Navigation – Plan du site
Mélanges

Note di topografia sull’area del Teatro di Marcello

Notes on the topography of the area of the theatre of Marcellus
Massimo Vitti
p. 549-584

Résumés

L’articolo prende in esame l’evoluzione topografica del Campo Marzio Meridionale, e in particolare l’area compresa tra il teatro di Marcello e l’omonima via moderna, per un arco cronologico compreso tra l’età repubblicana e il tardo antico. Si tratta di una sintesi che tiene conto delle più recenti indagini archeologiche presentando nuovi dati riguardanti la viabilità, la lastricatura dell’area antistante il teatro di Marcello e il sistema fognario. Inoltre si propongono nuove osservazioni e interpretazioni per alcuni edifici dell’area, quali il portico che fiancheggia i templi di Apollo e Bellona, il «Perrirhanterion», e una fondazione a plinti antistante il tempio di Apollo.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 In primo luogo vorrei ringraziare Eugenio La Rocca e Marilda De Nuccio per avermi affidato, in occa (...)

1Il presente contributo è teso a delineare, per linee generali, l’evoluzione topografica dell’area compresa tra il teatro di Marcello, il portico sul retro dei templi di Apollo e Bellona, la Casa dei Vallati e via del Teatro di Marcello, dall’epoca repubblicana sino al tardoantico1. Si intende proporre una sintesi dei dati già editi e di quanto attualmente visibile sul posto dopo le indagini condotte nell’area tra il 1995 e il 2000, tentando di focalizzare alcune problematiche che non hanno ricevuto sempre la giusta considerazione. In particolare si esamineranno la viabilità, le lastricature della piazza ed il sistema fognario, nonchè alcuni edifici strettamente connessi con questi, quali il portico a nord e ad est dei templi di Apollo e di Bellona, il monoptero («Perrirhanterion»), e una fondazione a plinti di incerta identificazione.

  • 2 Ciancio Rossetto 1995, p. 69-76 ma anche Pisani Sartorio 1995, p. 53-60 e Motta 1995, p. 61-68.

2È noto che l’attuale configurazione urbanistica dell’area è esito degli interventi di demolizione che da piazza Venezia, fiancheggiando le pendici del Campidoglio, giunsero fino a S. Maria in Cosmedin, portando alla creazione dell’arteria stradale attualmente denominata via del Teatro di Marcello e via Luigi Petroselli2(fig. 1).

  • 3 Rossini 1995, p. 115-119.

3In particolare nell’area del teatro di Marcello vennero abbattuti un isolato prospiciente piazza Montanara, oggi scomparsa, e le case che si erano addossate sul lato settentrionale del teatro, dove ora rimane come unica testimonianza del complesso edilizio demolito la cosiddetta Casina dei Vallati3(fig. 2).

  • 4 Per la bibliografia sugli edifici principali e sulla topografia dell’area si vedano le abbreviazion (...)
  • 5 Vedi Coarelli 1997, p. 118-135, mentre per l’epoca Severiana, Sediari 1997, p. 226-230 e 236-237.
  • 6 Per la pompa triumphalis Coarelli 19922, p. 432-437, per la via triumphalis, Coarelli 1997, p. 118- (...)
  • 7 Coarelli 1968, p. 191-209.
  • 8 Il tempio è ricordato sia in Campo che in Circo, Viscogliosi 1995, p. 14 vedi anche Coarelli 1997, (...)
  • 9 A Viscogliosi 1993, p. 49-54. A riguardo si veda il contributo di Bianchini, in questo stesso volum (...)

4Sebbene l’area del teatro di Marcello abbia da sempre appassionato gli studiosi di topografia romana4, la viabilità antica di questo settore dell’urbe è scarsamente nota in quanto sia i ritrovamenti archeologici, sia le indicazioni della Forma Urbis sono esigui e di conseguenza le ricostruzioni dei tracciati viari ipotetici. Ciò nonostante è stata proposta la ricostruzione, per linee generali, di un percorso stradale che sin dall’età repubblicana metteva in comunicazione la zona del Tarentum con la Porta Carmentale5(fig. 3). Questo percorso, ed in particolare il tratto compreso tra il Circo Flaminio e la porta urbica, assumerà poi particolare importanza nella vita pubblica cittadina proprio perché connesso con il trionfo dei generali romani; infatti la strada sarà denominata per questa sua particolare funzione via Trionfale6. Perstabilire con maggiore precisione il tracciato della via Trionfale in età repubblicana nell’area del teatro di Marcello possediamo alcuni capisaldi topografici costituiti da alcuni edifici pubblici da cui però si devono escludere il tempio di Diana e il Theatrum et proscaenium ad Apollinis. Infatti per quanto riguarda il primo (179 a.C.) non sono state rinvenute strutture di questo edificio e pare improbabile che in futuro se ne possano scoprire. Infatti, come per il tempio della Pietas, il tempio di Diana7venne demolito per far posto al teatro di Marcello, per cui è plausibile che il tempio si trovasse proprio nel punto dove venne edificato il teatro, vale a dire non lontano dal tempio di Apollo e di Giunone Regina8. Per quanto riguarda la sua ubicazione in età imperiale le opinioni sono controverse: Filippo Coarelli lo identifica con uno dei due piccoli sacelli raffigurati nel frammento della FUR 31 s alle spalle del teatro di Marcello, mentre Alessandro Viscogliosi sostiene che il culto di Diana in Circo fosse stato ospitato nell’aedes Apollinis in Circo9.

Fig. 1 – Il teatro di Marcello negli anni Trenta del secolo scorso visto piazza Venezia : in primo piano si distinguono le opere per la «liberazione» delle pendici del Campidoglio (da Ciancio Rossetto 1995).

  • 10 Ciancio Rossetto 1999c, p. 31-35.

5Altro elemento che non può essere preso in considerazione nella ricostruzione dei percorsi dell’area è la posizione del Theatrum et proscaenium ad Apollinis ricordato da Livio (Liv. 40.51.3) i cui lavori vennero appaltati da M. Aemilio Lepido nel 179 a.C. Le notizie tramandate dalle fonti sono scarse e se ne può dedurre che solamente la scena fosse costruita, mentre non è escluso che la cavea fosse costituita dalle stesse gradinate dei templi; al momento mancano comunque evidenze archeologiche che possano suffragare tale ipotesi10.

Fig. 2 – Planimetria dell’area del teatro di Marcello con evidenziati in grigio gli isolati demoliti durante i lavori del 1926-1932 (elaborazione da Ciancio Rossetto 1995).

Fig. 3 – Il Campo Marzio meridionale in età tardo repubblicana secondo Coarelli. In grigio sono indicati la platea del tempio di Apollo Medico (A) e il tempio della Pietas (B) e la porta Carmentale C (elaborazione da Coarelli 1997).

  • 11 I risultati delle ricerche sul tempio della Pietas e sul tempio di Apollo Medico sono stati present (...)
  • 12 Una disamina delle implicazioni topografiche a seguito dell’esatta ubicazione del tempio è già in C (...)

6Il tempio di Apollo Medico e il tempio della Pietas costituiscono invece dei capisaldi archeologici certi11(fig. 3). L’ubicazione del tempio della Pietas, del quale è stata rinvenuta solo una piccola porzione del podio, è fondamentale per definire la viabilità in questo settore prima della costruzione del teatro di Marcello, ma anche per stabilire con esattezza il confine tra l’area denominata in circo Flaminio da quella in foro Holitorio12.

  • 13 La platea in blocchi di tufo di Grotta Oscura è stata rinvenuta su entrambi i lati della trincea de (...)
  • 14 I blocchi conservavano superiormente ancora le cavità per le grappe a coda di rondine; lo strato di (...)
  • 15 Plinio ricorda che il tempio della Pietas si trovava ubi nunc Marcelli theatrum est, Naturalis Hist (...)
  • 16 Eadem. Ciancio Rossetto 1994-1995, nota 11 aveva giustamente evidenziato le analogie del profilo de (...)
  • 17 Durante lo scavo dell’Aula Regia del teatro di Marcello nel 1994 si è potuto constatare che il lato (...)

7Le strutture più significative appartengono alla platea e al podio del tempio del quale è stata rinvenuta una piccola porzione dell’angolo posteriore nord-ovest. Del podio si conservano due blocchi modanati della zoccolatura in tufo di Monteverde che presentano una fascia liscia alta 20,5 cm a cui segue una gola rovescia rovesciata molto schiacciata (22,8 cm), per un’altezza totale del blocco di 50,3 cm (fig. 4). Il podio poggia su di un’ampia platea realizzata in blocchi di tufo di Grotta Oscura posti di testa e di taglio di cui alcuni erano stati già asportati in antico13. Il tempio è stato rasato all’altezza della zoccolatura del podio ed in particolare il blocco angolare, di maggiori dimensioni, risulta leggermente ruotato rispetto alla sua posizione originaria14. Tali operazioni sono state messe in relazione con l’opera di smantella mento del tempio della Pietas avviata da Giulio Cesare nel 44 a.C., in previsione della costruzione del teatro, edificato successivamente sotto il principato di Augusto15. La datazione del tempio, in mancanza di stratigrafie associate, può essere definita sulla base della coincidenza dei dati forniti dalle fonti e dal tipo di modanatura, elementi che rimandano entrambi al 181 a.C., data dell’inaugurazione dell’aedes16. Sulla base dei resti del tempio della Pietas emersi dallo scavo possiamo ricostruire l’ingombro dello stesso, che, ultimo dei templi del Foro Olitorio ad essere stato edificato, si adeguò ai precedenti noti nella loro ricostruzione della metà del I sec. d.C.17. Dobbiamo quindi ipotizzare che la fronte del tempio della Pietas si allineasse agli altri templi del Foro Olitorio e che la larghezza, ricostruita sulla base della scoperta dell’angolo posteriore nord-occidentale e delle strutture della platea rinvenute sul lato attiguo al tempio di Giano, fosse di circa 30 piedi (9 m).

Fig. 4 – Platea e parte del podio del tempio della Pietas. Particolare di uno dei blocchi modanati della zoccolatura del podio.

  • 18 Colini 1940b, p. 228-229. Si veda a riguardo anche Viscogliosi 1996, p. 15-24, Ciancio Rossetto 199 (...)
  • 19 I filari hanno un’altezza che varia da 27,5 a 30 cm mentre i blocchi misurano circa 1 × 2 × 3 piedi (...)
  • 20 Delbrück 1903, p. 8-10 e Bianchini in questo stesso volume, p. 527-529.
  • 21 Ciancio Rossetto 1997-1998, p. 181 e Viscogliosi 1996, p. 19.
  • 22 Lugli 1957, p. 311-313, il quale aveva già ipotizzato che nel tempio di Apollo Medico fosse stato i (...)

8Per quanto concerne, invece, il tempio di Apollo Medico, le indagini eseguite nell’area tra il 1997 e il 1999 hanno riportato in luce nuove strutture oltre quelle già scoperte da A. M. Colini nel 194018. Si tratta di una platea-podio alta 7,10 m, esclusa la fondazione, il cui paramento è costituito da blocchi di tufo litoide marrone scuro disposti di testa e di taglio, mentre l’interno è realizzato con blocchi di cappellaccio del Campidoglio (fig. 5-6, in verde)19. L’appartenenza della platea al tempio del 431 a.C. non è attestata da stratigrafie associate ma è avvalorata dall’utilizzo di blocchi di cappellaccio e di tufo litoide delle stesse dimensioni di quelli già individuati e pubblicati dal Delbrück sul lato postico del tempio di Apollo Medico20. L’identificazione del tipo di tufo del paramento è controversa: Paola Ciancio Rossetto ha avanzato l’ipotesi che i questi fossero in tufo di Monteverde anzichè in tufo dell’Aventino, come proposto da Alessandro Viscogliosi21. Ad un esame autoptico, ma soprattutto sulla base delle analisi effettuate dal-l’Istituto Centrale del Restauro, si è avuta la certezza che si tratta di tufo di Monteverde il cui impiego, anche se sporadico, è attestato in alcuni edifici già a partire dal IV secolo a.C.22. Da una parte l’assenza di grappe di legatura tra i blocchi e l’utilizzo del cappellaccio del Campidoglio per la struttura interna, dall’altra l’omogeneità dei materiali impiegati e l’uniformità sia nelle dimensioni che nel sistema di lavorazione del tufo di Monteverde, fa si che il tempio di Apollo Medico costituisca il primo esempio di impiego su larga scala di questo tipo di tufo, il cui uso sistematico era finora documentato solo in monumenti datati a partire dal III-II sec. a.C.

  • 23 Non si può stabilire se la platea in questo tratto presentasse setti ortogonali ai lati lunghi o se (...)
  • 24 Il riutilizzo da parte del tempio Sosiano delle strutture di quello precedente si è riscontrata in (...)
  • 25 Il podio-platea presentava a partire dal basso almeno un filare in blocchi sbozzati in cappellaccio (...)

9La platea era larga 21,45 m mentre la lunghezza totale è ignota (lungh, mas. 38,20 m), in quanto il lato meridionale è stato tagliato dalle fondazioni del teatro di Marcello. Le indagini eseguite all’interno della platea hanno rilevato che lo spessore del muro orientale era di 2,50 m, mentre quello del lato occidentale, del quale sono stati portati alla luce solo alcuni limitati tratti, sembra essere stato di 5,70 m (fig. 5). I saggi eseguiti tra questi due muri non hanno messo in luce altre strutture appartenenti alla stessa fase23, tranne una fondazione in blocchi di cappellaccio orientata est-ovest posta in corrispondenza della fondazione della fronte del tempio di Apollo Sosiano, che impiega blocchi uguali per dimensione e lavorazione a quelli già rinvenute sui lati lunghi. La constatazione che la fondazione sia stata inglobata da quella del tempio di Caio Sosio avvalora l’ipotesi di Alessandro Viscogliosi secondo la quale la fronte del tempio più antico si trovava in corrispondenza di quella del tempio di età augustea24e che pertanto il tempio di Apollo Medico era largo 21,45 m (72 piedi) e lungo 25,05 m (85 piedi) e si ergeva su di un podio alto 7,10 m (24 piedi)25.

  • 26 Per una disamina dei principali assi viari nel campo Marzio meridionale vedi Coarelli 1997, p. 14-1 (...)
  • 27 Il lato meridionale della platea del tempio di Apollo Medico venne tagliata dalla fondazione del te (...)
  • 28 Per il percorso della via Trionfale in età imperiale nell’area del Foro Olitorio vedi Le Pera, D’El (...)

10Edifici vincolanti nel definire il percorso medio e tardo repubblicano della via Trionfale nell’area del teatro di Marcello sono oltre il tempio di Apollo Medico (431 a.C.) e il tempio della Pietas (181 a.C.) anche il portico di Metello (143 a.C.), e la porta Carmentalis. Si può ipotizzare che la strada proveniente dall’area del Circo Flaminio, con percorso parallelo alle facciate dei templi di Giove Statore e Giunone Regina, e diretta verso la porta Carmentale26, in assenza del teatro di Marcello, dovesse lambire il lato meridionale della platea del tempio di Apollo Medico27, e poco dopo piegare verso sud, prima del tempio della Pietas, per dirigersi verso la porta urbica (fig. 3). È probabile che in questo ultimo tratto la strada di età imperiale abbia ricalcato il percorso della via Trionfale di età repubblicana, e che quindi anche questa lambisse il Foro Olitorio sul quale prospettavano i quattro templi28. È verosimile ipotizzare che le variazioni di percorso tra la viabilità d’età repubblicana e quella d’età imperiale siano state, ove possibile, contenute per ovvi motivi legati alla necessità di lasciare inalterati il più possibile gli antichi percorsi processionali, e che i cambiamenti, quando ci siano stati, siano stati imposti dalla costruzione di nuovi edifici che interferivano con la viabilità preesistente.

  • 29 La Rocca 1993a, p. 17.
  • 30 Idem 1993a, p. 17. La Rocca ritiene che il passaggio tra il teatro e il portico d’Ottavia sia legge (...)

