numismatic Group, Mail Bild Sale 76, Auction 12 September 2007, lot. n. 1464.

  • 11 I più antichi documenti monetali della triskeles sono le Wappenünzen ateniesi (metà del VI sec. a.C (...)
  • 12 Portale 2005, p. 24.
  • 13 In precedenza, la personificazione di Sikelia era apparsa su bronzi di età timoleontea del 340 a.C. (...)
  • 14 Già Toynbee 1934, p. 130.
  • 15 RRC n. 401/1.
  • 16 RIC I, n. 310.
  • 17 Ad una restitutio connessa con un luogo fisico o con un edificio alludono soltanto i cistofori batt (...)

5L’identificazione del soggetto inginocchiato è inequivocabile, al di là dell’eplicito riferimento espresso dalla legenda. La figura è difatti ben connotata dall’attributo della triscele, la triskeles, un indicatore iconico il cui valore simbolico in relazione con la Sicilia era ormai acquisito da tempo11. La personificazione della Sicilia – provincia romana fin dal 227 a.C.12 – fa la sua comparsa nel repertorio iconografico ufficiale a partire dall’epoca tardo-repubblicana13 : sui denari di Mn. Aquillius del 71 a.C. ca, con la scritta SICIL(ia) in esergo, la Provincia è rappresentata in sembianze femminili, le chiome sciolte, l’atteggiamento afflitto, il capo abbandonato all’indietro, mentre una figura militare, che funge da « restoring »14, la solleva per il braccio15. Il tipo è poi ripreso sul R/ di un denario di Augusto, battuto dal monetiere L. Aquillius Florus, nel 19/18 a.C16 (fig. 2). Il confronto tra il sesterzio adrianeo e il denario tardo-repubblicano evidenzia la profonda distanza storico-ideologica intercorsa, denunciando un altro « punto di vista » da parte dell’autorità centrale. La Sicilia adrianea è in atto di alzarsi, con una postura più reattiva e dignitosa di quella della provincia di Aquillius : la relazione tra le due parti è sì di sudditanza-dominio, ma in una forma di assistenza « paternalistica » incarnata dalla figura del Restitutor che, non a caso, tende la mano al soggetto inginocchiato. Dietro questo gesto dal forte impatto visivo, ci chiediamo se sia possibile storicamente intravedere dei provvedimenti specifici17 intrapresi da Adriano a favore della Sicilia, da secoli ormai membro attivo e produttivo del corpo statale. Al silenzio delle fonti extramonetali, si contrappone l’iconografia monetale, un documento ufficiale emesso dal « centro del potere », che va ovviamente contestualizzato.

Fig. 2 – L. Aquillius Florus (Augusto), Denario AR, Roma 19-18 a.C.

Fig. 2 – L. Aquillius Florus (Augusto), Denario AR, Roma 19-18 a.C.

www.ancientcoins.ca/RIC/index.htm : Dr. Busso Peus Nachfolger.

Fig. 3 – Adriano, Sesterzio AE, Roma 119-121 a.C.

Fig. 3 – Adriano, Sesterzio AE, Roma 119-121 a.C.

www.coinarchives.com: Stack’s Bowers and Ponterio, Sale 173, N.Y.I.N.C., 11 Jan. 2013, lot n. 5173.

  • 18 E.g. : RIC II, 377, n. 321 (Achaia), 324 (Gallia), 326 (Hispania), 329 (Macedonia), 940 (Africa), 9 (...)
  • 19 RIC II, 416, n. 594a-b (sesterzi), 603 (dupondio).
  • 20 Il termine Restitutor ha, come è noto, il significato di « salvatore » (Cic. Mil. 39 « …restitutor (...)

6Il tipo dell’emissione Restitutor Siciliae è adottato in maniera capillare su altre serie dei medesimi anni (134-138 d.C.) che recano lo stesso schema con Imperatore e Provincia inginocchiata, variamente connotata, e ben riconoscibile grazie anche alla legenda RESTITVTOR seguita dal locativo della provincia in questione : Achaia, Africa, Arabia, Asia, Bithynia, Gallia, Hispania, Libya, Macedonia e Phrygia18. Terre molto distanti tra di loro, assoggettate in tempi diversi e caratterizzate da problematiche politiche e militari differenti, ma accomunate, nell’ottica della propaganda monetale, dall’appartenza ad un unico organismo statale. L’adozione del medesimo schema per tutti questi soggetti territoriali denota dunque un comune denominatore ideologico, in una visione unitaria e « universale ». A tale proposito, è illuminante un’altra serie di sesterzi che mostra lo stesso schema, con la figura femminile che reca la corona muralis e il globo in mano, e l’Imperatore che compie il consueto gesto del Restitutor ; la legenda è RESTITVTORI ORBIS TERRARVM19 (fig. 3). La cronologia della serie è il 119-121 d.C., siamo cioè all’inizio dei grandi viaggi di Adriano. L’intento programmatico appare chiaro e ben definito fin da questi anni : l’azione del Restitutor è volta all’intero Impero, a beneficio del quale Adriano si pone come Restitutore, Restauratore e Salvatore, secondo la complessa accezione del termine latino20. Non è un caso, dunque, che lo schema fosse stato ripreso e ripetuto a distanza di tempo, a partire dal 134 d.C., quando vennero avviate le coniazioni commemorative, « preannunciate » dai sesterzi con la scritta Restitutor Orbis Terrarum.

  • 21 È noto come il Panhellenion ateniese (131/32 d.C.), dedicato a tutti gli dei e ad Adriano Panhellen (...)
  • 22 RRC 402/1a-b.
  • 23 Già Tolomeo I celebrava, su tetradrammi del 314-305 a.C., Alessandro con il capo ricoperto dalle sp (...)
  • 24 RIC II, n. 326-327. Il coniglio è spiegato in relazione con la sua abbondante presenza nella region (...)
  • 25 L’ibis, oltre ad essere un richiamo immediato alla fauna locale, è anche un animale sacro per gli E (...)

7Le scelte programmatiche di Adriano erano dettate dall’urgenza delle contingenze militari e politiche che aveva ereditato, in buona parte, dal predecessore : la rivolta giudaica, estesa anche all’Egitto, divampata già negli ultimi anni di regno di Traiano, e numerose altre insurrezioni scoppiate lungo il limes rendevano necessario un intervento efficace e duraturo, non semplicemente affidato ad opere di fortificazioni, ma che agisse dall’« interno » della compagine provinciale. È stato scritto più volte come Adriano puntasse alla creazione di una koine politica e culturale delle province, inaugurando una serie di iniziative volte al recupero e alla valorizzazione delle tradizioni culturali e religiose soprattutto delle province orientali, per garantire, al tempo stesso, il dominio di Roma21. Proprio l’attenzione prestata in tal senso alle peculiarità locali emerge molto bene dalla caratterizzazione iconografica data alle personificazioni delle Province sulle serie adrianee, personificazioni, in taluni casi, note fin dall’età tardo-repubblicana. Non mi soffermerò sulle specificità di tali figure, trattate ampiamente, tra gli altri, da C. Perassi. Ricordiamo soltanto, oltre alla già citata triscele siciliana, le exuviae elephantis, le spoglie elefantine copricapo di Africa già su aurei di Pompeo del 71 a.C.22, riferimento esplicito alla fauna locale, ma anche simbolo regale di memoria tolemaica23. O ancora : la presenza di un coniglio per Hispania, simbolo di fecondità24, oppure il riferimento sacrale dell’ibis e del sistro per Aegyptos25. La serie di quadri iconici fornita dalle monete adrianee, con la sua ricca varietà di motivi, documenta dunque una rassegna di figure che concentrano in sé alcune delle specificità riconosciute, nella communis opinio del tempo, a ciascuna di esse. Le particolarità dei vari territori trovano spazio e vengono valorizzate attraverso un’operazione iconografica ufficiale che va oltre la semplice « tecnica » rappresentativa. Il comune denominatore, la « koine » del messaggio, è fatto salvo dall’utilizzo del medesimo schema-base per tutte le Province. Ed è questo, a mio parere, il nodo centrale della questione relativa al rapporto ideologico tra Adriano e le province.

  • 26 Tra gli altri cfr. Boatwright 2000 e Castagno 2008, p. 117 s. V. infra.

8Tale quadro d’insieme, in cui il ricordo di ciascuna Provincia trova la giusta collocazione in un programma ideologico e figurativo più generale, non sminuisce le iniziative, anche edilizie, che Adriano verosimilmente dovette prendere a favore dell’uno o dell’altro territorio. Per alcune province, le fonti letterarie ed epigrafiche ci soccorrono o lasciano trapelare una qualche forma di intervento imperiale26 ; laddove però non abbiamo testimonianze di tal genere, come nel caso della Sicilia, il documento monetale non può costituire la prova di un’avvenuta azione di liberalitas, proprio perché in tal caso, come abbiamo visto, non risulta mirato ad una celebrazione specifica ed esclusiva.

  • 27 RIC II, 251, n. 105-106 (aurei) ; 278, n. 471-472 (sesterzi), 470 (dupondio).
  • 28 Restitutor Italiane : AE 2003, 003408. Anche Restitutor Daciarum : CIL 03, 01176. Già per Tiberio è (...)
  • 29 Galimberti 2007, p. 91, 96 s. Basti pensare alla cura nei confronti degli eserciti : si veda supra, (...)
  • 30 RIC I, n. 413.

