Navigation – Plan du site
Il nuovo museo del castello di Baia

Prometeo e Issione puniti da Zeus

Breve nota su una bottega puteolana di orizzonte microasiatico
Prometheus and the King of Lapiths punished by Zeus: brief remarks on the Puteolean workshop in Asia Minor
Claudia Valeri
p. 427-438

Résumés

Vengono analizzate due sculture attualmente esposte nel Museo Archeologico dei Campi Flegrei e raffiguranti Prometeo incatenato alla roccia e Issione legato alla ruota. Le due figure facevano parte con ogni probabilità di un più vasto ciclo mitologico dedicato a grandi puniti e collocato a decorazione di un monumento pubblico della città la cui identificazione resta problematica. Una ipotesi viene comunque formulata a favore dell’area del c.d. Tempio Corinzio, per il quale è stata di recente proposta l’identificazione con il templum divi Pii. Le due statue, che sembrano eseguite in un marmo di provenienza grecoorientale, mostrano confronti stilistici con materiali scultorei ascrivibili alla «scuola di Afrodisia». Se ne propone dunque la derivazione da una bottega di formazione microasiatica operante nella colonia di Puteoli intorno alla metà del ii secolo d.C.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Una sintesi, peraltro ancora valida, si deve a S. Adamo Muscettola, La cultura figurativa, in F. Ze (...)
  • 2 Museo Nazionale di Napoli (inv. 6780). Per il calco cfr. C. Valeri, in F. Zevi, F. Demma, E. Nuzzo, (...)
  • 3 Per il calco cfr. C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 79.
  • 4 Su questo vedi ora F. Demma, Monumenti pubblici di Puteoli. Per un’archeologia dell’architettura, R (...)
  • 5 L’originale, rinvenuto nel 1537, è conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli (inv. 2458 (...)

1I tempi della ricerca archeologica potrebbero essere maturi per cimentarsi in un lavoro complessivo sul materiale scultoreo proveniente da Pozzuoli1. Il compito, certamente non poco arduo, risulterebbe almeno in parte facilitato dalla felice circostanza che gran parte dei reperti noti sono esposti attualmente nel Museo di Baia, dislocati tra le diciannove sale espositive del primo livello del museo e un grande ambiente che, collocato sulla terrazza panoramica del Castello Aragonese, è stato dedicato esclusivamente ai ritrovamenti del Rione Terra di Pozzuoli. Naturalmente la rassegna non si esaurirebbe con la visita del Museo, dove comunque si è perseguito il criterio di colmare alcune illustri assenze con l’inserimento di calchi. Si tratta di opere ritrovate in età borbonica e che giustamente si è preferito lasciare nelle collezioni del Museo Nazionale di Napoli: la c.d. base di Tiberio per esempio, il cui calco in gesso è esposto nella prima delle sale dedicate alla città di Pozzuoli2, o la statua di Serapide3 che erroneamente conferì il nome di Serapeo all’imponente edificio con tholos centrale, nel quale deve essere in realtà riconosciuto il macellum della colonia4; ma la denominazione trovava una sua ragione nel celebre testo epigrafico farnesiano detto lex parieti faciendo5 (pure esposto in calco dall’originale al Museo di Napoli) che menziona un tempio di Serapide presso il litorale già alla fine del ii secolo a.C.

  • 6 Naturalmente lunga è la lista dei materiali puteolani dispersi. Tale diaspora si consumò fino ai pr (...)
  • 7 Sulla villa c.d. di Livia cfr. C. Gialanella, Le Ville del territorio puteolano, in Museo Archeolog (...)
  • 8 L’arco era forse a un solo fornice, cfr. S. De Maria, Gli archi onorari di Roma e dell’Italia roman (...)
  • 9 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 317751). Su un lato si riconoscono due teste di legionar (...)

2Una cospicua lacuna è costituita anche dai marmi «espatriati» nel corso del xix secolo6, e fino ai primi anni del secolo scorso, per fornire materiali di pregio agli erigendi musei europei e americani: anche per alcuni di questi sono stati previsti calchi che, inseriti nel percorso museale, risarciscono, almeno in parte, le lacune e concorrono a meglio contestualizzare gli altri ritrovamenti dalle medesime aree. Si pensi alle sculture dalla c.d. villa di Livia, ora nella Gliptoteca di Copenaghen7, presenti attraverso le copie in gesso esposte nella sala 39 del Museo di Baia, o ai rilievi con figure di soldati, forse parte di un arco trionfale di età traianea8, attualmente divisi tra i Musei di Berlino e il Museo di Philadelphia, e di cui, grazie alla disponibilità del Museo della Civiltà Romana, sono stati allestiti calchi nella sala 33 del Museo, accanto a un interessante frammento di altorilievo lavorato su entrambe le facce e pertinente con ogni probabilità a un monumento ufficiale di carattere trionfale databile tra la fine del I e gli inizi del ii secolo d.C.9

  • 10 Per i recenti scavi sul Rione Terra, si vedano: C. Gialanella, Pozzuoli (Napoli). Il Rione terra al (...)
  • 11 Sul tempio si veda: F. Zevi, Il tempio di Augusto a Pozzuoli: una nota, in Scritti di storia dell’a (...)
  • 12 A proposito delle architetture, va detto che era originaria intenzione dell’équipe scientifica pote (...)

3In questi ultimi anni l’attenzione è stata in gran parte catturata dalle incredibili scoperte del Rione Terra che hanno avuto, tra i tanti, il merito di fornire concretezza “marmorea” alla importante vicenda storica della colonia nella sua fase primo-imperiale10. Certo, questa era già nota soprattutto grazie alle fonti letterarie, ma ne sfuggiva invece l’aspetto monumentale, se si eccettua l’evidenza del c.d. tempio di Augusto11 che, con il riacquisito candore del suo marmo di Luni, tuttora domina il promontorio roccioso che accolse la colonia del 194 a.C. L’aspetto monumentale della città medio imperiale è invece sempre stato sotto gli occhi di tutti grazie alle imponenti rovine dell’anfiteatro, del grande complesso termale (il c.d. tempio di Nettuno) e del macellum; meno chiara era però, nell’insieme, la consistenza della produzione scultorea della città antica. L’allestimento delle diciannove sale del Museo dedicate a Puteoli fa emergere la varietà e la complessità delle sue decorazioni marmoree12, sia in ambito pubblico che privato. Lungi dal perseguire una revisione complessiva degli apparati scultorei, si vorrebbe cogliere l’occasione di queste pagine per individuare alcuni contesti sperando di fornire qualche spunto per ricerche future.

  • 13 F. Demma, op. cit. n. 4, p. 132.
  • 14 Ibid., p. 149.
  • 15 CIL X, 1784.

