Navigation – Plan du site
Régler l'usage : norme et standard dans l'Italie préromaine

Interferenza e concorrenza di modelli alfabetici e sistemi scrittori nell’Etruria arcaica

Daniele F. Maras

Résumés

Ci si propone di aggiornare i nostri dati concernenti il sistema alfabetico etrusco arcaico. Per la fase più antica, interessanti possibilità vengono dall’approfondimento dello studio della classe dei kyathoi di bucchero ed impasto rinvenuti a Caere e in diversi centri dell’Etruria settentrionale, che consentono di dare credito all’ipotesi che la scrittura sia stata trasmessa verso nord nell’ambito dei rapporti gentilizi tra l’aristocrazia ceretana e quelle delle città dell’Etruria settentrionale, in special modo Vetulonia. Tra la fine del VII secolo e la prima metà del VI, l’attività della scuola scrittoria di Portonaccio a Veio dimostra l’avvenuto spostamento del ruolo promotore nella trasmissione di fatti culturali e di scrittura dall’ambito aristocratico al santuario. Solo nella seconda metà del VI secolo, si può parlare di una compiuta riforma meridionale del sistema scrittorio, che comporta l’adozione del tsade per la sibilante marcata, che coinvolge anche Veio e almeno inizialmente Caere.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Colonna 1976.

1Non è senza una certa emozione che prendo la parola su un argomento che già quasi quarant’anni fa fu materia del mio maestro G. Colonna, nell’ambito delle giornate di studi su « L’etrusco arcaico », ponendo le basi per la ricerca successiva sulla storia della scrittura nell’Etruria arcaica1.

2In realtà, il quadro generale da lui delineato in quella sede, non è stato cambiato nella sostanza dalle successive scoperte, anche se è possibile apportare qualche aggiornamento e tentare alcune nuove ipotesi ricostruttive.

  • 2 Cfr. Maras 2009a, p. 309 s.

3Per quanto riguarda l’epigrafia etrusca arcaica, in tempi assai recenti presso l’Università di Roma « La Sapienza », ho avuto modo di avviare assieme allo stesso Prof. Colonna un progetto di ricerca a più mani dedicato alla ricostruzione dei modelli alfabetici utilizzati nei diversi centri dell’Etruria meridionale e ad un loro inquadramento storico per fasi d’uso2.

  • 3 Maras 2002-2003.
  • 4 A. Candeloro, Epigrafia volsiniese arcaica. Studio paleografico, Tesi di dottorato inedita, 2005.
  • 5 D. Savoca, Alfabeti e sistemi scrittori di Caere dal VII secolo a.C. alla prima metà del VI secolo (...)
  • 6 Maras 2009a, 2009b e 2009c, e v. anche Attenni - Maras 2004. Di questo lavoro, che dura ormai da al (...)

4A tale progetto sono afferite la mia tesi di Specializzazione sulla scrittura veiente (2002/03)3 – derivante dall’osservazione del materiale raccolto per il fascicolo del CIE su Veio –, la tesi di laurea di Anna Maria Candeloro sull’epigrafia orvietana tra VI e V secolo a.C. (2004/05)4 e quella triennale di Daniela Savoca sulla scrittura cerite di VII secolo a.C. (2008/09)5. Oltre a questo, infine, ho avuto modo di applicare gli stessi metodi di ricerca al corpus epigrafico latino arcaico e di confrontare i risultati con l’area etrusco-meridionale, con alcuni interessanti spunti di riflessione6.

5Nella ricerca sulla formazione di uno o più standard che informino le norme d’uso della scrittura etrusca arcaica, può essere utile riportare qui alcune constatazioni che sono state possibili grazie al lavoro svolto in questi anni.

  • 7 Cfr. Maras 2009a, p. 309 s.
  • 8 Cfr. in generale Prosdocimi 1990, p. 158 s.
  • 9 Cfr. Maras 2009a, p. 310 s.

6A livello teorico e come base di lavoro, si è ritenuto utile distinguere e definire i due concetti fondamentali di « modello alfabetico » e « sistema scrittorio », con i quali si definiscono gli elementi necessari ed indispensabili per l’applicazione pratica della scrittura7. Con « modello alfabetico » si intende il patrimonio di segni con le rispettive varianti da utilizzare per la trascrizione dei suoni della lingua parlata ; con « sistema scrittorio » si indica un insieme di usi grafici, che a volte assumono la forza di vere e proprie norme, che regolano l’applicazione della scrittura da parte di un gruppo umano per la rappresentazione dei suoni della propria lingua8. La distinzione – che comporta una serie di corollari e di definizioni aggiuntive che non è questa la sede per esporre – è funzionale all’analisi dei corpora epigrafici considerati, dal momento che ad uno stesso sistema scrittorio in evoluzione, può corrispondere più d’un modello alfabetico in uso contemporaneamente nella stessa area, come è stato riscontrato9.

  • 10 Maras 2009a, p. 310, con riferimento a Id. 2002-2003.

7In altre parole, gruppi diversi in una medesima comunità di scriventi possono selezionare diversamente i segni e le varianti da utilizzare ed effettuare delle scelte grafiche caratterizzanti, a volte decisamente opposte. Un esempio concreto piuttosto significativo è stato osservato a Veio, dove sono stati individuati due modelli tra la seconda metà del VII e l’inizio del VI secolo a.C., in uso contemporaneamente nella città e facenti capo rispettivamente alla scuola scrittoria del santuario di Portonaccio e ad una diversa scuola attiva nell’area urbana (fig. 1)10.

Fig. 1 - Modelli alfabetici A e B in uso a Veio tra VII e VI secolo a.C., con i corrispondenti tipi caratterizzanti ed il numero di attestazioni (da Maras 2002-2003).

Fig. 1 - Modelli alfabetici A e B in uso a Veio tra VII e VI secolo a.C., con i corrispondenti tipi caratterizzanti ed il numero di attestazioni (da Maras 2002-2003).
  • 11 Cfr. Maras 2002-2003 ; ma v. Colonna 1976 (2005), p. 1613 s., e Prosdocimi 1990, p. 195 s.

8Un altro elemento piuttosto interessante, riscontrato nell’analisi dei corpora epigrafici arcaici, è l’osservazione che di regola gli alfabetari risultano al di fuori della norma grafica in uso, dal momento che spesso vi compaiono varianti anomale, che a volte anticipano tipi grafici che si diffonderanno solo molto tempo dopo, oppure ripescano antichi tipi ormai in disuso11.

9Se ne può dedurre che il patrimonio di scuola (modello alfabetico) cui essi attingono sia più ampio di quello selezionato per l’applicazione della scrittura e soprattutto che la scelta dei tipi grafici da rappresentare in una sequenza alfabetica non è dettata dallo stesso criterio che informa la grafia utilizzata normalmente. In questa scelta senz’altro influisce la mancanza della necessità di comprensione del messaggio (la funzionalità grafica dell’alfabetario è di percezione immediata), che lascia lo scriba libero di ricorrere a particolarità grafiche « affettive » o erudite.

  • 12 Cfr. Colonna 1970 (2005), p. 1590 s., e Id. 1976 (2005), p. 1608 s.

10Veniamo finalmente alla formazione degli standard epigrafici arcaici, dai quali dipende l’evoluzione del sistema scrittorio etrusco a partire da quello euboico-calcidese originario, su cui si sono innestate innovazioni ed apporti da altre tradizioni12.

  • 13 Cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1608 s.
  • 14 Cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1611, e Prosdocimi 1990, p. 210 s. ; v. anche Maras 2012, p. 106 s.

11Nella sua prima fase, tra l’VIII e i primi decenni del VII secolo a.C., la storia della scrittura etrusca non sembra avere avuto evidenti segni di trasformazione o di codifica di nuove norme applicative13. Il sistema scrittorio è ancora sostanzialmente quello greco, con i soli adattamenti riguardanti la selezione delle lettere da utilizzare tra quelle in uso nella scrittura greca (tralasciando per il momento le lettere morte o, meglio, quiescenti) e la riduzione del gamma a velare sorda, ampliando una « norma delle velari » già in parte sottostante all’uso del qoppa14.

  • 15 Prosdocimi 1990, p. 164 s.

12Secondo l’ipotesi di A. L. Prosdocimi, tali adattamenti grafici vanno attribuiti ancora all’ingerenza dei maestri greci, ai quali si deve la prima fase di sviluppo e di « rodaggio » della scrittura etrusca15.

  • 16 Colonna 1976 (2005), p. 1609, e v. anche Prosdocimi 1990, p. 212 s.

