Navigation – Plan du site
Le luxe et les lois somptuaires dans la Rome antique

Ideologia suntuaria romana

Giuseppe Zecchini

Résumés

Il saggio ripercorre la legislazione suntuaria romana tra III e I secolo a.C., individuando nell’intervento di Silla una svolta : infatti, dopo oltre un secolo di interventi promossi dalla nobilitas per porre un limite al lusso, il dittatore avrebbe invece assunto il lusso come un valore e avrebbe cercato di diffonderlo ; tra i nobili della generazione postsillana Metello Pio, Lucullo e Ortalo sono tre esempi di una vita all’insegna della uoluptas vista come una virtù. Cesare incarnò la sdegnata reazione dei populares, e ancor più, degli Italici contro modelli di vita troppo ellenizzanti e incompatibili col mos maiorum.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Sauerwein 1970.
  • 2 Bonamente 1980 ; Clemente 1981 ; Baltrusch 1989.
  • 3 Bottiglieri 2002 ; Venturini 2004 ; Dauster 2003 ; Marastoni 2009. Vedi anche nel database online (...)

1Le leggi romane sul lusso hanno destato tra gli studiosi moderni un interesse abbastanza recente : dopo l’isolata dissertazione amburghese del Sauerwein (1970)1, la produzione scientifica sul tema è confluita in due blocchi di studi, negli anni ’80 del secolo scorso, tra gli articoli di M. Bonamente del 1980 e di G. Clemente del 1981 e la sistematica monografia di E. Baltrusch del 19892, ed ora, in questo primo decennio del XXI secolo, che ha visto un’altra monografia da parte della romanista A. Bottiglieri, la recensione di C. Venturini, un ampio articolo della statunitense M. Dauster e una breve, ma densa appendice di S. Marastoni al suo volume su Servio Tullio e Silla3.

  • 4 Gabba 1981.

2Il Sauerwein collegava ancora le leges sumptuariae del II e I secolo a.C. all’esigenza etica di preservare la moralità della vita nell’Urbe da parte del Senato e più in genere dei cultori del mos maiorum e la loro apparentemente monotona ripetitività alla loro inosservanza, in altre parole all’inanità di una battaglia di retroguardia. Successivamente si è insistito da un lato sulla necessità di esaminare queste leggi una per una all’interno del loro contesto, poiché non sono meri duplicati una dell’altra, dall’altro lato su una varietà di motivazioni, che va da quella etico-culturale (l’opposizione alla tryphé che veniva dall’Oriente : così M. Bonamente) a quella economico-sociale (l’esigenza di conservare la stabilità dei patrimoni nobiliari e un certo egualitarismo all’interno del ceto dirigente : così già E. Gabba4 e in forma più articolata G. Clemente) e infine a quella politica (l’esigenza di limitare le occasioni di reclutamento clientelare nei banchetti : così M. Dauster). È appena il caso di osservare che queste tre categorie di motivazioni sono tutte valide e non si escludono a vicenda, anzi più probabilmente si intrecciano e convergono a spiegare la frequenza dei provvedimenti in esame.

3Questo breve status quaestionis introduttivo mi esime – spero – dal riprendere nei dettagli l’analisi sia delle singole leggi, sia della legislazione suntuaria nel suo complesso. Ciò che mi prefiggo in questa sede è invece di indagare se questo specifico tipo di intervento legislativo può essere collegato alle diverse fasi della lotta politica repubblicana e se si è evoluto in relazione all’evolversi della situazione politica.

  • 5 Baltrusch 1989, p. 50-68 ; Elster 2003, p. 203-204 ; 217-220 ; 242-243 ; 255-261. Sulla lex Oppia (...)

4Non c’è dubbio che il complesso iniziale di leggi (la lex Metilia de fullonibus del 217 e soprattutto la famosa lex Oppia del 215, ma anche la Publicia de cereis del 209 e la Cincia de donis et muneribus del 204)5 deve essere interpretato nel contesto di emergenza della II guerra punica : restrizioni sui procedimenti per rendere candide le vesti e in particolare le toghe, restrizioni sulla detenzione e sull’esibizione pubblica di gioielli e veicoli di lusso da parte delle matrone, misure per impedire che i clienti meno abbienti si svenassero in doni costosi ai loro patroni sono, a mio avviso, disposizioni proposte da magistrati d’accordo col Senato e con l’opinione pubblica per evitare manifestazioni stridenti con l’austerità generale ; si può ben dire che dietro di esse c’è davvero, una volta tanto, la concordia ordinum.

  • 6 Liv. 34, 1-8 è il testo di riferimento. Sulla lex Valeria Fundania cfr. Elster 2003, p. 294-296.
  • 7 Elster 2003, p. 301-302.
  • 8 Liv. 39, 6, 7 su cui Zecchini 1982.
  • 9 Liv. 39, 44, 2 e Plut. Cato maior 18,1-3, richiamati da Bonamente 1980, p. 75 ; in genere cfr. Ast (...)
  • 10 Clemente 1981, p. 303.
  • 11 Sordi 1988 = 2002.