9Per comprendere appieno la portata delle scelte iconografiche legate al Restitutor adrianeo, vanno inoltre recuperati gli antecedenti monetali, ovvero i presunti modelli iconografici. Su aurei, sesterzi e dupondii di Traiano27 è visibile la figura togata dell’Imperatore nella medesima postura dello schema adrianeo ; in questo caso, la figura femminile inginocchiata è Italia come indicato dalla legenda REST ITAL o ITALIA REST(ituta). D’altra parte, col titolo onorifico Restitutor Italiae Traiano è celebrato in talune epigrafi28 che indicano una priorità d’invenzione della formula, in riferimento ad un contesto territoriale, almeno sulla scorta dei dati giunti fino a noi. L’evidente ripresa del precedente monetale traianeo non stupisce nel quadro di una riconosciuta continuità ideologica e politica tra Traiano e Adriano29. Va, inoltre, menzionato un altro verosimile, e più antico, modello. Si tratta degli aurei di Augusto, battuti da C. Lentulus (12 a.C. ca), che mostrano l’immagine del Princeps togato in atto di sollevare, prendendola per mano, una figura femminile inginocchiata30 (fig. 4) : l’identificazione di quest’ultima è data dalla scritta in esergo RES PVB(blica) che la qualifica, pertanto, come la personificazione omonima. Lo schema è del tutto confrontabile con quello adrianeo (e traianeo).

Fig. 4 – C. Lentulus (Augusto), Aureo AV, 12 a.C.

Fig. 4 – C. Lentulus (Augusto), Aureo AV, 12 a.C.

Zanker 1989, fig. 74.

  • 31 Cfr. Zanker 1989, p. 97 s.
  • 32 In Hadr. 10,3 si dice che Augusto fu l’unico tra i predecessori di Adriano ad aver curato la discip (...)

10Il tipo augusteo è dunque riferito ad uno dei principi cardine della propaganda di Ottaviano, ovvero la Restitutio, il restauro e la salvezza dello Stato, dopo il caos delle guerre civili31. Il richiamo all’ideologia augustea non era d’altra parte estraneo al pensiero di Adriano – come sembra trasparire da talune fonti letterarie32 – e, forse, potrebbe andare al di là della cura dei fines imperii, propria del principato tardo-augusteo e tenacemente perseguita dal successore Adriano. In sostanza, un sottile fil rouge lega le scelte della propaganda monetale dei tre Principes, in contesti storici differenti, ma pur sempre accomunati dalla restitutio (vera o presunta) e quindi dall’azione del Restitutor.

  • 33 E.g., RIC IV, n. 167 (denario); n. 228 (aureo).
  • 34 Cfr. anche l’iscrizione CIL 08. 08797a. A parte Antonino Pio (Restitutor Italiane : CIL 11, 06939), (...)
  • 35 E.g. : RIC V.1, n. 29 (Gallieno, 259 d.C.); n. 233 (Aureliano, 271/72 d.C.).
  • 36 RIC IX, n. 25a (Valentiniano I, 367 d.C.).
  • 37 Costabile 2012, p. 49.

11Nei decenni successivi ad Adriano, lo schema del Restitutor che risolleva la provincia non sembra avere avuto fortuna : il termine RESTITVTOR è attestato sulle monete di Marco Aurelio ma insieme al tipo dei signa militari (RESTITVTOR LEG[ionis]) ; più tardi, i Severi adottano la legenda RESTITVTOR VRBIS con la figura di Roma seduta o con l’Imperatore sacrificante33. Si tratta dunque di scelte lontane dalle iconografie adrianee e del tutto svincolate dalla tematica provinciale, dal momento che anche la legenda fa riferimento, in età severiana, al contesto dell’Urbe34. Bisogna giungere al pieno III sec. d.C. per ritrovare l’iconografia adrianea insieme con la scritta RESTITVTOR GALLIARVM (ad esempio, sotto Gallieno) e RESTITVTOR ORIENTIS (Aureliano)35. Le più tarde assunzioni della legenda RESTITVTOR risultano inserite in contesti celebrativi rivolti alla « salvezza » della Res Publica e incentrati sulla figura del Dominus come unico e indiscusso protagonista. Ecco dunque che, al tempo dei Valentinidi, la scritta RESTITVTOR REIPVBLICAE appare associata al tipo dell’Imperatore in veste militare, stante, con gli attributi del labarum e della Victoria su globo36. L’azione del Restitutor, in termini iconografici ed epigrafici differenti, è nuovamente diretta verso la Res Publica : uno Stato « moribondo » era quello ereditato da Augusto37, un Impero minacciato e in profonda evoluzione quello degli Augusti del tardo Impero.

  • 38 Giudice 2009.
  • 39 Cfr. Serafin 2002, p. 319 s.

12A conclusione del nostro rapido excursus sul tema monetale del Restitutor, è emerso come la serie RESTITVTOR SICILIAE di Adriano, lungi dall’essere finalizzata alla celebrazione di non ben definibili interventi a favore della provincia siciliana, s’inserisca in un quadro storico più ampio : ovvero il programma adrianeo di ripristino della coesione e dell’unità del vasto Impero, in nome di una koine culturale e politica, molto più solida (almeno nelle intenzioni della propaganda) di una mera fortificazione dei confini38. Il documento monetale – documento ufficiale di Stato – aggiunge, quindi, un tassello significativo ai fini della ricostruzione dell’operato politico e della sfera ideologica e culturale entro cui si muove Adriano, principe filosofo e al tempo stesso – non dimentichiamolo – sagace politico, fautore di una svolta in senso autarchico del potere supremo39.

Il viaggio in Sicilia di Adriano
(Leonardo Fuduli)

  • 40 Per una bibliografia completa si veda Birley 1997.
  • 41 Cfr. Martin 1982, p. 276-277.

13Nonostante la vasta letteratura relativa ai viaggi di Adriano40, non risulta ancora chiaro quale sia stato il criterio di scelta e selezione delle regioni da visitare e cioè se questo sia stato frutto di una scelta premeditata, di curiosità o della combinazione di entrambi i fattori41.

  • 42 Vita Hadriani, 13. 3 : Post in Siciliam navigavit, in qua Aetnam montem conscendit, ut solis ortum (...)

14Senza entrare nel cuore del problema, che meriterebbe una trattazione specifica molto più ampia, sarà utile soffermarsi su alcuni aspetti che riguardano il viaggio in Sicilia. Questo è datato nel 125 d.C. dopo la prima visita di Atene e dell’Achaia e prima del rientro a Roma che precede un nuovo viaggio verso l’Africa. La sola testimonianza che lo riguarda è contenuta nella Vita Hadriani dell’Historia Augusta del siracusano Elio Sparziano42 nella quale si dà notizia indiretta del soggiorno dell’imperatore nella Sicilia orientale, tramite il riferimento alla sua ascesa dell’Etna.

  • 43 Cfr. Wilson 1990, p. 8, n. 22.

15L’ascesa al monte, che nella fattispecie ha come scopo la visione del solis ortum arcus specie e non, quindi almeno esplicitamente, curiosità legate all’attività vulcanica, è leggibile come motivo topico non solo nel mondo greco ma anche in quello romano, nel quale spiccano gli esempi illustri di Caligola e Seneca43.

  • 44 Strabo, VI 2,8 : Πλησίον δὲ τῶν Κεντορίπων ἐστὶ πόλισμα ἡ μικρὸν ἔμπροσθεν λεχθεῖσα Αἴτνη τοὺς ἀναβ (...)
  • 45 Per la bibliografia relativa al problema della localizzazione di Aetna cfr. Wilson 1990, p. 410 n.  (...)

16Dalla lettura di un passo di Strabone44 emerge che l’ascesa al monte avveniva dal versante sud-ovest attraverso la città di Aetna, sulla cui localizzazione, ampiamente discussa nel corso degli ultimi decenni, sembra piuttosto unanime il parere degli studiosi che la collocano nei pressi dell’attuale Paternò45.

  • 46 Per le testimonianze architettoniche della città di Catania si veda infra.

17Posto che sicuramente l’imperatore toccò la sponda orientale dell’isola provenendo dalla Grecia, non è possibile dire, anche in questo caso, se per fare semplicemente una tappa oppure per una scelta deliberata di visitare la Sicilia. In assenza di elementi ulteriori sembra quantomeno da tenersi in considerazione l’ipotesi che l’imperatore possa essere passato da Catania, anche se non esiste, allo stato attuale delle conoscenze, alcuna testimonianza né archeologica né epigrafica a sostegno di ciò46.

  • 47 Birley 1997, p. 189.

18Un’interessante ipotesi proposta da Birley suggerisce che l’imperatore possa essere approdato, come sarebbe più facile ipotizzare, nella più importante città dell’isola, Siracusa, ed aver quindi soggiornato a Centuripe, non distante dall’Etna, presso il suo amico Pompeo Falco, originario di lì47.

  • 48 Le ipotesi interpretative relative alla Torre del Filosofo sono esaminate in Muscolino 2003, p. 279 (...)