13Dal punto di vista delle necessità grafiche dell’etrusco, va notato che in questa fase è in uso un solo segno grafico per la sibilante – il sigma a tre o quattro tratti (o multilineare a Veio : CIE 6710)16.

  • 17 REE, XLV, 1977, n. 28 (θavhna).
  • 18 Cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1609.

14I primi accenni ad un periodo di sperimentazione grafica e di riflessione sulla lingua e sulla scrittura in Etruria risalgono al primo quarto del VII secolo a.C., quando si registra la comparsa del digramma hv/vh per /f/17, di probabile matrice corinzia18. Solo lentamente, quindi, all’interno di un dominio epigrafico unitario comune a tutta l’Etruria meridionale, iniziano a differenziarsi le caratteristiche scrittorie di diversi centri.

  • 19 Cfr. G. Colonna, in Etrusco arcaico 1976, p. 49.

15In questa fase, prima dell’avvento della cultura santuariale, alla quale afferiranno le scuole scrittorie a partire dalla fine dell’età orientalizzante19, un ruolo propulsore nella codificazione della scrittura sembrano aver avuto le cancellerie delle famiglie aristocratiche. Ad esse infatti si può ragionevolmente attribuire tanto una certa volontà di differenziazione per marcare la propria autonomia culturale, quanto la possibilità di influenzare altri ambienti collegati tramite il prestigio goduto dalla gens all’ombra della quale operavano gli scribi.

  • 20 Sciacca 2003, p. 115.

16Date tali premesse, può essere particolarmente interessante tornare a prendere in considerazione il gruppo dei sontuosi kyathoi di bucchero ed impasto decorati con tecniche diverse, di cui recentemente è stata ribadita l’originaria pertinenza ad una produzione ceretana, poi esportata in ambito vetuloniese, ed è stata rialzata la cronologia dei primi esemplari alla metà del VII secolo, se non al decennio precedente20.

  • 21 Riprendo qui la lista già compilata da A. Maggiani, in REE, 73, 2009, p. 374 (con ulteriore bibl.), (...)

17La classe conta ormai almeno quindici attestazioni epigrafiche, distribuite in otto diversi luoghi di ritrovamento21.

18Caere :

  • 22 Sciacca 2003, p. 93 s., n. 26 ; v. ora anche Maras 2009d, p. 285 s.
  • 23 Sciacca 2003, p. 106, n. 3.

191. tomba Calabresi22 : mini ceθuma mi maθuma ramliśiaiθi purenaieθe eraiśce epana mi neθunaśta vhelequ
2. S. Paolo, tomba 123 : [mi]ni venel paiθina[ie mu]luvnice

20Vetulonia :

  • 24 Sciacca 2003, p. 106, n. 4 ; CIE 12097.
  • 25 CIE 12099.

213. tomba del Duce24 : nac eme uru iθal θil en iθal iχ eme mesna mer tanśina mulu
4. tomba dei Balsamari (Poggio alle Birbe)25 : [mini v]ẹnel p[aiθinaie ? ---]×[---]

  • 26 Cappuccini 2007, p. 218 s., e Id., in REE, 73, 2009, n. 51.

22S. Teresa di Gavorrano26 :

235. mini l[a]uχu[s]hie paiθin[a]ś muluvan[ice] mlak[as]

  • 27 Nielsen - Tuck 2001, p. 53 s., n. 16 e 17, e Wallace 2006.

24Poggio Civitate di Murlo27 :

256. [--- mulu]vaṇ[ice ?]
7. mi[ni ---]ụr paiθinaie [mul]ụṿ[ani]ce

26Tolle :

  • 28 G. Paolucci, A. Maggiani, in REE, 73, 2009, n. 41.
  • 29 Ibid., n. 42

278. tomba a ziro 45628 : a[---]×χuva ni puraieś pisnaś b[---]n[---]×[---]
9. tomba a ziro 56329 : [---]śpazua×[---]ịaḷ[---]

28Casale Marittimo (edificio b) :

  • 30 Esposito 1999, p. 27, fig. 12.
  • 31 Ibid., p. 27, fig. 12, se non si tratta della stessa iscrizione : cfr. G. Colonna, in REE, 70, 2005 (...)
  • 32 A. Maggiani, in REE, 73, 2009, n. 96.
  • 33 Ibid., n. 97.

2910. [mini ---]e p[aiθina ? ---]30
11. [---muluv]an[ice ?---]31
12. hṿ[---]śi aχavi[sur ---]32
13. [---]ẹvlθụ[r --- m ?]ini ka[---]33

30Monteriggioni :

  • 34 Sciacca 2003, p. 106, n. 5.

3114. necropoli del Casone, tomba 15034 : mini muluvanice vhlakunaie venel

  • 35 De Marinis 1980, p. 59, n. 23.

32S. Angelo a Bibbione, Podere Borghetto35 :

3315. miṇ[i ---]e [aiθina ? --- mla ?]ḳ×[ ?]

  • 36 Sciacca 2003, p. 106 s., e spec. p. 115-118.
  • 37 Sciacca 2003, p. 115 s.

34Lo studio dei contesti di ritrovamento e l’inquadramento dei vasi iscritti entro una classe, che comprende anche esemplari anepigrafi e produzioni affini di bucchero a rilievo, ha permesso a F. Sciacca36 di aprire la strada per l’attribuzione di un gruppo di kyathoi – forse leggermente più antichi – ad una specifica officina ceretana che ha lasciato traccia del proprio operato nella tomba Calabresi (1), nella tomba II del tumulo di Montetosto e a Chiusi in località Celle37.

  • 38 Ibid., p. 116.

35A una produzione affine si attribuiscono i kyathoi iscritti della tomba del Duce di Vetulonia (3) e della tomba 1 di S. Paolo (2), per i quali si è pensato con verosimiglianza ad un artigiano attivo a Vetulonia, ma formato alla scuola della bottega ceretana ; e allo stesso ambito potrebbe essere rimandato il kyathos di Monteriggioni (14)38.

  • 39 Cfr. già G. Colonna, in REE, 70, 2004, p. 331 s.

36Per gli altri vasi, in attesa di disporre di un’adeguata analisi tecnico-stilistica e del corpo ceramico, si può scegliere se propendere per l’officina originaria o per quella derivata, anche se l’attribuzione del vaso di Caere-S. Paolo (2) alla seconda rende estremamente probabile che tale ipotesi vada estesa anche agli altri vasi riferibili alla gens paiθinaie (5, 7 e forse 4, 10 e 15)39.

37Nonostante la necessità di attribuire i vasi a due diverse officine, le caratteristiche grafiche delle iscrizioni ne fanno un gruppo particolarmente omogeneo, che spicca rispetto al panorama epigrafico dell’epoca (specialmente a Caere), per la quantità e l’entità delle innovazioni adottate, che segnatamente sembrano configurarsi tutte in senso ellenizzante, nonostante la provenienza eterogenea (fig. 2).

Fig. 2 - Serie alfabetica teorica ricavata dalle iscrizioni dei kyathoi della serie Caere-Vetulonia.

Fig. 2 - Serie alfabetica teorica ricavata dalle iscrizioni dei kyathoi della serie Caere-Vetulonia.
  • 40 Colonna 1970 (2005), p. 1601 ; v. anche Cristofani 1969, p. 105 e 110 s., con la precedente ipotesi (...)

38Si consideri la forma del gamma a uncino, che recupera l’antico segno della serie euboica, documentato altrove in Etruria solo dall’alfabetario di Marsiliana d’Albegna, o quella del theta a circolo vuoto o puntato, che forse rimanda ad area ionica40, o ancora l’adozione del segno a M per la sibilante, di marca corinzia, sul quale ritorneremo più avanti.

39È senz’altro verosimile che la peculiarità della grafia utilizzata sia il frutto dell’opera di un singolo scriba, ma il notevole successo che alcune di queste innovazioni avrebbero avuto in determinati ambienti nei decenni successivi non può non essere messo in relazione con l’esistenza di una cerchia o meglio di una vera e propria scuola scrittoria, afferente alla corte gentilizia cui apparteneva lo scriba dei kyathoi.

40La funzione di « testa di serie » sembra essere ricoperta dal kyathos Calabresi (1), che va inquadrato nella prima produzione ceretana, da cui traggono ispirazione le successive attestazioni ceramiche ed epigrafiche.

  • 41 REE, 73, 2009, p. 374 s.