5L’abrogazione della lex Oppia mediante la lex Valeria Fundania del 195 ci introduce in un clima politico assai diverso6. Alla concordia dettata dall’emergenza è subentrata l’antica rivalità tra fazioni all’interno della nobilitas, ma essa è ora condizionata da un nuovo fattore di polarizzazione, l’atteggiamento verso l’ellenismo : nel 195 si vuole abolire una legge suntuaria e Catone vi si oppone senza successo, ma nello stesso anno vara la lex Porcia de sumptu provinciali7, nel 187 il duplice trionfo dell’Asiatico e di Vulsone è identificato con l’ingresso in Roma del lusso di origine orientale8, nel 184 durante la sua censura Catone cerca di imporre una tassa sul lusso9, negli anni successivi, forse verso il 170, un plebiscito Aufidio elimina il divieto di esibire belve esotiche durante i giochi10, infine nel 154 si ha il primo, fallito tentativo di costruire un teatro stabile in pietra, definito dai suoi avversari come subuersio pudicitiae11.

  • 12 Ferrary1988.

6Questi non pochi dati, a cui peraltro se ne potrebbero aggiungere di ulteriori sul versante più strettamente culturale, come le misure contro i Baccanali (186), contro i presunti libri di Numa (181) e contro i filosofi (161, 173 o 154 e 155), rivelano da un lato la tenace avversione di parte del ceto dirigente, cioè dei senatori, contro le mode provenienti dall’Oriente e contro la tryphé ad esse connessa, dall’altro i reiterati tentativi di superare divieti e misure repressive e di riproporre novità sgradite a molti, ma da molti anche apprezzate : sullo sfondo c’è il crescente filellenismo di buona parte della nobiltà romana, di cui prima gli Scipioni e poi gli Emilii Paoli sono i rappresentanti più insigni e su cui ha tanto e giustamente insistito oltre vent’anni fa’ J.-L. Ferrary12.

  • 13 Stok 1985.
  • 14 Contemporaneo a tale legge fu inoltre un editto dei censori L. Cecilio Metello Delmatico e Cn. Dom (...)
  • 15 Clemente 1981, p. 7 la data al 140 ca., Dauster 2003, p. 65 al 134, Baltrusch 1989, p. 88-93 al 13 (...)
  • 16 Poseid. fr. 59 Jacoby apud Athen. 6,274 c-e.
  • 17 Il contenuto della lex Aemilia è ignoto, quello delle altre menzionate nel testo è invece abbastan (...)

7Allora la monotona ripetitività delle leggi suntuarie nel II secolo, press’a poco una ogni vent’anni (la lex Orchia nel 182, la lex Fannia nel 16113, la lex Didia nel 143, la lex Aemilia di M. Emilio Scauro nel 11514 e inoltre la misteriosa lex Licinia, forse di P. Licinio Crasso Muciano Dives, la cui cronologia oscilla tra il 140 ca. e il 103, ma che dovrebbe essere posteriore almeno al 130 ca.15) non si spiega solo con la loro generica inefficacia, per cui per esempio la lex Fannia sarebbe stata rispettata intorno al 130 solo da tre senatori, Q. Elio Tuberone, Q. Mucio Scevola e P. Rutilio Rufo16 ; anzi il loro crescendo contenutistico (limitazione del numero dei commensali nella Orchia, connessa alla legislazione de ambitu dell’anno seguente ; limitazione delle spese conviviali per i cittadini romani nella Fannia ; limitazione delle spese conviviali estesa anche ai non cittadini nella Didia ; aggravio di tale limitazione nella Licinia17) dimostra, a mio avviso, che la lotta alla luxuria si faceva sempre più articolata e consapevole delle proprie implicazioni. Soprattutto ci si rese conto dopo la metà del II secolo che le disposizioni per tutelare i patrimoni e per evitare eccessivi ampliamenti della clientela non potevano riguardare solo i cittadini romani, ma anche i non cittadini, cioè gli Italici : dietro l’estensione delle misure pensate per i primi ai secondi c’è una preoccupazione del Senato che infrange di nuovo l’autonomia dei socii, come già era successo col S.C. de Bacchanalibus, c’è una conferma della progressiva omogeneizzazione della società italica, c’è infine la premessa in negativo della questione della cittadinanza.

  • 18 Polyb. fr.76 Büttner-Wobst e Poseid. fr.59 Jacoby entrambi apud Athen. 6, 105 a.
  • 19 Queste sono le categorie individuate da Clemente 1981.
  • 20 Polyb. 31, 26.
  • 21 Vell. 2, 10,1 .
  • 22 Val.Max. 2, 9, 5.

