Navigation – Plan du site
Le luxe et les lois somptuaires dans la Rome antique

Le leggi sul lusso tra Repubblica e Principato : mutamento di prospettive

Anna Bottiglieri

Résumés

Oggetto del presente lavoro è il mutamento di prospettiva delle leggi sul lusso nel periodo imperiale rispetto all’epoca repubblicana. Il concetto di sumptus ebbe un contenuto diverso nelle varie epoche storiche. Si è quindi tentato di ricostruire l’idea di ricchezza e la sua incidenza sul piano politico istituzionale e su quello normativo, tenendo conto del fatto che nell’Impero le leggi limitatrici del lusso non sono più funzionali alla costituzione della classe dirigente, che ha nuovi principi e differenti ideali, ma il loro ricordo è utilizzato per esaltare il buon tempo passato, anche se è poco comprensibile la loro ratio in un’epoca in cui lo sfarzo è diventato valore positivo.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Bottiglieri 2002. Cfr. la recensione di Venturini 2004, p. 355-380.

1Del tema, oggetto del nostro incontro, mi sono in parte occupata in una monografia, pubblicata nel 2002, relativa specificamente alle leggi sul lusso in età repubblicana1. Ho poi continuato ad interessarmi di problemi connessi, come le leggi sui giochi d’azzardo, che, a mio avviso, sono strettamente collegati alle limitazioni di spesa delle leggi suntuarie. Tutte leggi di epoca repubblicana. Con l’avvento del Principato, questi provvedimenti normativi, già trascurati e per molti versi disattesi negli anni della res publica, si riducono drasticamente, pur se rimangono presenti nel ricordo degli autori antichi. Questi ultimi ne utilizzano la memoria per esaltare il buon tempo passato, anche se è poco comprensibile la loro motivazione, la loro ratio, in un’epoca in cui lo sfarzo è diventato un valore positivo.

2Cambia quindi nel Principato la prospettiva delle leggi suntuarie : esse non sono più funzionali alla costituzione della classe dirigente, che ha nuovi principi e differenti ideali. Questo mutamento può essere compreso riproponendo, seppur brevemente, alcune considerazioni sulle leggi limitatrici del lusso in età repubblicana.

  • 2 Gabba 1988, p. 41.
  • 3 Nicolet 1980, p. 64-77.

3La riflessione che, negli ultimi anni, si è venuta svolgendo sulle leggi limitatrici del lusso ha insistito sul nesso tra queste norme e i mutamenti della società romana sia sotto il profilo economico sia sotto quello costituzionale. Si è posta l’attenzione, innanzitutto, sul continuo riproporsi delle leggi suntuarie attraverso un lungo arco di tempo, cosa che sarebbe stata alla base della costituzione di un codice etico e sociale, indispensabile per conservare alla classe dirigente la ragione intima della sua esistenza e della sua funzione. Lo scopo essenziale di questo corpus normativo sarebbe stato sia quello di difesa delle basi materiali, sia quello di garantire il ruolo sociale e politico della classe dirigente, formatasi all’interno di un ordinamento classista2. Infatti l’oligarchia romana era separata dal resto del popolo non solo per fattori sociologici, ma soprattutto per diritto, in un ordinamento a base censitaria e dunque timocratico3.

  • 4 Bleicken 1975, p. 169-175.

4È stato giustamente sottolineato che il comportamento nella vita privata dei cittadini romani, soprattutto di quelli appartenenti alle classi benestanti, non fu visto come una faccenda puramente privata : la rovina di esse era allo stesso tempo la rovina della res publica4.

  • 5 Bottiglieri 2002, p. 43.

5Si può affermare che il concetto di sumptus ebbe un contenuto diverso nelle varie epoche storiche. Tale categoria non ha una struttura costante, ma risente delle inferenze politiche ed economiche, che volta per volta vengono delineandosi in un ampio arco temporale. Occorre tener conto delle modificazioni che l’idea del lusso ha subito nel tempo, così come è indispensabile valutare la dimensione del fenomeno della ricchezza e la sua incidenza sul piano politico-istituzionale e su quello normativo5.

  • 6 XII Tab. X, 2 = Cic. De leg. 2.23.59 ; XII Tab. X, 3 = Cic. De leg. 2.23.59 ; XII Tab. X, 4 = Cic. (...)
  • 7 Tamborini 1930, p. 299- 487. V. Pasquali 1968, p. 5-21 e le osservazioni di Cassola 1994, p. 488-4 (...)
  • 8 V. Front. 10.20, 11.8 Th. e Hygin. 131.10, 132.5 che attribuiscono l’origine dei limiti terrieri a (...)
  • 9 XII Tab. V, 7 c ; D. 27.10.1 pr. Ulp. 1 ad Sab., L. 2423 e Ulp. ep. 12.2. Su questi testi, v. D’Ip (...)