41Interessante in questo senso è l’analisi paleografica delle iscrizioni, che ha consentito ad A. Maggiani41 di riconoscere la mano di almeno tre diverse maniere scrittorie, da attribuire ad un gruppo di scribi. In particolare sarebbero da attribuire alla stessa mano i nn. 1 e 12 (rispettivamente da Caere e da Casale Marittimo), fatto che, se l’analisi della superficie e del corpo ceramico dei vasi confermasse l’identità dell’officina di produzione, permetterebbe di inquadrare meglio l’attività del maestro del kyathos Calabresi, attivo a Caere ed iniziatore della tradizione grafica.

  • 42 Non va trascurata infatti la verosimiglianza di un uso di stili scrittori diversi e della diversa r (...)
  • 43 Una spia dell’identità di grafia potrebbe essere data dalla peculiare forma del chi, con l’asta cen (...)

42Ad un suo allievo – o allo stesso maestro in una seconda fase della sua attività42 – potrebbe essere attribuita la maniera molto simile riscontrata nel gruppo tutto settentrionale dei nn. 3, 10 (e 11 ?), 843. Ad una o più mani senz’altro diverse sembrano invece da attribuire i nn. 2, 4-5, 6-7, 13 e 14, pertinenti al terzo gruppo di Maggiani.

  • 44 Sciacca 2003, p. 116, e Bagnasco Gianni 2008, p. 54.
  • 45 L. Pagnini, G. Sassatelli, E. Govi, in Principi etruschi 2000, p. 315 e 320.
  • 46 Sciacca 2003, p. 116 ; Cappuccini 2007, p. 237.
  • 47 Sulla questione mi propongo di tornare diffusamente assieme a F. Sciacca analizzando in modo più ap (...)

43Per quanto riguarda i kyathoi che fanno da supporto alle iscrizioni, in considerazione della distribuzione degli oggetti e delle differenze di produzione, si è parlato tanto di oggetti viaggianti44 e circolazione di modelli45, quanto di spostamento personale degli artigiani46 ; entrambe le ipotesi trovano riscontro e possibilità di giustificazione nell’ambito dei rapporti gentilizi tra Caere ed i centri dell’Etruria settentrionale, dei quali i kyathoi iscritti sono un inequivocabile documento, in qualità di oggetti di prestigio da donare47.

  • 48 Maras 2012, p. 107.

44In questo contesto, mi sembra particolarmente suggestiva la possibilità di ipotizzare un analogo iter anche per le iscrizioni e per lo scriptorium in cui sono state realizzate, da ritenere connesso con la medesima corte gentilizia cui afferiva l’officina ceretana della tomba Calabresi, e che potrebbe essersi (in parte) trasferito assieme all’officina stessa, eventualmente a seguito di uno spostamento personale di membri della gens ovvero come dote matrimoniale48.

  • 49 Va forse abbassata al terzo quarto del VII secolo la datazione degli esemplari frammentari n. 15 e (...)

45Nella prospettiva di individuare una cerchia o scuola scrittoria (migrante), al gruppo omogeneo delle iscrizioni su riportate, da datare nei decenni centrali del VII secolo49, si possono aggiungere alcuni altri documenti, probabilmente pertinenti alla stessa cerchia.

46Caere :

  • 50 Cfr. Cristofani - Rizzo 1985, p. 151 s.
  • 51 Riscontrato ad esempio nel kyathos di Monteriggioni (14).

4716. il vaso di bucchero configurato a testa di guerriero dal tumulo III della Banditaccia (terzo quarto del VII secolo) : mini ×[---]anike [la]rθur uk[---] (ET Cr 3.2)50, che condivide con i kyathoi la forma del theta a circolo vuoto e l’uso del kappa fuori dalla norma delle velari (fig. 3)51.

Fig. 3 - Iscrizione graffita al di sopra della base di un vaso di bucchero frammentario configurato a testa di guerriero da Caere, tumulo III della Banditaccia. Terzo quarto del VII sec. a.C. (da Cristofani - Rizzo 1985).

Fig. 3 - Iscrizione graffita al di sopra della base di un vaso di bucchero frammentario configurato a testa di guerriero da Caere, tumulo III della Banditaccia. Terzo quarto del VII sec. a.C. (da Cristofani - Rizzo 1985).

48Chiusi :

  • 52 V. già Martelli 1973, p. 97 s., e cfr. F. Sciacca, in Principi etruschi 2000, p. 230, n. 256 (con b (...)

4917. la situla d’argento di plikaśnaś (metà del VII secolo), rinvenuta a Chiusi ma di probabile produzione ceretana52, compatibile con il gruppo dei kyathoi per la grafia e per l’uso del tsade per la sibilante semplice (fig. 4).

Fig. 4 - Iscrizione plikaśnaś incisa sotto il fondo di una situla d’argento da Chiusi, metà del VII sec. a.C. (da Martelli 1973).

Fig. 4 - Iscrizione plikaśnaś incisa sotto il fondo di una situla d’argento da Chiusi, metà del VII sec. a.C. (da Martelli 1973).
  • 53 Da ultimo ancora A. Maggiani, in REE, 73, 2009, p. 374 : « esigenza di adeguarsi alle abitudini scr (...)

50Per molti dei testi ricordati, in considerazione della produzione ceretana o del luogo di ritrovamento meridionale, si è parlato di scelte settentrionali della scrittura53 o di influenza della committenza nelle caratteristiche grafiche, specialmente in considerazione dell’uso del kappa al di fuori della norma delle velari e di quello del tsade in funzione di sibilante semplice.

  • 54 Nonostante quanto affermato da Bagnasco Gianni 2008, p. 55.

51La prospettiva cambia, però, se si tiene conto del dato cronologico, che prima della metà del VII secolo non vede ancora l’esistenza di una norma settentrionale da imitare54, e se si considerano le innovazioni il frutto dell’attività di una scuola scrittoria, originariamente inserita nel tessuto della società gentilizia ceretana.

  • 55 Che allo stato attuale della documentazione non sembra essere avvenuta prima della metà del VII sec (...)
  • 56 Di opinione diversa è Bagnasco Gianni 2008, p. 53 s.

52La documentazione fornita dai kyathoi ceretani e vetuloniesi permette pertanto di riconoscere le tracce della prima trasmissione della scrittura nel nord dell’Etruria propria55 e della vera e propria nascita di una scuola scrittoria settentrionale, caratterizzata sin dall’origine dall’uso di due segni distinti per le sibilanti e che avrebbe rapidamente abbandonato il gamma e il qoppa, a favore del solo kappa per segnare la velare sorda56.

  • 57 Benelli 2004, p. 299 s., e v. anche Maras 2004, p. 307 s.

53Per quanto riguarda le sibilanti, un lavoro di E. Benelli ha recentemente dimostrato come in Grecia il segno a forma di M, in uso presso alcune scritture peloponnesiache, sia in realtà una variante del sigma ruotata di 90°, come risulta dalla sua posizione nelle serie alfabetiche tra rho e tau57. In Etruria, invece, il medesimo segno si trova nella posizione occupata dal tsade fenicio già nell’alfabetario di Marsiliana d’Albegna e ancora prima compare in opposizione al sigma a tre tratti nella serie di contrassegni alfabetici del ripostiglio di S. Francesco a Bologna.

  • 58 V. supra, n. 10.
  • 59 Cfr. Colonna 1970 (2005), p. 1599 s., e Id. 1976 (2005), p. 1609.

54Come si è detto, però, di regola non esiste un rapporto immediato tra la sequenza alfabetica documentata dagli alfabetari e la scrittura in uso58 ; e infatti, nonostante sia presente nelle serie citate (come anche altri segni della sequenza fenicia originaria), il segno non viene mai utilizzato nella scrittura fino almeno ai decenni centrali del VII secolo a.C.59.

55Le prime attestazioni sono indiscutibilmente legate alla scuola dei kyathoi ceretani e vetuloniesi, dove il segno viene utilizzato regolarmente e senza eccezioni per la sibilante semplice ; a tale riguardo l’ipotesi più economica è che lo scriba abbia voluto caratterizzare la propria grafia in senso greco, imitando il segno della sibilante in uso nella scrittura corinzia.

  • 60 A differenza delle scritture greche peloponesiache, dove serviva a meglio distinguere il sigma dall (...)
  • 61 E già utilizzata come fonte per alcune varianti grafiche etrusche, come il gamma semilunato ; cfr. (...)

56In teoria, anche a Caere il segno potrebbe risultare da una semplice rotazione del sigma a quattro tratti (variante utilizzata comunemente nella città), ma tale intervento non avrebbe avuto alcuno scopo pratico60 e in ogni caso non avrebbe potuto non confrontarsi con l’esistenza di un’identico grafo con lo stesso valore in una scrittura greca nota61.

