Navigation – Plan du site
Régler l'usage : norme et standard dans l'Italie préromaine

Ancora sui sistemi ponderali in Etruria. Pesi di pietra dal territorio fiesolano

Adriano Maggiani

Résumés

La raccolta dei pesi, in pietra e in metallo, in uso in Etruria, operazione prodromica a una classificazione dei sistemi ponderali delle diverse città stato nelle diverse epoche, prosegue con lo studio di alcuni pesi in pietra provenienti da due abitati situati alla estrema periferia dello stato fiesolano : un primo gruppo di tre pesi proviene dal piccolo centro fortificato di Poggio La Croce, tra i territori di Fiesole e Arezzo ; il secondo dall’abitato di pianura individuato recentemente in loc. Gonfianti (Prato). I nuovi dati non sembrano rientrare in alcuna delle sequenze ponderali finora accertate.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Maggiani 2001.
  • 2 Hultsch 1862
  • 3 Cfr. ad es. sulla storia della questione Panvini Rosati 1982 ; anche Catalli 1998.

1Torno su un argomento che ho trattato più volte negli ultimi anni, da quando mi fu chiesto di partecipare alla bella mostra dal titolo Pondera organizzata dal Museo della bilancia di Campogalliano nel 20011. Quella è stata l’ occasione per me di scoprire un ambito di ricerca assai trascurato dagli studiosi, ovvero quello dell’individuazione delle unità ponderali in uso nelle diverse aree dell’Etruria antica. Nessuno scrittore antico accenna ai sistemi di misura degli Etruschi, e in particolare non vi sono notizie sui sistemi ponderali. Si sfoglierebbe invano la classica raccolta dello Hultsch2 alla ricerca di un accenno alla metrologia di questo popolo. Pertanto le nostre conoscenze sono affidate tutte al dato archeologico e numismatico. Mentre al problema della monetazione etrusca è stata rivolta grande attenzione, scarso interesse ha invece suscitato lo studio dei pesi, in pietra e in metallo che pure i grandi scavi del XIX sec. avevano cominciato a mettere a disposizione. In genere l’attenzione si è rivolta esclusivamente al campo della numismatica, con diversi tentativi di individuazione di unità ponderali legate alle emissioni, peraltro come è noto raramente sistematiche e di lungo periodo in Etruria, di serie monetali nei tre metalli3.

  • 4 Gamurrini 1890, c.162 sg.
  • 5 Cfr. sulla questione, Maggiani 2002, p. 163, nota 2.
  • 6 Gamurrini 1890, c.159. Cfr. Maggiani 2002, p. 173.
  • 7 Gamurrini 1890, loc. cit. ; Maggiani 2002, loc.cit.
  • 8 Gozzadini 1855, p. 23 ; anche Cattani 1995, p. 22.
  • 9 Cesano 1934, p. 90.
  • 10 Cesano 1934, p. 90 ; Romanelli 1948, p. 220 sg.
  • 11 Romanelli 1948, p. 266, n.82 e p. 270.

2Infatti, solo un breve articolo di G. F. Gamurrini del 1894 ha affrontato la questione, pubblicando due lingotti bronzei con marchio a cerchiello crociato rinvenuti a S. Casciano ai Bagni presso Chiusi, del peso rispettivamente di g. 212 e 250 ca.4 Sebbene i due lingotti (come certamente la bilancia edita contestualmente) siano probabilmente da riferire a età romana5, nel testo il Gamurrini dava notizia di altri due oggetti che hanno maggiori probabilità di rappresentare veri pesi etruschi, anche se di essi sono ignote le condizioni di rinvenimento e la cronologia : il primo era un peso già nella collezione Venuti di Cortona poi in quella Strozzi di Firenze, con marca 2 e peso g. 560, che darebbe una unità di g. 280 assai prossima a quella che ho definito libbra leggera (di g. 286,6)6 ; il secondo era conservato nel Museo Kircheriano : di forma ovoide, pesava g. 3577 ed era marcato sulle due facce piane con il numero 10, realizzato nella faccia superiore con il segno a croce, nell’inferiore con dieci punti ; in questo caso l’unità di misura risulta g. 357,7, vicinissima a quella che ho definito libbra pesante, calcolata a 358,1257.Mi sembra di notevole interesse che il Gozzadini, poco dopo la metà del XIX sec. menzionasse una libbra bolognese calcolata a g. 361, un valore molto vicino anch’esso a quello della mia libbra pesante8. Nel 1934 la Cesano9 studiava alcuni pesi di pietra trachitica verde rinvenuti in una cisterna relativa a un edificio situato al sommo della collina di Tarquinia, scavato lo stesso anno. Dei quattro pesi, in base al dato ponderale, tre mi sembrano riferibili al sistema della libbra romana ; il quarto però, con marca 10 (segno a croce) e peso di g. 2940 parrebbe presupporre una unità di g. 294 considerata dalla studiosa la libbra tarquiniese, un peso di quasi g. 6 eccedente quello della libbra leggera, che non trova riscontro nelle serie da me individuate10. Altri pesi di provenienza tarquiniese (forse dalla zona dell’Ara della Regina) furono pubblicati da P. Romanelli nel 1948 ; anche in questo caso soltanto un peso globulare e uno piriforme di calcare di g. 250 e 350 ca. rispettivamente possono essere avvicinati al dossier etrusco11.

  • 12 Cattani 1995.
  • 13 Cristofani 1996.

