Navigation – Plan du site
Il nuovo museo del castello di Baia

Introduzione: dall’Antiquario Flegreo al Castello di Baia

Introduction to the Antiquio Flegreo at the Castle, of Baia
Fausto Zevi
p. 339-344

Résumés

Brevissima storia della ricerca archeologica nei campi Flegrei, dal xviii secolo divenuti una meta maggiore del Grand Tour perché univano la bellezza dei luoghi alla suggestione delle reminiscenze odissiache e virgiliane e alle curiosità naturali, rappresentate da fenomeni impressionanti di vulcanesimo secondario e dal bradisismo: a Pozzuoli, le colonne del cosiddetto Tempio di Se rapide,emergenti dall’acqua salmastra e forate dai litodomi a varia altezza sui fusti, sembravano rappresentare quasi un calendario dell’alterna evoluzione della terra. Sculture e iscrizioni venute in luce in momenti diversi, confluivano nel Museo di Napoli, esposte solo in qualche caso emergente, per lo più ammassate nei depositi; l’esigenza di un museo locale, che restituisse la sua specifica personalità storica a una regione chiave nella storia della penisola, ebbe temporanea soluzione con l’Antiquario flegreo a Pozzuoli la cui vita tuttavia non durò che un decennio, fino al bradisismo del 1969 che ne minò la struttura. Da allora si è riaperto il problema di un Museo flegreo, la cui sede è stata, fin dagli anni ’70, identificata nel Castello di Baia, il cui peraltro assai impegnativo restauro ha consentito solo ora di giungere alla sistemazione attuale, in cui, grazie soprattutto all’impegno delle Soprintendenze napoletane coadiuvate da un valido gruppo di giovani studiosi (autori degli articoli che seguono al presente) si sono allestite (e ora aperte al pubblico) 54 nuove sale, distribuite in nuclei per le cinque località principali (Cuma, Pozzuoli, Baia, Miseno, Literno) che, grazie anche ai recenti scavi, consentono di cogliere nelle sue varianti e nel suo spessore, il divenire storico di questo eccezionale comprensorio.

Haut de page

Notes de l’auteur

Nelle more della stampa, si è avuto l’auspicato annuncio dell’apertura del Museo, grazie all’intelligente impegno del soprintendente Giuseppe Proietti, oltre che, naturalemnte, della direttrice Paola Miniero.