  • 62 Prosdocimi 1990, p. 216 s.

57D’altra parte, gli alfabetari dimostrano che (almeno in Etruria), la forma a M esisteva già ed era assegnata al tsade : altro grafo dell’« area S » (per usare la terminologia di A. Prosdocimi62), disponibile per un ripescaggio ai fini della trascrizione delle due sibilanti opposte dell’etrusco.

  • 63 Maras 2004, p. 307 s. Vi sono vari esempi della possibilità di utilizzare la forma di lettere morte (...)

58Anche in Grecia, fino a prova contraria, il segno poteva esistere nella serie teorica per notare il tsade, ma non essendo questa lettera in uso, né essendovi necessità di ripescarla, le scritture che ne hanno fatto uso lo hanno trattato alla stregua di una semplice variante del sigma a quattro tratti63.

59L’operazione dello scriba ceretano, nata per imitare una caratteristica grafica evidente della scrittura corinzia, ha quindi fornito il destro per la soluzione del problema delle sibilanti, che viene attuata già nell’ambito della scuola scrittoria dei kyathoi, come dimostrano tre occorrenze del sigma a tre tratti per notare la sibilante marcata, in regolare opposizione al tsade.

  • 64 Ma dal momento che il secondo nome va considerato una variante del più diffuso pesna, se ne può inf (...)
  • 65 V. da ultimo A. Maggiani, in REE, 73, 2009, p. 374.
  • 66 Cfr. A. Maggiani, in REE, 69, 2003, n. 63 e 65, e G. Colonna, in REE, 73, 2009, n, 81.
  • 67 Cfr. Cappuccini 2007, p. 233 e n. 54.
  • 68 Ma il digrafo ricorre anche molto più tardi in ambito settentrionale, sebbene ancora in epoca arcai (...)

60Nelle iscrizioni dalla Tomba del Duce (3) e dalla tomba 456 di Tolle (8) il segno precede il ny nelle formazioni onomastiche mesna e pisnaś (gen.), per le quali in teoria si potrebbe ancora dubitare del valore fonetico da assegnare alla sibilante interna64. Diversamente, nell’esemplare di S. Teresa in Gavorrano (5), sembra da considerare ormai sicura l’integrazione del nome l[a]uχu[s]hie65, che documenta il raro uso del digrafo -sh-66 per notare la sibilante marcata67. L’uso pleonastico di un digrafo a rinforzo del semplice sigma a tre tratti potrebbe indicare l’esistenza di un’incertezza grafica legata alla prima accoglienza di una norma delle sibilanti68.

  • 69 Cfr. già G. Colonna, in Etrusco arcaico 1976, p. 50. In quest’ottica, vale la pena di notare come a (...)

61Allo stato attuale della documentazione, non è dato sapere se già il maestro del kyathos Calabresi avesse risolto il problema della notazione delle sibilanti secondo il metodo che nei secoli successivi sarebbe stato caratteristico dell’area settentrionale. Ma le iscrizioni dei kyathoi di Vetulonia, S. Teresa e Tolle (3, 5 e 8) dimostrano che al più tardi dopo il trasferimento di uno o più esponenti della scuola ceretana a nord, la neonata scuola settentrionale abbia provveduto a sistematizzare l’uso dei due segni disponibili per le sibilanti69.

  • 70 In questo contesto va valutata la possibilità di isolare in tursikina in digrafo ‑si‑, utilizzato p (...)

62Gli esempi successivi in ordine di tempo risalgono agli ultimi decenni del VII secolo e sono tutti di area settentrionale, comprendendo il kernos di Chiusi e la stele di Vetulonia, in cui grafie come spuriaza, feluskeś (o θ̣eluskeś) e φersnalạṣ, sembrano sottintendere la pronuncia settentrionale della sibilante, marcata di fronte a consonante occlusiva. Più dubbia è invece la funzione delle due sibilanti nella fibula di Castelluccio, anche se sembra verosimile attribuire le grafie velaveśnaś e tursikina alla norma settentrionale delle sibilanti70.

63La scuola originata dal maestro del kyathos Calabresi appare fortemente legata agli interessi settentrionali della gens cui si riferiva, specialmente in considerazione del probabile trasferimento di almeno uno dei suoi membri. La distribuzione dei documenti epigrafici è indicativa dell’ampio raggio dei rapporti aristocratici a distanza intrattenuti dai notabili di Caere e di Vetulonia ; in tale contesto sono particolarmente significative le testimonianze di Murlo, poste nel contesto di un crocevia commerciale tra nord e sud e tra il mare e l’interno.

64È attraverso questi canali, quindi, che la scrittura, come espressione della cultura dei principi orientalizzanti, è arrivata nell’Etruria settentrionale.

  • 71 Cfr. Nicosia 1974, p. 55-66.
  • 72 Dal quale veniva già il vasetto a testa di guerriero, databile poco dopo la metà del VII secolo e f (...)
  • 73 Un ulteriore esemplare frammentario, ancora inedito, è attestato a Murlo, come ho saputo da Rex Wal (...)

65Una generazione dopo, nel terzo quarto del VII secolo o poco più tardi, si pone l’iscrizione dell’incensiere di Artimino, che attinge al medesimo patrimonio grafico della scuola dei kyathoi ceretani, ma è ormai incisa su un oggetto di sicura produzione settentrionale interna, probabilmente da attribuire ad un’officina di area fiesolana71. La tradizione epigrafica è poi continuata negli ultimi decenni del VII secolo dal gruppo delle kotylai con anse a giorno (fig. 5), di cui sono attestati esemplari a Castelnuovo Berardenga e nella collezione Gorga, oltre che nel tumulo III della Banditaccia a Caere72, a dimostrazione della continuazione dei rapporti gentilizi a lunga distanza con le famiglie aristocratiche ceretane73.

  • 74 Cfr. diffusamente Maras cds., e si veda un’anticipazione in Maras 2012, p. 107 s.

66Già nell’ultimo quarto del VII secolo e vieppiù con il passaggio al VI secolo, dall’area della valle dell’Arno e per il tramite dell’Emilia occidentale – come documentato dai cippi di Rubiera – la scrittura raggiunge l’area Golasecchiana (fig. 6), coinvolgendo rapidamente i principi celtici nell’ambito di rapporti aristocratici a distanza74.

  • 75 Cfr. Maras cds.

67Nello stesso periodo, a Chiusi, la scrittura sembra essersi diffusa anche al di fuori del solco della scuola scrittoria originaria, come dimostrano l’iscrizione della fibula di Castelluccio (ET Cl 2.3) ed alcuni altri testi di proprietà e di dono ET Cl 2.4 e 3.1-2, che documentano la vitalità culturale del comparto chiusino, ormai in grado di prendere l’iniziativa dell’evoluzione e diffusione della scrittura nei confronti dell’Etruria settentrionale e dell’area Padana75.

68In merito alla questione delle scuole scrittorie e alla loro capacità di coordinare lo sviluppo e la diffusione di norme grafiche standard, una particolare importanza riveste l’attività della scuola del santuario di Portonaccio tra la fine del VII e la prima metà del VI secolo a.C.

  • 76 Cfr. G. Colonna, in Etrusco arcaico 1976, p. 49.

69In primo luogo va rilevato come in questo contesto, sul finire dell’epoca orientalizzante, il ruolo promotore nella trasmissione culturale per quanto riguarda i fatti di scrittura sembra spostarsi, perlomeno nelle grandi città dell’Etruria meridionale, dall’ambito delle corti gentilizie a quello del santuario76.

  • 77 Maras 2009d, p. 20 s. e 47 s.
  • 78 Colonna 1985 (2005), p. 1949 s.

70Il fenomeno è parallelo a quello che nello stesso periodo trasporta il formulario del dono gentilizio nell’ambito votivo77 e la rappresentazione della cultura aristocratica, esemplificata nelle iconografie delle terrecotte di rivestimento, dalla casa-palazzo al santuario78.

  • 79 Cfr. Maras 2002-2003.

71Per quanto riguarda l’epigrafia veiente, la fine del VII secolo segna un momento di fermento ed innovazione, che vede nel contempo la ricezione di alcuni stimoli dall’area settentrionale, l’inizio dell’uso dell’interpunzione sillabica (necessariamente legata all’attività di scuola) e la nascita di un nuovo modello alfabetico ad opera della scuola scrittoria di Portonaccio79.

