Navigation – Plan du site
Magno e Latio totaque Ausonia : etnografia virgiliana e Italia augustea

La giornata di un traduttore : appunti da un viaggio nell’Eneide

Alessandro Fo

Résumés

L’intervento riassume i principali problemi teorico-pratici incontrati in una recente traduzione italiana dell’Eneide in esametri barbari. Dopo aver sottolineato le responsabilità del traduttore, l’autore presenta la sua scelta di una versione ritmica e ne illustra l’impostazione metrica. Si sofferma in particolar modo su alcuni problemi di fedeltà, e specialmente sulla necessità di rispettare, nel testo di arrivo, le costanti espressive del testo di partenza : parole ricorrenti, ripetizioni lessicali a breve distanza, episodi di formularità, combinazioni di tessere espressive. Fra i problemi presi in considerazione, v’è anche quello di un’adeguata riproposizione, nel testo di arrivo, dell’ornato del testo di partenza ; spesso il traduttore cede alla tentazione di spiegare le figure (viene specialmente studiato il caso dell’enallage), in quelle che l’autore definisce « traduzioni-chiosa ».

Haut de page

Texte intégral

In short they who have call’d him the torture of Grammarians, might also have call’d him the Plague of Translators; for he seems to have studied not to be translated.
(John Dryden)

È possibile gustare in traduzione l’Odissea, ma non l’Eneide : nemmeno nelle lingue romanze. Virgilio è essenzialmente intraducibile, allo stesso modo di Dante.
(Ernst Robert Curtius)

  • 1 Le parole di Dryden (1697 : v. Petrina 1944, Luiselli Fadda 1985) discendono dalla Preface to the (...)

Vergil placed insuperable problems in the way of translators.
(William S. Anderson1)

  • 2 Valery Larbaud, Sotto la protezione di San Girolamo, trad. it. Palermo, 1989 (ed. or. 1946) ; cita (...)

1Ben conoscendo le difficoltà di cui è disseminata la via del traduttore, il poeta e poligrafo Valery Larbaud si era cercato un santo particolarmente adeguato e potente sotto il cui patronato rifugiare l’intera categoria di cui sentiva di fare parte ; e l’aveva identificato nientemeno che nel « traduttore di Dio », cioè in San Girolamo : colui che in anni di pazientissimo lavoro – per lo più condotto in un’ascetica cella di Betlemme – aveva fissato per i secoli a venire, con la cosiddetta Vulgata, la tradizione latina delle Sacre Scritture. Larbaud consiglia di iniziare ogni nuova traduzione un 30 settembre (il giorno in cui San Girolamo nacque al cielo, e che gli è rimasto di conseguenza consacrato), rivolgendo innanzitutto al Santo una « preghiera del traduttore » che Larbaud conia facendo ricorso ad alcune espressioni di Girolamo stesso : « Dottore eccelso, luminare della santa Chiesa, beato Girolamo, sto per intraprendere un compito irto di difficoltà, e fin d’ora vi supplico di aiutarmi con le vostre preghiere, affinché io possa tradurre nella mia lingua quest’opera con lo stesso spirito nel quale è stata composta »2.

  • 3 Mentre il mio lavoro di traduzione volgeva ormai verso la conclusione, apprendevo la notizia della (...)

2Se mi è lecita una confessione personale, non mi sarebbe mai passato per la mente di provare a tradurre l’Eneide – nemmeno un 30 settembre, e nemmeno al riparo di una così autorevole intercessione. Quando però l’editore Einaudi mi ha proposto di prepararne una nuova traduzione, da affiancare nel catalogo a quella storica di Rosa Calzecchi Onesti3, ho dovuto presto rassegnarmi alla constatazione che si trattava di una di quelle occasioni che non si possono rifiutare. Per anni avrei avuto la possibilità di intrattenere un intimo dialogo con uno dei più grandi poeti dell’Occidente. E non soltanto, com’è possibile a ognuno, per privato conforto ; ma addirittura con l’incarico di riproporne la voce. Un compito e una sfida il cui fascino, per quanto limitate uno possa considerare le proprie forze, finisce per travolgere le più sagge resistenze. Si sa che ogni traduzione è destinata, nelle cose oggettive della storia, a cedere presto il passo ; e una simile precarietà potrebbe ulteriormente scoraggiare. Tuttavia l’immenso investimento di tempo si cristallizza in un’opera amata, filtrata dal tuo pensiero. Quei giorni prendono un loro corpo sulla carta. E in qualche modo, almeno sul piano soggettivo, si sottraggono alla totale dispersione, in una veste speciale. « Non ore vane ; / ma tempo ».

  • 4 Larbaud 1989, p. 62. L’asserzione rimane sicuramente vera, anche se Larbaud la poggia erroneamente (...)

3Azzardo un’altra considerazione, ancora più personale. Nel lungo periodo richiesto per fare fronte a un compito simile, è impossibile non trovarsi ad affrontare qualche corrente avversità ; chi traduce Virgilio trae naturalmente dal dolore una sorta di nutrimento e di carburante omogeneo alle strutture profonde del testo che deve mediare. Così che perfino la sofferenza può trovare un suo senso. Sia quel che sia, qualunque fortuna va vinta accettandola ; tu non cedere ai mali, ma affrontali invece più audace (5, 710 ; 6, 95). Del resto Girolamo stesso – assicura Larbaud – si era trovato a tradurre anche « per consolarsi dei suoi disinganni e delle sue grandi amarezze […] dopo la presa di Roma e la morte di Santa Paola »4.

4Tutto questo conta comunque fino a un certo punto. La vera domanda importante da porsi era, se mai, se vi fosse spazio per una nuova traduzione. Alla fine mi è sembrato di sì, e soprattutto in direzione di alcuni aspetti diciamo così tecnici, su cui mi è parso che non si fosse ancora abbastanza insistito. Ne presenterò qui di seguito alcuni.

La responsabilità del traduttore

5Vorrei innanzitutto sottolineare una circostanza di immediata evidenza, e tuttavia non sempre tenuta in adeguata considerazione. In Italia, rispetto ad altre passate fasi della nostra tradizione umanistica, la possibilità di poter pienamente fruire di un testo classico leggendolo nell’originale sembra oggi in declino, e i percorsi cui si avvia la formazione scolastica non paiono tali da favorirne a breve un rilancio. In queste condizioni, la voce di un traduttore tende sempre più, anziché ad affiancarsi umilmente a quella dell’autore, a sovrapporvisi, e a sostituirlo. Di fatto, per una grande quantità di lettori, lo rappresenta interamente o quasi. Si tratta – è ovvio richiamarlo, così come sarebbe ovvio tenerne il debito conto – di una responsabilità enorme, che investe ogni minimo particolare della traduzione, laddove chi traduce desideri salvare all’apprezzamento del suo lettore quanto più sia possibile dell’autore, e di quelle che si lasciano ricostruire come le sue intenzioni artistiche.

  • 5 Per questi concetti, e per la storia delle varie opposizioni « traduzione straniante / addomestica (...)

6Il complesso delle scelte che ho illustrato qui sotto si lascia inscrivere in una tensione alla leggendaria « fedeltà ». Credo che, nel gioco di opposizioni binarie che governa la « traduttologia », questo mio tentativo sia suscettibile di essere rubricato più fra quelli « orientati sul testo di partenza » che fra quelli « orientati al testo di arrivo » : nel senso, maturato dalla lunga speculazione nel settore, che esso vorrebbe tendere a privilegiare gli interessi dell’autore rispetto alla scorrevolezza utile a una riposata lettura da parte del fruitore5. Ma è naturale che la ricerca di un traduttore sia sempre, anche in questo, un compromesso, che tende come può a salvare i diritti di tutti. Ogni traduzione, più che sul piano teorico, opera nella pratica, e si consuma in un costante tentato compromesso fra i due poli della fedeltà e della bellezza espressiva e musicale (e anch’io, oltre alla fedeltà, ho naturalmente perseguito il gusto e la leggibilità tanto dell’insieme, quanto del verso e della parola come singole sotto-unità che già rappresentano un mondo e devono contribuire, con la loro nitida e avvenente precisione, all’armonia del complesso). Nei limiti del possibile e delle mie personali capacità, ho mirato a una fedeltà non solo – ovviamente – ai contenuti semantici, ma anche ai valori formali e a certe scelte tecniche di fondo messe in opera da Virgilio.

  • 6 Si veda Morini 2007, p. 88, p. 1 ; su Izzo 1970, cfr. Morini 2007, p. 22-26 e 90-91. Da tenere pre (...)

7Forse si entra davvero nell’umiltà del traduttore a suo tempo prescritta da Carlo Izzo, e nell’autentico (e più etico) spirito di « servizio »6, quando, oltre a rendersene conto, si accetti pacificamente che nel campo del tradurre – come in tutti gli altri del resto – non disponiamo mai di soluzioni perfette, ma possiamo solo aspirare a una stringente coerenza, a una pulizia di metodi e risultati. E, oltre che alle inevitabili critiche, siamo esposti a (e fieramente battuti da) quello stesso « principio di indeterminazione » che in ultima analisi, direi, investe la creatività letteraria e artistica in generale. Chiunque traduca con coscienziosità sa che si tratta di una battaglia perduta in partenza, nell’ambito della quale il primo obiettivo è limitare le perdite, soprattutto nel caso di un autore così ricco di preziose invenzioni, di sfumature e di risonanze, da meritare che un giudice severo e non meno grande di lui lo incoronasse « degli altri poeti onore e lume ».

8La portata della responsabilità del traduttore – che, crescendo su una serie di minute questioni, finisce per assumere una statura enorme – si comprenderà ancora meglio alla luce di qualche caso concreto. Ma preliminarmente occorre rendere ragione di quella che si impone come la prima fra le scelte : l’opzione fra una traduzione in prosa e una traduzione in versi.

L’impostazione metrica

  • 7 Molte sono, comunque, le belle traduzioni in prosa nella tradizione italiana, a partire dal primo (...)
  • 8 Mi sono orientato su questa scelta nella mia traduzione del De reditu (Rutilio Namaziano, Il ritor (...)
  • 9 Penso naturalmente, per quest’ultima possibile opzione, alle numerose e spesso belle traduzioni in (...)

9A ben guardare, già questa scelta risulta intimamente connessa con il problema della responsabilità del traduttore. Laddove si aspiri a una traduzione il più possibile « d’arte », ha davvero senso far corrispondere a un testo in versi un testo in prosa ? Mi è sembrato di no7. Esistono soluzioni di compromesso, come la traduzione linea contro verso, che adibisca una sorta di verso libero, regolato da sue ragioni ritmiche interne, non riconducibili a un sistema chiuso ; io stesso l’ho praticata in altre occasioni, e per Virgilio è rappresentata da traduzioni illustri8. Ma in questo caso mi è parso che si rendesse necessario un indirizzo ritmico più marcato, e ho ritenuto che lo si dovesse ricercare più nei pressi della tradizione latina che non nell’alveo della metrica italiana classica9. Così ho tentato un esametro « barbaro ».

  • 10 Vergara 1982, p. 11. Nel 1978 Vergara annunciava una propria Storia della poesia barbara italiana (...)
  • 11 Vergara 1982, p. 11. Quanto agli autori ricordati a testo, per Bignone vd. Vergara 1978, p. 184 (d (...)
  • 12 Vergara 1982, p. 11. Su Filippini, vd. Vergara 1978, p. 121 e 149-150. Sulla traduzione barbara di (...)

10La tradizione italiana della versificazione che intende rifarsi all’esametro latino, con criteri che si possono – largamente e a scopo di onnicomprensività – definire « barbari », è estremamente complessa e variegata. Per una storia del problema, un rapido inquadramento teorico-metodologico e un’ampia bibliografia ragionata, rimando agli assai attenti e informati studi di Giuseppe Vergara : due articoli preparatori (1976 e 1977), e una Guida allo studio della poesia barbara italiana (Vergara 1978)10. Sul piano della prassi, Vergara è a sua volta autore di una traduzione integrale dell’Eneide in esametri barbari secondo il metodo « ritmico » (stando alla sua stessa classificazione) : un’opera ispirata, sul piano metrico, a criteri di estremo rigore (1982). Nella relativa prefazione, oltre a tornare a riassumere brevemente le coordinate storiche e teoriche del problema, Vergara censisce – fino a quella data – i tentativi di traduzione dell’Eneide germogliati da un simile orientamento : « oltre ai brani frammentari tradotti dal Pascoli (intorno al 1900), da Ettore Bignone (1945) e da Andrea Zanzotto (1962) »11, egli rintraccia, nella tradizione italiana a lui precedente, quattro versioni parziali e quattro integrali dell’Eneide in versi di taglio barbaro. « Le quattro versioni parziali sono di Bernardo Filippini (1659), di Francesco Vivona (1904), di Giacinto Altimari Menna (1904) e di Luciano Vischi (1908-1931) ; quelle dell’intero poema sono di Francesco Grassi (1808), di Gaetano Di Biasio (1929-1930), di Giuseppe Lipparini (1946) e di Francesco Borrelli (1970) »12.

11Va segnalato tuttavia che, fra le antologie di alcuni brani tradotti, Vergara non aveva potuto venire a conoscenza dell’importante prova di Filippo Maria Pontani. Il grande grecista e traduttore – che parallelamente si cimentava con la metrica barbara, e in particolare con l’esametro, nella sua celebre traduzione dell’Antologia Palatina (Pontani 1978-1981) – si trovò a misurarsi con vari passi dell’Eneide in occasione di un prezioso e raro libro d’arte preparato insieme a Renato Guttuso (una copia è reperibile alla Biblioteca Nazionale di Firenze) : Virgilio, Eneide, luoghi scelti e tradotti da Filippo Maria Pontani, con un saggio di T. S. Eliot, dodici illustrazioni originali di Renato Guttuso, Roma, Edizioni dell’Elefante, 1977. Una nota editoriale, anonima, ma probabilmente di Pontani stesso (e comunque sicuramente costituita sulla base di precise indicazioni del traduttore), specifica :

  • 13 Pontani 1997, p. [213]. I passi da Pontani tradotti sono, con i relativi titoletti da lui apposti, (...)

Il saggio di T. S. Eliot, tradotto da A. Giuliani nel volume Sulla poesia e sui poeti, Milano 1960, si ripubblica qui per gentile concessione dell’editore Bompiani. Il testo seguito e riprodotto fedelmente a fronte della versione è quello di R. A. B. Mynors (P. Vergili Maronis Opera, Oxonii 1976). […] La scelta pone l’accento sui luoghi del poema più celebrati per qualità d’arte e più ricchi di risonanze. L’intento documentario è prevalso talora sulle preferenze dell’antologista e ha condizionato anche il taglio d’alcuni episodi. È parso superfluo ricordare il filo della narrazione, chiarire l’identità dei personaggi umani e divini, corredare i testi di note ermeneutiche. […] Le scelte interpretative in passi controversi non possono essere qui giustificate. […] I versi della traduzione rispecchiano puntualmente quelli dell’originale e ormeggiano, con la ben nota approssimazione della metrica barbara, il ritmo esametrico. La dizione si sforza d’aderire il più possibile all’espressione latina, letteratissima e a tratti inaudita, sottilmente elaborata ma a volte incòndita. Il materiale linguistico è attuale e fa posto persino a colloquialismi, ma non è alieno da una sostenutezza richiesta, con l’articolazione talora classicista del fraseggio, dall’opportunità di non umiliare quel tono epico di cui il poeta non è immemore mai. Occorre appena avvertire che la fedeltà nella resa del senso e la misura formale, lontana da ghiribizzi, e, si spera, comunicativa, mirano solo a dare una pallida immagine della disperante suggestione d’una poesia ineguagliabile13.

  • 14 Per il lavoro di Daniele Ventre (alcune sue dichiarazioni si trovano già in Ventre, p. 448-450) e (...)

12In parallelo con Giuseppe Vergara (e pertanto non ricordato nei citati lavori di quest’ultimo) lavorava anche Luciano Miori, la cui traduzione (1982) – piuttosto libera : oserei dire assai più libera di quanto l’autore non mostri di percepire (p. 9) – esibisce un esametro barbaro di grande scorrevolezza ed eleganza. In seguito, a quanto io sappia, si sono inseriti in questa tradizione Mario Giammarco (1990), Daniele Ventre e il mio tentativo14.

13Daniele Ventre – che ha in cantiere una traduzione di tutto Virgilio – ha al momento pubblicato una traduzione isometrica dell’Iliade (2010) e dell’Odissea (2014), costruendo il suo esametro secondo kola fissi, e ottenendolo cioè dall’associazione di un ottonario e un novenario. Nel corso di uno scambio di opinioni sul rispettivo lavoro, Ventre mi ha inviato una puntualizzazione sui criteri cui si è ispirato, che, d’accordo con lui, ho ritenuto interessante proporre integralmente in questa sede nella seconda appendice.

  • 15 Per lo più, in caso di sfruttamento di ictus da accento secondario, ho cercato di rintracciare anc (...)

14Quanto a me, non ho costruito il mio esametro secondo kola fissi, l’ho interpretato più liberamente, cercando di riprodurre anche la flessibilità del verso originario. Si possono alternare dunque metra ‘dattilici’ (di un tempo forte, seguito da un biceps debole) a metra ‘spondaici’ (un tempo forte, seguito da uno debole di un’unica sillaba), all’incirca secondo il disegno dell’esametro latino. Naturalmente il luogo del tempo ‘forte’, segnato dall’ictus, è coperto da sillaba accentata. In alcuni casi – che mi sono sforzato di ridurre il più possibile – il tempo forte è coperto da un accento secondario ; questo avviene con vocaboli particolarmente lunghi, o laddove mi sia trovato in situazioni di rilevanti difficoltà metriche. In molti altri, che pure ho tentato il più possibile di limitare, fatalmente accade che l’ictus cada su monosillabi, anche se a un orecchio sensibile essi possono a volte apparire troppo esili per farsi tempo forte15.

15Le clausole dei versi, secondo una teorica rigorosa fedeltà al modello dell’esametro, dovrebbero nel mio caso presentare una sola sillaba dopo l’ultimo tempo forte ; ma mi sono preso la libertà di ammettere che per l’ultimo tempo forte valga la corrente legge prosodica italiana, secondo cui, a far fede ai fini del computo, sia sempre un’ipotetica misura piana, anche laddove il verso sia sdrucciolo (ho evitato invece versi tronchi).

16Ho tendenzialmente cercato di evitare che nel mio adattamento italiano della versificazione esametrica, ricorresse una forte incisione dopo il terzo tempo debole, comportante la suddivisione del verso in due esatte metà ; anche a questa regola non è mancata tuttavia qualche eccezione.

  • 16 Per quanto attiene alla d eufonica, ho tendenzialmente seguito la norma oggi vigente, che la vuole (...)

17Sul piano prosodico, mi sono talvolta concesso qualche libertà nell’applicazione delle sinalefi (e corrispettivamente degli iati), e delle sineresi16.

18Il mio maggiore impegno si è rivolto comunque a cercare un compromesso in virtù del quale, mentre il materiale verbale che traduceva un’opera di poesia veniva disciplinato in un parallelo sistema ritmico, l’obbedienza a ragioni metriche non costringesse a un italiano troppo inconsueto o aulico, fitto di troncamenti o analoghi escamotages.

Qualche esempio in tema di « responsabilità »

19Vengo così a proporre un paio di casi che – prima ancora di addentrarci nel dettaglio di problemi più tecnici – a mio parere si prestano bene a introdurre al problema della « responsabilità » del traduttore di Virgilio. In considerazione del tema del convegno mantovano a cui era destinata la prima elaborazione di questo studio, e poi di questo convegno romano in cui è stato riproposto, tendo a privilegiare, nelle pagine che seguono, esempi tratti dai libri italici dell’Eneide.

  • 17 Sulla cruciale importanza ideologica di questo passo ha anche insistito Traina 1975-1998, vol. IV, (...)

20Traducevo il XII e mi trovavo di fronte a un problema di polpacci. Detto così, naturalmente, fa sorridere, ma rende l’idea delle questioni anche minime con cui ci si trova a fare i conti. Il passo è in realtà di grande importanza ideologica. Si tratta, notoriamente, dell’unico caso in cui, lungo l’intero poema, Enea rivolge al figlio un discorso diretto ; nel farlo, gli trasmette una lezione di virtus, che dice anche qualcosa su come Enea intenda se stesso, su come interpreti la propria vicenda – rara acquisizione, visto il riserbo di Virgilio in merito (12, 430 s.)17 :

Ille avidus pugnae suras incluserat auro 430
hinc atque hinc oditque moras hastamque coruscat.
Postquam habilis lateri clipeus loricaque tergo est,
Ascanium fusis circum complectitur armis
summaque per galeam delibans oscula fatur :
« Disce, puer, virtutem ex me verumque laborem, 435
fortunam ex aliis ; nunc te mea dextera belol
defensum dabit et magna inter praemia ducet.
Tu facito, mox cum matura adoleverit aetas,
sis memor et te animo repetentem exempla tuorum
et pater Aeneas et avonculus excitet Hector ». 440
Haec ubi dicta dedit, portis sese extulit ingens […]
Quello, bramoso di scontro, le gambe da un lato e dall’altro 430
serra nell’oro, e non tollera indugi, e vibra la lancia.
Dopo che ha posto scudo sul fianco e corazza sul dorso,
stringe Ascanio, chiudendolo dentro un abbraccio di armi,
e, quanto l’elmo consente, lo sfiora in un bacio e gli dice :
« Da me apprendi, ragazzo, il valore e il penare più vero, 435
la fortuna dagli altri. Ora a te la mia destra in battaglia
procurerà difesa, e la via verso grandi compensi.
Tu, appena giunto all’età matura, fa’ in modo di esserne
memore, e quando ritorni nel cuore agli esempi dei tuoi,
t’inciti il padre Enea, ed Ettore, zio materno ». 440
Dopo che dette quei detti, uscì dalle porte, imponente […]

21Ora il mio primo problema era come tradurre al v. 430 suras, perché appunto mi si offriva l’italiano « polpacci », che non mi sembrava adeguato : pasta fonica goffa, che non sentivo degna di un’alta tessitura epica. La stessa difficoltà si poneva – forse addirittura aggravata, in considerazione della delicata natura del personaggio – per Venere in 1, 335 s., dove la dèa, sotto mentite spoglie, asserisce che è costume delle giovani cartaginesi come lei purpureo […] alte suras vincire coturno.

  • 18 Simbolicamente, segnalo qui alcuni debiti : a 1, 85-86 creberque procellis / Africus sono partito (...)

22Stavo guardando come si fossero regolati i miei predecessori, e fra questi un intellettuale oggi molto prestigioso, spesso felice nelle sue scelte interpretative. Come i poeti leggono gli altri poeti, così fanno i traduttori con gli altri traduttori, e sarebbe sciocco quanto scorretto fingere che non sia così. A volte la coincidenza con una o l’altra traduzione è casuale, o necessitata dalle ragioni del patrimonio lessicale della lingua d’arrivo. Spesso ho volutamente recepito quella ch’era già la resa di un precedente traduttore, cercando non la mia gloria di interprete, ma quello che mi sembrasse il miglior servizio a un singolo passo del testo di Virgilio. Se la parola più appropriata era stata usata da un altro traduttore, o una sua soluzione rendeva onore al poeta, non mi sono sforzato di evitarla in quanto già firmata, ma di assecondarla, ratificandone la felicità – senza potere per questo, naturalmente, riconoscere ogni volta in nota il mio debito contingente18.

  • 19 Ecco i v. 12, 435 s. secondo quella traduzione : « “ Impara, fighetto, da me il coraggio e il sacr (...)
  • 20 Offro una rapida rassegna di altre rese di puer nella stessa traduzione ; a 8, 581 : « ragazzo car (...)

23Ora, per l’Enea di 12, 430, il traduttore cui mi riferivo impiega in effetti « polpacci », mentre a 1, 337 se la cava secondo me bene con un « e allacciare i calzari di porpora sotto il ginocchio ». Abbiamo una traduzione difforme di un medesimo vocabolo, ma ora non volevo parlare di questo. Piuttosto, trovandomi là, ‘dalle parti dei polpacci’, mi cascava l’occhio sull’apostrofe di Enea ad Ascanio, e avevo un sobbalzo. Nell’edizione che avevo davanti, la traduzione del v. 435 (Disce, puer…) si apriva infatti con le parole « Impara, fighetto »19 ! Uno dei colleghi con i quali commentavo una resa tale da destare stupore e sconcerto suggeriva che si potesse trattare di un perfido refuso per « figlietto » : e una riedizione recente corregge per fortuna in tal senso20. Tuttavia, fosse anche stata fin dall’inizio « figlietto », una simile resa rispecchia davvero il tono della battuta di Virgilio ? Non me lo chiedo per malanimo nei riguardi di questo specifico traduttore, ma, astrattamente, in tema di responsabilità del traduttore oggi. E per spiegarmi meglio presento un altro paio di esempi dalla stessa traduzione – mi perdoni l’Anonimo, capitato sotto indagine per via di quello che sembrerebbe un errore di stampa.