4Il criterio espositivo che ha guidato l’allestimento delle sale di Puteoli, infatti, si è uniformato al principio di contestualizzare i materiali scultorei, nel tentativo di creare tra questi un dialogo finalizzato a una loro migliore comprensione, proponendo anche, ove possibile, eventuali connessioni con edifici noti della città antica. Un ritrovamento scultoreo piuttosto problematico e, nonostante la sua eccezionalità, rimasto sempre nelle pieghe della bibliografia puteolana è quello costituito dalle statue di Prometeo e di Issione. Entrambe furono ritrovate nel dicembre del 1925 in proprietà Liardo, dunque in piena città antica, subito a valle della terrazza che ospitava il c.d. Tempio Corinzio. Filippo Demma, che di recente si è occupato del monumento, ritiene che «il materiale rinvenuto nel «cavo Liardo» [...] potrebbe essere dilavato assieme al terreno alluvionale proveniente dalla zona a monte del sito, cioè proprio dal Tempio Corinzio, posto circa 20 m a sudest»13. Le statue dunque, insieme ad altro materiale architettonico e scultoreo, potrebbero aver costituito parte di una decorazione dell’area prossima al tempio. Attraverso articolate argomentazioni l’autore arriva a sostenere che tale area sacra, dapprima «occupata da un complesso connesso con il culto imperiale, risalente nel suo primo impianto almeno ad epoca flavia»14, avrebbe poi ospitato il Templum divi Pii, a noi noto attraverso una fonte epigrafica15.

  • 16 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 318868); cfr.
  • 17 Per una raccolta, cfr. J. Robert Gisler, s.v. «Prometheus», in LIMC, VII, 1994, p. 531-553.
  • 18 Più isolata l’identificazione con la personificazione dell’antico fiume Fasi, oggi Rion, che scorre (...)

5Le statue di Prometeo e di Issione, al di là del rinvenimento congiunto, vanno considerate unitariamente per l’indubbia comunanza di caratteri stilistici, ma soprattutto per la similitudine del soggetto: entrambe infatti raffigurano mitici personaggi che hanno così esacerbato l’animo di Zeus da meritare una esemplare punizione. Nel mito esiodeo, poi ripreso nel Prometeo incatenato di Eschilo (unica opera sopravvissuta della trilogia dedicata alle vicende del titano amico degli uomini), Prometeo, ignorando il divieto di Zeus – e dunque di fatto non riconoscendone l’autorità – sottrae furtivamente il fuoco agli dei per farne dono al genere umano; per questo sarebbe stato legato da Efesto, con catene e chiodi, a una rupe dell’impervio massiccio montuoso del Caucaso, nella remota Scizia, mentre un’aquila gli divorava quotidianamente il fegato che, senza sosta, si rigenerava. Nell’esemplare puteolano, la figura di Prometeo16, resa in altorilievo (fig. 1), aderisce alla roccia; manca della gamba destra, del piede sinistro e di entrambe le braccia. Il titano era raffigurato con la gamba destra molto flessa e appoggiata su una protuberanza della roccia, l’aquila doveva essere aggrappata con gli artigli alla sua coscia e ritratta mentre con il becco lacerava il fegato, come ancora testimonia un piccolo foro all’altezza del costato (fig. 2). I tratti del volto (fig. 3-5) sono fortemente deformati per lo strazio del supplizio, gli occhi strabuzzati, la fronte corrugata, il naso arricciato, la bocca contorta in una smorfia di dolore; le braccia dovevano essere sollevate e legate alla roccia. Prometeo è sovente ritratto secondo questo schema iconografico nella pittura vascolare, come anche sui rilievi e sui sarcofagi romani e perfino su alcune gemme17; a volte la scena è completata da una figura maschile distesa su un fianco, per lo più identificabile con la personificazione del Caucaso18, mentre Ercole, con arco e frecce, viene raffigurato nel momento in cui sta per colpire l’aquila o, più raramente, mentre si appresta a liberare il titano incatenato.

Fig. 1 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Prometeo incatenato alla roccia (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – M. Milo e A. Grotta).

Fig. 2 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Prometeo incatenato, particolare del torso (foto autore).

Figg. 3-5 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Prometeo incatenato: particolari del volto (foto autore).

  • 19 Staatliche Museen (inv. P 168); le figure non dovevano superare il metro di altezza. Cfr. F. Winter (...)
  • 20 Rinvenuto durante i lavori per la costruzione degli argini del Tevere; cfr. G. Krahmer, Eine Ehrung (...)
  • 21 R. R. R. Smith, Myth and Allegory in the Sebasteion, in Ch. Roueché, K. T. Erim (a cura di), Aphrod (...)

6La statua di Pozzuoli appare però isolata nel panorama della scultura a tutto tondo di dimensioni maggiori del vero. La testimonianza scultorea più antica risale al gruppo di formato ridotto conservato nei Musei di Berlino19 ritrovato tra le rovine del portico settentrionale del santuario di Atena a Pergamo, che si compone di tre figure, originariamente collocate con ogni probabilità entro una delle nicchie del portico, di certo accanto ad altri quadri plastici. Il momento rappresentato è quello della liberazione, Eracle dunque sta per scoccare la freccia che ucciderà l’aquila ponendo fine al terrificante supplizio, alla presenza della personificazione del Caucaso. La posizione di Prometeo, con la gamba destra fortemente flessa e le braccia sollevate, è la stessa che apparirà poi su alcuni rilievi romani, testimoniando un modello iconografico comune. In particolare si ricordano un frammento di grande qualità del Museo Nazionale Romano20, dai più attribuito a una bottega tardo ellenistica di formazione microasiatica, e alcune attestazioni su sarcofagi databili nell’ambito del iii secolo d.C. Il celebre rilievo dal portico meridionale del Sebasteion di Afrodisia21, che raffigura il momento in cui Eracle, dopo aver colpito l’aquila, libera il titano dalle catene, restituisce una diversa ponderazione di Prometeo, il cui corpo appare estremamente allungato, più simile a Marsia, con i piedi l’uno di fronte all’altro in una posizione piuttosto innaturale.

7Difficile dire se la raffigurazione scultorea puteolana dovesse prevedere anche la figura di Eracle; la posizione della testa di Prometeo che, straziato, guarda verso la sua destra, ossia verso lo scempio che l’aquila quotidianamente compie, farebbe pensare piuttosto a una composizione tutta chiusa in sé, con il titano lasciato solo alla mercé del suo carnefice, ma non possiamo comunque escludere la presenza dell’eroe che orienterebbe però la scena piuttosto verso una condizione salvifica, di certo lontana da quella di Issione, altro eccellente punito da Zeus, ma condannato senza possibilità di appello.