72L’influenza settentrionale è evidente in alcune occorrenze d’uso del tsade per la sibilante semplice (alla fine del VII secolo : CIE 6703a, 8870, e nella prima metà del VI secolo : CIE 6410, 6714) e del sigma a tre tratti per la sibilante marcata (prima metà del VI secolo : CIE 6352 e 6410). In alcune delle attestazioni ricordate ricorre anche l’interpunzione sillabica, a dimostrazione della loro pertinenza ad ambito veiente, nel quale però la riforma settentrionale non riesce ad attecchire.

  • 80 Cfr. Maras 2009a, p. 301 e 326-328.

73Nello stesso periodo, infatti, sono funzionanti a Veio due diversi modelli alfabetici80. Il modello B è più antico e diffuso nell’area della città, caratterizzato dalla presenza di alcuni segni fra i quali spicca il sigma multilineare ; il modello A è invece strettamente legato alle attestazioni provenienti dal santuario di Portonaccio, ma sporadicamente attestato anche al di fuori di esso : caratteristica saliente di tale modello è il rifiuto dell’uso del sigma multilineare e l’introduzione del segno a croce per la sibilante.

  • 81 Cfr. Maras 2009a, p. 314.

74Sembra probabile che l’intento della scuola scrittoria di Portonaccio sia stato quello di risolvere il problema della distinzione nella scrittura delle due sibilanti ; ma di fatto, forse per resistenze conservatrici ovvero per la mancanza di un’adeguata forza normativa, l’introduzione del nuovo segno non ha sortito l’effetto desiderato81.

  • 82 Cfr. G. Colonna, in CIE II, 1, 5, p. 15 s.

75Salvo i pochi tentativi ricordati di adesione al sistema settentrionale, infatti, a Veio l’uso delle sibilanti non sembra aver avuto una regolamentazione chiara e coerente almeno fino alla seconda metà del VI secolo82.

  • 83 Che in realtà potrebbe essere precedente alla scuola santuariale e di fatto compare anche in relazi (...)
  • 84 Cfr. Cristofani 1973-1974, p. 161 s.
  • 85 Cfr. Prosdocimi 1990, p. 183 s. e p. 188 s.
  • 86 Cfr. Attenni - Maras 2004, p. 72 s., e Maras 2009a, p. 311 e 313 s.
  • 87 V. anche Maras 2009a, p. 313, nota 22. La nuova lettura in base ad autopsia emenda quella namureka(...)

76Stando alla documentazione dell’uso del modello A, la scuola di Portonaccio conclude la propria attività attorno alla metà del VI secolo, ma alcune innovazioni continuano altrove in ambienti scrittori influenzati da essa. L’interpunzione sillabica83 prosegue in Campania84 e nell’ambito santuariale veneto85, mentre a Roma e presso i Latini trovano seguito il pi ad occhiello e il segno a croce86. Quest’ultimo, però, resta in uso forse anche in ambito locale – ad onta della mancanza di documentazione –, dal momento che l’ultima attestazione etrusca in funzione di sibilante è su una coppa a vernice rossa da Falerii, che appartiene ad una produzione databile al più tardi nella prima metà del V secolo a.C. : CIE 8567 : namureṡua (fig. 7)87.

Fig. 7 - Foto e apografo dell’iscrizione graffita all’interno di una coppa a vernice rossa da Falerii (CIE 8567), prima metà del V secolo a.C.

Fig. 7 - Foto e apografo dell’iscrizione graffita all’interno di una coppa a vernice rossa da Falerii (CIE 8567), prima metà del V secolo a.C.

77Com’è noto, la creazione di una norma meridionale delle sibilanti è un fatto compiuto solo nella seconda metà del VI secolo ed è comunemente accettato che sia sorta al contempo per imitazione ed in opposizione alla più antica norma settentrionale.

  • 88 Cfr. Cristofani 1969, p. 110 : la priorità di Vulci, già sottolineata da M. Cristofani, in questo c (...)
  • 89 Cfr. M. Pallottino, in Studi Etruschi, 34, 1966, p. 403-406, spec. p. 405, n. 7.
  • 90 Cfr. da ultimo Morandi 2000.

78In realtà l’uso del tsade per la sibilante marcata sembra trovare un precedente in ambito meridionale già alla metà del VII secolo a.C. nell’aryballos vulcente di Villa Giulia (CIE 11156), data la distribuzione apparentemente complementare delle sibilanti88, ed è confermato più tardi alla fine del secolo nel kantharos di bucchero con decorazione graffita ET Cr 3.15, in cui il gentilizio alśaianasi mostra già la corretta applicazione della norma del secolo seguente89. E a tale riguardo può essere significativa la distribuzione dei due tsade – in assenza di sigma – nell’aryballos del Cavone (CIE 10153), che sembrano individuare altrettante forme del pronome/articolo (i)śa90.

  • 91 Oltre ad opporre la norma meridionale a quella settentrionale (cfr. Colonna 1976 [2005], p. 1613), (...)

79Ma se anche il tsade è stato occasionalmente utilizzato a questo scopo in precedenza, è solo dopo la metà del VI secolo che la norma diventa sistematica, in relazione con la riduzione della sequenza alfabetica e con la scelta del solo gamma per notare la velare sorda91.

  • 92 Cfr. G. Colonna, in REE, 46, 1978, n. 103. Alla stessa conclusione porta anche l’occorrenza del tsa (...)

80La riforma si diffonde in tutta l’Etruria meridionale, compresa Caere, come sembra dimostrare l’iscrizione su un pithos (zona del Noce, tomba K), databile nell’ultimo quarto del VI secolo a.C., in cui sembra possibile riconoscere un tsade, utilizzato per trascrivere il prestito da uno xi greco (larnax > larnaś), evidentemente percepito come suono marcato da un orecchio etrusco92.

81Per quanto permetta di constatare la ridottissima documentazione epigrafica tardo-arcaica e recente, anche Veio sembra aderire al sistema meridionale nelle due uniche attestazioni che si possano attribuire ad una sibilante marcata :

    • 93 Secondo una pronuncia meridionale.
    • 94 Cfr. anche G. Colonna, in REE, 71, 2005, p. 174, n. 13.

    la discussa iscrizione di Casale Pian Roseto (CIE 6677), ancora nella seconda metà del VI secolo a.C. (che M. Torelli propone di considerare latina, ma che è compatibile con una lettura etrusca, stante l’opposizione tra il gruppo st‑ con il sigma per la sibilante semplice93 ed il probabile articolo ‑śa con il tsade per la sibilante marcata94 ;

  • un graffito da Campetti (CIE 6337) databile a cavallo tra IV e III secolo a.C., in cui l’abbreviazione śr va sciolta con ogni probabilità ś()r(e), dove ancora una volta il tsade nota la sibilante marcata.

  • 95 Accanto alle lamine d’oro si considerino anche G. Colonna, in Scienze dell’Antichità, 10, 2000, p. (...)

82Qualche osservazione, infine, merita la riforma ceretana delle sibilanti, che si data negli ultimi decenni del VI secolo ed è testimoniata dalle lamine di Pyrgi e da alcuni testi dell’area Sud95.

  • 96 Cfr. Maras 2009a, p. 317 s.

83La scelta del segno a quattro tratti per la sibilante marcata si oppone al resto dell’Etruria meridionale e si accompagna ad una serie di altre scelte ellenizzanti della grafia ceretana, come ho creduto di dimostrare in altra sede, analizzandone l’influenza sulla scrittura latina contemporanea di Roma96.

84In effetti l’uso del segno aiuta a conferire alla scrittura ceretana una certa affinità con alcune scritture greche coloniali ; ma anche in questo caso, come un secolo e mezzo prima per l’introduzione del segno a M, va rilevato come da un punto di vista formale il sigma a quattro tratti non sia altro che un tsade ruotato di 90°. Anche questa volta, quindi, una scelta ideologica ellenizzante coincide con un espediente grafico pratico, che in questo caso ha l’ulteriore giustificazione dell’esistenza di un precedente nella scrittura alto-arcaica per il segno, come variante piuttosto comune del sigma trilineare.

  • 97 Cfr. Prosdocimi 1990, p. 223 s.

85L’osservazione non è peregrina : infatti, non è stato finora adeguatamente sottolineato che tra le funzioni della sequenza alfabetica, soprattutto in epoca arcaica, ha una particolare importanza quella della seriazione numerale97.

  • 98 Anche se esiste in verità la testimonianza degli alfabetari più antichi in cui il sigma a quattro t (...)

86Purtroppo non sono pervenuti alfabetari ceretani posteriori alla riforma di fine VI secolo a.C., che documentino la posizione dei due sigma all’interno della sequenza98, ma è almeno possibile accertare che entrambi ne facevano parte e non come semplici allomorfi.

  • 99 Cfr. Maras 2011, p. 112 s.