6Ricordiamo che il più antico nucleo fondante la limitazione della ricchezza privata è presente nelle XII Tavole, in quelle norme citate da Cicerone, relative al lusso funerario, che tendevano a sopprimere di fronte alla morte ogni distinzione di fortuna6. In realtà tutto il corpus decemvirale appare guidato ora in modo palese, ora in modo sotterraneo, da un programma normativo diretto a proteggere l’economia privata. Incide su questo programma certamente la condizione della Roma del quinto secolo che appare una città stretta dalla crisi economica e concentrata su se stessa7. L’assetto terriero è quello regolato dalla razionalità della divisione dei campi, percorsi da vie pubbliche e sentieri, separati da fasce di confini inusucapibili, segnati da termini posti con lunghi e complessi rituali8. Norme severe pongono sotto tutela il furiosus e il prodigus, al fine soprattutto di impedire loro di dissolvere il patrimonio familiare9.

  • 10 Così Landolfi 1990, p. 44.
  • 11 Plin. Nat. Hist. 7.139-140, commentato da Gabba 1988, p. 27-29 ; cfr. anche Schiavone 1987, p. 87- (...)
  • 12 Val. Max. 4.4.8-9.
  • 13 D’Ippolito 1994, p. 73-78.
  • 14 Gabba 1985, p. 6.

7È tuttavia nell’epoca che va dal III al II secolo a.C. che si vengono costituendo concettualizzazioni strettamente collegate con i temi di fondo della lotta politica a Roma e, al contempo, si assiste al progressivo affermarsi di una concezione positiva della ricchezza nella società romana dell’epoca10. Si afferma l’idea che l’agiatezza sia uno degli elementi caratterizzanti il cittadino illustre. Le fonti ci forniscono molti esempi ; mi limito qui a ricordare la laudatio funebris che Quinto Cecilio Metello pronunciò in onore del padre Lucio Cecilio Metello, console nel 251 e nel 24711. Sorvolo sulle altre virtù. Voglio porre l’accento sull’affermazione che Lucio Cecilio Metello acquisì una grande ricchezza in modo legittimo, pecuniam magnam bono modo invenire. È in questi anni che si consolida l’idea che il benessere economico non è un valore negativo ; è lo spreco dei beni e non l’acquisizione, che va combattuto. Sotto l’aspetto della rappresentazione pubblica dei valori forti del cittadino romano, la ricchezza, correttamente acquistata, diventa ora, per la prima volta, un’indicazione di comportamento ; personaggi come Metello esprimono tendenze pubbliche congruenti con l’incremento della ricchezza privata. Al contrario, l’arcaico modello rappresentato ancora più tardi da un personaggio come Tuberone, di cui si ricorda la virtuosa paupertas12, si manifesta coincidente con linee politiche dirette sostanzialmente a contrastare l’affermarsi delle strategie imperialistiche13. Dopo la vittoriosa guerra contro Pirro e la conclusione della prima guerra punica, l’afflusso a Roma di ricchezze e di schiavi ebbe come conseguenza una modifica profonda della realtà economica e sociale. Nel breve spazio di mezzo secolo si passa, come rileva Gabba, dall’elogio della povertà di Fabrizio e Manio Curio all’ideale dell’onesto, ma ampio arricchimento14.

  • 15 Pro Mur. 36.76.
  • 16 Landolfi 1990, p. 67.

8A Roma la lotta al lusso è condotta sempre contro le manifestazioni di sontuosità privata del cittadino. Afferma Cicerone15 : Odit populus Romanus privatam luxuriam, publicam magnificentiam diligit ; non amat profusas epulas, sordis et inhumanitatem multo minus. È stato a mio avviso giustamente osservato come « tale espressione sia rivelatrice dell’atteggiamento di fondo della nobiltà arroccata all’ideologia arcaica, per cui la sobrietà personale e la grandiosità civica sono risvolti della subordinazione delle tendenze individuali ai superiori bisogni e scelte della cittadinanza : in quanto cittadino il singolo può fruire dello sfarzo urbano, in quanto privato deve contenere ogni inclinazione allo spreco. Lo statalismo romano comprime in questa maniera gli indirizzi consumistici del cittadino sia per ragioni economiche, sia per ragioni di equilibrio politico, giacchè l’opulenza spiana la via all’autocrazia e al rovesciamento dello status quo »16.

  • 17 Gell. 2.24.1.

9Per il periodo repubblicano, le fonti, in particolare Gellio e Macrobio, ci tramandano un elenco di leggi suntuarie, simile nella struttura, sostanzialmente concordante (vi sono poche incongruenze tra le due fonti) ma scaturenti da prospettive diverse. La ricostruzione gelliana mette in risalto la parsimonia, intesa come virtù peculiare della società antica : parsimonia apud veteres Romanos et victus atque cenarum tenuitas non domestica solum observatione ac disciplina sed publica quoque animadversione legumque complurium sanctionibus custodita est (i Romani di un tempo vigilavano sulla sobrietà e la frugalità dell’alimentazione e dei pranzi non solo con i precetti e la disciplina privata, ma anche con i provvedimenti pubblici e con la sanzione di molte leggi)17.