11La costruzione del teatro di Marcello prima, la riedificazione del «Perrirhanterion» e la costruzione del tempio di Apollo Sosiano dopo, tutte attività riconducibili all’epoca augustea, interferirono con la rete stradale preesistente. Di conseguenza anche la via Trionfale si dovette adeguare alle nuove presenze monumentali, perdendo il suo tracciato linearità ed ampiezza, sottoposto come era a passaggi angusti, come ad esempio quello tra lo spigolo sud-ovest del Portico di Ottavia e il teatro di Marcello, dove lo spazio per il passaggio si riduceva a circa 2,5 m (fig. 7, A)29. Lo spazio per il transito diventava ancora più esiguo, pochi metri più a est dove lo scavo, ha rimesso in luce la fondazione del monoptero, evidenziando così che l’ampiezza utile per il passaggio tra questo e il tempio di Apollo superava di poco i 2 m, risultando così del tutto inadeguato per il transito del corteo trionfale (fig. 7, B). È evidente quindi che a partire dall’epoca augustea la pompa trionfale non poteva più transitare da questa parte ma presumibilmente, come è stato già ipotizzato, passasse all’interno del teatro di Marcello30.

Fig. 5 – Pianta dell’area antistante il teatro di Marcello indagata negli anni 1996-1998. In grigio il podio dei templi di Apollo e Bellona; in verde scuro i resti della platea del tempio di Apollo Medico; in viola le strutture inblocchi di tufo di Grottaoscura, in verde chiaro la pavimentazione romana, in rosa la prima pavimentazione tardo antica; in giallo la seconda pavimentazione tardo antica; in marrone le fognature; in beige la fondazionedel monoptero; in celeste la fondazione a plinti e in rosso la struttura a tufi con inserita la fistula di piombo. (da Ciancio Rossetto 1997-1998 elaborazione M. Vitti e P. Vigliarolo).

Fig. 6 – Sezione est-ovest dell’area di scavo. Alle strutture sono state assegnati gli stessi colori della pianta riprodotta nella fig. 5. Con la freccia è indicato l’avvallamento sulla pavimentazione provocato dal crollo di una delle colonne del pronao visibile nella fig. 13 (da Ciancio Rossetto 1997-1998 elaborazione M. Vitti e P. Vigliarolo).

  • 31 De Nuccio 2007, Campese Simone 2004, e Tortorici 1989-90, p. 31-34.

12La viabilità, così come viene ridisegnata dai nuovi programmi edilizi della prima età imperiale, non sembra subire sostanziali variazioni fino alla tarda antichità sopravvivendo, anche in parte, in epoca altomedievale31.

13In epoca augustea l’area compresa tra i templi di Apollo e Bellona e il teatro non manterrà le caratteristiche di una strada ma assumerà la connotazione di un’ampia piazza lastricata, la cui pavimentazione, è l’esito di più interventi nel tempo. Le pendenze del lastricato furono progettate in maniera tale che le acque piovane confluissero attraverso caditoie nel grande collettore fognario anulare che fiancheggia la platea di fondazione del teatro (fig. 8, A).

  • 32 Nota, De Nuccio 1986, p. 389-392.
  • 33 Fidenzoni 1970, fig. 81 e Ciancio Rossetto 1999c, p. 319 fig. 19 rilievo del Fidenzoni.

14Parte del complesso ed efficiente sistema di raccolta delle acque è stato messo in luce nel corso degli ultimi decenni. In particolare negli anni ottanta del secolo scorso alcuni saggi eseguiti nei fornici e nell’ambulacro del teatro32 ne hanno individuato parte del sistema di smaltimento delle acque. Si tratta di adduzioni fognarie che raccoglievano l’acqua dalla cavea e passando per i fornici si immettevano nel collettore fognario anulare che correva all’esterno del teatro con andamento parallelo a questo. La cloaca oltre ad essere documentata nei disegni del Fidenzoni33ed essere stata rilevata in occasione dei saggi di scavo sopra menzionati, è stata pure rimessa in luce in più punti durante le indagini eseguite nell’area tra il 1995 e il 1997. In tale occasione si è potuto appurare che il collettore, di considerevoli dimensioni (alt. 1,27 m e larg. 0,75 m), era coperto con una volta in conglomerato cementizio e il suo riempimento, dove è stato indagato, risaliva agli anni Trenta del secolo scorso.

  • 34 Il riempimento della caditoia era costituito da uno strato di terra argillosa contenente una discre (...)

15In particolare a nord-ovest del saggio eseguito negli anni ottanta del Novecento, all’altezza del fornice 7, in un settore ove manca la pavimentazione, è stato eseguito nel 1995 un saggio in profondità finalizzato all’individuazione del sito della Columna Bellica (fig. 8, B). Dopo l’asporto del riempimento moderno si è portato alla luce una gettata costituita da frammenti di marmo, di travertino e di tufo legati con malta grigia assai friabile relativa alla preparazione pavimentale della pavimentazione tardoantica. La gettata sigillava in parte, obliterandola, una caditoia all’incirca rettangolare (2,30 × 0,87 × 2,20 × 0,95 m) con le pareti rivestite in cocciopesto e cordolo sul fondo. La pendenza della caditoia è in direzione della fogna anulare del teatro di Marcello con la quale comunica tramite un ampio passaggio arcuato (1,27 × 0,72 m) anch’esso rivestito in cocciopesto. Essa è stata realizzata contemporaneamente al teatro poiché impiega la medesima opera reticolata costituita da cubilia di 8 × 8/9 × 9 cm e malta pozzolanica rossa34.

  • 35 Le spallette sono realizzate con mattoni triangolari rossi e gialli di 25-27 cm di lato, spessi 4 c (...)

16Un’altra conduttura fognaria che confluiva sempre nel collettore anulare intorno al teatro è quella rimessa parzialmente in luce durante lo scavo eseguito nell’area compresa tra il tempio di Apollo e Bellona. In particolare sono stati scoperti due tratti distinti dello stesso collettore (largh. 0,45 m, alt. mas. 0,50 m); uno tra lo spigolo sud-est del tempio di Apollo e il lato occidentale del tempio di Bellona e l’altro a ridosso del lato orientale della platea del tempio di Apollo Medico (fig. 5, in marrone e 8, C). Il primo tratto è orientato est-ovest, ed è ricavato in una struttura precedente in blocchi di tufo, poi il collettore piega ad angolo retto assumendo un andamento nord-sud ed è realizzato in cortina laterizia con il piano di scorrimento in bipedali gialli35. A questo tratto è allineato un altro conservato a ridosso della platea del tempio di Apollo Medico di cui si conserva solo parte della spalletta occidentale foderata in laterizio.

Fig. 7 – Planimetria dell’area del teatro di Marcello con evidenziati i due passaggiin corrispondenza dello spigolo del portico di Ottavia (A) e del monoptero (B) el’area dello scavo eseguito nel 1957 tra il tempio di Apollo e Bellona (C)(elaborazione da Viscogliosi 1996).

Fig. 8 – Planimetria dell’area del teatro di Marcello con la rete stradale e fognaria ricostruita (a tratto continuo i tratti rinvenuti a tratteggio quelli ricostruiti). L’ingresso laterale al portico d’Ottavia dall’area del teatro Marcello è indicato con la lettera H mentre quello ipotizzato in corrispondenza del portico con la lettera G (M. Bianchini e M. Vitti).

  • 36 Virgili 1985, p. 363, fig. 85-87. Il tratto conservato è esiguo ma sufficiente per constatare che l (...)
  • 37 Cfr. Bianchini in questo stesso volume p. 529-535.
  • 38 Purtroppo l’area non è più ispezionabile e il corridoio è stato chiuso in epoca moderna in corrispo (...)
  • 39 Il riempimento della fogna scavata nel 1998 è moderno; forse è da ricollegare con le indagini arche (...)

17Si tratta di una fognatura il cui percorso può essere ricostruito interamente: a sud si immetteva nel collettore principale del teatro di Marcello mentre a nord il ramo orientato est-ovest presumibilmente si ricollegava con un altro ramo fognario, orientato nord-sud, posto tra il tempio di Apollo e Bellona di cui è stato rimesso in luce un tratto nel 1957 durante la realizzazione di una fognatura moderna36(fig. 8, D e 9). Da quanto si può dedurre dalla pianta e dalla sezione pubblicate all’epoca si tratta di una fogna a cappuccina della larghezza di circa 0,45 m, vale a dire con le medesime dimensioni del tratto scavato nel 1998, che però presenta la particolarità di correre esattamente al di sotto dei blocchi di rivestimento del podio del tempio di Bellona (fig. 8, D). Nella stessa sezione si può constatare che nel tratto settentrionale della trincea vennero rimesse in luce pure delle murature in opera mista (laterizio e reticolato) simili a quelle rinvenute nel corridoio posto al di sotto del portico (fig. 9)37. Non siamo in grado di stabilire, per l’esiguità della documentazione, se queste strutture possano essere messe in relazione con la fogna oppure, più plausibilmente, possano appartenere al corridoio sottostante al portico facente parte delle opere di cantiere realizzate in epoca augustea38. La fognatura non sembra appartenere ad un’unica fase costruttiva: infatti il ramo scavato nel 1957 proprio per essere posto al di sotto dei blocchi di rivestimento del podio di Bellona deve essere ritenuto coevo al tempio, mentre il tratto individuato più a sud è posteriore e può essere datato, sulla base delle caratteristiche costruttive, alla media età imperiale39.

Fig. 9 – Pianta e sezione dei resti rinvenuti tra il tempio di Apollo e di Bellona nel 1957 la cui posizione è indicata con la lettera C nella fig. 7 (da Virgili 1985).

  • 40 Per le caratteristiche, la funzione e la datazione del condotto vedi A. Pollio, L’intervento di sca (...)

18Sul lato orientale del tempio di Bellona esisteva un altro condotto per la raccolta delle acque meteoriche che però apparentemente presenta caratteristiche costruttive e dimensioni differenti da quelle delle canalizzazioni finora descritte. La canaletta (largh, 0,40 m prof. 0,10 m), rinvenuta in un saggio praticato sotto S. Rita per un tratto molto limitato, era costituita da due blocchi di travertino affiancati con foro circolare centrale per il deflusso delle acque nella sottostante fognatura40. La canaletta correva lungo il margine orientale del podio del tempio di Bellona ed è allineata con altri due tratti riportati nella pianta dell’area redatta da A. Caldani che probabilmente costituiscono la prosecuzione del tratto individuato sotto S. Rita (fig. 7-8, E). La datazione del condotto viene fissata nell’ambito del rifacimento del tempio di Bellona del 5-15 d.C.; il suo percorso oltre lo spigolo sud-est del tempio e il suo eventuale collegamento con la fogna anulare del teatro di Marcello non è ancora accertato (fig. 8).

19Un’altra fognatura è stata individuata presso l’angolo sud-occidentale del tempio di Apollo. Il tratto indagato è limitato, inoltre lo stato di conservazione è assai compromesso il che ne rende problematica la datazione (fig. 5, in marrone e 8, F). Il condotto risulta essere stato ricavato entro strutture precedenti che sono state resecate creando una canalizzazione larga tra i 50 e i 55 cm con un andamento irregolare. È presumibile comunque che questa fogna fiancheggiasse il lato occidentale del tempio per confluire poi nel grande collettore del teatro di Marcello.

  • 41 L’ubicazione di questa fogna risulta anomala in quanto posta in corrispondenza dei blocchi di rives (...)

20È ancora difficile stabilire con certezza quale fosse la funzione delle fognature rinvenute lungo i lati lunghi dei due templi in quanto non conosciamo del tutto i loro percorsi e soprattutto non è noto in quale maniera le acque venissero convogliate dal piano di calpestio nei condotti. Tuttavia è assai verosimile che le fognature fossero destinate alla raccolta delle acque degli spioventi dei due templi e della copertura del portico (fig. 8). In particolare la canalizzazione tra i templi di Apollo e Bellona, se confermata la sua funzionalità nel tempo41, era di fondamentale importanza poiché costituiva l’unica maniera per smaltire le acque dall’area compresa tra i due templi. Infatti questo spazio, lastricato in epoca domizianea, era privo di uno sbocco verso la piazza antistante perché chiuso dalle strutture della scala laterale del tempio di Apollo Sosiano (fig. 8).

  • 42 Le pendenze dei piani di calpestio sono congrue all’esigenza di convogliare le acque verso il teatr (...)

21Appare plausibile che l’intero sistema di smaltimento delle acque che raccoglieva, come abbiamo visto, non solo quelle della piazza ma anche quelle dei templi di Apollo e Bellona, e del teatro di Marcello faceva capo alla grande fogna anulare del teatro. Non è ancora noto come questo collettore fognario scaricasse l’acqua nel Tevere; probabilmente doveva essere a sua volta collegato al fiume mediante una grande cloaca42.

  • 43 L’attenzione fu subito attirata dalla decorazione architettonica e scultorea del tempio di Apollo S (...)

22La pavimentazione intorno al teatro, riportata in luce già durante i lavori di liberazione dell’area nel secolo scorso e rimasta in gran parte visibile fino al 2000, non ha mai richiamato l’attenzione degli studiosi, forse perché considerata di minor importanza rispetto alle eclatanti scoperte effettuate nell’area43. Ad una prima analisi appare subito evidente che la superficie della piazza è costituita da differenti tipologie di rivestimento, esito di diversi interventi.

  • 44 Le dimensioni delle lastre sono abbastanza variabili e oscillano tra1,40-1,20 × 0,70-0,60 m mentre (...)
  • 45 Diverso sembra l’orientamento del tratto, molto esiguo, rinvenuto presso l’angolo sud-ovest del tem (...)

23Le lastre rettangolari e quadrangolari di travertino rinvenute in superfici limitate tra il tempio di Apollo e di Bellona, presso l’angolo sud-est del tempio di Apollo e a ridosso del perimetro esterno del teatro di Marcello appartengono alla fase romana, e sono da ricondurre all’epoca augustea (fig. 5, in verde chiaro e 10). Ad una datazione contemporanea agli edifici augustei inducono la loro quota, la tessitura, il tipo di materiale utilizzato e le dimensioni delle lastre44. Le lastre adiacenti al teatro ne seguono il profilo, mentre quelle rinvenute tra i templi risultano quasi ortogonali ai podi45(fig. 5 e 10).

  • 46 Tale pavimentazione non è stata ancora rilevata completamente; nella pianta (fig. 5) è riportato so (...)
  • 47 Sporadicamente sono impiegati anche il marmo Lunense e il Cipollino, a quest’ultima varietà apparti (...)
  • 48 Dopo i lavori effettuati nell’area in occasione del Giubileo del 2000 gran parte della superficie p (...)
  • 49 La Rocca 1980-81, p. 60, La Rocca 1985, p. 17-18 e Viscogliosi 1996, p. 4. Dalle fonti è ricordato (...)

24La pavimentazione a tessitura irregolare realizzata con elementi di reimpiego, prevalentemente lastre di travertino di diverse dimensioni, ma anche frammenti di marmo e basoli appartiene invece ad un’epoca assai più tarda ma mantiene la stessa quota di posa di quella precedente (fig. 5, in rosa, 11, 12). Si possono riconoscere nell’ambito di questa pavimentazione due differenti tipologie: la prima, molto più estesa, è stata rimessa in luce nel tratto compreso tra il tempio di Bellona e il tempio di Giano, ed è realizzata quasi esclusivamente con lastre di travertino di reimpiego tessute irregolarmente a causa delle differenti dimensioni delle lastre, anche se comunque mantiene una certa ortogonalità rispetto al teatro ed impiega solo sporadicamente qualche basolo (fig. 5,11)46. La pavimentazione invece conservata tra il tempio di Apollo e il teatro è costituita da travertini e marmi bianchi di riutilizzo con una preponderanza, in quest’ultimo caso, del Proconneso47, e con un maggior impiego di basoli; la tessitura è ancora più irregolare con diffuse rinzaffature tra le lastre realizzate con materiali diversi (travertino, marmo, selce) (fig. 12). Possiamo cercare di circoscrivere la cronologia di queste pavimentazioni, in attesa della pubblicazione dei dati di scavo, basandoci sul fatto che nel tratto di pavimentazione antistante il tempio di Apollo vennero rinvenute, durante gli sterri degli anni Trenta del secolo scorso, parte delle colonne della fronte in posizione di crollo direttamente poggiate sulla pavimentazione, e addirittura si è potuto riconoscere ancora sul lastricato l’avvallamento causato dalla caduta di uno dei fusti della facciata del tempio di Apollo48(fig. 6 e 13). La pavimentazione quindi è anteriore al crollo della facciata del tempio avvenuta nell’ambito del V sec. d.C.49, ed oblitera anche, ricoprendolo, il basamento del monoptero, che quindi già in quest’epoca doveva essere stato smantellato. L’eterogeneità dei materiali utilizzati e la stessa tessitura dei frammenti lapidei indicano inequivocabilmente che questa parte di pavimentazione venne eseguita in epoca tardoantica. Successivo a questa è un altro piano pavimentale individuato solo a est della fondazione del monoptero, il quale si sovrappone a quello in lastre di travertino. Esso è costituito da un piano in scaglie di travertino (prevalenti) e marmo bianco allettate su di una gettata in malta rossa con inserite saltuariamente alcune lastre di travertino di reimpiego (fig. 5, in giallo e 11). Si tratta probabilmente del restauro di alcuni tratti del precedente pavimento nei punti nei quali si era avvallato così da rendere necessario ripristinare le originarie pendenze per il deflusso delle acque piovane mantenendo comunque lo stesso livello del piano di calpestio di epoca romana. La cura nella manutenzione della piazza, la sua parziale obliterazione a seguito del crollo della fronte del tempio di Apollo, l’assenza di ceramica altomedievale nello strato di allettamento della pavimentazione, lasciano ipotizzare che il piano della piazza in lastre lapidee irregolari e in scaglie di travertino possa essere stato realizzato prima del V secolo d.C.