8Ciò non toglie che questa legislazione di II secolo resta nell’ambito del ceto senatorio romano. A tale ceto appartengono i magistrati che la promuovono, nonché i simboli della lotta alla luxuria, il solito Catone, i summenzionati Tuberone, Scevola e Rufo, infine Scipione Emiliano, che possedeva solo cinque schiavi personali18, ma a tale ceto appartengono anche i suoi principali oppositori ; tra questi ultimi potevano senza dubbio esserci neosenatori desiderosi di acquisire prestigio attraverso la ricchezza, nuovi ricchi come cavalieri e mercanti e infine la plebe urbana, che si aspettava vantaggiose ricadute da queste esibizioni di lusso smodato19 ; non va però sottovalutato che Aemilia Tertia, l’adorata moglie di Scipione l’Africano, amante delle vesti multicolori, dei veicoli di lusso e del vasellame d’oro e d’argento20, fu l’antesignana della piena adesione al fasto d’origine orientale, che la lex Oppia fu abolita grazie alla pressione delle matrone, cioè di clarissimae feminae, d’intesa con due tribuni, di cui uno è un Valerio (Tappone), del ramo plebeo di una gens come la Valeria, che la lex Aemilia fu abolita quasi subito dopo essere stata approvata su iniziativa di M. Emilio Lepido Porcina, addirittura un patrizio21, che infine anche la lex Licinia subì un tentativo di abolizione, pur se questa volta fallito, da parte del tribuno della plebe Duronio nel 9722.

  • 23 Liv. 42, 47.
  • 24 Cfr. Zecchini 2007.
  • 25 Nessuno infatti contestava l’uso e l’ostentazione evergetica della ricchezza pubblica, mentre l’al (...)

9Questa dialettica, già da altri sottolineata, tra rigoristi e abolizionisti deve essere posta in relazione con il contrasto tra i moris antiqui memores e gli adepti della noua sapientia, a cui fa riferimento Livio a proposito di un celebre dibattito in Senato nel 17223, nella fase iniziale della III guerra macedonica ; essa deve altresì essere collegata con il contrasto generazionale tra i Romani incorruttibili sino al 190 ca. e i giovani sensibili alla tryphé e quindi corruttibili verso il 160 ca., comunque dopo la III guerra macedonica, che Polibio registra sotto l’influsso di Catone24. In entrambi i casi il conflitto ha origini etico-culturali (l’atteggiamento verso l’Oriente ellenizzato, da cui proveniva la nuova ricchezza), ha implicazioni economico-sociali (l’uso e l’ostentazione della ricchezza privata di recente acquisita)25, testimonia dell’inestricabile intreccio delle une con le altre (lo smodato desiderio di ricchezza rende corruttibili), ma si situa comunque in prevalenza all’interno della nobilitas e della fascia superiore dell’ordo equester.

10Una preziosa conferma di questa conclusione ci viene, a mio avviso, da una assenza, su cui non si è sinora adeguatamente riflettuto : la legislazione « rivoluzionaria » e popularis dei Gracchi e di Saturnino ruota intorno a leggi agrarie e a leggi giudiziarie, ai problemi della redistribuzione delle terre e del controllo delle quaestiones perpetuae, ma non contempla leggi sul lusso ; questo disinteresse mi sembra un indizio che la tematica della luxuria era giudicata sia a livello programmatico, sia a livello propagandistico come estranea agli interessi del « popolo Romano » (esclusi ovviamente i senatori e i più abbienti dei cavalieri), certamente favorevole a un’accresciuta diffusione del benessere, ma non abbastanza ricco per essere colpito da misure che limitavano il numero dei convitati o la quantità di cibi prelibati. Ciò non significa certo che i populares ritenessero la luxuria un valore, ma che la giudicavano una questione secondaria, che non avrebbe più avuto ragione di essere, una volta restaurata la struttura sociale del buon tempo antico coi suoi cittadini-soldati piccoli o medi proprietari terrieri.

11Nell’81 Silla per primo inserì invece una lex Cornelia sumptuaria tra i provvedimenti di riforma della Repubblica, che egli promulgò durante la sua dittatura legibus scribundis et rei publicae constituendae, mostrando così di ritenere la legislazione sul lusso elemento integrante della sua « costituzione ».

  • 26 Baltrusch 1989, p. 93-96.
  • 27 Plut. Sull. 35-36, 2.

12E. Baltrusch26 giudica questa legge una svolta all’interno della legislazione suntuaria romana, perché, se intendo correttamente il suo pensiero, Silla avrebbe per la prima volta introdotto un « Disziplinierungsinstitut », che imponeva ai senatori senza il loro previo consenso limiti di spesa per funerali e banchetti e non li coinvolgeva nel promuovere il rispetto della legge stessa ; d’altra parte, sulla scorta delle fonti antiche, segnatamente di Plutarco, egli sottolinea che Silla stesso disattese tale legge ; in effetti il dittatore fu un esempio non certo di temperanza, bensì di tryphé di matrice senza dubbio ellenistica : nei fastosi banchetti offerti al popolo le quantità di cibo erano tali che ogni giorno se ne gettava gran parte nel Tevere ; quando morì la moglie Metella, egli sprecò denaro a profusione durante i funerali ; si compiaceva di circondarsi di gente di teatro, mimi, citariste e così via, con cui passava intere giornate in bevute e convivi, sdraiato su un letto di foglie d’edera in onore di Dioniso27.