  • 18 Macrob. 3.17.1.

10Nell’esordio della ricostruzione macrobiana vengono messe in risalto le ragioni per cui erano state emanate le leggi sui pranzi e sulle spese ed era stato istituito l’obbligo di cenare a porte aperte : così, facendone testimoni oculari i cittadini, si poneva un limite al lusso : longum fiat si enumerare velim quot instrumenta gulae inter illos vel ingenio excogitata sint vel studio confecta. Et hae nimirum causae fuerunt propter quas tot numero leges de cenis et sumptibus ad populum ferebantur, et imperari coepit ut patentibus ianuis pransitaretur et comitaretur : sic oculis civium testibus factis luxuriae modus fieret18.

  • 19 Bottiglieri 2002, p. 83-102.

11Non voglio qui ripetere considerazioni già espresse altrove. Quello che mi preme sottolineare è che i nostri autori, nell’esporre le loro considerazioni sulle leggi limitatrici del lusso, risentono senz’altro dell’ambiente e delle condizioni in cui vivono. La loro rappresentazione della realtà dell’epoca repubblicana, anche se mutuata da fonti autorevoli, come Ateio Capitone per Gellio, è falsata dalla situazione reale della loro epoca19.

  • 20 Bottiglieri 2002, p. 175-178.

12Ma c’è un elemento in più. Queste statuizioni normative, elencate in maniera precisa dai nostri autori, non erano le sole che colpivano lo sperpero dei cittadini romani, se è vero, come credo di aver già dimostrato20, che i Romani in età repubblicana tendevano a limitare le spese per evitare che con il depauperamento del patrimonio si potesse scivolare in una classe inferiore. Queste connessioni non erano evidenti agli occhi dei Romani dell’età imperiale. Il lusso sfrenato della loro classe dirigente li portava a considerare aspetti diversi del problema.

  • 21 Gai. Inst. 2.224-227.
  • 22 Bottiglieri 2002, p. 150-161.

13Le leggi che limitano il lusso investono vari aspetti della vita dei cittadini romani ; con esse si mirava a colpire le spese eccessive per i vestiti e gli ornamenti, quelle fatte in occasione dei funerali, lo sperpero di danaro per le scommesse e i giochi d’azzardo, lo scialo per doni, pranzi e l’uso di cocchi. Ma devono essere menzionate anche le disposizioni incidenti sulle disponibilità dei patrimoni privati. La nostra fonte qui è Gaio21. Il giurista adrianeo ricorda che la legge delle XII Tavole permetteva al testatore di esaurire tutto il suo patrimonio in legati, cosa che poteva avere come conseguenza che l’erede rifiutasse l’eredità, perché non aveva nessun interesse ad accettarla e quindi il testamento rimanesse destitutum, cioè privo di effetti. Per ovviare a questo inconveniente furono emanate la legge Furia, di data incerta plausibilmente databile tra il 204 e il 169 a.C., la lex Voconia del 169 a.C. e infine la lex Falcidia del 40 a.C. Quello che ci interessa e ci permette di stabilire una importante connessione tra queste leggi e le disposizioni suntuarie è la parte della lex Voconia nella quale è sancito che gli appartenenti alla prima classe del comizio centuriato, cioè quei cittadini romani che avevano un patrimonio di almeno centomila assi, non potessero istituire eredi le donne. Questa norma sembra avere lo scopo di salvaguardare i patrimoni della prima classe e si ritiene che vada riconnessa all’orientamento normativo dell’epoca contro le dissipazioni e le spese di lusso che incidevano sui patrimoni22.

  • 23 Macrob. 3.17.13.

14Le leggi suntuarie prendono in considerazione tutte le spese che portavano a una diminuzione improduttiva dei patrimoni. La forma più immediatamente evidente di dissipazione è il luxus mensae, che rappresenta una perdita completa per chi organizzi un banchetto, anche se costui ne può ricavare un certo vantaggio politico. Non è un caso che Macrobio ricordi che Catone parlava delle leggi suntuarie come di leggi cibariae, restringendo il loro più ampio settore di incidenza23.

15Nel periodo repubblicano la normativa suntuaria romana ha il suo cardine fondamentale nella censura. Le fonti sottolineano per questa epoca un forte potere di tale magistratura che attraverso l’uso mirato della nota censoria conquista spazi sempre più vasti. Le leggi vengono ricordate come prive di sanzione : il solo garante della loro osservanza era il censore, che utilizzava la nota censoria per costringere i cittadini romani all’obbedienza e non di rado l’uso di questo mezzo aveva un pregnante valore politico. È nell’età di Catone che si può cogliere uno stretto legame tra il rigore nei costumi e la potenza della censura. La reiterazione delle leggi viene giustificata proprio con il fatto che esse dovevano essere riproposte, per riaffermare con l’autorità della legge nuova il timore affievolitosi di quella più antica.