  • 22 Celebre il sarcofago della Galleria dei Candelabri nei Musei Vaticani (inv. 2465), databile intorno (...)
  • 23 La metopa in tufo di Nocera fu ritrovata il 28 maggio 1952 ed è conservata nei depositi dell’Antiqu (...)
  • 24 Cfr. Ch. Lochin, s.v. «Ixion», in LIMC, V, 1990, p. 859, n. 21.

8Issione, re dei Lapiti, aveva osato insidiare la sposa di Zeus e fu da questi precipitato nel Tartaro; legato a una ruota con l’intervento di Hermes ed Efesto, fu condannato a girare in eterno nella volta celeste. Il mito fu prescelto in età romana per la decorazione di rilievi di ambito funerario, in particolare sarcofagi, dove spesso compare associato alle figure di Sisifo e di Tantalo22 a comporre un panorama di celebri puniti che, per lo più nelle cavità dell’Oltretomba, scontano terribili supplizi imposti da Zeus. Diverso il contesto del rilievo pompeiano su una metopa del fregio dorico dal tempio del Foro Triangolare, pertinente al rifacimento di età ellenistica23; apparteneva invece alla decorazione di un grande ninfeo della città microasiatica di Side24 l’assai più tardo rilievo su un elemento di balaustra, databile nella seconda metà del ii secolo d.C.

Fig. 6-7 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Issione legato alla ruota (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – A. Morello).

  • 25 Per una raccolta delle fonti iconografiche cfr. Ch. Lochin, s.v. «Ixion», in LIMC, V, 1990, p. 857- (...)
  • 26 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 317531); cfr. A. Maiuri, Die Altertümer der Phlegräische (...)

9La trasposizione del mito di Issione25 nella scultura a tutto tondo risulta un vero e proprio hapax; la scultura di Pozzuoli26 (fig. 6-7), di dimensioni appena superiori al vero, appare senza vere possi bilità di confronto. Si conserva solo il torso di Issione, con la coscia sinistra e gran parte di quella destra, aderente alla ruota sostenuta al centro da un grande puntello pressoché parallelepipedo. Sembra possibile ipotizzare che la testa fosse in posizione quasi frontale: infatti della lunga barba che ornava il volto del re della Tessaglia qualche traccia rimane sul busto, al centro del petto.

10Al di là della punizione inflitta da Zeus, Prometeo e Issione non hanno molto in comune. Il primo sembra un dannato «positivo»; il titano ha sì tradito l’autorità costituita di Zeus, ma il suo operare è comunque ordinato da una benevolenza nei confronti dell’umanità, non è solo il furto del fuoco, Prometeo ha proprio una diversa idea dei destini dell’uomo, una specie che vorrebbe difendere, donandole speranza, intelligenza, coscienza, arti e tecniche. Nel mito di Issione emerge, al contrario, una assoluta negatività, egli si è già macchiato di omicidio, ma Zeus lo ha perdonato e gli offre una seconda possibilità. Issione non solo tradirà la sua fiducia, ma si macchierà della colpa più infamante, tentando di sedurne la sposa Hera durante un simposio e dunque tradendo anche i sacri patti dell’ospitalità. Nell’ambito del racconto mitico, una comunanza può essere forse rintracciata solo nella funzione svolta da Efesto, il dio che realizza le condizioni materiali per la punizione inflitta da Zeus, incatenando entrambi, l’uno alla rupe, l’altro alla ruota.

  • 27 Adamo Muscettola 2004, op. cit. n. 1, p. 9.
  • 28 Durante lo scavo del 1922 furono avvistate quattro colonne ancora in situ allineate lungo un asse p (...)

11Le due sculture condividono una buona qualità plastica, evidente nel rendimento delle anatomie scandite in modo serrato, con particolare attenzione per i dettagli dei tendini e dei muscoli resi in tutto il vigore della loro forza fisica. Della statua di Prometeo, meno frammentaria, possiamo apprezzare anche la carica espressiva del volto, con i lineamenti stravolti dal dolore e dal tormento del supplizio, incorniciato da una disordinata e voluminosa chioma e da una lunga barba le cui ciocche sono realizzate attraverso profondi solchi di trapano che creano impressivi effetti chiaroscurali. Pur con qualche rigidità nella resa plastica delle anatomie, le sculture offrono un impatto visivo di un certo effetto, per queste si deve immaginare una collocazione contro un fondo, come per il Prometeo è evidente, ma anche la statua di Issione mostra zone non rifinite sul retro, sia all’altezza delle spalle, sia per quel che concerne il sostegno della ruota (fig. 8). L’ipotesi sopra ricordata che le sculture, ritrovate insieme a elementi della decorazione architettonica del Tempio Corinzio, provengano anch’esse da quel contesto, permetterebbe di legare queste statue a una cornice monumentale finalmente più chiara. Dunque non un edificio scenico, come era stato suggerito27, anche se solo sulla scorta dei soggetti raffigurati, verosimili per la decorazione di un teatro, ma un’area sacra il cui legame con il culto imperiale è stato di recente proposto. Sappiamo che il Tempio Corinzio era circondato da un porticato28; per le nostre sculture, seppur in via del tutto ipotetica, si potrebbe suggerire una collocazione lungo il muro di fondo di questo portico; una sorta di evoluzione monumentale dei “quadri plastici” che ornavano le nicchie dei portici del santuario di Atena Nikephoros a Pergamo. Potremmo immaginare un più ampio ciclo mitologico forse incentrato sui temi della tracotanza punita e dell’esercizio della giustizia da parte di Zeus, disposto al perdono e alla riconciliazione nell’ordinare la sospensione del supplizio di Prometeo, ma assolutamente impassibile nel caso della recidiva empietà di Issione.

Fig. 8 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Issione legato alla ruota, il retro (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – A. Morello).

  • 29 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 317749). La scultura, ritrovata a Pozzuoli nel fondo Lia (...)
  • 30 Il tipo prende il nome dalla replica conservata nel Museo del Louvre a Parigi (MA 589); per la fort (...)
  • 31 Cfr. da ultimo K.-P. Goethert, Repliken der «Florentiner Niobiden» aus den Barbarathermen in Trier, (...)