  • 28 Aul. Gell. NA 2, 24, 11.
  • 29 Macrob. Saturn. 3, 17, 11-12.
  • 30 Da Marastoni 2009.

13Dunque un Silla schizofrenico, che non si rendeva conto della contraddizione ? Non credo proprio. In realtà legge e comportamenti personali possono essere visti in perfetta sintonia : da Gellio noi sappiamo che i tetti di spesa imposti da Silla (30 sesterzi al giorno, 300 in occasioni particolari, alle Calende, Idi e None, cioè tre volte al mese) rivedevano molto in alto quelli assai severi della lex Licinia (30 assi al giorno, 100 in occasioni particolari, 200 per le nozze)28 ; da Macrobio sappiamo inoltre che egli non impose limiti alla presenza di generi di lusso nei banchetti, anzi stabilì un calmiere dei prezzi per le derrate più preziose così da renderle accessibili ai più29 ; ora, è vero, come è stato osservato30, che la combinazione fra tetto di spesa e promozione di cibi costosi implica la diminuzione del numero degli invitati e può quindi essere vista come una misura politica tesa a limitare la formazione di clientele, secondo una prassi ben nota ; però, a fianco di questo contenuto tradizionale della legge, che a Silla non doveva dispiacere perché di fatto era rivolto contro giovani politici rampanti, non si può negare una chiara inversione di tendenza rispetto alle leggi precedenti di II secolo.

  • 31 Carcopino 1931 = 2005, p. 57.
  • 32 Venturini 2004, p. 368.
  • 33 Mi riferisco ovviamente alla lex Cornelia frumentaria (Sall. Hist. 1,55,11 Maurenbrecher = 48,11 M (...)

14J. Carcopino aveva addirittura visto nella lex Cornelia una misura antinobiliare e a favore del popolo31 ; in questi termini il giudizio non è condivisibile, ma è esatta l’intuizione di un radicale mutamento di prospettiva ; molto più pregnante è l’opinione di C. Venturini, che vi scorge una soluzione di compromesso, tesa ad allentare il rigore delle leggi precedenti32. Questa è la via interpretativa da seguire e da completare, osservando che la rinuncia alla severità, peraltro inefficace, delle disposizioni anteriori e il tentativo di varare una legge realistica sono coerenti con uno stile di vita improntato al lusso ; naturalmente Silla si riteneva svincolato dalla sua stessa legge anche per l’eccezionalità della sua posizione all’interno della società romana : ciò che a lui era permesso, per esempio la formazione di un’amplissima clientela attraverso l’uso demagogico dei banchetti oppure delle distribuzioni frumentarie33, non era concesso ad altri e non doveva esserlo in futuro ; eppure, al di là del caso personale, Silla coglieva con lucidità un’evoluzione irreversibile all’interno della società romana e dei suoi valori, condivisa, se non addirittura promossa da importanti elementi della nobilitas stessa : la luxuria stava diventando un elemento positivo ed egli prendeva atto di un cambiamento, che peraltro condivideva.

  • 34 La definizione è di Gruen 1974, p. 51.
  • 35 Sall. Hist. 2,70 Maurenbrecher = 59 McGushin apud Macrob. Saturn. 3, 13, 6-7.
  • 36 Nic. Damasc. Fr. 77 a-b Jacoby dal CX libro delle Storie presso Athen. 6, 274 e-f e Vell. 2, 33, 4 (...)
  • 37 Plut. Luc. 39-41.
  • 38 Plut. Luc. 38, 3 ; 38, 5 ; An seni 785 F (e cfr. anche An seni 792 B-C e Regum et imperatorum apop (...)
  • 39 In un apposito therotrophium (Varr. De re rust. 3, 13, 2). Cfr., anche per quel che segue, La Penn (...)
  • 40 Egli o M. Seio inventarono il ficatum secondo Plinio (NH 10,52).
  • 41 Macrob. Saturn. 3,13,4.
  • 42 Dio 39, 37, 2.
  • 43 Su cui cfr. Baltrusch 1998, p. 96-98 : essa, proposta dal tribuno L. Antio Restione, cercò di coll (...)
  • 44 Dio 39, 38, 1-2.