16L’oggettivazione, mediante una legge, delle regole dell’esercizio dei poteri delle classi egemoni, sostituisce i mores maiorum, un tempo considerati norma da seguire, poi disattesi dall’ambizione dei singoli aristocratici. È proprio il cattivo uso delle regole tramandate dalla tradizione che porta al bisogno di promulgare una legge.

  • 24 Per Gellio il senatusconsultum del 161 a.C., lex Fannia, lex Licinia, lex Cornelia, lex Aemilia, l (...)

17Le leggi suntuarie sono collegate da un filo unitario nel corso della storia repubblicana, senza però giungere mai a un progetto legislativo sistematico nel frenare il lusso e questo può averne determinato l’insuccesso e la necessità di riproporle costantemente. È noto l’elenco delle leggi suntuarie di quest’epoca attraverso il resoconto di Gellio e Macrobio24.

18Ma su queste disposizioni non mi soffermo, piuttosto voglio analizzare le testimonianze relative all’epoca successiva.

  • 25 Svet. Aug. 34 e 40 ; Gell. 2.24.14 ; Cass. Dio 54.16 ; Flor. 4.12.65.
  • 26 Rotondi 1912, p. 447.
  • 27 Gell. 2.24.15.

19Per l’età del Principato le fonti ricordano una legge suntuaria di Augusto25 identificata da Rotondi26 nella Lex Iulia de vestitu et habitu, che limitava il lusso delle matrone, nonché l’uso della seta. La legge si potrebbe datare tra il 22 e il 18 a.C. ed è stata considerata un’attestazione dell’azione moralizzatrice svolta sul piano politico dal principe, in continuazione con i disegni di Cesare. Augusto fissò il massimo della spesa per i banchetti, stabilendolo nella misura di duecento sesterzi per i giorni feriali, trecento sesterzi per le calende, le idi e le none, e per alcuni altri giorni festivi, nonché in mille sesterzi per il giorno delle nozze e per i repotia (il banchetto che lo sposo offriva il giorno dopo le nozze nella sua casa). Tali somme dovettero apparire troppo esigue e fu emanato un editto, forse dello stesso Augusto o di Tiberio, che elevava i trecento sesterzi dei giorni festivi a duemila, come ricorda Gellio, che afferma di avere appreso questa notizia da Ateio Capitone27.

20Augusto con questa legge propone un modello etico, moralizzante, che richiamava gli exempla maiorum. Il modello antico veniva restaurato con sapiente consapevolezza, a volte con puntigliosa esigenza documentale. In più di una circostanza esso veniva riproposto addirittura attraverso la paziente rilettura del principe che però non lo affidava più alla sfera della responsabilità privata o all’intervento dei censori, ma lo affidava alla costrizione legislativa, cosa che poteva essere considerata una novità rispetto al passato : l’imposizione di vincoli e pene, ignoti agli exempla maiorum cui egli si richiamava.

  • 28 Tac. Ann. 3.52.2-3 : Nam incipiente C. Bibulo ceteri quoque aediles disseruerant, sperni sumptuari (...)
  • 29 Tac. Ann. 3.54.4-5. V. Bottiglieri 2002, p. 15.
  • 30 Non è questa la sede per approfondire il tema della consuetudine abrogativa e quello della desuetu (...)

21Ma è con Tiberio che si ha una svolta nell’atteggiamento del Principe nei confronti di idee moralizzatrici. Nel 22 d.C., sotto il consolato di Sulpicio Galba e di Aterio Agrippa, l’edile Caio Bibulo e gli altri edili avevano fatto notare in Senato che la legge sul lusso (ci si riferisce qui probabilmente alla legge augustea) era disattesa e che era necessario un intervento diretto a porre un freno allo spreco e al lusso dilaganti. Il Senato non prende decisioni e rimette la questione a Tiberio28. Il Principe si rende conto che la proposta degli edili potrebbe portarlo ad emanare provvedimenti impopolari e invia una lettera al Senato che è un capolavoro di abilità politica e scopre freddamente il gioco degli avversari, celato sotto la proposta degli edili29. Tiberio afferma che ai magistrati è dovuto rispetto, ma nello stesso tempo sottolinea seccamente la diversità di compiti e funzioni tra lui e i magistrati, perché maius aliquid et excelsius a principe postulatur. Al Principe, ora, sono demandati precisi compiti e responsabilità. E pur lamentando il disprezzo che ha colpito le numerose leggi sul lusso, e soprattutto quella emanata da Augusto, non esita a considerare la dimensione dell’Impero e le sue necessità economiche. È interessante notare che Tiberio fa una distinzione tra le leges a maioribus repertae per oblivio, dimenticanza, e quelle di Augusto contemptu abolitae, abolite per noncuranza : quindi solo le leggi più antiche erano state abrogate per desuetudine, la legge di Augusto, invece, era stata di fatto disapplicata30.