12Nell’ottica di una tale sistemazione contro una parete di fondo, potremmo contemplare anche l’inserimento di un elemento di balaustra che presenta una figura maschile in altorilievo (fig. 9-10). Questa è realizzata in un marmo bianco a grandi cristalli, apparentemente molto simile a quello del Prometeo; ancorché in cattive condizioni di conservazione, il frammento suggerisce una certa vicinanza anche sul piano stilistico. La figura, fratturata inferiormente, è quella di un giovane a torso nudo con lo sguardo rivolto verso l’alto e un’espressione vagamente patetica data anche dalla bocca dischiusa; i capelli sono lunghi con corpose ciocche ondulate separate da profondi solchi di trapano corrente. Nella mano sinistra stringe una sorta di canna palustre, si tratta forse della personificazione di un fiume, allusivo a un paesaggio entro il quale si svolge uno dei “quadri” mitici di cui restano le figure di Prometeo e Issione? Come abbiamo visto, la scena del supplizio di Prometeo prevede la presenza di una figura maschile, personificazione del fiume che scorre nel Caucaso e anche nel rilievo da Side, con il supplizio di Issione, compare la personificazione di un fiume resa come un giovane a torso nudo, con fluenti capelli che lambiscono le spalle e una canna palustre nella mano sinistra. Tra i materiali ritrovati nello stesso contesto, può essere considerato un torso di Artemide29 dalla superficie molto consunta (fig. 11-12) che, nonostante il pessimo stato di conservazione, può essere facilmente ricondotto al tipo c.d. Versailles30. Come è noto, il prototipo, generalmente attribuito a Leochares, è stato accostato all’Apollo del Belvedere e da alcuni considerato parte di un più complesso gruppo raffigurante la strage dei figli di Niobe31 massacrati dalle frecce scagliate appunto da Apollo e Artemide. L’inserimento di questo torso di Artemide nell’ambito di un ciclo imperniato sulla raffigurazione di celebri puniti è però del tutto congetturale, una difficoltà consiste, per esempio, nella sua completa lavorazione a tutto tondo per una visione della scultura da tutti i suoi lati, a differenza invece del Prometeo e dell’Issione, come abbiamo visto.

  • 32 Il marmo, a cristalli medio-grandi, presenta un colore bianco livido con aloni grigiastri. A prima (...)

13Al momento, non è possibile ampliare il contesto dell’allestimento decorativo dei due puniti accostandovi altri ritrovamenti statuari e certo non è semplice spiegare il loro ruolo nell’ambito di un programma scultoreo destinato a un’area sacra, forse legata al culto imperiale. Del resto, i due miti non sembrano avere una tradizione iconografica consolidata nella plastica a tutto tondo: il modello va probabilmente ricercato nella pittura e forse questo spiegherebbe la sua più frequente trasposizione nella bidimensionalità del rilievo. Sul piano stilistico, le sculture di Prometeo e di Issione, che sembrano realizzate in un marmo simile di probabile provenienza greco-orientale32, potrebbero essere attribuite a una bottega di orizzonte microasiatico che rielabora motivi della plastica tardo ellenistica. Il trattamento compresso delle masse muscolari e la resa del volto dolorante di Prometeo – con efficaci effetti chiaroscurali, realizzati attraverso un sapiente impiego del trapano, che riesce a dosare con grande equilibrio spazi pieni e spazi vuoti – possono essere confrontati con alcune soluzioni adottate dagli artisti microasiatici, in particolare quelli riconducibili alla scuola di Afrodisia.

Figg. 9-10 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: elemento di balaustra (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – A. Morello).

Fig. 11 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Artemide (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – M. Milo e A. Grotta).

Fig. 12 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Artemide, il retro (foto autore).

  • 33 Tra i primi scultori noti va annovarato il Koblanos che firma il Palestrita da Sorrento ora nel Mus (...)
  • 34 La bibliografia sulla scultura afrodisiense è ormai piuttosto ampia, dopo gli studi di M. Floriani (...)
  • 35 Su questi si veda da ultimo G. Morawietz, Die Kentauren des Aristeas und papias und die Repliken de (...)
  • 36 In particolare sui marmi provenienti dalla regione di Afrodisia cfr. ora: D. Attanasio, M. Bruno, A (...)
  • 37 Sul complesso cfr. ora M. Moltesen, The Esquiline Group: Aphrodisian statues in the Ny Carlsberg Gl (...)

14Da tempo si discute sulla fiorente attività di scultori «aphrodisieis», i quali siglano alcune creazioni facendo orgogliosa menzione della loro città di provenienza. Le firme, ritrovate quasi esclusivamente al di fuori della città asiatica, in particolare in Italia, soprattutto a Roma o nelle immediate vicinanze (ma sono noti ritrovamenti anche a Paros, Olimpia, Corinto, Cirene, etc...), testimoniano una attività che si dipana attraverso un ampio arco cronologico lungo tutta l’età imperiale33. La fortuna della scuola scultorea sembra raggiungere la sua acmè nel corso del ii secolo d.C., soprattutto in ambito urbano e in contesti di assoluta eccellenza34. Solo per citare i casi più celebri, si pensi ai «centauri Furietti» dalla villa di Adriano a Tivoli che, firmati da Aristeas e Papias35, rappresentano una delle testimonianze più nobili di una poderosa attività scultorea nota da tempo, la cui capillarità è stata ulteriormente provata attraverso alcune recenti attribuzioni, nel quadro di un progressivo chiarimento relativo anche alla individuazione delle cave microasiatiche per l’estrazione dei marmi bianchi e colorati36. Dovevano probabilmente appartenere alla decorazione di una lussuosa residenza dell’Esquilino le sculture ritrovate nel 1886, reimpiegate come materiale da costruzione, i cui plinti recano incise le firme degli artisti afrodisiei: Flavius Zeno, Flavius Andronicus, Flavius Chryseros e Polyneikes37. In particolare queste sculture dall’Esquilino (fig. 13), per le quali sembra ora prevalere una datazione tra la fine del II e gli inizi del iii secolo d.C., mostrano significativi punti di contatto con le statue di Prometeo e di Issione, in modo particolare per il rendimento delle anatomie: l’indicazione pronunciata delle costole, il disegno vibrante dei pettorali, la evidente demarcazione tra questi e il basso ventre, ma anche una simile plasticità nell’esecuzione dei fasci muscolari degli arti inferiori, dall’aspetto longilineo e, allo stesso tempo, contratto, soprattutto nella zona del ginocchio. Un poco diversa appare invece la realizzazione del volto, soprattutto per l’assenza delle pupille incise; premesso che la superificie marmorea del nostro Prometeo risulta piuttosto corrosa, a differenza dei marmi dell’Esquilino che ben conservano la loro «pelle» originaria, non sembra emergere con pari evidenza nella scultura puteolana il contrasto tra la levigatezza dell’incarnato e il chiaroscuro delle chiome. Per il trattamento plastico dei capelli e della barba, il Prometeo può essere invece ben confrontato con le sculture sopra citate, simile è infatti l’uso del trapano corrente, evidente ma, allo stesso tempo, molto equilibrato, tanto da far ipotizzare una datazione intorno alla metà del ii secolo d.C., o negli anni immediatamente successivi.

Fig. 13 – Copenaghen, Ny Carlsber Glyptothek: Poseidone (da M. Moltesen, in Antike Plastik, 27, 2000, tav. 80).

  • 38 Cfr. nota 36.
  • 39 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 153644); S. Adamo Muscettola, Sulla connotazione del cul (...)
  • 40 Cfr. H. Gregarek, Untersuchungen zur kaiserzeitlichen Idealplastik aus Buntmarmor, in Kölner Jahrbu (...)