3Al di là di queste brevi note non conosco altri lavori dedicati specificamente all’argomento. Un vero e proprio colpo di timone si registra con l’importante edizione curata nel 1995 da Maurizio Cattani dei numerosi pesi di pietra rinvenuti a Marzabotto, databili tra VI e V sec., molti dei quali recano inciso il segno del valore12. L’accurato studio del Cattani ha portato alla definizione di un grafico nel quale si riscontra una concentrazione particolare intorno a g. 378-80, valore identificato dallo studioso con la cosiddetta libbra italico orientale dello Haeberlin. Negli anni novanta alcune importanti scoperte hanno portato nuova luce al problema. Nel 1996 M. Cristofani pubblicava l’importantissimo contrappeso da stadera, databile al IV sec. a.C., recante un’iscrizione di dedica a Rath e Turms (Apollon e Hermes) e il valore ponderale, rinvenuto in uno strato di scarico nel santuario etrusco in loc. S. Antonio a Cerveteri, identificato con il santuario di Hercle13.

  • 14 Rastrelli 1993.
  • 15 Cfr. ad es. i contrappesi da stadera di età romana, del peso di una libbra, dal Modenese, editi in (...)

4Più o meno contemporaneamente due contrappesi da stadera figurati erano stati scoperti in un altro scarico di santuario in loc. I Fucoli a Chianciano-Chiusi14. L’aumentata documentazione mi ha indotto nel 2002 a mettere insieme un corpus dei pesi etruschi conosciuti,sia da bilancia che da stadera, sia in pietra che in metallo, tentando di dedurne una possibile scala ponderale fondata esclusivamente sugli strumenti della pesatura. Come è noto, pesi da bilancia e contrappesi da stadera fanno riferimento a strumenti in parte diversi ; parrebbe pertanto a priori buon metodo tenerli distinti. Tuttavia, quanto si osserva in ambiente romano, dove i contrappesi da stadera sembrano spesso uguagliati alla libbra o ne rappresentano multipli o sottomultipli, mi sembrava potesse autorizzare l’uso indistinto delle due serie documentali15. Sulla base di questo materiale, cui ho aggiunto una serie di altri documenti, ho iniziato a elaborare delle tabelle nel tentativo di enucleare gli eventuali elementi di un sistema.

  • 16 Riferimenti in Maggiani 2002, p. 168 sg., n. 7, tav. XXVIII c.
  • 17 Maggiani 2009.

5Il risultato al quale sono giunto mi è sembrato di qualche interesse. Risultava infatti che la maggior parte dei pesi poteva essere organizzata in una sequenza razionale a partire da un peso minimo di riferimento di g. 5,731, pari alla metà del peso del dado di bronzo da me nel frattempo scoperto a Cerveteri, nel medesimo santuario dal quale proveniva quello edito da Cristofani ; un peso che corrispondeva puntualmente allo standard ritenuto dagli studiosi di numismatica di origine orientale e alla base della più antica monetazione dell’Etruria16. L’ultimo lavoro che ho dedicato all’argomento riguarda una serie di pesi provenienti da Vetulonia, che mi sembra abbia dato qualche utile spunto di discussione per la determinazione dei sistemi in uso tra età arcaica e età ellenistica in questa città dell’Etruria settentrionale17. Si trattava di un nucleo di pesi di pietra raccolto da Isidoro Falchi nel 1894 nell’area dell’abitato : alcuni presentavano marche di valore, altri, realizzati in serpentino, presentavano una lavorazione talmente accurata da poter essere considerati dei veri e propri pesi campione. Posti a confronto con i due pesi di piombo provenienti da siti arcaici del territorio vetuloniese, Rondelli e Pian d’Alma, rivelavano l’uso di tre diversi sistemi ponderali, probabilmente succedutisi nel tempo : un sistema basato su una unità di g. 343,95, attestata almeno dagli inizi del VI sec. a.C. (relitto del Giglio) ma probabilmente più antica, un secondo sistema basato su una unità di g. 315, finora attestato soltanto a Vetulonia, riferibile certamente alla fine del VI e agli inizi del V sec., e infine una unità di g. 286,625, da me chiamata libbra leggera, largamente attestata in tutta l’Etruria ; l’adozione di questo sistema dovette essere certamente posteriore al secondo standard usato a Vetulonia, perché il peso da Pian d’Alma, originariamente allineato con quel valore ponderale, ha subito in seguito un aggiustamento, con asportazione calibrata del metallo per allinearlo al nuovo valore. Ciò deve essere avvenuto nel corso del V sec. a.C., dato che la fattoria di Pian d’Alma viene abbandonata prima della fine del secolo (fig. 1).

Fig. 1 - Tabella delle unità ponderali riscontrate in Etruria (da Maggiani 2009).

Fig. 1 - Tabella delle unità ponderali riscontrate in Etruria (da Maggiani 2009).
  • 18 Colivicchi 2004, p. 138 sgg., nn. 440-456.

6Cito i risultati della mia ricerca sui pesi in uso a Vetulonia, perché ritengo che questa sia la via da seguire, ovvero l’indagine finalizzata a determinare i sistemi ponderali in uso nelle singole città stato e la loro variazione, se una ve ne fu, nella diacronia. Per arrivare però a questo risultato è necessario un certosino lavoro di raccolta dei dati, che certamente richiederà qualche tempo. Intorno a questo tema c’è infatti ancora una troppo scarsa consapevolezza ; lo dimostra ad es. il fatto che molti oggetti presenti in letteratura, passibili di essere identificati come pesi, sono spesso editi magari con buona documentazione figurata, corredati dai dati metrici, ma assolutamente privi di dati ponderali ; circostanza che li rende del tutto inutilizzabili per questo tipo di ricerca. Particolarmente deplorevole mi sembra il caso delle edizioni di scavo, realizzate con rigore e notevole impegno documentario, relative a contesti urbani o santuariali : cito, in aggiunta a quelli già rilevati dal Cattani, soltanto il caso della importante e monumentale pubblicazione del santuario di Gravisca, dove sono presentati ben diciotto oggetti di pietra passibili di essere stati utilizzati almeno in parte come pesi, soprattutto in virtù della forma o dei fori di sospensione, per i quali non è fornito alcun valor ponderale18. Oggetti che possono aver avuto anche una diversa utilizzazione (ad es. pesi da rete o da telaio) ma che, privi come sono di questo dato fondamentale, rimangono un grosso punto interrogativo.