19Una traccia del suo passaggio sul vulcano è, inoltre, stata ravvisata da alcuni studiosi in quella struttura visibile fino al 1971, anno in cui fu distrutta da un’eruzione, nota come Torre del Filosofo (fig. 5), forse un monumento celebrativo dell’evento del 125 d.C.48

Fig. 5 – La Torre del Filosofo.

Fig. 5 – La Torre del Filosofo.

D. V. Denon, Voyage en Sicile, Paris, 1788.

Una Baupolitik del principe in Sicilia ?
(Leonardo Fuduli)

20La lettura dei dati archeologici di cui attualmente si dispone in Sicilia per il II sec. d. C. è complicata sia dalle incertezze che gravano sulla cronologia sia dalla difficoltà di ricondurre la costruzione degli edifici monumentali, in assenza di dati esaustivi, a una sorgente erogatrice di fondi. La riflessione delle pagine successive, pertanto, riguarderà la possibilità di definire l’iniziativa di Adriano nel campo dell’edilizia monumentale siciliana attraverso l’analisi dei dati archeologici al fine di chiarire la presunta azione di Restitutio Siciliae alla quale alluderebbero le serie monetali sopra presentate.

  • 49 Se si eccettuano gli studi di carattere generale di Belvedere 1988 e di Wilson 1990, i monumenti de (...)

21Prima di addentrarsi nel problema è senz’altro necessario fare una breve premessa sulla natura dei dati considerati. Il quadro generale presenta due ordini di difficoltà : da una parte l’assenza di documentazione epigrafica e letteraria in merito a una possibile iniziativa adrianea in campo edilizio in Sicilia, dall’altra una evidence archeologica non priva di problemi interpretativi legati a un livello degli studi ancora a una fase iniziale, da cui è derivato uno stato delle conoscenze fortemente lacunoso. Infatti, l’assenza di analisi specifiche e di edizioni complete dei maggiori monumenti di età imperiale, in particolare per le città di Siracusa, Catania e Taormina, nelle quali sono attestati i principali interventi edilizi nel corso del II sec. d. C., sono alla base della mancanza di datazioni certe per gli stessi per i quali spesso ci si trova di fronte a una cronologia oscillante di alcuni decenni49.

  • 50 CIL X, 27202 ; cfr. Manganaro 1988, p. 74. Nello stesso luogo Manganaro fa riferimento anche a dei (...)

22Alquanto dubbia può essere giudicata poi la lettura dell’iscrizione del 119 d. C. di dedica ad Adriano, rinvenuta nella Cattedrale di Mazzara, come prova di un ipotetico edificio costruito con denaro delle casse imperiali50. Essa, infatti, si data qualche anno prima del viaggio del principe nell’isola ed è evidentemente posta su una colonna, dati questi che allontanano sensibilmente il significato dell’iscrizione da un atto di munificenza legato al passaggio di Adriano sull’isola.

  • 51 Da due decenni ormai la letteratura sulla decorazione architettonica d’età romana rivela degli orie (...)
  • 52 A tal proposito si veda per l’Italia Meridionale e la Sicilia : Pensabene 1997 ; per il teatro di T (...)
  • 53 La tesi, dal titolo La decorazione architettonica di età imperiale nelle città della Sicilia nord-o (...)

23In questo panorama così fortemente problematico uno strumento conoscitivo di particolare rilievo è stato ed è costituito dalla decorazione architettonica che, in più di un caso e in assenza di indagini ulteriori, è l’unico elemento superstite dei monumenti. Studi dell’ultimo trentennio51 in merito a diverse aree dell’impero, oltre Roma stessa, hanno messo in luce le notevoli potenzialità derivanti dall’analisi del decoro delle architetture ufficiali di età imperiale. Ciononostante il panorama siciliano risulta ancora piuttosto povero di studi : senz’altro pionieristici sono alcuni lavori di Patrizio Pensabene il quale non ha trascurato gli aspetti che possono essere utili per far luce sulle committenze degli edifici pubblici, aprendo la strada agli studi successivi52. Un lavoro di catalogazione e studio della decorazione architettonica di età imperiale della Sicilia nord-orientale è stato condotto da chi scrive nell’ambito di una tesi di dottorato53, che ha consentito di ricavare un congruo numero di dati da accostare a quelli già noti da altre aree della Sicilia. Per la sua ricchezza di elementi architettonici il territorio indagato rappresenta un campione significativo dell’isola e fornisce importanti termini di confronto.

Due casi di studio : Catania e Siracusa
(Leonardo Fuduli)

24Il dato archeologico parla a favore di uno sviluppo urbanistico e monumentale dei principali centri della Sicilia orientale a partire dall’inizio del II sec. d.C.

25La città che conosce massicci interventi sul piano architettonico nel corso del II sec. d.C. è Siracusa, centro amministrativo dell’isola, per la quale la mancanza di chiarezza relativa alle fasi dei principali monumenti realizzati impone una considerazione attenta dei dati disponibili per la datazione. Il livello delle conoscenze relative ai monumenti della città, infatti, risente dello status del quadro generale dell’isola : con una situazione tutt’altro che chiara in ordine alle fasi dei singoli edifici.

  • 54 Cfr. Wilson 1990, p. 51.

26Molto scarse sono le tracce di quella che doveva essere la principale area pubblica della città che in età imperiale venne probabilmente ristrutturata e munita di un portico. Di esso è attualmente visibile lo stilobate su cui si impostano cinque colonne in marmo bianco e di cui resta un capitello, in cattive condizioni, databile sulla base dell’ornato vegetale in età tardo-adrianea o antonina54.

  • 55 Per una bibliografia del monumento si veda Coarelli – Torelli 1984, p. 242-243 ; Belvedere 1988, p. (...)

27Un complesso monumentale che appare difficilmente interpretabile, sia per la sua tipologia sia per le sue diverse fasi, è il cosiddetto « Ginnasio », il quale sorge in Acradina – a sud del Foro – ed è costituito da un tempio e da un teatro inseriti in uno spazio porticato (fig. 6 - 7)55. Il tempio sorge su un podio sul quale s’imposta lo stilobate di due gradini ; esso probabilmente era di ordine corinzio tetrastilo con cella coperta da volta a botte e al di sotto una cripta. La cavea teatrale, pavimentata in marmo, ha la scena addossata al muro di fondo del tempio ; il portico, in calcarenite locale, ha un rivestimento marmoreo.

Fig. 6 – Pianta del cosiddetto « Ginnasio » di Siracusa.

Fig. 6 – Pianta del cosiddetto « Ginnasio » di Siracusa.

Wilson 1990.

Fig. 7 – Veduta della cavea del cosiddetto « Ginnasio » di Siracusa.

Fig. 7 – Veduta della cavea del cosiddetto « Ginnasio » di Siracusa.

Wilson 1990.

  • 56 Per questa proposta di datazione si veda Wilson 1990, p. 109. Per la datazione delle statue si veda (...)
  • 57 Per questa osservazione e la bibliografia relativa si veda Belvedere 1988, p. 381, n. 231.

28La mancanza di uno studio del monumento rende difficile la restituzione dell’alzato ma la lettura dei resti in situ ha consentito agli studiosi di enucleare, non senza incertezze, le principali fasi dell’edificio. Alla seconda metà del I sec. d.C. (età flavia ?), sulla base del rinvenimento di otto statue recuperate dagli scavi ottocenteschi, è stato attribuito il portico56 anche se della struttura di esso e della relativa decorazione architettonica non si conosce nulla allo stato attuale. Il tempio nelle forme attuali sarebbe, invece, frutto di un rifacimento posteriore alla seconda metà del II sec. d.C. : un dettaglio tecnico dell’edificio, consistente nell’uso di tubi fittili per la centinatura della volta, che si diffondono a partire dall’Africa non prima della seconda metà del II sec. d.C.57, consente di fissare un terminus post quem. Con esso non contrasta l’esame della decorazione architettonica che, stando all’analisi dei frammenti superstiti, rivela la presenza di elementi decorativi appartenenti a tradizioni differenti.

  • 58 Sul kyma ionico di tardo II sec. d.C. si veda Strong 1953, p. 148.

29Utile ai fini della formulazione di una cronologia è la forma del kyma ionico che compare nella decorazione della sottocornice di alcuni frammenti (fig. 8) : esso si caratterizza per la giustapposizione degli elementi, gli sgusci e le freccette larghi e a sezione piatta, secondo forme che appartengono alla produzione romana del tardo II sec. d.C.58, alla quale sembra doversi fare risalire l’ultimo rifacimento del monumento.

Fig. 8 – Particolare della decorazione con kyma ionico dal « Ginnasio » di Siracusa.

Fig. 8 – Particolare della decorazione con kyma ionico dal « Ginnasio » di Siracusa.

Pensabene 1997.

  • 59 Cfr. Pensabene 2000, p. 49.

30A questa stessa fase appartiene un gruppo di elementi architettonici in marmo proconnesio che ripropongono alcune forme tipiche di un repertorio derivante dalle province orientali : un fregio architrave convesso con girali di acanto spinoso insieme con un motivo a onda sottostante, la decorazione del fregio architrave, formata da una serie di palmette dritte con le foglie alternatamente aperte e chiuse, una particolare forma di kyma ionico, distinto da una vegetalizzazione dell’ovolo59.

  • 60 Cfr. Belvedere 1988, p. 377. Per una sintesi della questione si veda Wilson 1990, p. 63, n. 95-96.