15Il dopo-Silla ci fornisce significativo e abbondante materiale a conferma di quanto detto. Come è noto, il « trio »34 dei principali collaboratori di Silla e in seguito custodi inflessibili della sua eredità politica, è costituito da Q. Lutazio Catulo, L. Licinio Lucullo e Q. Ortensio Ortalo, a cui si può aggiungere, tra gli esponenti più rilevanti della factio Sullana, Q. Cecilio Metello Pio. Ora, proprio Metello fu denunciato da Sallustio in un celebre frammento delle Historiae35 per il fasto eccessivo dei banchetti per lui allestiti in Spagna, dove si spargeva polvere di zafferano sul pavimento, ci si procurava in Mauretania fiere ed uccelli ignoti e attori mettevano in scena le sue imprese, il tutto ultra Romanum ac mortalium etiam morem. Lucullo sarebbe addirittura stato secondo Velleio luxuriae primus auctor36 ; Plutarco riserva ben tre capitoli della sua biografia37 ad illustrare la vita dispendiosa e stravagante, a cui il vincitore di Tigrane si diede al suo ritorno dall’Asia : egli è contrapposto ad esempi di temperanza e frugalità quali Scipione Emiliano e i due homines noui Mario e Cicerone, viene rimproverato da Crasso e Pompeo perché dedito a piaceri e spese eccessivi, ma è degna di nota la sua replica allo stesso Pompeo che è meglio essere succubi degli agi della vita piuttosto che di un’ambizione sfrenata38. Infine Ortalo, allevatore di animali rari39, inventore forse del foie gras40 e famoso per il suo abbigliamento raffinato41, definito φιλαναλωτὴς ἐν τοῖς μάλιστα42, si oppose nel 55 a una rogatio di Pompeo, appoggiata anche dall’altro console, Crasso, che intendeva riprendere, come già la lex Antia tra il 71 e il 6843, la legislazione suntuaria presillana : egli obiettò da un lato che l’alto tenore di vita di molti era semplicemente proporzionale ormai alla grandezza della città, dall’altro che Pompeo e Crasso non potevano negare agli altri quella generosità di spesa e quell’abbondanza di mezzi, di cui essi stessi usufruivano soprattutto a fini politici ; le obiezioni di Ortalo fecero vergognare i due e la proposta fu ritirata, anzi nello stesso 55 Pompeo inaugurò il suo teatro stabile in pietra con giochi eccezionalmente fastosi, in cui vennero impiegati 18 elefanti e 500 leoni44.

  • 45 Cfr. Zecchini 1998, p. 149-150.
  • 46 Varr. De lingua lat. 8, 31.

16Si noti – è l’aspetto più importante per il mio tema – che negli ultimi due episodi la polemica è tra Sillani, all’interno della nobilitas allora dominante : Pompeo e Crasso sono accusati di eccesso di ambizione e di voler infrangere l’equilibrio tra nobili gestito dal Senato, mentre Lucullo e Ortalo, che non minacciano affatto tale equilibrio, rivendicano con consapevole orgoglio il diritto a uno stile di vita privato confacente alla grandezza di Roma ; se il Senato dell’Urbe era un consesso di re, come teorizzava il coevo Del buon re secondo Omero di Filodemo di Gadara45, non era forse giusto che i suoi esponenti vivessero da re e, per l’esattezza, da re ellenistici, di cui condividevano mentalità, cultura e gusti ? Mi sembra chiaro che per i nobili della generazione postsillana la uoluptas ha, se non sostituito, almeno affiancato l’utilitas46 ed è in ogni caso diventata finalmente un valore positivo all’interno della società romana : l’evoluzione assiologica intuita da Silla si è compiuta.

  • 47 Baltrusch 1998, p. 99-100 ; Jehne 1987, p. 87-88.
  • 48 Baltrusch 1998, p. 100-101 ; Kienast 1999³, p. 164 nota 44.
  • 49 Cfr. Venturini, Leges sumptuariae, 369-371.
  • 50 Suet. DJ 43, 2 ; Dio 43, 25, 2 ; cfr. sempre Jehne 1987, p. 87 nota 34.
  • 51 Cic. Pro Marc. 8, 23.
  • 52 Sall. Ep. ad Caes. II, 7, 3-4.
  • 53 Sall. Ep. ad Caes. I, 5, 3-4. Su queste richieste di interventi in materia suntuaria (e in materie (...)