Fig. 10 – La pavimentazione romana in lastre di travertino conservata lungo l’ambulacro del teatro di Marcello e tra il tempio di Apollo Sosiano e il tempio di Bellona.

Fig. 11 – La pavimentazione altomedievale nel tratto compreso tra il tempio di Bellona e il tempio di Giano. In primo piano si riconosce il rifacimento del piano in scaglie di travertino e marmo; le frecce indicano gli elementi lapidei che la delimitavano sul lato orientale.

Fig. 12 – La pavimentazione tardoantica tra il tempio di Apollo Sosiano e il teatro di Marcello realizzata con materiali lapidei di recupero.

Fig. 13 – Gli elementi architettonici del tempio di Apollo Sosiano ancora in posizione di crollo direttamente poggianti sulla pavimentazione tardoantica. La freccia indica la colonna del pronao in posizione di crollo (da Ciancio Rossetto 1997-1998).

  • 50 Il portico presenta lo stesso orientamento del tempio di Bellona e di Apollo, vale a dire si alline (...)
  • 51 Questa larghezza si riferisce alla carreggiata della strada di epoca tardoantica.

25Il limite orientale dell’area lastricata si è potuto definire a seguito dei lavori di sistemazione eseguiti in occasione del Giubileo del 2000, quando è stato realizzato uno scavo sul lato est del tempio di Bellona mettendo in luce la prosecuzione del portico e rinvenendo un basolato stradale, tuttora visibile (fig. 14, 15). Ciò ha permesso di definire i limiti della piazza sul lato orientale e di ricostruire, per lo meno a partire dall’età imperiale, la viabilità lungo le pendici del Campidoglio nel tratto compreso tra l’area del teatro di Marcello e l’area sacra di S. Omobono. La strada presenta un orientamento NE-SO, risultando così divergente dal portico che la separa dal lato orientale del tempio di Bellona50. Il basolato è conservato per una larghezza massima di circa 5,20 m ma presumibilmente la carreggiata era almeno di 9 m51. Il tratto settentrionale si trova ad una quota di 14,98 m s.l.m. mentre il tratto conservato più a meridione giace ad una quota di 14,60 m s.l.m.; vale a dire la strada scendeva verso il foro Olitorio adeguandosi all’orografia della zona con una pendenza del 6% circa. La tessitura del basolato non è omogenea: il tratto settentrionale meglio conservato, è costituito esclusivamente da basoli di selce con frammenti di travertino, di selce e di marmo tra i giunti, a formare comunque un piano di calpestio abbastanza omogeneo e regolare (fig. 15-16). Il tratto centrale ma soprattutto quello meridionale risultano invece dissestati, forse anche per le profonde fosse che lo hanno intaccato, con una maggiore quantità di frammenti di travertino tra i giunti dei basoli e con due lastre di travertino impiegate come lastre pavimentali. In alcuni casi le lacune del basolato sono state integrate con un piano costituito da un battuto di frammenti di laterizi, travertini e marmi (fig. 1516). Su più basoli sono riconoscibili tracce di erosione causate dal passaggio dei carri, ma solo in un caso queste sono allineate tra loro e quindi riconducibili all’intenso utilizzo di questo tratto stradale da parte dei carriaggi (fig. 14 E).

  • 52 Gli scavi sono stati eseguiti da P. Maisto sotto la direzione scientifica di P. Ciancio Rossetto.
  • 53 Tracce di usura dovute al passaggio di carri si riconoscono pure su basoli isolati con solchi che p (...)

26Il basolato stradale si trova ad una quota superiore a quella del porticato laterale, il che indica che il piano stradale appartiene ad un’epoca posteriore a quella del portico (fig. 15, 17). Possiamo supporre, in attesa della pubblicazione dei dati di scavo52, che il basolato sia da collocare all’età imperiale avanzata o addirittura ad tardo impero. Ad una considerazione di questo tipo induce il fatto che il manto stradale è costituito da basoli di reimpiego53 e che anche il materiale impiegato tra i giunti è molto vario con una discreta quantità di frammenti marmorei tra cui lastrine di serpentino e porfido rosso (fig. 16). L’utilizzo prolungato nel tempo di questo livello stradale è attestato dai solchi dei carri e dai numerosi interventi di restauro finalizzati al livellamento del piano stradale (fig. 16).

27Tra il basolato e i pilastri del portico si sono rinvenuti dei blocchi di travertino di reimpiego di diverse dimensioni, alcuni anche di 2 m di lunghezza, disposti con il lato lungo parallelo alla strada. Questi si trovano alla medesima quota del basolato, e quindi 40 cm circa al di sopra della quota di spiccato delle basi del portico (fig. 14 C, 15 C e 17). I blocchi sono grossolanamente allineati tra di loro e presentano un orientamento divergente dall’asse del portico mentre sono paralleli a quello della strada (fig. 14). È probabile che costituissero un elemento di contenimento del bordo occidentale della strada o una specie di grossolana crepidine realizzata contemporaneamente al basolato.

  • 54 Il tratto di basolato visibile fino al 2000 a ridosso del muro di contenimento verso via Teatro di (...)

28È interessante notare che prolungando l’allineamento di questi blocchi in travertino verso il foro Olitorio se ne ritrovano altri lungo il tracciato: due in corrispondenza dell’attuale rampa di accesso all’area archeologica (fig. 14 A, 15 A, 18), e altri inglobati nel muro di recinzione in corrispondenza dello spigolo meridionale del teatro di Marcello (fig. 15 B, 18). Analizzando nel dettaglio questi resti si può constatare che il primo insieme è costituito da un blocco di 2 × 1m e da un altro affiancato di 0,83 × 0,78 m entrambi in travertino (fig. 18). Il secondo gruppo di blocchi è costituito da uno in travertino lungo 1,45 m, il quale poggia in parte su di una lastra di travertino e in parte su terra, e da un frammento di fusto di colonna liscia in marmo bianco (diametro 0,24 m) a cui seguono, verso sud, altri frammenti di minori dimensioni in marmo e in travertino (fig. 18). Questi tre rinvenimenti presentano caratteristiche simili in quanto impiegano materiale di reimpiego, con forti analogie dimensionali tra i blocchi dei due insiemi più settentrionali. Sulla base dei lati conservati dei blocchi di travertino dei due gruppi più meridionali, che si trovano alla stessa quota, si deduce che questi avevano lo stesso orientamento e quindi erano allineati tra loro. Tutti questi elementi lasciano presumere che si possa trattare del margine di separazione tra la strada basolata e la piazza antistante il teatro di Marcello, e che forse anche in questo caso gli elementi lapidei erano stati impiegati con funzioni di contenimento della carreggiata stradale. Le differenze altimetriche esistenti tra i diversi resti individuati sono dovute al fatto che la strada era in pendenza, mentre il diverso orientamento tra quelli rinvenuti a lato del basolato e il tratto intermedio è dovuto al fatto che la strada proprio in corrispondenza dei blocchi di travertino ubicati presso la rampa moderna di accesso all’area archeologica curvava per potersi così allineare con il tratto rettilineo antistante il foro Olitorio. L’orientamento della strada oltre ad essere determinato dai blocchi di travertino posti sul margine è confermato anche dal solco causato dal passaggio dei carri; tutti elementi tra loro coincidenti che confermano l’orientamento nordest-sudovest della strada nel tratto che fiancheggia il tempio di Bellona54(fig. 14).

Fig. 14 – Pianta dei resti rinvenuti sul lato orientale del tempio di Bellona durante la campagna di scavo del 2000; a tratteggio il percorso ricostruito della strada. Con la lettera A sono indicati i due blocchi di travertino che separavano la strada dalla piazza; con la lettera B la fondazione Ottocentesca che ingloba un muro in opera vittata; con la lettera C i blocchi in travertino del margine occidentale della strada; con la lettera D il pilastro in laterizio rinvenuto sul lato orientale del basolato e con la lettera E il solco causato dal passaggio dei carri.

Fig. 15 – Panoramica della strada e del portico rinvenuti sul lato orientale del tempio di Bellona. Con la lettera A sono indicati i due blocchi in travertino ubicati presso la rampa di accesso all’area, con la lettera B gli elementi lapidei inglobati nel muro di ontenimento moderno e con la lettera C quelli posti tra il portico e il basolato.

Fig. 16 – Particolare dei frammenti lapidei impiegati tra i giunti dei basoli e particolare del restauro antico del piano stradale.

29È interessante notare che il basolato, ma soprattutto gli elementi lapidei a margine di questo, possono essere messi in relazione con i resti rinvenuti nel 1991 davanti alla chiesa di

  • 55 Sulla base dei rilievi pubblicati (Severini 1994, p. 238-239, tavv. X-XI) sembrerebbe che i blocchi (...)
  • 56 Da notare che le dimensioni di questi blocchi sono all’incirca le medesime di quelle rinvenuti nell (...)
  • 57 Pisani Sartorio, Colini, Buzzetti 1986, p. 184-187.

30S. Nicola in Carcere55. In tale occasione vennero rimessi in luce alcuni grossi blocchi di travertino rettangolari e quadrangolari di lunghezza variabile da 1,10 m a 2,30 m56. Sulla base di questi rinvenimenti, interpretati come parte di un marciapiede, S. Le Pera e L. Sasso d’Elia hanno ritenuto che vi fossero elementi sufficienti per ricostruire una carreggiata larga tra i 10 e i 12 m fiancheggiata da marciapiedi larghi 6 m, per lo meno sul lato orientale (fig. 19). La strada, il cui percorso è stato ricostruito sulla base dei documenti di archivio analizzati e pubblicati da C. Buzzetti, proseguiva oltre la porta Carmentale fino a Bocca della Verità57.

Fig. 17 – I blocchi di travertino a delimitazione del basolato e i pilastri in travertino del ato orientale del portico. La quota di rasatura delle basi corrisponde alla quota del basolato.

  • 58 Lanciani, 1876, p. 138 e Lanciani 1988, tav. XXVIII nella quale l’ubicazione del basolato è solo in (...)

31L’esistenza di una strada tra il basolato rinvenuto presso il tempio di Bellona e i resti individuati davanti alla chiesa di S. Nicola in Carcere è avvalorata anche da Rodolfo Lanciani che ricorda come nel 1876, eseguendosi una trincea per un fognatura in via Montanara, si rinvenne un basolato lungo 50 m tra piazza Montanara e l’area dei templi del foro Olitorio58. Si conferma quindi l’esistenza di un’arteria stradale larga all’incirca 10 m tra il tempio di Bellona e la porta Carmentale che rimase in uso fino al periodo altomedievale senza variazioni sensibili di quota e di larghezza della carreggiata. Questa strada era fiancheggiata sul lato ovest dalla piazza del foro Olitorio e da quella del teatro di Marcello, mentre su quello opposto era delimitata dall’edificio con pilastri in travertino di cui sono ancora visibili i resti sul lato occidentale di via Teatro di Marcello.

  • 59 Colini 1941, p. 385 – 393. La datazione dell’insula è stata fissata sulla base dei bolli laterizi i (...)
  • 60 Gran parte della sede stradale venne occupata da una calcara circolare (fig. 8 I).

32La viabilità a nord dei templi di Apollo e Bellona si può ricostruire sulla base dei dati emersi a seguito delle demolizioni e gli sterri operati tra il 1937 e il 1940 a nord dei due templi. All’epoca, oltre ai resti del portico, che corre parallelo ai lati posteriori dei templi di Apollo e Bellona, si rinvennero anche le strutture di un’insula datata alla prima metà del I sec. d.C. Il fabbricato era separato dal portico da un percorso pavimentato in lastre di travertino (fig. 8)59mentre il lato settentrionale dell’insula era delimitato da un altro percorso60che convergeva con il precedente in un’area aperta, anch’essa lastricata, delimitata a ovest da alcuni ambienti in laterizio addossati al portico di Ottavia e a sud dal portico dei templi di Apollo e Bellona (fig. 8). Le pavimentazioni erano costituite in prevalenza da lastre in travertino e marmo, rettangolari e quadrangolari di differenti misure tessute in maniera disomogenea, il che fa pensare che anche in questo caso, come per l’area antistante il teatro di Marcello, si trattasse di una pavimentazione eseguita in epoca tarda.

  • 61 Si conservano alcuni blocchi di tufo dello stipite e la soglia di una porta. Cfr. Viscogliosi 1996, (...)
  • 62 Si dovrebbe quindi ipotizzare la presenza di un’ulteriore apertura nel muro perimetrale del Portico (...)

33Sembra plausibile che i due percorsi che delimitavano su due lati l’insula si ricollegassero alla strada scoperta sul lato orientale del tempio di Bellona. L’ampiezza e il tipo di pavimentazione, nonché il fatto che i due percorsi fossero senza uscita, in quanto entrambi interrotti dal muro perimetrale del portico di Ottavia, indicano che si trattava di collegamenti pedonali, funzionali all’accesso all’area postica dei templi di Apollo e Bellona e posti forse in relazione ad un ingresso secondario al portico d’Ottavia (fig. 8 G). A riguardo bisogna segnalare che all’interno dei sotterranei dell’Albergo della Catena è conservata, nel punto di contatto tra il tempio di Apollo Sosiano con il portico di Ottavia, parte di un’apertura nel muro perimetrale del portico di Ottavia61(fig. 8 H). Questo accesso, anche se testimonia l’esistenza di ingressi secondari sul lato meridionale del portico di Ottavia, non può essere tuttavia messo in relazione con i percorsi stradali appena descritti62. Infatti lo spigolo nord-est del tempio di Apollo si appoggiava al muro perimetrale del portico di Ottavia impedendo così il passaggio lungo questo lato del tempio. Quindi la porta conservata è da mettere in relazione con un ingresso al portico d’Ottavia che avveniva dall’area di risulta esistente tra il tempio di Apollo Sosiano e il portico d’Ottavia antistante il teatro di Marcello.

Fig. 18 – Particolare degli elementi lapidei, relativi al bordo della strada, rinvenuti presso la rampa di accesso all’area archeologica e inglobati nel muro di contenimento moderno lungo via Teatro di Marcello.

  • 63 Le dimensioni della carreggiata, ma anche l’usura del manto stradale, indicano inequivocabilmente c (...)
  • 64 Il rinvenimento è riportato nella Forma Urbis di Lanciani 1988, tav. XXI e nella carta archeologica (...)
  • 65 Rodriguez Almeida 1981, tav. XXIII. Per la ricostruzione del quartiere a est della Crypta Balbi ved (...)
  • 66 Per la via Lata in generale J. R. Patterson 1999a, p. 135-137; J. R. Patterson 1999b, p. 139. Gli s (...)
  • 67 Per il ritrovamento del basolato di questa strada Lega 1999, p. 51-52; l’argomento è stato ripreso (...)
  • 68 La Rocca 2006, p. 139-143 per un esame della viabilità nell’ambito della valle dei Fori Imperiali m (...)
  • 69 Gallitto 1999, p. 295 e La Rocca 2006, p. 139-140.