15In marmo bigio morato, la cui provenienza afrodisiense è di recente attribuzione38, è realizzata almeno un’altra scultura ritrovata a Pozzuoli. Nel 1964 una monumentale statua femminile, acefala e priva di gran parte delle braccia, veniva recuperata nello specchio di mare antistante il Rione Terra. Inizialmente ritenuta una Vittoria, la figura venne poi giustamente identificata con una Iside (fig. 14) ritratta nel suo ruolo di inventrice della navigazione e, dunque, di protettrice dei naviganti (pelagia, euploia)39. La dea, vestita di un chitone cinto sotto la vita e del tipico mantello frangiato, era probabilmente raffigurata su una prua, intenta a governare con le braccia una vela ingrossata dal vento. La scultura presenta uno stato di conservazione piuttosto compromesso, dovuto alla sua lunga permanenza in acqua, ma sembra chiaro che testa, braccia e punte dei piedi dovevano essere realizzate separatamente e, verosimilmente, in marmo bianco, così come la prua, secondo un gusto che predilige l’accostamento di marmi scuri e chiari, ormai ben attestato da numerosi esemplari scultorei40.

Fig. 14 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 30: Iside (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – M. Milo e A. Grotta).

  • 41 Cfr. da ultimo F. Demma, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei cit. n. 2, p. 139.

16In questa ottica acquisisce notevole importanza il ritrovamento di un grande blocco di marmo bigio dalle forme appena abbozzate, c.d. Pudicitia41 (ma l’aspetto è veramente informe per una corretta identificazione), che nel 1972 fu intercettato nell’antico vicus lartidianus, i cui resti giacciono sotto il livello del mare. Proprio qui è stata localizzata una fiorente attività di botteghe marmorarie, molto attive anche sul fronte del restauro di elementi statuari e architettonici e per le quali è stata riconosciuta una forte presenza di artigiani di formazione orientale (cfr. contributo di F. Demma in questo volume). Il Prometeo e l’Issione di Pozzuoli furono eseguiti con ogni probabilità da scultori di formazione microasiatica, forse afrodisiense, attivi a Pozzuoli intorno alla metà del ii secolo d.C., le cui creazioni non raggiungono la qualità di quelle che gli Aphrodisieis destinano alla committenza urbana, ma che a buon diritto ci sembra di poter inserire in questo solco. Una bottega di sicuro mestiere dunque, in grado di elaborare creativamente motivi iconografici noti, ma non consueti, almeno nella plastica a tutto tondo di grandi dimensioni, avventurandosi con libertà alla ricerca di soluzioni originali, così come di frequente accade anche nel repertorio scultoreo proveniente dall’antica città della Caria.

Haut de page

Notes

1 Una sintesi, peraltro ancora valida, si deve a S. Adamo Muscettola, La cultura figurativa, in F. Zevi (a cura di), Puteoli, Napoli, 1993, p. 125-140 (con citazione della bibliografia precedente); alla studiosa si devono inoltre alcuni circoscritti, ma importanti, studi legati al tema della produzione scultorea della colonia: cfr. S. Adamo Muscettola, Sulla connotazione del culto di Iside a Pozzuoli, in L’Egitto in Italia dall’antichità al Medioevo. Atti del III congresso internazionale di studi in onore di N. Valenza Mele, Napoli, 1995, Roma, 1998, p. 219-230; Ead., Un ex-voto alle Ninfe ossia un ninfeo severiano di Pozzuoli, in Prospettiva, 102, 2001, p. 36-48; Ead., Il mausoleo di Prometeo a Pozzuoli: contesto e committenza, in Prospettiva, 115/6, 2004, p. 2-11. Per i ritrovamenti scultorei del Rione Terra, cfr. C. Valeri, Marmora Phlegraea. Sculture del Rione Terra di Pozzuoli, Roma, 2005 (Monografie della Rivista Archeologia Classica, 2); F. Zevi e C. Valeri, Cariatidi e clipei: il foro di Pozzuoli, in E. La Rocca, P. León, C. Parisi Presicce (a cura di), Le due patrie acquisite. Studi di archeologia dedicati a Walter Trillmich (Suppl. BC 2008), Roma, 2008, p. 443-464; C. Valeri, Il Rione Terra di Pozzuoli: cicli e programmi decorativi, in J. M. Abascal, R. Cebrián (a cura di), Escultura romana en Hispania. VI. Homenaje a Eva Koppel. Actas de la VI Reunión internacional de escultura romana en Hispania – Segobriga 21 y 22 octubre 2008, Murcia, 2010, p. 419-441.

2 Museo Nazionale di Napoli (inv. 6780). Per il calco cfr. C. Valeri, in F. Zevi, F. Demma, E. Nuzzo, C. Rescigno, C. Valeri (a cura di), Museo Archeologico dei Campi Flegrei. Catalogo generale. Pozzuoli. 2, Milano, 2008, p. 33. Sul monumento v. da ultimo B. Weisser, Die Basis von Pozzuoli, in Antike Plastik, 30, 2008, p. 105-160 (con bibliografia precedente).

3 Per il calco cfr. C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 79.

4 Su questo vedi ora F. Demma, Monumenti pubblici di Puteoli. Per un’archeologia dell’architettura, Roma, 2007 (Monografie della Rivista Archeologia Classica, 3), p. 77 s.

5 L’originale, rinvenuto nel 1537, è conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli (inv. 2458); cfr. F. Zevi, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 68-69 (con bibliografia).

6 Naturalmente lunga è la lista dei materiali puteolani dispersi. Tale diaspora si consumò fino ai primi anni del secolo scorso anche tramite vendite autorizzate, così finirono a Copenaghen i materiali rinvenuti nella c.d. villa di Livia e pubblicati in Notizie degli Scavi 1898. Ma si registrano espatri anche più recenti, per esempio una statua femminile funeraria di età traianea ritrovata nel 1902 e ora conservata a Boston; cfr. P. P. Farinelli, E. Gabrici, Pozzuoli. Monumento sepolcrale, constatua marmorea, in NSc, 1902, p. 57-66; M. B. Comstock, C. C. Vermeule, Sculpture in Stone. The Greek, Roman and Etruscan collections of the Museum of Fine Arts Boston, Boston, 1976, p. 224, n. 355 (inv. 34.113). Per una riconsiderazione complessiva del patrimonio scultoreo della città antica è necessario indagare anche alcuni fenomeni collezionistici, cfr. da ultimi I. Iasiello, Il collezionismo di antichità nella Napoli dei Viceré, Napoli, 2003; B. de Divitiis, Architettura e committenza nella Napoli del Quattrocento, Venezia, 2007.