  • 21 Questa la traduzione che ne ho proposto : « Me nei sogni ammonisce e atterrisce agitata l’immagine (...)

24A 4, 351 s. Enea è ammonito a lasciare Cartagine da vari fattori, fra cui il pensiero del futuro di gloria che sottrarrebbe ad Ascanio21 :

Me patris Anchisae, quotiens umentibus umbris
nox operit terras, quotiens astra ignea surgunt,
admonet in somnis et turbida terret imago;
me puer Ascanius capitisque iniuria cari,
quem regno Hesperiae fraudo et fatalibus arvis. 355
  • 22 Per il problema dell’età che viene assegnata al personaggio di Ascanio nel corso dell’Eneide vd. H (...)

25La traduzione in questione ci propone per il v. 354 : « [...] e Ascanio bambino, la sua cara testina offesa »22. La scelta espressiva risulta discutibile non meno dell’orientamento esegetico che ne consegue.

[...] Increpat ultro 830
cunctantis socios et terra sublevat ipsum
sanguine turpantem comptos de more capillos.
  • 23 Traina 1997, p. 97 ; su questa base ho proposto la traduzione « È lui a sgridare / i suoi compagni (...)
  • 24 Questo nella terza edizione (2012) ; nella prima si legge la leggera variante « e solleva Lauso da (...)

26Alfonso Traina spiega che quel comptos de more capillos deve essere inteso come un riferimento all’uso dei giovani, come era appunto Lauso, di portare i capelli lunghi23. Nella traduzione che ho sotto gli occhi si legge (spaziato mio) « [...] e solleva da terra lui, / col sangue che gli deturpa i capelli tagliati alla moda »24.

  • 25 Il traduttore in questione specifica (p. 11) : « Sarà sufficiente avvertire in anticipo che mi son (...)

27Mi sono attardato su questi esempi per indicare quello che avverto come un pericolo. Che un poeta antico sia condotto a parlare con linguaggio forzatamente moderno – magari con consapevoli e ardite rivendicazioni della legittimità dell’operazione25. Il « troppo » è naturalmente questione di dosaggi e di gusti. Tuttavia, nel caso specifico, abbiamo a che fare con luoghi in cui si incontrano una cara testina offesa e capelli tagliati alla moda. E ancora « mentre tu chiedi responsi impalato sulla mia soglia » (per 6, 151, dum consulta petis nostroque in limine pendes) ; o « tutto un rotolìo di lacrime » (per 10, 790, lacrimaeque per ora volutae) ; per non dire che – mentre si rivendica di non aver usato una presunta parola fuori moda come « affinché » – Ascanio risulta essere un « figlietto » (se non forse addirittura un « fighetto »). Tutto ciò può davvero degnamente rappresentare, per chi non conosca il latino, la voce di Virgilio e il suo solenne timbro epico ?

Costanti di traduzione

Parole uguali, ripetizioni, formularità, combinazioni di tessere

28Al tema generale delle responsabilità del traduttore abbiamo visto intrecciarsi un concreto problema tecnico, a cui ho cercato di prestare nel mio lavoro la massima attenzione : quello, per chiamarlo così, delle costanti di traduzione. Lo abbiamo incontrato sia per surae che per puer.

  • 26 Per es. tyrannus è a volte, come sottolinea Traina 1997, p. 85, semplice doppione metrico per rex ; (...)
  • 27 Cfr. Morini 2007, p. 73 : « noi ci limitiamo a osservare che seguire un singolo metodo e perseguire (...)
  • 28 Naturalmente una simile categoria non ha in linea teorica alcun diritto di essere presa in consider (...)

29Scendendo maggiormente nel dettaglio : personalmente, mi sono il più possibile attenuto al principio di cercare di dare a una singola parola – almeno fra quelle più frequenti e rilevanti – una traduzione costante. Si tratta di una tendenza, destinata naturalmente a conoscere eccezioni, non solo perché non sempre una stessa parola ha una costante accezione o presenta la stessa sfumatura semantica26, ma anche perché talora il contesto della lingua d’arrivo solleva contingenti problemi – fonici o ritmici, o di coerenza – che esigono soluzioni mirate27. (E vanno purtroppo messe in conto anche le sempre possibili distrazioni di chi sta traducendo28).

  • 29 Vd. Moskalew 1982 ; di Facchini Tosi 1983 vd. in particolare i capitoli II e III, e, su Virgilio, l (...)
  • 30 Wills 1996, p. 473 s., come esempio di ripetizione che a un moderno orecchio inglese risulterebbe f (...)
  • 31 In Virgilio capita abbastanza sovente di veder ricorrere con insistenza un certo vocabolo in un con (...)

30In quest’ambito si pone anche il problema delle ripetizioni di uno stesso vocabolo a breve distanza, che non disturbavano un orecchio antico come avviene con il nostro di oggi. Per tutta la problematica, sia generale, sia riguardante il caso particolare di Virgilio, rimando agli studi di Moskalew, Wills e Facchini Tosi29. All’atto pratico, mi sono posto l’interrogativo metodologico se ripetere una stessa parola rispettando l’originale, o variare, assecondando il gusto italiano di oggi. Tendenzialmente ho preferito ripetere, perché mi è sembrato che questo contribuisse comunque a riprodurre il sapore dell’ordito virgiliano30. Ma anche in questo settore mi sono concesso un margine di libertà che consentisse a volte di non mortificare alcuni passaggi con una resa che per un lettore italiano di oggi sarebbe sembrata eccessivamente goffa31.

  • 32 Vd. per es. Moskalew 1982, p. 17 (nell’ambito della sua introduttiva storia degli studi sul punto, (...)
  • 33 Berres 1982 : lo studioso rivendica a p. X la novità del suo metodo e ne stabilisce i criteri opera (...)

31Andando al di là dell’iterazione di un singolo vocabolo, tocchiamo parallelamente uno dei problemi più difficoltosi : la traduzione costante delle locuzioni stereotipate, formulari o para-formulari, e di versi o segmenti di versi che nell’originale si ripetono identici. Oggi – e soprattutto dopo i pazienti e importanti libri di Moskalew e di Wills – non ha più bisogno di essere sottolineato quanto tutti questi fenomeni siano rilevanti nell’ambito della dizione epica di Virgilio, e, complessivamente, della sua sensibilità creativa. Essi si rivelano intimamente legati al ricorrere di temi e immagini ; agganci generali alle linee del genere epico, o specificamente intertestuali ; ad artistici richiami sia di contenuti sia di forme32. Da un altro punto di vista, non va dimenticata l’importanza assunta da queste autocitazioni e riprese di giri di frase, emistichi, versi e gruppi di versi, all’interno del complesso problema delle fasi compositive dell’Eneide (penso soprattutto allo studio di Thomas Berres)33. E dunque, in tutto questo settore il mio impegno è andato nella direzione di riflettere il più possibile con fedeltà la situazione dell’originale, puntando a riproporre identica la traduzione di uno stesso segmento, a partire ovviamente dalle cosiddette formule – ma guardandomi dal restringermi ad esse.

32Per fare un esempio secondo me significativo, richiamo un caso studiato da Wills. Alcune parole ricorrono identiche all’interno di due importanti discorsi di Anchise : il primo, al momento di correggere l’erronea interpretazione data all’oracolo di Apollo e confermare nell’Italia l’identificazione della terra designata dai fati (3, 180 s.) ; il secondo, quando lo spettro del padre compare in sogno a Enea, chiedendogli di scendere a incontrarlo negli inferi (5, 722 s.). Riporto i passi (permettendomi di corredarli della traduzione che ne ho proposto) :

33A) Aen. 3, 182-183 :

Tum memorat : « Nate, Iliacis exercite faties,
sola mihi talis casus Cassandra canebat.
« […] E allora afferma : “Figlio, dai fati di Ílio provato,
solo Cassandra simili casi a me prediceva.

34B) Aen. 5, 724-725 :

« Nate, mihi vita quondam, dum vita manebat,
care magis, nate, Iliacis exercite fatis, 725
« Figlio un tempo a me caro, finché rimaneva la vita,
più della vita, figlio, dai fati di Ílio provato, 725

35Wills segnala magistralmente come ambedue i passi rimandino (con ripartizione dei carichi allusivi) alle parole di un altro padre famoso : le istruzioni di Ègeo a Tèseo in Catullo 64, 215-217 :

gnate mihi longa iucundior unice vita,
gnate, ego quem in dubios cogor dimittere casus,
reddite in extrema nuper mihi fine senectae
  • 34 Wills 1996, p. 28-30: 30 « the repeated nate, Iliacis exercite fatis assures us that this passage i (...)
  • 35 L’idea mi pare in qualche modo implicata già nella nota a 5, 725 del bel commento di Williams (1960 (...)
  • 36 Fra i traduttori italiani che ho potuto vedere, si sono presi cura del problema in questo contingen (...)

36Di conseguenza, nel tradurre i passi di Virgilio, certe forme della ripetizione già di per sé andrebbero mantenute per conservare il rinvio allusivo che innescano rispetto a Catullo. Ma immaginiamo di volerci restringere all’interno della sola Eneide. Secondo Wills, la ripetizione di nate, Iliacis exercite fatis ci assicura che il passo di 3, 182-183 è, in rapporto al luogo di Catullo, un « true partner » delle parole dello spettro di Anchise34. Oserei aggiungere che i due passi virgiliani in questione si rivelano « true partner » l’uno dell’altro anche da un diverso punto di vista, questa volta interno all’Eneide : il ritorno nel libro V di alcune parole già pronunciate da Anchise nel III garantisce implicitamente a Enea che quell’importante apparizione di Anchise va accolta come pienamente autentica, senza spazio alcuno per un eventuale sospetto che sia frutto di personale elaborazione onirica, potenzialmente fallace35. Direi che per molte ragioni il traduttore ha il tassativo dovere di riprodurre la situazione dell’originale : eppure ben poche traduzioni fra quelle italiane attualmente correnti lo hanno fatto36.

37Due brevi postille. Il dubbio circa una possibile falsità dei sogni è contemplato da Virgilio stesso, quando a 8, 42 s. assegna al dio Tevere questa battuta :

Iamque tibi, ne vana putes haec fingere somnum,
litoreis ingens inventa sub ilicibus sus
triginta capitum fetus enixa iacebit,
alba solo recubans, albi circum ubera nati ; 45
[hic locus urbis erit, requies ea certa laborum].
ex quo ter denis urbem redeuntibus annis.
Ascanius clari condet cognominis Albam.
Ecco – perché tu non pensi a visioni fallaci del sonno –,
tu troverai sotto i lecci del lido una scrofa imponente
stesa sul suolo, di un parto di trenta capi sgravata,
bianca, riversa, intorno alle poppe i suoi piccoli bianchi, 45
[qui sarà il luogo per la città, requie certa al penare].
Dal che, al ritorno di tre decine di anni, la rocca
d’Alba, dal chiaro nome, sarà fondata da Ascanio.

38Ebbene, il Tevere previene i dubbi di Enea sulla veridicità del sonno, indicandogli che al risveglio troverà la scrofa bianca (come di fatto avverrà) ; ma, su un altro piano, si riscontra un rinforzo della natura veridica del sogno, e risiede nel fatto che l’apparizione del dio Tevere ripete a Enea le identiche parole che, in forma di profezia, gli aveva detto Èleno in 3, 388 s. :

Signa tibi dicam, tu condita mente teneto :
cum tibi sollicito secreti ad fluminis undam
litoreis ingens inventa sub ilicibus sus 390
triginta capitum fetus enixa iacebit,
alba solo recubans, albi circum ubera nati,
is locus urbis erit, requies ea certa laborum.
Io i segni ti svelerò, tu mantienili in fondo nell’animo :
quando, pieno di affanno, all’onda di un fiume appartato,
tu troverai sotto i lecci del lido una scrofa imponente 390
stesa sul suolo, di un parto di trenta capi sgravata,
bianca, riversa, intorno alle poppe i suoi piccoli bianchi,
lì sarà il luogo per la città, requie certa al penare.

39Così questo caso di iterazione è non solo un frammento di alta dizione epica di stampo tradizionale, ma anche un nuovo episodio – per esprimersi così – di convalida del sogno.

  • 37 Cfr. Wills 1996 riportato a nota 34. Su casus non disponiamo purtroppo di una specifica voce nella (...)
  • 38 L’importanza poetica di questa determinazione di casualità è segnalata dall’articolo di Maurizio Be (...)

40Seconda postilla : nel gioco allusivo che collega a Catullo i due passi virgiliani sopra esaminati, ha un suo notevole rilievo la parola casus – vocabolo peraltro assai ricorrente nell’Eneide37. Prescindendo dalle occorrenze in cui vale « caduta », nelle altre non ho potuto purtroppo ricorrere a una scelta costante e neppure a una gamma ristretta di rese (ho sfruttato, di volta in volta, « la sorte », « le vicende », « i rovesci » « gli eventi », « gli incerti »). Quasi mai mi sono attenuto a « caso » o « casi », che in italiano ha un che di fonicamente scabro e aspro. Tuttavia, in alcune circostanze mi è parso necessario farlo per ragioni contingenti : qui a 3, 183, per esempio, in quanto consentiva sia di trasferire in italiano l’omeoarto virgiliano casus-Cassandra,sia di lasciare una traccia maggiore dell’interconnessione con il passo parallelo di Catullo. Poco oltre nel terzo libro (v. 299, compellare virum et casus cognoscere tantos), casus è nuovamente impiegato da Virgilio con implicazioni musicali, e inserito in un nastro allitterativo. Sarebbe stato molto semplice recuperarlo e conservare almeno parzialmente l’allitterazione, ricorrendo all’italiano « casi » ; tuttavia, due versi sotto (3, 301) ricorre la parola forte, che qui è importante tradurre « per caso »38. Ragioni di eleganza interne agli usi espressivi italiani mi hanno dunque invitato a rinunciare all’allitterazione per il v. 299, assegnando la priorità a quella specifica resa di forte :

Obstipui miroque incensum pectus amore
compellare virum et casus cognoscere tantos.
Progredior portu classes et litora linquens, 300
sollemnis cum forte dapes et tristia dona
ante urbem in luco falsi Simoëntis ad undam
libabat cineri Andromache manisque vocabat
Hectoreum ad tumulum, viridi quem caespite inanem
et geminas, causam lacrimis, sacraverat aras. 305
Mi stupii e mi si accese la mente di brama mirabile
d’interpellare l’eroe e di conoscere simili eventi.
Mi allontano dal porto, lasciando il lido e la flotta : 300
nel bosco sacro davanti alle mura per caso, alle onde
d’un Simoènta falso, Andròmaca sacre vivande
e tristi doni libava alle ceneri, e i Mani invocava,
d’Ettore a un tumulo vuoto, a lui consacrato, di verdi
zolle, insieme a una coppia di are, ragione di pianto. 305
  • 39 Non voglio procedere a dimostrazioni, sia per mancanza di spazio, sia per non essere nella tentazio (...)
  • 40 Il lettore può procedere da solo agli adeguati riscontri, per esempio per un caso come quello di Ha (...)

41Torno al problema delle costanti di traduzione più in generale. Per quanto strano possa sembrare, a quello che ho constatato, non pare che nella tradizione italiana delle traduzioni dell’Eneide si sia finora mai prestata adeguata attenzione a tutta questa rosa di problemi39 – talvolta neppure per la più cristallizzata delle formule40.

42Possiamo introdurre qui il problema di mantenersi costanti nella traduzione dei composti. Alcune delle loro formazioni si possono più o meno plausibilmente riproporre quasi a calco in modo seriale. Per altre sorgono difficoltà insormontabili. Non si può in ogni caso fare a meno di tenere presente che quella virgiliana è una dizione epica spesso caratterizzata da solenni coniazioni eccentriche rispetto al linguaggio corrente. Ho per lo più tentato di rispettare la peculiarità stilistica (e il suo effetto di straniamento e di elevazione di tono), per esempio nel caso dei composti come ignipotens per Vulcano (12, 90 : « ignipotente ») o armipotens (2, 425 « armipotente »), o la maggior parte dei composti in -fer e -ger. Per es. 1, 663 « alìgero Amore », 3, 660 « lanìgere pecore », 3, 680 « cipressi coniferi », 4, 248 « capo pinifero », 8, 77 « fiume cornìgero » ; cfr. 7, 789 « destrieri cornìpedi » (e mi rimprovera ora simili scelte Cipollini 2012, p. 87). In altri casi non ho osato ; per es. a 6, 595 Terrae omniparentis alumnum, dopo aver sperimentato un pesante « onnipartoriente », ho ripiegato su « nutrito da Terra che genera tutto » ; a 8, 116 per paciferae… ramum… olivae ho tradotto « ramo d’olivo di pace ».

  • 41 3, 359 Troiugena, interpres divum, qui numina Phoebi / qui tripodas Clarii et laurus, qui sidera se (...)

43Nel dibattito successivo a una conferenza, con simpatica e provocatoria malizia un collega mi chiese « e come hai tradotto Troiugena ? ». Ve ne sono in effetti tre occorrenze (al singolare in 3, 359, al plurale in 8, 117 e 12, 626), da valutare in combinazione con le due – entrambe plurali – di Graiugenae (3, 550 e 8, 127 : nell’VIII, i due diversi vocaboli ricorrono a dieci versi di distanza l’uno dall’altro), nonché con le due, entrambe plurali, di nubigenae per i Centauri (7, 674 e 8, 293). Ora, per Graiugenumque domos e per optime Graiugenum, scartato un calco tanto più goffo e improponibile in quanto il vocabolo occorre al plurale, mi è sembrato che non vi fossero molte altre vie che « case dei nati da Greci » e « o tu eccellente fra i nati da Greci » (parallelamente ho reso nubigenae con « nati da nube »). Per Troiugena, scartati sia il calco (anche qui) sia un banale e piatto « Troiani », ho tentato di risolvere con « stirpe troiana » (scomodo tuttavia per i plurali di 8, 117 e soprattutto di 12, 626). Alla fine la cosa migliore mi è sembrata cercare di amministrare, nei pur differenti contesti, il nastro « nato / nati a Troia » : non disperde del tutto l’indicazione ‘genetica’ e rimane il più possibile in asse con la resa del parallelo Graiugenae41.

44Ebbene, nell’ambito delle costanti di traduzione, le complicazioni si stratificano, e con progressione geometrica.

45È già di per sé arduo, in una mole così cospicua, tenere il materiale sotto adeguato controllo, in modo da riconoscere per tale un segmento costante, soprattutto se ridotto alle esigue dimensioni di una iunctura, magari di non grande ricorsività o appariscenza. In questo mi sono naturalmente aiutato con gli studi specifici, in particolare con i commenti e le concordanze – sebbene, come già precisavo sopra ad altro proposito, nutra il costante timore di essere comunque incorso in incoerenze da distrazione.

  • 42 Personalmente ho scelto di non pormi l’ulteriore problema di fedeltà relativo all’ordine delle paro (...)

46Ma non basta : le costanti traduzioni dei segmenti iterati devono anche poi risultare, all’interno della gabbia metrica, combinabili fra di loro, di conserto con le diverse combinazioni identificabili in Virgilio. Per non dire dell’ulteriore elemento artistico rappresentato dall’ordine delle parole42. Il tutto nel rispetto di una espressione italiana scorrevole e priva di forzature.

47Ora, lo stesso gusto virgiliano per la minima variazione di un’espressione che pure sia, complessivamente, ricorrente, sfida a un cimento veramente impegnativo il traduttore che aspiri a riprodurlo, se non pienamente, almeno in misura adeguata a farne percepire la natura di programmata atmosfera.

48Un veloce esempio puramente introduttivo a tutto questo insieme di problemi si può ricavare già dalla ricordata allocuzione di Enea ad Ascanio. A 12, 438-440 leggiamo :

Tu facito, mox cum matura adoleverit aetas,
sis memor et te animo repetentem exempla tuorum
et pater Aeneas et avonculus excitet Hector ».

49Nel tradurre, non si dovrebbe secondo me trascurare il fatto che a 3, 342-343 Andromaca chiede a Enea, circa Ascanio :

« […] Ecquid in antiquam virtutem animosque virilis
et pater Aeneas et avonculus excitat Hector? »

50Come si vede, un verso ricorre quasi identico : ma, rispetto a 12, 440, in 3, 343 la forma è interrogativa ; e il verbo figura all’indicativo anziché al congiuntivo. Le traduzioni che ho tentato sono queste :

513, 342-343 :

E in qualche cosa all’antico valore e al coraggio virile
l’incita il padre Enea, ed Ettore, zio materno ?

5212, 438-440 :

« […] Tu, appena giunto all’età matura, fa’ in modo di esserne
memore, e quando ritorni nel cuore agli esempi dei tuoi,
t’inciti il padre Enea, ed Ettore, zio materno ». 440
  • 43 In effetti, per essere davvero precisi, avrei dovuto salvare anche il frequente costrutto et… et… ( (...)

53Al momento, non ho saputo fare di meglio : come si vede, mi è stato necessario introdurre un ulteriore minimo scarto fra i due versi, e cioè un pronome personale che in italiano suona necessario (« l’incita » e « t’inciti »)43.

Uguale verso, diversamente giocato

54Il caso esaminato si avvicina molto a un altro, che solleva per il traduttore cospicue difficoltà. Mi è avvenuto di notare che talvolta, pur replicando un verso senza il minimo cambiamento, Virgilio ama giocarlo, nei diversi contesti, in modo differente. A mio parere è da credere che si tratti di una sofisticata intenzione d’arte, e che Virgilio se ne compiacesse, sapendo di ottenere, per questa via, identità e variazione contemporaneamente.

Oratori

55Un primo esempio ci offre il confronto fra due passi in cui sono introdotti a parlare due diversi oratori. Nel libro I, la voce di Virgilio presenta l’ingresso di Ilionèo e dei suoi compagni al cospetto di Didone (v. 520 s.) :

Postquam introgressi et coram data copia fandi, 520
maximus Ilioneus placido sic pectore coepit:
« O regina, […]

56Nel libro XI, la medesima espressione di 1, 520 è attribuita al personaggio di Vènulo, che sta riferendo al consiglio dei Latini l’esito della sua ambasciata presso Diomede (11, 243 s.) :

« Vidimus, o cives, Diomedem Argivaque castra
atque iter emensi casus superavimus omnis
contigimusque manum qua concidit Ilia tellus. 245
Ille urbem Argyripam patriae cognomine gentis
victor Gargani condebat Iapygis agris.
Postquam introgressi et coram data copia fandi,
munera praeferimus, nomen patriamque docemus,
qui bellum intulerint, quae causa attraxerit Arpos. 250
  • 44 Fra tutti gli altri traduttori in versi e in prosa che ho potuto vedere, ha tenuto conto del probl (...)

57I versi 1, 520 e 11, 248 vanno tradotti in modo uguale, ma individuando una formula abbastanza flessibile da potersi inserire nelle due diverse situazioni contestuali, che prevedono l’una la narrazione in terza persona di Virgilio, l’altra la narrazione in prima persona di Vènulo ; la mia proposta di soluzione è la seguente44 :

581, 520-521 :

Dopo che, entrati, fu data occasione di prender parola,
il più anziano, Ilionèo, così inizia con cuore pacato :

5911, 248-250 :

Dopo che, entrati, fu data occasione di prender parola,
consegniamo i regali, il nome e la patria illustriamo,
chi guerra ci abbia portato, che causa ad Arpi ci attragga.

Mare sconvolto dai remi

60Leggermente più complicato è il caso di un parallelo navale fra V e VIII libro. Scorrendo i libri italici, nella descrizione dello scudo di Enea le flotte di Augusto e di Antonio vengono a conflitto ; Virgilio scrive (8, 689-690) :

Una omnes ruere ac totum spumare reductis
convolsum remis rostrisque tridentibus aequor. 690

61Il verso 690 ricorre tale e quale nel V libro, alla partenza della regata (5, 142-143) :

Infindunt pariter sulcos totumque dehiscit
convolsum remis rostrisque tridentibus aequor. 143
  • 45 Fra le principali traduzioni italiane ben poche hanno prestato attenzione alla difficoltà, anche l (...)