Texte intégral

1Quella del Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia, è la storia di un museo incompiuto, se per Museo si intende un complesso attrezzato per l’esposizione al pubblico di collezioni appositamente organizzate e allestite; più avanti ne diremo il perché. Non occorre ricordare che questa regione bellissima del Golfo di Napoli, così singolare per fenomeni naturali e la cui storia, fin dalle origini, fa per così dire tutt’uno con la storia politica e culturale della penisola, ha restituito, in ogni epoca, testimonianze archeologiche ed oggetti artistici della più alta qualità. Dal Petrarca in poi, fino al Rinascimento e al Grand Tour, i suoi monumenti, su cui sembrava che il bradisismo iscrivesse la storia stessa della terra, appartengono al patrimonio dei miti fondanti della coscienza europea: non per nulla, nella nekyia di Ulisse e nella virgiliana discesa all’Averno, è qui, nei Campi Flegrei, che si aprivano, ai prescelti dal fato, gli antri sconfinati dove i morti raggiungevano i vivi per annodare insieme i fili della continuità tra passato e futuro. Ma anche se si hanno ripetute notizie di escavazioni condotte con fini archeologici, al tempo del Vicereame e poi con i Borboni, è solo dall’avanzato Ottocento che le esplorazioni prendono a intensificarsi, anche come conseguenza della industrializzazione di questo tratto di costa, che ha comportato drastici interventi nelle aree a mare e un forte incremento della edilizia abitativa per una popolazione molto accresciuta. Gli oggetti più rilevanti confluiscono nel Museo di Napoli, alcuni in esposizione da sempre (come il Serapide dal c.d. “Tempio di Serapide” o la “Base di Tiberio” di Pozzuoli), altri nei magazzini, non di rado confusi con materiali di diversa provenienza (specialmente pompeiani). Nella seconda metà dell’Ottocento, l’avvenimento di maggior rilevanza scientifica è rappresentato dallo scavo delle necropoli di Cuma, effettuato in più momenti e con vari protagonisti, i cui materiali, in parallelo alle esplorazioni di P. Orsi in Sicilia e in Magna Grecia, hanno restituito concretezza di storia alla più antica colonizzazione greca in Italia. Anche in questo caso, i corredi cumani giungono al Museo di Napoli, ma per canali diversi e con vicissitudini che per un secolo comprometteranno la integrità dei contesti e la stessa loro fruibilità scientifica; e al pubblico ne sarà esposto ben poco. Nel Novecento, ai monumenti già nella tradizione del Grand Tour, come il presunto Serapeo puteolano (in realtà il macellum della città romana) o la Piscina Mirabilis di Bacoli, si aggiungono grandi operazioni di scavo nel tessuto urbano di Cuma, dapprima con lo sgombero dell’acropoli, poi con le celebrazioni virgiliane degli anni ’30, e poi di nuovo alla metà del secolo, negli ultimi tempi della direzione di A. Maiuri, con grandi operazioni di sterro anche dell’area centrale della città bassa, cui si accompagneranno, più o meno nello stesso torno di tempo, lo sgombero dell’anfiteatro di Pozzuoli e quello delle Terme di Baia. Sculture ed elementi architettonici, spesso di alta qualità, confluiscono a Napoli, ma, come in passato, solo pochi pezzi d’eccezione raggiungono le sale di esposizione del Museo.

2Ormai il grandioso tessuto di antichi monumenti dell’area flegrea esigeva il complemento di un proprio museo. A Pozzuoli in particolare, il centro portuale più popoloso e importante, le sollecitazioni di una attiva opinione pubblica locale ebbero come pur tardivo risultato la creazione di un Antiquario Flegreo, installato in alcune sale di un dismesso edificio termale di età borbonica, annesso a quel “Tempio di Serapide” che restava il più celebre complesso dell’archeologia flegrea, soprattutto perché era qui che, come in un libro della natura, si leggeva lo straordinario fenomeno del bradisismo, e i fori dei litodomi sui fusti delle superstiti colonne segnavano le variazioni nel tempo del livello marino. Voluto dal Maiuri e allestito da A. De Franciscis, l’Antiquario Flegreo, affrettatamente inaugurato nel 1953 e rimasto privo di una vera documentazione scientifica, ebbe del resto breve vita, perché la inconsistenza strutturale dell’edificio non resse agli effetti del bradisismo del 1969/70, l’evento geosismico che provocherà anche lo sgombero di tutto il Rione Terra di Pozzuoli, cioè il promontorio sul mare dove, sovrapponendosi al primitivo insediamento coloniario romano, nel Medioevo si era installato il nucleo storico dell’abitato cittadino. Svuotato e abbattuto l’Antiquario, i materiali archeologici finiranno ammassati nelle al tempo non ancora risanate “cavaiole” del Museo di Napoli.