7 Sulla villa c.d. di Livia cfr. C. Gialanella, Le Ville del territorio puteolano, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei cit. n. 2, p. 162; per la statua di Livia in veste di Fortuna e il gruppo di Dioniso e Pan, ritrovati nel 1898 e ora a Copenaghen cfr. Da ultima C. Valeri, in ibidem, p. 164-165 (con bibliografia precedente). La qualità dei ritrovamenti scultorei più recenti, attualmente esposti nella sala 39 del Museo di Baia insieme ai calchi delle statue di Copenaghen sopra citate, sembra confermare una committenza ragguardevole; la presenza di una statua di Livia, così come una testa di Faustina Minore (Museo Archeologico dei Campi Flegrei, inv. 293030) e, forse, di un giovanissimo Adriano (Museo Archeologico dei Campi Flegrei, inv. 293029), ha fatto ipotizzare una proprietà imperiale.

8 L’arco era forse a un solo fornice, cfr. S. De Maria, Gli archi onorari di Roma e dell’Italia romana, Roma, 1988, p. 256-257; sui rilievi cfr. da ultima H. I. Flower, A tale of two monuments: Domitien, Trajan and some Praetorians at Puteoli (AE 1973, 137), in AJA, 105, 2001, p. 625-648; sulla ricomposizione in calco del Museo di Baia cfr. C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 102.

9 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 317751). Su un lato si riconoscono due teste di legionari raffigurati di profilo e rivolti in opposta direzione e sull’altro una catasta di armi tra cui uno scudo ovale decorato da girali di acanto, un paludamentum, una carnix e un arpione; cfr. C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 97.

10 Per i recenti scavi sul Rione Terra, si vedano: C. Gialanella, Pozzuoli (Napoli). Il Rione terra alla luce dei nuovi scavi archeologici, in BA, 22, 1993, p. 84-91; S. De Caro, C. Gialanella, Il Rione Terra di Pozzuoli, Napoli, 2002; L. Crimaco, C. Gialanella, F. Zevi (a cura di), Da Puteoli a Pozzuoli. Scavi e ricerche sulla rocca del Rione Terra. Atti della Giornata di studio – Istituto Archeologico Germanico, Roma 27 aprile 2001, Napoli, 003; C. Gialanella, La colonia augustea di Puteoli e il suo centro monumentale: il Rione Terra. Nuovi dati topografici, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 236-239.

11 Sul tempio si veda: F. Zevi, Il tempio di Augusto a Pozzuoli: una nota, in Scritti di storia dell’arte in onore di Raffaello Causa, Napoli, 1988, p. 29-35; F. Zevi, G. Cavalieri Manasse, Il tempio cosiddetto di Augusto a Pozzuoli, in X. Lafon, G. Sauron (a cura di), Théorie et pratique de l’architecture romaine. Études offerts à Pierre Gros, Aix-en-Provence, 2005, p. 269-294.

12 A proposito delle architetture, va detto che era originaria intenzione dell’équipe scientifica poter allestire, lungo una delle pareti esterne del Castello di Baia, la ricostruzione del c.d. Tempio Corinzio di Pozzuoli. Lo studio di questo importante edificio di culto della città medio-imperiale è stato di recente affrontato da F. Demma, op. cit. n. 4, p. 115 s.

13 F. Demma, op. cit. n. 4, p. 132.

14 Ibid., p. 149.

15 CIL X, 1784.

16 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 318868); cfr.

E. Paribeni, s.v. «Prometeo», in EAA VI, Roma, 1965, p. 486; S. Adamo Muscettola, La cultura figurativa, in F. Zevi (a cura di), Puteoli, Napoli, 1993, p. 132-133, foto a p. 135, 268; F. Demma, op. cit. n. 4, p. 133, n. a-b; S. Adamo Muscettola, Il mausoleo di Prometeo a Pozzuoli: contesto e committenza, in Prospettiva, 115-116, 2004, p. 9; C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 124-125.

17 Per una raccolta, cfr. J. Robert Gisler, s.v. «Prometheus», in LIMC, VII, 1994, p. 531-553.

18 Più isolata l’identificazione con la personificazione dell’antico fiume Fasi, oggi Rion, che scorre a sud della catena montuosa, cfr. P. Moreno, Scultura ellenistica, vol. II, Roma, 1994, p. 599.

19 Staatliche Museen (inv. P 168); le figure non dovevano superare il metro di altezza. Cfr. F. Winter, Die Skulpturen mit Ausnahme der Altarreliefs. Altertümer von Pergamon, VII.2, Berlino, 1908, p. 175-180, n. 168; G. Krahmer, Eine Ehrung für Mithradates VI. Eupator in Pergamon, in JdI, 40, 1925, p. 183-205; B. Hintzen-Bohlen, Die Prometheus-Gruppe im Athenaheiligtum zu Pergamon, in Istanbuler Mitteilungen, 40, 1990, p. 145-156; M. Di Branco, Prometeo a Pergamo: mito e propaganda al tempo degli ultimi Attalidi, in ASAIA, 70/71, 1992/1993, p. 313-324; E. Schraudolph (a cura di), L’altare di Pergamo. Il fregio di Telefo. Catalogo della mostra-Roma, Palazo Ruspoli 5 ottobre 1996-15 gennaio 1997, Venezia, 1996, p. 192; T. Brogan, The Prometheus Group in Context, in K. J. Hartswick, M. C. Sturgeon (a cura di), Stephanos. Studies in honor of Brunilde Sismondo Ridgway, Roma, 1998, p. 39-53.

20 Rinvenuto durante i lavori per la costruzione degli argini del Tevere; cfr. G. Krahmer, Eine Ehrung für Mithridates VI. Eupator in Pergamon, in JdI, 40, 1925, p. 183-186, fig. 3; R. Paribeni, Le Terme di Diocleziano e il Museo Nazionale Romano, Roma, 1928, p. 234, n. 651 (eccellente rilievo di arte ellenistica); cfr. J. R. Gisler, s.v. «Prometheus», in LIMC, VII, 1994, p. 540, n. 61.

21 R. R. R. Smith, Myth and Allegory in the Sebasteion, in Ch. Roueché, K. T. Erim (a cura di), Aphrodisias Papers. Recent work on architecture and sculptures, Ann Arbor, 1990 (JRA, Suppl. 1), p. 97, 99, fig. 12. Sul Sebasteion di Afrodisia cfr. anche M. Maiuro, Oltre il Pasquino. Achille, il culto imperiale e l’istituzione ginnasiale tra Oriente e Occidente nell’impero romano, in AC, 58, 2007, p. 165-246.