31La formulazione di una cronologia, seppur ipotetica e affidata esclusivamente a criteri stilistici, consente di considerare il monumento non come un fenomeno isolato ma riconducibile all’ambito di quella fase costruttiva corrispondente alla seconda metà del II sec. d.C., quindi di alcuni decenni successiva al principato di Adriano al quale non è possibile ricondurre, allo stato attuale delle conoscenze, alcun intervento diretto nella città. Del tardo II sec. d.C. è pure il rifacimento del frontescena del teatro sul quale, però, vi sono pareri tutt’altro che concordi da parte degli studiosi60.

  • 61 Si veda Portale 2005, p. 60-61.
  • 62 Per una discussione più dettagliata in merito alla tecnica costruttiva dell’edificio si veda Belved (...)

32La città nella quale è attestato il maggior numero di interventi nell’ambito dell’edilizia monumentale, nel corso del II sec. d.C., è Catania61 dove il principale edificio che fornisce degli spunti di riflessione è senz’altro rappresentato dal teatro. La cronologia delle sue fasi è stata oggetto di dibattito nel corso degli studi, dai quali si deduce che la tecnica costruttiva rinvierebbe al II sec. d.C.62

  • 63 Pensabene 1997, p. 71-73.
  • 64 Sul discusso ruolo dei curatores rei pubblicae si veda Camodeca 1990, p. 454-508. In riferimento al (...)
  • 65 Belvedere 1988, p. 390, n. 304.
  • 66 Molé Ventura 1992, p. 209.
  • 67 Pensabene 1997, p. 71 s.
  • 68 Privitera 2009, p. 58.

33Il monumentale apparato decorativo marmoreo pone degli interrogativi sulla sorgente erogatrice dei fondi per una spesa che dovette essere di non poco conto e che potrebbe con verosimiglianza rintracciarsi in un’azione sinergica di finanziamenti pubblici e privati63. A tal proposito è utile ricordare l’opera dei curatores, i quali dovevano vigilare sul corretto impiego delle erogazioni finanziarie64. Ne sono esempi il caso di un Julius Paternus curator che invia al governo centrale una lettera per una questione legata al reperimento dei fondi per la costruzione di un portico65 ; o quello di un Pupienus Pulcher, curator la cui nomina a Catania può essere letta, in accordo con l’interpretazione data da C. Molé Ventura, come legata all’attività di sorveglianza svolta successivamente a un momento di depressione finanziaria imputabile a un recente e notevole sforzo economico dovuto alla costruzione di un’opera pubblica di grande impegno (il teatro ?)66. A sostegno dell’ipotesi di interventi privati, va rilevata la presenza a Catania di un élite finanziariamente facoltosa : lo documentano la dedica di una serie di statue marmoree erette proprio nel teatro67 e anche l’importazione di costosi sarcofagi marmorei dei quali esiste testimonianza – ad esempio – in Cattedrale68.

  • 69 Si veda a tal proposito Privitera 2009, p. 46 s. In questa fase si inserisce la costruzione dell’od (...)

34La presenza di un curator non corrisponde pertanto tout court a un momento di depressione e crisi finanziaria della città, ma in generale a una situazione di grande impegno economico della comunità civica, nella fattispecie per la costruzione di un’opera monumentale. Da ciò si deduce che, sebbene non si possa escludere l’ipotesi che il teatro possa avere subito degli interventi precedenti alla sua ultima fase, non vi sono elementi sufficienti che possano provare una qualche iniziativa risalente al principato adrianeo. Al contrario è nei decenni successivi che la città – forse sotto la spinta probabilmente di ceti economicamente possidenti – avrebbe dato impulso a un programma di monumentalizzazione69.

Il rifacimento del frontescena del teatro di Taormina : intervento adrianeo ?
(Leonardo Fuduli)

35Un numero maggiore di dati, che consente di condurre una riflessione più approfondita al fine di individuare elementi a favore di un ipotetico intervento del principe in Sicilia, proviene dal teatro di Taormina. Questo subisce degli importanti interventi di rifacimento nel corso dei primi decenni del II sec. d.C., genericamente collocati dagli studiosi tra il principato di Traiano e quello di Adriano, con un’oscillazione temporale corrispondente a oltre un trentennio. Definire la questione riveste un’importanza non secondaria, non soltanto per la comprensione del monumento ma anche del più vasto panorama siciliano nel quale esso si colloca.

  • 70 CIL X, 2, 6996 ; Manganaro 1988, p. 25 ; 73.
  • 71 Cfr. supra.

36Gli elementi che nella letteratura scientifica, in sintonia con le fasi delle membrature architettoniche, sono stati alla base di questa cronologia sono piuttosto labili e possono sintetizzarsi nei seguenti : la presenza di un’iscrizione relativa a un Paternus Procurator, sicuramente databile nel 108 d.C., che potrebbe testimoniare una fornitura di marmo per il teatro70 e il già citato appellativo di Restitutor Siciliae, documentato dalle emissioni monetali adrianee sopra analizzate71.

  • 72 Come già evidenziato, ciò si evince, in maniera particolarmente evidente, dalla resa di alcuni capi (...)

37Il rifacimento del frontescena del teatro si configura senz’altro come la prima opera di maggiore impegno monumentale realizzata in Sicilia nel II sec. d.C., sia per l’introduzione di nuove forme nel linguaggio decorativo dell’isola, sia per la probabile formazione di una parte di manodopera locale che fu sicuramente coinvolta nell’esecuzione dei lavori72.

  • 73 Per una bibliografia e analisi completa dei capitelli romani della collezione archeologica del Muse (...)

38Sebbene le attestazioni di capitelli corinzi del cosiddetto tipo normale ad acanthus mollis ricorrano, anche se sporadicamente, in diversi siti dell’isola e nella fattispecie a Messina73 (fig. 9, 10), è in questo monumento che se ne ha il primo impiego massiccio in un edificio pubblico.

Fig. 9 – Capitello corinzio di Colonna.

Fig. 9 – Capitello corinzio di Colonna.

Messina, Museo interdisciplinare regionale M. Accascina, inv. 294.

Fig. 10 – Capitello corinzio di Colonna.

Fig. 10 – Capitello corinzio di Colonna.

Messina, Museo interdisciplinare regionale M. Accascina, inv. 2065.

  • 74 È condivisibile a tal proposito quanto sostenuto da Pensabene in merito alla collaborazione di maes (...)

39Se dal punto di vista stilistico è stato possibile rintracciare comuni modelli d’ispirazione in ambito centro-italico, sotto il profilo della resa si colgono delle differenze nell’esecuzione che appare più corsiva. Così è, ad esempio, in alcuni capitelli d’anta, dato che può sicuramente evidenziare un’eterogeneità della manodopera, adducibile a una diversità di provenienza che non esclude la cooptazione di personale locale74.

  • 75 La baccellatura che decora la sima posta sopra la corona liscia ricorre in un numero di attestazion (...)
  • 76 Cfr. Pensabene 2000, p. 224.

40Per quanto concerne gli elementi di trabeazione di cui si dispone per questa prima fase del teatro (fig. 11, 12, 13), è evidente l’introduzione di forme completamente estranee al patrimonio dell’isola : ne è esempio la baccellatura della sima che rimane strettamente legata a un orizzonte centro-italico75, seppur rivisitato nell’ambito del classicismo di II sec. d.C. Meno probabile sembra la proposta di Pensabene di ricondurre la realizzazione delle trabeazioni e dei capitelli all’opera di maestranze regionali ispirate a modelli sia urbani sia di tradizione ellenistica siciliana e greco-orientale76.

Fig. 11 – Taormina, Teatro, particolare della scaenae frons ricostruita.

Fig. 11 – Taormina, Teatro, particolare della scaenae frons ricostruita.

Foto Leonardo Fuduli.

Fig. 12 – Taormina, Teatro, frammento della decorazione del primo ordine della scaenae frons.

Fig. 12 – Taormina, Teatro, frammento della decorazione del primo ordine della scaenae frons.

Foto Leonardo Fuduli.

Fig. 13 – Taormina, Teatro, frammento della decorazione del secondo ordine della scaenae frons.

Fig. 13 – Taormina, Teatro, frammento della decorazione del secondo ordine della scaenae frons.

Foto Leonardo Fuduli.

  • 77 Cfr. Leon 1971, p. 210 s.

41L’analisi stilistica, infatti, rilevando un legame stretto con la capitale, non consente di rintracciare modelli in ambito siceliota risalenti ad età ellenistica, rispetto alla quale vi è uno iato di oltre un secolo. Al contrario gli influssi orientali possono essere ravvisati, per esempio, nell’inserimento del motivo a corda in una cornice attribuibile al secondo ordine (fig. 13), ma la proposta più probabile è che derivino sempre attraverso Roma, dove l’attività di maestranze asiatiche è nota fin dalla realizzazione del Foro di Traiano77.

42L’analisi di tutti gli elementi architettonici che compongono quindi il frontescena del teatro, distinguendo quelli appartenenti alla fase di II sec. da quelli di età severiana, ha evidenziato come, pur essendoci un legame piuttosto stretto con modelli di area romana e centro-italica, la resa stilistica fredda e un po’ compassata sia ascrivibile all’opera di maestranze che non operarono direttamente nei grandi cantieri di Roma, ma comunque appartenenti o formatesi nelle stesse botteghe. Questa distanza dal centro, trasposta sul piano cronologico, porta a collocare l’opera sicuramente dopo il grande cantiere e centro di elaborazione quale fu il foro traianeo, quindi probabilmente in età adrianea inoltrata.