62I versi 5, 143 e 8, 690 sono dunque fra loro identici, ma nel passo dell’VIII libro, diversamente che in quello del V, i « remi » sono accompagnati da un aggettivo verbale (reducti) collocato nel verso a precedere. Qui, nella resa parallela dei due contesti, penso di aver potuto risolvere senza sacrificare molto ai compromessi ; ho cercato di condensare e isolare l’immagine evocata da reductis, che sembra dover essere quella di contrarre le braccia per dare impulso alla remata, in modo da poter salvare l’identità di traduzione del verso uguale, fra i due contesti diversi45 ; e ho tentato :

635, 142-143

Fendono l’acqua con solchi affiancati e tutta si apre
quella distesa sconvolta dai remi e dai rostri a tre dentia. 143
a. L’espressione rostris tridentibus evoca i tre denti del rostro di prua delle navi.

648, 689-690

Tutti insieme ad accorrere, e tutta a schiumar sotto i colpi
quella distesa sconvolta dai remi e dai rostri a tre denti. 690

65Osservo di passaggio che il luogo dell’VIII ci pone di fronte al problema dell’occasionale impiego, da parte di Virgilio, dell’infinito narrativo ; anche su questa strada mi sono proposto di seguirlo, almeno in quei (pochi) casi in cui questo non vulnerasse nel profondo la nitidezza della resa italiana.

Pugni, graffi e sorelle

66Molto più problematica mi si è presentata un’analoga situazione fra XII e IV libro (complicata da un’interferenza con l’XI). Si tratta di un caso che coinvolge le due sorelle rispettivamente di Turno e di Didone : Giuturna e Anna. In entrambi gli episodi la scena è drammatica. Alla fine del XII libro, Giuturna ha riconosciuto la Dira inviata da Giove e, disperata, è costretta a ritirarsi e a lasciare Turno al suo destino (12, 869 s.) :

At procul ut Dirae stridorem adgnovit et alas,
infelix crinis scindit Iuturna solutos 870
unguibus ora soror foedans et pectora pugnis : 871
« Quid nunc te tua, Turne, potest germana iuvare ?

67Il verso 12, 871 si incontra, identico, anche nel IV libro, allorché Didone, dopo il suo ultimo monologo, si getta sulla spada ; Anna, richiamata dalle grida delle ancelle, accorre angosciata :

684, 663-675

Dixerat, atque illam media inter talia ferro
conlapsam aspiciunt comites ensemque cruore
spumantem sparsasque manus. It clamor ad alta 665
atria : concussam bacchatur Fama per urbem.
Lamentis gemituque et femineo ululatu
tecta fremunt, resonat magnis plangoribus aether,
non aliter quam si immissis ruat hostibus omnis
Carthago aut antiqua Tyros flammaeque furentes 670
culmina perque hominum volvantur perque deorum.
Audiit exanimis trepidoque exterrita cursu
unguibus ora soror foedans et pectora pugnis 673
per medios ruit ac morientem nomine clamat :
« Hoc illud, germana, fuit ? me fraude petebas ? 675

69Va intanto premesso che già un primo problema mi ha sollevato, specialmente nel libro IV, la fitta frequenza di soror e germana (spesso, come nei casi qui riportati, con alternarsi a breve distanza, e in una circostanza con entrambi i vocaboli nello stesso verso : 4, 478 : « Inveni, germana viam (gratare sorori) « “ Ho trovato, sorella, la via – con me esultane insieme – »). Infatti l’italiano di oggi praticamente non dispone che di un’unica soluzione di traduzione, e cioè la parola « sorella » (sono frequenti, nelle traduzioni più antiche, i sinonimi oggi desueti « suora » e « germana »). Questa, per di più, ha una struttura prosodica particolarmente scomoda per il tipo di metro che ho scelto, come il caso in questione chiama a piena evidenza.

70La difficoltà di amministrare questo continuo « sorella » trova nei due contesti un inasprimento a motivo del verso che vi ricorre identico (4, 673 e 12, 871) : unguibus ora soror foedans et pectora pugnis.

71Secondo il modulo che già abbiamo incontrato con i remi di V e VIII, Virgilio, nei due passi, gioca lo stesso verso con differente modulazione. Consideriamo il brano del IV libro. Qui la parola soror è il soggetto della frase. L’agitazione del momento sembra quasi investire e sconvolgere anche il livello dell’espressione : soror è infatti determinato da un exanimis che sta molto lontano nel verso precedente, e ha poi il suo primo verbo (ruit) collocato lontano nel verso successivo :

audiit exanimis trepidoque exterrita cursu
unguibus ora soror foedans et pectora pugnis 673
per medios ruit […]

72Nel passo del XII, soror sembrerebbe una sorta di apposizione del soggetto già espresso al verso precedente (Iuturna), o tutt’al più una nuova ridondante esplicitazione del soggetto, tramite questa sua qualificazione ; inoltre abbiamo un infelix che va a determinare Iuturna, ma anche, probabilmente, soror, e che in ogni caso complica ulteriormente l’elaborazione della relativa traduzione italiana :

infelix crinis scindit Iuturna solutos 870
unguibus ora soror foedans et pectora pugnis.
  • 46 Cfr. sopra, nota 15 e contesto.

73Incontriamo così nei due contesti una complessa, articolata e variata amministrazione del vocabolo legato alla principale, accanto a una sorta di segmento fisso costituito dal particolare cesellato nella dipendente unguibus ora [] foedans et pectora pugnis. Questo, se si voglia salvare l’identità di resa per i due versi, tende a costringere a una separazione di « sorella » dal resto, e a una sua relegazione in sede esposta, che non può che essere la prima del verso. Purtroppo, nella mia gabbia metrica, è quella una sede in cui, di per sé sola, questa specifica parola non può figurare, in quanto in prima sede occorre un tempo forte – che rechi un accento tonico, o almeno un accento secondario46 –, e « sorella » è parola accentata sulla seconda e penultima sillaba.

74Si aggiunga che, come soggetto in 4, 683, la parola richiede in italiano un articolo, che poi può creare difficoltà quando si vada a tradurla nel ruolo di apposizione in 12, 871.

75E ancora : l’ingombro sillabico e metrico di un ipotetico nastro « la sorella », che occupa da solo due metra (o quasi), rende estremamente problematico salvare la traduzione, nello stesso verso, di una quantità di parole come unguibus ora foedans et pectora pugnis, due delle quali in ablativo (cosa che in italiano aggiunge, al problema dell’eventuale inserzione degli articoli, quello dell’inserzione delle preposizioni).

76Infine, un’ulteriore difficoltà deriva dal fatto che in termini affini, anche se non identici, è espresso a 11, 86 il dolore del vecchio Acète : questi, precedentemente incaricato da Evandro di accompagnare Pallante come armigero e tutore, si dispera davanti al cadavere del ragazzo pectora nunc foedans pugnis, nunc unguibus ora.

  • 47 A quest’ultimo significato mi sono più apertamente attenuto nel passo sopra ricordato di 8, 689-69 (...)

77Sull’autentico rompicapo della traduzione combinata di questi tre passi, l’uno all’altro connessi da reciproci condizionamenti, confesso di avere investito molto tempo e travaglio, attraversando varie ipotesi di soluzione, che sarebbe ora lungo e noioso riportare. In ultima analisi, ho scelto il seguente compromesso : il lettore italiano avrebbe riscontrato fra loro identici i due versi che lo sono anche in latino (4, 673 e 12, 871) ; tuttavia, sarei stato costretto a sacrificare la perfetta corrispondenza fra italiano e latino, eliminando per ragioni di metro almeno uno dei vari elementi. Rendendosi necessaria una concentrazione, ho scelto che il taglio cadesse su foedans, e l’immagine risultasse nel suo complesso sintetizzata. Si tenga presente che nel passo del IV c’era l’ulteriore difficoltà di studiare una possibile traduzione fissa per le due forme di ruere, pur leggermente discrepanti nel significato (a 4, 670 si tratta più di « crollare » e a 672 si tratta più di « accorrere precipitosamente »47) ; e che qualche problema solleva anche il conlapsam di 4, 663, che poche altre parole italiane oltre a « crollare » possono rendere adeguatamente. Alla luce di tutto ciò, il risultato cui sono riuscito è il seguente :

78IV :

Questo ebbe detto ; e fra tali parole crollare la vedono
le compagne sul ferro, e di sangue schiumare la spada
e tutte asperse le mani. Va agli alti atri il clamore, 665
per la città sconvolta va imperversando la Fama.
Di lamenti e di gemito e di femminile ululato
fremono i tetti ; risuona di un grande percuotersi l’ètere.
Non altrimenti che se, irrompendo i nemici, Cartagine
tutta andasse in rovina, o l’antica Tiro, e, infuriando, 670
fiamme dovunque avvolgessero i tetti di uomini e dèi.
Disanimata, udì, ed atterrita fra tutti rovina
la sorella, graffiando le guance e colpendosi il petto, 673
in corsa ansiosa, e per nome invoca lei moribonda :
« Questo era dunque, sorella ? A me tendevi un inganno 675

79XII :

E, come da lontano Giuturna infelice conobbe
la Dira e le ali stridenti, si strappa le chiome disciolte, 870
la sorella, graffiando le guance e colpendosi il petto : 871
« Come ora, Turno, te tua sorella potrà mai aiutare ?

80Parallelamente sono ricorso a un complicato compromesso per il dolore di Acète nell’XI libro :

8111, 85-87 :

Ducitur infelix aevo confectus Acoetes, 85
pectora nunc foedans pugnis, nunc unguibus ora,
sternitur et toto proiectus corpore terrae.

82Si trattava innanzitutto di rimarcare la semi-identità fra i tre nastri verbali in questione, mantenendo nella traduzione di 11, 86 (pectora nunc foedans pugnis, nunc unguibus ora) quanto più potevo dei tratti comuni con quel verso ripetuto di 4, 673 e 12, 871 (unguibus ora soror foedans et pectora pugnis). E allora, anche se il verso latino dell’XI propone una combinazione di parole leggermente diversa, ho deciso di procedere in questa direzione, con il mantenere identica la sequenza usata per IV e XII : « graffiando le guance e colpendosi il petto ». Questo comporta il sacrificio della variazione nunc… nunc figurante in 11, 86. In compenso segnalo la diversità che intercorre fra il verso dell’XI da un lato e, dall’altro, il verso che si ripete identico fra i libri IV e XII, con il richiamare a pieno valore in 11, 85 quel foedans che là avevo dovuto sacrificare. Il risultato è :

8311, 85-87

Viene condotto Acète, prostrato, e disfatto dal tempo : 85
si straziava, graffiando le guance e colpendosi il petto ;
ed ecco a terra si abbatte, disteso con tutto il suo corpo.
  • 48 Ben poche fra le traduzioni italiane correnti hanno affrontato il problema, anche laddove non foss (...)

84Non mi illudo di aver risolto il reticolo di difficoltà nel modo più esatto o migliore. Ho tuttavia lottato per non soccombere senza colpo ferire48.

85Qualcuno avrà forse notato che, parallelamente, ho dovuto impegnarmi su almeno altri due fronti che richiedono soluzioni di principio. Il primo è quello dei tempi dei verbi.

  • 49 Quest’ultimo è per esempio il caso di 5, 94-99, che ho reso « Tanto più al padre rinnova i tributi (...)

86Virgilio si trova spesso ad alternare, anche a brevissima distanza e in un medesimo contesto, presenti e perfetti (o imperfetti49). Pur nella consapevolezza che ciò può spesso in lui dipendere da ragioni di comodità metrica, ho cercato in linea di massima di riprodurre la situazione del suo testo ; in qualche caso, tuttavia, mi sono permesso di adeguarmi docilmente, a mia volta, a difformi soluzioni sollecitate dalle ragioni metriche del mio testo d’arrivo. È quanto avviene in questi due passi : nel IV, per audiit (672) e clamat (674) ho mantenuto i rispettivi perfetto e presente, per il contestuale ruit ho preferito avvalermi di un presente ; analogamente nel XII ho rispettato lo scalino costituito da ut agnovit… scindit con « come… conobbe,… si strappa ».

87Il secondo fronte riguarda il problema delle figure dello stile.

88A 12, 870 figura Dirae stridorem et alas : alla lettera, « lo stridore e le ali della Dira ». L’espressione è comunemente ritenuta un’endiadi per « le ali stridenti della Dira ». Ora, in genere ho scelto di cercare quanto più possibile di non regolarizzare le espressioni che risultassero in Virgilio straniate a scopo di ornato, ma di riprodurre così come sono gli elementi che compongono una figura. Qui, condizionato in parte dalla somma di altri problemi che insisteva sul passo, non sono riuscito a fare di meglio che spostare in qualche modo l’endiadi, traducendo con « la Dira e le ali stridenti ».

Sul problema delle « traduzioni-chiosa »

  • 50 In passato mi sono trovato a parlare, per questo tipo di approccio, di « traduzioni-glossa » (nell (...)
  • 51 Naturalmente, mi ha molto aiutato in proposito lo specifico studio di Gian Biagio Conte, Anatomia (...)
  • 52 Queste le rese da me sperimentate : 6, 1 Sic fatur lacrimans classique immittit habenas, « dice co (...)
  • 53 Per il famoso verso ho tentato la resa « Sotto la notte sola, andavano oscuri per l’ombra ». A rig (...)

89Mi dirigo verso la conclusione proprio insistendo sulla necessità, a mio parere, di evitare quelle che avverto come traduzioni-chiosa. Le traduzioni, cioè, in cui una particolare figura non è conservata per tale, ma chiosata, appunto, tramite qualche sua normalizzazione, sentita come più o meno equivalente ; a volte, è addirittura sciupata in una parafrasi50. Anche per questo rispetto ho cercato la fedeltà in tutte le circostanze in cui essa mi apparisse plausibilmente praticabile per la nostra lingua (e nella mia gabbia metrica). Nel caso di Virgilio, un settore specifico ‘di lotta’ è quello delle enallagi, molto frequenti e caratteristiche, e talora tanto sottilmente innescate nel suo modo di porgere che non risulta nemmeno troppo facile percepirne la recondita azione straniante51. Come considero un errore di metodo – e, soprattutto, un’arbitraria deprivazione nei riguardi dell’autore – sciogliere o semplificare metafore quali 6, 1 classique immitti habenas o 9, 349 purpuream vomit ille animam52, così ho ritenuto sbagliato e fuorviante intervenire a ripianare impennate di stile come la famosa, e così suggestiva, enallage di 6, 268 ibant obscuri sola sub nocte per umbram53.

90A proposito di enallagi, segnalo un paio di casi interessanti dai libri italici.

91Il primo riguarda una parte di quel sangue che viene versato da tutti i popoli dell’Italia antica per mettere capo alla futura grande realtà di Roma : siamo nel IX libro, allorché i Rutuli scoprono la strage seminata nottetempo da Eurialo e Niso (v. 452-456) :

Nec minor in castris luctus Rhamnete reperto
exsangui et primis una tot caede peremptis,
Serranoque Numaque. Ingens concursus ad ipsa 455
corpora seminecisque viros tepidaque recentem
caede locum et pleno spumantis sanguine rivos.
  • 54 Anche con l’espressione pleno spumantis sanguine rivos Virgilio potrebbe, in realtà, essere partit (...)

92L’inclinazione virgiliana all’enallage celebra in questi versi i suoi fasti : dapprima (versi 455-456) una doppia enallage incrociata, che vede la nozione di « tiepido » riferita non al luogo, ma alla strage, e il concetto di « recente » riferito non alla strage, ma al luogo. E subito dopo – direi in regime di dikolon abundans – il rincalzo costituito dallo spostamento per cui il concetto di « pieno » va a determinare non i fiumi, bensì il sangue che li ricolma54.

  • 55 Questi gli altri casi : 2, 718-719 me bello e tanto digressum et caede recenti / attrectare nefas (...)

93In un primo tempo mi era venuto istintivo tradurre, ai versi 455-456, « al luogo, di strage recente / tiepido, e alle acque del fiume, ricolme di sangue schiumante ». Poi mi sono reso conto che così facendo avrei più spiegato che tradotto, e mi è sembrato metodologicamente più esatto riprodurre tali e quali i termini delle due enallagi. Ho cercato dunque di mettere il lettore italiano davanti a una torsione parallela a quella che il lettore romano trovava nella catena di enallagi del testo virgiliano. Tuttavia subito affioravano nuovi problemi. Fra i più rilevanti, la resa di recens ; negli altri casi ho generalizzato la traduzione con « recente » (molto vicino a questo passo è 8, 195-196 semperque recenti / caede tepebat humus, che ho tradotto « e di strage recente / sempre era calda la terra »)55. Se ne delinea qui di conseguenza (è l’ipotesi A) una iunctura del tipo « luogo, recente di tiepida / strage » :

94ipotesi A :

Imponente è l’accorrere ai loro
corpi, e ai guerrieri morenti e al luogo, recente di tiepida 455
strage, e alle acque del fiume, di pieno sangue schiumanti.
  • 56 Un problema particolare si propone con la ripetizione di caedes. In un primo momento avevo tradott (...)

95La scelta è sintatticamente ardita ; in più, sfruttando la parola « recente », il piano fonico tende a un sovraccarico di forme in -nt- legate ad aggettivi verbali. Tuttavia al momento – anche per coerenza con 8, 195-196 – mi è sembrata una soluzione preferibile rispetto all’unica alternativa che ho intravisto (l’ipotesi B) : e cioè tradurre recens con « fresco di », ma trovarsi poi di fronte a una sorta di bisticcio, di natura secondaria, fra il significato principale dell’aggettivo italiano e la resa obbligata del contestuale tepida56.

96ipotesi B :

Imponente è l’accorrere ai loro
corpi, e ai guerrieri morenti e al luogo, di tiepida strage 455
fresco, e alle acque del fiume, di pieno sangue schiumanti.

97Propongo dunque al momento :

Né minore è nel campo il lutto a trovarvi Ramnète
dissanguato, e tanti dei primi in un’unica strage
spenti, e Numa e Serrano. Imponente è l’accorrere ai loro
corpi, e ai guerrieri morenti e al luogo, recente di tiepida 455
strage, e alle acque del fiume, di pieno sangue schiumanti.

98Forse aver cercato di mantenere la doppia enallage comporta un costo sul piano della scorrevolezza di lettura, e certo qualche recensore me lo rimprovererà : ma sul piano di una restituzione fedele della voce di Virgilio mi sembra un guadagno, e prima ancora un dovere.

99Il secondo caso riguarda il corteo funebre che si appresta ad accompagnare da Evandro il corpo di Pallante ; vi sono raffigurate le donne di Ilio con i capelli sciolti in segno di lutto come è costume (11, 34-35) :

Circum omnis famulumque manus Troianaque turba
et maestum Iliades crinem de more solutae. 35

100La stessa immagine ricorre per le esequie di Polidoro nel libro terzo (3, 62-65) :

Ergo instauramus Polydoro funus et ingens
aggeritur tumulo tellus ; stant Manibus arae
caeruleis maestae vittis atraque cupresso
et circum Iliades crinem de more solutae. 65

101Ma quale differenza si riscontra fra i due passi ? La consueta minima variazione. Abbiamo a 3, 65 et circum Iliades crinem de more solutae. Nell’XI, il verso si ripete quasi uguale, ma innanzitutto l’avverbio circum si trova dislocato un verso sopra. Al suo posto Virgilio recupera l’aggettivo maestus, « triste, luttuoso », che a 3, 63-64 determinava arae : e già in quest’ultimo caso si trattava di un’arditezza suscettibile di essere considerata un’enallage. In 11, 35, con tratto ancora più spiazzante, Virgilio introduce maestus a determinare crinis. Ne risulta un’enallage molto marcata, perché la qualità di « dolenti » spetterebbe secondo normalità alle donne di Ilio e non alle loro chiome, che pure sono sciolte in segno di lutto.

  • 57 Tuttavia anche in questo caso si tratta di una tendenza ; per es. a 12, 110-111 la situazione rend (...)

102Il compito qui era dunque conservare l’identità di segmento fra 3, 65 e 11, 35, e, nel contempo, cercare di salvare le due espressioni straniate maestae arae e maestum crinem. Ora, nell’ambito della mia già ricordata tendenza alla traduzione costante di un medesimo vocabolo, per maestus – parola frequente quanto imbarazzante – ho cercato (astrattamente parlando) di generalizzare « dolente »57. Ma in questo passo dell’XI una iunctura come « chiome dolenti » mi è sembrata troppo forte, e di conseguenza esposta al rischio del ridicolo. Ho così valorizzato il coefficiente di lutto che in ambedue i contesti inerisce a maestus, e ho tentato di risolvere le varie questioni come segue :

1033, 62-65 :

A Polidòro, così, rinnoviamo le esequie, e ammassiamo
terra sul tumulo in mole imponente : ecco stare ai suoi Mani
are luttuose per livide bende e per fosco cipresso,
e d’intorno le Ilìadi, come usa, disciolte le chiome. 65

10411, 34-35 :

Tutta la schiera dei servi, d’intorno, e la folla troiana
e le Ilìadi, come usa, disciolte le chiome luttuosea. 35
a. Appunto collateralmente che qui, nel verso di Virgilio, il verbo è sottinteso ; e, una volta di più, ho cercato di seguire il suo dettato.

105Purtroppo il contesto del libro XI pone un ulteriore problema, perché poco oltre, al verso 38, incontriamo l’espressione maestoque immugit regia luctu : ricorre nuovamente maestus e in combinazione con luctus. Per come ho deciso di regolarmi poco prima, ho ritenuto di non poter qui tornare alla mia scelta standard per maestus, cioè « dolente », ma di dovere invece accogliere nel testo d’arrivo la ripetizione figurante in latino, impiegando nuovamente, pur senza esibirlo in collocazione esposta, « luttuoso » ; collateralmente, per luctus non rimaneva più disponibile « lutto », e così ho sfruttato « pianto » :

10611, 36-38:

Ut vero Aeneas foribus sese intulit altis,
ingentem gemitum tunsis ad sidera tollunt
pectoribus maestoque immugit regia luctu.
E, come Enea fra le alte porte fece il suo ingresso,
levano un gemito ingente alle stelle, e intanto percuotono
i loro petti : rimugghia di pianto luttuoso la reggia.

107Come spesso avviene, un singolo contesto solleva difficoltà tali da impedire che si possano mantenere contemporaneamente compresenti tutte le costanti di traduzione che si sono programmate. In questo passo ho deciso di privilegiare il mantenimento della ripartizione secondo cui ho, tendenzialmente, tradotto sidera con « stelle » e astra con « astri ». Perché lo potessi fare, ragioni di metro imponevano una deroga per il ‘solito’ ingens : così, anziché adibire la scelta prioritaria « imponente », ho fatto ricorso a « ingente », che presentava il vantaggio di seguire da vicino anche le articolazioni del nastro fonico impiegato da Virgilio (ingentem gemitum).

  • 58 Fernandelli 2007 ; purtroppo questo bel saggio non è stato ripreso nell’eccellente volume in cui F (...)

108Rimango nell’ambito dei rischi di una traduzione-chiosa e chiudo su un caso molto sottile. Enea è da poco sbarcato nel Lazio. Con due navi risale il Tevere, diretto alla città di Evandro, una sorta di embrione di quella che sarà un giorno Roma. In questa meravigliosa pagina – su cui si è da poco soffermato con molta precisione e finezza un intervento di Marco Fernandelli58 – leggiamo (8, 94-96) :

Olli remigio noctemque diemque fatigant
et longos superant flexus variisque teguntur   95
arboribus viridisque secant placido aequore silvas.

109Lavorando a questi versi, e guardando ai miei predecessori, non ho potuto fare a meno di rubare, nello spirito di cui dicevo, « ampie anse » a Riccardo Scarcia e « una volta di alberi » – che mi sembrava particolarmente efficace – a Luca Canali. Le « ampie » anse sono messe a profitto anche da Vittorio Sermonti, che traduce :

superano ampie anse di fiume nell’ombra di alberi vari, 95
tagliando sulle acque tranquille il riflesso verde dei boschi.
  • 59 Si veda Servio, ad Aen. 8, 96 : ostendit adeo perspicuam fuisse naturam fluminis, ut in eo apparer (...)
  • 60 Per la dossografia vd. Fernandelli 2007, p. 95 (cfr. anche p. 98 e 100).