Pesi di pietra da due siti del territorio di Fiesole

  • 19 Poggesi et alii 2005.

7Quanto intendo presentare in questa occasione si inserisce dunque in questo filone di ricerca, ovverosia la raccolta, sistematica quanto è possibile, di ulteriori documenti relativi a singoli contesti politico territoriali. Mi sono infatti occupato di pesi di pietra raccolti in alcuni contesti di scavo in centri che gravitano sul territorio di Fiesole (fig. 2). Si tratta di due importanti contesti archeologici, entrambi riferibili al periodo della città stato etrusca, dato che non vi è sovrapposizione di depositi di età romana. Il primo e certamente il più importante è costituito da una grande domus etrusca scavata a Gonfienti (Prato), edificata verso la fine del VI sec. e abbandonata probabilmente nel corso della seconda metà del V sec. Ricordo che la recente accurata esplorazione condotta dalla Soprintendenza sotto la direzione di G. Poggesi ha rivelato l’esistenza di un impianto urbano a struttura reticolare, la cui fondazione, avvenuta in età arcaica, ha comportato una contestuale imponente operazione di strutturazione del territorio circostante. Questa città fondata ha immediatamente richiamato per i suoi caratteri la struttura di Marzabotto, del resto situata all’altra estremità di una serie di percorsi di attraversamento dell’Appennino che debbono aver motivato l’origine del centro toscano19.

Fig. 2 - Territorio fiesolano. Sono indicati i due siti oggetto dell’indagine (da Cresci - Viviani 1991).

Fig. 2 - Territorio fiesolano. Sono indicati i due siti oggetto dell’indagine (da Cresci - Viviani 1991).
  • 20 Cresci 1991.

8Da questo edificio, quasi integralmente esplorato, proviene una serie di oggetti in pietra, tra i quali almeno quattro sono da considerare sicuri campioni ponderali in virtù della loro forma e del loro peso. Posso qui presentarli grazie alla generosità della dr.ssa G. Poggesi, che dirige questo importantissimo scavo. Il secondo complesso proviene da un insediamento fortificato di altura, Poggio La Croce (Comune di Radda in Chianti), un possibile avamposto fiesolano verso il territorio di Arezzo. Scavato alcuni anni fa sotto la direzione di Marzio Cresci, il sito ha restituito materiali databili tra la fine del V e il tardo III sec. a.C., oggi conservati nel museo di Castellina in Chianti20. Da questo sito provengono tre pesi interi e un quarto esemplare lacunoso.

Gonfienti (Prato)

  • 21 Poggesi et alii 2005, p. 270 sgg., tav. VIII-IX.

9Comincio dunque con i materiali da Gonfienti. La grande domus, la sola per il momento esplorata integralmente del grande complesso insediativo con struttura reticolare orientata, una sorta di Gegenstück di Marzabotto, all’origine dei percorsi transappenninici, è stata presentata recentemente al convegno di Bologna21, dedicato soprattutto alle nuove scoperte nell’area urbana di Marzabotto (fig. 3). Intorno a una grande corte centrale si organizzano diversi ambienti. Sulla strada a quanto pare si aprivano locali con caratteri di botteghe artigianali o commerciali. Alcuni dei pesi in pietra provengono proprio da questi ambienti. I pesi 1 e 2 sono stati rinvenuti nelle botteghe ai lati della porta di accesso. Il peso n.3 viene da un ambiente adiacente al vano che gli scavatori ritengono adibito a cucina. Il n. 4 proviene invece da un saggio in profondità praticato nell’area della strada che corre dinanzi all’ingresso. Mentre i tre pesi rinvenuti nel complesso abitativo saranno da riferire alla fase avanzata di vita della casa, intorno alla metà del V, il n. 4 deve essere ritenuto certamente più antico.

10I pesi rispondono a una diversificata tipologia e a diversi standard ponderali.

Fig. 3 - Gonfiienti (Prato). Domus tardo arcaica, con indicazione dei luoghi di rinvenimento dei pesi citati nel testo (da Poggesi et alii 2005).

Fig. 3 - Gonfiienti (Prato). Domus tardo arcaica, con indicazione dei luoghi di rinvenimento dei pesi citati nel testo (da Poggesi et alii 2005).

Gonfienti n. 1. Lotto 14. Scavo 2002. US 1001/1 (fig. 4-5)

11Peso in calcare bianco (alberese), di forma parallelepipeda lievemente irregolare. Superficie accuratamente levigata. Sulla parte superiore una fossetta circolare, certamente dovuta a una calibratura del peso operata sul confronto con un peso campione. Dimensione : 7,5 x 5,6 x 5,4. Piccolisima scheggiatura ad uno spigolo. Peso g. 574.

  • 22 Per Marzabotto, cfr. Cattani 1995, n. 53, tav. XI, 2-3 ; per Vetulonia, Maggiani 2009, p. 141, n. 6 (...)