17L’ultima lex sumptuaria di età repubblicana è la Iulia promulgata da Cesare nel 4647 : essa prelude per i suoi contenuti all’analoga legge augustea forse del 1848. Del provvedimento cesariano, certamente collegato alla sua praefectura morum, colpiscono l’organicità e il rigore : esso comprendeva infatti disposizioni in materia conviviale, in materia di abbigliamento (abiti e gioielli) e in materia funeraria ; inoltre, anche se gli eventuali strumenti sanzionatori (multe in particolare) erano di solito lasciati alla discrezione del magistrato e non ci si preoccupava di assicurarne l’efficacia49, furono predisposti alcuni custodes per sorvegliarne l’applicazione50. La legge di Cesare rispondeva a istanze ben precise sollevate in quei convulsi anni da chi invocava urgenti riforme per la repubblica in crisi : Cicerone nella Pro Marcello del 46, cioè nel suo ultimo tentativo di rassegnarsi e, insieme, di collaborare col dittatore gli proponeva quattro riforme fondamentali, quella giudiziaria, quella creditizia, quella demografica e appunto quella suntuaria (costituenda iudicia, reuocanda fides, comprimendae libidines, propaganda suboles), e per tutte e quattro invocava leggi severe51 ; Sallustio nella II Epistula ad Caesarem del 50 affermava genericamente che si doveva combattere l’eccessivo amore per le ricchezze (si studium pecuniae aut sustuleris aut, quoad res feret, minueris) e che la cupido diuitiarum era il vero cancro che corrodeva la repubblica52, ma nella I Epistula ad Caesarem del 46 entrava nel merito delle riforme, a cui Cesare doveva metter mano : egli poneva al primo posto, come condizione essenziale per restituire la concordia e cacciare i mali dovuti al suo contrario, l’eliminazione degli eccessi nelle spese (id ita eueniet si sumptuum…licentiam dempseris), ottenuta fissando un limite corrispondente al patrimonio famigliare di ciascuno (si suam quoique rem familiarem finem sumptuum statueris), un provvedimento duro, ma assolutamente necessario53.

  • 54 Il frammento di Cotta, l’unico della sua opera, è in Athen. 6, 273 b : cfr. Zecchini 1995, p. 601- (...)

18Dunque l’ottimate Cicerone e il popularis Sallustio, che pure si detestavano, si trovavano d’accordo nel sollecitare da Cesare una nuova, severa lex sumptuaria come elemento essenziale del risanamento morale della Repubblica ; che cosa li accomunava ? Certamente il fatto di non appartenere alla nobilitas postsillana, ma di essere il primo un homo nouus, esempio di frugalità, come si è vista sopra, il secondo un Italico. Per gli ambienti, da cui essi provenivano, non valeva quel mutamento radicale di valori, per cui la nobilitas postsillana aveva aderito con convinzione ad uno stile di vita fastoso e raffinato, degno dei re ellenistici e ancora coerentemente affermato negli anni 30 da un nobilis come M. Antonio e più tardi da un discendente di re etruschi come Mecenate nel suo De cultu ; se in età graccana i populares avevano potuto trascurare la legislazione sul lusso, perché essa era l’oggetto di recenti, reiterati e vigorosi provvedimenti di ispirazione nobiliare, per loro, per tutti i boni uiri sensibili a uno stile di vita « virtuoso » e ancor più per gli Italici la frugalità, la sobrietà, la temperanza restavano le virtù del buon tempo antico da restaurare e su cui riedificare una civile convivenza. Di questa convergenza Cesare prese atto nella sua legislazione ; egli era ben consapevole delle richieste della sua pars e di quell’Italia, che nel 49 si era schierata con lui, ma credo anche che ne fosse partecipe : quando nel 54 L. Aurunculeio Cotta, prima di cadere ad Atuatuca, scrisse il suo De re publica, egli esaltò in Cesare la virtù della temperanza, che gli faceva possedere solo tre schiavi, ancor meno dei cinque dell’Emiliano54, ormai riconosciuto paradigma del mos maiorum.

  • 55 Suet. DJ 53 con le mie considerazioni sempre in Zecchini 1995, p.599-601 e 604.

19In effetti tra le tante accuse rivolte a Cesare dai suoi numerosi ed acerrimi avversari noi non incontriamo mai quella di tryphé, anzi lo stesso Catone ammetteva a denti stretti la sobrietà del dittatore55 : solo un patrizio, che aveva ripudiato il proprio ceto d’origine e che aveva sposato la causa della plebs urbana, degli Italici e dei provinciali, poteva farsi carico di riprendere quella lotta alla stessa tryphé, che fu poi uno dei pilastri ‘ideologici’ dell’Italia augustea.

Haut de page

Bibliographie

Astin 1978 = A.E. Astin, Cato the Censor, Oxford, 1978.

Baltrusch 1989 = E. Baltrusch, Regimen morum, Monaco di Baviera, 1989.

Bonamente 1980 = M. Bonamente, Leggi suntuarie e loro motivazioni, in Tra Grecia e Roma. Temi antichi e metodologie moderne, Roma, 1980, p. 67-91.

Bottiglieri 2002 = A. Bottiglieri, La legislazione sul lusso nella Roma repubblicana, Napoli, 2002.

Carcopino 1931 = 2005 = J. Carcopino, Sylla ou la monarchie manquée, Parigi, 1931 = tr. it., Milano, 2005.

Clemente 1981 = G. Clemente, Le leggi sul lusso e la società romana tra III e II secolo a.C., in A. Giardina, A. Schiavone (a cura di), Società romana e produzione schiavistica, Bari, 1981, III, p. 1-14 e 301-304.

Culham 1982= P. Culham, The Lex Oppia, in Latomus, 41, 1982, p. 786-793.

Dauster 2003= M. Dauster, Roman republican sumptuary legislation: 182-102, in C. Deroux (ed.), Studies in Latin Literature and Roman History, XI, Bruxelles, 2003, p. 65-93.