  • 31 Cfr. Svet. Tib. 28.
  • 32 Cfr. Svet. Tib. 42-44, anche se si è consapevoli di non poter dare interamente credito al racconto (...)
  • 33 Tac. Ann. 3.55.2-3 : Dites olim familiae nobilium aut claritudine insignes studio magnificentiae p (...)

22Tiberio continua il suo discorso : procedano pure i magistrati solerti a limitare il dilagare del lusso, ma ci si guardi dal trascinare in ciò il Principe, riversando su di lui le reazioni dei ceti colpiti dalla repressione. Tiberio non vuole crearsi inimicizie, afferma non esse offensionum avidum. Ma soprattutto vuole risparmiare a se stesso e al Senato accuse e malcontento per questioni futili31. Comincia a delinearsi qui una concezione del lusso che si distacca nettamente da quella dell’epoca precedente, forse nel discorso del Principe era già sottesa la preoccupazione per le critiche che potevano venirgli dal suo comportamento nel ritiro caprese32. Tacito prosegue con un breve racconto sulla storia del lusso che fa partire dalla battaglia di Azio del 31 a.C. fino alla presa del potere di Galba 68 d.C.33 : un tempo le famiglie nobili e ricche, o particolarmente illustri, per smania di grandezza andavano in rovina ; perché allora era possibile corteggiare il popolo, gli alleati, i sovrani tributari e venir ricambiati da essi ; quanto più ciascuno si metteva in vista per dovizia di mezzi, splendore di abitazione e accessori, tanto maggior lustro acquistava attraverso la popolarità e le clientele. Ma da quando incominciarono le repressioni e l’aver gran fama fu causa di rovina, coloro che si salvarono si convertirono ad abitudini più sagge. Nello stesso tempo gli uomini nuovi, che ora frequentemente erano chiamati in Senato dai municipi, portarono a Roma la frugalità paesana ; e anche se l’abilità o la fortuna permetteva a molti di giungere ad una vecchiaia agiata, rimase tuttavia in essi l’antico modo di sentire.

  • 34 Tac. Ann. 3.55.4-5 : Sed praecipuus adstricti moris auctor Vespasianus fuit, antiquo ipse cultu vi (...)

23È con Vespasiano, e Tacito lo sottolinea, che si ha una inversione di tendenza nel concetto di sumptus : Vespasiano fu esempio di costumi parsimoniosi nelle vesti e nel cibo ; quindi il rispetto verso l’imperatore e il desiderio di imitarlo furono più efficaci del timore e le sanzioni delle leggi. Questo cambiamento è avvenuto per una sorta di cicli di epoche, per cui anche i costumi si alternano e ritornano, così come volgono le stagioni34.

  • 35 Svet. Nero 16 : Adhibitus sumptibus modus ; publicae cenae ad sportulas redactae ; interdictum ne (...)
  • 36 Svet. Nero 26 : Petulantiam, libidinem, luxuriam, avaritiam, credulitatem sensim quidem primo et o (...)
  • 37 Svet. Nero 27 : Epulas a medio die ad mediam noctem protrahebat, refotus saepius calidis piscinis (...)
  • 38 Svet. Nero 30 : Divitiarum et pecuniae fructum non alium putabat quam profusionem, sordidos ac dep (...)
  • 39 Svet. Claudius 16 : Gessit et censuram intermissam diu post Plancum Paulumque censores, sed hanc q (...)
  • 40 Sen. De vita beata 21.4 : Nec enim se sapiens indignum ullis muneribus fortuitis putat : non amat (...)

24Tacito mette in rilievo il cambiamento che si ha con l’avvento della dinastia Flavia. Non sottolinea, e non gli sembra il caso di sottolineare, che Nerone, secondo Svetonio35, pose un freno al lusso (adhibitus sumptibus modus) ; con Nerone i banchetti pubblici vennero ridotti ad una distribuzione di viveri, fu proibita la vendita di cibi cotti nelle bettole, tranne i legumi e le verdure, mentre prima si servivano ogni genere di vivande. Questo ricordo sembra stridere con tutto quello che si sa, non solo dal resoconto degli autori antichi, ma anche dalle risultanze archeologiche, sul regno di Nerone. Dopo aver ricordato che Nerone pose un freno al lusso, è lo stesso Svetonio che testimonia l’amore dell’imperatore per lo sfarzo36, per banchetti pantagruelici37, e arriva ad affermare che Nerone non credeva vi fosse nessun altro modo di usare il danaro e la ricchezza se non sperperandoli e considerava avari coloro che tengono conto delle loro spese, mentre considerava magnifici coloro che abusano della loro fortuna38. Nerone propone un modello in cui il potere assoluto del monarca si pone in un quadro di fasto, di grandiosità, di lusso e di piacere. E si potrebbe continuare con numerose testimonianze relative all’ostentazione di ricchezza degli imperatori, in contrasto con i dettami delle antiche leggi suntuarie. Forse qualche principe aveva tentato di moralizzare la Città, come Claudio ad esempio, che riportò in vita la censura che a lungo era stata sospesa, e da censore diede ordine di comprare e distruggere in sua presenza un cocchio d’argento fabbricato con estremo lusso, che era in vendita nel quartiere dei Sigillari39. Ma ormai i tempi erano cambiati. Anche i filosofi di quet’epoca teorizzano il valore positivo della ricchezza. Seneca afferma che il sapiente non si ritiene indegno dei doni della sorte ; non ama le ricchezze ma preferisce averle ; non le accoglie nell’animo ma nella casa si ; non rifiuta quelle che ha, ma le domina e vuole che esse offrano maggiori possibilità alle sue qualità morali40.