12La forma a parallelepipedo si riscontra su alcuni esemplari in pietra da Marzabotto e in particolare sul bellissimo esemplare in serpentino da Vetulonia22. Mancano segni del valore. Ma il peso risulta straordinariamente vicino al valore di due unità da g. 286,625, lo standard ponderale da me definito libbra leggera. Infatti il valore teorico risulta pari a g. 573,250. La differenza con il peso misurato è di soli g. 0,750. La variazione del peso reale rispetto a quello teorico risulta dunque pari allo 0,13 % ; assolutamente trascurabile. Esso risulta in particolare uguale a 100 unità dello standard base di tutta la serie, di g. 5,7325 calcolato sulla base del bronzo di Cerveteri pari a 2 unità.

Gonfienti n. 3 Vano ovest 1 a sud del vano con dolii (fig. 9-10)

  • 23 Cfr. Cattani 1995, p. 21 sg. ; Maggiani 2002, p. 170, nota 17.

13Allineato alla stessa serie è probabilmente il peso in arenaria, ricomposto da due frammenti e lacunoso. H. 8,5 ; l.10,5 ; prof. 7,3. Peso g. 829. La sua forma è peculiare. Il ciottolo infatti presenta forma ovaleggiante ma con un lato accuratamente spianato e lisciato che doveva fungere da base. Il suo peso originale è stato calcolato adottando il sistema già utilizzato dal Cattani e anche da me nei miei precedenti lavori. Esso consiste nella pesatura dell’oggetto nel suo stato lacunoso e poi, mediante immersioni in acqua in un recipiente graduato nel calcolo del suo volume ; l’oggetto è poi integrato nelle sue lacune e di nuovo immerso in acqua, determinando in tal modo il volume dell’oggetto intero23. Su questa base è stato calcolato il peso che l’oggetto doveva avere nel suo stato originale. Esso risulta pari a g. 861. Si tratta verosimilmente anche in questi caso di un multiplo della medesima base ponderale del peso Gonfienti 1, ovverosia tre volte la libbra leggera. Lo scarto tra il peso calcolato e il peso teorico è in questo caso pari a circa +12 g, pari a 1,4 %.

Gonfienti n. 2 Lotto 14. Scavo 2004. US 1186 (fig. 6-8)

  • 24 Cattani 1995, p. 43, n. 12, tav. IV,1 ; n.14, tav. IV,2 ; n.15, tav.IV,4.
  • 25 Colivicchi 2004, p. 138 sgg., nn. 448-449.
  • 26 Cfr. infra, Poggio La Croce n. 2.

14Peso globulare in calcare bianco (alberese ?) con una calotta asportata e accuratamente spianata. Foro passante nella parte superiore attraverso il quale doveva essere inserita una funicella o un anello di presa. Diam. 6,4 ; h.5,5. Superficie fortemente incrostata. Terriccio entro il foro. Peso g. 363. Tenuto conto delle incrostazioni e del terriccio tale peso può essere ragguagliato alla base ponderale di g. 358,281 (standard VII), ossia quella che ho chiamato libbra pesante. La forma si ritrova identica a Marzabotto (con valori che variano da 364 a 368 g. )24 e forse a Gravisca25, nonché, come vedremo, nel sito di Poggio La Croce, con un valore assai più basso26.

Gonfienti n. 4 Lotto 14. US 1386/2 (fig. 11)

  • 27 A questi oggetti il cui carattere di pesi mi sembra certo, si può aggiungere almeno un altro piccol (...)

15Saggio sotto la strada. Disco di marmo, con forti scheggiature. Superfici levigate. Diam. 15,5 ; h. 6,7. Peso g. 2,931 Il peso calcolato è pari a g. 3444,45, pari a 10 unità di g. 344,45, identificabili nello standard VI, di g. 343,95. La differenza pari a +g. 0.50 mi sembra trascurabile27.

  • 28 Maggiani 2009, p. 144.

16Quale può dunque essere la sequenza dei pesi attestati a Gonfienti ? Erano essi in uso contemporaneamente o si susseguono nel tempo ? Lo standard di g. 343,95 (standard VI) oltre che attestato a Marzabotto, è noto, come detto, a Vetulonia28. Ho già sottolineato la sua vicinanza con la cosiddetta libbra italica. La sua antichità mi sembra sostenibile oltre che per il fatto di esser pari a sessanta volte il piede di g. 5,73 attestato dal bronzo di Cerveteri databile a prima della fine del VI sec. a.C., anche dal peso in piombo dal relitto del Campese, esattamente identico. La data alta pare confermata dalla giacitura stratigrafica dell’esemplare fiesolano, rinvenuto al di sotto della strada glareata certamente realizzata in connessione con la domus, e dunque riferibile a una fase anteriore alla fine del VI sec. a.C. Forse più recente è lo standard IV, quello della libbra leggera di g. 286,625. Un indizio potrebbe venire da Vetulonia, come ho sopra accennato. Meno facile è stabilire un rapporto di eventuale recenziorità rispetto al peso n. 2, pari alla libbra pesante di g. 358,281. Verosimilmente i due pesi furono in uso contemporaneamente, come sembra indicare la situazione stratigrafica dei nn.1-3. Parrebbe perciò prefigurarsi una sequenza con progressiva diminuzione dello standard ponderale da g. 343 (60 unità ; VI sec. a.C.) a g. 286 (50 unità ; seconda metà del V sec. a.C. ?) ; probabilmente il peso di g. 358 (pari 62,5 unità) fu usato contemporaneamente (a entrambi ?), probabilmente per altre merci.

Fig. 11 - Gonfienti. Peso n. 4.

Fig. 11 - Gonfienti. Peso n. 4.

Poggio La Croce (Radda in Chianti)

  • 29 Cresci - Viviani 1991, p. 23 sgg., con pianta alla fig. 3.