3Riparte da allora il problema del Museo flegreo, legato ormai strettamente alla questione del castello aragonese di Baia. Ma vanno segnalate almeno le maggiori imprese archeologiche succedutesi nell’area dopo l’epoca Maiuri, e cioè a partire dagli anni ’60, quando il peso devastante dell’edilizia sulla costa (ma anche una qualche maggior attenzione della competente Soprintendenza alle antichità, soprattutto per merito di W. Johannowsky) portarono a scoperte, casuali o programmate, di grande rilevanza: la scoperta, dovuta a A. Gallina, del sacello degli Augustali di Miseno (1968; oggi presentato nel Museo baiano in una ricostruzione di grande efficacia); la casuale “riscoperta”, negli anni ’60-’70, del superbo tempio marmoreo detto di Augusto, poi cattedrale di S. Procolo a Pozzuoli (nasce di qui la rinnovata attenzione archeologica per lo straordinario contesto del Rione Terra, che a partire dai tardi anni ’90 e fino ad oggi si sostanzierà degli scavi sistematici di C. Gialanella e suoi collaboratori, con una presentazione monumentale, oggi interamente visitabile, di particolare suggestione); lo scavo subacqueo programmato (1982, con B. Andreae e P. A. Gianfrotta) del ninfeo imperiale della Punta dell’Epitaffio, il promontorio tufaceo a picco sul mare, opposto a quello del castello, che conchiude ad est l’insenatura di Baia, e il cui arredo scultoreo costituisce oggi una delle maggiori attrazioni del Museo; ancora a Pozzuoli, a partire dagli anni ’90, gli scavi di un esteso e conservatissimo tratto di necropoli, di ciò che residua del foro della città bassa, nonché dello stadio dei giochi Eusebeia di Antonino Pio; ancora, i proficui scavi Gargiulo a Liternum e infine, negli anni 2000, la grande operazione promossa a Cuma, da S. De Caro, con fondi regionali, dove all’azione della Soprintendenza (con P. Caputo) si affiancava il concorso congiunto del Centre Jean Bérard (J.-P. Brun, P. Munzi) e delle università napoletane (la Federico II con C. Gasparri e G. Greco, e con C. Rescigno della seconda università di Napoli; l’Orientale con B. d’Agostino e M. D’Acunto). A Cuma, la ricchezza dei nuovi risultati con lo scavo scientifico dell’anfiteatro e della necropoli romana, l’esplorazione delle mura con l’inattesa sorpresa dello stadio ellenistico, le case arcaiche greche, il complesso forense della città bassa con le sue fin qui insospettate articolazioni ellenistiche e romane, hanno recuperato la ricchezza di una periodizzazione che, dalle tombe preelleniche alla guerra greco-gotica, alla distruzione tardomedievale e al definitivo abbandono, illumina di dati nuovi la vicenda storica di questa città-simbolo.

  • 1 In quei fervidi tempi della giunta Valenzi, voglio ricordare il sostegno dei valorosi colleghi napo (...)

4Quanto al Castello di Baia, i recenti scavi, che P. Miniero presenta in uno degli articoli che seguono, hanno rivelato come l’altura, con le sue splendide vedute del golfo flegreo, fosse occupata fin dall’età repubblicana da una villa sopra i cui resti venne costruito, alla fine del Quattrocento, il castello aragonese. Quel che oggi si vede è il risultato di una serie di modificazioni successive, a partire dal sostanziale rifacimento vicereale di don Pedro di Toledo verso il 1530, e poi via via ai più recenti utilizzi e più o meno auliche trasformazioni, fino, nel 1926, alla installazione di un Istituto per gli orfani di guerra. Ma, col venir meno di quest’ultima funzione, si proponeva l’urgenza di un restauro architettonico e di una destinazione più consona dell’edificio, adatto come nessun altro per ubicazione, prestigio architettonico e disponibilità di spazi, ad ospitare un nuovo, adeguato Museo Flegreo. La discussione si aprì in quegli anni ’70 che videro, dopo una pluridecennale campagna di opinione pubblica, la creazione del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali di G. Spadolini. Rivenne allora a me come Soprintendente, con l’aiuto efficace di G. Tocco, di riprendere i fili della pratica per la destinazione amministrativa dell’immobile a Museo dei Campi Flegrei1; ma, dopo questo successo, sarebbe occorso ancora molto tempo prima che, per l’iniziativa di S. De Caro insieme con l’arch. E. Guglielmo e lo staff tecnico della soprintendenza napoletana, si avviasse effettivamente, con finanziamenti regionali, l’impegnativo restauro del gigantesco edificio, arrivando negli anni 90 al primo traguardo di aprire alla visita le due grandi sale rotonde sovrapposte della torre maggiore (felicemente destinate al sacello degli Augustali di Miseno e al ninfeo-triclinio di Punta Epitaffio) e successivamente a dar inizio, nel quadro dei progetti POR – Regione Campania 2000-2006, al riattamento degli ambienti del mastio e dei fabbricati del versante est della terrazza destinati anch’essi al nuovo allestimento museale. Che giunse infine ad una soglia tecnica di realizzazione; sì che, nel 2003, si poté costituire, a questo scopo, una équipe di lavoro che comprendeva i funzionari delle singole zone che componevano il bacino territoriale flegreo (hanno contribuito all’allestimento, oltre a P. Miniero, attivissima e preziosa direttrice del Museo, P. Gargiulo e P. Caputo) e alcuni più giovani studiosi (in primo luogo C. Valeri e F. Demma, autori di studi ormai di riferimento sulla scultura del Rione Terra e sulla decorazione architettonica a Pozzuoli), che si assunsero per primi gli ingrati compiti di ricerca e verifica tra le cataste di marmi nei depositi del Museo di Napoli; a loro si aggiunsero per Cuma C. Rescigno e E. Nuzzo, mentre a M. L. Caldelli fu affidata la cura dei materiali epigrafici puteolani, e Ch. Landwehr ha apportato la insostituibile sua competenza per l’esposizione e l’approntamento ad hoc di una serie di calchi e di ricostruzioni delle opera nobilia presenti tra i celebri gessi di Baia, da lei stessa a suo tempo classificati e studiati.