87Essi compaiono infatti entrambi nella sequenza alfabetica documentata dal sistema di contrassegni sillabici utilizzato per le terrecotte di rivestimento del tempio di Portonaccio, con lo scopo primario di garantire una numerazione in serie dei pezzi componenti i diversi fregi decorativi99.

  • 100 Cfr. Maras 2002-2003.
  • 101 Mentre invece, come si è visto, a Veio è in uso il tsade, che manca nella sequenza dei contrassegni
  • 102 Sull’argomento mi ripropongo di ritornare nella sede più appropriata della pubblicazione dei sistem (...)

88L’analisi della scrittura veiente ha permesso di evidenziare come il modello grafico utilizzato per i contrassegni (fig. 8) sia in realtà anomalo nel panorama epigrafico locale100 ed in particolare la presenza del sigma a quattro tratti – assente dalla città sin dalla fine del VII secolo e mai più utilizzato nelle iscrizioni101 – rinvia fortemente all’ambito ceretano, dove con ogni probabilità era stato istruito lo scriba che ha apposto le sigle102.

Fig. 8 - Serie alfabetica teorica ricavata dai contrassegni letterali dipinti sulle terrecotte architettoniche del tempio di Portonaccio a Veio (da Maras 2002-2003).

Fig. 8 - Serie alfabetica teorica ricavata dai contrassegni letterali dipinti sulle terrecotte architettoniche del tempio di Portonaccio a Veio (da Maras 2002-2003).
  • 103 Cfr. già M. Pallottino, in Studi Etruschi, 34, 1966, p. 405, n. 7, sul sigma a quattro tratti che n (...)

89Quindi, a meno di non voler immaginare una riforma autonoma di Caere, in cui l’alfabeto fosse stato depurato fra gli altri segni inutili anche del tsade (che pure è attestato almeno una volta nella città), per poi introdurre il sigma a quattro tratti a fianco a quello trilineare ovvero in fondo alla sequenza, sembra senz’altro più economico immaginare che il segno sia stato inserito nella serie al posto del tsade stesso, di cui a buon diritto può essere considerata una variante103.

Haut de page

Bibliographie

Attenni - Maras 2004 = L. Attenni, D. F. Maras, Materiali arcaici dalla collezione Dionigi di Lanuvio ed il più antico alfabetario latino, in Studi Etruschi, 70, 2004, p. 61-78.

Bagnasco Gianni 1993 = G. Bagnasco Gianni, A proposito di tre kyathoi in bucchero a rilievo, in Produzione artigianale ed espansione nel mondo antico. Il bucchero etrusco, Milano, 1993, p. 207-216.

Bagnasco Gianni 2008 = G. Bagnasco Gianni, Comunicare per immagini : una questione di alfabeto, in Aristhonotos, 3, 2008, p. 47-72.

Benelli 2004 = E. Benelli, Alfabeti greci e alfabeti etruschi, in Annali della fondazione per il Museo « Claudio Faina », XI, 2004, p. 291-305.

Benelli 2007 = E. Benelli, Iscrizioni etrusche : leggerle e capirle, Ancona 2007, p. 182-183.

Cappuccini 2007 = L. Cappuccini, I kyathoi etruschi di Santa Teresa di Gavorrano e il ceramista dei Paiθina, in RM, 113, 2007, p. 217-240.

Colonna 1970 (2005) = G. Colonna, Una nuova iscrizione etrusca del VII secolo e appunti sull’epigrafia ceretana dell’epoca, in MEFRA 82, 1970, p. 637-672 (ora in Colonna 2005, p. 1575-1603).

Colonna 1976 (2005) = G. Colonna, Il sistema alfabetico, in Etrusco arcaico 1976, p. 7-24 (ora in Colonna 2005, p. 1607-1618).

Colonna 1985 (2005) = G. Colonna (a cura di), Santuari d’Etruria, Catalogo della mostra, Arezzo, 1985, Milano, 1985 (ora in parte in Colonna 2005, p. 1939-1978).

Colonna 2005 = G. Colonna, Italia ante Romanum imperium. Scritti di antichità etrusche, italiche e romane (1958-1998), I-IV, Pisa-Roma, 2005.

Colonna 2007 = G. Colonna, Il cippo di Tragliatella (e questioni connesse), in Studi Etruschi, 71, 2007, pp. 83-109.

Cristofani 1969 = M. Cristofani, Appunti di epigrafia etrusca arcaica, in ASNP, 38, 1969, p. 99-113.

Cristofani 1973-1974 = M. Cristofani, Appunti di epigrafia etrusca arcaica II, in ArchCl, 25-26, 1973-1974, p. 151-165.

Cristofani - Rizzo 1985 = M. Cristofani, M. A. Rizzo, Iscrizioni vascolari dal tumulo III di Cerveteri, in Studi Etruschi, 53, 1985, p. 151-159.

Cristofani - Rizzo 1993 = M. Cristofani, M. A. Rizzo, Un kyathos e altri vasi iscritti dalle tombe orientalizzanti di San Paolo a Cerveteri, in BA, 78, 1993, p. 1-10.

De Marinis 1980 = G. De Marinis, Una nuova stele dell’agro fiorentino, in Studi Etruschi, 48, 1980, p. 51-63.

Esposito 1999 = M. Esposito (a cura di), Principi guerrieri. La necropoli etrusca di Casale Marittimo, Milano, 1999.

Etrusco arcaico 1976 = L’Etrusco arcaico, Atti del colloquio, Firenze, 1974, Firenze, 1976.

Maras 2002-2003 = D. F. Maras, Alfabeti e sistemi scrittori di Veio dal VII al III secolo a.C., Tesi inedita, Roma, 2003.

Maras 2004 = D. F. Maras, Considerazioni sull’intervento « Alfabeti greci e alfabeti etruschi », in Annali della fondazione per il Museo « Claudio Faina », XI, 2004, p. 306-308.

Maras 2009a = D. F. Maras, Interferenze culturali arcaiche etrusco-latine : la scrittura, in Annali della fondazione per il Museo « Claudio Faina », XVI, 2009, p. 309-331.

Maras 2009b = D. F. Maras, Caratteri dell’epigrafia latina arcaica del Lazio meridionale, in L. Drago Troccoli (a cura di), Il Lazio dai Colli Albani ai Monti Lepini tra preistoria ed età moderna, Roma, 2009, p. 431-439.

Maras 2009c = D. F. Maras, Novità sulla diffusione dell’alfabeto latino nel Lazio arcaico, in F. Mannino, M. Mannino, D. F. Maras (a cura di), Theodor Mommsen e il Lazio antico, Atti della Giornata di Studi, Terracina, 2004, Roma, 2009, p. 105-118.

Maras 2009d = D. F. Maras, Il dono votivo, gli dei e il sacro nelle iscrizioni etrusche di culto, Pisa-Roma, 2009.

Maras 2011 = D. F. Maras, Gli dei sul tetto. Le basi acroteriali del tempio di Veio-Portonaccio : messa in opera e funzione, in P. Lulof, C. Rescigno (a cura di), Images of gods, monsters, and heroes, Proceedings of the 4th International Congress on Architectural Terracottas, Rome-Syracuse-Naxos-Caltanissetta, 2009, Deliciae Fictiles IV, Oxford, 2011, p. 107-114.

Maras 2012 = D. F. Maras, La scrittura dei principi etruschi, in A. Mandolesi, M. Sannibale (a cura di), Etruschi. L’ideale eroico e il vino lucente, Catalogo della Mostra, Asti 2012, Milano, 2012, p. 103-109.

Maras cds. = D. F. Maras, Principi e scribi : alle origini dell’epigrafia leponzia, in B. Grassi, M. Pizzo (a cura di), Atti della Giornata di Studi, Varese, 2010, Roma, in stampa.

Maras - Sciacca 2011 = D. F. Maras, F. Sciacca, Ai confini dell’oralità. Le forme e i documenti del dono nelle aristocrazie orientalizzanti etrusche, in Dalla nascita alla morte : antropologia e archeologia a confronto, Atti del Convegno in memoria di C. Lévi-Strauss, Roma, 2010, Roma, 2011, p. 703-713.

Martelli 1973 = M. Martelli, Documenti di arte orientalizzante da Chiusi, in Studi Etruschi, 41, 1973, p. 97-120.

Morandi 2000 = M. Morandi, Rileggendo un documento di epigrafia vascolare orientalizzante. L’aryballos del Cavone di Tarquinia, in Scienze dell’Antichità, 10, 2000, p. 101-119.