17Il sito di Poggio La Croce è un colle fortificato, nell’area più meridionale del territorio che gravita su Fiesole. Presenta una cinta muraria all’interno della quale sono stati individuati e parzialmente esplorati alcuni edifici (fig. 12) Il sito è caratterizzato da un intenso popolamento tra il V e l’inizio del III sec. a.C.29 Dagli strati connessi con l’ingresso alle mura provengono i pesi n.1 e 2 ; dagli strati di abbandono della casa 2, il peso n.4. Il peso n. 3 è stato raccolto in un’area fortemente disturbata.

Fig. 12 - Poggio La Croce (Radda in Chianti). Le strutture del castellum di età classica ed ellenistica, con indicazione del luogo di rinvenimento di alcuni pesi citati nel testo (da Cresci - Viviani 1991).

Fig. 12 - Poggio La Croce (Radda in Chianti). Le strutture del castellum di età classica ed ellenistica, con indicazione del luogo di rinvenimento di alcuni pesi citati nel testo (da Cresci - Viviani 1991).

Poggio La Croce n. 1 (fig. 13)

18Ciottolo calcareo (alberese) globulare con base piana, non perfettamente lisciata. Una depressione sulla calotta forse risultante da calibratura. L’oggetto è integro.

19Dim. : altezza cm 4,4 ; diam. cm 6,3.

20Peso g. 251,79. Il peso non trova un preciso confronto con nessuno degli standard finora individuati.

Fig. 13 - Poggio La Croce. Peso n. 1.

Fig. 13 - Poggio La Croce. Peso n. 1.

Poggio La Croce n. 2 (fig. 14)

21Pezzo lacunoso e non ricomponibile. Alberese. Due forellini comunicanti nella parte superiore. Dim. : altezza max. cons. cm 3,5 ; largh. max. cm 5,8.

22Peso g. 162,80.

23Quanto resta dell’oggetto consente un confronto puntuale con il precedente e con Gonfienti 2. Il peso originario non è determinabile con precisione.

Fig. 14 - Poggio La Croce. Peso n. 2.

Fig. 14 - Poggio La Croce. Peso n. 2.

Poggio La Croce n. 3 (fig. 15)

24Ciottolo di arenaria di forma ovoide. Su una faccia segno del valore : due tratti paralleli e un tratto trasversale. Superficie consunta ; nella parte inferiore piccola zona finemente scheggiata. Dim. : lungh. cm 11 ; largh. cm 8,6 ; spessore cm 5,7

25Peso g. 740.

  • 30 Cattani 1995, p. 50, n. 32, tav. VII, 4 ; Maggiani 2002, p. 175 sgg., tav. XXIX, c.

26Il segno inciso, che propongo di interpretare come 3 sulla base del confronto con un peso di Marzabotto30, lascia ipotizzare che il peso in arenaria sia pari a tre volte uno standard, che risulterebbe pari a g. 247 ca., cioè relativamente prossimo al peso n.1 (differenza -4,8), con una differenza di pochi grammi.

Fig. 15 - Poggio La Croce. Peso n. 3.

Fig. 15 - Poggio La Croce. Peso n. 3.

Poggio La Croce n. 4 (fig. 16)

27Peso in arenaria di forma allungata con foro passante nella parte superiore e tracce di escavazione su entrambe le facce probabilmente per allineare il peso su uno standard di riferimento.

28Dim. : lungh. cm 17,5 ; largh. 10,5

29Peso g. 1283.

30In questo caso non vi sono segni del valore e anche la natura di peso dell’oggetto non può dirsi certa. Tuttavia il peso potrebbe essere allineato con lo standard già individuato in ragione di un valore 5. Infatti otterremmo una unità pari a 256,6, tutto sommato prossima a quella del possibile valore base attestato dal peso Poggio La Croce 1, con una differenza di +g. 5 ca.

Fig. 16 - Poggio La Croce. Peso n. 4.

Fig. 16 - Poggio La Croce. Peso n. 4.
  • 31 Ciampoltrini - Catani - Millemaci 2006, p. 64, fig. 14 ; Maggiani 2009, p. 137, tav. XXXIII c.

31I pesi del sito di Poggio La Croce non trovano un immediato riscontro con la serie identificata a Gonfienti. Il peso di g. 252 circa non può neppure essere inserito nella scala ponderale da me costruita sulla base del valore unitario di g. 5.76. Essa però può essere eventualmente confrontata con il peso in pietra da Le Melorie, Valdera, Colline pisane di g. 12731. Il nostro infatti rappresenterebbe esattamente il doppio di quel valore (teorico g. 254 rispetto a 251,79 pesato) ; l’editore del peso da Le Melorie, G. Ciampoltrini, ha proposto di interpretarlo pari a un terzo del valore di g. 382,166, cioè della base ponderale maggiormente diffusa a Marzabotto, e denominata libbra italico -orientale. Seguendo questo spunto, si può pensare che la base ponderale attestata a Poggio La Croce sia pari a due terzi di questo piede, attestato a Marzabotto (Teorico g. 127,355 x 2 = g. 254,710. Differenza –g. 2,92 pari a 1,1 %).

32In ogni caso, se l’analisi che propongo dei pesi di Poggio La Croce può ritenersi corretta, si può osservare che la serie dei pesi è assolutamente coerente, per quanto priva di precisi riscontri ; i pesi infatti si succedono nella sequenza dei valori pari a 1, 3, 5.

  • 32 Cfr.ad es. Cresci - Viviani 1991, p. 16 sg., fig. 1. ;Maggiani 2008, p. 367, fig. 9.