34La strada basolata a lato del tempio di Bellona proseguiva verso nord intersecando il percorso pedonale appena menzionato, in corrispondenza del quale63piegava verso est seguendo le pendici del Campidoglio, fino a ricollegarsi con la via Lata (Flaminia) (fig. 19). Non vi sono evidenze archeologiche che ne attestino l’esistenza, ma lo stesso orientamento delle strutture romane rimesse in luce lungo le pendici del Campidoglio sembrano avvalorare questa ipotesi, in quanto presentano orientamenti diversificati (fig. 19). Infatti gli edifici posti alla base del Campidoglio assumono in corrispondenza del foro Olitorio un orientamento nordest-sudovest, risultando così perfettamente ortogonali ai resti della strada scavata nel 1991, mentre in corrispondenza dell’area del teatro di Marcello assumono un orientamento est-ovest, ortogonale anche qui al basolato scavato nel 2000, mentre in direzione di piazza Venezia le strutture ruotano ulteriormente assumendo un orientamento nordovest-sudest. Quale fosse con precisione il percorso della strada tra il tempio di Bellona e la via Lata non è noto; il proseguimento fino a piazza Venezia si può ricostruire comunque grazie ad un basolato rinvenuto davanti all’insula dell’Ara Coel64(fig. 19, 4) ma indirettamente anche da una strada, documentata nella Forma Urbis Romae65che, attraverso il quartiere a est della Crypta Balbi, convergeva verso la nostra arteria. Il percorso presumibilmente incrociava la via Flaminia66in corrispondenza della scalinata dell’Altare della Patria, dove la via Lata intersecava anche l’antico vicus Pallacinae, il cui percorso è ricalcato all’incirca dall’attuale via di San Marco (fig. 19, 2)67. L’incrocio tra la via Flaminia, il vicus Pallacinae, il clivio Argentario e la strada proveniente dal teatro di Marcello formavano quindi un quadrivio; snodo di estrema importanza per la viabilità in questo settore dell’Urbe in quanto da questo punto partivano assi viari fondamentali: uno verso il Campidoglio e i Fori Imperiali (Clivio Argentario) uno verso il Campo Marzio centrale (via Flaminia), un’altro verso il Campo Marzio meridionale e il Foro Olitorio (la strada del «teatro di Marcello») ed infine uno in direzione della Cripta Balbi e l’area Sacra di Largo Argentina (vicus Pallacinae)68. A sottolineare l’importanza dell’in crocio esisteva presso il quadrivio un monumento sepolcrale appartenuto a C. Publicius Bibulus69ed un altro erroneamente attribuito alla famiglia dei Claudii.

Fig. 19 – Pianta del Campo Marzio Meridionale con ricostruzione del percorso stradale tra la Porta Carmentale e la via Lata: 1 – via Lata, 2 Vicus Pallacinae, 3 – Clivio Argentario, 4 – Basolato attestato nella Forma Urbis Romae tav. XXI, 5 – Diverticolo presso il portico dei templi di Apollo e Bellona, 6 e 7 – Basolato e crepidine presso il tempio di Bellona, 8 – Crepidine della via Trionfale (M. Vitti e P. Vigliarolo).

  • 70 Portico o via Tecta? il doppio affaccio del portico e la sua collocazione tra i templi e percorsi s (...)
  • 71 La questione sul posizionamento della porticus triumphi è stato affrontata innumerevoli volte senza (...)
  • 72 I frammenti f, g, u della lastra 31 della FUR (Rodriguez Almeida 1981 tav. XXIII) meriterebbero un (...)

35Nell’ambito della ricostruzione della viabilità sul lato orientale del teatro di Marcello, importante è l’analisi anche dei resti del portico70che fiancheggiava i templi di Apollo e di Bellona anche perché connessi con una questione ampiamente dibattuta relativa al percorso della processione trionfale, la cosiddetta porticus triumphi71. Elementi sulla posizione di questo portico e sulle sue successive modifiche si possono ricavare dalla Forma Urbis72e dai resti rinvenuti nel corso degli scavi del 2000.

  • 73 I resti sono stati identificati con quelli sul retro dei templi di Apollo e di Bellona sia in Rodri (...)

36I frammenti della Forma Urbis severiana che interessano l’area appartengono alla lastra numero 31: in particolare i frammenti 31d e 31u sono quelli in cui si è ritenuto che fosse rappresentato il portico73. Il loro confronto con i resti archeologici ha evidenziato delle incongruità che è bene rilevare dopo aver descritto brevemente le strutture rappresentate nella FUR e attribuite al portico.

37Nel frammento 31d è raffigurato parte del tempio di Bellona e sul suo lato orientale tre ambienti quadrati di circa 2 m di lato con ingresso di circa un metro aperto verso est (fig. 20). Questi ambienti, i cui muri sono resi con un tratto unico, erano separati dal tempio di Bellona da uno stretto ambitus (larghezza 2 m circa) chiuso sul lato settentrionale da un muro con pilastro angolare addossato al tempio ed ingresso sul lato opposto sottolineato da un elemento aggettante posto in corrispondenza del colonnato del pronao del tempio.

38Nel frammento 31u invece è facilmente riconoscibile parte del portico d’Ottavia e all’esterno di questo un corridoio largo circa 3 m che piega, in corrispondenza del muro perimetrale del portico d’Ottavia, ad angolo retto verso sud.

39In entrambi i frammenti i resti attribuiti al portico sono resi con una linea continua, vale a dire con un tratto grafico diverso da quello usualmente impiegato per rappresentare i porticati nella Forma Urbis dove le colonne o i pilastri sono generalmente indicati con un cerchio oppure con un cerchio inscritto in un quadrato (vedi il caso dell’attiguo portico d’Ottavia). Tenuto conto di queste osservazioni è lecito chiedersi se nella Forma Urbis sia effettivamente rappresentato il portico che fiancheggiava sui due lati i templi di Apollo e di Bellona o se documenti una situazione diversa definitasi a seguito di trasformazioni urbanistiche intercorse tra l’età augustea e quella severiana.

  • 74 Inoltre lo spazio che effettivamente intercorreva tra le semicolonne dei pilastri e il podio di Bel (...)
  • 75 La fondazione del muro è realizzata prevalentemente in frammenti tufo al di sopra dei quali vi sono (...)
  • 76 Per un’analisi dettagliata delle murature del tratto settentrionale del portico cfr. Meneghini, San (...)
  • 77 Si veda ad esempio il muro 100 di Piazza dei Cinquecento quello del refettorio di Largo Argentina e (...)

40Le strutture del portico sono state messe in luce in occasione delle demolizioni e degli sterri operati nel 1937-40 e in occasione degli scavi del 2000. Si è così appurato che si tratta di un portico aperto su entrambi i lati con semicolonne applicate a pilastri rivolte da una parte verso i templi di Apollo e di Bellona74, dall’altra, in un caso verso la strada basolata, dall’altro su un’area lastricata aperta (fig. 8, 14). All’interno lo spazio delimitato dai pilastri, largo 1,90 m, era pavimentato in lastre di travertino. Appare evidente la forte discrepanza tra i resti rinvenuti e quanto raffigurato nei frammenti della Forma Urbis. In particolare per quanto riguarda il braccio del portico orientato nord-sud, questo oltre a non presentare nessuna similitudine con la fronte a tabernae raffigurata nella Forma Urbis, non ha restituito elementi che possano far ipotizzare una suddivisione dello spazio interno successivo all’età augustea, ad eccezione di un muro, orientato est-ovest, posto in corrispondenza della coppia di pilastri più meridionali, che obliterò il passaggio del portico ed invase parte della sede stradale (fig. 14, B). Si tratta di una fondazione relativa agli edifici ottocenteschi distrutti negli anni Trenta del secolo scorso che inglobò nel tratto occidentale un muro in opera vittata il quale conserva il paramento solo sulla faccia settentrionale75(fig. 21). Per la datazione di questo muro non si ha nessun elemento stratigrafico, la tecnica edilizia è l’unico elemento che può fornire delle indicazioni cronologiche, quindi con i limiti ben noti che una datazione di questo tipo pone. La muratura anche se è simile a quella impiegata per le tamponature del tratto settentrionale del portico se ne differenzia in parte per i materiali utilizzati, sia per la successione nell’alternanza dei filari, ma soprattutto per l’assenza nella parte inferiore dei blocchi di tufo di reimpiego che caratterizzano le murature di viiiix secolo76. L’assenza di blocchi di tufo e il confronto con murature similari possono collocare questa struttura nell’ambito del v-vi sec. d.C.77

Fig. 20 – La lastra 31 della Forma Urbis Romae (da Rodriguez Almeida 1983).

  • 78 La cortina è realizzata con mattoni di riutilizzo di lunghezza variabile (da 15 a 23 cm) e presenta (...)
  • 79 Meneghini, Santangeli Valenzani 2004, p. 85-89 e fig 56; Cortine con moduli di 5 filari sono riscon (...)
  • 80 In occasione della giornata di studio svoltasi presso l’Istituto Archeologico Germanico il 10 giugn (...)

41Sul lato opposto del basolato è ancora visibile, inserito nel muro di contenimento moderno, il lato occidentale di un pilastro in laterizio (fig. 14 D, 21). La parte inferiore, per un’altezza di circa 0,50 m, appartiene alla fondazione ed è costituita da un conglomerato realizzato con frammenti di tufo, laterizio e travertino. L’alzato, conservato per un’altezza massima di 0,93 m, è in cortina laterizia78 la quale presenta un andamento ondulato che si accentua maggiormente nella parte superiore della struttura. Anche in questo caso, come per il muro in opera vittata sul lato opposto della strada, con il quale condivide la quota di spiccato dell’alzato, la datazione può essere solo indicativamente determinata sulla base delle caratteristiche tecniche della struttura. Murature con le medesime caratteristiche costruttive e lo stesso modulo sono conservate presso il ramo settentrionale del Portico79 per cui è possibile che anche il pilastro possa essere riferito allo stesso ambito cronologico (viii-ix secolo) ed essere messo in relazione con la strada altomedievale, rinvenuta durante lo scavo80, la cui quota corrispondeva con quella dello spiccato dell’alzato del pilastro.

Fig. 21 – Il muro in opera vittata inglobato nella fondazione Ottocentesca e il pilastro in cortina laterizia ubicato sul lato orientale della strada.

  • 81 Coarelli 1995, p. 299.

42Non è stato possibile stabilire se il portico si estendesse verso sud perchè le indagini eseguite nel 2000 hanno appurato che i resti archeologici in questo settore sono stati totalmente compromessi dalla realizzazione dalle cantine degli edifici demoliti negli anni Trenta del secolo scorso. Si può comunque ipotizzare che il portico terminasse in corrispondenza dello spigolo sud-est del tempio di Bellona, in quanto nell’area antistante il teatro di Marcello sono stati rinvenuti solo resti della pavimentazione della piazza e dell’attigua strada. Si deve quindi ipotizzare che esistesse una vasta area aperta pavimentata in lastre di travertino che si estendeva tra il tempio di Apollo Sosiano e il tempio della Spes. È plausibile quindi che, dopo l’intervento giulio-claudio, il foro Olitorio, inteso come area aperta lastricata, si estendesse fino ai templi di Apollo e di Bellona e fosse delimitato sul lato est dalla via Trionfale81.

  • 82 Vedi supra nota 80.

43Le strutture ancora visibili su via Teatro di Marcello lungo le pendici del Campidoglio e all’angolo del Clivio Iugario, ritenute la prosecuzione del portico dei templi di Apollo e di Bellona sulla base delle caratteristiche architettoniche, non appartengono quindi al portico di Apollo e di Bellona, ma ad un portico posto sul lato orientale della strada a cui forse sono da ricollegare alcuni resti appena intravisti sotto l’attuale rampa durante gli scavi del 200082.

  • 83 La Rocca 1993a e La Rocca 1993b, p. 300-301.
  • 84 Vedi supra.
  • 85 Da rilevare che anche questa traccia si trova esattamente in corrispondenza del collettore anulare (...)
  • 86 Anche questa proposta però non è al momento avvalorata da dati archeologici probanti.

44Per quanto concerne gli edifici che sorgevano sulla piazza è stata già rilevata la presenza della Columna Bellica e del monoptero. Riguardo alla prima Eugenio La Rocca aveva proposto di identificare il sito della Columna Bellica già nel 1993 sulla base di un’impronta circolare, all’epoca appena visibile, sulla pavimentazione antica posta all’incirca in asse con il tempio di Bellona, lungo il perimetro esterno del teatro di Marcello83. Le operazioni di pulizia della pavimentazione della piazza eseguite in quel settore e l’approfondimento operato in corrispondenza del fornice 7 del teatro di Marcello ne hanno escluso l’ubicazione in questo punto84. Tuttavia sempre sulla stessa pavimentazione verso il tempio di Giano, di cui però al momento non esiste il rilievo, vi è un’altra area di 2 × 1,20 m circa, in asse con il podio del tempio di Bellona, dove la pavimentazione è stata risarcita con lastre disposte in maniera radiale e con il profilo curvo sul perimetro esterno per circa 1/3 di cerchio (fig. 22). Però anche in questo caso, come per la traccia evidenziata dal E. La Rocca, sembra assai più probabile che si tratti solo di una risarcitura del piano pavimentale che solo casualmente presenta un profilo curvo85. Una proposta alternativa per la localizzazione della colonna lignea davanti al tempio di Bellona è quella avanzata da Marilda De Nuccio che ritiene che potesse sorgere, probabilmente posta su basamento lapideo e circondata da un’area di rispetto, davanti alla gradinata del tempio di Bellona in corrispondenza di alcuni blocchi che sembrano delimitare un’area rettangolare86(fig. 8).

Fig. 22 – Particolare di un tratto della pavimentazione adiacente all’ambulacro del teatro di Marcello con tessitura radiale di alcune delle lastre lapidee.

  • 87 Per primo ne ha dato notizia il Colini (Colini 1940b), che ritenne la struttura pertinente all’ara (...)
  • 88 Sebbene la fondazione sia stata messa in luce per una profondità massima di 2,60 m circa non è stat (...)
  • 89 La Rocca 1999, p. 79-80, ove si anticipano alcuni dati della campagna di scavo del 1997. Nel riliev (...)
  • 90 Il differente uso di materiale, oltre ad essere attestato dal rilievo della Caldani, è anche provat (...)
  • 91 Il diametro della fondazione in conglomerato cementizio, corrisponde all’anello esterno in blocchi (...)
  • 92 Il monumento è in corso di studio da parte di M. Bertoletti, che ringrazio per le preziose indicazi (...)
  • 93 L’iscrizione mutila incisa sul fregio-architrave Imp. Caesar Vesp[asianus] rimanda al principato di (...)
  • 94 La Rocca 1993a, p. 17-29, La Rocca 1995, p. 108-110, La Rocca 1999, p. 80.
  • 95 In tal caso la fondazione sarebbe in fase con la decorazione giulio-claudia.
  • 96 La Rocca 1999, p. 79-80 e Coarelli 1993, p. 48.
  • 97 Le spallette sono realizzate in tufo di Grotta Oscura mentre la copertura in cappellaccio. Una real (...)
  • 98 Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 200.
  • 99 Guarducci 1949-50, p. 69.