5Il criterio base assunto nell’ordinamento del nuovo Museo è stato primariamente topografico, volendo rispecchiare il particolarissimo assetto degli insediamenti flegrei che da ogni altro si differenzia per la compresenza, in uno spazio territorialmente così ristretto, di realtà storico-culturali estremamente diversificate, quasi a riunire in una sintesi matrici ed esiti di tutta la storia italiana. Fianco a fianco incontriamo infatti una città portuale a vocazione ecumenica come Pozzuoli, emporio del mondo e porto degno dell’Urbe; Literno, nata come gemella di Pozzuoli e legata al destino dell’Africano; Baia, la città delle acque termali e delle ville della grande aristocrazia romana della tarda repubblica, unificate poi in una proprietà, il palatium, prediletta da tanti imperatori; Miseno, col doppio bacino creato da Augusto come base della flotta imperiale; e soprattutto Cuma, la prima e più avanzata colonia greca d’Occidente, della cui rilevanza per i destini della penisola gli antichi stessi erano consapevoli al punto che, come ad una madre archetipica, sin dall’età arcaica i fati di Roma erano stati confidati ai Libri della Sibilla cui si ricorreva nell’estremo pericolo. Tutto questo in una terra di straordinaria bellezza, ricca di curiosità e fenomeni naturali, dalle acque termali alle venefiche esalazioni sulfuree, segno di un vulcanesimo che a tratti si ridesta drammaticamente, vibrante di tangibili segni della potenza divina. La documentazione archeologica, ricchissima, corrisponde a tale varietà e spessore di percorsi storici, e conserverà echi percepibili delle antiche autonomie territoriali e culturali anche quando l’Italia verrà uniformata dal Principato.