33Da quanto osservato la serie di Poggio La Croce non appare commisurabile con quella di Gonfienti. Ciò sembra in contraddizione con la convinzione che le serie metrologiche, al pari della moneta o della scelta di un particolare tipo di scrittura, qualifichino una autorità statale. Se ne potrebbe anche dedurre una non pertinenza del sito al territorio di Fiesole, come è invece sembrato ragionevole a più studiosi32. La dimensione cronologica potrebbe non essere estranea a questo fenomeno. Mentre infatti i dati di Gonfienti appartengono a un orizzonte arcaico e di V sec., l’insediamento d’altura di Poggio La Croce conosce il momento più vivace della sua esistenza nel corso del IV sec.

  • 33 Posso riprodurre il peso da una fotografia gentilmente messa a mia disposizione dal dr. Marzio Cres (...)

34In ogni caso,la prosecuzione della ricerca in questo territorio può ancora fornire qualche sorpresa, consegnandoci nuovi monumenti. Ad es., dal sito di Salingolpe, prossimo a Castellina, le ricerche condotte da Francesco Nicosia negli anni sessanta avevano portato all’individuazione di uno splendido peso in pietra di grandi dimensioni, marcato 100, rimasto inedito, che non è stato ancora possibile rintracciare e studiare33 (fig. 17).

Fig. 17 - Salingolpe (Castellina in Chianti). Peso con segno 100. Disperso.

Fig. 17 - Salingolpe (Castellina in Chianti). Peso con segno 100. Disperso.

35Proviamo a tirare le fila da quanto finora detto. Soprattutto sulla base dei pesi marcati con segno del valore, vanno prendendo forma, anche se ancora molto faticosamente, alcune serie ponderali dotate di una certa coerenza interna e di ampia diffusione.

  • 34 Cfr. tabella in Maggiani 2009, p. 145.
  • 35 Maggiani 2009, loc. cit.

36Mi sembra possa definirsi un sistema decimale, con base a g. 5,73, e con standard pari a 1, 2, 5, 20, 25, 50, 55, 60, 62.5, 70 e 7534, entro il quale rientrano sia la libbra etrusca leggera (valore 50 dello standard, ossia g. 286,625) che la libbra italico orientale (valore 60 dello standard, ossia g. 343,95) e un sistema duodecimale, che è basato sulla cosiddetta libbra italica (pari a g. 382,166, con sottomultipli pari a 1/3 e a 2/3)35

37Esiste qualche caso nel quale la scelta dell’unità di misura, che pure può essere correlata con le sequenze ponderali di più ampia diffusione, appare prerogativa di una sola città, come nel caso dello standard di g. 315,2875, limitato per ora alla sola Vetulonia di età tardo arcaica, o addirittura di un solo vicus o castellum, come sembra essere il caso di Poggio la Croce, con lo standard ponderale teorico di g. 253,996, che corrisponde al valore 2/3 dell’unità del sistema duodecimale.

Un ponderarium arcaico a Cerveteri ?

  • 36 Cfr. ad es. Guarducci 1974, p. 547 sg.
  • 37 L’epigrafe è stata edita da Cristofani 1996 ; proposte di lettura diverse sono state formulate da M (...)
  • 38 E. Michon, s.v. Ponderarium, in DarSa IV, p. 547-548, p. 547 ; Schneider 1952, c. 2425.
  • 39 Maggiani - Rizzo 2005, p. 179 sg., fig. 5.

38Vorrei concludere volgendomi a Cerveteri e a quello che appare come uno dei santuari più importanti della città, identificato in loc. S. Antonio (fig. 18). Da lì proviene il peso pubblicato da M. Cristofani, che reca una lunga iscrizione non tutta perspicua, ma nella quale riconosciamo due dedicatari, Turms (gr. Hermes ) e Rath (probabilmente gr. Apollon), divinità legate alla pesatura, l’uno perché considerato inventore della bilancia, l’altro certamente ad essa connesso come attestano le dediche di pesi che gli vengono fatte in Grecia36 ; un dedicante Vel Ucs figlio di un Luvchmes ; la menzione della città (methlum) e di un luogo sacro a Hercle (matani hercles) ; la misura del peso, pari a due unità e mezzo, cioè due libbre leggere e mezzo ; due personaggi nei quali mi piacerebbe riconoscere magistrati preposti al controllo dei pesi dello stato ; e infine una data espressa con lo zilacato di Larth Nulathe37. Una serie di dati eccezionali che fanno pensare alle non molte iscrizioni latine su oggetti legati alla pesatura, che menzionano i magistrati responsabili, e il luogo dove si conservava l’oggetto controllato, molto spesso un santuario. Nel mondo romano il luogo dove si conservavano i pesi controllati, i pesi-campione, si chiama ponderarium38. La complessa iscrizione del peso di Cerveteri fa pensare che esso dovesse essere ospitato in un edificio di questo genere. Se però per il grosso peso in questione non possiamo formulare alcuna ipotesi sull’edificio cui poteva appartenere, dato che esso è stato rinvenuto fuori del contesto del santuario vero e proprio, qualcosa di più possiamo forse affermare per il secondo peso campione rinvenuto nel medesimo sito. Lo scavo dell’area antistante il grande tempio A aveva messo in luce, già nelle prime campagne, i resti molto compromessi di una piccola struttura edilizia, ricostruibile come una piccola casa a tre vani paralleli, del tipo ben noto nell’Etruria tardo-orientalizzante e arcaica (fig. 19). Nel 2000 fu individuata, alle spalle dell’edificio, una scala scavata nel tufo che adduceva a un ambiente ipogeo, cantina o cisterna39. L’edificio venne coinvolto nella pesante ristrutturazione che alla fine del VI sec. portò alla monumentalizzazione del santuario L’edificio fu completamente distrutto e i materiali residuali furono scaricati nel vano della scala di accesso all’ambiente ipogeo. Il materiale ivi rinvenuto appartiene al VI sec., e non alla sua parte estrema. Il peso di bronzo giaceva nella parte inferiore della scala. Esso dunque riceve dalla sua giacitura stratigrafica una datazione, anteriore alla fine del VI e un indizio per la sua originaria probabile pertinenza all’edificio distrutto. Quale era la natura di questo piccolo edificio che in scala assai modesta ripete la tipologia di famose tombe ceretane, come quella « degli scudi e delle sedie » ? Abitazione dei sacerdoti, collegati al tempio proto-A ? Eventuale thesauròs ? La scoperta del piccolo peso di bronzo, e la constatazione dell’importanza che i pesi hanno avuto nella vita del santuario mi spingono a suggerire che in questo piccolo edificio trovasse posto anche quello che potremmo definire un ponderarium etrusco arcaico.