Nicosia 1974 = F. Nicosia, Orientalizzante nella media valle dell’Arno : aspetti dell’artigianato artistico. Prima messa a punto sulla produzione del bucchero, in Aspetti e problemi dell’Etruria interna, Atti dell’VIII Convegno Nazionale di Studi Etruschi ed Italici, Orvieto, 1972, Firenze, 1974, p. 55-66.

Nielsen - Tuck 2001 = E. O. Nielsen, A. S. Tuck, An orientalizing complex at Poggio Civitate (Murlo). An orientalizing view, in Etruscan Studies, 8, 2001, p. 35-63.

Pallottino 1966 = M. Pallottino, Nota preliminare sulla iscrizione del kantharos di bucchero del Metropolitan Museum di New York, in Studi Etruschi, 34, 1966, p. 403-406.

Principi etruschi 2000 = Principi etruschi tra Mediterraneo ed Europa, Catalogo della Mostra, Bologna, 2001, Venezia, 2000.

Prosdocimi 1990 = A. L. Prosdocimi, Insegnamento e apprendimento della scrittura nell’Italia antica, in M. Pandolfini Angeletti, A. L. Prosdocimi, Alfabetari e insegnamento della scrittura in Etruria e nell’Italia antica, Firenze, 1990, p. 155-298.

Rix 1984 (2000) = H. Rix, La scrittura e la lingua, in M. Cristofani (a cura di), Gli Etruschi. Una nuova immagine, Firenze 20002 (prima ed. 1984), p. 199-227.

Sciacca 2003 = F. Sciacca, in F. Sciacca, L. Di Blasi, La tomba Calabresi e la Tomba del Tripode di Cerveteri, Roma, 2003.

Wallace 2006 = R. E. Wallace, Etruscan inscriptions on fragments of bucchero kyathoi recovered at Poggio Civitate, in Studi Etruschi, 72, 2006, p. 189-197.

Haut de page

Notes

1 Colonna 1976.

2 Cfr. Maras 2009a, p. 309 s.

3 Maras 2002-2003.

4 A. Candeloro, Epigrafia volsiniese arcaica. Studio paleografico, Tesi di dottorato inedita, 2005.

5 D. Savoca, Alfabeti e sistemi scrittori di Caere dal VII secolo a.C. alla prima metà del VI secolo a.C., Tesi di laurea inedita, 2009.

6 Maras 2009a, 2009b e 2009c, e v. anche Attenni - Maras 2004. Di questo lavoro, che dura ormai da alcuni anni, sono apparsi al momento solo alcuni risultati preliminari, in attesa di avere la possibilità di effettuare un’edizione più completa da effettuarsi a più riprese e con contributi interdipendenti di diversi studiosi.

7 Cfr. Maras 2009a, p. 309 s.

8 Cfr. in generale Prosdocimi 1990, p. 158 s.

9 Cfr. Maras 2009a, p. 310 s.

10 Maras 2009a, p. 310, con riferimento a Id. 2002-2003.

11 Cfr. Maras 2002-2003 ; ma v. Colonna 1976 (2005), p. 1613 s., e Prosdocimi 1990, p. 195 s.

12 Cfr. Colonna 1970 (2005), p. 1590 s., e Id. 1976 (2005), p. 1608 s.

13 Cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1608 s.

14 Cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1611, e Prosdocimi 1990, p. 210 s. ; v. anche Maras 2012, p. 106 s.

15 Prosdocimi 1990, p. 164 s.

16 Colonna 1976 (2005), p. 1609, e v. anche Prosdocimi 1990, p. 212 s.

17 REE, XLV, 1977, n. 28 (θavhna).

18 Cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1609.

19 Cfr. G. Colonna, in Etrusco arcaico 1976, p. 49.

20 Sciacca 2003, p. 115.

21 Riprendo qui la lista già compilata da A. Maggiani, in REE, 73, 2009, p. 374 (con ulteriore bibl.), aggiungendo l’esemplare ancora dubbio da S. Angelo a Bibbione, già segnalato da De Marinis 1980, p. 59, n. 23, ma del quale non è stata successivamente verificata la pertinenza alla classe.

22 Sciacca 2003, p. 93 s., n. 26 ; v. ora anche Maras 2009d, p. 285 s.

23 Sciacca 2003, p. 106, n. 3.

24 Sciacca 2003, p. 106, n. 4 ; CIE 12097.

25 CIE 12099.

26 Cappuccini 2007, p. 218 s., e Id., in REE, 73, 2009, n. 51.

27 Nielsen - Tuck 2001, p. 53 s., n. 16 e 17, e Wallace 2006.

28 G. Paolucci, A. Maggiani, in REE, 73, 2009, n. 41.

29 Ibid., n. 42

30 Esposito 1999, p. 27, fig. 12.

31 Ibid., p. 27, fig. 12, se non si tratta della stessa iscrizione : cfr. G. Colonna, in REE, 70, 2005, p. 331.

32 A. Maggiani, in REE, 73, 2009, n. 96.

33 Ibid., n. 97.

34 Sciacca 2003, p. 106, n. 5.

35 De Marinis 1980, p. 59, n. 23.

36 Sciacca 2003, p. 106 s., e spec. p. 115-118.

37 Sciacca 2003, p. 115 s.

38 Ibid., p. 116.

39 Cfr. già G. Colonna, in REE, 70, 2004, p. 331 s.

40 Colonna 1970 (2005), p. 1601 ; v. anche Cristofani 1969, p. 105 e 110 s., con la precedente ipotesi di una componente beotica.

41 REE, 73, 2009, p. 374 s.

42 Non va trascurata infatti la verosimiglianza di un uso di stili scrittori diversi e della diversa resistenza del corpo ceramico nel caso delle produzioni vetuloniesi rispetto a quelle ceretane.

43 Una spia dell’identità di grafia potrebbe essere data dalla peculiare forma del chi, con l’asta centrale che origina dalla prima asta obliqua (procedendo nella direzione di scrittura) sia nei n. 3 e 8, che nel n. 12, ma apparentemente anche nel n. 5, pertinente al terzo gruppo (v. oltre).

44 Sciacca 2003, p. 116, e Bagnasco Gianni 2008, p. 54.

45 L. Pagnini, G. Sassatelli, E. Govi, in Principi etruschi 2000, p. 315 e 320.

46 Sciacca 2003, p. 116 ; Cappuccini 2007, p. 237.

47 Sulla questione mi propongo di tornare diffusamente assieme a F. Sciacca analizzando in modo più approfondito le forme del dono e della diffusione degli oggetti di prestigio (sia iscritti che anepigrafi) ; una prima anticipazione è negli atti del convegno in memoria di C. Lévi-Strauss tenuto al Museo Pigorini nel maggio 2010 (Maras - Sciacca 2011). Approfitto dell’occasione per ringraziarlo degli utili consigli e delle discussioni riguardo a molti degli argomenti trattati in queste pagine.

48 Maras 2012, p. 107.

49 Va forse abbassata al terzo quarto del VII secolo la datazione degli esemplari frammentari n. 15 e 10-11 ; cfr. Sciacca 2003, p. 117 s.

50 Cfr. Cristofani - Rizzo 1985, p. 151 s.

51 Riscontrato ad esempio nel kyathos di Monteriggioni (14).

52 V. già Martelli 1973, p. 97 s., e cfr. F. Sciacca, in Principi etruschi 2000, p. 230, n. 256 (con bibl.).

53 Da ultimo ancora A. Maggiani, in REE, 73, 2009, p. 374 : « esigenza di adeguarsi alle abitudini scrittorie dei donatari ».

54 Nonostante quanto affermato da Bagnasco Gianni 2008, p. 55.

55 Che allo stato attuale della documentazione non sembra essere avvenuta prima della metà del VII secolo a.C.

56 Di opinione diversa è Bagnasco Gianni 2008, p. 53 s.

57 Benelli 2004, p. 299 s., e v. anche Maras 2004, p. 307 s.

58 V. supra, n. 10.

59 Cfr. Colonna 1970 (2005), p. 1599 s., e Id. 1976 (2005), p. 1609.

60 A differenza delle scritture greche peloponesiache, dove serviva a meglio distinguere il sigma dallo iota trilineare.

61 E già utilizzata come fonte per alcune varianti grafiche etrusche, come il gamma semilunato ; cfr. Colonna 1976 (2005), p. 1609.

62 Prosdocimi 1990, p. 216 s.

63 Maras 2004, p. 307 s. Vi sono vari esempi della possibilità di utilizzare la forma di lettere morte come variante di quelle in uso : si vedano in ambito etrusco l’interferenza tra le forme di omicron e theta, di qoppa e phi, e perfino di ny e tsade (nel calamaio di Caere) ; v. anche Attenni - Maras 2004, p. 74, n. 47.