6Certamente ognuno di questi siti (e basti pensare alla Pozzuoli del Rione Terra) nella sua peculiarità e con la sua ricchezza di trovamenti, avrebbe potuto dar vita ad un museo a sé. D’altro canto, l’edificio con cui ci si doveva misurare, il castello aragonese, si è rivelato spesso costrittivo, con spazi talvolta troppo angusti (per esempio inadatti per accogliere le ricostruzioni dei portici di Cuma) cui si è cercato di sopperire con soluzioni allestitive talvolta non ovvie; né poteva giovare alla presentazione di materiali assai diversi la disposizione degli ambienti nei due piani destinati a Pozzuoli e a Cuma, uniformi nel modulo e nell’orientamento e ripetuti a schiera. Tuttavia, sotto un altro aspetto, la disparità dei fabbricati esistenti e la loro separazione fisica in una dislocazione per nuclei, ha consentito di immaginare un percorso per blocchi distinti, in qualche modo corrispondenti alla antica articolazione territoriale: l’idea era anzi, per così dire, di distinguere, entro il complesso del castello, cinque Musei (di Cuma, Pozzuoli, Literno, Baia, Miseno), onde rendere manifesta la particolarità della vicenda di ciascun sito anche nella storia della ricerca; come sezioni a sé stanti sono venuti a costituirsi, per l’eccezionale valore di contesto, complessi di elevatissima qualità, come quello del Rione Terra distinto da Pozzuoli per ragioni di spazio (ma non solo); o quelle, che direi monografiche, di Miseno (sacello degli Augustali, già presente nel precedente allestimento) e di Baia, dove alla bella esposizione del Ninfeo di Punta Epitaffio si aggiunge ora la suggestiva realizzazione del mastio (c.d. Padiglione Cavaliere), che merita qualche ulteriore parola di spiegazione. Qui, come abbiamo accennato, lo scavo ha riportato alla luce, al disotto delle strutture quattrocentesche e dei loro rifacimenti moderni (un salone di rappresentanza dell’orfanotrofio risalente ai tardi anni ’920, non privo di pretese decorative, che è stato conservato nel restauro), i resti di una villa romana con più fasi di ben conservati pavimenti in signino decorato e in mosaico bianconero, che fissano la costruzione dell’edificio alla tarda età repubblicana: dunque una di quelle ville marittime dei protagonisti della vita politica della Roma del tempo, questa più di altre eccezionale per la collocazione sul promontorio, buona candidata alla identificazione con la villa baiana di Cesare – o, comunque, di un personaggio di pari statura. Questo insieme di pavimenti e pitture di II stile, che le ampie finestrature della costruzione novecentesca immergono in sfolgoranti visioni di mare, ci è sembrato il luogo più opportuno per ripresentare, in forme nuove ed espositivamente più chiare, la collezione dei gessi di Baia, già esposti nel castello, ma il cui valore e significato restavano appannati anche per le condizioni di estrema frammentarietà dei pezzi. Si tratta, come noto, di ciò che resta di una raccolta di calchi in gesso di grandi capolavori della statuaria in bronzo della Grecia del V e del IV secolo, cioè del momento per eccellenza “classico” dell’arte greca; calchi che, per esser tratti dagli originali e quindi fedeli in ogni dettaglio, servivano da matrice o da modello per copie tecnicamente perfette. Che una officina siffatta avesse sede nei campi Flegrei non stupisce, se si pensa al livello della committenza rappresentata non solo dagli aristocratici proprietari delle ville baiane, ma anche dalla ricchezza del ceto mercantile di Pozzuoli. È dunque sembrato che la villa del Padiglione del Cavaliere costituisse lo scenario ideale per presentare, con calchi (moderni ma ottenuti con procedimenti non dissimili dagli antichi) tratti dalle repliche marmoree più complete a noi pervenute, quelle statue di stile severo o classico di cui i gessi di Baia conservano solo esigue porzioni: come se, in altre parole, completassimo l’arredo della villa con quelle statue che, al modo della Villa dei Papiri di Ercolano, l’antico proprietario avrebbe potuto commissionare sul posto all’atelier di scultori che dei gessi si serviva. Nell’allestimento attualmente realizzato, la concretezza degli esempi e delle citazioni aiuta a meglio comprendere l’originaria funzione dei gessi baiani e soprattutto l’eccezionale loro portata documentaria, consentendo al tempo stesso di apprezzare le statue classiche da cui sono tratti, quasi come un’antologia fortemente rappresentativa della cultura e del gusto degli amatori e dei collezionisti romani.