Elster 2003 = M. Elster, Die Gesetze der mittleren römischen Republik, Darmstadt, 2003.

Ferrary 1988 = J.-L. Ferrary, Philhellénisme et impérialisme : aspects idéologiques de la conquête romaine, Roma, 1988 (BEFAR, 271).

Gabba 1981 = E. Gabba, Ricchezza e classe dirigente romana fra III e I secolo a.C., in RSI, 93, 1981, p. 541-558.

Gruen 1974= E.S. Gruen, The last generation of the Roman Republic, Berkeley-Los Angeles, 1974.

Jehne 1987 = M. Jehne, Der Staat des Dictators Caesar, Vienna, 1987.

Keaveney 1992= A. Keaveney, Lucullus. A life, Londra, 1992.

Kienast 1999 = D. Kienast, Augustus, Prinzeps und Monarch, Darmstadt, 1999³.

La Penna 1990 = A. La Penna, La legittimazione del lusso privato da Ennio a Vitruvio, in F. Milazzo (ed.), Contractus e pactum, Napoli, 1990, p. 251-285.

Marastoni 2009 = S. Marastoni, Servio Tullio e l’ideologia sillana, Roma, 2009.

Samotta 2009 = I. Samotta, Das Vorbild der Vergangenheit. Geschichtsbild und Reformvorschläge bei Cicero und Sallust, Stuttgart, 2009.

Sauerwein 1970 = I. Sauerwein, Die leges sumptuariae als römische Maßnahme gegen den Sittenverfall, Amburgo, 1970.

Sordi 1988 = 2002 = M. Sordi, La decadenza della repubblica e il teatro del 154 a.C., in Inv. Luc., 10, 1988, p. 327-341 = Scritti di storia romana, Milano, 2002, p. 433-446.

Stok 1985 = F. Stok, Catone e la lex Fannia, in Maia, 37, 1985, p. 237-244.

Tröster 2008= M. Tröster, Themes, character and politics in Plutarch’s life of Lucullus, Stuttgart, 2008

Venturini 2004 = C. Venturini, Leges sumptuariae, in Index, 32, 2004, p. 355-380 ( = Studi di diritto delle persone e di vita sociale in Roma antica. Raccolta di scritti (a c. di A. Palma), Naples, 2014, p. 553-582).

Zecchini 1982 = G. Zecchini, Cn. Manlio Vulsone e l’inizio della corruzione a Roma, in CISA, 8, 1982, p. 159-178.

Zecchini 1995 = G. Zecchini, Sallustio, Lucullo e i tre schiavi di C. Giulio Cesare, in Latomus, 54, 1995, p. 592-607.

Zecchini 1998 = G. Zecchini, Die staatstheoretische Debatte der caesarischen Zeit, in W. Schuller (a cura di), Politische Theorie und Praxis im Altertum, Darmstadt, 1998, p. 149-165.

Zecchini 2007 = G. Zecchini, Polibio e la corruzione, in RSA, 36, 2007, p. 23-33.

Haut de page

Notes

1 Sauerwein 1970.

2 Bonamente 1980 ; Clemente 1981 ; Baltrusch 1989.

3 Bottiglieri 2002 ; Venturini 2004 ; Dauster 2003 ; Marastoni 2009. Vedi anche nel database online LEPOR, le voci sulle leges sumptuariae di M. Coudry, www.cn-telna.fr/lepor/introduction, s.v. Thèmes de lois, « Lois somptuaires ».

4 Gabba 1981.

5 Baltrusch 1989, p. 50-68 ; Elster 2003, p. 203-204 ; 217-220 ; 242-243 ; 255-261. Sulla lex Oppia in particolare cfr. anche Culham 1982.

6 Liv. 34, 1-8 è il testo di riferimento. Sulla lex Valeria Fundania cfr. Elster 2003, p. 294-296.

7 Elster 2003, p. 301-302.

8 Liv. 39, 6, 7 su cui Zecchini 1982.

9 Liv. 39, 44, 2 e Plut. Cato maior 18,1-3, richiamati da Bonamente 1980, p. 75 ; in genere cfr. Astin 1978, p. 83 e 91-98.

10 Clemente 1981, p. 303.

11 Sordi 1988 = 2002.

12 Ferrary1988.

13 Stok 1985.

14 Contemporaneo a tale legge fu inoltre un editto dei censori L. Cecilio Metello Delmatico e Cn. Domizio Enobarbo contro il lusso e le musiche esotiche (Plin. NH 8, 57, 223 ; Cassiod. Chron. 639).

15 Clemente 1981, p. 7 la data al 140 ca., Dauster 2003, p. 65 al 134, Baltrusch 1989, p. 88-93 al 130-103 ; Bonamente 1980, p. 78 si attiene alla vecchia cronologia di Rotondi al 103 ; Venturini 2004, p. 366 identifica correttamente il TAQ nel 97, anno in cui ne fu chiesta l’abrogazione ; personalmente ritengo che essa debba essere in ogni caso postgraccana, poiché intorno al 130 la legge suntuaria di riferimento era ancora la Fannia, come ricordo subito infra nel testo.