110Al v. 96 Sermonti cattura felicemente quella che, già secondo Servio, fu l’immagine presentatasi come dominante alla mente di Virgilio, e cioè il procedere della nave sulle acque che riflettono il verde circostante59. E confesso di essere rimasto in un primo tempo ammirato di questa resa. Tuttavia poi, pensandoci meglio, mi sono chiesto se essa non tendesse in ogni caso alla chiosa, sacrificando qualcosa della complessiva ricchezza del luogo virgiliano. Nel nostro passo, infatti, accanto a questa possibilità di lettura, rimane anche un’altra più ampia e generale facoltà di fantasia : le navi scivolano sì sui riflessi dei boschi, tagliandoli ; ma nello stesso tempo si addentrano anche nei boschi stessi, tagliandosi una via fluviale all’interno di quella vegetazione da cui sono interamente fasciate (le chiome al di sopra e – in forma di riflessi – al di sotto ; la fitta macchia tutt’attorno). Alcuni commentatori hanno anzi optato in maniera esclusiva per questa seconda esegesi ; mentre, a proposito di quella che ho appena profilato, è rimasto spazio per ritenere che l’ambivalenza, di fatto presentata dal testo, vada attribuita a un’espressa intenzione del poeta60.

111Forse è dunque meglio attestarsi un passo indietro e non esplicitare in modo troppo netto l’immagine, lasciandola maggiormente nel vago, e adeguandosi così più fedelmente a ciò che è nel testo. Di conseguenza ho tentato (8, 94-96) :

Quelli trascorrono ai remi e notte e giorno in fatiche,
varcano ampie anse sotto una volta di alberi 95
vari, e su placida piana fendono verdi foreste.

112Questioni di sfumature, di vaghe rifrazioni (ottiche e letterarie) – quasi di evanescenze.

113Spero che sia valsa la pena esaminarle brevemente, sfiorando insieme la materia delicata e impalpabile, e di conseguenza così difficile da controllare, di cui consiste la giornata di un traduttore.

Appendice I – Tabella di Ida Paoloni sulle traduzioni virgiliane (1500-1979)

114Si riporta qui di seguito, per gentile autorizzazione dell’autrice, la tabella (relativa agli anni 1501-1979) di cui Ida Paoloni ha corredato il suo studio sulle antiche traduzioni italiane di Virgilio, con particolare riferimento ai rapporti fra quella di Annibal Caro e le altre che entrarono in concorrenza con essa (Paoloni 2004, p. 29-31).


115Nella tabella che segue vengono riportati : a) il numero delle edizioni di tutte le versioni integrali dell’Eneide in italiano e nei dialetti d’Italia, stampate a sé o entro corpora più ampi ; b) il numero di edizioni della versione di Caro ; c) la percentuale che b rappresenta rispetto ad a ; d) il rapporto fra b e il numero di edizioni della versione più stampata oltre quella di Caro.

* Ho incluso il rifacimento di Lalli fra le traduzioni, adottando un’ottica compatibile con quella dei contemporanei : si veda giudizio di Beverini, il quale trova che, dopotutto, addirittura il poema di Lalli « serve quanto qualsivoglia altro all’intelligenza [del testo] » per la « felicità d’espressione de’ sensi anco più oscuri » (Beverini 16832 : †6v-†7r = Eneide | di Virgilio | di | Bartolomeo Beverini. | Alla sacra Cesarea maestà | dell’imperator | Leopoldo I | Cesare Augusto. | in Lucca & in Bologna | per Gioseffo Longhi | MDCLXXXIII [16801]).
** Seguono le edizioni dei vari traduttori, ordinate secondo la prima edizione nell’arco secolare (fra parentesi i numeri di riferimento di Leoncini e al. 1981. Per maggior completezza, ho creduto di dovere segnalare, pur senza farla entrare nel novero, per la sua disparità, l’esposizione in prosa toscana di Fabbrini e Venuti, che ha accompagnato in margine moltissime edizioni scolastiche di Virgilio fra Cinque e Settecento (rintracciabili in Mambelli 1954). Per il Cinquecento sono aggiunte anche le edizioni segnalate da Kallendorf (1994) […]).


116In particolare si segnalano le seguenti abbreviazioni bibliografiche :

117Cambiatore – Vasio 1532 = La Eneide di | Virgilio tra|dotta in | terza | rima. [da Tommaso Cambiatore e riveduta da Giampaolo Vasio]. Colophon : Stampato in Venegia per Bernar|dino di Vitali Venetiano. | M.D.XXXII.CON PRIVILEGIO.
[Cambiatore –] Vasio 1538 = La Eneide di | Virgilio tradotta | in terza rima. | per M. Giovanpaulo | Vasio. | in Vinegia M.D.|XXXVIII. di ottob. Colophon : Stampato in Vinegia per Bernardino di Vitali Venetiano. M.D.XXXVIII.  Mese de Octobrio. XXIIII. con privilegio.
Caro 1581 = L’Eneide | di Virgilio, | del | commendatore | Annibal Caro. | Col Priuilegio di N. S. & della Ser.ma Sig.ria | di Venetia.| in Venetia, | appresso Bernardo Giunti, & fratelli. | M.D.L.XXXI.
Cerretani 1560 = L’Eneida | in toscano del genero|so et illustre giovine | il signor cavalier | [Aldobrando ?] Cerretani. | Al inuittissimo, & glorioso Cosimo de Medici | Serenissimo Principe di Toscana | suo Signore. | in Fiorenza, | appresso Lorenzo Torrentino | impressor ducale | MDLX.
Fabbrini – Venuti 1575 = L’Eneide | di Virgilio | Mantuano | commentata in lingua | volgare toscana | da Giouanni Fabrini da Fighine, & | Filippo Venuti da Cortona. | Con ordine, che l’espositione volgare è dichiaration della Latina, & la Latina dichiara | la Volgare : & è vtile tanto à chi in questo Poeta vuole imparar la lingua | Latina, quanto a chi cerca d’apprender la Toscana. | Con privilegii. | in Venetia | appresso Gio. Battista Sessa, & Fratelli. | MDLXXV. Colophon : in Vinegia. | Appresso Giovambattista Sessa, | & Fratelli. | MDLXXVI [Si tenga conto che fino al settimo libro il commento è di Fabbrini, dall’ottavo la numerazione delle carte riparte e comincia il commento di Venuti].
Opere 1556 = L’Opere di | Vergilio | c­ioè la Bucolica, la Georgica, | & l’Eneida, | nuovamente da | diuersi Eccellentiss. auttori tra|dotte in uersi sciolti, | Et con ogni diligentia raccolte da | M. Lodouico Domenichi, | con gli argomenti et | Sommari del medesimo posti dinanzi | a ciascun Libro. | in Fiorenza, MDLVI. | Con priuilegio. Colophon : in Fiorenza | appresso i Giunti | MDLVI | con privilegio.


118Virgilio volgare 1528 (2070)
Cambiatore 1532, (2071), [Cambiatore –] Vasio 1538 (2072), 1539 (2073)
Opere 1556 (1925), 1559 (1926), 1559-1562 (1927), 1562, 1567, 1568 (1928), 1568 (1929), 1573 (1930), 1586 (1932), 1593 (1933), 1597
Cerretani 1560 (2074)
[Fabbrini – Venuti 1575-1576, 1576, 1581 (712), 1588 1597]
Dolce 1568 (2075), 1570, 1571-1572, 1572
Caro 1581 (2076), 1586 (1931), 1592 (2077), 1600
Udine 1597 (2078), 1600 (2079)
Caro : 1601 (2080), 1603 (2081), 1604 (2082), 1608 (2085), 1608 (2086), 1609 (2087), 1613 (2088), 1623 (2089), 1623 (2090), 1627 (2091), 1630 (2092), 1631 (2093)
riedizioni delle Opere 1556 : 1603 (1934), 1613 (1935)
[Fabbrini – Venuti : 1603, 1604, 1604, 1609, 1623, 1641, 1647, 1654, 1661, 1672, 1672, 1675, 1683, 1683]
Udine 1607 (2083), 1607 (2084)
Lalli 1634 (2704), 1635 (2705), 1651 (2706), 1651 (2707), 1675 (2708), [1682] (2709)
Guidiccioni 1642 (2094)
Angelucci 1649 (2095)
Tommaso d’Aversa e Castronuovo 1654-1660 (2329)
Beverini 1680 (2096), 1683 (2098), 1692 (2099)
Carrara 1681 (2097), 1697 (2100)
Sitillo [Stigliola] (in napoletano) 1699 (717), 1700 (2328)
[Fabbrini – Venuti : 1710, 1719, 1726, 1741, 1751]
Caro 1727 (2102), 1728 (2103), 1731 (2104), 1733-1734 (271), 1734 (2105), 1735 (2106), 1741 (2107), 1746 (1936), 1750 (1937), 1752 (2108), 1753 (1938), 1755 (1939), 1757 (1940), 1759 (1941), 1760 (2109), 1764 (1942), 1765 (1943), 1768 (1944), 1770 (1945), 1777 (1946), 1779-1782 (349), 1782 (1947), 1783 (1948), 1790 (1949), 1793 (1950), 1795 (1951), 1796 (2116), [XVII sec] (2101)
Ambrogi 1760-1762 (719), 1760-1762 (314), 1770 (328), 1774 (333), 1795 (383)
 ? 1763-1765 (316)
“N.N.” [Pizioli] 1764 (319)
Candido 1768-1769, (720)
Sitillo [Stigliola] (in napoletano) 1770 (722), 1784 (723)
Bosisio (in friulano) 1775 (2326)
Arnaldi Tornieri 1779 (2120)
Bozzoli 1782-1783 (2111)
Bondi 1790 (2112), 1790-1793 (2113), 1795 (2114), 1795 (2115) 1800 (2118)
Masciarelli 1790-1791 (724)
Beverini 1792-1794 (726)
Dalle Laste 1795 (727)
Lalli 1796 (2710)
Caro 1800-1825 (1953), 1812 (2123), 1816 (2125), 1819 (2127), 1824 (2130), 1826 (2131), 1826 (2132), 1826 (1959), 1827 (2133), 1827 (2134), 1827-1828 (1960), 1830 (2137), 1830 (2138), 1835 (1961), 1836 (740), 1836 (2140), 1836 (2141), 1837 (2142), 1838 (455), 1839 (2144), 1841 (2145), 1841 (2146), 1844 (2148), 1844 (2149), 1846 (2150), 1851 (2152), 1851 (1963), 1852 (2153), 1859 (2162), 1859 (1965), 1860 (2164), 1862 (500), 1863 (2169), 1863 (2170), 1865-1892 (2171), 1871 (2173), 1873-1909 (2174), 1879 (2177), 1883-1900 (2181), 1885 (2183), 1885 (2184), 1888 (2186), 1890-1912 (2190), 1892 (2191), 1892 (2192), 1893-1908 (2193), 1893 (2194), [XIX sec.] (1952)
Grassi [1808] (2117)
Alfieri 1808 (730), 1809 (731), 1804 (2119), 1810 (2121), 1811 (2122), 1815 (2124), 1820-1821 (2128), 1820-22 (2129)
Bondi 1809 (1954), 1809 (2002), 1811 (2003), 1818 (2126), 1820 (1955), 1824 (1957), 1837 (1962), 1858 (1964)
Gagnoni 1809 (2120), 1834 (2139)
Solari 1810 (734)
Pagani Cesa 1820-1822 (736)
Leoni 1821 (2005)
Arici 1822 (1956)
Lalli 1822 (2711), 1822 (2712), 1836 (2713), 1892 (2714)
Vaini e Caselli 1822-1826 (737)
Trolli 1824-1826 (2006).
 ? 1825 (1958)
Massoni 1829 (2135)
Beverini 1829 (2136)
Bosisio riv. Da La Puarte (in friulano) 1830-1831 (2327)
Mancini 1837 (2008)
Vercelli 1838-1839 (2143)
“Varii” 1839 (457)
Baggiolini 1841 (462)
Stefani 1842 (2147)
Calvi 1846 (2151)
Moreno 1854 (2154)
[Brigidi] 1855-1856 (2155)
Prato 1856 (2156)
Vitelleschi 1856 (2157)
Fantonetti 1857 (2158)
Silorata 1857 (2159), 1862-1865 (743), 1876 (2176), 1886 (759), 1891 (762)
Ciampolo di Meo degli Ugurgeri 1858 (2160)
Buccelleni 1858-1859 (2161)
Duca 1859 (2163)
 ? , prosa 1861 (2165), 1862 (2166), 1868 (2172), 1875 (2175), 1879-1896 (2178)
Codogni 1862 (2167)
Chesta 1862 (2168)
Francesco Trissino 1862 (1966)
Longo 1864 (2014)
Carini 1864 (1967), 1885 (1972), 1893 (1973)
Tornielli 1864-1866 (1968), 1881 (1970), 1895 (1895)
 ? 1880-1890 (1969)
Bottoni 1881 (2179)
Matteoni 1882 (1971)
Colla 1882 (2180), 1888 (2187)
 ? 1885 (2182)
Monteverde 1886 (2185)
Gordigiani 1889 (2188).
De’ Medici 1893 (2195).
Taggi 1895 (763).
 ? 1895 (1974).
Frigeri 1897 (2196).
Pasanisi1899 (2197).
Baldi delle Rose 1900 (2200).
Caro 1905 (2201), 1905 (2202), 1905-1912 (2203), 1906-1937 (2204), 1907 (2205), [1913] (2207), 1914-1933 (2210), 1915 (2211), 1916-1933 (2212), 1921 (2214), 1923-1947 (2216), 1924 (2217), 1926 (2219), 1928 (2222), 1928 (2223), 1929-1957 (2226), 1930-1937 (2233), 1931 (2237), 1931-1937 (2240), 1932 (2241), 1933 (2243), 1934 (2245), 1934 (2246), 1935 (2249), 1936 (2250), 1936-1951 (2254), 1937 (787), 1937-1956 (2257), 1938 (788), 1938-1955 (2260), 1938-1957 (2262), 1939 (2263), 1940 (2264), 1940-1948 (2265), 1941-1954 (2268), 1942 (2269), 1943 (2270), 1944 (2272), 1946 (2274), 1947 (2276), 1948 (2278), 1949 (2279), 1950 (2281), 1951 (2283), 1951-1967 (2286), 1951-1967 (2287), 1953-1962 (2288), 1954 (2289), 1954 (2290), 1954-1967 (2291), 1954-1974 (2292), 1955 (2032), [1955] (2293), 1955-1960 (2295), 1956 (2296), 1958 (2033), 1959-1974 (2298), 1960 (2299), 1960 (2300), 1961 (2303), 1961 (2304), 1962 (2306), 1963 (2308), 1965-1967 (2313), 1967 (2315), 1968 (2317), 1968 (2318), [1969] (2320), 1971 (2035), [19..] (2199)
Torelli 1906 (598)
Angelina 1911 (2206)
Giannuzzi 1913 (2208)
Baldan 1914 (2209)
Dobelli 1919 (2213)
Albini 1921-1937 (2215), 1924 (2022), 1931 (2239), 1937 (787), 1938-1957 (2261), 1942-1969 (789), 1951-1959 (2285), 1960-1964 (2302)
 ? 1925 (2023), 1935 (2026)
Vivona 1926 (2218), 1927 (2221), 1931 (2235), 1931 (2236), 1933 (2242), 1936 (2253), 1955 (2294), 1960 (2301)
Lombardi, 1926-1927 (778), [19..] (766)
Vischi (I-VI) e Leoni (VII-XII) [1927] (2220), [1931] (2234)
Lipparini 1928 (781), 1930 (2230), 1946 (2275), 1959 (2297)
Di Biasio 1929 (2224), 1929-1930 (782), 1930 (2228), 1936 (2251), 1968 (2319)
Conigliani Boghen 1930 (2229)
Bersani 1930 (2231)
Vitali 1930-1932 (2232), 1934 (2241), 1937 (2256), 1938 (2259), 1945 (2273), 1951 (2282), 1962 (2305), [1975] (2325)
Vischi 1931 (2238)
 ? 1934-1935 (2247)
Vitale 1935 (2248), 1938 (2258)
Benedetti 1937 (2255)
Guidiccioni 1937 (787)
Bondi 1937 (787)
Duca 1937 (787)
Masciullo 1941 (2267)
Moricca 1943 (2271)
 ? 1948 (2277)
Perale 1950 (2280)
Monti 1951 (2284)
Faggella [1951] (792), 1965 (2312)
 ? 1961 (795)
Calzecchi Onesti 1962 (796), 1967 (799) 1967 (800), 1971 (802), 1976 (803)
Vivaldi 1962 (797), 1970 (801)
Guarrera 1962 (2307)

Appendice II - Nota di Daniele Ventre sulla tecnica esametrica delle sue traduzioni da Omero e Virgilio

119Ringrazio Daniele Ventre per avere acconsentito a che riportassi in questa Appendice le sue sintetiche riflessioni sulla tecnica esametrica da lui elaborata (cfr. sopra, contesto di nota 14).


  • 61 Per le mie traduzioni omeriche, cfr. : Omero, Iliade, trad. e cura di Daniele Ventre pref. di Luig (...)

120L’esametro ritmico da me sperimentato per le traduzioni omeriche e per Virgilio è costituito in partenza da due cola fissi : un ottonario dattilico e un novenario anapestico61. Di per sé parrebbe ripetere all’infinito lo schema di un esametro olodattilico (un continuo quadripedante putrem sonitu quatit ungula campum, o meglio, ἄνδρα μοι ἔννεπε, Μοῦσα, πολύτροπον ὃς μάλα πολλὰ) : di qui, fra l’altro, l’accusa di monotonia pronunciata contro di me da Franco Ferrari, nella prefazione alla sua proposta di traduzione dell’Iliade, che al momento, a mia conoscenza, circola solo in rete. In realtà le cose stanno in modo leggermente diverso. Intanto io tendo di principio a evitare l’accoppiata, veramente troppo rigida : ottonario dattilico tronco + decasillabo manzoniano (esametri di questa forma, nelle mie traduzioni, sono estremamente rari : nell’Iliade, su circa 15600 versi, ce ne sono poco più di due decine – per lo più la ripetizione dello stesso paio di versi formulari). L’aver apparentemente bloccato lo schema a un’accoppiata di versi piani, mi permette di inserire nel verso, di per sé isosillabico, una soluzione spondaica ‘naturale’ nella versificazione italiana tradizionale. Ne derivano quattro schemi accentativi di base :

121esametro olodattilico :
+ - - + - - + - || - + - - + - - + -

122esametro ‘catenoplico’ :
+ - - + - - + || - + - - + - - + -

123esametro con soluzione spondaica in quarta sede :
+ - - + - - + || - - + - + - - + -

124esametro σπονδειάζων :
+ - - + - - + || - - + - - + - + -


125Altri schemi secondari derivano da dialefi occasionali, dalla sinalefe fra clausola tronca del primo emistichio e prima vocale del secondo emistichio, o da soluzioni spondaiche derivanti dalla sineresi in sedi sensibili (p. es. la dieresi bucolica : cfr. i versi :

vita cercando per sé || (e) ritorno per i compagni (Od. 1, 5)
e gli diceva in risposta || Odisseo | ricco d’ingegno (Od. 7, 207)
+ - - + - - + || - + - (-) + - - + -)

126Tralascio gli altri effetti ritmici più sottili derivanti dalla curva intonazionale delle catene di sintagmi. Un aspetto fondamentale è però la posizione delle cesure e delle dieresi nel verso che da certi fattori soprasegmentali deriva. Di fatto, l’intonazione delle frasi e le pause sintattiche determinano la comparsa di vere e proprie cesure semisettenarie, più forti rispetto alla pausa presente nel punto di contatto dei due cola. Ad esempio, versi come :

sì, così diss(e) | e gli diedero/ ascolt(o), || obbedirono pronti (Ιl. 14, 133)

127o

le calpestarono svelte / nei botr(i), || incitandosi a gara (Od. 6, 92).

128o

lungo fu il viaggio, | di su, / di giù, || per vie oblique e traverse, (Il. 23, 116)

129o

Prima natura fondò / tali vie, || per esse ogni stirpe (Virg. Georg. 2, 20)

130assumono una facies ritmica peculiare : ancorché composti formalmente da un ottonario e da un novenario, risultano di fatto strutturati come se fossero costituiti da un endecasillabo di andamento dattilico e da un colon più breve (senario o settenario di andamento anapestico). Ne derivano sette schemi (otto, se si considera la più rara possibilità di un esametro spondaico con cesura eftemimera). Con queste premesse, potremmo affermare che l’esametro ritmico da me usato si configura perciò come una sorta di evoluzione accentuativa dell’esametro di Nonno di Panopoli, con i suoi schemi selezionati : una sorta di verso politikòs di matrice dattilica, derivato dall’esametro quantitativo greco tardoantico secondo una procedura analoga a quella che trasforma il tetrametro giambico catalettico nel pentadecasillabo di andamento giambico tipico della metrica greco-medievale e demotica (il pentadecasillabo del Dighenis Akritis). Di qui la stessa definizione di esametro ritmico, in opposizione a quella di esametro barbaro, tipicamente carducciana, e di esametro neoclassico alla tedesca, tipicamente pascoliana. Dell’esperimento pascoliano il mio esametro ricalca comunque parecchi aspetti, attraverso la mediazione dell’esametro accentuativo ritmicamente libero sperimentato dal poeta siciliano Toti Scialoja in alcune raccolte della metà degli anni Novanta del secolo scorso.

131Per ovvie ragioni non ho voluto e potuto permettermi la varietà di schemi dell’esametro omerico originario. Nonostante quello che si potrebbe pensare, l’isosillabismo in italiano è in origine un principio strutturale fondante, non una pretesa soggettiva del singolo traduttore in preda a poussées di follia isocrona. Per anni ho sperimentato soluzioni con schemi metrici più vari e marcatamente anisosillabi, ma molto spesso la pressione del testo forzava esiti in cui non sempre le sei arsi di base del verso erano chiaramente percepibili, con effetti ritmicamente fiacchi. La tendenza all’olodattilismo tipica dei poeti e dei traduttori che si servano di esametri accentuativi, quale che ne sia la concezione di partenza, non è casuale. Di fatto, l’esametro dell’originale è un verso regolare, non un’innovazione sperimentalistica. Nei limiti del possibile anche il verso della traduzione deve conservare una sua regolarità, fondandosi su caratteri che nella metrica italiana siano centrali e non periferici. Lo schema olodattilico prevalente con qualche anacrusi occasionale, o la soluzione di lavorare sulle sillabe soprannumerarie dei cola interni, tramite sinalefe fra i cola, o troncamento, è l’unica possibilità formale che rispetti l’esigenza di tradurre il ritmo regolare dell’originale in un ritmo regolare della traduzione. L’esigenza più profonda delle strutture semiologiche sottese alla dizione formulare e alla ricorsività modulare del Wiedergebrauchsrede epico a mio giudizio forzano necessariamente la mano verso l’esigenza di costruire una sorta di lingua dattilica accentuativa all’interno di uno schema piuttosto stabile.

Haut de page

Bibliographie

In vista di questo lavoro ho potuto consultare le seguenti traduzioni dell’Eneideo di parti di essa (in ordine alfabetico) : Albini 1938, Alfieri 1804, Bacchielli 1963, Bemporad 1983, Bondi 1790-1793, Borrelli 1970, Calzecchi Onesti 1967, Canali 1983, Carena 1985, Caro 1581, Cetrangolo 1966, Della Corte 1991, Duca 1859, Faggella 1965, Giammarco 1990, Guidiccioni 1642, Grassi 1808, Leopardi 1817, Lipparini 1928, Lipparini 1946, Mariotti 2001, Marradi 2005, Miori 1982, Oddone 1995, Palieri Annesi 1983, Pascoli 1939, Pontani 1977, Pratellesi 1930, Ramous 1998, Saggio 1980, Scarcia 2002, Scaffidi Abbate 1994, Sermonti 2007, Signorini 1981, Vergara 1982, Vischi-Leoni 1930, Vivaldi 1962, Vitali 1938, Vivona 1929, Zanzotto 1962.

Albini 1938 = Virgilio, L’Eneide, tradotta da Giuseppe Albini col commento di Lorenzo Bianchi e Paolo Nediani, Bologna, 1938 [in endecasillabi sciolti] (prima edizione della sola traduzione 1922 preceduta da una non venale del 1921 ; più volte ristampata ; cito qui dalla ristampa Zanichelli 1955 ; la traduzione è ancora ripubblicata nella collana « Poeti di Roma » della Zanichelli, con ritocchi dell’autore). La traduzione – evidentemente nel testo del 1922 (non viene data alcuna precisazione) – si trova edita anche in Asciamprener 1937. Ve n’è anche una edizione digitale (formato ePub, dimensione 410,5 KB), procurata da Scrivere Edizioni, 2011.