45Per quanto concerne il monoptero le indagini eseguite nel 1997 hanno evidenziato una situazione più compromessa rispetto a quella documentata dalle fotografie e dai rilievi eseguiti nel dopoguerra (fig. 7, 23)87. Lo scavo ha evidenziato una struttura costituita da una fondazione in opera cementizia non perfettamente circolare gettata in cavo libero all’interno di uno spesso strato di argilla gialla e scaglie di cappellaccio88. Sulla fondazione in opera cementizia sono conservati in situ solo due elementi in travertino del basamento dell’edificio, che venne obliterato dalla pavimentazione tardoantica che inglobò i due blocchi89 (fig. 5-6, in beige, 24). Un’analisi accu-rata della superficie di allettamento degli ortostati ha permesso di evidenziare le impronte di altri, successivamente asportati. Questi, come documentato nel rilievo schematico di A. Caldani (fig. 7) e dalle impronte lasciate sulla malta su cui erano allettati, erano costituiti da una fila esterna di blocchi di tufo trapezoidali disposti in maniera radiale (diametro esterno 6,40 m) intorno ad un nucleo interno circolare in blocchi di travertino a cui appartengono i due tuttora conservati (diametro esterno 3,80 m)90. Le dimensioni del basamento sono compatibili con i resti architettonici di un edificio a pianta circolare del diametro ricostruito di 3,80 m91rinvenuti nell’area del teatro di Marcello ed ora parzialmente ricomposti presso i Musei Capitolini nella sede della Centrale di Montemartini92(fig. 25). Gli elementi architettonici sono pertinenti ad un edificio di ordine corinzio con fregio-architrave decorato all’interno con girali d’acanto e all’esterno da bucrani che sorreggono rami d’alloro i quali appartengono però a due fasi costruttive, una giulio-claudia e l’altra flavia93. La funzione di questo edificio è stata analizzata a fondo da E. La Rocca che, sulla base delle fonti, ne ha evidenziato le funzioni religiose, da cui deriva anche l’attuale denominazione di «Perirrhanterion»94. I resti delle fondazioni e dell’alzato rendono però più corretta la denominazione di monoptero, vale a dire di un piccolo edificio a pianta circolare circondato da un colonnato, in cui ovviamente poteva essere inserito anche un bacino lustrale. È probabile che il nuovo assetto urbanistico dell’area, a seguito della costruzione del teatro di Marcello, abbia previsto la ricostruzione in vesti monumentali del luogo dove era collocato il bacino con l’acqua lustrale per le abluzioni. I dati archeologici se da una parte indicano che tale operazione avvenne nell’ambito dell’età augustea95, dall’altra non confermano che il sito del monoptero corrisponda con quello del «Perirrhanterion» repubblicano. La sua collocazione in una posizione infelice a causa dello spazio molto ristretto, quasi a contatto con i pilastri del teatro di Marcello sul lato meridionale, ma in asse con il tempio di Apollo sono però elementi sufficienti per ipotizzare che si volle mantenere nella ricostruzione imperiale l’ubicazione originaria. Per quanto riguarda invece la suggestiva ipotesi che propone la coincidenza del «Perirrhanterion» con l’Apollinar, sebbene avvalorata dalla comune presenza nel rito dell’acqua, quale elemento purificatore, al momento non è provata96. A riguardo bisogna segnalare che non è stata rinvenuta nessuna conduttura idrica connessa con il monoptero e che quindi in età imperiale il «Perirrhanterion» doveva aver assunto una funzione puramente simbolica. La presenza di una fonte salutare, al di là delle notizie tramandateci dalle fonti (Frontino aq.1,4), può essere avvalorata solo dal ritrovamento di una fistula di piombo (diametro 5 cm) alloggiata in uno strato di argilla grigia a sua volta protetta da una struttura in blocchi di tufo97. La fistula, rinvenuta presso l’angolo sud-ovest del tempio di Bellona nel 1995-9698, è conservata solo per 1,50 m di lunghezza ed è stata tagliata a est dal podio del tempio (fig. 5, in rosso e 26). Si potrebbe quindi ipotizzare che, sia per la cura nella realizzazione del condotto che per la sua vicinanza al tempio di Apollo Medico, si tratti di un’opera connessa con l’irrigimentazione della sorgente salutare99realizzata prima del 296 a.C., data dell’edificazione del tempio di Bellona.

Fig. 23 – Un’immagine della fondazione del monoptero durante gli scavi del dopoguerra (Archivio Fotografico Comunale).

Fig. 24 – I blocchi e la fondazione del monoptero con le impronte dei blocchi asportati.

Fig. 25 – La decorazione del monoptero nell’allestimento dei Musei Capitolini alla Centrale Montemartini.

  • 100 Colini 1940a.
  • 101 Ciancio Rossetto 1997-1998, fig. 4.
  • 102 La lavorazione è accurata con anatirosis sui bordi di contatto, mentre il resto dei blocchi è gross (...)
  • 103 In tal caso prolungando la fondazione questa avrebbe interferito con i pilastri del teatro di Marce (...)

46Vorrei infine richiamare l’attenzione su una struttura già individuata da Antonio Maria Colini davanti al tempio di Apollo Sosiano100e riportata in quasi tutte le planimetrie dell’area, compresa quella pubblicata da Paola Ciancio Rossetto a seguito degli scavi eseguiti tra il 1997 e il 1998101(fig. 5 – 6, in azzurro, 7, 27). Si tratta di una fondazione in opera cementizia con uno spessore massimo di 1,60 m, posta davanti alla fronte del tempio di Apollo ad una distanza variabile compresa tra i 2 e 2,60 m, ma non perfettamente parallela a questa e con un andamento più irregolare soprattutto nella parte superiore della struttura. La fondazione è stata gettata in cavo libero all’interno del medesimo strato di argilla gialla e frammenti di cappellaccio in cui è stata realizzata la fondazione del monoptero. Superiormente conserva quattro plinti, distanti l’uno dall’altro all’incirca 1,70 m, costituiti da due blocchi di travertino affiancati (1,10-1,20 m per 0,55-0,60 m e 0,55 m di spessore) e inglobati nella parte superiore del conglomerato, a formare un dado di 4 piedi romani di lato (fig. 6); la lavorazione dei blocchi non reca tracce che possano fornire qualche indicazione sull’eventuale alzato102. La fondazione è stata messa in luce per una profondità massima di 2,70 m. (10,50 s.l.m). che ha permesso di constatare, nel tratto orientale meglio conservato, come la parte inferiore presentasse un andamento rettilineo e parallelo al tempio di Apollo, rispetto alla parte superiore con i plinti in travertino, che forma un angolo molto aperto con un dado in travertino sul vertice (fig. 5). La fondazione sul lato est si interrompe presso l’angolo sud-orientale del tempio di Apollo in corrispondenza della platea del tempio di Apollo Medico, mentre sul lato opposto proseguiva verso ovest con un andamento fortemente irregolare103. In corrispondenza dello spigolo sud-ovest del tempio di Apollo piegava anche ad angolo retto lungo il lato occidentale del tempio. Lungo questo tratto non sono stati rinvenuti plinti lapidei, ma si sono riconosciute le impronte dei blocchi in travertino di uno di questi, asportati in corrispondenza dello spigolo sud-ovest del tempio.

Fig. 26 – La struttura in lastre di tufo in cui è inserita la fistula plumbea presso l’angolo sud-ovest del podio del tempio di Bellona.

47La fondazione, che non compare nella Forma Urbis, è posteriore al tempio di Apollo Medico poiché ne taglia la platea, ed è anteriore alla pavimentazione tardoantica in quanto ne viene obliterata. I dati di scavo sembrano indicare che possa essere contestuale alla fondazione del monoptero e quindi possa essere stata realizzata anch’essa nell’ambito degli estesi interventi di età augustea eseguiti nell’area.

Fig. 27 – Parte della fondazione con plinti in travertino antistante il tempio di Apollo Sosiano vista dall’alto e da sud.

  • 104 Per la differente concezione dello spazio nell’antichità rispetto ad oggi vedi La Rocca 2006, p. 12 (...)
  • 105 Due plinti e parte della fondazione sono stati scalpellati per l’inserimento di un condotto che cor (...)
  • 106 Bianchi, Meneghini 2002, p. 395-417.
  • 107 Infatti non pare giustificata la presenza dei plinti in travertino e la notevole profondità della f (...)

48Per quanto concerne la sua funzione le caratteristiche costruttive, profonda gettata cementizia con inseriti plinti lapidei ad intervalli regolari, farebbero pensare ad un edificio che doveva avere un elevato in pilastri o in colonne posti a distanze regolari. Sarebbe quindi ragionevole identificare la struttura con un porticato o tutt’al più con un acquedotto, ipotesi che però ci sentiamo di escludere. Infatti in quest’area non è documentato dalle fonti o dalla Forma Urbis nessun portico, e inoltre la sua planimetria fortemente irregolare con continui cambiamenti di orientamento privi di ogni logica rende improponibile questa interpretazione. Anche l’identificazione con un acquedotto non è plausibile, in quanto non è attestato in questa parte della città nessun acquedotto, ma soprattutto la struttura si interrompe inequivocabilmente in corrispondenza dell’angolo sud-est del tempio di Apollo Sosiano. Va anche rilevato che in entrambi i casi le strutture dell’edificio avrebbero interferito pesantemente con la viabilità nell’area in quanto il passaggio tra il teatro e il tempio di Apollo Sosiano, già angusto per la presenza del monoptero, si sarebbe ulteriormente ridotto, lasciando un corridoio di appena 2 m104. Viene quindi spontaneo domandarsi se questa possente fondazione abbia mai avuto un elevato. Una possibile alternativa è quella di considerare la fondazione come una struttura di cantiere realizzata nell’ambito dei lavori per la costruzione del tempio di Apollo; ipotesi che sembra essere avvalorata dal fatto che tale struttura non è raffigurata nella Forma Urbis Romae ed è stata precocemente obliterata105(fig. 27). Comunque anche in questo caso le caratteristiche del manufatto differiscono da quanto finora noto nell’ambito dei cantieri edili romani e soprattutto da quanto rinvenuto nei recenti scavi del foro di Traiano106. Infatti sulla struttura non sono presenti né cavità per l’inserimento di pali per capre o per il fissaggio di argani, né sembra che la fondazione possa aver costituito una specie di «passerella» dove far scorrere i blocchi lapidei di maggior peso necessari alla costruzione del tempio107. Nonostante queste osservazioni l’interpretazione come struttura di cantiere, giunta a noi probabilmente già mutila per l’eliminazione di quelle parti che erano in conflitto con il nuovo piano di calpestio, appare al momento la più plausibile.

  • 108 Bianchini in questo stesso volume p. 529, dove ritiene, come è stato constatato per la fronte (Cian (...)
  • 109 Tra la fronte e il retro dei templi rimase comunque un salto di quota di circa un metro.
  • 110 Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 197.

49Il complesso e articolato intervento urbanistico nell’area si realizzò tra l’età cesariana, quando si diede avvio alle operazioni preliminari alla realizzazione del futuro teatro di Marcello, e l’età tiberiana, quando si concluse con il rifacimento dei tre templi del foro Olitorio. Il nuovo assetto urbano non portò solo ad un cambiamento della viabilità e del paesaggio cittadino, ma causò anche un considerevole innalzamento delle quote di calpestio. Nella ridefinizione delle nuove quote di percorrenza e delle quote di spiccato dei nuovi edifici i progettisti tennero conto, ove era possibile, delle preesistenti strutture che vennero inglobate nelle nuove realizzazioni, come ad esempio avvenne per il tempio di Caio Sosio, che incorporò nelle fondazioni la platea del tempio repubblicano108. Qualcosa di simile deve essere avvenuto pure nel caso del tempio di Bellona dove però mancano al momento dati archeologici a riguardo. Le indagini eseguite da M. Bianchini e da A. Pollio alle spalle dei due templi hanno invece accertato che il corridoio voltato al di sotto del portico era funzionale al nuovo piano pavimentale augusteo che per l’appunto venne realizzato per raccordare, a livello altimetrico, la parte postica dei templi con la nuova quota determinatasi sulla fronte dopo la costruzione del teatro. Per quanto è possibile stabilire sulla base degli attuali dati archeologici l’area fu soggetta ad un innalzamento medio di circa 2,50 m che venne realizzato con una consistente colmata in argilla gialla sia all’interno dei nuovi edifici, sia all’esterno nelle aree aperte109. Lo stesso riempimento venne utilizzato anche come cassa-forma per la gettata di alcuni edifici quali il monoptero e la fondazione a plinti antistante la facciata del tempio di Apollo. L’impiego della stesso tipo di argilla mista a schegge di travertino è stato riscontrato anche al di sotto della cosiddetta Aula Regia del teatro di Marcello110, provando così quanto sia stato esteso l’innalzamento di quota richiesto dal nuovo assetto urbanistico.

  • 111 Per la ricostruzione geologica dei suoli cfr. Memorie descrittive 2002; ed in particolare la Carta (...)
  • 112 A riguardo si veda Ciancio Rossetto 1995b, p. 98-99 dove la quota dell’argilla vergine nel carotagg (...)
  • 113 Fidenzoni 1970, p. 4-55 e fig. 29-30.

50La configurazione geomorfologica del suolo, costituito in questo punto dell’Urbe da spessi strati di limi111, rendeva inoltre necessario ricorrere a palificate lignee, come quelle rinvenute in corrispondenza del Ministero di Grazia e Giustizia e nell’area del Circo Flaminio in occasione di un carotaggio eseguito in via S. Maria del Pianto112, oppure di quelle più note del teatro di Marcello113.

51Per quanto concerne la viabilità in epoca post antica questa è stata ricostruita principalmente sulla base dell’itinerario di Einsiedeln risalente all’viii secolo. Il manoscritto descrive, nell’ambito del tragitto che si effettuava da San Pietro a San Paolo fuori le mura, il percorso che si doveva seguire nell’area del teatro di Marcello: IN D. Theatrum. Iterum per porticum usque ad elephantum. Inde per scolam Graecorum. Ibi in sinistra ecclesia Graecorum. Il nostro intento in questa sede è quello di focalizzare alcuni dati utili per cercare di definire la viabilità nell’area tra il v e il vii sec.

  • 114 Meneghini 1997, p. 51-57 e Meneghini 1999, p. 171-182.
  • 115 Antonetti 2002, p. 186-217. L’autore ritiene inverosimile che l’anello esterno del teatro di Marcel (...)
  • 116 Ibid., p. 211-212 dove si puntualizza che le attacaglie devono essere messe in relazione con il pia (...)

52Nell’area del teatro di Marcello il collegamento tra il circo Flaminio e il foro Olitorio poteva avvenire solo attraverso due percorsi. Il primo, attraversando il lato orientale del portico di Ottavia si immetteva, attraverso una porta, nell’area retrostante ai templi di Apollo e di Bellona e di là si congiungeva alla strada basolata a lato del tempio di Bellona; l’altro, più diretto, passava tra l’ambulacro del teatro di Marcello e la fronte dei templi di Apollo e di Bellona. I dati archeologici, per il periodo di riferimento che ci interessa, escludono la prima possibilità in quanto sicuramente a partire dall’viii secolo la percorribilità fino alla strada basolata era preclusa per l’insediamento nel portico e sul lastricato romano di strutture datate all’viii-ix secolo e ritenute pertinenti alla diaconia di Sant’ Angelo in Pescheria114. Per quanto concerne il secondo percorso bisogna rilevare che in epoca tardoantica il monoptero era stato smantellato e alcuni elementi lapidei del basamento erano stati inglobati nella pavimentazione post antica creando così un passaggio tra il tempio di Apollo e il teatro ampio 6 m, ma che nel viii sec. d.C. questo percorso limitatamente allo spigolo sud-ovest del tempio era occluso dal crollo delle colonne del pronao115. Infatti, come abbiamo già detto, queste vennero trovate in posizione di crollo direttamente poggiate sulla pavimentazione tardoantica ed all’interno dell’ambulacro del teatro di Marcello evidentemente già smantellato in questo settore all’epoca del crollo (fig. 13). Da quanto si può dedurre dalla documentazione degli scavi eseguiti tra il 1926-32 sembra che il crollo fosse circoscritto solo all’angolo sud-ovest del tempio di Apollo, il passaggio quindi in questo punto poteva avvenire scavalcando il cumulo di detriti e resti architettonici, probabilmente di modesta altezza, e riprendendo più a est la quota di calpestio romana. Una tale possibilità sembra essere avvalorata dal fatto che la pavimentazione in corrispondenza del crollo presenta caratteristiche costruttive differenti dal tratto conservato a sud e soprattutto non conserva tracce del restauro in scaglie di travertino e marmo, presenti invece per ampie superfici nel settore meridionale (fig. 5). Inoltre una disamina delle attacaglie presenti presso l’ambulacro esterno del teatro di Marcello ha evidenziato che nei fornici in cui erano crollate le colonne del tempio di Apollo, contrariamente a quanto è attestato in quelli attigui, non vi sono fori per lo stazionamento degli animali in corrispondenza del livello romano e tardoantico, provando così la precoce inaccessibilità degli spazi a questa quota116.

  • 117 Vedi supra nota 35 dove la ceramica più recente del riempimento della caditoia risale all’viii seco (...)
  • 118 Ciancio Rossetto 2008G.
  • 119 A. Pollio cit. nota 40.