7Quanto a Pozzuoli e Cuma, località da sempre presenti nella storia dell’archeologia, occorreva tener conto della preesistenza insormontabile costituite dal Museo di Napoli, sin dai suoi inizi riferimento unico e selettivo per le opere migliori. Pezzi da secoli in Museo, come il “Gigante di Palazzo”, che insieme alle due statue femminili componeva la triade capitolina di Cuma, o la base di Tiberio di Pozzuoli, o testi epigrafici farnesiani come la lex parieti faciendo, ovviamente non potevano esser tolti dalla loro storica sede. In questi casi si è cercato, quando possibile, di sopperire con calchi in gesso, in specie quando si trattava di riportare idealmente in patria e riunificare con rinvenimenti successivi complessi scultorei che riacquistano così una loro valenza di contesto; mi riferisco in particolare al rilevante arredo statuario della villa c.d di Livia a Pozzuoli, finito in parte a Copenhagen e ora esposto in calco al Museo insieme con sculture originali recentemente trovate nel luogo stesso; o ai rilievi storici Filadelfia-Berlino, già ricomposti tra i gessi del Museo della civiltà Romana a Roma, da cui è stata tratta la copia del museo baiano. Ma all’attenzione del pubblico si è voluta proporre anche, in una suggestiva ricostruzione basata su immagini, calchi e soprattutto sulla diretta conoscenza del sito da parte di J.-P. Brun, del Paneion del Ouadi Minayh, la grotta in cui si riparavano all’ombra, durante la cocente traversata del deserto orientale egiziano, i mercanti diretti dal Nilo ai porti del Mar Rosso, e di qui in India, tra i quali, fin dall’età augustea, liberti e schiavi di note famiglie puteolane che incisero sulle pareti i loro nomi, e talvolta la data, a ricordo del proprio passaggio. Un’altra proposta espositiva particolare e di grande impatto visuale, pur se forse filologicamente ardimentosa, è stata realizzata sulla grande terrazza di copertura del castello, dove la simultanea presenza, nel contesto del Rione Terra, dei frammenti di due cariatidi copiate dall’Eretteo e identiche a quelle del foro di Augusto, e di clipei marmorei molto simili per disegno e misure a quelli dello stesso Foro, ha suggerito una ricostruzione d’insieme ottenuta, come nel foro d’Augusto, alternando agli elementi ricomposti dei clipei calchi delle meglio conservate tra le copie delle cariatidi dell’Eretteo, quelle di Villa Adriana.

8A parte il Rione Terra, i marmi delle sale di Pozzuoli, spesso inediti e diversi per tempi e luoghi di rinvenimento, sono stati presentati secondo i tagli tematici suggeriti dal materiale stesso, non senza dover rinunziare, per carenza di fondi, a progetti di ricostruzione più impegnativi, come quello delle ricche membrature architettoniche del c.d. Tempio Corinzio tardoantonino (e una proposta analoga si è fatta per le decorazioni architettoniche del grandioso ninfeo tardoseveriano recuperato negli anni ’20 nel porto di Baia) che un giorno, se realizzati, costituiranno certamente un punto di forte richiamo in un settore del castello, che la presenza di spazi aperti e movimentati, con cortili, rampe e le alte muraglie del bastione, individua come luogo privilegiato per quelle restituzioni di maggiore portata monumentale che non troverebbero posto nelle sale e che restituirebbero i marmi alla luce meridiana per cui erano stati pensati. All’interno resteranno invece esposti, pur nelle angustie di spazi inadatti, i portici repubblicani in tufo del Foro di Cuma, perché il materiale deperibile con cui sono realizzati non sopporterebbe una prolungata esposizione alle intemperie.