16 Poseid. fr. 59 Jacoby apud Athen. 6,274 c-e.

17 Il contenuto della lex Aemilia è ignoto, quello delle altre menzionate nel testo è invece abbastanza chiaro : cfr. Baltrusch 1989, p. 78-93 ; Dauster 2003, p. 72-75 e Elster 2003, p. 337-339, 396-400, 434-435.

18 Polyb. fr.76 Büttner-Wobst e Poseid. fr.59 Jacoby entrambi apud Athen. 6, 105 a.

19 Queste sono le categorie individuate da Clemente 1981.

20 Polyb. 31, 26.

21 Vell. 2, 10,1 .

22 Val.Max. 2, 9, 5.

23 Liv. 42, 47.

24 Cfr. Zecchini 2007.

25 Nessuno infatti contestava l’uso e l’ostentazione evergetica della ricchezza pubblica, mentre l’alternativa era tra fasto o sobrietà nella vita privata : il testo classico in tal senso è Cic. Pro Murena 36, 76 (odit populus Romanus priuatam luxuriam, publicam magnificentiam diligit).

26 Baltrusch 1989, p. 93-96.

27 Plut. Sull. 35-36, 2.

28 Aul. Gell. NA 2, 24, 11.

29 Macrob. Saturn. 3, 17, 11-12.

30 Da Marastoni 2009.

31 Carcopino 1931 = 2005, p. 57.

32 Venturini 2004, p. 368.

33 Mi riferisco ovviamente alla lex Cornelia frumentaria (Sall. Hist. 1,55,11 Maurenbrecher = 48,11 McGushin).

34 La definizione è di Gruen 1974, p. 51.

35 Sall. Hist. 2,70 Maurenbrecher = 59 McGushin apud Macrob. Saturn. 3, 13, 6-7.

36 Nic. Damasc. Fr. 77 a-b Jacoby dal CX libro delle Storie presso Athen. 6, 274 e-f e Vell. 2, 33, 4, probabilmente entrambi dalle Historiae di Sallustio : cfr. Zecchini 1995.

37 Plut. Luc. 39-41.

38 Plut. Luc. 38, 3 ; 38, 5 ; An seni 785 F (e cfr. anche An seni 792 B-C e Regum et imperatorum apophth. 201B). Su Lucullo e il suo ritiro a vita privata cfr. in genere Keaveney 1992, p. 143-156 e ora soprattutto Tröster 2008, p. 27-47 (« Lucullo e l’ellenismo ») e 49-76 (« Lucullo e la tryphé »).

39 In un apposito therotrophium (Varr. De re rust. 3, 13, 2). Cfr., anche per quel che segue, La Penna 1990.

40 Egli o M. Seio inventarono il ficatum secondo Plinio (NH 10,52).

41 Macrob. Saturn. 3,13,4.

42 Dio 39, 37, 2.

43 Su cui cfr. Baltrusch 1998, p. 96-98 : essa, proposta dal tribuno L. Antio Restione, cercò di collegare in modo ancor più esplicito il sumptus all’ambitus ed aveva scopi dichiaratamente politici, non etici, ma risultò del tutto disattesa.

44 Dio 39, 38, 1-2.

45 Cfr. Zecchini 1998, p. 149-150.

46 Varr. De lingua lat. 8, 31.

47 Baltrusch 1998, p. 99-100 ; Jehne 1987, p. 87-88.

48 Baltrusch 1998, p. 100-101 ; Kienast 1999³, p. 164 nota 44.

49 Cfr. Venturini, Leges sumptuariae, 369-371.

50 Suet. DJ 43, 2 ; Dio 43, 25, 2 ; cfr. sempre Jehne 1987, p. 87 nota 34.

51 Cic. Pro Marc. 8, 23.

52 Sall. Ep. ad Caes. II, 7, 3-4.

53 Sall. Ep. ad Caes. I, 5, 3-4. Su queste richieste di interventi in materia suntuaria (e in materie analoghe) rivolti a Cesare curator morum o censore da parte di Sallustio e di Cicerone cfr. ora Samotta, 2009, p. 381-388.

54 Il frammento di Cotta, l’unico della sua opera, è in Athen. 6, 273 b : cfr. Zecchini 1995, p. 601-602.

55 Suet. DJ 53 con le mie considerazioni sempre in Zecchini 1995, p.599-601 e 604.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Giuseppe Zecchini, « Ideologia suntuaria romana », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 128-1 | 2016, mis en ligne le 18 février 2016, consulté le 20 août 2017. URL : http://mefra.revues.org/3168 ; DOI : 10.4000/mefra.3168

Haut de page

Auteur

Giuseppe Zecchini

Università Cattolica del S.Cuore di Milano - giuseppe.zecchini@unicatt.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org