  • 78 Per questo si veda supra.
  • 79 Wilson nota come esso potrebbe collegarsi a dei lavori di restauro secondari del complesso cfr. Wil (...)

43Ciò non è in contrasto con il succitato dato epigrafico del 108 d.C.78 : l’elemento architettonico, sul quale è incisa l’iscrizione, è sporadico e non deve necessariamente appartenere al frontescena adrianeo. Non è nemmeno del tutto da escludere, in assenza di altri elementi, la possibilità che esso possa ascriversi a un intervento precedente il rifacimento del frontescena e non altrimenti noto79.

Note conclusive
(Leonardo Fuduli)

44Alla luce delle evidenze archeologiche disponibili si evince come nessun dato, proveniente dalle città di Siracusa e Catania, possa ricondurre la costruzione dei principali edifici di queste città né ad età adrianea né tantomeno all’iniziativa del principe.

  • 80 Pensabene 2007, p. 55 ; Pensabene – De Nuccio 2010, p. 57- 99.
  • 81 Si veda supra.

45L’unico monumento che molto probabilmente ebbe una fase in età adrianea risulta essere il teatro di Taormina, ma non vi sono elementi certi che riconducano al principe una tale iniziativa che, invece, potrebbe essere, seppure in linea di ipotesi, frutto di una compartecipazione di governo locale e governo centrale. In questo senso potrebbe leggersi la provenienza del progetto di ristrutturazione del teatro, la cui paternità è sicuramente di un architetto di formazione italica80, sia la decorazione architettonica che appare intrinsecamente legata a modelli romani e centro-italici81. Questi elementi, però, risultano essere insufficienti, in assenza di dati ulteriori, per poter immaginare un intervento anche parziale del governo centrale di Roma nella realizzazione di un’opera di tale entità in ambito provinciale.

46Il confronto con attestati atti di evergetismo del principe in altre aree dell’impero è d’obbligo per fare luce sulla presunta azione di Restitutio, desunta dalla citata legenda monetale RESTITUTORI SICILIAE in termini di politica edilizia senza tener conto dell’ampia valenza semantica del termine Restitutor.

  • 82 Pont 2010, p. 464 s.
  • 83 Winter 1996, p. 108-118.
  • 84 Pont 2010, p. 469. Anche Boatwight 2000 giustamente osserva che il semplice passaggio di Adriano da (...)

47Con specifico riferimento al fenomeno evergetico nell’ambito della letteratura recente non mancano studi come quello di A. M. Pont82, dedicato all’Asia Minore, che tendono a ridimensionare il ruolo preminente attribuito all’imperatore quale diretto finanziatore di opere pubbliche, limitandolo invece ad eventi eccezionali, per esempio a cataclismi. Proprio in merito ad Adriano, in polemica con E. Winter che nel suo studio sulla politica costruttiva della provincia d’Asia dedica un capitolo ai viaggi degli imperatori83, la studiosa sostiene altresì che se le statue e i titoli tributati al principe sono sicuramente da mettere in relazione con il suo passaggio improntato a una certa liberalitas verso le regioni ellenizzate, quest’ultima non si traduce tout court in opere edilizie, ma spesso in privilegi di natura giuridica. I soli interventi diretti di Adriano in Asia Minore, sulla base della presenza del nominativo del nome sull’architrave, si limiterebbero al restauro dei templi di Dioniso a Teo e di Apollo a Claro84, un numero certamente molto ridotto rispetto a quelli tradizionalmente attribuitigli.

  • 85 Per l’evergetismo imperiale in Italia si veda : Jouffroy 1977 ; Boatwright 1989, 2000 ; Pensabene 2 (...)
  • 86 Cfr. Castagno 2008, p. 117 s.

48Anche in riferimento all’Italia è possibile ricavare alcuni elementi utili di confronto85 : l’evergetismo adrianeo nella penisola, accomunato a quello traianeo da un’intenzionale ripresa di Augusto, si caratterizza per una minore attenzione rispetto al suo predecessore per le grandi infrastrutture e, di contro, una maggiore liberalità verso realizzazioni di maggiore significato ideologico come i templi86.

  • 87 Pensabene 2002, p. 185 ; Castagno 2008, p. 125 s.
  • 88 A far propendere per un intervento dell’imperatore è l’importanza dell’edificio dal punto di vista (...)
  • 89 Un elemento a favore di tale interpretazione è costituito dalla provenienza di una parte dei marmi (...)
  • 90 Cfr. Pensabene 2002, p. 229.

49I casi certamente ricollegabili al princeps mostrano una sua partecipazione non esclusiva e fanno parlare a favore di una committenza mista87. In stretto riferimento ad Adriano i casi con ogni probabilità attribuibili a iniziativa imperiale riguardano il restauro di due edifici di Ostia : il Capitolium e le Terme di Nettuno. Nel primo caso88, nonostante l’assenza di testimonianze epigrafiche, la consistenza dell’intervento e il suo significato simbolico possono, unitamente all’analisi stilistica della decorazione architettonica, essere ascritte all’iniziativa imperiale89 ; per il caso delle Terme, le testimonianze epigrafiche90 parlano a favore di un diretto impegno finanziario di Adriano per la decorazione pavimentale e l’elevato.

50In conclusione, mentre in altre regioni dell’impero la munificenza di Adriano può essere ricostruita, nei casi più fortunati, sulla base di testimonianze epigrafiche, o in maniera deduttiva anche solo in via di ipotesi, ciò non è possibile per la Sicilia : il titolo di Restitutor Siciliae, documentato dalle serie monetali e tradizionalmente considerato come « prova » di un intervento edilizio del princeps nell’isola, va interpretato nell’ottica dell’ideologia universalistica affermata da Adriano poco dopo la sua ascesa al potere. Le evidenze archeologiche, inoltre, non appaiono dirimenti : il livello delle conoscenze è, infatti, estremamente superficiale allo stato attuale per poter anche solo ipotizzare un intervento del potere centrale nella costruzione di opere di un certo impegno monumentale in Sicilia. Per di più anche quando è probabile la datazione in età adrianea di un monumento, mancano elementi per poterne stabilire l’origine dei fondi.

Haut de page

Bibliographie

Barresi 2003 = P. Barresi, Province d’Asia Minore : costo dei marmi, architettura pubblica, committenza, Roma, 2003.

Belvedere 1988 = O. Belvedere, Opere pubbliche ed edifici per lo spettacolo nella Sicilia di età imperiale, in ANRW, 11, 1, 1988, p. 346- 414.

Bianchi Bandinelli – Torelli 1986 = R. Bianchi Bandinelli, M. Torelli, Etruria-Roma, Torino, 1986.

Birley 1997 = A. R. Birley, The restless Emperor, New York, 1997.

Boatwright 1989 = M. T. Boatwright, Hadrian and Italian Cities, in Chiron, 19, 1989, p. 235-271.

Boatwright 2000 = M. T. Boatwright, Hadrian and the cities of the Roman Empire, Princeton, 2000.

Bonacasa 1964 = N. Bonacasa, Ritratti greci e romani della Sicilia, Palermo, 1964.

Bruneau 1987 = P. Bruneau, Le triskèle dans l’art grec, in Mélanges offert au docteur J. B.Colbert de Beaulieu, Parigi, 1987, p. 145-156.

Caccamo Caltabiano 2007 = M. Caccamo Caltabiano, Il significato delle immagini : codice e immaginario della moneta antica, Reggio Calabria, 2007 (Semata e Signa, 4).

Camodeca 2010 = G. Camodeca, Ricerche sui Curatores rei publicae, in ANRW, II, 13, 1980, p. 454-508.

Campagna 2010 = L. Campagna, Recensione su A. V.. Pont, Orner la cité : enjeux culturels et politiques du paysage urbain dans l’Asie gréco-romain [Bordeaux, 2010 (Scripta Antiqua, 24)], in BStLat, 41, 2011, p. 422-425.

Castagno 2008 = R. Castagno, L’evergetismo di Traiano ed Adriano nelle città dell’Italia : opere pubbliche e modalità di intervento, in Lanx, 2008, p. 110-138.

Cavalieri Manasse 1978 = G. Cavalieri Manasse, La decorazione architettonica romana di Aquileia, Trieste, Pola, 1, L'età repubblicana augustea e giulio claudia, Padova, 1978.

Clemente 1979 = G. Clemente, La Sicilia nell’età imperiale, in E. Gabba, G. Vallet (ed.), Storia della Sicilia, II, Napoli, 1979, p. 465-477.

Clemente 1981 = G. Clemente, Considerazioni sulla Sicilia nell’Impero Romano (III sec. a.C. – V sec. d. C.), in Kokalos, XXVI-XXVII, I, 1980-1981, p. 192- 248.

CNS II = R. Calciati, Corpus Nummorum Siculorum, II, Milano, 1986.

Coarelli Torelli 1984 = F. Coarelli, M. Torelli, Sicilia, Bari,19844.