Alfieri 1804 = Virgilio, Eneide, traduzione di Vittorio Alfieri, 1804 (postuma) [in endecasillabi sciolti] : ora reperibile online (su books.google.it). Cfr. anche Asciamprener 1937.

Algarotti 1780 = F. Algarotti, Lettere di Polianzio ad Ermogene intorno alla traduzione dell’Eneide del Caro [composte intorno al 1744], in Opere del Conte Algarotti, Cremona, Lorenzo Manini, 1778-1784, tomo VI, 1780, p. 181-292.

Altimari Menna 1904 = Il secondo libro dell’Eneide di P. Vergilio Marone, versione metrica con note di G. Altimari Menna, Napoli, 1904 [traduzione parziale in esametri barbari].

Anderson 1969 = W. S. Anderson, The art of the Aeneid, Bristol, 1969 (rist. Londra, 2004).

Andreotti 2006 = R. Andreotti, Classici elettrici. Da Omero al tardoantico, Milano, 2006.

Andreotti 2009a = R. Andreotti, Ritorni di fiamma. Augusto, Virgilio, Ovidio e altri classici, Milano, 2009.

Andreotti 2009b = R. Andreotti (a cura di), Resistenza del classico, Milano, « Almanacco BUR », 2009.

Andreotti 2010 = R. Andreotti, Le epifanie del virgilianista, postfazione, in von Albrecht 2010, p. 47-61.

Andreotti 2011 = R. Andreotti, With my bagged Virgil. L’Eneide fra i poeti contemporanei, in Vincenzo Farinella (a cura di), Virgilio. Volti e immagini del poeta. Catalogo della mostra di Mantova, Palazzo Te, 16 ottobre 2011-8 gennaio 2012, Milano, 2011, p. 103-116.

Asciamprener 1937 = S. Asciamprener (a cura di), Publio Virgilio Marone, Eneide, testo latino, conforme la lezione di Remigio Sabbadini, con a fronte le traduzioni italiane di A. Caro, L. Guidiccioni, C. Bondi, F. Duca, G. Albini, Varese, 193762.

Bacchielli 1963 = Virgilio, Eneide, versione poetica, introduzioni e commento di Adriano Bacchielli, Torino, 1963 [in endecasillabi sciolti] (successivamente ristampata : Virgilio, Eneide, versione poetica di A. Bacchielli ; prefazione di C. Bo, presentazione di S. Sconocchia, saggi di B. Guerra, M.G. Fiorini Galassi, S. Schiatti, scheda di M. Gigante, edizione numerata fuori commercio, a cura dei comuni di Virgilio e Milano con la partecipazione della Banca Nazionale del Lavoro nel Bimillenario Virgiliano, Torino, 1982).

Baldi Dalle Rose 1900 = Le Eneadi di Virgilio, versione di L. Baldi Dalle Rose [in versi sciolti], Firenze, 1900.

Balistreri 1986 = B. Balistreri, Intervista a Giovanna Bemporad, in Arenaria 3, n. 5-6, maggio-dicembre, 1986, p. 67-70.

Balistreri 2008 = B. Balistreri, Intervista a Giovanna Bemporad, riportata in appendice a Zini 2008, p. 63-67.

Bassnett 1993 = S. Bassnett, La traduzione, teorie e pratica, a cura di D. Portolano, trad. it. di Genziana Bandini, Milano, 1993 (20033).

Beltrami 1991 = P.G. Beltrami, La metrica italiana, Bologna, 1991 (poi più volte ristampato).

Bemporad 1968-2004 = Giovanna Bemporad, Odissea, Torino, 1968, poi ristampata nel 1970 con il titolo Odissea. Canti e frammenti, 1990 e successive ristampe nel 1992 e 2004.

Bemporad 1983 = G. Bemporad, Dall’Eneide, introduzione di L. Canali, Milano, 1983.

Bemporad 1994 = G. Bemporad, La mia Odissea, in Stefano Colmagro (a cura di), Letture omeriche. Atti del convegno realizzato a Conegliano 7-9 maggio 1993, Venezia, 1994, p. 13-25.

Bemporad 2011a = G. Bemporad, A una forma sorella, intervista a cura di V. Pezzella, con DVD, Edizioni Archivio Dedalus (collana « Voci e luoghi poesia italiana in DVD »), 2011.

Bemporad 2011b = G. Bemporad, Esercizi vecchi e nuovi, a cura di Valentina Russi, Bologna, 2011.

Berman 1997 = A. Berman, La prova dell’estraneo, Cultura e traduzione nella Germania romantica (Herder, Goethe, Schlegel, Novalis, Humboldt, Schleiermacher, Hölderlin), traduzione italiana a cura di G. Giometti, Macerata, 1997 (L’épreuve de l’étranger, Paris, Gallimard, 19841).

Berman 2003 = A. Berman, La traduzione e la lettera o l’albergo nella lontananza, traduzione italiana a cura di G. Giometti, Macerata, 2003 (La traduction et la lettre ou l’Auberge de la lointain, Paris, 1999; prima ristampa 2008).

Berres 1982 = T. Berres, Die Entstehung der Aeneis, Wiesbaden, 1982.

Bertazzoli 2006 = R. Bertazzoli, La traduzione : teorie e metodi, Roma, 2006.

Bettini 2000 = M. Bettini, Le orecchie di Hermes. Studi di antropologia e letterature classiche, Torino, 2000.

Bettini 2012 M. Bettini, Vertere. Un’antropologia della traduzione nella cultura antica, Torino, 2012.

Bondi 1790-1793 = L’Eneide tradotta in versi italiani da C. Bondi, due volumi, 1790 e 1793 [in endecasillabi sciolti]. Si trova digitalizzata online (su books.google.it) ; è stampata anche in Asciamprener, 1937.

Borrelli 1970 = Virgilio, L’Eneide, traduzione in esametri [senza testo a fronte] di F. Borrelli, 4 volumi, Pignataro Maggiore, 1970.

Borsetto 1987 = .L. Borsetto, Riscrivere l’historia, riscrivere lo stile : il poema di Virgilio nelle « riduzioni » cinquecentesche di Lodovico Dolce, in G. Mazzacurati e M. Plaisance (a cura di), Scritture di scritture. Testi, generi, modelli nel Rinascimento, Roma, 1987, p. 405-437.

Borsetto 1989 = L. Borsetto, L’« Eneida tradotta ». Riscritture poetiche del testo di Virgilio nel XVI secolo, Milano, 1989.

Borsetto 1996 = L. Borsetto, Tradurre Orazio, tradurre Virgilio. Eneide e Arte poetica nel Cinque e Seicento, Padova, 1996.

Borsetto 2002 = L. Borsetto, Riscrivere gli Antichi, riscrivere i Moderni e altri studi di letteratura italiana e comparata tra Quattro e Ottocento, Alessandria, 2002.

Calzecchi Onesti 1967 = Virgilio, Eneide, introduzione e traduzione [linea contro verso, con testo a fronte] di R. Calzecchi Onesti, Torino, 1967 (da cui si cita ; più volte ristampato ; la traduzione era in realtà uscita in prima edizione nel 1962 a Milano per l’Istituto Editoriale Italiano).

Canali 1983 = Virgilio, Eneide, traduzione [linea contro verso, con testo a fronte] di Luca Canali, introduzione e commento di E. Paratore, Milano, 1978-1983.

Carducci 1881 = La poesia barbara nei secoli XV e XVI, a cura di Giosuè Carducci, Bologna, Zanichelli, 1881 (ristampa anastatica 1985 dell’edizione 1881 con presentazione di Giorgio Pasquini).

Carena 1985 = Publio Virgilio Marone, Opere, a cura di Carlo Carena, nuova edizione [traduzione in prosa, con testo a fronte], Torino, 1985 (19711 ; rist. 2008).

Caro 1581 = Virgilio, L’Eneide, nella traduzione di Annibal Caro [postuma, 1581 ; endecasillabi sciolti], introduzione, commento, esami sintetici dei singoli libri, letture critiche a cura di G. Raniolo, settima ristampa della nuova edizione, Firenze, 1967. La traduzione di Caro si trova digitalizzata online (su books.google.it) ; cfr. anche Asciamprener 1937, Pompeati 1965.

Cavallaro 1993 = Publio Virgilio Marone, Eneidi Siciliana, nella versione di G. Cavallaro, Trapani, Associazione nazionale « Ludi di Enea », 1993.

Ceccon 1928 = Virgilio, L’Eneide, brani scelti in versi originali, tradotti con l’intersunto di tutto il poema e la metrica usata nella versione di M. Ceccon, Padova, 1928 [traduzione « simpodica » : cfr. sopra, nota 12].

Cetrangolo 1966 = Publio Virgilio Marone, Tutte le opere, versione [in versi liberi, con testo a fronte], introduzione e note di E. Cetrangolo, con un saggio di A. La Penna, Firenze, 1966 (19703, rist. 1989).

Chaucer = Geoffrey Chaucer, Opere, a cura di P. Boitani, traduzione di V. La Gioia, note di E. Rocco, 2 volumi, Torino, 2000.

Cipollini 2012 = M. Cipollini, Virgiliana, in Erba d’Arno, autunno 2012-inverno 2013, p. 84-92 (recensione a Fo 2012).

Commager 1966 = S. Commager (a cura di), Virgil: a collection of critical essays, Englewood Cliffs, N.J., 1966.

Condello – Pieri 2011 = F. Condello, B. Pieri (a cura di), Note di traduttore. Sofocle, Euripide, Aristofane, Tucidide, Plauto, Catullo, Virgilio, Nonno, Bologna, 2011.

Conte 2007 = G.B. Conte, Virgilio. L’epica del sentimento, Torino, 20021 , nuova edizione accresciuta 2007.

Contini 1942 = G. Contini, Di un modo di tradurre, in Gianfranco Contini, Un anno di letteratura, Firenze, 1942, p. 133-142.

Della Corte 1972 = F. della Corte, L’Eneide [già introduzione alla sua traduzione dell’Eneide, Milano 1967, 19712], ora nel suo Opuscula III, Genova, Istituto di Filologia Classica e Medioevale, 1972, p. 99-107.

Della Corte 1991 = Le opere di Virgilio, testo a cura di M. Geymonat, traduzione [linea contro verso, con testo a fronte] di F. Della Corte, in Enciclopedia virgiliana, vol. V**, Roma, 1991, p. 120-140 (Bucoliche), 141-181 (Georgiche), 182-367 (Eneide ; prima ed. della sua traduzione dell’Eneide : Milano 1967, 19712).

Di Biasio 1929 = P. Vergilio Marone, versione esametrica di G. Di Biasio, Torino-Firenze etc., 1929-1930.

Dionisotti 1967 = C. Dionisotti, Tradizione classica e volgarizzamenti, in Carlo Dionisotti, Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, 1967, p. 125-178.

Dryden 1697 = The works of Virgil, translated into English verse by John Dyden (3 volumi, Londra, 17215) ; il testo della traduzione dell’Eneide (terminata nel 1697 ; vd. anche Petrina 1944, Luiselli Fadda 1985) è reperibile digitalizzato in più siti della rete (per es. in books.google.it e all’indirizzo http://classics.mit.edu/Virgil/aeneid.html).

Duca 1859 = F. Duca [traduzione in ottave dell’Eneide, prima ed. 1848 ; II ed. Milano, 1859 ; riprodotta in Asciamprener 1937].

Eco 1995 = U. Eco, Riflessioni teorico-pratiche sulla traduzione, in Nergaard 1995, p. 121-146.

Eco 2003 = U. Eco, Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione, Milano, 2003.

Elwert 1979 = W.Th. Elwert, Versificazione italiana dalle origini ai giorni nostri, Firenze, seconda ristampa 1979 (19731).

Facchini Tosi 1983 = C. Facchini Tosi, La ripetizione lessicale nei poeti latini. Vent’anni di studi (1960-1980), Bologna, 1983.

Faggella 1965 = Virgilio, Eneide introduzione, traduzione [in endecasillabi sciolti] e note di M. Faggella, Roma, s.d. ; ristampato più volte e, con una appendice di Pagine su Virgilio, Roma, 1965 (19511).

Fernandelli 2007 = M. Fernandelli, Ombre sull’acqua, da Virgilio a Pascoli, in CentoPagine 1, 2007, p. 95-102.

Fernandelli 2012a = M. Fernandelli, Catullo e la rinascita dell’epos. Dal carme 64 all’Eneide Hildesheim -Zurigo-New York, 2012.

Fernandelli 2012b = M. Fernandelli, Via Latina. Studi su Virgilio e la sua fortuna, Trieste, 2012.

Filippini 1659 = Eneide di Virgilio, libro primo, tradotto in versi esametri da Bernardo Filippini, in B. Filippini, Versi e prose, Roma, 1659.

Fo 2011 = A. Fo, Onori umani per voci divine, momenti di Pg. XXI, in M. Munaro (a cura di), Ombre come cosa salda. Il Purgatorio letto dai poeti. Canti X-XXVII, Rovigo, 2011, p. 92-103.

Fo 2012 = Publio Virgilio Marone, Eneide, traduzione [in esametri barbari, con testo a fronte] e cura di Alessandro Fo, note di F. Giannotti, Torino, 2012 (Segnalo che la seconda edizione, uscita nella primavera 2013, riporta circa settanta interventi di correzione, fra refusi, piccoli errori e ripensamenti di traduzione). Registrazione integrale della lettura di A. Fo gratuitamente scaricabile a http://www.einaudi.it/ speciali/L-Eneide-letta-da-Fo ; ultimo accesso 18 maggio 2017.

Folena 1973 = G. Folena, « Volgarizzare » e « tradurre » : idea e terminologia della traduzione dal Medio Evo italiano e romanzo all’Umanesimo europeo, in La traduzione. Saggi e studi, Trieste, 1973, p. 57-120.

Fortini 2011 = F. Fortini, Scritti sulla traduzione, premessa di Luca Lenzini, saggio introduttivo di M.V. Tirinato, Macerata, 2001.

Foscolo 1810 = U. Foscolo, Sulla traduzione dell’Odissea, in Annali di scienze e lettere, 2, 1810, p. 25-78 ; ora in Edizione nazionale delle opere di Ugo Foscolo, vol. VII, Lezioni, articoli di critica e di polemica (1809-1811), edizione critica a cura di E. Santini, Firenze, 1933, p. 197-29.

Gamberale 2006 = Leopoldo Gamberale, Plauto secondo Pasolini. Un progetto di teatro fra antico e moderno, con un capitolo su S. Cognetti de Martiis, Urbino, 2006.

Gentile 2015 = D. Gentile, L’Eneide di Enzo Mazza: la traduzione di un poeta [con edizione di traduzioni inedite ritrovate], in Annali di studi Umanistici, 3, 2015, p. 29-117.

Geymonat 1987 = Eneide, con episodi significativi di Iliade e Odissea [antologia da varie traduzioni], a cura di M. Geymonat, Bologna, 1987.

Geymonat 2008 = P. Vergili Maronis Opera, post Remigium Sabbadini et Aloisium Castiglioni recensuit Marius Geymonat, Torino, 1973 ; P. Vergili Maronis Opera edita anno MCMLXXIII iterum recensuit Marius Geymonat, Roma, 2008.

Giammarco 1990 = Publio Virgilio Marone, Eneide, versione poetica [in esametri barbari, senza testo latino a fronte] e note di M. Giammarco ; con passi scelti dall’Iliade e dall’Odissea, schede critiche di N. Pace, Milano, 1990.

Giannotti 2009 = F. Giannotti, Nei pensieri degli uomini. Momenti della fortuna di Ambrogio, Girolamo e Agostino, Bologna, 2009.

Giannotti 2012 = Note di commento in Fo 2012, p. 591-846.

Gigante 1981-1983 = M. Gigante (a cura di), Lecturae Vergilianae : vol. I, Bucoliche (1981) ; vol. II, Georgiche (1982) ; vol. III, Eneide (1983), Napoli, 1981-1983.

Gotti 1858 = L’Eneide di Virgilio volgarizzata nel buon secolo della lingua da Ciampolo di Meo degli Ugurgeri senese, pubblicata per cura di A. Gotti, Firenze, 1858.

Grassi 1808 = L’Eneide di Pubblio [sic] Virgilio Marone, traduzione unica in suo genere del cittadino Francesco Grassi, Torino, Stamperia Filantropica, s.d. [ma 1808]63.

Greco 1950 = Aulo Greco, Annibal Caro : cultura e poesia, Roma, 1950.

Guidiccioni 1642 = L. Guidiccioni, Eneide Toscana, 1642 [traduzione in endecasillabi sciolti dell’Eneide, riprodotta in Asciamprener 1937]64.

Henry 1873-1892 = J. Henry, Aeneidea, or critical, exegetical and aesthetical remarks in the Aeneid, 4 voll., Londra-Dublino-Edimburgo, 1873-1892, rist. anast. Hildesheim, 1969.

Izzo 1970 = C. Izzo, Responsabilità del traduttore, ovvero esercizio d’umiltà, 19661, ora nel suo Civiltà britannica, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1970, 2 vol. (I. Saggi ; II, Impressioni e note), vol. II, p. 377-399.

Jacomuzzi 1974 = Annibal Caro, Opere, a cura di S. Jacomuzzi, Torino, 1974.

Kallendorf 1994 = Craig Kallendorf, A bibliography of Renaissance Italian translations of Virgil, Firenze, 1994.

La Penna 2005 = A. La Penna, L’impossibile giustificazione della storia. Un’interpretazione di Virgilio, Roma-Bari, 2005.

Lago 2012 = P. Lago, Un logos antiaccademico : Pasolini traduttore dell’Eneide, in Semicerchio. Rivista di poesia comparata, 46, 2012/2, numero dal titolo Resistenza dell’antico, a cura di Maria Arpaia, p. 23-29.

Lalli 1632 = Virgilio, Eneide travestita di Giovan Battista Lalli, Venezia, 1632, rist. Firenze, Becherini, 1822 [in endecasillabi sciolti]. Si trova digitalizzata online (su books.google.it).

Larbaud 1989 = V. Larbaud, Sotto la protezione di San Girolamo, trad. it. Palermo, 1989 (ed. or. 1946.

Leoncini – Marchionne – Pelosio 1981 = C. Leoncini, GiulG.iana Marchionne, G. Pelosio, Virgilio, XIX A.C.-MCMLXXXI, Roma, 1981.

Leopardi 1817 = G. Leopardi, Traduzione del « canto secondo » dell’Eneide e Traduzione del canto terzo (frammento) (1817), ora in Rossi 2003, p. 1055-1067.

Lewis 1962 = R.W.B. Lewis, On Translating the Aeneid: yif that I can, in Yearbook of Comparative and General Literature 10, 1962, p. 7-15, ristampato in Commager 1966, p. 41-52 (da cui cito).

Lipparini 1928 = Virgilio, L’Eneide, versione [in prosa] di G. Lipparini, Milano, 1928.

Lipparini 1946 = Virgilio, L’Eneide versione in esametri e note di G. Lipparini [in esametri carducciani, senza testo a fronte] Bologna, 1946.

Lombardi 1927 = Virgilio, L’Eneide, tradotta [in endecasillabi sciolti] e commentata col testo a fronte da A. Lombardi, Firenze, 1927.

Luiselli Fadda 1985 = A.M. Luiselli Fadda, Dryden, John, s.v., in Enciclopedia virgiliana, vol. II, Roma, 1985, p. 143-146.

Mambelli 1954 = G. Mambelli, Gli annali delle edizioni virgiliane, Firenze, 1954.

Mariotti 1990 = I. Mariotti, Tradurre i poeti latini, in Scritti in onore di Alberto Grilli, numero speciale della rivista Paideia 45, 1990, p. 301-312.

Mariotti 2001 = I. Mariotti, Da Saffo a Ovidio, con un priapeo, premessa di Luciano Anceschi, Lecce, 2001.

Marradi 1981 = Un amore di 2000 anni, Eneide libro quarto, traduzione in versi di Romano Marradi con testo latino a fronte, premessa di G.C. D’Adamo, edizione di 500 esemplari numerati, Mantova, 1981.

Marradi 1982 = R. Marradi, La leggenda di Enea da Virgilio, nove scene su testo poetico di R. Marradi, Suzzara-Mantova, 1982.

Marradi 2005 = Virgilio, Eneide, versione poetica [in endecasillabi sciolti, senza testo a fronte] di R. Marradi, Mantova, 2005.

Massoni 1829 = Virgilio, Eneide, traduzione di E. Massoni, Lucca, 1829 [in endecasillabi sciolti].

Massoni 2013 = F. Massoni, Le traduzioni italiane dell’Eneide in endecasillabi sciolti : aspetti e problemi, Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Siena, Dipartimento di Scienze storiche e dei beni culturali, Corso di Laurea in Lettere, indirizzo classico, relatore prof. A. Fo, Anno Accademico 2012-2013.

Mazza 1962 = E. Mazza, traduzione in endecasillabi sciolti di La discesa nell’Averno [6, 237-272 e 295-383] in Spagnoletti 1962, p. 241-246 della edizione 19664, da cui cito.

Miori 1982 = Publio Virgilio Marone, Eneide, tradotta in esametri [senza testo a fronte] e commentata da L. Miori, Rovereto, 1982.

Morini 2007 = M. Morini, La traduzione. Teorie, strumenti, pratiche, Milano, 2007.

Moskalew 1982 = W. Moskalew, Formular language and poetical design in the Aeneid, Leiden, Brill, 1982.

Mounin 1965 = G. Mounin, Teoria e storia della traduzione, trad. it. Torino, 1965 (più volte ristampato).

Mugno 1996 = S. Mugno, s.v. Francesco Vivona, in S. Mugno Novecento letterario trapanese. Repertorio bibliografico degli scrittori della provincia di Trapani del ’900, con presentazione di M. Perriera, Palermo, 1996, p. 165-172.

Nergaard 1993 = S. Nergaard (a cura di), La teoria della traduzione nella storia, Milano, 1993.

Nergaard 1995 = S. Nergaard (a cura di), Teorie contemporanee della traduzione, Milano, 1995.

Oddone 1995 = Virgilio, Eneide, introduzione e traduzione [linea contro verso, con testo a fronte] di E. Oddone, Milano, 1995.

Pagnanelli 1991 = R. Pagnanelli, Giovanna Bemporad : poesia e traduzione, pubblicato per la prima volta in UICS-Studia nel 1987, poi in D. Marcheschi (a cura di), Studi Critici : poesia e poeti italiani del secondo Novecento, Milano, 1991, p. 152-161.

Palieri Annesi 1983 = Virgilio, Il poema di Enea, Gli episodi più avvincenti dell’Eneide e il loro svolgimento narrativo nella nuova traduzione [in endecasillabi sciolti, con raccordi in prosa, senza testo a fronte] a cura di G. Palieri Annesi, presentazione di U. Bosco, Roma, 1983.

Paoloni 2004 = I. Paoloni, Tua vincula rupimus. Fedeltà e decoro nelle traduzioni dell’Eneide del Caro e dei suoi predecessori, Tesi di laurea in Storia della Lingua italiana. Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma « La Sapienza », relatore prof. L. Serianni, Anno Accademico 2003-2004.

Parodi 1887 = E.G. Parodi, I rifacimenti e le traduzioni italiane dell’Eneide di Virgilio prima del Rinascimento, in Studj di filologia romanza pubblicati da Ernesto Monaci, 2, 1887, p. 97-368.

Pasciullo 2012 = S. Pasciullo, Filippo Maria Pontani traduttore dell’Eneide, tesi di laurea discussa presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Siena il 12 dicembre 2012 (relatore prof. Alessandro Fo [cfr. sopra, nota 13 e contesto]).

Pascoli 1939 = G. Pascoli, Poesie, vol. IV, Poesie varie. Traduzioni e riduzioni, Appendice, Indici, Milano, 1939 (più volte ristampato ; cito dalla II ed. negli « Oscar Mondadori », agosto 1970). Le traduzioni da Virgilio sono alle p. 1669 s., e le poche dall’Eneide, ora in endecasillabi sciolti [6, 847-853], ora in metri barbari [1, 723-742, 7, 8-18, 691-705, 8, 485-496], alle p. 1671-1674.

Pascoli 2002 = G. Pascoli, Poesie e prose scelte, progetto editoriale, introduzione e commento di C. Garboli, con la collaborazione di G. Leonelli, A. Oldcorn e F. Pontani, 2 vol. , Milano, 2002.