25Dopo Vespasiano la questione del lusso non viene più ripresa. Ormai la società romana era adusa alla grandezza e alla fastosità della corte imperiale. Non viene più deplorato lo sperpero di ricchezza. Sempre più numerosi episodi ci testimoniano banchetti sontuosi, perdite di ingenti somme di danaro nel gioco dei dadi, spese per vestiti e gioielli, costruzioni di edifici maestosi. La parsimonia non è più funzionale alla carriera politica propria o dei propri figli. Anzi. Sono le ingenti spese per banchetti, per mettere in mostra il proprio benessere economico che diventano gli elementi portanti per una brillante carriera politica. E non interessa se ci si è indebitati, se si sono commessi illeciti per conseguire tali ricchezze. Si intravede l’inversione di tendenza che con il passare del tempo porterà alla fine del mondo romano ; ci si avvicina sempre di più alla concezione orientale del potere. Il monarca assoluto esprime la propria potenza anche attraverso i simboli ; egli compare in pubblico con un diadema e con la veste intessuta di fili d’oro e pietre preziose e il mantello di propora : nessuno, in tale contesto, proporrebbe più di limitare le ostentazioni di ricchezza.

  • 41 Euseb. Chron. 296, afferma che per primo Diocleziano ordinò di adorarlo come un dio e che nelle su (...)
  • 42 Cfr. Amm. 16.8.4 e 8 ; 16.12.39 ; 22.9.10-11.
  • 43 Mazzarino 2002, p. 813-815.

26Le fonti sottolineano questo cambiamento. Ormai è solo l’Imperatore che può usare la porpora, gli ornamenti d’oro e avere la corona sul capo41; per i sudditi l’aver adoperato indumenti di porpora o anche solo decorati con quella stoffa costituisce elemento di prova del reato di lesa maestà42. Si consolida, con il passare del tempo, quella che è stata definita con espressione felice dal Mazzarino « società a piramide »43, che vede al vertice l’Imperatore e alla base gli humiliores, i quali se da un lato sono esclusi dalla partecipazione alla vita lussuosa dei maggiorenti e sono oppressi dai tributi, dall’altro partecipano attivamente con la predicazione alla vita spirituale cristiana che li fortifica, facendo intravedere loro un mondo ultraterreno che li ricompenserà delle privazioni patite.

Haut de page

Bibliographie

Albanese 1998 = B. Albanese, Su XII Tab. 10.2-4 (regole per i riti funebri), in SDHI, 64, 1998, p. 397-411.

Ampolo 1984 = C. Ampolo, Il lusso funerario e la città arcaica, in AION, 6, 1984, p. 71-102.

Bleicken 1975 = J. Bleicken, Lex publica. Gesetz und Recht in der römischen Republik, Berlino-New York, 1975.

Bottiglieri 2002 = A. Bottiglieri, La legislazione sul lusso nella Roma repubblicana, Napoli, 2002.

Cassola 1994 = F. Cassola, Pasquali e la storia antica, in Scritti di storia antica : istituzioni e politica, II Roma, Napoli, 1994, p. 488-492.

D’Ippolito 1993 = F. M. D’Ippolito, Questioni decemvirali, Napoli, 1993.

D’Ippolito 1994 = F. M. D’Ippolito, I giuristi e la città : ricerche sulla giurisprudenza romana della Repubblica, Napoli, 1994 (1a ed. 1979).

D’Ippolito 2010 = F. M. D’Ippolito, Le forme dell’oblio, in Diritto memoria oblio nel mondo romano, Napoli, 2010, p. 21-92

Diliberto 1984 = O. Diliberto, Studi sull’origine delle cura furiosi, Napoli, 1984.

Gabba 1985 = E. Gabba, Arricchimento in Plauto e Terenzio, in Atti del XIV Colloquio Girea (19-24 settembre 1983) Index, 13, 1985, p. 5-15.

Gabba 1988 = E. Gabba, Del buon uso della ricchezza, Milano, 1988, p. 26-44 (= Ricchezza e classe dirigente romane fra III e I sec. a. C., in RSI, 93, 1981, p. 541-558).

Landolfi 1990 = L. Landolfi, Banchetto e società romana. Dalle origini al I sec. a. C., Roma, 1990.