9L’allestimento del Museo, ben prima progettato da E. Guglielmo, ma concretamente avviato a realizzazione essendo soprintendente M. L. Nava e terminato sotto la direzione di P. G. Guzzo, ha previsto fin dall’inizio che l’ultimazione dei lavori nelle sale coincidesse con l’approntamento di un catalogo completo. L’opera, affidata agli stessi studiosi che hanno proposto e curato l’allestimento scientifico del Museo, ma con le collaborazioni fondamentali dovute alle già citate equipes protagoniste degli scavi di Cuma, è stata pubblicata nel 2008 in tre volumi, dedicati rispettivamente a Cuma, Pozzuoli, e Baia con Liternum e Miseno (1). Anche in questo caso, peraltro, imprescindibili esigenze di bilancio da un lato, e d’altro lato la necessità di adeguarsi ai parametri della serie editoriale in cui il catalogo è apparso, sono risultate assai costrittive, imponendo drastiche limitazioni nella estensione delle schede, nell’apparato bibliografico, e riducendo le illustrazioni ad una sola per ogni oggetto anche quando ne sarebbero occorse di più. Sono così rimasti in ombra problemi e materiali che avrebbero richiesto più ampia discussione. Se le circostanze lo consentiranno, è intendimento dei responsabili scientifici di riprendere quei temi con la estensione e la profondità che meritano; per il momento, si presentano qui alcuni contributi puntuali, da intendersi, nel caso di Cuma, come una più approfondita discussione dei criteri che hanno presieduto al progetto espositivo, laddove per Pozzuoli si è preferito dedicare un esame a contesti e monumenti specifici. Alcune iscrizioni del Rione Terra sono state esaminate da M. L. Caldelli nel precedente fascicolo di questa Rivista (2).

10Al Museo Archeologico dei Campi Flegrei, dunque, mancano ancora molte delle pur previste realizzazioni allestitive, e tutti i previsti complementi audiovisivi; ma, quel che è forse più grave, sono mancati finora il contatto con il pubblico e la critica costruttiva di colleghi e visitatori. E’accaduto infatti che, teoricamente ultimato e comunque pienamente accessibile, il museo non abbia mai dischiuso i suoi battenti se non occasionalmente e per settori, perché la mancanza di personale non consente di tenerlo aperto; e neppure sia stato mai pubblicamente presentato perché evidentemente si è ritenuta inutile o controproducente la presentazione ufficiale di un istituto destinato a restare chiuso. Così, il mondo archeologico, la stessa Napoli da cui amministrativamente e scientificamente dipende, ignorano che nel grandioso edificio aragonese che domina le più belle vedute dei Campi Flegrei, ben 56 sale interamente sistemate accolgono uno dei maggiori musei archeologici del Mezzogiorno d’Italia. Se gli studi che qui seguono obbediscono ad un intendimento scientifico, perché volti ad approfondire tematiche non trattate nel catalogo in modo adeguato, gli autori intendono al tempo stesso contribuire a diffondere, presso i colleghi, le persone di cultura, i benpensanti, la notizia che l’auspicato Museo Archeologico dei Campi Flegrei è pronto, nella sede desiderata, come risultato di un intenso impegno di lavoro che, raccogliendo un’eredità di più generazioni, pur in tempi come gli attuali purtroppo segnati da un largo disimpegno culturale, ha inteso farne propria la memoria e mantenere viva una tradizione degna ed illustre.

Haut de page

Notes

1 In quei fervidi tempi della giunta Valenzi, voglio ricordare il sostegno dei valorosi colleghi napoletani, Attilio Stazio, Werner Johannowski, Bruno D’Agostino e, con la dovunque riconosciuta sua autorità, Giovanni Pugliese Carratelli. Ma soprattutto ritorna il rimpianto delle splendide persone delle colleghe ed amiche Nazarena Valenza Mele e Stefania Adamo Muscettola, scomparse anzitempo, cui tanto deve l’archeologia flegrea, della quale, se il destino lo avesse consentito, sarebbero oggi il riferimento e la guida.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Fausto Zevi, « Introduzione: dall’Antiquario Flegreo al Castello di Baia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 122-2 | 2010, 339-344.

Référence électronique

Fausto Zevi, « Introduzione: dall’Antiquario Flegreo al Castello di Baia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 122-2 | 2010, mis en ligne le 10 septembre 2013, consulté le 23 octobre 2017. URL : http://mefra.revues.org/290

Haut de page

Auteur

Fausto Zevi

“La Sapienza” Università di Roma, Fausto.Zevi@uniroma1.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org