64 Ma dal momento che il secondo nome va considerato una variante del più diffuso pesna, se ne può inferire una pronuncia marcata della sibilante (cfr. p.es. REE, 58, 1993, p. 178 s., e ET Fe 1.8, per rimanere in ambito settentrionale), confermata dalla connessione etimologica con la voce pes della Tabula Cortonensis.

65 V. da ultimo A. Maggiani, in REE, 73, 2009, p. 374.

66 Cfr. A. Maggiani, in REE, 69, 2003, n. 63 e 65, e G. Colonna, in REE, 73, 2009, n, 81.

67 Cfr. Cappuccini 2007, p. 233 e n. 54.

68 Ma il digrafo ricorre anche molto più tardi in ambito settentrionale, sebbene ancora in epoca arcaica (v. supra, nota 57) e in seguito, fino ad età recente, viene affiancato e sostituito dal più frequente uso di un digrafo ‑si‑ (o addirittura ‑is in posizione finale) ; cfr. G. Colonna, in REE, 73, 2009, p. 343.

69 Cfr. già G. Colonna, in Etrusco arcaico 1976, p. 50. In quest’ottica, vale la pena di notare come anche la selezione eslcusiva del kappa per notare la velare sorda – presente per la prima volta nel kyathos di Monteriggioni (14) – sia, in fin dei conti, una scelta ellenizzante, come si è visto per altre caratteristiche grafiche della scuola dei kyathoi.

70 In questo contesto va valutata la possibilità di isolare in tursikina in digrafo ‑si‑, utilizzato per marcare la sibilante in posizione ante-consonantica (dinanzi a occlusiva), secondo la pronuncia settentrionale ; cfr. Rix 1984 (2000), p. 209.

71 Cfr. Nicosia 1974, p. 55-66.

72 Dal quale veniva già il vasetto a testa di guerriero, databile poco dopo la metà del VII secolo e forse riferibile ancora alla scuola dei kyathoi ceretani.

73 Un ulteriore esemplare frammentario, ancora inedito, è attestato a Murlo, come ho saputo da Rex Wallace, che ringrazio calorosamente per l’anticipazione.

74 Cfr. diffusamente Maras cds., e si veda un’anticipazione in Maras 2012, p. 107 s.

75 Cfr. Maras cds.

76 Cfr. G. Colonna, in Etrusco arcaico 1976, p. 49.

77 Maras 2009d, p. 20 s. e 47 s.

78 Colonna 1985 (2005), p. 1949 s.

79 Cfr. Maras 2002-2003.

80 Cfr. Maras 2009a, p. 301 e 326-328.

81 Cfr. Maras 2009a, p. 314.

82 Cfr. G. Colonna, in CIE II, 1, 5, p. 15 s.

83 Che in realtà potrebbe essere precedente alla scuola santuariale e di fatto compare anche in relazione con il modello A, ma che senz’altro ha tratto beneficio dall’essere adottata nell’insegnamento scrittorio in tale sede prestigiosa. Cfr. G. Colonna, in CIE II, 1, 5, p. 15.

84 Cfr. Cristofani 1973-1974, p. 161 s.

85 Cfr. Prosdocimi 1990, p. 183 s. e p. 188 s.

86 Cfr. Attenni - Maras 2004, p. 72 s., e Maras 2009a, p. 311 e 313 s.

87 V. anche Maras 2009a, p. 313, nota 22. La nuova lettura in base ad autopsia emenda quella namureka confluita in ET Fa 2.26. L’interpretazione del graffito vascolare potrebbe individuare il plurale in -cva, non altrimenti noto, di una forma articolata, secondo una trafila*namura-iś-(χ)va. L’espressione potrebbe riferirsi all’intero corredo tombale definito « cose appartenenti ai *Namura », pensando ad un’indicazione generale di proprietà da parte dell’intera gens.

88 Cfr. Cristofani 1969, p. 110 : la priorità di Vulci, già sottolineata da M. Cristofani, in questo contesto assume un possibile valore di centro guida ovvero antesignano della riforma meridionale in risposta quasi immediata alla neonata scrittura settentrionale.

89 Cfr. M. Pallottino, in Studi Etruschi, 34, 1966, p. 403-406, spec. p. 405, n. 7.

90 Cfr. da ultimo Morandi 2000.

91 Oltre ad opporre la norma meridionale a quella settentrionale (cfr. Colonna 1976 [2005], p. 1613), quest’ultimo elemento segna una fondamentale differenza rispetto alla scrittura greca, dalla quale quella etrusca si distacca nello stesso periodo anche per l’abbandono di altre lettere, epurate dalla serie alfabetica (alle quali si aggiunge in ambito meridionale anche il kappa ; v. anche supra, n. 67).

92 Cfr. G. Colonna, in REE, 46, 1978, n. 103. Alla stessa conclusione porta anche l’occorrenza del tsade in opposizione al sigma a tre tratti sul Cippo di Tragliatella, databile prima della metà del VI secolo a.C., da attribuire senz’altro all’ambito ceretano ; da ultimo, v. Colonna 2007, p. 104.

93 Secondo una pronuncia meridionale.

94 Cfr. anche G. Colonna, in REE, 71, 2005, p. 174, n. 13.

95 Accanto alle lamine d’oro si considerino anche G. Colonna, in Scienze dell’Antichità, 10, 2000, p. 299, fig. 32 ; REE, 56, 1989-1990, n. 22 (Ps 2) ; REE, 69, 2003, n. 24 (Ps 91). Si veda ora anche la testimonianza della Tomba delle Iscrizioni Graffite, appartenente alla famiglia di Thefarie Velianas: REE, 71, 2005, p. 170 ss., nn. 26-27.

96 Cfr. Maras 2009a, p. 317 s.

97 Cfr. Prosdocimi 1990, p. 223 s.

98 Anche se esiste in verità la testimonianza degli alfabetari più antichi in cui il sigma a quattro tratti occupa il normale posto del sigma tra rho e tau ; cfr. Colonna 1970 (2005), p. 1600.

99 Cfr. Maras 2011, p. 112 s.

100 Cfr. Maras 2002-2003.

101 Mentre invece, come si è visto, a Veio è in uso il tsade, che manca nella sequenza dei contrassegni.

102 Sull’argomento mi ripropongo di ritornare nella sede più appropriata della pubblicazione dei sistemi di copertura del tempio di Portonaccio, alla quale partecipo assieme a C. Carlucci e L. M. Michetti, sotto la direzione di G. Colonna ; v. ora qualche anticipazione in Maras 2011.

103 Cfr. già M. Pallottino, in Studi Etruschi, 34, 1966, p. 405, n. 7, sul sigma a quattro tratti che nel corso del VI secolo venne « a consolidarsi nell’uso, proprio per il suo progressivo differenziarsi da s ed assimilarsi con ś, fino a sostituirlo, almeno nell'area ceretana e del suo hinterland ».

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Modelli alfabetici A e B in uso a Veio tra VII e VI secolo a.C., con i corrispondenti tipi caratterizzanti ed il numero di attestazioni (da Maras 2002-2003).
Titre Fig. 2 - Serie alfabetica teorica ricavata dalle iscrizioni dei kyathoi della serie Caere-Vetulonia.
Titre Fig. 3 - Iscrizione graffita al di sopra della base di un vaso di bucchero frammentario configurato a testa di guerriero da Caere, tumulo III della Banditaccia. Terzo quarto del VII sec. a.C. (da Cristofani - Rizzo 1985).
Titre Fig. 4 - Iscrizione plikaśnaś incisa sotto il fondo di una situla d’argento da Chiusi, metà del VII sec. a.C. (da Martelli 1973).
Titre Fig. 7 - Foto e apografo dell’iscrizione graffita all’interno di una coppa a vernice rossa da Falerii (CIE 8567), prima metà del V secolo a.C.
Titre Fig. 8 - Serie alfabetica teorica ricavata dai contrassegni letterali dipinti sulle terrecotte architettoniche del tempio di Portonaccio a Veio (da Maras 2002-2003).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Daniele F. Maras, « Interferenza e concorrenza di modelli alfabetici e sistemi scrittori nell’Etruria arcaica », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 124-2 | 2012, mis en ligne le 25 juillet 2013, consulté le 30 mars 2017. URL : http://mefra.revues.org/742 ; DOI : 10.4000/mefra.742

Haut de page

Auteur

Daniele F. Maras

« La Sapienza » Università di Roma - danielemaras@email.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org