53Ad eccezione del circoscritto innalzamento di livello presso l’angolo sud-ovest del tempio di Apollo Sosiano l’innalzamento del terreno fino all’attuale quota di calpestio di via Teatro di Marcello deve essersi probabilmente verificato nel corso xiii secolo117. Tale ipotesi sembrerebbe essere avvalorata dai dati acquisiti dallo scavo presso il propileo del portico d’Ottavia118 e dalla constatazione che all’incirca nello stesso periodo si procedette all’asportazione sistematica dei blocchi del paramento del podio del tempio di Bellona119.

54L’area del teatro di Marcello, sicuramente uno dei settori maggiormente stratificati della città, con problematiche topografiche ancora irrisolte ed una ricostruzione architettonica degli edifici non del tutto definita, attende ancora un’edizione analitica e sistematica. Si auspica che tale contributo, oltre a fornire un quadro dello stato attuale della ricerca, possa aiutare a delineare con maggiore precisione l’articolazione topografica dell’area e fornire così lo spunto per il prosieguo degli studi in questo settore nevralgico dell’Urbe.

Haut de page

Bibliographie

Abbreviazioni bibliografiche

Antonetti 2002 = S. Antonetti, Lo stazionamento degli animali: le «attacaglie», in R. Rea (a cura di), «Rota Colisei». La valle del Colosseo attraverso i secoli, Milano, 2002, p. 186-217.

Bertoletti 2008 = M. Bertoletti, Monopteros, in E. La Rocca, S. Tortorella (a cura di), Trionfi romani, Roma, 2008, p. 210-211.

Bianchi c.s = F. Bianchi, Il tempio di Giove Statore e la scena del teatro di Marcello. Maestranze e modelli decorativi tra epoca tardo repubblicana e media età imperiale, in Rendiconti dell’Accademia dei Lincei, in c.s.

Bianchi, Meneghini 2002 = E. Bianchi, R. Meneghini, Il cantiere costruttivo del foro di Traiano, in RM, 109, 2002, p. 395-417.

Campese Simone 2004 = A. Campese Simone, Fra l’Ara Coeli e Piazza Bocca della Verità, persistenze e trasformazioni nel tessuto urbano della Roma tardoantica e altomedievale, in AMed, XXXI, 2004, p. 441-455.

Ciancio Rossetto 1994-1995 = P. Ciancio Rossetto, Ritrovamenti nel Campo Marzio Meridionale, in BCom, XCVI, 1994-1995, p. 197-200.

Ciancio Rossetto 1995a = P. Ciancio Rossetto, Lavori di liberazione e sistemazione del Teatro di Marcello, in L. Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (19261944), Roma, 1995, p. 69-76.

Ciancio Rossetto 1995b = P. Ciancio Rossetto, Indagini e restauri nel Campo Marzio meridionale: Teatro di Marcello, Portico d’Ottavia, Circo Flaminio, Porto Tiberino, in ArchLaz, XII, 2, 1995, p. 93-101

Ciancio Rossetto 1997-1998 = P. Ciancio Rossetto, Tempio di Apollo: nuove indagini sulla fase repubblicana, in Atti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, LXX, 1997-1998, p. 177-195.

Ciancio Rossetto 1999a = P. Ciancio Rossetto, s.v. Pietas, aedes in foro Olitorio / in Circo Flaminio, in LTUR IV, 1999, p. 86.

Ciancio Rossetto 1999b = P. Ciancio Rossetto, s.v. Apollo, aedes in Circo, in LTUR V, 1999, p. 224-225.

Ciancio Rossetto 1999c = P. Ciancio Rossetto, s.v. Theatrum Marcelli, in LTUR V, 1999, p. 31-35.

Ciancio Rossetto 2008a = P. Ciancio Rossetto, Portico d’Ottavia-Sant’Angelo in Peschiera: nuove acquisizioni sulle fasi medievali,in RACr LXXXIV, 2008, p. 415-438.

Ciancio Rossetto 2008G = P. Ciancio Rossetto, Teatro di Marcello: nuove acquisizioni sulla struttura e organizzazione della scena e dell’area post scaenam alla luce dei nuovi scavi, in Rivista di Studi Romani, LVI, 1-4, 2008, p. 3-23.

Coarelli 1968 = F. Coarelli, Il tempio di Diana in circo Flaminio e alcuni problemi connessi, in DialA, 2 (1968), p. 191-209.

Coarelli 1993 = F. Coarelli, s.v. Apollinar,in E. M. Steinby (a cura di), LTUR I, 1993, p. 48.

Coarelli 1995 = F. Coarelli, s.v. Forum Holitorium, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR II, 1995, p. 299.

Coarelli 19922 = F. Coarelli, Il Foro Boario. Dalle origini alla fine della Repubblica, Roma, 19922.

Coarelli 1997 = F. Coarelli, Il Campo Marzio. Dalle origini alla fine della Repubblica, Roma, 1997.

Coarelli 1999 = F. Coarelli, s.v. Via Triumpalis (2), in E. M. Steinby (a cura di), LTUR V, 1999, p. 148.

Colini 1940a = A. M. Colini, Il tempio di Apollo, in BCom, LXVIII, 1940, p. 9-40.

Colini 1940b = A. M. Colini, Notiziario, in BCom, LXVIII, 1940, p. 228-229.

Colini 1941 = A. M. Colini, Scoperte presso piazza Campitelli, in Capitolium, XVI, 1941, p. 385 – 393.

Colini 1965 = A. M. Colini, Il colle Capitolino nell’antichità, in Capitolium, XL, 1965, p. 179.

Crozoli Aite 1981 = L. Crozoli Aite, I tre templi del foro Olitorio, in MemPontAc, 23, 1981.

Danti 2001 = A. Danti, L’indagine archeologica nell’area del tempio di Giove Capitolino, in BCom, CII, 2001, p. 323-346.

Delbrück 1903 = R. Delbrück, Das Capitolium von Signia. Der Apollotempel auf dem Marsfelde in Rom, Roma, 1903.

De Nuccio 2007 = M. De Nuccio, L’area del Teatro di Marcello a Roma tra Tardoantico e Altomedievale, in R. M. Carra, E. Vitale (a cura di), La cristianizzazione in Italia tra tardoantico e altomedievale, Atti del XI Congresso Nazionale di Archeologia Cristiana, Palermo, 2007, p. 545-566.

Fidenzoni 1970 = P. Fidenzoni, Il Teatro di Marcello, Roma, 1970.

Gallitto 1999 = A. Gallitto, s.v. Sepulcrum: C. Publicius Bibulus, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR IV, 1999, p. 295.

Giuliani, Verduchi 1987 = C. F. Giuliani, P. Verduchi, L’area centrale del Foro Romani, Firenze, 1987.

Gros 1996 = P. Gros, L’architettura romana. Dagli inizi del III secolo a.C. alla fine dell’alto impero, Milano, 1996.

Guarducci 1949-50 = M. Guarducci, Il santuario di Bellona e il Circo Flaminio in un’epigramma greco del basso Impero, in BCom, LXXIII, 1949-50, p. 55-76.

Hauber, Schutz 2006 = Ch. Hauber, F. X. Schutz, Das Archaologische Informatiosystem AIS ROMA: Antike Straben und Gebaude aus Nollis RomKarte im modern Stadtrundrib, in L. Haselberger, J. Humphrey (a cura di), Imaging Ancient Rome. Documentation-Visualization-Imagination, JRA, Sup. 61, 2006, p. 257-269.

Ioppolo 1997-1998 = G. Ioppolo, Inediti architettonici dall’Area Sacra di S. Omobono, in Rend. Pont Acc, LXX, 1997-1998, p. 167-175.

Lanciani 1876 = R. Lancani, Notizie degli scavi, IX, Roma, in NSc, 1876, p. 138.

Lanciani 1988 = R. Lanciani, Forma Urbis Romae, Milano, 1893-1901; ried.1988.

La Rocca 1980-81 = E. La Rocca, Sculture frontonali del tempio di Apollo Sosiano: notizia preliminare, in BCom, LXXXVII, 1980-81, p. 57-73.

La Rocca 1985 = E. La Rocca, Amazzonomachia. Le sculture frontonali del tempio di Apollo Sosiano, Roma, 1985.

La Rocca 1993a = E. La Rocca, Due monumenti a pianta circolare in circo Flaminio; il perirrhanterion e la columna Bellica, in Eius Virtutis Studiosi: classical and postclassical studies in memory of Frank Edward Brown (1908-1988), Hannover-Londra, 1993, p. 17-29.

La Rocca 1993b = E. La Rocca, s.v Columna Bellica, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR I, 1993, p. 300-301.

La Rocca 1995 = E. La Rocca, Sul Circo Flaminio, in ArchLaz, 12, 1, Roma, 1995, p. 103-119.

La Rocca 1999 = E. La Rocca, s.v. Perirrhanterion, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR IV, 1999, p. 79-80.

La Rocca 2006 = E. La Rocca, Paseggiando intorno ai Fori Imperiali, in L. Haselberger, J. Humphrey (a cura di), Imaging ancient Rome. Documentation-visualizationimagination, JRA, Sup. 61, 2006, p. 121-144.

La Rocca 2008 = E. La Rocca, La processione trionfale come spettacolo per il popolo romano. Trionfi antichi, spettacoli moderni, in E. La Rocca, S. Tortorella (a cura di), Trionfi romani, Roma, 2008, p. 34-55.

Lega 1999 = C. Lega, s.v. Pallacinae, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR IV, 1999, p. 51-52.

Le Pera, D’Elia 1995 = S. Le Pera, L. D’Elia, Via Triumphalis, in Archeologia Laziale, XII, 11995, p. 67-70.

Lombardi, Meucci, Galloni, Vitali 1999 = G. Lombardi, C. Meucci, R. Galloni, P. Vitali, Il tufo lionato dei monumenti romani: caratteri petrografici, geomeccanici e trattamenti conservativi, in Geologia Romana, XXXV, 1999, p. 1-25.

Lugli 1957 = G. Lugli, La tecnica edilizia romana, Roma, 1957.

Memorie descrittive 2002 = Memorie descrittive della carta geologica d’Italia, La geologia di Roma. Il centro storico, L, Roma, 2002.

Meneghini 1997 = R. Meneghini, Edilizia pubblica e riuso dei monumenti classici a Roma nell’alto Medioevo: l’area dei templi di Apollo Sosiano e Bellona e la diaconia di S. Angelo in Pescheria, in di S. Gelichi (a cura), Introduzione all’archeologia medievale, Roma, 1997, p. 51-57.

Meneghini 1999 = R. Meneghini, Edilizia pubblica e privata nella Roma altomedievale. Due episodi di riuso, in MEFRM, 111, 1, 1999, p. 171-182.

Meneghini, Santangeli Valenzani 1996 = R. Meneghini, R. Santangeli Valenzani, Episodi di trasformazione del paesaggio urbano nella Roma altomedievale attraverso l’analisi di due contesti: un isolato di piazza dei Cinquecento e l’area dei Fori Imperiali, in AMed, XXII, 1996, p. 53-99.

Meneghini, Santangeli Valenzani 2004 = R. Meneghini, R. Santangeli Valenzani, Roma nell’altomedioevo. Topografia e urbanistica della città dal V al X secolo, Roma, 2004.

Motta 1995 = R. Motta, Conservazione, demolizione, ricostruzione di strutture medievali lungo la via del Mare tra piazza Montanara e piazza Bocca della Verità, in L. Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (19261944), Roma, 1995, p. 61-68.

Nota, De Nuccio 1986 = M. T. Nota, M. De Nuccio, Teatro di Marcello. Saggi di scavo, in BCom, XCI, 1986, p. 389-392.

Palombi 2006 = A. Palombi, La Basilica di S. Nicola in Carcere. Il complesso architettonico dei tre templi del Foro Olitorio, Città di Castello, 2006.

Patterson 1999a = J. R. Patterson, s.v. via Flaminia, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR V 1999, p. 135-137.

Patterson 1999b = J. R. Patterson, s.v. via Lata, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR V, 1999, p. 139.

Pisani Sartorio, Colini, Buzzetti 1986 = G, Pisani Sartorio, A. M. Colini, C. Buzzetti, Portus Tibertinus, in Archeologia Laziale, XII, 1986, p. 157-197.

Pisani Sartorio 1995 = G. Pisani Sartorio, Le scoperte archeologiche avvenute nel corso dei lavori per l’isolamento del Campidoglio e del Foro Boario, in L. Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (1926-1944), Roma, 1995, p. 53-60.

Rodriguez Almeida 1981 = E. Rodriguez Almeida, Forma Urbis Marmorea. Aggiornamento generale 1980, Roma, 1981.

Rossini 1995 = V. Rossini, La Casina dei Vallati: scoperta e restauro di un edificio medievale nell’area del Teatro di Marcello, in L. Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (1926-1944), Roma, 1995, p. 115-119.

Serlorenzi, Saguì 2008 = M. Serlorenzi, L. Saguì (a cura di), Roma, piazza Venezia. L’indagine archeologica per la realizzazione della metropolitana. Le fasi medievali e moderne, in AMed, XXX, 2008, p. 175-198.

Sediari 1997 = M. Sediari, La topografia della Regio IX di Roma in età Severiana, in BCom, XCVIII, 1997, p. 215-248.

Severini 1994 = F. Severini, Strutture di piazza del Foro Olitorio, in Storia di Roma tra Campidoglio e Tevere, Roma, 1994, p. 238-241, tav. X-XI.

Tortorici 1989-90 = E. Tortorici, Porticus Severi, in BCom, XCIII, 1989-90, p. 31-34.

Tucci 1993 = P. L. Tucci, Nuove ricerche sulla topografia dell’area del Circo Flaminio, in Studi Romani, XLI, 1993, p. 229-242.

Venditelli 2008 = L. Venditelli, La Crypta Balbi e la Forma Urbis marmorea, in BCom, CIX, 2008, p. 191-197.

Virgili 1985 = P. Virgili, Tempio di Bellona, in BCom XC, 2, 1985, p. 363, fig. 85-87.

Virgili 1995 = P. Virgili, I lavori al Mausoleo d’Augusto, in L. Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (19261944), Roma, 1995, p. 99-104.

Viscogliosi 1993 = A. Viscogliosi, s.v. Apollo, aedes in Circo, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR I, 1993, p. 49-54.

Viscogliosi 1995 = A. Viscogliosi, s.v. Diana aedes in Circo, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR II, 1995, p. 14.

Viscogliosi 1996 = A. Viscogliosi, Il tempio di Apollo «in circo» e la formazione del linguaggio architettonico augusteo, Roma, 1996.

Viscogliosi 1999 = A. Viscogliosi, s.v. Porticus Octaviae, in E. M. Steinby (a cura di), LTUR IV, 1999, p. 141-145.

Haut de page

Notes

1 In primo luogo vorrei ringraziare Eugenio La Rocca e Marilda De Nuccio per avermi affidato, in occasione della giornata di studio «Area del teatro di Marcello: ricerche e studi sui materiali dell’area sud-est del Circo Flaminio» tenutasi presso l’Istituto Archeologico Germanico di Roma (10 giugno 2004), la presentazione topografica dell’area. Molto devo anche a Paola Ciancio Rossetto che mi ha offerto l’opportunità di lavorare in questo settore del Circo Flaminio tra il 1995 e il 1998, e che, per prima, mi ha introdotto alla conoscenza di quest’area.

2 Ciancio Rossetto 1995, p. 69-76 ma anche Pisani Sartorio 1995, p. 53-60 e Motta 1995, p. 61-68.

3 Rossini 1995, p. 115-119.

4 Per la bibliografia sugli edifici principali e sulla topografia dell’area si vedano le abbreviazioni bibliografiche e i contributi di M. Bianchini, Le sostruzioni del tempio di Apollo Sosiano e del portico adiacente in questo stesso volume e per il Teatro di Marcello da ultimo Ciancio Rossetto 2008a e 2008b e Bianchi cs.

5 Vedi Coarelli 1997, p. 118-135, mentre per l’epoca Severiana, Sediari 1997, p. 226-230 e 236-237.

6 Per la pompa triumphalis Coarelli 19922, p. 432-437, per la via triumphalis, Coarelli 1997, p. 118-135 e Coarelli 1999, p. 148 da ultimo La Rocca 2008, p. 40-42.

7 Coarelli 1968, p. 191-209.

8 Il tempio è ricordato sia in Campo che in Circo, Viscogliosi 1995, p. 14 vedi anche Coarelli 1997, p. 485-486.

9 A Viscogliosi 1993, p. 49-54. A riguardo si veda il contributo di Bianchini, in questo stesso volume (fig. 12), in cui il dado realizzato in blocchi di tufo posto in corrispondenza della parte posteriore della cella del tempio di Apollo Sosiano è ritenuto pertinente alla sottofondazione di una statua acrolitica; Apollo o Diana?