Pasolini 1948 = P.P. Pasolini, Poesia della Bemporad, sul quotidiano Il mattino del popolo, 12 settembre 1948, poi ripubblicato in P.P. Pasolini, Il portico della morte, a cura di Cesare Segre, Roma, 1988, p. 19-22 ; ora in Saggi sulla letteratura e sull’arte, a cura di W. Siti e S. De Laude, con un saggio di C. Segre, cronologia a cura di N, Naldini, 2 vol. , Milano, 1999, vol. I, p. 294-297.

Pasolini 2003 = P.P. Pasolini, Traduzioni poetiche : Virgilio, in Tutte le poesie, a cura e con uno scritto di WalW.ter Siti, saggio introduttivo di F. Bandini, cronologia a cura di N. Naldini, 2 tomi, Milano, 2003, tomo II, p. 1332-1349, con nota a p. 1796 (pubblicazione della traduzione, parzialmente inedita, in prosa poetica linea contro verso, dei v. 1, 1-301).

Pease 1935 = P. Vergili Maronis Aeneidos liber quartus, edited by A. Stanley Pease, Cambridge, Mass., 1935; rist. Darmstadt 1967.

Petrina 1944 = Virgil, the Æneid, translated by J. Dryden with Mr. Dryden’s introduction; illustrated by C Petrina, New York, 1944 (Reissued Norwalk, Connecticut, 1972).

Pompeati 1965 = Annibal Caro, Versione dell’Eneide, a cura di A. Pompeati, Torino, 1965 .

Pontani 1977 = Virgilio, Eneide, luoghi scelti e tradotti da F.M. Pontani, con un saggio di T.S. Eliot, dodici illustrazioni originali di R. Guttuso, Roma, 1977 [cfr. sopra, nota 13 e contesto].

Pontani 1978-1981 = Antologia palatina, a cura di F.M. Pontani, 4 vol. , Torino, 1978-1981.

Pratellesi 1930 = Virgilio, L’Eneide, nuova traduzione in versi [endecasillabi sciolti, senza testo a fronte] di E. Pratellesi, Firenze, 1930.

Prete 2011 = A. Prete, All’ombra dell’altra lingua. Per una poetica della traduzione, Torino, 2011.

Ramous 1998 = Virgilio, Eneide, traduzione [in versi, con testo a fronte : cfr. sopra, nota 9] di Mario Ramous, introduzione di G.B. Conte, commento di G. Baldo, Venezia, 1998.

Romani 1973 = W. Romani, La traduzione letteraria nel Cinquecento : note introduttive, in La traduzione. Saggi e studi, Trieste, p. 387-402.

Rossi 2003 = L’epica classica, nelle traduzioni di Caro, Dolce, Pindemonte, Monti, Foscolo, Leopardi, Pascoli e altri, scelta e introduzione di L.E. Rossi, apparati di S. Triulzi, Roma, 2003.

Saggio 1980 = P. Virgilio Marone, Eneide, traduzione [in prosa, senza testo a fronte] di C. Saggio, Milano-Napoli, 1980.

Scaffidi Abbate 1994 = Publio Virgilio Marone, Eneide, cura e versione [in endecasillabi sciolti, con testo a fronte] di M. Scaffidi Abbate, Roma, 1994.

Scarcia 2002 = Virgilio, Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione [linea contro verso, con testo a fronte,] e note di R. Scarcia, Milano, 2002.

Scodel – Thomas 1984 = R.S. Scodel, R.F. Thomas, Virgil and the Euphrates, in American Journal of Philology, 105, 1984, p. 339.

Segre 1953 = Cesare Segre (a cura di), Volgarizzamenti del Due e Trecento, Torino, 1953.

Sermonti 2012 = V. Sermonti, L’Eneide di Virgilio, Milano, 2007 ; terza edizione [riveduta, con correzioni : traduzione linea contro verso, con testo a fronte], 2012.

Signorini 1981 = R Signorini, Ritorno a Virgilio, testo e traduzioni [linea contro verso, in versi liberi ; ma di pochi passi], cura di R. S., Vicenza-Belluno, 1981.

Solari 1810 = Publio Virgilio Marone, L’Eneide, recata in altrettanti versi italiani da G. Solari (con testo a fronte), munita dall’autore di note giustificanti il senso e la lezione, II tomi, Genova, 1810 [in endecasillabi sciolti : ora reperibile online su books.google.it : tomo I (Prefazione sopra l’Eneide, e sopra il metodo di tradurla e darne il testo, Introduzione ai primi sei libri dell’Eneide e libri I-VI) e tomo II (Introduzione agli ultimi sei libri dell’Eneide, libri VII-XII e Note Zoologiche-botaniche del Dottor Viviani in appendice)].

Sole 1991 = A. Sole, Ancora sulla traduzione leopardiana del secondo libro dell’Eneide, in Studi di filologia classica in onore di Giusto Monaco, Palermo, 1992, vol. II, p. 1721-1747.

Spagnoletti 1962 = Giacinto Spagnoletti, Il mondo degli eroi, antologia epica per la scuola media unificata, Verona, 1962 (19664, da cui cito).

Sparrow 1931 = John Sparrow, Half-lines and repetitions in Virgil, Oxford, 1931 (rist. New York-Londra, 1977).

Todini 1985 = U. Todini, Pasolini e Plauto, in R. Tordi (a cura di), Pasolini, in Galleria, 1-4, gennaio-agosto 1985, p. 53-63.

Todini 1997 = U. Todini, Virgilio e Plauto, Pasolini e Zanzotto. Inediti e manoscritti d’autore tra antico e moderno, in T. De Mauro e F. Ferri (a cura di), Lezioni su Pasolini, Ascoli Piceno, Sestante, 1997, p. 49-65.

Traina 1975-1998 = A.onso Traina, Poeti latini (e neolatini). Note e saggi filologici, 5 vol. : I. 1975, 19862 ; II. 1981 ; III. 1989 ; IV. 1994 ; V. 1998, Bologna, 1975-1998

Traina 1981 = A. Traina, La traduzione e il tempo, in A. Fragonara, G. Garbarino (a cura di), Linguaggi della prosa latina, Torino, 1981, p. 3-16 (dell’estratto), ora in Traina 1975-1998, vol. III, 1989, p. 115-131.

Traina 1997 = A. Traina, L’utopia e la storia. Il libro XII dell’Eneide e antologia delle opere, Torino, 1997.

Ventre 2010 = Omero, Iliade, traduzione di D. Ventre, Messina, 2010.

Ventre 2014 = Omero, Odissea, traduzione di D. Ventre, Messina, 2014.

Venuti 1995 = L. Venuti, L’invisibilità del traduttore. Una storia della traduzione, trad. it. di M. Guglielmi, Roma, Armando, 1999 (The translator’s invisibility. A history of translation, Londra-New York, 1995). Se ne trova un’ampia anteprima online (su books.google.it).

Venuti 2000 = L. Venuti (a cura di), The translation studies reader, Londra-New York, 2000 Se ne trova un’ampia anteprima online (su books.google.it).

Vergara 1976 = G. Vergara, La poesia barbara : come e quando, in Misure critiche, anno 6, fascicolo 18, gennaio-marzo 1976, p. 71-91.

Vergara 1977 = G. Vergara, Sulla metodologia della poesia barbara, in Misure critiche, anno 7, fascicoli 23-24, aprile-settembre 1977, p. 5-41.

Vergara 1978 = G. Vergara, Guida allo studio della poesia barbara italiana, Napoli, 1982.

Vergara 1982 = Virgilio, Eneide, versione in esametri ritmici [senza testo a fronte], introduzione, note e dizionario-indice di G. Vergara, Napoli, 1982.

Vischi – Leoni 1931 = L’Eneide di P. Virgilio Marone, versione ritmica (I-VI) di L. Vischi e in versi sciolti (VII-XII) di M. Leoni, con note di RoR.dolfo Fantini, Napoli-Genova-Città di Castello, 1931 [Vischi in esametri barbari, Leoni in endecasillabi].

Vischi 1908 = Primo libro dell’Eneide, versione ritmica di L. Vischi, Aosta, 1908 [in esametri barbari].

Vischi 1909 = Virgilio. L’Eneide, libro secondo, testo e versione ritmica di L. Vischi, Torino, 1909 [in esametri barbari].

Vitali 1938 = Virgilio, Eneide, versione poetica [in endecasillabi sciolti, senza testo a fronte] di Guido Vitali, Milano, 1938 (« edizione definitiva » ; 19301).

Vivaldi 1962 = Publio Virgilio Marone, Eneide, traduzione [in endecasillabi sciolti, con testo a fronte] di C. Vivaldi, Parma 1962 (più volte ristampata ; per es. : Milano, 1990, con introduzione di F. Della Corte, note di M. Rubino).

Vivona 1904 = Virgilio, L’Eneide, versione metrica [in esametri barbari] di F. Vivona, libri I, II, e III, Piacenza, 1904.

Vivona 1929 = L’Eneide in versi italiani [endecasillabi sciolti, senza testo a fronte] di F. Vivona, Roma, 19293 (19261).

von Albrecht 2006 = M. von Albrecht, Vergil : Bucolica - Georgica - Aeneis. Eine Einführung, Heidelberg 2006, ora trad. it. di A. Setaioli, Milano, 2012.

Vivona 1963 = N. Vivona, Omaggio di poesia, in Francesco Vivona, scritti di E. Paratore, F. Biondolillo, N. Vivona, [testi pubblicati per la prima volta nelle Cronache scolastiche del 20 luglio 1961], Roma, 1963, p. 10-14.

von Albrecht 2010 = M. von Albrecht, Ritrovare Virgilio rileggendo i suoi grandi lettori, nota introduttiva di Giorgio Bernardi Perini, postfazione di Roberto Andreotti, Mantova, 2010.

Williams 1960 = P. Vergili Maronis Aeneidos liber quintus, edited with a commentary by R. Deryck Williams, Oxford, 1960.

Wills 1996 = J. Wills, Repetition in Latin poetry, figures of allusions, Oxford, 1996.

Zanzotto 1962 = A. Zanzotto, Traduzioni in versi barbari di Enea e Polidoro [Aen. 3, 1-68] e Nell’Eliso [6, 637-702], in Spagnoletti 1962, p. 243-246 e 269-271, corrispondenti alle p. 221-224 e 247-249 della edizione 19664, da cui cito [cfr. anche qui sopra, nota 11].

Zini 2008 = L. Zini, Giovanna Bemporad : esempi di traduzione dall’Eneide, tesi di laurea, Università degli studi di Firenze, Facoltà di lettere e filosofia, Corso di laurea in Italianistica, Anno accademico 2007-2008, relatore prof.ssa Enza Biagini Sabelli. In appendice, p. 63-67, una intervista di B. Balistreri a Giovanna Bemporad.

Haut de page

Notes

1 Le parole di Dryden (1697 : v. Petrina 1944, Luiselli Fadda 1985) discendono dalla Preface to the Æneis ; Ida Paoloni (che ringrazio per avermi messo a disposizione il suo utile studio, da cui ho imparato molte cose) ne riporta (2004, p. 21) la traduzione di Algarotti 1780 (p. 280, in nota) : « coloro che chiamato hanno [Virgilio] il tormento dei Grammatici, potevano altresì chiamarlo la peste de’ Traduttori, come colui che mostra ogni studio aver riposto in non potere appunto essere tradotto ». Quanto a Curtius, cito la frase da Berman 2003, p. 107 (dove, a nota 17, si legge : « citato da M. Lobet, Virgile non travesti, “Le Soie” 3 settembre 1964 »). L’affermazione di Anderson è tratta da Anderson 2004, p. 101. A proposito delle difficoltà di traduzione da Virgilio, segnalo anche Lewis 1962, che parte dalla « cautionary phrase “ Yif that I can ” » interpolata da Chaucer nella sua traduzione dell’incipit dell’Eneide (The House of Fame I 140-144): « I wol now singe, yif that I can, / The armes, and al-so the man… »; cfr. Lewis 1962, p. 41: « the translator, while Englishing the first three words, adds his own comment in his own voice: yif that I can – not sing, but translate ».

2 Valery Larbaud, Sotto la protezione di San Girolamo, trad. it. Palermo, 1989 (ed. or. 1946) ; citazioni dalle p. 43 e particolarmente p. 125-127 ; su questo pamphlet (e altri aspetti della fortuna di Girolamo traduttore) si veda Giannotti 2009, p. 111 s.

3 Mentre il mio lavoro di traduzione volgeva ormai verso la conclusione, apprendevo la notizia della scomparsa della grande traduttrice (7 agosto 2011). Un pensiero di omaggio per il suo talento e il suo appassionato lavoro sui classici.

4 Larbaud 1989, p. 62. L’asserzione rimane sicuramente vera, anche se Larbaud la poggia erroneamente su una citazione dalla praefatio ai Commentarii in Hiezechielem, dove si allude non all’attività di traduzione bensì a quella più propriamente esegetica (§ 2 : Itaque lucrativis, immo furtivis noctium horis, quae hyeme propinquante, longiores esse coeperunt, haec ad lucernulam qualiacumque sunt dictare conamur, et aestuantis animi taedium interpretatione digerere).

5 Per questi concetti, e per la storia delle varie opposizioni « traduzione straniante / addomesticante, equivalenza formale / dinamica, traduzione semantica / comunicativa, metodi illusionistici / antillusionistici, traduzione coperta / scoperta, traduzione orientata al testo di partenza / orientata al testo d’arrivo », rinvio in generale a Morini 2007 (citazione nel testo da p. 77 ; ma cfr. anche, per la scorrevolezza, p. 26 s., e in generale tutta la parte I del libro). Un approccio più poetico a questi temi è ora in Prete 2011. Ricchissima di spunti importanti è quella sorta di archeologia e storia della traduzione letteraria moderna costituita dall’importante libro di Antoine Berman, La prova dell’estraneo (Berman 1997). Uno specifico capitolo di un altro libro di Berman, La traduzione e la lettera o l’albergo nella lontananza (Berman 2003), è dedicato ai problemi di traduzione relativi all’Eneide e alla più vasta questione del perché ri-tradurre oggi un classico già tante volte tradotto : L’Eneide di Klossowski (p. 97-120). Da vedere anche, in tema di traduttologia, Mounin 1965, Bassnett 1993, Nergaard 1995, Venuti 1995 e 2000, Eco 1995 e 2003, Bertazzoli 2006.

6 Si veda Morini 2007, p. 88, p. 1 ; su Izzo 1970, cfr. Morini 2007, p. 22-26 e 90-91. Da tenere presenti anche le teorizzazioni di Antoine Berman circa « l’etica della traduzione » (vd. in particolare Berman 1997, p. 15-16 ; Berman 2003, p. 57-64 ; e ancora le postfazioni di Gino Giometti ai due citati saggi di Berman da lui tradotti).

7 Molte sono, comunque, le belle traduzioni in prosa nella tradizione italiana, a partire dal primo volgarizzamento in assoluto, quello del senese Ciampolo di Meo degli Ugurgeri, collocabile fra 1312 e 1316 (edizione : Gotti 1858) ; fra le meno lontane nel tempo ricordo quelle di Saggio 1980 e Carena 1985.

8 Mi sono orientato su questa scelta nella mia traduzione del De reditu (Rutilio Namaziano, Il ritorno, Torino, 19942). Per Virgilio posso qui richiamare i casi di Calzecchi Onesti 1967, Canali 1983, Della Corte 1991, Oddone 1995, Scarcia 2002, Sermonti 2007 ; cfr. anche Pasolini 2003, che però è sostanzialmente una traduzione-riscrittura : in merito cfr. più oltre, nota 11 ; vd. inoltre Todini 1997, p. 51 s., Gamberale 2006 (osservazioni generali su Pasolini traduttore, e occasionali rilievi sulla traduzione da Virgilio) e ora – con rapide analisi soprattutto sui primi undici versi, e con ulteriore bibliografia – Lago 2012 (p. 25, cui sembra che Pasolini « abbia osato là dove nessuno lo ha mai fatto prima (e dopo) : ha reso un testo epico in una poesia che epica non è » ; p. 28 : « La parziale traduzione da Virgilio [...] è dominata da un logos chiarificatore, antitradizionalista e antiaccademico, venato nel profondo di alta poesia »).

9 Penso naturalmente, per quest’ultima possibile opzione, alle numerose e spesso belle traduzioni in endecasillabi : da Annibal Caro (agevolmente reperibile online, per es. al sito http://it.wikisource.org/wiki/Eneide), a Alfieri (ora reperibile online su books.google.it) e Leopardi (in Rossi 2003) – su tutti e tre i grandi e il loro rapporto con Virgilio si vedano, per un primo orientamento, le rispettive voci dell’Enciclopedia Virgiliana – ; e ancora a quelle di – per ordine alfabetico – Albini (1922 e) 1938, Bacchielli 1963, Bemporad 1983, Bondi 1790, Faggella 1965, Guidiccioni 1642, Leoni in Vischi-Leoni 1930, Marradi 2005, Pratellesi 1930, Palieri Annesi 1983, Scaffidi Abbate 1994, Vitali 1938, Vivona 1929. Fra le traduzioni in ottave ho potuto vedere quella di Francesco Duca, in Asciamprener 1937. Un grande poeta come Enzo Mazza, oltre che l’intera Appendix (la cui pubblicazione era prevista in seno a un progettato volume virgiliano della collana Einaudi-La Pléiade, che purtroppo non ha più visto la luce), ha tradotto in limpidi endecasillabi sciolti vari passi del poema maggiore ; uno specimen (Mazza 1962) si trova in Spagnoletti 1962, ma si sono potuti recuperare nell’archivio del poeta altri inediti, ora pubblicati a cura di Daniela Gentile (Mazza 2015, Gentile 2015). Una differente soluzione metrica ha seguito Ramous 1998 ; ne cito la Nota alla traduzione (p. 63) : « Per tradurre l’esametro, che all’interno del sistema quantitativo (senza equivalenze col nostro sillabico-accentuativo) può oscillare, per la concentrazione del dattilo in spondeo, da una capienza minima di tredici sillabe (o di dodici nel caso rarissimo di esametro olospondaico) a una massima di diciassette, ho adottato per l’Eneide, come già per le Metamorfosi ovidiane, un verso senza una misura sillabica fissa, composto, nel caso di uscita piana, da un minimo di undici sillabe a un massimo di diciannove. Un verso quindi costituito (salvo che nell’opzione minima) dalla giunzione di due o più versi della nostra tradizione metrica, ma con l’accortezza che la loro somma desse sempre nell’uscita piana un numero dispari. Così l’organismo metrico si dilata da undici a tredici, quindici, diciassette o diciannove sillabe, con l’ictus finale sulla precedente. Tuttavia va rilevato che all’interno di queste catene metriche (o per enjambement fra due catene successive) è quasi sempre presente l’andamento ritmico dell’endecasillabo, che assume in qualche modo la funzione di basso continuo. Mi preme perciò sottolineare che questa soluzione non ha affinità con quella “aperta” della prosa ritmica, perché l’impianto metrico qui adottato è sostanzialmente concepito e strutturato come un sistema “chiuso” ». Una sorta di verso libero vagamente orientato su ritmi esametrici impiegano la « versione poetica » di Vivaldi 1962 e quella di Cetrangolo 1966 (il quale espone singolari posizioni teoriche : si trovano a p. VI della ristampa nella « Biblioteca Universale Sansoni » del 1989) ; nessuna delle due procede linea contro verso.

10 Vergara 1982, p. 11. Nel 1978 Vergara annunciava una propria Storia della poesia barbara italiana (secondo risguardo di copertina), di cui scrive : « che ho già in buona parte elaborata ; ma che certamente non potrà entrare dettagliatamente nel merito dei molteplici e complessi aspetti, spesso problematici, delle singole questioni » (p. 11). Non mi risulta però che sia mai stata ultimata, o perlomeno pubblicata. Sui metri barbari e i problemi loro inerenti, vd. anche Elwert p. 172 s. (il capitolo L’imitazione dei metri greco-latini (Poesia « barbara ») e Beltrami 1991, p. 341, e in particolare § 161-174 e 248-258.

11 Vergara 1982, p. 11. Quanto agli autori ricordati a testo, per Bignone vd. Vergara 1978, p. 184 (dove però non è indicata la reperibilità delle traduzioni da Virgilio). Per Pascoli vd. Vergara 1978, p. 51-54 e 179, con particolare riferimento alle Regole di metrica neoclassica, del 1899-1900, ma pubblicate postume (ora agevolmente reperibili, con ampia Premessa illustrativa, in Pascoli 2002, vol. II, p. 177-290) e, per gli esperimenti dall’Eneide, a Traduzioni e riduzioni, Bologna, 1913 (si veda qui Pascoli 1939). Quanto a Zanzotto, due sue traduzioni sono state pubblicate in una antologia scolastica curata da Giacinto Spagnoletti (Zanzotto 1962 ; su di esse cfr. anche Todini 1997, p. 57 s.). A quanto pare, furono entrambe preparate in vista di una progettata traduzione a più mani dell’Eneide per Mondadori ; secondo Todini 1997, p. 50, che ebbe occasione di raccogliere testimonianze dello stesso Zanzotto, esse non dovrebbero costituire tutto quanto Zanzotto tradusse per l’occasione, bensì solo uno stralcio da un lavoro più ampio. Nell’archivio del Centro Fortini di Siena (scatola 29, cartella 56) si conservano alcune lettere di Zanzotto a Fortini : il 13 novembre 1961 Zanzotto gli scrive : « Carissimo, la casa Mondadori mi incarica di compiere un “ sondaggio ” per una traduzione dell’Eneide in équipe. Tra i dodici poeti cui dovrebbe essere affidato il lavoro tu non dovresti mancare. E credo che la cosa t’interessi. Il libro 2° ad esempio, potrebbe andarti bene. Ma se hai altre preferenze, dimmelo, e dimmi anche quale compenso richiederesti : se pur decidi di partecipare all’impresa ». Mancano purtroppo le lettere di Fortini a Zanzotto (l’archivio Zanzotto è ancora in sistemazione, e non ci sono nel Fondo Fortini minute di lettere per questo periodo). Tuttavia, più avanti nel tempo (il 2 luglio 1962), Zanzotto scrive ancora : « Carissimo, per la traduzione dell’Eneide : tutto è rientrato. Si è infatti saputo all’ultimo momento che Vivaldi l’ha già tradotta intera, per la “ Fenice ” di Guanda, nella quale collana uscirà tra non molto. Peccato ; d’altra parte non era il caso di creare un doppione, o addirittura un terzetto se ci sarà quella di Pasolini ». A proposito di queste ultime parole, va precisato come si ritenesse che Pasolini progettasse una integrale dell’Eneide, di cui sono rimasti solo i primi 301 versi (ora in Pasolini 2003, cfr. ivi p. 1786, con gli articoli di Umberto Todini ivi ricordati : Todini 1985, p. 62-63 e Todini 1997). La ricostruzione di questo progetto presenta alcuni problemi, che emergono bene dal confronto fra quanto si è sopra citato dall’epistolario di Zanzotto, e quanto lo stesso Zanzotto narrò più avanti nel tempo a Todini : si veda in merito Todini 1997, specialmente p. 49-51, secondo il quale Pasolini avrebbe carezzato l’idea di una integrale proprio partendo dalla progettata antologia di Guanda. In seguito, oberato di impegni, avrebbe abbandonato l’idea. Cfr. anche Lago 2012, e sopra, nota 8.

12 Vergara 1982, p. 11. Su Filippini, vd. Vergara 1978, p. 121 e 149-150. Sulla traduzione barbara di Francesco Vivona e su Giacinto Altimari Menna, vd. Vergara 1978, p. 182. Su Luciano Vischi, Vergara 1978, p. 58-59 e 182-183 ; tuttavia Vergara conosce di Vischi solo le traduzioni del I e II libro, mentre Vischi ha successivamente pubblicato una traduzione ritmica di almeno tutta la prima metà del poema (Vischi-Leoni 1931). Per Francesco Grassi, vd. Vergara 1978, p. 29-30, 87 e 163 (cfr. qui oltre la nota 64). Per Gaetano Di Biasio, vd. Vergara 1978, p. 186. Per la versione barbara di Lipparini (1946), vd. Vergara 1978, p. 185-186. Per Francesco Borrelli, vd. Vergara 1978, p. 100 e 191. A rigore, credo che andrebbe aggiunto a questo elenco anche Ceccon 1928, « traduzione di vari brani dell’Eneide, in una metrica originale, che non si dichiara espressamente, e non è, barbara ; ma che ha molti legami con essa » (Vergara 1978, p. 186). Ceccon infatti teorizza (specie nel capitolo Metrica simpodica, p. 69-81) « una sua personale ed originaloide “ teoria versificativa razionale ”, in cui “ il verso si misura a piedi, donde il suo significativo di simpodico (da simpodia = unione di piedi) in contrapposto al verso sillabico, che si misura a sillabe ” » (Vergara 1978, p. 63, con segnalazione delle due recensioni di Giovan Battista Pighi, in Aevum, 2, 1928, p. 512 e 3, 1929, p. 235).