Fig. 18 - Cerveteri, località S. Antonio. Il santuario etrusco in età arcaica (da Rizzo 2009).

Fig. 18 - Cerveteri, località S. Antonio. Il santuario etrusco in età arcaica (da Rizzo 2009).

Fig. 19 - Cerveteri. Santuario in località S. Antonio. Piccolo edifico arcaico (da Maggiani - Rizzo 2005)

Fig. 19 - Cerveteri. Santuario in località S. Antonio. Piccolo edifico arcaico (da Maggiani - Rizzo 2005)
Haut de page

Bibliographie

Catalli 1998 = F. Catalli, Monete etrusche, Roma, 1998.

Cattani 1995 = M. Cattani, Il sistema monetale di Marzabotto, in AnnIstItNum, 42, 1995, p. 21-79.

Cattani 2001 = M. Cattani, I pesi in pietra in Etruria Padana, in Pondera, p. 80-94.

Cesano 1934 = S. L. Cesano, in Atti e memorie dell’Istituto Italiano di Numismatica, VIII, 1934, p. 88-98.

Ciampoltrini - Catani - Millemaci 2006 = G. Ciampoltrini, E. Catani, G. Millemaci, Montacchita e Le Melorie : apogeo e crisi di un sistema di insediamenti, in G. Ciampoltrini (a cura di), Gli Etruschi della Valdera. Forme dell’insediamento fra VII e V sec. a.C., S. Giuliano Terme, 2006, p. 47-66.

Colivicchi 2004 = F. Colivicchi, Gravisca. Scavi nel santuario greco. I materiali minori, Bari, 2004.

Cresci - Viviani 1991 = M. Cresci, L. Viviani, Lo scavo dell’insediamento fortificato d’altura in località Poggio La Croce a Radda in Chianti, Guida alla Mostra, Radda in Chianti, 1991.

Cristofani 1996 = M. Cristofani, Aequipondium etruscum, in Due testi dell’Italia antica, QuadAEI, 25, 1996, p. 39-54.

Gamurrini 1890 = G. F. Gamurrini, Della libbra etrusca, in MAL, I, 1890, cc.157-166.

Gozzadini 1855 = G. Gozzadini, Di un sepolcreto etrusco scoperto presso Bologna, Bologna, 1855.

Guarducci 1974 = M. Guarducci, Epigrafia greca, Roma, 1974.

Hultsch 1862 = F. Hultsch, Griechische und römische Metrologie, Berlino, 1862.

Maggiani 2001 = A. Maggiani, Pesi e bilance in Etruria, in Pondera, p. 67-74.

Maggiani 2002 = A. Maggiani, La libbra etrusca. Sistemi ponderali e monetazione, in StEtr, LXV-LXVIII, 2002, p. 163-202.

Maggiani 2008 = A. Maggiani, Oppida e castella. La difesa del territorio, in La città murata in Etruria, Pisa Roma, 2008, p. 355-371.

Maggiani 2009 = A. Maggiani, La libbra etrusca. Addenda, in StEtr, LXXII, 2007, p. 135-147.

Maggiani - Rizzo 2005 = A. Maggiani, M. A. Rizzo, Cerveteri. Le campagne di scavo in località Vigna Parrocchiale e S. Antonio, in Dinamiche di sviluppo delle città nell’Etruria meridionale, Pisa-Roma, 2005, p. 175-184.

Maras 2009 = D. F. Maras, Il dono votivo. Gli dei e il sacro nelle iscrizioni etrusche di culto, Pisa, 2009.

Panvini Rosati 1982 = F. Panvini Rosati, Note di numismatica etrusca, La monetazione etrusca in rapporto alla monetazione magno-greca e siceliota, in Aparchai. Nuove ricerche e studi sulla Magna Grecia e la Sicilia antica in onore di P. E. Arias, Pisa, 1982, p. 284-290.

Poggesi et alii 2005 = G. Poggesi, Prato-Gonfienti : un nuovo centro etrusco sulla via per Marzabotto, in G. Sassatelli et E. Govi (ed.)., Culti, forma urbana e artigianato a Marzabotto. Nuove prospettive di ricerca, Bologna, p. 267-300.

Pondera = C. Corti, N. Giordani (ed.), Pondera. Pesi e misure nell’antichità, Campogalliano, 2001.

Rastrelli 1993 = A. Rastrelli, Scavi e scoperte nel territorio di Chianciano Terme : l’edificio sacro di Fucoli, in La civiltà di Chiusi e del suo territorio, Pisa-Roma, 1993, p. 463-476.

Rizzo 2009 = M. A. Rizzo, Scavi e ricerche nell’area sacra di S. Antonio a Cerveteri, in Mediterranea, V, 2008, p. 91-120.

Romanelli 1948 = P. Romanelli, Tarquinia. Scavi e ricerche nell’area della città, in NSc, 1948, p. 193-270.

Schneider 1952 = K. Schneider, s.v. Ponderarium, in RE, 42, 1952.