Costabile 2012 = F. Costabile, RG 34.1 : « [POT]IENS RE[RV]M OM[N]IVM » e l’Edictum de reddenda re publica, in G. Purpura (ed.), Revisione ed integrazione dei Fontes Iuri Romani Anteiustiniani – FIRA Studi Preliminari, I – Leges, Torino, 2012, p. 35-82.

Fuduli 2013 = L. Fuduli, Inquieta Marmora : i capitelli romani del Museo regionale di Messina, in QuadA, III, 2013, p. 47-62.

Galimberti 2007 = A. Galimberti, Adriano e l’ideologia del principato, Roma, 2007.

Garzón Blanco 1993 = J. A. Garzón Blanco, Iconografía de las provincias en Trajano, Adriano y Antonino Pío, in Faventia, 15, 1993, n. 2, p. 75-85.

Giudice 2009 = A. Giudice, L’impero di Adriano tra continuità e innovazione : la politica estera, in EOS – Rivista di arte scienza e cultura, Anno I n. 0 gennaio 2009, (https://www.yumpu.com/it/document/view/15506093/visualizza-il-file-allegato-archeoservice).

Halfmann 1986 = H. Halfmann, Itinera Principum : Geschichten und Typologie der Kaiserreisen im Römischen Reich, Stoccarda, 1986.

Jacques 1983 = F. Jacques, Les curateurs des cités dans l’Occident Roman de Trajan à Gallien, Parigi, 1983.

Jouffroy 1977 = H. Jouffroy, Le financement des constructions publiques en Italie : initiative impériale, évergétisme privé, in Ktéma, 2, 1977, p. 329-337.

Leon 1971 = C.F. Leon, Die Bauornamentik des Trajansforums und ihre Stellung in der früh- und mittelkaiserzeitlichen Architekturdekoration Roms, Vienna, 1971.

Martin 1982 = J.-P. Martin, Providentia deorum : recherches sur certains aspects religieux du pouvoir impérial romain, Parigi, 1982.

Manganaro 1988 = G. Manganaro, La Sicilia da Sesto Pompeo a Diocleziano, in ANRW, II, 11.1, Berlino-New York 1988, p. 3-89.

Molé Ventura 1992 = C. Molé Ventura, Catania in età imperiale, in B. Gentili (ed.), Catania Antica [Atti del Convegno della S.I.S.A.C, Catania 23-24 maggio 1992], Pisa-Roma, 1992, p. 175-222.

Muscolino 2003 = F. Muscolino, La Torre del Filosofo sull’Etna, in Santuari e luoghi di culto nell’Italia antica, Roma, 2003 (Atlante tematico di topografia antica, Atta, 12), p. 279- 285.

Pace 1949 = B. Pace, Arte e civiltà della Sicilia antica, Roma-Napoli, 1936-1949.

Pavón Torrejón 2009 = P. Pavón Torrejón, La propaganda imperial de Adriano a través de sus emisiones monetarias, in J. Gonzalez Fernandez, P. Pavón Torrejón (ed.), Adriano Emperador de Roma, Roma, 2009, p. 85-100.

Pensabene 1997 = P. Pensabene, Edilizia pubblica e committenza, marmi e officine in Italia meridionale e Sicilia durante il II e III sec. d.C., in RendPontAc, LXIX, 1996-1997, p. 3-88.

Pensabene 2000 = P. Pensabene, Marmi e architettura nel teatro di Taormina, in Un ponte fra l’Italia e la Grecia [Atti del simposio in onore di Antonino Di Vita, Ragusa 13-15 febbraio 1998], Padova, 2000, p. 213-255.

Pensabene 2002 = P. Pensabene, Committenza edilizia a Ostia tra la fine del I e i primi decenni del III secolo : lo studio dei marmi e della decorazione architettonica come strumento d’indagine, in MEFRA, 114, 1, 2002, p. 181-324.

Pensabene 2005 = P. Pensabene, La decorazione architettonica del teatro di Catania, in ΜΕΓΛΑΙ ΝΕΣΟΙ : studi dedicati a Giovanni Rizza per il suo ottantesimo compleanno, 2, Palermo, 2005, p. 187-212.

Pensabene – De Nuccio 2010 = P. Pensabene, M. De Nuccio, Frontescena rettilinei nei teatri italiani : i casi di Roma (Teatro Marcello), Ostia, Cassino e Taormina, in S. F. Ramallo Asensio, N. Röring (ed.) La scenae frons en la arquitectura teatral romana [Actas del symposium internacional celebrado en Cartagena los dias 12 al 14 de marzo de 2009 en el Museo del Teatro Romano], Murcia, 2010, p. 57-99.

Portale 2005 = E. C. Portale, Sicilia, in E. C. Portale, S. Angiolillo, C. Vismara, Le grandi isole del Mediterraneo : Sicilia, Sardinia, Corsica, Roma, 2005, p. 17- 186.

Perassi 2004 = C. Perassi, La periferia dell’impero nel linguaggio figurativo monetale romano, in G. Vanotti, C. Perassi (ed.), In Limine : ricerche su marginalità e periferia del mondo antico, Milano, 2004, p. 171-249.

Pont 2010 = A. V. Pont, Orner la cité : enjeux culturels et politiques du paysage urbain dans l’Asie gréco-romain, Bordeaux, 2010 (Scripta Antiqua, 24).

Privitera 2009 = S. Privitera, Lo sviluppo urbano di Catania dalla fondazione dell’apoikia alla fine del V sec. d.C., in L. Scalisi (ed.), Catania : l’identità urbana dall’antichità al settecento, Catania, 2009, p. 36-71.

RIC = H. Mattingly et alii (ed.), The Roman Imperial Coinage, I-IX, Londra, 1968-1973 (Ia ed. 1923-1927).

Rossignani 1975 = M. P. Rossignani, La decorazione architettonica romana in Parma, Roma, 1975.

RRC = M.C. Crawford, Roman Republican Coinage, Cambridge,1974.

Sacchi 2005 = F. Sacchi, Materiali architettonici in marmo, in RAComo, 187, 2005, p. 339-344.

Sacchi 2012 = F. Sacchi, Mediolanum e i suoi monumenti dalla fine del II sec. a.C. all’età severiana, Milano, 2012.

Salamone 2004 = G. Salamone, L’Imperatore e l’esercito : tipi monetali di età romano-imperiale, Reggio Calabria, 2004 (Semata e Signa, 2).

Schwartz 1991 = J. Schwartz, Éléments suspects de la Vita Hadriani, in Antiquitas 4, 1991, p. 239-267.

Serafin 2002 = P. Serafin, Adriano, imperatore romano e sovrano ellenistico, in RitNum, 103, 2002, p. 319-336.

SNG ANS 5 = C. Arnold Biucchi, H. A. Troxell, Sylloge Nummorum Graecorum : the Collection of the American Numismatic Society, Part 5, Sicily, III : Syracuse-Siceliotes, New York, 1988.

Strong 1953 = D. Strong, Late Hadrianic architectural ornament in Rome, in BSR, XXI, 1953, p. 118-151.

Toybnee 1934 = J. M. C. Toynbee, The Hadrianic School : a Chapter in the History of Greek Art, Cambridge, 1934.

Vitale 2012 = M. Vitale, Personifikationen von provinciae auf den Münzprägungen unter Hadrian : auf den ikonographischen Spuren von « Statthalterprovinzen » und « Teilprovinzen », in Klio, 94, n. 1, 2012, p. 156-174.

Wilson 1990 = R. J. A. Wilson, Sicily under the Roman Empire : the archaeology of a roman province, 36 BC-AD535, Warminster, 1990.

Wilson 1994 = R. J. A. Wilson, s.v. Sikelia, in LIMC, VII, Zurigo-Monaco, 1994, p. 759-761.

Wilson 2003 = R. J. A. Wilson, From Palma di Montechiaro to the Isles of Man : the Use of the Triskeles in Antiquity and after, in G. Fiorentini, M. Caccamo Caltabiano, A. Calderone (ed.), Archeologia del Mediterraneo : studi in onore di E. De Miro, Roma, 2003, p. 721-747.

Winter 1996 = E. Winter, Staatliche Baupolitik und Baufürsorge in den römischen Provinzen des kaiserzeitlichen Kleinasiens, Bonn, 1996.

Zambito 2007 = L. Zambito, Intervento statale e attività urbanistica : sul ruolo dei curatores rei publicae in due epigrafi da Tindari, in Minima Epigraphica et Papyrologica, 12, 2007, p. 103-110.

Zanker 1989 = P. Zanker, Augusto e il potere delle immagini, Torino, 1989.

Haut de page

Notes

1 Vita Hadriani, 13. 3. Per una bibliografia relativa alla Vita si veda Schwartz 1991, p. 1-69 ; Galimberti 2007.

2 RIC II, 467, n. 965.

3 Riferimenti alla munificenza adrianea verso l’isola sono in Pace 1935-1949, I, p. 302 ; Clemente 1979, p. 469 ; Belvedere 1988, p. 363 ; Wilson 1990, p. 76. Da ultimo presenta il problema in maniera dubitativa Pensabene 2000, p. 218.