13 Pontani 1997, p. [213]. I passi da Pontani tradotti sono, con i relativi titoletti da lui apposti, i seguenti : Libro I : Tempesta : versi 81-123 ; Profezia : 254-296 ; Libro II : Laocoonte : 1-20 ; 40-46 ; 199-231 ; La notte fatale : 250-317 ; La fuga : 721-795 ; Libro III : Polidoro : 22-48 ; Italia : 521-536 ; L’Etna : 570-587 ; I Ciclopi : 655-683 ; Libro IV : Didone : 1-89 ; Il connubio e la fama : 160-195 ; Disperazione : 416-705 ; Libro V : Palinuro : 833-871 ; Libro VI : L’Inferno : 417-476 ; Gli Elisi : 637-702 ; Marcello : 847-887 ; Libro VII : Furia : 341-405 ; Libro VIII : Azio : 671-731 ; Libro IX : Libro IX : Euríalo e Niso : 367- 449 ; La madre : 473-502 ; Libro X : Lauso : 762-908 ; Libro XI : I funerali di Pallante : 59-119 ; Libro XII : La fine : 896-952. La copia della Biblioteca Nazionale di Firenze è segnata « Rari. 62._.75. ». Ringrazio di cuore la Direzione della Biblioteca, e in particolare le Dottoresse Paola Gibbin e Elisabetta Viti, per la cortesia con cui hanno favorito la consultazione del libro. In un secondo momento, trattandosi di una traduzione assai difficile da reperire, ho ritenuto opportuno – d’intesa con la famiglia Pontani, cui va tutta la mia riconoscenza – assegnare una tesi di laurea triennale che comportasse la trascrizione dell’opera, accompagnata da un breve studio introduttivo e da qualche nota di commento. Il lavoro è stato svolto con diligenza da Silvia Pasciullo, la cui dissertazione Filippo Maria Pontani traduttore dell’Eneide, è stata discussa presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Siena il 12 dicembre 2012.

14 Per il lavoro di Daniele Ventre (alcune sue dichiarazioni si trovano già in Ventre, p. 448-450) e per la mia traduzione, vedere subito oltre. Sono venuto a conoscenza della traduzione di Giammarco, una edizione scolastica priva di testo a fronte, ma annotata, grazie alla prof. Mara Tirelli Sgarbi, che ringrazio di cuore. L’autore (1990, p. XV) dichiara : « [...] analoga è stata la mia preoccupazione di riprodurre in italiano la misura e le cadenze del verso virgiliano : a tal fine ho utilizzato versi composti, che mi hanno permesso sia di imitare l’andamento spondaico-dattilico dell’esametro latino, sia soprattutto, di non perdere contatto col testo originale, anzi di conservare una perfetta sinotticità con esso ». Il suo esametro barbaro è realizzato appunto combinando fra loro kola per lo più costituiti da un settenario, un ottonario o un novenario. Va sottolineato che non sempre viene rispettata la collocazione del primo ictus sulla prima sillaba del verso (in molti casi è la seconda a recarlo ; es. I 10 « famoso e pio a correre tante vicende e a durare »). Anche Giammarco (come me) si concede facoltà di versi sdruccioli (es. I 31 « e ad Achille spietato ; e per molti anni essi andavano »). A differenza di me, si concede anche versi tronchi (es. I 39 : « Già, me lo vietano i Fati. Ma Pallade intanto poté »).

15 Per lo più, in caso di sfruttamento di ictus da accento secondario, ho cercato di rintracciare anche una sorta di legittimazione alla mia scelta nella configurazione della parola stessa (come in caso di parole composte con preposizioni o costruite con combinazioni di termini : per esempio 2, 650 « ínamovíbile » ; 10, 907-908 « Questo dice, e la spada, non ínconsapévole, in gola / prende, e in un’onda di sangue effonde sulle armi la vita » ; 6, 591 « fálsificáva » ;) o in ragioni espressive del contesto : per esempio il canonico « imponente » con cui ho reso ingens, tollerato in posizione iniziale a 10, 447 per rilevare iconicamente la grandezza della statura di Turno (« e il suo córpo / ímponénte con gli ócchi percórre e, lontáno, lo squádra ») ; o la scelta di rendere a calco l’ineluctabile tempus di 2, 324, per conservare nell’espressione un che di faticoso, evocativo della vana lotta dei Troiani con il Fato (« “ Vénne il giórno suprémo e l’íneluttábile témpo »).

16 Per quanto attiene alla d eufonica, ho tendenzialmente seguito la norma oggi vigente, che la vuole inserita solo fra vocali uguali ; qualche volta ho tuttavia derogato a questo criterio di fondo, o per contingenti ragioni prosodico-metriche, o semplicemente puntando a soluzioni più armoniche (sulla base, ovviamente, di un gusto personale).

17 Sulla cruciale importanza ideologica di questo passo ha anche insistito Traina 1975-1998, vol. IV, p. 80-83. Le citazioni virgiliane sono tratte dal testo che ho seguito per la mia edizione (Fo-Giannotti 2012), fondato su quello stabilito da Geymonat 2008, con pochi ritocchi (di cui ho dato conto nella Nota al testo della mia edizione stessa, p. XCIX-CIII).

18 Simbolicamente, segnalo qui alcuni debiti : a 1, 85-86 creberque procellis / Africus sono partito dalla resa della Calzecchi Onesti « l’Africo ricco di raffiche ». A Canali devo, fra il molto altro, scelte come « arruffa » per 10, 711 o « cimento » per 11, 476 ; a Sermonti le « frotte » di cervi in 4, 154. Con l’attenta ed elegante traduzione di Oddone, orientata come quella della Calzecchi Onesti su un vago ritmo esametrico, segnalo – per esempio – la quasi totale convergenza per 3, 117. A 12, 743 per et nunc huc, inde huc incertos implicat orbes devo a Scarcia la soluzione « un confuso groviglio di giri ». Vd. anche quanto osservato alla fine di questo articolo (contesto di n. 60-61).

19 Ecco i v. 12, 435 s. secondo quella traduzione : « “ Impara, fighetto, da me il coraggio e il sacrificio, / la fortuna dagli altri : ora sarà il mio braccio a proteggerti / in guerra, e ti condurrà dove la gloria si merita [...] ” ». I rischi di involontario stravolgimento comico comportati da scelte lessicali ardite sono indirettamente segnalati, nel caso delle surae di Enea, dall’intenzionale stravolgimento giocoso di Lalli 1632 (p. 182 della ristampa ottocentesca digitalizzata online) : « Egli per ritornare a i battaglioni, / e a fare in campo le prodezze usate, / coperto avea fra tanto i suoi gamboni / di piastre sode, doppie, ed indorate » (ma alle p. 29-30, anche il Lalli entra in soggezione di fronte al fascino di Venere, e non osa infierire sui suoi polpacci : « Ella è sua madre, e intanto l’infinocchia, / come in maschera occorre il carnevale : / sparso il bel crine, ignude ha le ginocchia, / qual cacciatrice ha poi l’arco, e lo strale ; […] Venere allor rispose, onor celeste / (guarda la gamba) usurpar io non bramo, / noi tutte in Tiro verginelle oneste, / arco portar, calzar coturni usiamo »). Particolarmente spiccati gli effetti comici nel prosieguo del passo del XII : « E disse, poi che Ascanio ebbe baciato, / col labro fuor de l’elmo a forza spinto : / O figliuolo mio caro inzuccherato, / mira che sto mondaccio è un laberinto ; / da me impara il soffrir, l’esser valente, / ma la fortuna da più pazza gente » etc. E pensare che, in altri tempi, una tale palese caricatura poteva valere comunque come « traduzione » di pieno diritto : cfr. Paoloni 2004, p. 28-30 e 35 (e, qui oltre, la significativa tabella riportata nella nostra Appendice).

20 Offro una rapida rassegna di altre rese di puer nella stessa traduzione ; a 8, 581 : « ragazzo caro », a 10, 825 per Lauso Quid tibi nunc, miserande puer, pro laudibus istis, / quid pius Aeneas tanta dabit indole dignum ? « “ che cosa per queste tue imprese potrà mai darti il pio Enea, / povero figlio, [...] » ; a 11, 42, il compianto di Enea per Pallante : “ Tene ” inquit, “ miserande puer, cum laeta veniret, / invidit Fortuna mihi [...] reso « Proprio te, povero figlio, mi doveva strappare sul punto / di arridermi la Fortuna » ; a 6, 882, per Marcello, Heu miserande puer la resa è « compianto ragazzo » (in prefazione, a p. 11, il traduttore afferma tuttavia « da un “ miserande puer ! ” è facile spunti un “ povero ragazzo ! ” ») ; 9, 641 : Apollo dall’alto dei cieli guardando il valore di Ascanio, che ha appena ucciso di freccia Remulo il quale insultava i Troiani, esclama macte nova virtute, puer ; reso : « Che bel saggio, piccolo, evviva ! ». Infine, 7, 162 ante urbem pueri et primaevo flore iuventus / exercentur equis è reso « davanti alla città bambini e ragazzi allo sboccio / si esercitano a cavalcare [...] ».

21 Questa la traduzione che ne ho proposto : « Me nei sogni ammonisce e atterrisce agitata l’immagine / del padre Anchise, ogni volta che di umide ombre la notte / copre le terre e che sorgono gli astri di fuoco ; / me il giovane Ascanio, e il torto all’amata persona / che defraudo del regno di Espèria e dei campi fatidici ».

22 Per il problema dell’età che viene assegnata al personaggio di Ascanio nel corso dell’Eneide vd. Heinze 1996, p. 205 (ripreso da Giannotti 2012, nota ad 1, 267-273), sulla cui base ho reso l’espressione paraformulare puer Ascanius con « il piccolo Ascanio » in 2, 598 e « il giovane Ascanio » nelle altre occorrenze.

23 Traina 1997, p. 97 ; su questa base ho proposto la traduzione « È lui a sgridare / i suoi compagni esitanti, e poi lo solleva da terra e il sangue insozza i composti suoi lunghi capelli di ».

24 Questo nella terza edizione (2012) ; nella prima si legge la leggera variante « e solleva Lauso da terra, / col sangue etc. ».

25 Il traduttore in questione specifica (p. 11) : « Sarà sufficiente avvertire in anticipo che mi sono concesso più di un anacronismo lessicale ». Penso sia estremamente istruttivo sotto molti rispetti – anche esterni all’Eneide, e concernenti invece ruolo e autoriflessione di un certo tipo di intellettuali di successo oggi in Italia – quanto egli afferma nel seguito : dichiarazioni sul cui merito (e stile) preferisco tuttavia non soffermarmi. A questo celebre nemico dell’« affinché » (puntualizza infatti di non averne mai usati nella sua moderna traduzione) verrebbero da ricordare le parole ‘antiche’ di Carlo Emilio Gadda sulla opportunità di avvalersi di tutti i tesori che la lingua mette a disposizione (nel saggio del 1942 Lingua letteraria e lingua dell’uso, ora in Saggi, giornali, favole ; nell’edizione a cura di Dante Isella, Milano, 1991, si trovano al vol. I, p. 490 s. : « I doppioni li voglio, tutti, per mania di possesso e per cupidigia di ricchezze : e voglio anche i triploni, e i quadruploni, sebbene il Re Cattolico non li abbia ancora monetati : e tutti i sinonimi, usati nelle loro variegate accezioni e sfumature, d’uso corrente, o d’uso rarissimo »). Il tutto procedendo, naturalmente, in regime di buon senso : ma non mi pare che « affinché » possa violarlo. Quello degli anacronismi di traduzione è un punto a cui stare comunque attenti ; possono esservi ragioni specifiche per autorizzarli a intervenire (io stesso ho osato permettermelo per certi dettati spiritosi di Apuleio, traducendone le Metamorfosi) ; ma per lo più rischiano di imporsi quasi inconsapevolmente.

26 Per es. tyrannus è a volte, come sottolinea Traina 1997, p. 85, semplice doppione metrico per rex ; per solito cerco di impiegare « re » o (a mia volta con doppione metrico) « sovrano » (4, 320 « le genti di Libia e i sovrani dei Nòmadi » ; 7, 342 s. « e del re laurente sugli alti / tetti punta » ; 7, 266 – parla Latino, con riferimento a Enea – « mi sarà pegno di pace aver stretto la destra al sovrano »). In altri casi v’è però l’esigenza di rimarcare il carattere dispotico del sovrano : così a 1, 361 (di Pigmalione) : « Viene a raccolta chi aveva un odio crudele al tiranno » ; o a 8, 483 (Evandro, con riferimento a Mezenzio) : « Come evocare le stragi indicibili e gesta efferate / del tiranno ? ».

27 Cfr. Morini 2007, p. 73 : « noi ci limitiamo a osservare che seguire un singolo metodo e perseguire una sola forma di equivalenza in modo esclusivo e aprioristico non rende giustizia alla complessità dei testi e delle situazioni traduttive ». Faccio qui di seguito qualche esempio. Nel V libro non mi è stato possibile trovare una soluzione fissa per le rispettive rese di donum, munus, praemium, nonché palma e honor, ma mi sono di volta in volta regolato a seconda della sfumatura che il contesto sembrava lasciar prevalere (« dono », o « premio »), limitandomi a ‘tendere a’ « dono » per donum e « premio » negli altri casi, tuttavia con eccezioni. Un esempio di condizionamento da microcontesto : per egregius, piuttosto frequente in Virgilio, non ho generalizzato « egregio » (oscillando fra « nobile », « eccellente » e anche eventuali altre soluzioni) ; però in un caso come 5, 296 s. quos deinde secutus / regius egregia Priami de stirpe Diores mi sono sentito tenuto a rispettare il gioco fonico : « e quindi li segue, / regio, dell’egregia stirpe di Prìamo, Diòre ». Per alcune parole troppo generiche, come le forme verbali ait o inquit, non ho cercato una traduzione fissa e costante ; spesso sono in latino impiegate l’una a preferenza dell’altra anche per opportunità metrica. Ho cercato a mia volta di colorarle della sfumatura che mi pareva più appropriata al contesto. Lo stesso ho scelto di fare per brevi formule o para-formule legate a discorsi, che presentavano scarsa differenziazione rispetto a espressioni analoghe (per es. non si troverà coerenza di traduzione fra Sic ore effata di 2, 524, « E questo dicendo » e 3, 463 Quae postquam vates sic ore effatus amico « Dopo che questo svelò con bocca amica il profeta » ; tuttavia « dopo che » è traduzione fissa per il ricorrente postquam a inizio verso). Pur nella ricerca di mantenere a parola uguale costante resa, un problema particolare pongono alcune frasi famose. Miser è per esempio aggettivo frequente e spesso imbarazzante per il traduttore ; relativamente di rado l’ho tradotto con « misero », ma sì a 1, 630 per la notorietà dell’originale, e il desiderio che la resa italiana non se ne scostasse troppo anche sul piano dei significanti. Non ignara mali, miseris succurrere disco : « Non ignara di mali imparo a soccorrere i miseri ». Per virtus ho generalizzato « valore » ; ma l’insistita allitterazione del verso latino 8, 500flos veterum virtusque virum, quos iustus in hostem / fert dolor mi ha come suggerito di mantenere in italiano una parola iniziante per vir- e così ho optato per il calco « virtù », « fiore e virtù di antichi eroi, che un giusto dolore / spinge al nemico ». Per un altro caso delicato, quello dell’aggettivo almus, cfr. la nota di Giannotti 2012 p. 798, ad 10, 439.

28 Naturalmente una simile categoria non ha in linea teorica alcun diritto di essere presa in considerazione ; ma, siccome siamo umani, sarebbe ipocrita ignorarne l’esistenza (e, purtroppo, anche l’incidenza che a volte può assumere). Si leggono in proposito interessanti rilievi in Izzo 1970, p. 382 s., che dedica qualche riga a quella che fu chiamata la « cateratta del traduttore » (un particolare tipo di distrazione, in virtù del quale può capitare che un traduttore pur competente incorra, per fretta o per stanchezza, in grossolani fraintendimenti).

29 Vd. Moskalew 1982 ; di Facchini Tosi 1983 vd. in particolare i capitoli II e III, e, su Virgilio, le p. 29 s. (con cenno alle cinque occorrenze di fluctus in Aen. 1, 102-117) e 88-96 (in particolare sull’Eneide, p. 94-96), 120 s. ; Wills 1996 passim (a Virgilio sono dedicate molte assai interessanti osservazioni nel corso di un po’ tutto il libro ; in particolare si riferiscono a lui le p. 145 s.). 

30 Wills 1996, p. 473 s., come esempio di ripetizione che a un moderno orecchio inglese risulterebbe fastidiosa, produce la descrizione di Cerbero in Aen. 6, 417-423 : Cerberus haec ingens latratu regna trifauci / personat adverso recubans immanis in antro. / Cui vates horrere videns iam colla colubris / melle soporatam et medicatis frugibus offam / obicit ; ille fame rabida tria guttura pandens / corripit obiectam atque immania terga resolvit / fusus humi totoque ingens extenditur antro. Wills segnala che, in calce al passaggio, si potrebbe osservare « The monstrosity of the subject-matter requires emphasis, but is the author unaware of other words for size and scale? Has he not been taught the principle of elegant variation? ». Da parte mia, ho consapevolmente mantenuto tutte le ripetizioni dell’originale : « Cèrbero questi regni assorda latrando imponente / per tre fauci, immane,riverso in un antro di fronte. / E l’indovina, vedendogli ai colli già ritte le serpi, / una focaccia gli getta, con miele, erbe e droghe, di sonno / carica ; e lui, spalancando le tre gole in fame rabbiosa, / quel ch’è gettato ghermisce, e i dorsi immani abbandona, / steso a terra e, imponente, per tutto l’antro è prostrato ». Durante quella che fu la prima recitazione pubblica di un brano della mia traduzione, qualcuno dei presenti avanzò la riserva che vi ricorreva molto spesso la parola « imponente » : era infatti la mia scelta di traduzione riguardo alla nota ossessione virgiliana per ingens, aggettivo che in quel luogo (la morte di Turno : 12, 887-952) registrava in pochi versi quattro occorrenze (12, 888, 896, 897, 927). Per ingens si veda Heinze 1996, p. 523 ; sull’aggettivo è celebre la nota di Henry 1873-1892, vol. III, p. 39-45, con la battuta « Seville’s famous barber was never busier: it is Ingens here, Ingens there, everywhere Ingens ». Vedere anche l’esempio per maestus al contesto delle note 58 e 59.

31 In Virgilio capita abbastanza sovente di veder ricorrere con insistenza un certo vocabolo in un contesto ristretto ; talora mi sono chiesto se non avessimo a che fare con il fenomeno per cui a uno scrittore capita di avere, un certo giorno particolare, una certa rosa di vocaboli specialmente presente alla mente ; ne verrebbe il sapore romantico di una sorta di vago suggestivo indizio sulle stratificazioni compositive.

32 Vd. per es. Moskalew 1982, p. 17 (nell’ambito della sua introduttiva storia degli studi sul punto, con indicazioni dei principali studiosi che ne hanno progressivamente valorizzato l’importanza), e poi l’intero impianto del libro. È il volume di Wills a sviluppare in particolare la dimensione allusiva che possono assumere i vari tipi di figura di ripetizione. Sotto questo rispetto, naturalmente, poco può fare il traduttore se non, occasionalmente, riprodurre con una sorta di fedeltà a calco ciò che ha, con ogni probabilità, intenzionalmente programmato l’autore. Per fare un esempio un po’ eccentrico, ho badato bene a che la parola « Eufrate » rimanesse al sestultimo verso in Aen. VIII, dove la collocazione di quel nome in sestultimo verso è ripetuta da Georg. I e IV(il fenomeno si spiega, nelle Georgiche, con la duplice allusione all’Inno ad Apollo di Callimaco, che presenta in sestultimo verso « il fiume d’Assiria » : Scodel-Thomas 1984, ripreso da Wills 1996, p. 22). Nelle traduzioni linea contro verso questo gioco si è spesso conservato (Calzecchi Onesti, Della Corte, Canali, Oddone, Ramous, Scarcia, Sermonti), forse nella maggior parte delle circostanze più per caso che per consapevole scelta. In altre versioni poetiche (Bacchielli, Vivaldi), o per es. in quella in endecasillabi sciolti di Albini, no. Una traduzione in prosa, naturalmente, non ha a priori la minima opportunità di rispettarlo.

33 Berres 1982 : lo studioso rivendica a p. X la novità del suo metodo e ne stabilisce i criteri operativi. Cfr. anche qui sopra, n. 31.

34 Wills 1996, p. 28-30: 30 « the repeated nate, Iliacis exercite fatis assures us that this passage is a true partner to the words of Anchises’ ghost. Aegeus’ speech provided two images of Theseus: iucundior uita and sufferer of casus. Anchises’ imitation in Book 5 included only the first (uita care magis). But here in Book 3, we find casus in the second line of the speech echoing its position in Aegeus’ second line ». La grande importanza del c. 64 di Catullo come punto di riferimento ispiratore per Virgilio e per alcune delle sue cruciali innovazioni nell’epica romana è ora ribadita dallo splendido studio di Fernandelli 2012a.

35 L’idea mi pare in qualche modo implicata già nella nota a 5, 725 del bel commento di Williams (1960, p. 179 ; vi si segnala naturalmente anche il parallelo di Catullo 64) : « there is the same phrase in Aen. 3. 182, used by Anchises in life to Aeneas ». Oggi forse potremmo ritenere che, anzi, proprio questa identità di frasi evochi una autosuggestione onirica di Enea ; ma non mi sembra una via su cui potesse avviarsi Virgilio.

36 Fra i traduttori italiani che ho potuto vedere, si sono presi cura del problema in questo contingente passo solo i seguenti : Annibal Caro (nel III : « figlio, che segno sei delle fortune / e del fato di Troia » ; nel V : « O figlio amato/ vie più de la mia vita infin ch’io vissi, / figlio, che segno sei de le fortune / e del fato di Troia ». Un poco Bondi, che pur variando la resa dei due passi cerca di mantenere almeno costante la resa di exercite. Lipparini 1928 (la cui traduzione in prosa rende però nate con « figliuolo » nel III e con « figlio » nel V). Vischi in Vischi-Leoni 1930. Miori 1982 (3, 182 : « quindi disse : “ O figlio, travolto dai fati di Troia » ; 5, 724-725 : « “ Figlio, o tu che fin tanto ch’io vissi mi fosti più caro / della mia vita, o figlio travolto dai fati di Troia »). Vergara 1982. E infine Riccardo Scarcia e Mario Ramous, il quale ultimo però raddoppia l’apostrofe a 3, 182 (« Figlio, figlio mio, provato dai fati di Troia ».

37 Cfr. Wills 1996 riportato a nota 34. Su casus non disponiamo purtroppo di una specifica voce nella Enciclopedia virgiliana (sono dedicate al vocabolo una trentina di righe da Rossana Valenti Pagnini, cado, s.v., vol. I, 1984, p. 597-598).

38 L’importanza poetica di questa determinazione di casualità è segnalata dall’articolo di Maurizio Bettini, I fantasmi dell’esilio. Doppi e nostalgia nella parva Troia di Virgilio (Eneide, 3, 294 s.),ora in Bettini 2000, p. 213 s. Per eventuali altre possibili traduzioni di forte, cfr. per esempio Giusto Monaco, Lettura della settima bucolica,in Gigante 1981, p. 247-262 : 249 s.

39 Non voglio procedere a dimostrazioni, sia per mancanza di spazio, sia per non essere nella tentazione di criticare i miei predecessori, dei quali ho condiviso le fatiche. Qualunque lettore potrà rendersene conto autonomamente. Forse sarebbe interessante una ricerca intesa a capire se e quanto in passato questa disattenzione procedesse di conserto con certe svalutazioni estetiche delle ripetizioni (come la teoria di Sparrow 1931, secondo cui in esse si sarebbero dovute individuare imperfezioni, tibicines destinati a essere eliminati nella revisione poi mancata). Ora il passo successivo sarebbe disporre di un interprete attento che traducesse anche le Bucoliche e le Georgiche, mantenendo viva l’attenzione al problema per come si pone sull’arco delle tre opere.