22 Celebre il sarcofago della Galleria dei Candelabri nei Musei Vaticani (inv. 2465), databile intorno al 170 d.C., dove Sisifo, Issione e Tantalo compaiono su uno dei lati brevi; cfr. G. Spinola, Il museo Pio Clementino, III, Città del Vaticano, 2004, p. 166-168 (con bibliografia precedente); P. Zanker, B. Ch. Ewald, Mit Mythen leben. Die Bilderwelt der römischen Sarkophage, Monaco, 2004, p. 375-377.

23 La metopa in tufo di Nocera fu ritrovata il 28 maggio 1952 ed è conservata nei depositi dell’Antiquario di Pompei (147 × 71 cm. × 0,48/0,27 cm. di spessore). Raffigura Issione che sta per essere legato alla ruota da Efesto, barbato e vestito di un mantello avvolto attorno ai fianchi; la scena si svolge alla presenza di Atena armata che stringe nelle mani un chiodo e un martello. Cfr. A. Maiuri, Una metopa del tempio del foro triangolare a Pompei, in PP, 10, 1955, p. 50-55; Ch. Lochin, s.v. «Ixion», in LIMC, V, 1990, p. 858, n. 4. La proposta del Maiuri per cui la metopa «avrebbe potuto formare la decorazione del pronao della cella» sembra ancora oggi accettata; la datazione nel pieno iii secolo a.C., da alcuni seguita, viene altresì rialzata tra la fine del iv e gli inizi del iii a.C., cfr. J. A. K. E. de Waele, La descrizione, in J. A. K. E. de Waele (a cura di), Il tempio dorico del Foro Triangolare di Pompei, Roma, 2001, p. 110, nota 261 (con bibliografia). L. A. Scatozza Höricht, Il sitema di rivestimento sannitico e altre serie isolate, in J. A. K. E. de Waele (a cura di), Il tempio dorico del Foro Triangolare di Pompei, Roma, 2001, p. 232, nota 559, non accetta l’identificazione della scena con il mito di Issione e propone di riconoscere nella metopa la costruzione della nave Argo alla presenza di Efesto e di Atena; la perplessità della studiosa sta nella strana foggia della ruota con due raggi orizzontali, ma la proposta non spiega l’identità del personaggio maschile in nudità di fronte alla ruota/nave.

24 Cfr. Ch. Lochin, s.v. «Ixion», in LIMC, V, 1990, p. 859, n. 21.

25 Per una raccolta delle fonti iconografiche cfr. Ch. Lochin, s.v. «Ixion», in LIMC, V, 1990, p. 857-862.

26 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 317531); cfr. A. Maiuri, Die Altertümer der Phlegräischen Felder, 1935, p. 35 (con datazione in epoca ellenistica); A. De Franciscis, L’attività archeologica nelle province di Napoli e Caserta, in Filosofia e scienze in Magna Grecia. Atti del 5o Convegno di studi sulla Magna Grecia, Taranto 10-14 ottobre 1965, Napoli, 1966, p. 179 (sembra ipotizzare l’inserimento della statua di Issione, così come del Prometeo, in una partitura architettonica); C. Lochin, s.v. «Ixion», in LIMC, V, 1990, p. 860, n. 24; S. Adamo Muscettola, La cultura figurativa, in F. Zevi (a cura di), Puteoli, cit., p. 132-133, foto a p. 269; F. Demma, op. cit. n. 4, p. 133, n. c; C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 126-127.

27 Adamo Muscettola 2004, op. cit. n. 1, p. 9.

28 Durante lo scavo del 1922 furono avvistate quattro colonne ancora in situ allineate lungo un asse parallelo al lato sudoccidentale del tempio e da questo distante all’incirca tre metri; le colonne distano tra loro tra i 2,50 e i 2,80 metri. Cfr. F. Demma, op. cit. n. 4, p. 115 s., spec. p. 125, fig. 4,10.

29 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 317749). La scultura, ritrovata a Pozzuoli nel fondo Liardo (7 dicembre 1925) insieme alle statue di Prometeo e di Issione, misura cm. 90 di altezza e appare realizzata in un marmo bianco a grandi cristalli con sfumature livide, forse di provenienza microasiatica. Cfr. C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei citato n. 2, p. 128.

30 Il tipo prende il nome dalla replica conservata nel Museo del Louvre a Parigi (MA 589); per la fortuna della statua cfr. F. Haskell-N. Penny, L’antico nella storia del gusto. La seduzione della scultura classica, Torino, 1984, p. 263-265; per il tipo cfr. C. Rolley, La sculpture grecque, II. La Période classique, Parigi, 1999, p. 292-293.

31 Cfr. da ultimo K.-P. Goethert, Repliken der «Florentiner Niobiden» aus den Barbarathermen in Trier, in ArchKorrBl, 30, 2000, p. 437-444; contra E. Diacciati, Copie, contesti e fruizione del gruppo dei Niobidi in età imperiale, in Agoge, II, 2005, p. 197-256, che preferisce espungere dal gruppo scultoreo le figure delle due divinità vendicatrici.

32 Il marmo, a cristalli medio-grandi, presenta un colore bianco livido con aloni grigiastri. A prima vista sembra un marmo microasiatico, forse afrodisieo, ma andrebbero eseguite analisi.

33 Tra i primi scultori noti va annovarato il Koblanos che firma il Palestrita da Sorrento ora nel Museo Nazionale di Napoli, cfr. da ultimo C. Gasparri, Il Palestrita di Koblanos. Uno scultore di Afrodisia a Sorrento, in Synergia. Festschrift fur Friederich Krinzinger, II, Vienna, 2005, p. 207-219.

34 La bibliografia sulla scultura afrodisiense è ormai piuttosto ampia, dopo gli studi di M. Floriani Squarciapino, La scuola di Afrodisia, Roma, 1943; Ead., La scuola di Afrodisia 40 anni dopo, in AC, 35, 1983, p. 74-87, si vedano tra gli altri: K. T. Erim, The School of Aphrodisias, in Archaeology, 20, 1967, p. 18-27; K. T. Erim, The satyr and young Dionysos group from Aphrodisias, in Melanges A. M. Mansel, 1974, p. 767-775; C. Roueché, K. T. Erim, Sculptors from Aphrodisias: New Inscriptions, in PBSR, 50, 1982, p. 102-115; K. T. Erim, J. Reynolds, Sculptors of Aphrodisias in the inscriptions of the city, in Festschrift J. Inan, 1989, p. 522 s.; C. Roueché, K. T. Erim (a cura di), Aphrodisias papers. Recent work on architecture and sculpture, Ann Arbor, 1990 (JRA Suppl. 1); K. T. Erim, R. R. R. Smith, Sculpture from the theatre: a preliminary report, in Aphrodisias Papers 2 (JRA Suppl. 2), Ann Arbor, 1991, p. 67-97; P. Rockwell, Unfinished statuary associated with a sculptor’s studio, in ibid., p. 127-143; R. R. R. Smith, Aphrodisias I. The monument of C. Julius Zoilos, Magonza, 1993; C. Rouché, R. R. R. Smith (a cura di), Aphrodisias Papers 3. The setting and quarries, mythological and other sculptural decoration, architectural development, Portico of Tiberius, and Tetrapylon, (JRA Suppl. 20), Ann Arbor, 1996; R. R. R. Smith, Hellenistic sculpture under the Roman Empire: fishermen and satyrs at Aphrodisias, in O. Palagia, W. Coulson (a cura di), Regional schools in Hellenistic sculpture, Oxford, 1998, p. 253-260; R. R. R. Smith (a cura di), Aphrodisias II. Roman portrait statuary from Aphrodisias, Magonza, 2006. Sugli esiti più recenti della scuola scultorea cfr. M. Bergmann, Chiragan, Aphrodisias, Konstantinopel. Zur mythologischen Skulptur der Spatantike, Wiesbaden, 1999 (Palilia 7).