10 Ciancio Rossetto 1999c, p. 31-35.

11 I risultati delle ricerche sul tempio della Pietas e sul tempio di Apollo Medico sono stati presentati preliminarmente in Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 197-200, e in Ciancio Rossetto 1997-1998, p. 177-195.

12 Una disamina delle implicazioni topografiche a seguito dell’esatta ubicazione del tempio è già in Coarelli 1997, p. 447-451.

13 La platea in blocchi di tufo di Grotta Oscura è stata rinvenuta su entrambi i lati della trincea dell’Italgas e nell’area attigua al tempio di Giano (Ciancio Rossetto 1994-1995, fig. 3 e 6). La realizzazione di un’ampia platea su cui spiccava il podio del tempio costituisce un elemento comune per i templi repubblicani della zona. Infatti, come è stato possibile constatare anche presso il tempio di Apollo Medico, gli edifici repubblicani realizzati lungo la sponda sinistra del Tevere erano sopraelevati rispetto alla quota di calpestio circostante per cautelarsi dalle piene del fiume.

14 I blocchi conservavano superiormente ancora le cavità per le grappe a coda di rondine; lo strato di riempimento rinvenuto tra i due blocchi del podio e al di sopra degli stessi era omogeneo e sembra potersi ricondurre, ad un esame preliminare del materiale, all’epoca augustea, cfr. Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 200.

15 Plinio ricorda che il tempio della Pietas si trovava ubi nunc Marcelli theatrum est, Naturalis Historia. II 121; Ciancio Rossetto 1999a, p. 86.

16 Eadem. Ciancio Rossetto 1994-1995, nota 11 aveva giustamente evidenziato le analogie del profilo della modanatura con quella dell’altare del tempio A di Largo Argentina datato alla metà del II sec. a.C.

17 Durante lo scavo dell’Aula Regia del teatro di Marcello nel 1994 si è potuto constatare che il lato posteriore del podio repubblicano del tempio di Giano coincideva con l’edificio di età imperiale (Ciancio Rossetto 1994-1995, nota 13). Per i templi del Foro Olitorio per i quali sono documentati solo limitati spostamenti lungo l’asse est-ovest tra la fase repubblicana e quella proto imperiale, si veda in generale Crozoli Aite 1981 e di recente Palombi 2006 ed in particolare per le considerazioni di carattere topografico e per i più recenti rinvenimenti nell’area vedi le p. 13-21.

18 Colini 1940b, p. 228-229. Si veda a riguardo anche Viscogliosi 1996, p. 15-24, Ciancio Rossetto 1997-1998, ove anche una documentazione grafica e fotografica esaustiva, Ciancio Rossetto 1999c, p. 31-35, Ciancio Rossetto 1999b, p. 224 225.

19 I filari hanno un’altezza che varia da 27,5 a 30 cm mentre i blocchi misurano circa 1 × 2 × 3 piedi romani; quelli in cappellaccio presentano le stesse dimensioni (89 × 55 × 30 cm) e la medesima lavorazione di quelli impiegati presso il tempio di Giove Capitolino. Cfr. Danti 2001, p. 323-346 e P. Arata, Nuove considerazioni a proposito del Tempio di Giove Capitolino in questo stesso volume.

20 Delbrück 1903, p. 8-10 e Bianchini in questo stesso volume, p. 527-529.

21 Ciancio Rossetto 1997-1998, p. 181 e Viscogliosi 1996, p. 19.

22 Lugli 1957, p. 311-313, il quale aveva già ipotizzato che nel tempio di Apollo Medico fosse stato impiegato il tufo di Monteverde; da ultimo si veda Lombardi, Meucci, Galloni, Vitali 1999, p. 1-25 dove però purtroppo per motivi editoriali non sono stati pubblicati i risultati delle analisi del tempio di Apollo Medico.

23 Non si può stabilire se la platea in questo tratto presentasse setti ortogonali ai lati lunghi o se vi fossero fondazioni isolate relative all’ara e al bacino lustrale. Infatti l’area fu oggetto di radicali e profondi interventi, a partire dall’età cesariana, che prevedevano l’inserimento di profonde fondazioni in conglomerato cementizio, come ad esempio quella del monoptero e della fondazione a plinti.

24 Il riutilizzo da parte del tempio Sosiano delle strutture di quello precedente si è riscontrata in più punti a riguardo vedi Bianchini in questo stesso volume p. 529.

25 Il podio-platea presentava a partire dal basso almeno un filare in blocchi sbozzati in cappellaccio non allineati conquelli dei filari superiori, quindi sicuramente non visibili e perciò attribuibili alla fondazione. I successivi 16 filari erano costituiti da blocchi di tufo di Monteverde e presentavano tutti la medesima accurata lavorazione; il dodicesimo, tredicesimo e quattordicesimo filare aggettavano di sei centimetri rispetto al filo del podio formando così una fascia alta 0,90 m sporgente 6 cm. Sulla base di questi dati sembra quindi che la parte del podio-platea non fosse visibile per 6,20 m, come ipotizzato dalla Ciancio Rossetto (1997-1998, p. 184 e fig. 14) ma per almeno 7,10 m (fig. 6).

26 Per una disamina dei principali assi viari nel campo Marzio meridionale vedi Coarelli 1997, p. 14-17, mentre per la Porta Carmentale cfr. Coarelli 19922, p. 370, 394-397.

27 Il lato meridionale della platea del tempio di Apollo Medico venne tagliata dalla fondazione del teatro di Marcello cfr. Ciancio Rossetto 1997-1998, p. 184.

28 Per il percorso della via Trionfale in età imperiale nell’area del Foro Olitorio vedi Le Pera, D’Elia 1995, p. 67-70.

29 La Rocca 1993a, p. 17.

30 Idem 1993a, p. 17. La Rocca ritiene che il passaggio tra il teatro e il portico d’Ottavia sia leggermente superiore ai 3 m; di fatto lo spazio utile è assai più ristretto perchè l’anello esterno del teatro di Marcello in questo punto è mancante e se ricostruito il passaggio si riduce a soli 2,50 m (fig. 7). Per l’interferenza degli edifici dell’area del Teatro di Marcello con la pompa trionfale è ritornato di recente sull’argomento E. La Rocca (La Rocca 2008).

31 De Nuccio 2007, Campese Simone 2004, e Tortorici 1989-90, p. 31-34.

32 Nota, De Nuccio 1986, p. 389-392.

33 Fidenzoni 1970, fig. 81 e Ciancio Rossetto 1999c, p. 319 fig. 19 rilievo del Fidenzoni.

34 Il riempimento della caditoia era costituito da uno strato di terra argillosa contenente una discreta quantità di fr. di lastre di travertino, probabilmente relative alla pavimentazione tardo antica. La ceramica rinvenuta all’interno dello strato comprende materiale databile dal IV sec. a.C. fino all’VIII d.C.; data post quem per la sua obliterazione.

35 Le spallette sono realizzate con mattoni triangolari rossi e gialli di 25-27 cm di lato, spessi 4 cm e con un modulo di 29 cm per cinque filari.

36 Virgili 1985, p. 363, fig. 85-87. Il tratto conservato è esiguo ma sufficiente per constatare che le spallette erano realizzate in laterizio. Lo scasso per la realizzazione della fognatura moderna ha ripercorso il tracciato di quella romana.

37 Cfr. Bianchini in questo stesso volume p. 529-535.

38 Purtroppo l’area non è più ispezionabile e il corridoio è stato chiuso in epoca moderna in corrispondenza della trincea eseguita tra i due templi; si può comunque constatare che l’orientamento dei muri diverge da quello della fogna; Virgili 1985, p. 365 fig. 84, 87 (fig. 9).

39 Il riempimento della fogna scavata nel 1998 è moderno; forse è da ricollegare con le indagini archeologiche eseguite da A. Colini in questo settore.

40 Per le caratteristiche, la funzione e la datazione del condotto vedi A. Pollio, L’intervento di scavo dello spigolo nord-orientale del tempio di Bellona, in corso di stampa negli atti della giornata di studi citata alla nota 1. Purtroppo non si è potuta scavare la fognatura sottostante ma la sua larghezza è ricostruibile sulla base della distanza che intercorre tra la fondazione del portico e la fondazione del podio di Bellona (circa 55 cm).

41 L’ubicazione di questa fogna risulta anomala in quanto posta in corrispondenza dei blocchi di rivestimento del podio, e quindi sottoposta a notevole carico e con evidenti difficoltà operative nel garantirne la manutenzione.

42 Le pendenze dei piani di calpestio sono congrue all’esigenza di convogliare le acque verso il teatro di Marcello e da qui verso il Tevere. Le indagini eseguite presso l’Aula Regia (Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 199) hanno condotto alla scoperta di una fogna che percorre longitudinalmente l’ambiente con caratteristiche costruttive analoghe alla fogna anulare del teatro di Marcello, ma che certo non è identificabile con una cloaca di grandi dimensioni come quella dell’Olmo individuata nell’area del Circo Flaminio ma troppo distante per poter pensare che il condotto del teatro di Marcello fosse raccordato a questa (Tucci 1993, p. 235-237).

43 L’attenzione fu subito attirata dalla decorazione architettonica e scultorea del tempio di Apollo Sosiano (Colini 1940a, p. 5-40).

44 Le dimensioni delle lastre sono abbastanza variabili e oscillano tra1,40-1,20 × 0,70-0,60 m mentre lo spessore è di circa 0,30 m. Per la pavimentazione augustea del Foro Romano cfr. Giuliani, Verduchi 1987, p. 31-33 e 52-66, mentre per quella intorno al Mausoleo d’Augusto, cfr. Virgili 1995, fig. 7.

45 Diverso sembra l’orientamento del tratto, molto esiguo, rinvenuto presso l’angolo sud-ovest del tempio di Apollo.

46 Tale pavimentazione non è stata ancora rilevata completamente; nella pianta (fig. 5) è riportato solo il tratto antistante il tempio di Bellona.

47 Sporadicamente sono impiegati anche il marmo Lunense e il Cipollino, a quest’ultima varietà appartiene una colonna liscia tagliata quasi a metà.

48 Dopo i lavori effettuati nell’area in occasione del Giubileo del 2000 gran parte della superficie pavimentale è stata rico del 2000 gran parte della superficie pavimentale è stata ricoperta con pozzolana ed attualmente non è visibile.

49 La Rocca 1980-81, p. 60, La Rocca 1985, p. 17-18 e Viscogliosi 1996, p. 4. Dalle fonti è ricordato un restauro del praefectus urbis Memmius Vitrasius Orfitius tra il 356 ed il 359 d.C.; inoltre un’iscrizione del 421-423 d.C. attesta l’esistenza di edifici in Circo ancora in discrete condizioni.

50 Il portico presenta lo stesso orientamento del tempio di Bellona e di Apollo, vale a dire si allinea con gli edifici più antichi dell’area del Circo Flaminio.

51 Questa larghezza si riferisce alla carreggiata della strada di epoca tardoantica.

52 Gli scavi sono stati eseguiti da P. Maisto sotto la direzione scientifica di P. Ciancio Rossetto.

53 Tracce di usura dovute al passaggio di carri si riconoscono pure su basoli isolati con solchi che presentano però orientamenti diversi tra loro.

54 Il tratto di basolato visibile fino al 2000 a ridosso del muro di contenimento verso via Teatro di Marcello (posto ad una quota di 15,50 m s.l.m.) è stato asportato in occasione dei lavori del Giubileo del 2000, in quanto è risultato essere una ricostruzione arbitraria degli anni Trenta del secolo scorso.

55 Sulla base dei rilievi pubblicati (Severini 1994, p. 238-239, tavv. X-XI) sembrerebbe che i blocchi di travertino contraddistinti dalle USM 241, 258 e 266 oltre a potersi interpretare come crepidine, possano aver svolto anche la funzione di contenimento della sede stradale. Tale ipotesi sembra essere avvalorata dal rapporto altimetrico che intercorre tra questi (più alti di circa 50 cm) e alcune lastre (USM 263) interpretate come lacerti del lastricato della piazza. Sembra quindi prefigurarsi anche in questo caso una situazione simile a quella esistente tra il basolato, i blocchi di travertino e il portico sul lato est del tempio di Bellona. Va comunque rilevato che i blocchi di travertino rinvenuti in corrispondenza del foro Olitorio, a differenza di quelli rinvenuti in corrispondenza del portico, non sembrano essere di reimpiego e risultano essere tra di loro ben connessi.

56 Da notare che le dimensioni di questi blocchi sono all’incirca le medesime di quelle rinvenuti nell’area del teatro di Marcello.

57 Pisani Sartorio, Colini, Buzzetti 1986, p. 184-187.

58 Lanciani, 1876, p. 138 e Lanciani 1988, tav. XXVIII nella quale l’ubicazione del basolato è solo indicativa.

59 Colini 1941, p. 385 – 393. La datazione dell’insula è stata fissata sulla base dei bolli laterizi individuati nelle cortine.

60 Gran parte della sede stradale venne occupata da una calcara circolare (fig. 8 I).

61 Si conservano alcuni blocchi di tufo dello stipite e la soglia di una porta. Cfr. Viscogliosi 1996, p. 88-91, fig. 16 e Viscogliosi 1999, p. 144. Vedi anche Bianchini in questo stesso volume p. 528-529.

62 Si dovrebbe quindi ipotizzare la presenza di un’ulteriore apertura nel muro perimetrale del Portico d’Ottavia, più a nord di quella individuata.

63 Le dimensioni della carreggiata, ma anche l’usura del manto stradale, indicano inequivocabilmente che si trattava di un’arteria ad alta frequentazione.

64 Il rinvenimento è riportato nella Forma Urbis di Lanciani 1988, tav. XXI e nella carta archeologica del Campidoglio elaborata dal G. Ioppolo in Colini 1965, p. 179. Nella planimetria elaborata da Ioppolo il basolato presenta però orientamento leggermente diverso rispetto a quanto riportato nella FUR del Lanciani.

65 Rodriguez Almeida 1981, tav. XXIII. Per la ricostruzione del quartiere a est della Crypta Balbi vedi Venditelli 2008.

66 Per la via Lata in generale J. R. Patterson 1999a, p. 135-137; J. R. Patterson 1999b, p. 139. Gli scavi archeologici, intrapresi a partire dall’agosto 2006 al centro di piazza Venezia per la realizzazione della fermata della linea C della metropolitana, ne hanno rimesso in luce parte del basolato romano largo 6 m a cui si sovrapponeva una ricca stratificazione di livelli stradali d’età medievale; vedi Serlorenzi, Saguì 2008.

67 Per il ritrovamento del basolato di questa strada Lega 1999, p. 51-52; l’argomento è stato ripreso recentemente da La Rocca 2006, p. 140 e nota 38.

68 La Rocca 2006, p. 139-143 per un esame della viabilità nell’ambito della valle dei Fori Imperiali ma con collegamenti anche con l’area del Campo Marzio e la via Lata; vedi anche Hauber, Schutz 2006, p. 258-261, tav. 2-4.

69 Gallitto 1999, p. 295 e La Rocca 2006, p. 139-140.

70 Portico o via Tecta? il doppio affaccio del portico e la sua collocazione tra i templi e percorsi stradali costituiscono elementi per cui la definizione di portico è la più appropriata. Concordiamo con Gros 1996, p. 105-106 che parla di «portici doppi, aperti cioè su entrambe le facciate... Generalmente questo tipo di portici presenta una pianta rettilinea, ma si possono avere anche dei gomiti ad angolo retto e in tal caso il portico assume una più evidente funzione di cornice architettonica dello spazio da esso dominato....».

71 La questione sul posizionamento della porticus triumphi è stato affrontata innumerevoli volte senza però che si sia giunti ad una soluzione univoca. Ancor oggi non sembra che ci siano elementi per poter risolvere definitivamente la questione. Da ultimo La Rocca 2008.

72 I frammenti f, g, u della lastra 31 della FUR (Rodriguez Almeida 1981 tav. XXIII) meriterebbero un accurato riesame; in particolare quelli pertinenti al tempio di Apollo (f e g) potrebbero non essere stati collocati nella corretta posizione (fig. 20).