Lanza 1990 = C. Lanza, Ricerche sul furiosus in diritto romano, Roma, 1990.

Mazzarino 2002 = S. Mazzarino, L’impero romano, vol. II, Bari, 2002 (1a ed. 1976).

Nicolet 1980 = C. Nicolet, Il mestiere di cittadino nell’antica Roma, Roma, 1980 (tr. it. di Le métier de citoyen dans la Rome républicaine, Parigi, 1976).

Pasquali 1968 = G. Pasquali, La grande Roma dei Tarquini, in Pagine stravaganti di un filologo, 2, Firenze, 1968, p. 5-21.

Rotondi 1912 = G. Rotondi, Leges publicae populi Romani, Milano, 1912 (rist. Hildesheim 1962).

Schiavone 1987 = A. Schiavone, Giuristi e nobili nella Roma repubblicana, Napoli, 1987.

Tamborini 1930 = F. Tamborini, La vita economica nella Roma degli ultimi re, in Athenaeum, 8, 1930, p. 299-487.

Toher 1986 = M. Toher, The Tenth Table and the Conflict of the Orders, in K.A. Raaflaub (a cura di), Social Struggles in Archaic Rome. New Perspectives on the Conflict of the Orders, Berkeley-Los Angeles-Londra, 1986, p. 301-326.

Venturini 2004 = C. Venturini, Leges sumptuariae, in Index, 32, 2004, p. 355-380 (= Studi di diritto delle persone e di vita sociale in Roma antica, Raccolta di scritti, a cura di A. Palma, Napoli, 2014, p. 553-582).

Haut de page

Notes

1 Bottiglieri 2002. Cfr. la recensione di Venturini 2004, p. 355-380.

2 Gabba 1988, p. 41.

3 Nicolet 1980, p. 64-77.

4 Bleicken 1975, p. 169-175.

5 Bottiglieri 2002, p. 43.

6 XII Tab. X, 2 = Cic. De leg. 2.23.59 ; XII Tab. X, 3 = Cic. De leg. 2.23.59 ; XII Tab. X, 4 = Cic. De leg. 2.23.59 ; XII Tab. X, 5 = Cic. De leg. 2.23.59-24.60 ; XII Tab. X, 6 a = Cic. De leg. 2.24.60 ; XII Tab. X, 7 b = Cic. De leg. 2.24.60 ; XII Tab. X, 8 a = Cic. De leg. 2.24.60. Cfr. Ampolo 1984, p.71-102. Per il problema più generale della limitazione della ricchezza nelle XII Tavole, v. Toher 1986, p. 301-326 ; D’Ippolito 1993, p. 6-8 ; Albanese 1998, p. 397-411.

7 Tamborini 1930, p. 299- 487. V. Pasquali 1968, p. 5-21 e le osservazioni di Cassola 1994, p. 488-492.

8 V. Front. 10.20, 11.8 Th. e Hygin. 131.10, 132.5 che attribuiscono l’origine dei limiti terrieri alla scienza degli aruspici etruschi.

9 XII Tab. V, 7 c ; D. 27.10.1 pr. Ulp. 1 ad Sab., L. 2423 e Ulp. ep. 12.2. Su questi testi, v. D’Ippolito 1993, p. 48-56. Per il furiosus, v. Diliberto 1984, p. 120-121 e Lanza 1990, p. 5-67.

10 Così Landolfi 1990, p. 44.

11 Plin. Nat. Hist. 7.139-140, commentato da Gabba 1988, p. 27-29 ; cfr. anche Schiavone 1987, p. 87-89.

12 Val. Max. 4.4.8-9.

13 D’Ippolito 1994, p. 73-78.

14 Gabba 1985, p. 6.

15 Pro Mur. 36.76.

16 Landolfi 1990, p. 67.

17 Gell. 2.24.1.

18 Macrob. 3.17.1.

19 Bottiglieri 2002, p. 83-102.

20 Bottiglieri 2002, p. 175-178.

21 Gai. Inst. 2.224-227.

22 Bottiglieri 2002, p. 150-161.

23 Macrob. 3.17.13.

24 Per Gellio il senatusconsultum del 161 a.C., lex Fannia, lex Licinia, lex Cornelia, lex Aemilia, lex Antia, lex Iulia, Decretum Augusti seu Tiberi ; per Macrobio lex Orchia, lex Fannia, lex Didia, lex Licinia, lex Cornelia, lex Aemilia, lex Antia, Decretum Antoni. A queste va naturalmente aggiunta la lex Oppia dell’epoca di Catone.