35 Su questi si veda da ultimo G. Morawietz, Die Kentauren des Aristeas und papias und die Repliken der beiden Statuentypen, in Antike Plastik, 29, Monaco, 2005, p. 47-64 (con bibliografia precedente).

36 In particolare sui marmi provenienti dalla regione di Afrodisia cfr. ora: D. Attanasio, M. Bruno, A. B. Yavuz, H. Elçi, Aphrodisias and the newly discovered quarries at Goktepe, in Roman Portraits from Aphrodisias, Istanbul, 2008, p. 217-227; A. B. Yavuz et al., Discovery and preliminary investigation of the Goktepe marble quarries (Muğla, Turkey): an alternative source of Aphrodisias marbles, in P. Jockey (a cura di), Asmosia VIII, Aixen-Provence 12-18 juin 2006, Parigi, 2009, p. 93-109; D. Attanasio, M. Bruno, A. B. Yavuz, Quarries in the region of Aphrodisias: the black and white marbles of Goktepe (Mug˘la, Turkey), in JRA, 22, 2009, p. 312-348. A circa 50 km. in linea d’aria dall’antica città di Afrodisia, nel distretto di Göktepe, sono state rintracciate cave di una bella qualità di marmo bianco a piccoli cristalli, molto simile al marmo lunense, almeno a occhio nudo. Sembrano provenire dallo stesso distretto anche il c.d. bigio morato, già ritenuto proveniente da Capo Matapan, e una qualità di marmo nero, sempre a piccoli cristalli e dalla superficie molto compatta. In Caria, nei pressi di Mylas, veniva cavata anche una qualità di marmo rosso caratterizzato dalla presenza di ventaure biancastre e da una superficie compatta e lucente. Questo marmo rosso di Caria è stato spesso confuso con il rosso antico, le cui cave sono state da tempo rintracciate a Capo Matapan.

37 Sul complesso cfr. ora M. Moltesen, The Esquiline Group: Aphrodisian statues in the Ny Carlsberg Glyptotek, in Antike Plastik, 27, Monaco, 2000, p. 111-129.

38 Cfr. nota 36.

39 Museo Archeologico dei Campi Flegrei (inv. 153644); S. Adamo Muscettola, Sulla connotazione del culto di Iside a Pozzuoli, in L’Egitto in Italia dall’antichità al medioevo. Atti del III congresso internazionale italo-egiziano, Roma-Pompei 1995, Roma 1998, p. 547-558; F. Zevi, Pozzuoli come «Delo Minore» e i culti egizi nei campi Flegrei, in S. De Caro (a cura di), Egittomania. Iside e il mistero. Catalogo della mostra. Napoli, 12 ottobre 2006 – 26 febbraio 2007, Milano, 2006, p. 69-76; cfr. Da ultima C. Valeri, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei, citato n. 2, p. 58.

40 Cfr. H. Gregarek, Untersuchungen zur kaiserzeitlichen Idealplastik aus Buntmarmor, in Kölner Jahrbuch, 32, 1999, p. 33-284. Nella maggior parte dei casi, le statue in marmo scuro non conservano i completamenti in marmo bianco che possiamo comunque facilmente ipotizzare, si pensi, ad esempio, alla Iside di Porto, alla c.d. Vittoria dei Simmaci, alla Menade dalle terme di Caracalla e ora a Napoli, alla statua di Iside da Benevento, etc... Tra gli esemplari che conservano anche i completamenti in marmo bianco, si ricordano il torso di Ifigenia da Samo (Gregarek, art. cit., 1999, p. 184, n. B30, fig. 5); la c.d. danzatrice di Perge (Gregarek, art. cit., p. 232-233, n. D134, fig. 6), ma soprattutto la eccezionale statua di Matidia Minore in veste di Aura, ritrovata in anni recenti nel teatro di Sessa Aurunca, cfr.: M. G. Ruggi D’Aragona, P. Pensabene, in M. De Nuccio, L. Ungaro (a cura di), I marmi colorati della Roma imperiale. Catalogo della mostra, Roma, 2002, p. 325-326; C. Valeri, F. Zevi, La statua di Matidia Minore e il teatro di Sessa Aurunca, in A. M. Reggiani (a cura di), Adriano. Le memorie al femminile. Catalogo della mostra, Milano, 2004, p. 128-133.

41 Cfr. da ultimo F. Demma, in Museo Archeologico dei Campi Flegrei cit. n. 2, p. 139.

Haut de page

Table des illustrations

Légende Fig. 1 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Prometeo incatenato alla roccia (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – M. Milo e A. Grotta).
Légende Fig. 2 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Prometeo incatenato, particolare del torso (foto autore).
Légende Figg. 3-5 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Prometeo incatenato: particolari del volto (foto autore).
Légende Fig. 6-7 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Issione legato alla ruota (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – A. Morello).
Légende Fig. 8 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Issione legato alla ruota, il retro (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – A. Morello).
Légende Figg. 9-10 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: elemento di balaustra (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – A. Morello).
Légende Fig. 11 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Artemide (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – M. Milo e A. Grotta).
Légende Fig. 12 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 35: Artemide, il retro (foto autore).
Légende Fig. 13 – Copenaghen, Ny Carlsber Glyptothek: Poseidone (da M. Moltesen, in Antike Plastik, 27, 2000, tav. 80).
Légende Fig. 14 – Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Sala 30: Iside (foto Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – M. Milo e A. Grotta).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Claudia Valeri, « Prometeo e Issione puniti da Zeus », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 122-2 | 2010, 427-438.

Référence électronique

Claudia Valeri, « Prometeo e Issione puniti da Zeus », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 122-2 | 2010, mis en ligne le 10 septembre 2013, consulté le 27 avril 2017. URL : http://mefra.revues.org/298 ; DOI : 10.4000/mefra.298

Haut de page

Auteur

Claudia Valeri

Musei Vaticani, Città del Vaticano, ac.musei@scv.va

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org