4 Cfr. Caccamo Caltabiano 2007.

5 Galimberti 2007, p. 110 (con bibliografia precedente).

6 Bianchi Bandinelli – Torelli 1986, p. 95.

7 Toynbee 1934, p. 24 e passim. Più di recente : Garzón Blanco 1993, p. 75 s. ; Vitale 2012, p. 156 s.

8 Tipi delle emissioni dedicate alle province : 1) la personificazione della Provincia da sola (stante, seduta, semisdraiata) accompagnata dal nome ; 2) la personificazione in presenza dell’Imperatore mediante gli schemi 2a) Provincia stante in atto di libare con legenda ADVENTVI AVG più il locativo riferito alla provincia ; 2b) Provincia inginocchiata con legenda RESTITVTORI più il genitivo del nome della provincia (vedi infra). A queste emissioni vanno accostate le serie con legenda EXERCITVS seguita dal genitivo riferito al corpo d’armata locale (EXERCITVS BRITANNICVS, CAPPADOCICVS, NORICVS, etc.), col tipo della figura dell’Imperatore a cavallo con la dextra elata. Il contesto qui richiamato è chiaramente quello militare, in riferimento alle ispezioni e alla cura della disciplina dei soldati che Adriano, come già Traiano, ebbe molto a cuore: Galimberti 2007, p. 92 s. ; 100 s. ; cfr. Salamone 2004, p. 46 s.

9 Per il valore storico della moneta e, nello specifico, dell’iconografia monetale, cfr. Caccamo Caltabiano 2007.

10 RIC II, 467, n. 965 (sesterzio), 966 (dupondio o asse). Cfr. Perassi 2004, p. 189.

11 I più antichi documenti monetali della triskeles sono le Wappenünzen ateniesi (metà del VI sec. a.C.), le emissioni di Aspendos e quelle dei dinasti della Licia (prima metà del V sec. a.C.) : Wilson 2003, p. 721 s. (con bibliografia sui singoli documenti). In Sicilia, come è noto, l’immagine come simbolo o tipo principale ebbe larga fortuna già al tempo di Timoleonte (339-336 a.C. : SNG ANS 5, n. 544) e soprattutto con Agatocle, dal 317 a.C. : ad esempio, SNG ANS 5, n. 637 (AR tetradrammo) e CNS II, 121 (AE). Per un quadro generale, cfr. Bruneau 1987, p. 145 s. ; Wilson 2003, p. 721 s.

12 Portale 2005, p. 24.

13 In precedenza, la personificazione di Sikelia era apparsa su bronzi di età timoleontea del 340 a.C. ca. (Alaisa ?), rappresentata mediante la testa femminile e identificata soltanto dalla legenda : CNS II, 437-451. Per i documenti figurativi relativi a Sikelia, cfr. Wilson 1994, p. 759 s.

14 Già Toynbee 1934, p. 130.

15 RRC n. 401/1.

16 RIC I, n. 310.

17 Ad una restitutio connessa con un luogo fisico o con un edificio alludono soltanto i cistofori battuti a Roma da Tito e da Domiziano (80/81 e 82 d.C.) che recano la scritta CAPIT RESTIT e il tempio tetrastilo di Jupiter Maximus Capitolinus (RIC II. 1, n. 515, p. 841-842) La legenda, sciolta come Capitolium Restituito o Restitutum, non è strettamente pertinente al titolo onorifico di Restitutor, bensì all’azione della ricostruzione del tempio capitolino operata sotto i Flavi.

18 E.g. : RIC II, 377, n. 321 (Achaia), 324 (Gallia), 326 (Hispania), 329 (Macedonia), 940 (Africa), 943 (Arabia), 945 (Asia), 947 (Bithynia), 958 (Libya), 962 (Phrygia). Vd. anche infra.

19 RIC II, 416, n. 594a-b (sesterzi), 603 (dupondio).

20 Il termine Restitutor ha, come è noto, il significato di « salvatore » (Cic. Mil. 39 « …restitutor salutis meae » ; Quint. Inst. Or., e.g. 7.1.43.5 « …pro restitutore contra ingratum »), « restitutore » o « restauratore » (Liv. 4.20.7.3 « …templorum omnium conditorem aut restitutorem »), quest’ultima accezione in riferimento specifico ad interventi edilizi, come documenta, per l’età augustea, Tito Livio. Più tardi, all’interno delle discusse Historiae Augustae, Restitutor appare utilizzato in funzione onorifica in riferimento ai Gordiani (…restitutoris rei publicae) e al Divus Aureliano (…Galliarum restitutor).

21 È noto come il Panhellenion ateniese (131/32 d.C.), dedicato a tutti gli dei e ad Adriano Panhellenios, fosse il centro sacrale di una lega di poleis ed ethne di cinque province (Acaia, Macedonia, Tracia, Creta e Cirene, Asia) e soprattutto uno strumento politico e di integrazione sotto il controllo diretto dell’Imperatore : da ultimo, Galimberti 2007, p. 134 s., 137, 190 s. ; anche Giudice 2009.

22 RRC 402/1a-b.

23 Già Tolomeo I celebrava, su tetradrammi del 314-305 a.C., Alessandro con il capo ricoperto dalle spoglie elefantine in ricordo della spedizione in India : Perassi 2004, p. 202 s.

24 RIC II, n. 326-327. Il coniglio è spiegato in relazione con la sua abbondante presenza nella regione oppure come simbolo di fertilità della stessa ; un’ipotesi più complessa valorizzerebbe il doppio significato del termine latino cuniculus, « coniglio »/« miniera » : come il coniglio scava la sua tana nel terreno, così il minatore scende nelle viscere della terra (cfr. Perassi 2004, p. 229 s.).

25 L’ibis, oltre ad essere un richiamo immediato alla fauna locale, è anche un animale sacro per gli Egizi in quanto si nutre dei serpenti velenosi che infestano la regione : ibid., p. 226 s. Anche il sistro richiama notoriamente la religiositàegizia in quanto strumento rituale del culto iliaco : ibid., p. 219. Per le personificazioni di Aegyptos ed Africa (rappresentate da sole con gli attributi caratteristici) cfr. anche Garzón Blanco 1993, p. 75 s. Inoltre, Pavón Torrejón 2009, p. 94.

26 Tra gli altri cfr. Boatwright 2000 e Castagno 2008, p. 117 s. V. infra.

27 RIC II, 251, n. 105-106 (aurei) ; 278, n. 471-472 (sesterzi), 470 (dupondio).

28 Restitutor Italiane : AE 2003, 003408. Anche Restitutor Daciarum : CIL 03, 01176. Già per Tiberio è noto il titolo Restitutor (Restitutori coloniae) : CIL 12, 01230, Gallia Narbonensis.

29 Galimberti 2007, p. 91, 96 s. Basti pensare alla cura nei confronti degli eserciti : si veda supra, nota 8.

30 RIC I, n. 413.

31 Cfr. Zanker 1989, p. 97 s.

32 In Hadr. 10,3 si dice che Augusto fu l’unico tra i predecessori di Adriano ad aver curato la disciplina degli eserciti. Cfr. Galimberti 2007, p. 90 s., anche in riferimento a Dione 52, 1-40 (dibattito in presenza di Augusto tra Mecenate e Agrippa, circa la preferenza da accordare alla pace, posizione che potrebbe adombrare un parallelo con Adriano).

33 E.g., RIC IV, n. 167 (denario); n. 228 (aureo).

34 Cfr. anche l’iscrizione CIL 08. 08797a. A parte Antonino Pio (Restitutor Italiane : CIL 11, 06939), le epigrafi non hanno lasciato menzione di un Restitutor riferito alle province per quanto riguarda la seconda metà del II sec. e la prima metà del III sec. d.C.

35 E.g. : RIC V.1, n. 29 (Gallieno, 259 d.C.); n. 233 (Aureliano, 271/72 d.C.).

36 RIC IX, n. 25a (Valentiniano I, 367 d.C.).

37 Costabile 2012, p. 49.

38 Giudice 2009.

39 Cfr. Serafin 2002, p. 319 s.

40 Per una bibliografia completa si veda Birley 1997.

41 Cfr. Martin 1982, p. 276-277.

42 Vita Hadriani, 13. 3 : Post in Siciliam navigavit, in qua Aetnam montem conscendit, ut solis ortum videret arcus specie, ut dicitur, varium.

43 Cfr. Wilson 1990, p. 8, n. 22.

44 Strabo, VI 2,8 : Πλησίον δὲ τῶν Κεντορίπων ἐστὶ πόλισμα ἡ μικρὸν ἔμπροσθεν λεχθεῖσα Αἴτνη τοὺς ἀναβαίνοντας ἐπὶ τὸ ὄρος δεχομένη καὶ παραπέμπουσα·

45 Per la bibliografia relativa al problema della localizzazione di Aetna cfr. Wilson 1990, p. 410 n. 79.

46 Per le testimonianze architettoniche della città di Catania si veda infra.

47 Birley 1997, p. 189.

48 Le ipotesi interpretative relative alla Torre del Filosofo sono esaminate in Muscolino 2003, p. 279-285.

49 Se si eccettuano gli studi di carattere generale di Belvedere 1988 e di Wilson 1990, i monumenti della Sicilia del II sec. d.C. rimangono sostanzialmente inediti.