25 Svet. Aug. 34 e 40 ; Gell. 2.24.14 ; Cass. Dio 54.16 ; Flor. 4.12.65.

26 Rotondi 1912, p. 447.

27 Gell. 2.24.15.

28 Tac. Ann. 3.52.2-3 : Nam incipiente C. Bibulo ceteri quoque aediles disseruerant, sperni sumptuariam legem vetitaque utensilium pretia augeri in dies nec mediocribus remediis sisti posse, et consulti patres integrum id negotium ad principem distulerant. Sed Tiberius saepe apud se pensitato an coerceri tam profusae cupidines possent, num coercitio plus damni in rem publicam ferret, quam indecorum adtrectare quod non obtineret vel retentum ignominiam et infamiam virorum inlustrium posceret, postremo litteras ad senatum composuit quarum sententia in hunc modum fuit.

29 Tac. Ann. 3.54.4-5. V. Bottiglieri 2002, p. 15.

30 Non è questa la sede per approfondire il tema della consuetudine abrogativa e quello della desuetudine, anche se proprio dalle leggi sul lusso possono essere tratti spunti significativi, come suggerisce D’Ippolito 2010, p. 89.

31 Cfr. Svet. Tib. 28.

32 Cfr. Svet. Tib. 42-44, anche se si è consapevoli di non poter dare interamente credito al racconto delle fonti, forse esagerato in qualche particolare.

33 Tac. Ann. 3.55.2-3 : Dites olim familiae nobilium aut claritudine insignes studio magnificentiae prolabebantur. Nam etiam tum plebem socios regna colere et coli licitum; ut quisque opibus domo paratu speciosus, per nomen et clientelas inlustrior habebatur. Postquam caedibus saevitum et magnitudo famae exitio erat, ceteri ad sapientiora convertere. Simul novi homines, e municipiis et coloniis atque etiam provinciis in senatum crebro adsumpti, domesticam parsimoniam intulerunt, et quamquam fortuna vel industria plerique pecuniosam ad senectam pervenirent, mansit tamen prior animus.

34 Tac. Ann. 3.55.4-5 : Sed praecipuus adstricti moris auctor Vespasianus fuit, antiquo ipse cultu victuque. Obsequium inde in principem et aemulandi amor validior quam poena ex legibus et metus. Nisi forte rebus cunctis inest quidam velut orbis, ut quem ad modum temporum vices, ita morum vertantur ; nec omnia apud priores meliora, sed nostra quoque aetas multa laudis et artium imitanda posteris tulit. Verum haec nobis [in] maiores certamina ex honesto maneant.

35 Svet. Nero 16 : Adhibitus sumptibus modus ; publicae cenae ad sportulas redactae ; interdictum ne quid in popinis cocti praeter legumina aut holera veniret, cum antea nullum non obsonii genus proponeretur.

36 Svet. Nero 26 : Petulantiam, libidinem, luxuriam, avaritiam, credulitatem sensim quidem primo et occulte et velut iuvenili errore exercuit, sed ut tunc quoque dubium nemini foret naturae illa vitia, non aetatis esse.

37 Svet. Nero 27 : Epulas a medio die ad mediam noctem protrahebat, refotus saepius calidis piscinis ac tempore aestivo nivatis ; cenitabatque nonnumquam et in publico, naumachia praeclusa vel Martio campo vel Circo Maximo, inter scortorum totius urbis et ambubaiarum ministeria […] Indicebat et familiaribus cenas, quorum uni mitellita quadragies sestertium constitit, alteri pluris aliquanto rosaria.

38 Svet. Nero 30 : Divitiarum et pecuniae fructum non alium putabat quam profusionem, sordidos ac deparcos esse quibus impensarum ratio constaret, praelautos vereque magnificos, qui abuterentur ac perderent.

39 Svet. Claudius 16 : Gessit et censuram intermissam diu post Plancum Paulumque censores, sed hanc quoque inaequabiliter varioque et animo et eventu […] Fuerunt et illa in censura eius notabilia, quod essedum argenteum sumptuose fabricatum ac venale ad Sigillaria redimi concidique coram imperavit.

40 Sen. De vita beata 21.4 : Nec enim se sapiens indignum ullis muneribus fortuitis putat : non amat divitias sed mavult ; non in animum illas sed in domum recipit, nec respuit possessas sed continet, et maiorem virtuti suae materiam sumministrari vult.

41 Euseb. Chron. 296, afferma che per primo Diocleziano ordinò di adorarlo come un dio e che nelle sue calzature fossero inserite gemme; questa notizia è confermata da Aurel. Vict. de Caes. 39.2-4 che ricorda che Diocleziano fu il primo a desiderare vestiti bordati di oro e per i suoi piedi lo splendore della seta, della porpora e delle pietre preziose.

42 Cfr. Amm. 16.8.4 e 8 ; 16.12.39 ; 22.9.10-11.

43 Mazzarino 2002, p. 813-815.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Anna Bottiglieri, « Le leggi sul lusso tra Repubblica e Principato : mutamento di prospettive », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 128-1 | 2016, mis en ligne le 28 janvier 2016, consulté le 23 mars 2017. URL : http://mefra.revues.org/3158 ; DOI : 10.4000/mefra.3158

Haut de page

Auteur

Anna Bottiglieri

Università degli Studi di Salerno, abottiglieri1@alice.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org