40 Il lettore può procedere da solo agli adeguati riscontri, per esempio per un caso come quello di Haec ubi dicta dedit, anche solo scegliendo la prima e l’ultima delle otto occorrenze, 2, 790 e 12, 441 : perfino una scelta di massima piattezza come « disse » riesce a essere tradita, per incoerenza, con un non meno piatto « detto ciò ». È singolare la coerenza negativa di un apprezzato traduttore, che arriva addirittura, in ambedue i contesti, a non presentare traduzione alcuna della formula (in compenso, negli altri sei, si regola in modo sempre differente). Talora, per conservare il più possibile il segno formulare e anche il suo aspetto cristallizzato e vagamente aulico, mi è sembrato che fosse necessaria qualche scelta un po’ straniata rispetto al linguaggio corrente. Così, per esempio, proprio per il caratteristico haec ubi dicta dedit ho tentato un « dopo che dette quei detti » (cercando poi di cavarmela al meglio – ma ineluttabilmente in regime di compromesso – là dove Virgilio proponesse la formula in versione ridotta o variata : haec ubi dicta a 1 81, 5 32, 5 315, 8, 175, « Dopo quei detti » ; haec ubi deflevit, a 11 59, « Come così lamentò ». Del resto va riprodotto credo anche lo stile talora ellittico di queste formule, che soggiace a una tacita convenzione fra autore e lettore circa la natura rarefatta, artificiosa e stilizzata della solenne dizione epica (sia detto per 1, 559 « Tali parole Ilionèo », con verbo sottinteso).

41 3, 359 Troiugena, interpres divum, qui numina Phoebi / qui tripodas Clarii et laurus, qui sidera sentis :« O tu che sei un nato a Troia, di dèi interprete, in grado / di comprendere i numi di Febo, e i trípodi e il lauro / del Clàrio » ; 8, 117 Troiugenas ac tela vides inimica Latinis : « Nati a Troia tu vedi, e armi nemiche ai Latini » ; 12, 625 s. : hac, Turne, sequamur / Troiugenas, qua prima viam victoria pandit : « Qui, Turno inseguiamo, / qui i nati a Troia, ove prima spalanca la via la vittoria » ; 7, 674 ceu duo nubigenae cum vertice montis ab alto / descendunt Centauri : « come allorché dalla vetta alta di un monte discendono / due centauri nati da nube, lasciando al galoppo [...] » ; 8, 293 pertulerit. « Tu nubigenas, invicte, bimembris […] » « Tu, o invitto, sopprimi di tua propria mano i bicòrpori / nati da nube ». Della ben nota casuale sovrapposizione fra il nome proprio della patria città di Enea e quello comune per « la femmina adulta del maiale » etc., con significato figurato di « donna di costumi sessuali licenziosi » etc. (così s.v. in Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, vol. XXI, Torino, 2002, dove si troveranno segnalate le più antiche attestazioni dell’accezione) trae diretto e smaccato profitto il rifacimento giocoso del Lalli (1632), il cui incipit suona « Io canto l’arme e ’l bravo Capitano, / d’una Troja figliuol, che al Tebbro venne ». Curiosamente, tuttavia, il Lalli si mantiene un passo indietro proprio nei casi di Troiugena (all’occorrenza del l. III non presenta alcuna traduzione, a quella dell’VIII, si limita a « un troian duce », e a quella del XII a « infinito / stuol de’ Trojani »).

42 Personalmente ho scelto di non pormi l’ulteriore problema di fedeltà relativo all’ordine delle parole, se non occasionalmente, là dove mi sembrasse che una determinata collocazione avesse un significato assolutamente da conservare (come esempio segnalo 1, 62-63, dove Virgilio giustappone al grande lutto di Evandro il minimo conforto che potrà dare la partecipazione dei Troiani al suo dolore : solacia luctus / exigua ingentis, che ho reso « minimo, a immenso / lutto, conforto » ; al fine di salvare il gioco, ho qui sacrificato la canonica resa « imponente » per ingens, su cui cfr. nota 30). Le differenze fra le due lingue di partenza e d’arrivo sono troppo rilevanti perché mi potessi impegnare anche in questa direzione con risultati fecondi (almeno, rispetto alle mie capacità). Talora anzi non sono riuscito a risolvere problemi contingenti se non conservando, sì, uguale traduzione per il segmento costante, ma con il dislocarla in diversa posizione nel verso : si veda il caso delle Iliades più oltre (al contesto delle note 58-59).

43 In effetti, per essere davvero precisi, avrei dovuto salvare anche il frequente costrutto et… et… (come talora, seppur di rado ho fatto ; in merito rimando a Fo 2012, p. XCIV) : 3, 343 « l’incita e il padre Enea, ed Ettore, zio materno ? » ; 12, 400 « t’inciti e il padre Enea, ed Ettore, zio materno ». Tuttavia il verso del III avrebbe infine presentato troppe e, con l’aggravante di una ambiguità di funzione proprio a carico della prima e conservata. Un altro rapido esempio attinto ai materiali che, ad altro proposito, esamino in queste pagine : si veda il caso della variazione fra 9, 612 semperque recentis / comportare iuvat praedas et vivere rapto e 7, 748 semperque recentis / convectare iuvat praedas et vivere rapto riportato oltre, a nota 56.

44 Fra tutti gli altri traduttori in versi e in prosa che ho potuto vedere, ha tenuto conto del problema solo Albini 1938 (in ambedue i casi « Entrati e avuta del parlar licenza ») ; Pratellesi 1930 non ne tiene pienamente conto, ma i due passi presentano una traduzione simile (p. 23 e 379). Vergara 1982 mantiene il segmento sostanzialmente costante ma varia i pronomi (1, 520 « Quando gli venne concesso d’entrare e parlar di persona » ; 11, 248 « Quandoc ivenne concesso d’entrare e parlar di persona »).

45 Fra le principali traduzioni italiane ben poche hanno prestato attenzione alla difficoltà, anche laddove non fossero condizionate da gabbie metriche, e dunque risultassero libere di rendere con tutta comodità un’identità di tessitura. L’Alfieri, pur fra incoerenze, tiene un qualche conto del parallelo (nel passo del V : « le tese / braccia nervose spumeggiar fan l’onde / sossopra volte ; e in quattro solchi immensi / vedresti il mar sprofondarsi, squarciato / tutto dai remi e triforcuti rostri » ; nel passo dell’VIII : « L’un l’altro incontro corrersi i navigli / tutti vedresti, e il vasto mar squarciato / da remi e rostri triforcuti, e tutto / sobbollire spumante »). Albini 1938 rende il passo del V con « il nautico clamore / giunge al ciel, spuman da’ ritratti polsi / attorte l’acque. Affondan solchi a prova / e tuttoquanto schiudesi da’ remi / rotto e da’ rostri tridentati il mare » e quello dell’VIII con « Tutti a l’urto precipitano, tutto / solcato spuma da’ ritratti al petto / remi e da’ rostri tridentati il mare ». In Vivaldi 1962 quasi uguale è la resa di 5, 142-143 (che per lui è 5, 154-155 « Tracciarono solchi paralleli e il mare s’aprì / sconvolto dai remi e dai rostri a tre punte ») e 8, 689-690 (per lui 8, 803-804 « Tutte le forze cozzano insieme, il mare spumeggia / sconvolto da tanti remi e dai rostri a tre punte ») ; Miori 1982, pur non avendolo pienamente risolto, sembra avere tenuto conto del problem a : 5, 143 s. « grandi solchi squarciano il mare che s’apre sconvolto / dalla forza dei remi e dal triplice dente dei rostri » ; 8, 689-690 : « Corrono tutti allo scontro ed il mare freme e sussulta, / dilacerato dai remi e dal triplice dente dei rostri ». Riccardo Scarcia sottolinea in nota il ricorrere del verso e, pur non esibendone, nella sua traduzione linea contro verso, una versione identica, bada a tradurre in modo uguale i segmenti uguali : 5, 143 s. « scavano all’unisono solchi, e tutta quanta si fende / la distesa sconvolta dai remi e dai rostri a tre denti » ; 8, 689-690 : « Tutti in una allo scontro e la distesa tutta a schiumare / sconvolta dai remi ribattuti e dai rostri a tre denti ».

46 Cfr. sopra, nota 15 e contesto.

47 A quest’ultimo significato mi sono più apertamente attenuto nel passo sopra ricordato di 8, 689-690. Il brano del IV libro va inoltre tradotto tenendo presenti, fra le altre occorrenze di ruo, almeno altri due passi cruciali del II libro : le parole di Ettore apparso in sogno a Enea Hostis habet muros ; ruit alto a culmine Troia (2, 290 « Il nemico è sui muri, dall’alto suo culmine Troia / crolla »), e la dolente constatazione di Enea Urbs antiqua ruit multos dominata per annos (2, 363 : « Crolla un’antica città, che fu sovrana tanti anni »).

48 Ben poche fra le traduzioni italiane correnti hanno affrontato il problema, anche laddove non fossero condizionate da gabbie metriche e dunque risultassero libere di rendere con tutta comodità un’identità di tessitura. Quelle che ne hanno maggiormente tenuto conto sono la traduzione di Vergara 1982, che mantiene uguali 4, 673 e 12, 871 (« mentre si segna il volto con l’unghie ed il petto coi pugni »), ma elimina il problematico soror di 12, 871 ; a 11, 85-86 ha « Portano il misero Acete consunto dagli anni, che a tratti / va tormentandosi il petto coi pugni e il viso con l’unghie ». Inoltre, quella linea contro verso di Scarcia (che replica identici i versi di IV e XII, ma traduce con incoerenza foedans a 11, 86) ; e poi, con minore attenzione, la traduzione in prosa di Carena, e le traduzioni di Luca Canali e della Calzecchi Onesti (quest’ultima, fra l’altro, omette il soror del XII, e rende quello del IV sostituendovi il nome proprio « Anna » : una soluzione che mi aveva tentato, ma che alla fine ho respinto, nel tentativo di rispecchiare in italiano la stessa complessiva distribuzione dei nomi propri che figura nel testo latino).

49 Quest’ultimo è per esempio il caso di 5, 94-99, che ho reso « Tanto più al padre rinnova i tributi intrapresi, ed è incerto / se ritenerlo un genio del luogo o un ministro del padre ; / e sacrifica due bidenti, secondo il costume, / e altrettanti maiali e giovenchi dai neri mantelli ; / e dalle coppe vini effondeva e l’anima e i Mani / del grande Anchise invocava, su dall’Acheronte evocati ».

50 In passato mi sono trovato a parlare, per questo tipo di approccio, di « traduzioni-glossa » (nella prefazione alla mia traduzione delle Metamorfosi di Apuleio, p. XLV s. della ristampa, con qualche correzione, uscita presso Einaudi nel 2010) ; ma ho preferito modificare un poco l’espressione per evitare sovrapposizioni con un’etichetta già invalsa nel settore degli studi di traduzione con un significato leggermente diverso (si veda Morini 2007, p. 67 e 75).

51 Naturalmente, mi ha molto aiutato in proposito lo specifico studio di Gian Biagio Conte, Anatomia di uno stile : l’enallage e il nuovo sublime, in Conte 2007, p. 5-63, che fra l’altro a più riprese richiama come il lettore di Virgilio debba essere un lettore « vigile » (p. 51 ; cfr. Fo 2012, p. LXXVI, nota 45).

52 Queste le rese da me sperimentate : 6, 1 Sic fatur lacrimans classique immittit habenas, « dice così fra le lacrime e scioglie le briglie alla flotta » ; 9, 349-350 Purpuream vomit ille animam et cum sanguine mixta / vina refert moriens, « vomita quello purpurea l’anima, e vini, morendo, / misti col sangue rigetta ».

53 Per il famoso verso ho tentato la resa « Sotto la notte sola, andavano oscuri per l’ombra ». A rigore, l’aggettivo solus con valore di « connotato da solitudine », potrebbe riferirsi a nox linearmente, senza cioè una particolare intenzione di ornato. Ritengo tuttavia che qui Virgilio abbia volutamente scambiato epiteti propri, per ottenere una sorta di doppia enallage incrociata : da un lato ibant obscuri (con trasferimento dell’idea di oscurità dalla notte ai protagonisti), dall’altro sola sub nocte (con trasferimento dell’idea di solitudine, o piuttosto della condizione di solitari, dai protagonisti alla notte). La pensa così, fra gli altri, anche Luciano Lenaz, solus, s.v. in EV, IV, 1988, p. 933-934 (che ricorda anche come la famiglia γ dei mss. legga soli). Ritengo che questo passo abbia avuto un notevole rilievo nell’invenzione della « selva oscura » all’inizio dell’Inferno dantesco ; cfr. in particolare i v. 270-271 quale per incertam lunam sub luce maligna / est iter in silvis, ubi caelum condidit umbra / Iuppiter, et rebus nox abstulit atra colorem ; « quale, a una luna incerta, sotto una luce maligna, / è un viaggio in una selva, allorché Giove il cielo nell’ombra / ha nascosto, e una fosca notte ha sottratto i colori » (per il vocabolo silva mi sono in generale mantenuto su una certa elasticità di rese : qui l’avevo dapprima tradotto con « foresta », metricamente più vantaggioso ; in seguito mi è parso invece doveroso adibire « selva », proprio per conservare l’immediato richiamo della parallela « selva oscura » dantesca, che ritengo ne discenda) ; cfr. anche Fo 2011, p. 103. La traduzione di questo celebre verso è discussa anche in Berman 2003, p. 105-107 (cfr. Gino Giometti in Berman 1997, p. 255). Lungo la linea interpretativa che scorge in questo passo un’enallage doppia, ho, pur con qualche incertezza, preferito sentire come una enallage anche i sola nemora lungo i quali Metabo in fuga, stringendo a sé la piccola Camilla, fa perdere le proprie tracce : 11, 544-545 ipse sinu prae se portans iuga longa petebat/ solorum nemorum, che ho reso « lui la portava sul petto, spingendosi ai gioghi infiniti / di boschi soli » (mentre a 11, 569 pastorum et solis exegit montibus aevom ho reso « e dei pastori sui monti deserti trascorse la vita » ; questo passo presenta fra l’altro un differente problema di ambiguità, su cui Giannotti 2012 ad locum).

54 Anche con l’espressione pleno spumantis sanguine rivos Virgilio potrebbe, in realtà, essere partito dall’idea di un’enallage doppia e incrociata : da un lato il sangue spumeggiante, dall’altro i fiumi che ne sono ricolmi, per un risultato finale che assegna plenus al sanguis e spumans ai rivi. Tuttavia, siccome spumans può a buon diritto riferirsi direttamente e naturalmente a corsi d’acqua, non è a rigore sicuro che qui il passaggio si lasci ricostruire in questi termini. Sulla predilezione virgiliana per il dikolon abundans o « tema e variazione » rimando per comodità a Fo 2012, p. LXXV con relativa bibliografia.

55 Questi gli altri casi : 2, 718-719 me bello e tanto digressum et caede recenti / attrectare nefas « io, che ora vengo da tanti scontri e da stragi recenti, / commetterei sacrilegio a toccarli » ; 2, 395 spoliis se quisque recentibus armat « ciascuno si arma di spoglie recenti » ; 7, 748 semperque recentis / convectare iuvat praedas et vivere rapto « e provano gioia all’accumulo / di prede sempre recenti e a vivere con il saccheggio », quasi identico (la variazione è minima) a 9, 612-613 semperque recentis / comportare iuvat praedas et vivere rapto « e gioia è l’ammasso / di prede sempre recenti, e vivere con il saccheggio » ; 6, 873-874 vel quae, Tiberine, videbis funera, cum tumulum praeterlabere recentem « O che funerali, / Tevere, tu, scorgerai, trascorrendo alla tomba recente » ; 11, 233 tumulique ante ora recentes « e i recenti tumuli sotto lo sguardo ».

56 Un problema particolare si propone con la ripetizione di caedes. In un primo momento avevo tradotto i versi precedenti « Né minore è nel campo il lutto a trovarvi Ramnète / dissanguato, e tanti fra i primi ammazzati in un’unica / strage, e Numa e Serrano » : in questo caso avrei avuto una seconda volta « strage » in forte enjambement (e, a separare le due occorrenze, l’ulteriore enjambement di « corpi »). Virgilio ripete sì a breve distanza caedes, ma in sedi distinte del verso ; una simile resa non mi è parsa dunque sostenibile. Per togliere « strage » dal primo metron del v. 454 ho dovuto ritoccare il tutto, e la soluzione meno dura mi è sembrato collocare in quella sede un verbo per « uccisi, ammazzati » (peremptis), che fosse però bisillabo e accentativamente discendente. Allo stato attuale, il ricorso a « spenti » ha certo contribuito a incrementare nel contesto fonico le forme in -nt-, cosa che potrebbe rappresentare un vantaggio in direzione degli accumuli di consonanze, ma anche rovesciarsi in un eccesso (trattandosi per di più di consonanze facili, derivanti da aggettivi verbali ; ricordo che « imponenti » è per me scelta obbligata, in quanto resa prestabilita per ingens). Scendo così nel dettaglio, anche a costo di espormi a possibili critiche circa le mie capacità di traduttore, perché ritengo importante illuminare la complessità della rete di questioni che, su più fronti e contemporaneamente, il traduttore ha secondo me il dovere di valutare.

57 Tuttavia anche in questo caso si tratta di una tendenza ; per es. a 12, 110-111 la situazione rende Iulo, più che « dolente », « preoccupato, ansioso, angosciato, angustiato », e di conseguenza ho tradotto : « Quindi consola i compagni e il timore di Iulo angustiato / col richiamare i fati ».

58 Fernandelli 2007 ; purtroppo questo bel saggio non è stato ripreso nell’eccellente volume in cui Fernandelli ha raccolto, rielaborato e sviluppato alcuni suoi passati studi virgiliani (Fernandelli 2012).

59 Si veda Servio, ad Aen. 8, 96 : ostendit adeo perspicuam fuisse naturam fluminis, ut in eo apparerent imagines nemorum, quas Troianae naves secabant ; l’esegesi è seguita da numerosi commentatori virgiliani, segnalati ora da Fernandelli 2007, nota 1, il quale porta nuovi argomenti in favore di questa interpretazione.

60 Per la dossografia vd. Fernandelli 2007, p. 95 (cfr. anche p. 98 e 100).

61 Per le mie traduzioni omeriche, cfr. : Omero, Iliade, trad. e cura di Daniele Ventre pref. di Luigi Spina, Messina, 2010 ; Omero, Odissea, trad. e cura di Daniele Ventre, pref. di Vincenzo Pirrotta, Messina, 2014 (entrambe edite da Mesogea). Quanto detto nell’articolo riassume il mio intervento in corso di pubblicazione, dal titolo, L’hexamètre dans la traduction italienne de l’Iliade, per il convegno sulle traduzioni in esametri in lingue moderne indetto nel 2013 dal prof. Philippe Brunet, traduttore in esametri francesi dell’Iliade (Paris, 2010).

62 L’edizione, su sei colonne parallele, fu preparata, come è segnalato nel colophon, in occasione della « celebrazione del bimillenario d’Augusto », e ne « vennero stampate millecento copie numerate dal N. 1 al N. 1100 ». Ho potuto acquistarne per pochi euro in internet l’« esemplare N. 492 », che mi è parso opportuno mettere a disposizione degli studiosi, facendone dono a quella che, nell’imminenza dello smantellamento delle « Facoltà », era ancora, nel momento in cui scrivevo, la Biblioteca della Facoltà di Lettere dell’Università di Siena, e ora si chiama Biblioteca di Area Umanistica dell’Università di Siena : vi è conservato con la segnatura RARI 870 28). A p. IX la prefazione si apre con la citazione in epigrafe di Dante Inferno 4, 81 « L’ombra sua torna [...] », cui seguono immediatamente le parole « Sì, oggi ritorna nello splendore del suo sublime messaggio il poeta dell’Urbe, nella rinnovata atmosfera imperiale, mussoliniana ; figura più che mai viva e attuale [...], simbolo della poesia che fissa nelle forme imperiture del bello il travaglio secolare dei popoli missionari ».

63 La traduzione è in esametri barbari di tipo altrove definito dall’autore « exprosodico » (vd. Vergara 1978, p. 29-30, 87 e 163). Per uno strano caso del destino, cercando in rete il libro di Francesco Grassi ho potuto acquistarne in antiquariato, grazie al sito Maremagnum.com, la copia che appartenne a un altro traduttore barbaro di Virgilio, Luciano Vischi (in frontespizio, suo timbro ex libris ; presumibilmente di Vischi i pochi segni a matita in margine e la sistematica indicazione, a matita rossa, del numero romano di libro in testa alle pagine pari ; l’edizione manca infatti di titoli correnti, oltre che, purtroppo, anche della numerazione dei versi). Così, questa copia di una rara traduzione barbara è passata per le mani di (almeno) due successivi traduttori barbari dell’Eneide. Perché le sia più agevole proseguire la sua carriera, segnalo che i futuri interessati la potranno reperire presso la ricordata Biblioteca di Area Umanistica dell’Università di Siena (cfr. nota 63) con la collocazione RARI (A) A 98.

64 Nel suo profilo biografico di questo oscuro traduttore, Asciamprener 1937, p. XXI-XXII, scrive impietosamente : « Noi diremo che al Guidiccioni importava di sfoggiare il suo eloquio toscano, senza rendersi conto dello spirito particolare dell’Eneide e delle gravi difficoltà del suo assunto. Il suo tentativo è un documento preciso del cattivo gusto e della tronfia boria letteraria del secolo : e però questa traduzione, la ristampiamo, evocando forse immeritatamente, ma necessariamente un nome dal suo polveroso silenzio ». Asciamprener non precisa a quale data risalga la traduzione di Guidiccioni, sul quale aggiunge poche notizie faticosamente reperite (fra le quali che era di « un’antica e nobile famiglia di Lucca », e che « morì il dì 7 luglio dell’anno 1643 in età di 61 o 63 anni »). Cfr. Michele Di Monte, Guidiccioni, Lelio, s.v., nel Dizionario biografico degli Italiani, vol. 61, Roma, 2004, che cito dalla versione online : « Nel 1637 il G. dedicò al suo nuovo protettore, il cardinale Barberini, un volume di Rime, composte in circostanze diverse e intese evidentemente ad attestare le proprie credenziali di poeta e letterato a pieno titolo, visto che egli stesso riconosceva nella dedica di essere a Roma “ a pena noto agli amici in latino ” (c. 3v). Nel volume era pure inclusa la traduzione da lui curata dei primi sei libri dell’Eneide, accompagnati da lettere e discorsi in difesa di Virgilio, di cui il G. fu strenuo ammiratore. Questo materiale confluì poi in un’edizione completa stampata qualche anno dopo dal Mascardi, nel 1642, con il titolo di Eneide toscana ». Cfr. anche Paoloni 2004, p. 34 s.

Haut de page

Table des illustrations

Légende * Ho incluso il rifacimento di Lalli fra le traduzioni, adottando un’ottica compatibile con quella dei contemporanei : si veda giudizio di Beverini, il quale trova che, dopotutto, addirittura il poema di Lalli « serve quanto qualsivoglia altro all’intelligenza [del testo] » per la « felicità d’espressione de’ sensi anco più oscuri » (Beverini 16832 : †6v-†7r = Eneide | di Virgilio | di | Bartolomeo Beverini. | Alla sacra Cesarea maestà | dell’imperator | Leopoldo I | Cesare Augusto. | in Lucca & in Bologna | per Gioseffo Longhi | MDCLXXXIII [16801]).** Seguono le edizioni dei vari traduttori, ordinate secondo la prima edizione nell’arco secolare (fra parentesi i numeri di riferimento di Leoncini e al. 1981. Per maggior completezza, ho creduto di dovere segnalare, pur senza farla entrare nel novero, per la sua disparità, l’esposizione in prosa toscana di Fabbrini e Venuti, che ha accompagnato in margine moltissime edizioni scolastiche di Virgilio fra Cinque e Settecento (rintracciabili in Mambelli 1954). Per il Cinquecento sono aggiunte anche le edizioni segnalate da Kallendorf (1994) […]).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Alessandro Fo, « La giornata di un traduttore : appunti da un viaggio nell’Eneide », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 129-1 | 2017, mis en ligne le 27 septembre 2017, consulté le 17 novembre 2017. URL : http://mefra.revues.org/4195

Haut de page

Auteur

Alessandro Fo

Università di Siena, alessandro.fo@unisi.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org