50 CIL X, 27202 ; cfr. Manganaro 1988, p. 74. Nello stesso luogo Manganaro fa riferimento anche a dei bolli di mattoni citati da Wilson (Clemente 1981, p. 228) come prova della diretta dipendenza di alcune fabbriche sarde da Roma. La loro presenza in Sicilia nelle città di Catania, Siracusa e Licata non può essere tout court interpretata per attestare un atto di munificenza del principe verso le città dell’isola.

51 Da due decenni ormai la letteratura sulla decorazione architettonica d’età romana rivela degli orientamenti indirizzati al superamento della semplice analisi delle categorie dei materiali, puntando all’approfondimento del contesto storico e impostando diacronicamente una ricerca per località, che consideri i risultati dell’analisi formale in termini di individuazione di maestranze, di committenze, di rapporti socio-ambientali. Importanti punti di riferimento a tal fine sono gli studi di P. Pensabene, sui centri dell’Italia centrale e meridionale, di M.P. Rossignani e di G. Cavalieri Manasse sull’Italia settentrionale nei quali l’analisi stilistica, estremamente dettagliata, appare finalizzata allo sviluppo di problematiche di più ampio respiro quali quelle su esposte. Gli studi su Parma e Como, ad esempio, hanno consentito, attraverso una completa analisi del materiale frammentario, di tracciare una storia urbanistica delle rispettive città con l’acquisizione di dati nuovi, partendo sempre dall’analisi di elementi decontestualizzati e in assenza di materiale epigrafico. Per una bibliografia essenziale si vedano : Rossignani 1975 ; Cavalieri Manasse 1978 ; Sacchi 2005, 2012 ; Pensabene 2000, 2005.

52 A tal proposito si veda per l’Italia Meridionale e la Sicilia : Pensabene 1997 ; per il teatro di Taormina : Pensabene 2000, 2008 ; Pensabene – De Nuccio 2010 ; per il teatro di Catania : Pensabene 2005.

53 La tesi, dal titolo La decorazione architettonica di età imperiale nelle città della Sicilia nord-orientale (tutor : prof. Lorenzo Campagna) è stata discussa nel maggio 2012 presso l’Università di Messina.

54 Cfr. Wilson 1990, p. 51.

55 Per una bibliografia del monumento si veda Coarelli – Torelli 1984, p. 242-243 ; Belvedere 1988, p. 380-382 ; Wilson 1990, p. 107-111 ; Pensabene 1997, p. 41-53.

56 Per questa proposta di datazione si veda Wilson 1990, p. 109. Per la datazione delle statue si veda Bonacasa 1964, p. 141-148.

57 Per questa osservazione e la bibliografia relativa si veda Belvedere 1988, p. 381, n. 231.

58 Sul kyma ionico di tardo II sec. d.C. si veda Strong 1953, p. 148.

59 Cfr. Pensabene 2000, p. 49.

60 Cfr. Belvedere 1988, p. 377. Per una sintesi della questione si veda Wilson 1990, p. 63, n. 95-96.

61 Si veda Portale 2005, p. 60-61.

62 Per una discussione più dettagliata in merito alla tecnica costruttiva dell’edificio si veda Belvedere 1988, p. 371 s. ; Wilson 1990, p. 57 s. ; Pensabene 1997, p. 71.

63 Pensabene 1997, p. 71-73.

64 Sul discusso ruolo dei curatores rei pubblicae si veda Camodeca 1990, p. 454-508. In riferimento alla Sicilia si conoscono i nomi dei curatores solo dalle città di Catania e di Tindari, cfr. Jacques 1983, p. 383-384. Su Tindari in particolare si veda Zambito 2007, p. 103-110.

65 Belvedere 1988, p. 390, n. 304.

66 Molé Ventura 1992, p. 209.

67 Pensabene 1997, p. 71 s.

68 Privitera 2009, p. 58.

69 Si veda a tal proposito Privitera 2009, p. 46 s. In questa fase si inserisce la costruzione dell’odeon cfr. Belvedere 1988, p. 370 ; Wilson 1990, p. 78 s.

70 CIL X, 2, 6996 ; Manganaro 1988, p. 25 ; 73.

71 Cfr. supra.

72 Come già evidenziato, ciò si evince, in maniera particolarmente evidente, dalla resa di alcuni capitelli che, pur nella comunanza dei modelli di riferimento, rivelano degli esiti differenti nell’esecuzione dell’apparato vegetale che risulta più « metallico » o più morbido in base alla differenza di mano che nel secondo caso è da ritenere probabilmente di estrazione locale.

73 Per una bibliografia e analisi completa dei capitelli romani della collezione archeologica del Museo regionale di Messina si rimanda a Fuduli 2013, p. 67 s. n. 5, fig. 15 ; n. 7 fig. 14.

74 È condivisibile a tal proposito quanto sostenuto da Pensabene in merito alla collaborazione di maestranze regionali con maestranze di formazione più ampia. Nel caso di queste ultime non vi sono elementi per sostenere, come ipotizza lo studioso, che possa trattarsi di itineranti. Cfr. Pensabene 2000, p. 222.

75 La baccellatura che decora la sima posta sopra la corona liscia ricorre in un numero di attestazioni piuttosto limitate che rimandano ad ambiente romano e laziale di età giulio-claudia e augustea – come un frammento di cornice dalla Basilica Emilia. Per i confronti si veda Pensabene 2000, p. 223-224.

76 Cfr. Pensabene 2000, p. 224.

77 Cfr. Leon 1971, p. 210 s.

78 Per questo si veda supra.

79 Wilson nota come esso potrebbe collegarsi a dei lavori di restauro secondari del complesso cfr. Wilson 1990, p. 76.

80 Pensabene 2007, p. 55 ; Pensabene – De Nuccio 2010, p. 57- 99.

81 Si veda supra.

82 Pont 2010, p. 464 s.

83 Winter 1996, p. 108-118.

84 Pont 2010, p. 469. Anche Boatwight 2000 giustamente osserva che il semplice passaggio di Adriano da una città non implica tout court un’azione munifica verso quella.

85 Per l’evergetismo imperiale in Italia si veda : Jouffroy 1977 ; Boatwright 1989, 2000 ; Pensabene 2002 e da ultimo Castagno 2008. Si veda anche Barresi 2003, p. 427, 439, 576.

86 Cfr. Castagno 2008, p. 117 s.

87 Pensabene 2002, p. 185 ; Castagno 2008, p. 125 s.

88 A far propendere per un intervento dell’imperatore è l’importanza dell’edificio dal punto di vista ideologico e la lettura dei marmi colorati in esso applicati secondo il parere di Pensabene 2002, p. 244 s.

89 Un elemento a favore di tale interpretazione è costituito dalla provenienza di una parte dei marmi da cave di proprietà imperiale cfr. Pensabene 2002, p. 251-253.

90 Cfr. Pensabene 2002, p. 229.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Adriano, Sesterzio AE, Roma 134-138 a.C.
Crédits www.procoinarchives.com: Classical Numismatic Group, Mail Bild Sale 76, Auction 12 September 2007, lot. n. 1464.
Titre Fig. 2 – L. Aquillius Florus (Augusto), Denario AR, Roma 19-18 a.C.
Crédits www.ancientcoins.ca/RIC/index.htm : Dr. Busso Peus Nachfolger.
Titre Fig. 3 – Adriano, Sesterzio AE, Roma 119-121 a.C.
Crédits www.coinarchives.com: Stack’s Bowers and Ponterio, Sale 173, N.Y.I.N.C., 11 Jan. 2013, lot n. 5173.
Titre Fig. 4 – C. Lentulus (Augusto), Aureo AV, 12 a.C.
Crédits Zanker 1989, fig. 74.
Titre Fig. 5 – La Torre del Filosofo.
Crédits D. V. Denon, Voyage en Sicile, Paris, 1788.
Titre Fig. 6 – Pianta del cosiddetto « Ginnasio » di Siracusa.
Crédits Wilson 1990.
Titre Fig. 7 – Veduta della cavea del cosiddetto « Ginnasio » di Siracusa.
Crédits Wilson 1990.
Titre Fig. 8 – Particolare della decorazione con kyma ionico dal « Ginnasio » di Siracusa.
Crédits Pensabene 1997.
Titre Fig. 9 – Capitello corinzio di Colonna.
Crédits Messina, Museo interdisciplinare regionale M. Accascina, inv. 294.
Titre Fig. 10 – Capitello corinzio di Colonna.
Crédits Messina, Museo interdisciplinare regionale M. Accascina, inv. 2065.
Titre Fig. 11 – Taormina, Teatro, particolare della scaenae frons ricostruita.
Crédits Foto Leonardo Fuduli.
Titre Fig. 12 – Taormina, Teatro, frammento della decorazione del primo ordine della scaenae frons.
Crédits Foto Leonardo Fuduli.
Titre Fig. 13 – Taormina, Teatro, frammento della decorazione del secondo ordine della scaenae frons.
Crédits Foto Leonardo Fuduli.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Leonardo Fuduli et Grazia Salamone, « Hadrianus Restitutor Siciliae », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 127-1 | 2015, mis en ligne le 08 juin 2015, consulté le 29 avril 2017. URL : http://mefra.revues.org/2737 ; DOI : 10.4000/mefra.2737

Haut de page

Auteurs

Leonardo Fuduli

Università di Messina – lfuduli[at]unime.it

Grazia Salamone

Università di Messina – graziasal[at]virgilio.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org