73 I resti sono stati identificati con quelli sul retro dei templi di Apollo e di Bellona sia in Rodriguez Almeida 1981, p. 114, tav. XXVIII, che in Stanford Digital Forma Urbis Romae Project, fr. 31 f, g, d http://formaurbis.stanford.edu.

74 Inoltre lo spazio che effettivamente intercorreva tra le semicolonne dei pilastri e il podio di Bellona era di appena 70 cm discostandosi così di molto dai 2 m riportati nella Forma Urbis.

75 La fondazione del muro è realizzata prevalentemente in frammenti tufo al di sopra dei quali vi sono due filari realizzati in tufelli e in laterizi a cui seguono due filari di tufelli, uno di laterizi, al di sopra dei quali ricorrono per due volte tre filari di tufelli ed uno di laterizi, per un totale di 6 ricorsi; i tufelli sono di forma irregolare mentre i laterizi sono di reimpiego.

76 Per un’analisi dettagliata delle murature del tratto settentrionale del portico cfr. Meneghini, Santangeli Valenzani 2004, p. 85-89 e 133-142 con riferimento agli studi precedenti sulle tecniche edilizie dell’alto Medioevo in cui si evidenzia che dal V secolo tutti i materiali sono di riutilizzo con l’impiego prevalente di laterizi alternati regolarmente a ricorsi di tufelli, mentre dall’viii secolo si nota un cambiamento nella tecnica edilizia con l’impiego di blocchi di tufo per la parte inferiore dei muri e paramento laterizio realizzato con filari di mattoni ad andamento ondulato.

77 Si veda ad esempio il muro 100 di Piazza dei Cinquecento quello del refettorio di Largo Argentina e i pilastri dell’aula absidata presso l’arco di Tito datati tra il v e il vi secolo Meneghini, Santangeli Valenzani, 1996, p. 61-76 fig. 8,10, 12-13.

78 La cortina è realizzata con mattoni di riutilizzo di lunghezza variabile (da 15 a 23 cm) e presenta un modulo per 5 filari di 32-33 cm.

79 Meneghini, Santangeli Valenzani 2004, p. 85-89 e fig 56; Cortine con moduli di 5 filari sono riscontrabili sia in murature in cortina laterizia (pilastri 53-54 modulo 33 cm e bolli di teodorico e muro sud del vano N) sia in paramenti in opera vittata (muro 2 modulo 27-32 cm).

80 In occasione della giornata di studio svoltasi presso l’Istituto Archeologico Germanico il 10 giugno 2004 nella discussione che ne è scaturita P. Maisto ha ricordato che durante lo scavo del 2000 si rinvenne al di sopra del basolato attualmente visibile un piano stradale medievale e sul lato orientale, al di sotto dell’attuale rampa di accesso all’area un pilastro in travertino che potrebbe essere messo in relazione con quelli conservati sul lato orientale di via del Teatro di Marcello e all’incrocio con il Clivio Iugario.

81 Coarelli 1995, p. 299.

82 Vedi supra nota 80.

83 La Rocca 1993a e La Rocca 1993b, p. 300-301.

84 Vedi supra.

85 Da rilevare che anche questa traccia si trova esattamente in corrispondenza del collettore anulare del teatro di Marcello quindi in un punto dove il carico statico non poteva essere eccessivo.

86 Anche questa proposta però non è al momento avvalorata da dati archeologici probanti.

87 Per primo ne ha dato notizia il Colini (Colini 1940b), che ritenne la struttura pertinente all’ara del tempio. Successivamente E. La Rocca in due articoli (La Rocca 1993a, La Rocca 1995) ne ha correttamente identificato la funzione e ne ha individuato i frammenti architettonici di pertinenza.

88 Sebbene la fondazione sia stata messa in luce per una profondità massima di 2,60 m circa non è stato raggiunto lo spiccato della stessa (10,50 m. s.l.m.).

89 La Rocca 1999, p. 79-80, ove si anticipano alcuni dati della campagna di scavo del 1997. Nel rilievo di A. Caldani sono documentati sul perimetro esterno della circonferenza 10 blocchi di tufo che però non sono stati rinvenuti nei recenti scavi (fig. 7).

90 Il differente uso di materiale, oltre ad essere attestato dal rilievo della Caldani, è anche provato dalle stesse impronte lasciate dai blocchi sulla malta. Infatti quelle sul perimetro attestano una lavorazione più grossolana relativa ai blocchi di tufo, mentre le tre impronte ortogonali ai due blocchi di travertino sono caratterizzate da un minor rilievo attestando così una maggior rifinitura degli elementi lapidei riscontrabile per l’appunto sui blocchi di travertino conservati.

91 Il diametro della fondazione in conglomerato cementizio, corrisponde all’anello esterno in blocchi di tufo (6,50 m circa) mentre il diametro della struttura interna in blocchi di travertino coincide perfettamente con il diametro dell’elevato (da base a base 3,80 m).

92 Il monumento è in corso di studio da parte di M. Bertoletti, che ringrazio per le preziose indicazioni a riguardo. Da ultimo si veda Bertoletti 2008, p. 210-211.

93 L’iscrizione mutila incisa sul fregio-architrave Imp. Caesar Vesp[asianus] rimanda al principato di Vespasiano.

94 La Rocca 1993a, p. 17-29, La Rocca 1995, p. 108-110, La Rocca 1999, p. 80.

95 In tal caso la fondazione sarebbe in fase con la decorazione giulio-claudia.

96 La Rocca 1999, p. 79-80 e Coarelli 1993, p. 48.

97 Le spallette sono realizzate in tufo di Grotta Oscura mentre la copertura in cappellaccio. Una realizzazione simile è stata rinvenuta nella vicina Area Sacra di S. Omobono e fatta risalire al 388 a.C. o al 212 a.C., Ioppolo 1997-1998, p. 174.

98 Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 200.

99 Guarducci 1949-50, p. 69.

100 Colini 1940a.

101 Ciancio Rossetto 1997-1998, fig. 4.

102 La lavorazione è accurata con anatirosis sui bordi di contatto, mentre il resto dei blocchi è grossolanamente sbozzato con la subbia; il piano di posa superiore, dove ancora conservato, è lisciato con la gradina con fori rettangolari privi di canaletta di scolo, talvolta disposti a coppie e posti sul margine settentrionale dei blocchi da interpretare come fori per il posizionamento di leve.

103 In tal caso prolungando la fondazione questa avrebbe interferito con i pilastri del teatro di Marcello.

104 Per la differente concezione dello spazio nell’antichità rispetto ad oggi vedi La Rocca 2006, p. 124-125.

105 Due plinti e parte della fondazione sono stati scalpellati per l’inserimento di un condotto che correva parallelo al pronao del tempio di Apollo.

106 Bianchi, Meneghini 2002, p. 395-417.

107 Infatti non pare giustificata la presenza dei plinti in travertino e la notevole profondità della fondazione.

108 Bianchini in questo stesso volume p. 529, dove ritiene, come è stato constatato per la fronte (Ciancio Rossetto 19971998, p. 188 e ss. e fig. 4 e 16), che le fondazioni laterali del tempio di C. Sosio dovevano impostarsi su quelle del tempio precedente e che non sia una coincidenza che la quota del pavimento della cella del tempio di Apollo Medico coincida con quella esterna di età augustea.

109 Tra la fronte e il retro dei templi rimase comunque un salto di quota di circa un metro.

110 Ciancio Rossetto 1994-1995, p. 197.

111 Per la ricostruzione geologica dei suoli cfr. Memorie descrittive 2002; ed in particolare la Carta geologica del Centro storico di Roma tav. 9, e la Carta Idrogeologica tav. 1. Non è escluso che per l’innalzamento dei livelli di calpestio si sia ricorso all’impiego di argilla locale.

112 A riguardo si veda Ciancio Rossetto 1995b, p. 98-99 dove la quota dell’argilla vergine nel carotaggio eseguito in via S. Maria del Pianto si trova a 13,30 m s.l.m.

113 Fidenzoni 1970, p. 4-55 e fig. 29-30.

114 Meneghini 1997, p. 51-57 e Meneghini 1999, p. 171-182.

115 Antonetti 2002, p. 186-217. L’autore ritiene inverosimile che l’anello esterno del teatro di Marcello e il pronao del tempio di Apollo Sosiano siano rovinati nel 443 d.C. ma ritiene più plausibile che il crollo sia avvenuto a seguito del terremoto del 618 o del 801, quando era venuta meno la cura del monumento ed era iniziato il recupero sistematico del materiale marmoreo.

116 Ibid., p. 211-212 dove si puntualizza che le attacaglie devono essere messe in relazione con il piano di calpestio tardoantico (fig. 5) e non con la strada basolata smantellata nel 2000 perchè esito di una ricostruzione arbitraria dell’epoca del Governatorato.

117 Vedi supra nota 35 dove la ceramica più recente del riempimento della caditoia risale all’viii secolo

118 Ciancio Rossetto 2008G.

119 A. Pollio cit. nota 40.

Haut de page

Table des illustrations

Légende Fig. 1 – Il teatro di Marcello negli anni Trenta del secolo scorso visto piazza Venezia : in primo piano si distinguono le opere per la «liberazione» delle pendici del Campidoglio (da Ciancio Rossetto 1995).
Légende Fig. 2 – Planimetria dell’area del teatro di Marcello con evidenziati in grigio gli isolati demoliti durante i lavori del 1926-1932 (elaborazione da Ciancio Rossetto 1995).
Légende Fig. 3 – Il Campo Marzio meridionale in età tardo repubblicana secondo Coarelli. In grigio sono indicati la platea del tempio di Apollo Medico (A) e il tempio della Pietas (B) e la porta Carmentale C (elaborazione da Coarelli 1997).
Légende Fig. 4 – Platea e parte del podio del tempio della Pietas. Particolare di uno dei blocchi modanati della zoccolatura del podio.
Légende Fig. 5 – Pianta dell’area antistante il teatro di Marcello indagata negli anni 1996-1998. In grigio il podio dei templi di Apollo e Bellona; in verde scuro i resti della platea del tempio di Apollo Medico; in viola le strutture inblocchi di tufo di Grottaoscura, in verde chiaro la pavimentazione romana, in rosa la prima pavimentazione tardo antica; in giallo la seconda pavimentazione tardo antica; in marrone le fognature; in beige la fondazionedel monoptero; in celeste la fondazione a plinti e in rosso la struttura a tufi con inserita la fistula di piombo. (da Ciancio Rossetto 1997-1998 elaborazione M. Vitti e P. Vigliarolo).
Légende Fig. 6 – Sezione est-ovest dell’area di scavo. Alle strutture sono state assegnati gli stessi colori della pianta riprodotta nella fig. 5. Con la freccia è indicato l’avvallamento sulla pavimentazione provocato dal crollo di una delle colonne del pronao visibile nella fig. 13 (da Ciancio Rossetto 1997-1998 elaborazione M. Vitti e P. Vigliarolo).
Légende Fig. 7 – Planimetria dell’area del teatro di Marcello con evidenziati i due passaggiin corrispondenza dello spigolo del portico di Ottavia (A) e del monoptero (B) el’area dello scavo eseguito nel 1957 tra il tempio di Apollo e Bellona (C)(elaborazione da Viscogliosi 1996).
Légende Fig. 8 – Planimetria dell’area del teatro di Marcello con la rete stradale e fognaria ricostruita (a tratto continuo i tratti rinvenuti a tratteggio quelli ricostruiti). L’ingresso laterale al portico d’Ottavia dall’area del teatro Marcello è indicato con la lettera H mentre quello ipotizzato in corrispondenza del portico con la lettera G (M. Bianchini e M. Vitti).
Légende Fig. 9 – Pianta e sezione dei resti rinvenuti tra il tempio di Apollo e di Bellona nel 1957 la cui posizione è indicata con la lettera C nella fig. 7 (da Virgili 1985).
Légende Fig. 10 – La pavimentazione romana in lastre di travertino conservata lungo l’ambulacro del teatro di Marcello e tra il tempio di Apollo Sosiano e il tempio di Bellona.
Légende Fig. 11 – La pavimentazione altomedievale nel tratto compreso tra il tempio di Bellona e il tempio di Giano. In primo piano si riconosce il rifacimento del piano in scaglie di travertino e marmo; le frecce indicano gli elementi lapidei che la delimitavano sul lato orientale.
Légende Fig. 12 – La pavimentazione tardoantica tra il tempio di Apollo Sosiano e il teatro di Marcello realizzata con materiali lapidei di recupero.
Légende Fig. 13 – Gli elementi architettonici del tempio di Apollo Sosiano ancora in posizione di crollo direttamente poggianti sulla pavimentazione tardoantica. La freccia indica la colonna del pronao in posizione di crollo (da Ciancio Rossetto 1997-1998).
Légende Fig. 14 – Pianta dei resti rinvenuti sul lato orientale del tempio di Bellona durante la campagna di scavo del 2000; a tratteggio il percorso ricostruito della strada. Con la lettera A sono indicati i due blocchi di travertino che separavano la strada dalla piazza; con la lettera B la fondazione Ottocentesca che ingloba un muro in opera vittata; con la lettera C i blocchi in travertino del margine occidentale della strada; con la lettera D il pilastro in laterizio rinvenuto sul lato orientale del basolato e con la lettera E il solco causato dal passaggio dei carri.
Légende Fig. 15 – Panoramica della strada e del portico rinvenuti sul lato orientale del tempio di Bellona. Con la lettera A sono indicati i due blocchi in travertino ubicati presso la rampa di accesso all’area, con la lettera B gli elementi lapidei inglobati nel muro di ontenimento moderno e con la lettera C quelli posti tra il portico e il basolato.
Légende Fig. 16 – Particolare dei frammenti lapidei impiegati tra i giunti dei basoli e particolare del restauro antico del piano stradale.
Légende Fig. 17 – I blocchi di travertino a delimitazione del basolato e i pilastri in travertino del ato orientale del portico. La quota di rasatura delle basi corrisponde alla quota del basolato.
Légende Fig. 18 – Particolare degli elementi lapidei, relativi al bordo della strada, rinvenuti presso la rampa di accesso all’area archeologica e inglobati nel muro di contenimento moderno lungo via Teatro di Marcello.
Légende Fig. 19 – Pianta del Campo Marzio Meridionale con ricostruzione del percorso stradale tra la Porta Carmentale e la via Lata: 1 – via Lata, 2 Vicus Pallacinae, 3 – Clivio Argentario, 4 – Basolato attestato nella Forma Urbis Romae tav. XXI, 5 – Diverticolo presso il portico dei templi di Apollo e Bellona, 6 e 7 – Basolato e crepidine presso il tempio di Bellona, 8 – Crepidine della via Trionfale (M. Vitti e P. Vigliarolo).
Légende Fig. 20 – La lastra 31 della Forma Urbis Romae (da Rodriguez Almeida 1983).
Légende Fig. 21 – Il muro in opera vittata inglobato nella fondazione Ottocentesca e il pilastro in cortina laterizia ubicato sul lato orientale della strada.
Légende Fig. 22 – Particolare di un tratto della pavimentazione adiacente all’ambulacro del teatro di Marcello con tessitura radiale di alcune delle lastre lapidee.
Légende Fig. 23 – Un’immagine della fondazione del monoptero durante gli scavi del dopoguerra (Archivio Fotografico Comunale).
Légende Fig. 24 – I blocchi e la fondazione del monoptero con le impronte dei blocchi asportati.
Légende Fig. 25 – La decorazione del monoptero nell’allestimento dei Musei Capitolini alla Centrale Montemartini.
Légende Fig. 26 – La struttura in lastre di tufo in cui è inserita la fistula plumbea presso l’angolo sud-ovest del podio del tempio di Bellona.
Légende Fig. 27 – Parte della fondazione con plinti in travertino antistante il tempio di Apollo Sosiano vista dall’alto e da sud.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Massimo Vitti, « Note di topografia sull’area del Teatro di Marcello », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 122-2 | 2010, 549-584.

Référence électronique

Massimo Vitti, « Note di topografia sull’area del Teatro di Marcello », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 122-2 | 2010, mis en ligne le 11 septembre 2013, consulté le 26 avril 2017. URL : http://mefra.revues.org/315 ; DOI : 10.4000/mefra.315

Haut de page

Auteur

Massimo Vitti

Sovraintendenza ai beni culturali di Roma Capitale, maxvitti@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org