Haut de page

Notes

1 Maggiani 2001.

2 Hultsch 1862

3 Cfr. ad es. sulla storia della questione Panvini Rosati 1982 ; anche Catalli 1998.

4 Gamurrini 1890, c.162 sg.

5 Cfr. sulla questione, Maggiani 2002, p. 163, nota 2.

6 Gamurrini 1890, c.159. Cfr. Maggiani 2002, p. 173.

7 Gamurrini 1890, loc. cit. ; Maggiani 2002, loc.cit.

8 Gozzadini 1855, p. 23 ; anche Cattani 1995, p. 22.

9 Cesano 1934, p. 90.

10 Cesano 1934, p. 90 ; Romanelli 1948, p. 220 sg.

11 Romanelli 1948, p. 266, n.82 e p. 270.

12 Cattani 1995.

13 Cristofani 1996.

14 Rastrelli 1993.

15 Cfr. ad es. i contrappesi da stadera di età romana, del peso di una libbra, dal Modenese, editi in Pondera, p. 339 sgg, nn. 4-8.

16 Riferimenti in Maggiani 2002, p. 168 sg., n. 7, tav. XXVIII c.

17 Maggiani 2009.

18 Colivicchi 2004, p. 138 sgg., nn. 440-456.

19 Poggesi et alii 2005.

20 Cresci 1991.

21 Poggesi et alii 2005, p. 270 sgg., tav. VIII-IX.

22 Per Marzabotto, cfr. Cattani 1995, n. 53, tav. XI, 2-3 ; per Vetulonia, Maggiani 2009, p. 141, n. 6, tav. XXXIV b, fig.4.

23 Cfr. Cattani 1995, p. 21 sg. ; Maggiani 2002, p. 170, nota 17.

24 Cattani 1995, p. 43, n. 12, tav. IV,1 ; n.14, tav. IV,2 ; n.15, tav.IV,4.

25 Colivicchi 2004, p. 138 sgg., nn. 448-449.

26 Cfr. infra, Poggio La Croce n. 2.

27 A questi oggetti il cui carattere di pesi mi sembra certo, si può aggiungere almeno un altro piccolo oggetto di forma sub cilindrica con foro di sospensione, che pesa g. 121. La forma atipica, e il modesto stato di conservazione consigliano di tenere a parte l’oggetto, che potrebbe anche aver avuto una funzione diversa.

28 Maggiani 2009, p. 144.

29 Cresci - Viviani 1991, p. 23 sgg., con pianta alla fig. 3.

30 Cattani 1995, p. 50, n. 32, tav. VII, 4 ; Maggiani 2002, p. 175 sgg., tav. XXIX, c.

31 Ciampoltrini - Catani - Millemaci 2006, p. 64, fig. 14 ; Maggiani 2009, p. 137, tav. XXXIII c.

32 Cfr.ad es. Cresci - Viviani 1991, p. 16 sg., fig. 1. ;Maggiani 2008, p. 367, fig. 9.

33 Posso riprodurre il peso da una fotografia gentilmente messa a mia disposizione dal dr. Marzio Cresci.

34 Cfr. tabella in Maggiani 2009, p. 145.

35 Maggiani 2009, loc. cit.

36 Cfr. ad es. Guarducci 1974, p. 547 sg.

37 L’epigrafe è stata edita da Cristofani 1996 ; proposte di lettura diverse sono state formulate da Maggiani 2002 e da Maras 2009.

38 E. Michon, s.v. Ponderarium, in DarSa IV, p. 547-548, p. 547 ; Schneider 1952, c. 2425.

39 Maggiani - Rizzo 2005, p. 179 sg., fig. 5.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Tabella delle unità ponderali riscontrate in Etruria (da Maggiani 2009).
Titre Fig. 2 - Territorio fiesolano. Sono indicati i due siti oggetto dell’indagine (da Cresci - Viviani 1991).
Titre Fig. 3 - Gonfiienti (Prato). Domus tardo arcaica, con indicazione dei luoghi di rinvenimento dei pesi citati nel testo (da Poggesi et alii 2005).
Titre Fig. 4-6 - Gonfienti. Peso n. 1.
Titre Fig. 7-8 - Gonfienti. Peso n. 3.
Titre Fig. 9-10 - Gonfienti. Peso n. 2.
Titre Fig. 11 - Gonfienti. Peso n. 4.
Titre Fig. 12 - Poggio La Croce (Radda in Chianti). Le strutture del castellum di età classica ed ellenistica, con indicazione del luogo di rinvenimento di alcuni pesi citati nel testo (da Cresci - Viviani 1991).
Titre Fig. 13 - Poggio La Croce. Peso n. 1.
Titre Fig. 14 - Poggio La Croce. Peso n. 2.
Titre Fig. 15 - Poggio La Croce. Peso n. 3.
Titre Fig. 16 - Poggio La Croce. Peso n. 4.
Titre Fig. 17 - Salingolpe (Castellina in Chianti). Peso con segno 100. Disperso.
Titre Fig. 18 - Cerveteri, località S. Antonio. Il santuario etrusco in età arcaica (da Rizzo 2009).
Titre Fig. 19 - Cerveteri. Santuario in località S. Antonio. Piccolo edifico arcaico (da Maggiani - Rizzo 2005)
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Adriano Maggiani, « Ancora sui sistemi ponderali in Etruria. Pesi di pietra dal territorio fiesolano », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 124-2 | 2012, mis en ligne le 25 juillet 2013, consulté le 30 mars 2017. URL : http://mefra.revues.org/795 ; DOI : 10.4000/mefra.795

Haut de page

Auteur

Adriano Maggiani

Università Ca’ Foscari, Venise - maggiani@unive.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org